Feeds:
Articoli
Commenti

Quando sei triste, un amico ti apre il cuore e vi getta manciate di luce”, recita un aforisma di Fabrizio Caramagna.

 

Ebbene il prezioso aiuto delle persone a noi più care nel farci superare i momenti difficili e anche il dolore fisico è stato confermato dalla scienza: gli amici sarebbero addirittura meglio della morfina!

Già da tempo si parlava di questa possibilità ma adesso una nuova ricerca dell’Università britannica di Oxford ha confermato che gli amici aiutano a sopportare meglio il dolore e a tenere lontana la depressione.

Tutto ciò è possibile perché, quando siamo in loro compagnia, vengono liberate molte endorfine, sostanze utili a farci provare sensazioni di benessere, gratificazione e a regolare l’umore.

C’è quindi un collegamento tra comparsa della depressione, minor livello di endorfine e pochi amici? A detta di Katerina Johnson, coordinatrice dello studio, la risposta potrebbe essere affermativa:

“I risultati sono interessanti anche perché una recente ricerca suggerisce che il circuito delle endorfine può essere interrotto nei disturbi come la depressione e questo potrebbe spiegare anche perché le persone depresse spesso fanno una vita socialmente più ritirata”.

L’esperimento su cui si è basato lo studio, pubblicato su Scientific Reports, si è svolto in maniera molto semplice. Per prima cosa i ricercatori hanno fatto compilare un questionario ai 101 volontari (tra i 18 e i 34 anni) nel quale ciascuno doveva specificare gli aspetti principali delle sue relazioni sociali. Successivamente tutti sono stati sottoposti ad un piccolo test del dolore che consisteva nello stare in una posizione molto scomoda (posizione di squat con schiena dritta contro il muro) per tutto il tempo in cui si riusciva a resistere.

Si è visto così che, proprio coloro che avevano più amici, erano anche quelli che resistevano meglio e più a lungo, mostrando così una sopportazione del dolore simile a quella che si ha assumendo morfina.

Gli amici, dunque (la scienza lo conferma), sono dei veri e propri antidolorifici naturali, non resta che approfittarne!

 

FONTE: Greenme (Francesca Biagioli)

 

(ENGLISH VERSION)

“When you are sad, a friend opens your heart and throws you handfuls of light”, says an aphorism by Fabrizio Caramagna.

Well the precious help of the people most dear to us in getting us through difficult times and even physical pain has been confirmed by science: friends would be even better than morphine!

This possibility has been talked about for some time but now new research by the British University of Oxford has confirmed that friends help to better withstand pain and keep depression away. All this is possible because, when we are in their company, many endorphins are released, substances useful for us to experience feelings of well-being, gratification and to regulate mood.
Also read: freccia HOW TO STIMULATE THE ENDORPHINS IN A NATURAL WAY TO BE BETTER?
Is there therefore a connection between the appearance of depression, lower levels of endorphins and few friends? According to Katerina Johnson, study coordinator, the answer could be yes:

“The results are also interesting because recent research suggests that the endorphin circuit can be interrupted in disorders such as depression and this could also explain why depressed people often make a socially more retired life.”

The experiment on which the study was based, published in Scientific Reports, was carried out in a very simple manner. First, the researchers had a questionnaire filled out by 101 volunteers (between 18 and 34) in which each had to specify the main aspects of his social relations. Then all were subjected to a small pain test which consisted of staying in a very uncomfortable position (squat position with a straight back against the wall) for as long as it was possible to resist.

Thus we have seen that, precisely those who had more friends, were also those who resisted better and longer, thus showing a tolerance of pain similar to that which one has when taking morphine.
Friends, then (science confirms it), are real natural painkillers, you just have to take advantage of it!

 

SOURCE: Greenme (Francesca Biagioli)

L’origano è un’antica erba medicinale e culinaria che contiene alcune delle più alte proprietà antiossidanti nel regno vegetale. È un’ottima fonte di vitamina A, vitamina C, vitamina K, complesso B, potassio, calcio, ferro e magnesio.

Ha potenti proprietà antisettiche, antibatteriche, antivirali e antifungine che si sono dimostrate altamente benefiche nel trattamento di raffreddori, influenza, infezioni virali, disturbi respiratori, indigestione, problemi di stomaco e mestruazioni dolorose.

L’origano è noto per rimuovere i veleni dal corpo e disintossicare l’intero sistema linfatico.

Può anche aiutare a rafforzare il tratto digestivo ed espellere il gas intrappolato dall’intestino alleviando gli effetti del gonfiore e del disagio addominale. È anche noto per aiutare a bilanciare il metabolismo e rafforzare gli organi centrali del corpo.

L’olio essenziale di origano è uno degli oli antimicrobici più potenti disponibili e svolge un lavoro incredibile nel disinfettare l’aria di casa e dell’ufficio.

Metti alcune gocce di olio essenziale in un diffusore per aromaterapia per proteggerti da infezioni contagiose da virus e raffreddore.

Le fenomenali capacità antivirali dell’origano hanno dimostrato in laboratorio di produrre un tasso di mortalità del 99% contro lo pneumoniato di streptococco che è alla base di molti tipi di infezioni polmonari e della gola. L’olio di origano è anche un ottimo rimedio contro il mal di denti. L’origano aggiunto all’acqua del bagno è estremamente benefico per la pelle e può aiutare a trattare i dolori reumatici e le infezioni della pelle.

L’origano fresco è un’erba facile da coltivare al chiuso durante l’inverno. Prova ad aggiungere origano fresco tritato a insalate, zuppe e salsa di pasta. Può anche essere trasformato in una tisana da sorseggiare durante il giorno. L’olio di origano può anche essere trovato in forma di tintura, estratto o capsula online o nel tuo negozio di alimenti naturali.

FONTE: Medical Medium

 

(ENGLISH VERSION)

Oregano is an ancient medicinal and culinary herb that contains some of the highest antioxidant properties in the plant kingdom. It is an excellent source of vitamin A, vitamin C, vitamin K, B-complex, potassium, calcium, iron, and magnesium. 

It has powerful antiseptic, antibacterial, antiviral, and antifungal properties that have been shown to be highly beneficial in the treatment of colds, flu, viral infections, respiratory ailments, indigestion, stomach problems, and painful menstruation. Oregano is known to remove poisons from the body and detox the entire lymphatic system. 

It can also help to strengthen the digestive tract and expel trapped gas from the intestines easing the effects of bloating and abdominal discomfort. It is also known to help balance the metabolism and strengthen the core organs of the body. Essential oil of Oregano is one of the most potent antimicrobial oils available and does an incredible job at disinfecting your home and office air. 

Place a few drops of essential oil in a aromatherapy diffuser to help protect yourself from contagious cold and viral infections. Oregano’s phenomenal anti-viral abilities have been shown in laboratory to produce a 99% kill rate against Streptococcus pneumoniate which is behind many kinds of lung and throat infections. Oil of oregano is also an excellent toothache remedy. Oregano added to your bath water is highly beneficial to the skin and can help to treat rheumatic pains as well as skin infections. 

Fresh oregano is an easy herb to grow indoors during the winter. Try adding fresh chopped oregano to your salads, soups, and pasta sauce. It can also be made into an herbal tea to be sipped on throughout the day. Oregano oil can also be found as a tincture, extract, or capsule form online or at your local health food store.

 

SOURCE: Medical Medium

All’inizio della primavera, la depurazione coi rimedi naturali giusti libera il sangue da grassi, scorie e acidi urici, facilitando il lavoro di fegato e reni.

 

Il fegato e i reni sono le principali sedi dell’energia metabolica, “spazzini” del sangue e fondamentali filtri dei liquidi presenti nel corpo. In questo periodo dell’anno, questi organi hanno bisogno di un surplus di energia per funzionare a pieno regime. Come aiutarli? Con un lavoro di depurazione a 360 gradi: bisogna alleggerirli dai grassi, dagli accumuli di zuccheri, dagli acidi urici, ma anche dai residui delle tossine accumulate in inverno con i cibi in eccesso, i batteri, i virus e il carico eccessivo di farmaci, come gli antibiotici. Il loro accumulo impedisce alle cellule di fegato e reni di rigenerarsi e ne alterano la funzionalità. Ecco una giornata tipo dedicata al drenaggio e alla depurazione.

La depurazione inizia la mattina, con il goji

Dal Tibet e dalla Cina arrivano le bacche di goji, che in oriente si usano per tonificare fegato e reni. Sono ricche di germanio, di particolari antiossidanti, chiamati LBP, di vitamina C, che facilita l’assorbimento del ferro, e di vitamine del gruppo B, che aumentano la sintesi di serotonina e favoriscono un buon sonno. La mattina, a colazione, consuma un cucchiaino colmo di bacche di goji con uno yogurt naturale parzialmente scremato. Se preferisci, bevi un misurino di succo di goji puro o diluito in acqua naturale.

A metà mattina, una spremuta di pompelmo elimina le scorie

Il pompelmo ha un leggero retrogusto amarognolo, che stimola la produzione di bile e accelera lo smaltimento di grassi e tossine. In più, apporta la vitamina C, antiossidante, e il limonene, un olio essenziale che rende più alcalino il sangue e aiuta l’organismo a espellere gli acidi urici. A metà mattina, bevi una spremuta di pompelmo fresca (vanno bene sia i pompelmi rosa che quelli gialli), senza aggiungere zucchero.

Prima di pranzo, ci vuole la giusta depurazione del sangue

Fai preparare in farmacia una soluzione di tinture madri di tarassaco, fumaria e carciofo in parti uguali: assumi 30 gocce di questo mix diluite in un grande bicchiere di acqua naturale 10 minuti prima di pranzo. Più acqua bevi insieme alle erbe, e meglio è: l’acqua ha un’eccezionale azione “lavante” sul fegato ma anche su reni, sangue e intestino. Queste stesse erbe, da sole o insieme ad altre piante epatoprotettive e detossinanti come il boldo e il rafano, si trovano combinate in integratori in fiale (che trovi in farmacia ed erboristeria), da prendere con acqua prima di pranzo.

Fai un bagno all’elicriso per una depurazione profonda dei tessuti

Grazie ai suoi principi attivi (soprattutto flavonoidi), l’elicriso è un valido alleato nella disintossicazione del fegato e del sangue. L’azione depuratrice di questo fiore è anche sfruttata per trattare dermatiti, orticarie e psoriasi. L’elicriso svolge un’importante attività di drenaggio tissutale: oltre a purificare la bile, libera il fegato dalle tossine ed elimina gli ingorghi linfatici, spesso favoriti da uno stato di affaticamento del sistema renale. Con i fiori d’elicriso si prepara un olio essenziale (che trovi in erboristeria). Sciogline 10-15 gocce nell’acqua calda della vasca e resta in immersione 15 minuti prima di andare a letto. Al termine del bagno, diluisci altre 5 gocce di olio essenziale di elicriso in un cucchiaino di olio di mandorle dolci e fai un massaggio in corrispondenza del fegato e dei reni.

Prima di dormire, completa la depurazione con questo infuso

Fai predisporre in erboristeria una miscela con tutte le erbe indicate qui sotto in parti uguali e metti 3 pizzichi del mix in una tazza d’acqua da 250 ml; fai sobbollire per 5 minuti, filtra e bevi. La tisana esiste anche già pronta in pratici filtri.

  • Arancio amaro: demolisce l’eccesso di trigliceridi
  • Betulla: aumenta la diuresi e riduce i ristagni
  • Liquirizia: combatte aerofagia e acidità
  • Menta: regolarizza gli zuccheri nel sangue
  • Curcuma: regolarizza le secrezioni biliari

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

At the beginning of spring, purification with the right natural remedies frees the blood from fats, waste and uric acids, facilitating the work of the liver and kidneys.

The liver and kidneys are the main sites of metabolic energy, “scavengers” of the blood and fundamental filters of the liquids present in the body. At this time of year, these organs need a surplus of energy to run at full capacity. How to help them? With a 360-degree purification work: you need to lighten them from fats, sugar accumulations, uric acids, but also toxin residues accumulated in winter with excess foods, bacteria, viruses and excessive drug load like antibiotics. Their accumulation prevents the liver cells and kidneys from regenerating and altering their functionality. Here is a typical day dedicated to drainage and purification.

Purification begins in the morning, with goji

Goji berries come from Tibet and China, which are used in the East to tone the liver and kidneys. They are rich in germanium, particular antioxidants, called LBP, vitamin C, which facilitates the absorption of iron, and B vitamins, which increase the synthesis of serotonin and promote good sleep. In the morning, for breakfast, consume a heaping teaspoon of goji berries with a partially skimmed natural yogurt. If you prefer, drink a scoop of pure goji juice or diluted in plain water.

In mid-morning, a grapefruit juice eliminates the waste

Grapefruit has a slight bitter aftertaste, which stimulates the production of bile and accelerates the disposal of fats and toxins. In addition, it provides vitamin C, an antioxidant, and limonene, an essential oil that makes the blood more alkaline and helps the body excrete uric acids. In mid-morning, drink a fresh grapefruit juice (both pink and yellow grapefruits are fine), without adding sugar.

Before lunch, it takes the right blood purification

Make a solution of dandelion, smoke and artichoke mothers tinctures in a pharmacy: take 30 drops of this mix diluted in a large glass of natural water 10 minutes before lunch. The more water you drink together with the herbs, the better it is: the water has an exceptional “washing” action on the liver but also on the kidneys, blood and intestines. These same herbs, alone or together with other hepatoprotective and detoxifying plants such as boldo and horseradish, can be found combined in supplements in vials (found in pharmacies and herbal medicine), to be taken with water before lunch.

Take a helichrysum bath for deep tissue purification

Thanks to its active ingredients (especially flavonoids), helichrysum is a valid ally in detoxification of the liver and blood. The purifying action of this flower is also used to treat dermatitis, urticaria and psoriasis. Helichrysum has an important activity of tissue drainage: in addition to purifying bile, it frees the liver from toxins and eliminates lymphatic congestion, often favored by a state of fatigue in the renal system. With the helichrysum flowers an essential oil is prepared (which you find in herbal medicine). Splash 10-15 drops into the hot water of the tub and stay immersed for 15 minutes before going to bed. At the end of the bath, dilute 5 more drops of helichrysum essential oil in a teaspoon of sweet almond oil and massage into the liver and kidneys.

Before sleeping, complete the purification with this infusion

Make a mixture with all the herbs indicated below in equal parts and prepare 3 pinches of the mix in a 250 ml cup of water; simmer for 5 minutes, filter and drink. The herbal tea also exists ready in practical filters.

  • Bitter orange: demolishes the excess of triglycerides
  • Birch: increases diuresis and reduces stagnation
  • Licorice: fights aerophagia and acidity
  • Mint: regularizes blood sugar
  • Turmeric: regularizes bile secretions

 

SOURCE: Riza

In Colombia la donna protagonista dello studio presentava un alto grado di patologia amiloide cerebrale, un segno distintivo della malattia . Tuttavia non aveva i sintomi associati alla malattia.

 

Il gene anti Alzheimer è stato isolato nel DNA di una donna colombiana. E’ la ‘mutazione’ chiamata APOE3ch che per almeno tre decenni ha protetto la donna a rischio Alzheimer, a causa di una predisposizione genetica alla malattia molto diffusa in Colombia e che porta ad ammalarsi intorno ai 40 anni.

Si tratta di una rara modifica genetica grazie alla quale anche se nel cervello della donna vi era accumulo della sostanza tossica beta-amiloide legata all’Alzheimer, il suo cervello è risultato in grado di resistere ai danni indotti da questa sostanza e i sintomi della malattia sono comparsi solo tardivamente.

E’ il caso di studio riferito sulla rivista Nature Medicine da Yakeel Quiroz del Massachusetts General Hospital di Boston.

“Questo singolo caso apre le porte a nuovi trattamenti che, piuttosto che agire sulla causa stessa della malattia, conferiscano resistenza alla demenza”, dichiara Quiroz.

La donna è stata individuata tra oltre 6 mila colombiani ad alto rischio di Alzheimer proprio per una predisposizione genetica.

In Colombia è molto diffusa una mutazione chiamata E280A a carico del gene Prenesilina 1. Questa mutazione conferisce un rischio di Alzheimer precoce con esordio dei sintomi già a 40 anni. Gli esperti hanno però scoperto la donna che, pur avendo questa mutazione svantaggiosa, non ha manifestato i sintomi della malattia se non da ultrasettantenne.

Il team di Yakeel Quiroz del Massachusetts General Hospital di Boston (Usa) e Joseph Arboleda-Velasquez dell’Harvard Medical School di Boston hanno capito che la donna è stata protetta da qualche altro fattore. Indagando nel suo DNA gli scienziati hanno scoperto infatti la mutazione APOE3ch, anche detta ChristChurch dalla città neozelandese dove fu isolata la prima volta. La donna aveva due copie della mutazione protettiva nel suo DNA e il suo cervello risultava protetto da neurodegenerazione e da accumulo di ammassi neurofibrillari tossici (implicati nell’Alzheimer).

“Questo studio rivela un meccanismo naturale di protezione contro l’Alzheimer – commenta Michele Vendruscolo dell’Università di Cambridge. Si tratta di un processo molecolare capace di frenare la malattia impedendo l’accumulo di ammassi neurofibrillari anche in presenza di depositi significativi di placche di beta-amiloide. Se il risultato sarà confermato, sarà rilevante traslare tale meccanismo in ambito farmacologico”, conclude.

FONTE: Salute della Repubblica

 

(ENGLISH VERSION)

degree of cerebral amyloid pathology, a hallmark of the disease. However he did not have the symptoms associated with the disease.

 

The anti-Alzheimer’s gene has been isolated in the DNA of a Colombian woman. It is the ‘mutation’ called APOE3ch which for at least three decades has protected the woman at risk of Alzheimer’s, due to a genetic predisposition to the disease very common in Colombia and which leads to getting sick around the age of 40.

It is a rare genetic modification thanks to which even if in the brain of the woman there was accumulation of the beta-amyloid toxic substance linked to Alzheimer’s, her brain was able to resist the damages induced by this substance and the symptoms of the disease are appeared only late.

This is the case study reported in the journal Nature Medicine by Yakeel Quiroz of Massachusetts General Hospital in Boston. “This single case opens the door to new treatments that, rather than acting on the cause of the disease, confer resistance to dementia,” says Quiroz.

The woman was identified among over 6 thousand Colombians at high risk of Alzheimer’s because of a genetic predisposition. In Colombia there is a widespread mutation called E280A against the Prenesilina 1 gene. This mutation confers an early Alzheimer’s risk with onset of symptoms already at 40 years. However, the experts discovered the woman who, despite having this disadvantageous mutation, did not show the symptoms of the disease unless she was over seventy.

The team of Yakeel Quiroz of Massachusetts General Hospital in Boston (USA) and Joseph Arboleda-Velasquez of the Harvard Medical School in Boston understood that the woman was protected by some other factor. Investigating his DNA, the scientists discovered the APOE3ch mutation, also known as ChristChurch from the New Zealand city where it was first isolated. The woman had two copies of the protective mutation in her DNA and her brain was protected from neurodegeneration and accumulation of toxic neurofibrillary clusters (implicated in Alzheimer’s).

“This study reveals a natural mechanism of protection against Alzheimer’s disease – comments Michele Vendruscolo of the University of Cambridge. It is a molecular process capable of curbing the disease by preventing the accumulation of neurofibrillary clusters even in the presence of significant deposits of plaques of beta-amyloid. If the result is confirmed, it will be relevant to translate this mechanism into a pharmacological environment, “he concludes.

 

SOURCE: Salute della Repubblica

Gli spuntini è fondamentale per la guarigione. Se il livello di zucchero nel sangue scende e le riserve di glucosio del fegato sono basse o inesistenti come la maggior parte delle persone (per saperne di più sul perché ciò accada e su come puoi guarire, puoi leggere Medical Medium Liver Rescue:

Risposte a Eczema, Psoriasi, Diabete, Strep, Acne , Gotta, gonfiore, calcoli biliari, stress surrenalico, affaticamento, fegato grasso, problemi di peso, SIBO e malattia autoimmune, le tue ghiandole surrenali saranno costrette a produrre adrenalina in eccesso per compensare — l‘adrenalina corrosiva che logora le ghiandole surrenali e affatica il tuo fegato e nervoso

Se hai già una malattia o un sintomo cronico, come acne, eczema, reflusso acido, gonfiore, aumento di peso, problemi alla tiroide, diabete, fibromialgia, sclerosi multipla, dipendenze, disturbi alimentari, fibromi, cisti, dolore mestruale, emicrania, condizioni autoimmuni, sindrome di Raynaud, Parkinson, endometriosi, perdita di capelli e perdita di capelli, una condizione autoimmune o qualsiasi altra malattia o sintomo cronico, le ghiandole surrenali hanno bisogno di un supporto così l’adrenalina non viene rilasciata che potrebbe peggiorare i sintomi o portarne di nuovi.

Mangiando uno spuntino o un pasto nutriente ogni una volta e mezza o due ore che contenga il giusto equilibrio di glucosio, sodio e potassio di cui il tuo corpo ha bisogno, puoi evitare che i livelli di zucchero nel sangue inducano le ghiandole surrenali a riempire e rilasciare adrenalina.

A sua volta, si salvano le ghiandole surrenali e anche il fegato e il pancreas e si evita che l’adrenalina corrosiva e tossica causi più problemi. Gli spuntini surrenali sui cibi giusti possono metterti sulla strada giusta per la guarigione.

Guarda questo video per vedere dieci esempi di snack che puoi gustare ogni una volta e mezza o due ore per sostenere le ghiandole surrenali ogni giorno. Sono alimenti semplici e facili da imballare in modo da poterli portare con te o farli preparare per giornate impegnative.

10 snack per la salute delle ghiandole surrenali

1. Mela, sedano e datteri
2. Arancia, avocado e spinaci
3. Datteri, banana e lattuga romana
4. Acqua di cocco, banana e spinaci
5. Pera, mache e frutti di bosco
6. Frutti di bosco, miele e succo di sedano
7. Mele, datteri e cavoli
8. Uva, banana e lattuga a foglia rossa
9. Cavolfiore, mela e cetriolo
10. Anguria con succo di lime e succo di sedano sul lato

Scopri di più sui poteri curativi nascosti di frutta e verdura nel libro best-seller n. 1 del New York Times

 

FONTE: Medical Medium

 

(ENGLISH VERSION)

Grazing is critical to healing. If your blood sugar drops and your liver’s glucose reserves are low to nonexistent like most people’s are (for more on why this happens and how you can heal, you can read Medical Medium Liver Rescue: Answers to Eczema, Psoriasis, Diabetes, Strep, Acne, Gout, Bloating, Gallstones, Adrenal Stress, Fatigue, Fatty Liver, Weight Issues, SIBO & Autoimmune Disease, your adrenals are going to be forced to produce excess adrenaline to compensate—corrosive adrenaline that wears out your adrenals and strains your liver and nervous system. If you’re already experiencing a chronic illness or symptom, such as acne, eczema, acid reflux, bloating, weight gain, thyroid problems, diabetes, fibromyalgia, multiple sclerosis, addictions, eating disorders, fibroids, cysts, menstrual pain, migraines, autoimmune conditions, Raynaud’s syndrome, Parkinson’s, endometriosis, hair thinning and loss, an autoimmune condition, or any other chronic illness or symptom, your adrenals need support so unnecessary adrenaline isn’t being released that could worsen your symptoms or bring on new ones.

By eating a nourishing snack or meal every one and a half to two hours that contains the right balance of the glucose, sodium and potassium your body needs, you can prevent the blood sugar dips that force your adrenals to fill in and release adrenaline. In turn, you save your adrenals, and also your liver and pancreas and prevent corrosive, toxic adrenaline from causing you more problems. Adrenal snacking on the right foods can put you on the true path to healing.

Watch this video to see ten examples of snacks you can enjoy every one and a half to two hours to support your adrenals every day. They are simple and easy to pack foods so you can take them with you or have them prepared for busy days.

10 Adrenal Health Snacks

1. Apple, celery and dates
2. Orange, avocado and spinach
3. Dates, banana and romaine lettuce
4. Coconut water, banana and spinach
5. Pear, mache and berries
6. Berries, honey and celery juice
7. Apples, dates and kale
8. Grapes, banana and red leaf lettuce
9. Cauliflower, apple and cucumber
10. Watermelon with lime juice and celery juice on the side

Learn more about the hidden healing powers of fruits & vegetables in the #1 New York TimesBest-Selling book Life-Changing Foods

 

SOURCE: Medical Medium

Sono stato un fan delle bacche selvatiche da quando mi sono divertito a raccoglierle da bambino nel Maine con Spirit che mi raccontava delle loro proprietà curative da scoprire e quali potevo mangiare in sicurezza e quali evitare.

 

Fortunatamente, non è necessario vivere fuori in campagna o vicino ai boschi per avere accesso ai frutti di bosco oggi. È molto probabile che il tuo supermercato locale venda mirtilli selvatici congelati, che sono il cibo più curativo su questo pianeta, e potrebbe anche vendere altri tipi di bacche selvatiche dipendenti dall’area del mondo in cui vivi.

Incredibilmente, i mirtilli selvatici diventano ancora di più potente quando congelato. Ma prima, è essenziale sapere perché le bacche selvatiche sono così importanti in primo luogo. Una ragione importante è perché sono ricoperti da elevati biotici: microrganismi che sostituiscono qualsiasi probiotico sul mercato, sul suolo o sul laboratorio nato.

Questi microrganismi elevati esistono su prodotti biologici non lavati quando crescono, quindi quando mangi una bacca selvatica, una mela, una foglia di cavolo o qualsiasi altra cosa che raccogli direttamente dalla pianta o subito dopo che è stata raccolta, prenderai questi microrganismi critici di cui tutti abbiamo bisogno. I benefici di questi microrganismi sono infiniti, quindi se stai lottando con una condizione specifica o sei interessato agli effetti dell’invecchiamento, le bacche selvatiche appena raccolte fanno al caso tuo. Diamo prima un’occhiata a cosa fanno i biotici elevati.

Biotici elevati

Scoperti dalla scienza e dalla ricerca medica, i biotici elevati sono capaci di prodezze sorprendenti. Questi microrganismi aggirano l’acido cloridrico nello stomaco, così come la bile e i sali biliari nel duodeno e nell’intestino tenue, per trovare la loro strada nell’ileo, situato alla fine dell’intestino tenue, dove possono stabilirsi e fare il lavoro di mantenere vive le tue cellule. In poche parole, i biotici elevati hanno significativi poteri di ringiovanimento. Ciò significa che avresti potuto consumare una manciata di bacche selvatiche dieci anni fa e che l’elevata biotica di quelle bacche è ancora viva e ti dà dei calci nell’intestino. Il motivo per cui è così vitale che nell’ileo sono presenti elevati biotici è che aiutano l’organismo a produrre B12. Stai già prendendo un integratore B12? È ancora fondamentale che il tuo corpo abbia questi microrganismi affinché il tuo integratore funzioni. I biotici elevati sono responsabili dell’attivazione del tuo integratore B12, come premere un interruttore. Senza di loro, stai essenzialmente buttando via i tuoi integratori. Quasi tutti oggi sono carenti di B12, compresi quelli che vengono testati per i livelli di B12 e i test dimostrano che sono nella gamma normale o alta. Condivido il motivo per cui ciò accade nel mio libro, Life-Changing Foods. Storicamente, era la norma mangiare frutta, verdura ed erbe appena raccolte dal campo, dal giardino o nella natura allo stato selvaggio, quindi le persone stavano ottenendo livelli più elevati di biotici elevati. Fa parte del motivo per cui problemi cerebrali, disturbi digestivi, malattie autoimmuni e così tante altre malattie croniche erano molto meno comuni nelle epoche precedenti.

Con i biotici elevati presenti nel tratto digestivo, il tuo corpo può anche combattere SIBO, fermare lo streptococco e ridurre il reflusso acido. Inoltre, H.pylori e altri tipi di batteri non possono sopravvivere nello stomaco o nell’intestino quando sono presenti i potenti microrganismi presenti su bacche selvatiche e altre piante organiche non lavate.

Mirtilli selvatici e altre varietà di bacche

Mentre tutti i frutti di bosco sono incredibilmente densi di nutrienti e benefici, i mirtilli selvatici sono il cibo numero uno della centrale elettrica. Con immense proprietà curative, i fitochimici di queste bacche (anche non scoperti dalla scienza) agiscono come magneti per attrarre metalli pesanti tossici e trasportarli fuori dal cervello e dal fegato e rimuoverli dal corpo. Sono particolarmente efficaci se consumati insieme agli altri quattro alimenti nel Medical Medium Heavy Metal Detox protocol.

Non preoccuparti, tuttavia, se non riesci a mettere le mani sui mirtilli selvatici. Gelsi, fragoline di bosco, bacche di tiglio, uva spina e lamponi neri selvatici, solo per citarne alcuni, sono anche estremamente ricchi di nutrienti e pieni di alcuni aminoacidi e antiossidanti ancora inesplorati dalla scienza e dalla ricerca medica. Quando ero più giovane, portavo a casa secchi pieni di gelsi dagli alberi di gelso che crescevano vicino a casa mia e li congelavo. Sorprendentemente, gli antiossidanti nelle bacche selvatiche non diminuiscono quando vengono congelati. Se ti stai chiedendo di cosa trattano le bacche selvatiche che le rendono così nutrienti, la risposta è nei loro vari pigmenti, dove sono particolarmente presenti antiossidanti e aminoacidi. Se hai mai tagliato o spremuto bacche selvatiche fresche, probabilmente avrai notato che hanno sanguinato viola scuro o rosso. Questo è un indicatore di quanto siano ricchi di nutrienti. Le loro pelli profondamente pigmentate danno loro il loro incredibile potere curativo. Il loro contenuto di nutrienti incredibilmente elevato li rende particolarmente efficaci nella rimozione di tossine e metalli pesanti dal corpo, che i virus come il virus Epstein-Barr, l’herpes zoster e altri virus si nutrono. Potresti anche aver notato che le bacche coltivate, o bacche che non sono selvatiche, sono meno sature di pigmenti, il che significa che sono anche meno sature di sostanze nutritive.

Le bacche selvatiche, in particolare i mirtilli selvatici, sono i frutti più adattabili del pianeta, sopravvissuti alla siccità, al freddo e alle inondazioni, quindi ci sono migliaia di anni di informazioni uniche che riposano all’interno di ogni pianta – e nessuna bacca è la stessa. Inoltre, i microrganismi presenti nelle bacche selvatiche sono una razza diversa di biotico elevato rispetto a quelli che vivono su altri tipi di bacche, rendendoli più potenti, ma ciò non significa che dovresti smettere di mangiare bacche normali. Se coltivare o raccogliere bacche selvatiche non è una possibilità in cui vivi o non puoi accedere a bacche selvatiche congelate, hai ancora opzioni. Puoi usare una polvere di mirtilli selvatici, che è un’incredibile aggiunta a qualsiasi dieta. Inoltre, ci sono diversi ibridi e varietà vegetali che non sono selvatici e, alla fine della giornata, qualsiasi bacca è decisamente migliore di nessuna bacca. Selvatico o no, controlla le bacche al mercato dei tuoi agricoltori locali. Ci sono sicuramente lamponi, more e mirtilli offerti in estate che sono anche pieni di molte meravigliose proprietà curative. Ognuno offre vantaggi unici. Puoi leggere di più sulle proprietà curative dei mirtilli selvatici in particolare e delle bacche in generale negli alimenti che cambiano la vita.

Antiossidanti

Gli antiossidanti sono presenti in tutti i frutti, ma quelli che si trovano nelle bacche selvatiche sono particolarmente potenti, in grado di fermare il processo di ossidazione. Le cellule si ossidano, o si rompono e muoiono, per veleni e tossine. Potresti già essere a conoscenza dei radicali liberi, che l’industria medica e della bellezza proclamano essere una grande minaccia, ma questo è un termine generalizzato per le cellule e le tossine danneggiate che il tuo corpo produce. Non copre l’host di altre tossine che assorbiamo da detergenti, detersivi, deodoranti, prodotti chimici per moquette, fumi di scarico, metalli e così via. Inoltre, ci ossidiamo dai patogeni presenti nel corpo che alimentano e quindi espellono neurotossine e dermatossine, una verità che la scienza e la ricerca medica non conoscono ancora. Quasi tutti oggi hanno almeno un patogeno nel loro corpo.

È importante capire cosa stai affrontando – questi tipi di veleni sono ovunque – ma per fortuna, le bacche hanno antiossidanti che ci proteggono da queste tossine. Come funziona esattamente? L’ossidazione si verifica quando le tossine a cui siamo esposti o ereditiamo dalle nostre linee familiari (che è una delle ragioni per cui un bambino può essere molto malato) danneggiano i nostri tessuti e strutture cellulari, avvelenando e uccidendo le nostre cellule. Nel cervello, ad esempio, i metalli pesanti provocano lo sporco, la morte e l’esplosione delle sostanze chimiche dei neurotrasmettitori. Potresti provare questo come la annebbiamento mentale dei sintomi frustrante e talvolta debilitante.

Inoltre, questi metalli alimentano virus come Epstein-Barr (EBV), che è responsabile di malattie autoimmuni come Hashimoto, lupus, sindrome da affaticamento cronico, sclerosi multipla, eczema e altro. Ancora una volta, anche questo non è noto alla scienza e alla ricerca. Per saperne di più sull’EBV e su come sta influenzando la salute di milioni di persone, dai un’occhiata al mio libro, Thyroid Healing.. Inoltre, stai invecchiando sempre più velocemente se questa morte cellulare sta avvenendo nel tuo corpo e non stai mangiando i cibi giusti (pensa alle bacche selvatiche e agli altri alimenti curativi che elencherò nei miei libri) per contrastare questo processo e aiuta il tuo corpo a riprodurre le cellule.

Il mito sullo zucchero della frutta

Ci sono molte diete salutari alla moda che allontanano i clienti dalla maggior parte dei frutti ma incoraggiano il consumo di bacche perché sono a basso contenuto glicemico. La quantità di bacche consentite su queste diete, tuttavia, è generalmente minima. Consumare solo una manciata o due di bacche alla settimana non farà il lavoro di lotta contro l’invecchiamento interno. Gli zuccheri naturalmente presenti nella frutta sono particolarmente benefici per il cervello. Non devi aver paura della frutta. Ripeto, non devi aver paura della frutta. Come spiegato sopra, la frutta è ricca degli antiossidanti necessari per aiutare a combattere le malattie e l’invecchiamento. Se sei preoccupato per lo zucchero nella frutta o ti è stato detto di evitare la frutta, è fondamentale leggere il mio articolo e ascoltare il mio programma radiofonico su Fruit Fear. È fondamentale per la tua salute e il tuo futuro che tu faccia spazio nella tua dieta per la frutta.

Il tuo corpo ha bisogno degli antiossidanti nei frutti, in particolare quelli che si trovano nelle bacche selvatiche, al fine di eliminare gli ossidanti e impedire alle cellule di deteriorarsi. La verità sconosciuta è che le cellule del tuo corpo non ricevono nutrienti, minerali o vitamine senza zucchero. Non sto parlando di zuccheri trasformati e raffinati, ma soprattutto dello zucchero naturale nella frutta e anche di cibi ricchi di carboidrati come patate, patate dolci e zucche invernali. Se ti stai privando della frutta, il tuo corpo corre su vecchie riserve di zucchero dal cervello e dal fegato. Ciò significa che le tue cellule non sono in grado di assorbire nuovi nutrienti.

Perché? Perché le cellule del tuo corpo si aprono per ricevere vitamine e minerali solo quando sono attaccate agli zuccheri naturali. Come bonus extra, gli zuccheri nella frutta, specialmente nelle bacche selvatiche, contengono naturalmente vitamine, antiossidanti, sostanze fitochimiche e tracce di minerali. Se stai seguendo una dieta a basso contenuto di frutta o minimale e prendi anche integratori, le tue cellule non saranno in grado di assorbire completamente i nutrienti nei tuoi integratori. I nutrienti negli alimenti e negli integratori devono entrambi essere legati agli zuccheri naturali come quelli presenti nella frutta per essere adeguatamente assorbiti. Queste sono informazioni che non troverai da nessun’altra parte perché non sono state ancora scoperte dalla scienza.

Andando avanti

Sei mai andato a raccogliere bacche? Semplicemente stare all’aperto e toccare le bacche ricalibrano la pressione sanguigna e guariscono l’anima. Quei ricordi agiscono anche come piccole meditazioni che portano guarigione quando ci ripensi. E poi mangiarli quotidianamente o il più spesso possibile porta una moltitudine di benefici curativi. Prova a cercare tutte le bacche selvatiche o le bacche coltivate che puoi. Mangiali a colazione o merenda, aggiungi succhi di frutta, frullati, insalate, salse, condimenti e dessert. Porta il frullato detox heavy metal che è così importante per tutti. Questi sono tutti modi meravigliosi per gustare le bacche.

Per ulteriori idee, cerca “bacche” sul mio blog e troverai molte deliziose ricette. Leggi le loro molte proprietà curative qui e in Life-Changing Foods e poi pensa a ciò che hai letto mentre mangi le tue bacche. Ciò amplifica ulteriormente i loro benefici. Potresti anche prendere una lezione di erbe o di foraggiamento per conoscere le bacche o parlare con qualcuno che può identificare i rovi commestibili in modo da poter sfruttare tutte le bacche che crescono nella tua zona. Il passo più importante è iniziare a mangiarli il più spesso possibile in modo da poter raccogliere il loro potere curativo.

FONTE: Medical Medium

 

(ENGLISH VERSION)

I have been a fan of wild berries since I enjoyed picking them as a child in Maine with Spirit telling me about their undiscovered healing properties and which ones I could eat safely and which to avoid. Fortunately, you do not have to live out in the country or near the woods to have access to wild berries today. It’s quite likely that your local supermarket sells frozen wild blueberries, which are the most healing food on this planet, and it could also sell other types of wild berries dependent on which area of the world you live in. Incredibly, wild blueberries become even more powerful when frozen. But first, it is essential that you know why wild berries are so important in the first place. One important reason is because they are covered with elevated biotics—microorganisms that supersede any probiotic on the market, soil or lab born. These elevated microorganisms exist on unwashed organic produce when it’s growing, so when you eat a wild berry, apple, leaf of kale or anything else that you pick straight from the plant or soon after it has been harvested, you’ll be taking in these critical microorganisms we all need. The benefits of these microorganisms are infinite, so whether you are struggling with a specific condition or concerned with the effects of aging, freshly picked wild berries are for you. Let’s first take a closer look at what elevated biotics do.

Elevated Biotics

Undiscovered by medical science and research, elevated biotics are capable of amazing feats. These microorganisms bypass the hydrochloric acid in your stomach, as well as your bile and the bile salts in your duodenum and small intestine, to find their way into your ileum, located at the end of your small intestine, where they can settle in and do the work of keeping your cells alive. Simply put, elevated biotics have significant rejuvenating powers. This means that you could have consumed a handful of wild berries ten years ago and the elevated biotics from those berries are still alive and kicking in your gut. The reason it is so vital that elevated biotics are present in the ileum is that they help the body to produce B12. Are you already taking a B12 supplement? It is still crucial that your body has these microorganisms in order for your supplement to work. Elevated biotics are responsible for activating your B12 supplement, like flipping a switch. Without them, you are essentially throwing your supplements away. Almost everyone today is deficient in B12, including those who get tested for B12 levels and the tests show they are in the normal or high range. I share why this happens in my book, Life-Changing Foods. Historically, it was the norm to eat fruits, vegetables, and herbs fresh-picked from the field, garden, or wild, so people were getting higher levels of elevated biotics. It’s part of why brain issues, digestive disturbances, autoimmune disease, and so many other chronic illnesses were much less common in previous eras.

With elevated biotics present in your digestive tract, your body can also fight off SIBO, stop strep in its tracks, and reduce acid reflux. Additionally, H.pylori and other types of bacteria cannot survive in your stomach or intestines when the powerful microorganisms found on wild berries and other organic, unwashed plants are present.

Wild Blueberries and Other Berry Varieties

While all wild berries are incredibly nutrient dense and beneficial, wild blueberries are the number one powerhouse food. With immense healing properties, the phytochemicals in these berries (also undiscovered by science) act like magnets to attract toxic heavy metals and carry them out of the brain and liver and remove them from the body. They are especially effective when eaten along with the other four foods in the Medical Medium Heavy Metal Detox protocol.

Do not worry, however, if you are unable to get your hands on wild blueberries. Mulberries, wild strawberries, linden berries, gooseberries, and wild black raspberries, to name a few, are also extremely rich in nutrients and full of certain amino acids and antioxidants still unexplored by medical science and research. When I was younger, I took home buckets full of mulberries from the mulberry trees that grew near my house and froze them. Remarkably, the antioxidants in wild berries do not diminish when they are frozen. If you’re wondering what it is about wild berries that makes them so nutrient dense, the answer is in their various pigments, which is where antioxidants and amino acids are especially present. If you have ever cut or squeezed fresh wild berries, you have probably noticed that they have bled dark purple or red. This is one indicator of just how packed full of nutrients they are. Their deeply pigmented skins give them their incredible healing power. Their incredibly high nutrient content makes them especially effective at removing toxins and heavy metals from the body, which viruses like Epstein-Barr virus, shingles, and other viruses feed off. You may also have noticed that cultivated berries, or berries that are not wild, are less saturated with pigments—meaning that they are also less saturated with nutrients.

Wild berries, specifically wild blueberries, are the most adaptable fruit on the planet, having survived drought, cold, and floods, so there are thousands of years of unique information resting inside each plant—and no one berry is the same. Plus, the microorganisms in wild berries are a different breed of elevated biotic to those living on other types of berries, making them more potent, but this does not mean that you should stop eating regular berries. If growing or picking wild berries is not a possibility where you live or you can’t access frozen wild berries, you still have options. You can use a wild blueberry powder, which is an incredible addition to any diet. Also, there are several plant hybrids and varieties that are not wild, and, at the end of the day, any berry is definitely better than no berries at all. Wild or not, check out the berries at your local farmers’ market. There are bound to be raspberries, blackberries, and blueberries on offer in the summer that are also full of many wonderful healing properties. Each offers unique benefits. You can read more about the healing properties of wild blueberries specifically and berries in general in Life-Changing Foods.

Antioxidants

Antioxidants are present in all fruits, but those found in wild berries are especially powerful, capable of stopping the process of oxidation. Cells oxidize, or breakdown and die, from poisons and toxins. You might already be aware of free radicals, which the medical and beauty industries proclaim to be a large threat, but this is a generalized term for damaged cells and toxins that your body produces. It does not cover the host of other toxins that we take in from cleaners, detergents, air fresheners, carpet chemicals, exhaust fumes, metals, and so on. We also oxidise from pathogens present in the body that feed and then excrete neurotoxins and dermatoxins, a truth that medical science and research do not yet know. Almost everyone today has at least one pathogen inside their body.

It is important to understand what you are up against—these types of poisons are everywhere—but fortunately, berries have antioxidants that protect us from these toxins. How exactly does it work? Oxidation happens when the toxins that we are exposed to or inherit from our family lines (which is one reason why a baby can be very sick) damage our tissues and cell structures, ultimately poisoning and killing our cells. In the brain, for example, heavy metals cause neurotransmitter chemicals to get dirty, die, and explode. You might experience this as the frustrating and sometimes debilitating symptom brain fog. In addition, these metals feed viruses such as Epstein-Barr (EBV), which is responsible for autoimmune diseases like Hashimoto’s, lupus, chronic fatigue syndrome, multiple sclerosis, eczema, and more. Again, this is also not known by science and research. To find out more about EBV and how it is affecting the health of millions of people, check out my book, Thyroid Healing. On top of all of this, you are also aging faster and faster if this cell death is happening in your body and you are not eating the right foods (think wild berries and the other healing foods I list in my books) to counteract this process and help your body reproduce cells.

The Myth About Fruit Sugar

There are many trendy health diets out there that ward customers off of most fruits but encourage the consumption of berries because they are low glycemic. The quantity of berries allowed on these diets, however, is usually minimal. Consuming only a handful or two of berries a week will not do the job of combating internal aging. The sugars naturally present in fruit are particularly beneficial for the brain. You do not need to be afraid of fruit. I repeat, you do not need to be afraid of fruit. As explained above, fruit is packed with the antioxidants needed to help fight disease and aging. If you are concerned about the sugar in fruit or have been told to avoid fruit, it is vital that you read my article and listen to my radio show on Fruit Fear. It’s critical for your health and future that you make room in your diet for fruit.

Your body needs the antioxidants in fruit, especially those found in wild berries, in order to get oxidants out and stop cells from decaying. The undiscovered truth is, the cells in your body do not receive nutrients, minerals, or vitamins without sugar involved. I’m not talking about processed and refined sugars, but the natural sugar in fruit especially and also carbohydrate rich foods like potatoes, sweet potatoes, and winter squashes. If you are depriving yourself of fruit, your body is running on old sugar reserves from your brain and liver. What this means is that your cells are unable to absorb any new nutrients. Why? Because the cells in your body only open up to receive vitamins and minerals when they are attached to natural sugars. As an extra bonus, the sugars in fruit, especially in wild berries, naturally contain vitamins, antioxidants, phytochemicals, and trace minerals. If you are on a no-fruit or minimal fruit diet and also take supplements, your cells won’t be able to fully absorb the nutrients in your supplements. The nutrients in foods and supplements both need to be bound to natural sugars like those found in fruit in order to be properly absorbed. This is information that you will not find anywhere else because it hasn’t yet been discovered by science.

Moving Forward

Have you ever been berry picking? Simply being outdoors and touching berries recalibrates your blood pressure and heals the soul. Those memories also act as small meditations that bring healing when you think back on them. And then eating them daily or as often as possible brings a multitude of healing benefits. Try to seek out any wild berries or cultivated berries that you can. Have them for breakfast or a snack, add to juices, smoothies, salads, dips, dressings, and desserts. Bring in the heavy metal detox smoothie which is so important for everyone. These are all wonderful ways to enjoy berries. For more ideas, search “berries” on my blog and you’ll find many delicious recipes. Read about their many healing properties here and in Life-Changing Foods and then think about what you’ve read as you eat your berries. This will amplify their benefits even more. You could also take an herbal or foraging class to learn about berries, or talk to someone who can identify edible brambles so you can take advantage of any berries that grow in your area. The most important step is to start eating them as often as possible so you can reap their healing power.

 

SOURCE: Medical Medium

La spirulina è spesso considerata la più nutrizionalmente completa di tutti gli alimenti e ha innumerevoli usi come integratore per mantenere una buona salute e prevenire le malattie.

 

Questo perché contiene una grande quantità di importanti nutrienti e antiossidanti, tra cui proteine, carboidrati complessi, ferro e vitamine A e K, oltre al complesso B.

È anche ricco di clorofilla, acidi grassi e nucleici e lipidi.

La spirulina è ricca di acido gamma-linolenico o GLA, un composto presente nel latte materno che aiuta a sviluppare bambini più sani.

La migliore fonte di beta-carotene

La spirulina fornisce una profusione di carotenoidi come il migliore carotene e le xantofille gialle. In effetti, la spirulina è l’alimento più ricco di beta-carotene. Il beta-carotene presente nella spirulina è dieci volte più concentrato delle carote.

Ricca in ferro

Il ferro è essenziale per costruire un forte sistema interno, ma è una delle carenze minerali più comuni (lo zinco è il più comune). La spirulina è ricca di ferro, magnesio e minerali in traccia ed è più facile da assorbire rispetto agli integratori di ferro. Dieci grammi di spirulina possono fornire fino al 70% del fabbisogno giornaliero minimo di ferro.

Ricco di proteine

Circa il 60% del peso secco della spirulina è costituito da proteine, che nella forma in cui si trova all’interno della spirulina, sono essenziali per la crescita e la rigenerazione cellulare. È un buon sostituto per carne grassa e latticini.

Costruttore di flora benefica

La spirulina sopprime i batteri cattivi come l’E. Coli e stimola la flora benefica come il lattobacillo e la bifidobactria nel tratto digestivo per promuovere una digestione sana e una corretta funzione intestinale.

La flora sana è una delle basi della buona salute. Aumenta la capacità del corpo di assorbire i nutrienti dagli alimenti che mangiamo e aiuta a proteggere dalle infezioni.

Disintossicante

La spirulina ha una composizione completamente unica di fitonutrienti, tra cui clorofilla, ficocianina e polisaccaridi, che possono aiutare a eliminare le tossine dal corpo. Nel 1994, è stato assegnato un brevetto russo per la spirulina, ritenendolo un alimento medico per ridurre le reazioni allergiche da malattie da radiazioni. Questo è stato il risultato di 270 bambini a Chernobyl che hanno consumato cinque grammi al giorno per 45 giorni. I radionucleidi sono stati ridotti del 50% e le sensibilità allergiche sono state normalizzate.

Critico per la rimozione di metalli pesanti tossici

La spirulina è essenziale per rimuovere metalli pesanti come mercurio, alluminio, piombo, cadmio e rame tossico dal fegato, dal sistema riproduttivo, dal tratto intestinale, dalla tiroide e dal cervello. Sbarazzarsi di questi metalli elimina alcuni dei cibi preferiti dai virus, che sono alla base di molte malattie e sintomi cronici, comprese le malattie autoimmuni.

Se consumati entro 24 ore l’uno dall’altro, il succo di erba d’orzo in polvere, spirulina, coriandolo, mirtilli selvatici e Atlantic Dulse rappresentano il metodo più efficace sul pianeta per rimuovere i metalli pesanti. Ciascuno di questi alimenti ha i suoi punti di forza singolari, svolgendo ruoli leggermente diversi nel processo di disintossicazione.

Durante il processo di rimozione, i metalli possono essere “lasciati cadere” o dispersi negli organi, a quel punto un altro membro del team entrerà in picchiata, afferrerà il metallo e continuerà il viaggio verso il traguardo. Lo chiamo “passa la palla”. Di per sé, ogni singolo giocatore non è efficace al 100%; come squadra, sono la tua arma segreta di metallo anti-pesante!

Importante per qualsiasi malattia cronica e sintomi

La spirulina è un integratore importante per chiunque abbia qualche malattia o sintomo cronico o per chiunque desideri aiutare a prevenire malattie o sintomi in futuro. Come condiviso ne libro “Medical Medium”, guarigione della tiroide e salvataggio del fegato, spirulina:

  • Aiuta a ripristinare il tessuto cerebrale e ricostruisce il sistema nervoso centrale
  • Aiuta a stabilizzare i livelli di glucosio nel sangue
  • Fornisce micronutrienti critici per la tiroide e per rafforzare il sistema endocrino
  • Rimuove non solo i metalli pesanti ma anche altre tossine dal fegato, dal tratto intestinale, dal cervello, dal sistema nervoso e dalla tiroide
  • Aiuta a far crescere nuovi neuroni e rafforzare i neurotrasmettitori
  • Contiene alti livelli di superossido dismutasi (SOD) e cromo, che rinforzano la forza surrenalica
  • Aiuta a rimuovere lo iodio radioattivo dalla tiroide nel tempo, riportando in vita in modo equilibrato ciò che è rimasto della ghiandola
  • Contiene iodio che è molto efficace nell’agire come antisettico contro le cellule del virus della tiroide (causa di problemi alla tiroide) nella tiroide
  • Può ridurre la crescita di noduli, tumori e cisti (sia cancerosi che benigni)
    Blocca la crescita virale e batterica all’interno del fegato
  • Rafforza il sistema immunitario del fegato e aiuta nelle sue oltre 2.000 funzioni chimiche
  • Aiuta la conservazione del glucosio nel fegato e le conversioni proteiche

Il migliore amico di un atleta

La spirulina aumenta i livelli di resistenza negli atleti e il suo ricco contenuto di nutrienti e il contenuto proteico biodisponibile aiuta a costruire la massa muscolare. Può contenere la fame che può svilupparsi durante le routine di allenamento impegnative, contribuendo a mantenere il peso corporeo ideale di un atleta.

Altri potenziali benefici: promuove gli occhi sani, ottimi per l’anti-invecchiamento, aiuta a proteggere dalle infezioni, ottimo per la salute dell’apparato digerente, aumenta l’assorbimento dei nutrienti dal cibo, elimina il mercurio e altre tossine mortali comunemente presenti nel corpo, aiuta a prevenire l’insorgenza di malattie cardiovascolari, e altro ancora

Consiglio di guarigione: la spirulina di alta qualità è la migliore polvere proteica che puoi usare nelle bevande e nei frullati del mattino. Prova ad averlo nel frullato disintossicante per metalli pesanti medi per uso quotidiano per enormi benefici. È il più facile da digerire e di gran lunga il più benefico tra tutte le polveri proteiche. Riempie profondamente il corpo con minerali e micronutrienti necessari. È un intero alimento vitaminico e minerale e polvere proteica confezionato in uno.

Suggerimento gustoso: cospargere con l’anguria o aggiungere all’acqua di cocco tailandese.

 

FONTE: Medical Medium

 

(ENGLISH VERSION)

Spirulina is often deemed the most nutritionally complete of all foods and has countless uses as a supplement for maintaining good health and preventing diseases. This is because it contains a plentiful supply of many important nutrients and antioxidants, including protein, complex carbohydrates, iron, and vitamins A and K, as well as B complex. It’s also rich in chlorophyll, fatty and nucleic acids, and lipids. Spirulina is rich in gamma-linolenic acid, or GLA, a compound found in breast milk that helps develop healthier babies.

Best Source of Beta-Carotene

Spirulina provides a profusion of carotenoids such as best-carotene and yellow xanthophylls. In fact, spirulina is the richest beta-carotene food. The beta-carotene found in spirulina is ten times more concentrated than carrots.

Iron-Rich

Iron is essential for building a strong internal system, yet it is one of the most common mineral deficiencies (zinc is the most common). Spirulina is rich in iron, magnesium and trace minerals and is easier to absorb than iron supplements. Ten grams of spirulina can supply up to 70% of the minimum daily requirements for iron.

Protein Packed

About 60% of spirulina’s dry weight is protein, which in the form it comes in within spirulina, is essential for growth and cell regeneration. It’s a good replacement for fatty meat and dairy products.

Builder of Beneficial Flora

Spirulina suppresses bad bacteria like E. coli and stimulates beneficial flora like lactobacillus and bifidobactria in the digestive tract to promote healthy digestion and proper bowel function.

Healthy flora is one of the foundations of good health. It increases the body’s ability to absorb nutrients from the foods we eat and helps protect against infection.

Detoxifier

Spirulina has a completely unique composition of phytonutrients, including chlorophyll, phycocyanin and polysaccharides, that can help to purge toxins from the body. In 1994, a Russian Patent was awarded for spirulina, deeming it a medical food for reducing allergic reactions from radiation sickness. This was a result of 270 children in Chernobyl consuming five grams a day for 45 days. Radionucleides were lowered by 50% and allergic sensitivities were normalized.

Critical For Removing Toxic Heavy Metals

Spirulina is essential for removing heavy metals such as mercury, aluminum, lead, cadmium, and toxic copper from the liver, reproductive system, intestinal tract, thyroid, and brain. Getting rid of these metals gets rid of some of the most favored food of viruses, which are behind many chronic illnesses and symptoms, including autoimmune diseases.

When consumed within 24 hours of each other, barley grass juice powder, spirulina, cilantro, wild blueberries, and Atlantic dulse provide the most effective method on the planet of removing heavy metals. These foods each have their singular strengths, performing slightly different roles in the detoxification process.

During the removal process, metals can get “dropped” or dispersed back into the organs, at which point another member of the team will swoop in, grab the metal, and continue the journey toward the finish line. I call this “pass the football.” On its own, each individual player isn’t 100 percent effective; as a team, they are your anti–heavy metal secret weapon!

Important For Any Chronic Illness & Symptom

Spirulina is an important supplement for anyone with any chronic illness or symptom, or for anyone who wishes to help prevent illness or symptoms in the future. As shared in Medical Medium, Thyroid Healing and Liver Rescue, spirulina:

Helps restore brain tissue and rebuilds the central nervous system

Helps stabilize glucose levels in the blood

Provides critical micronutrients for the thyroid and to bolster the endocrine system

Removes not only heavy metals but also other toxins from the liver, intestinal tract, brain, nervous system and thyroid

Helps grow fresh neurons and strengthen neurotransmitters

Contains high levels of superoxide dismutase (SOD) and chromium, which reinforce adrenal strength

Help to remove radioactive iodine from the thyroid over time, bringing what’s left of the gland back to life in a balanced manner

Contains iodine that’s very effective at acting as an antiseptic against Epstein-Barr virus (the cause of thyroid problems) cells in the thyroid

Can reduce the growth of nodules, tumors, and cysts (both cancerous and benign)
Stops viral and bacterial growth inside the liver

Strengthens the liver’s immune system, and helps in its over 2,000 chemical functions

Aids the liver’s glucose storage and protein conversions

An Athlete’s Best Friend

Spirulina increases stamina levels in athletes and its rich nutrient content and bioavailable protein content helps build muscle mass. It can curb hunger that may develop during demanding training routines, helping to maintain an athlete’s ideal body weight.

Other Potential Benefits: Promotes healthy eyes, great for anti-aging, helps protect against infection, great for digestive health, increases absorption of nutrients from food, eliminates mercury and other deadly toxins commonly inside the body, helps prevent the onset of cardiovascular diseases, and more.

Healing Tip: High-quality spirulina is the best protein powder you can use in morning drinks and smoothies. Try having it in the Medical Medium Heavy Metal Detox Smoothie daily for tremendous benefits. It is the easiest to digest and by far the most beneficial out of all the protein powders. It deeply replenishes the body with much needed mineral and micro-nutrients. It’s a whole food vitamin and mineral and protein powder packed into one.

Tasty Tip: Sprinkle over watermelon or add to Thai coconut water.

 

SOURCE: Medical Medium