Feeds:
Articoli
Commenti

Farsi una bella passeggiata a passo veloce giova enormemente alla salute, tanto che farebbe guadagnare 15 anni di vita rispetto a chi per strada se ne va comodamente.

 

Un nuovo studio infatti rileva una differenza significativa nell’aspettativa di vita correlata alla velocità di deambulazione, indipendentemente dal peso corporeo. E ciò vale soprattutto per le donne.

 

Si tratta della ricerca condotta all’Istituto Nazionale per la Ricerca sulla Salute (NIHR) del Leicester Biomedical Research Center, dove sono stati analizzati i dati della Biobanca britannica di quasi 500mila persone scoprendo che chi camminava più velocemente aveva aspettative di vita più lunghe e che i camminatori più veloci avrebbero un indice di massa corporea più basso (BMI), che di solito è associato a una salute migliore.

 

Insomma, non solo camminare velocemente riduce il rischio di diabete di tipo 2, di malattie cardiovascolari e di alcuni tipi di cancro ed è un ottimo metodo green per dimagrire, ma è anche un elisir di lunga vita.

Lo studio

La ricerca ha analizzato i dati di 474.919 persone con un’età media di 52 anni nel Regno Unito tra il 2006 e il 2016. Il team ha scoperto che, indipendentemente dal peso, quelli con un ritmo di andatura abitualmente veloce hanno una lunga aspettativa di vita.

In particolare, le donne che camminavano a passo svelto avevano un’aspettativa di vita di 86,7-87,8 anni, mentre le donne che camminavano a un ritmo più lento avevano un’aspettativa di vita di 72,4. Per gli uomini, invece, si è registrata una aspettativa da 85,2 a 86,8 anni per un ritmo veloce e di soli 64,8 per chi camminava lentamente. Risultati che valgono anche nei casi in cui le persone siano gravemente in sovrappeso oppure obese.

“Le nostre scoperte suggeriscono come la forma fisica sia un indicatore migliore dell’aspettativa di vita rispetto all’indice di massa corporea – ha spiegato il professor Tom Yates dell’Università di Leicester e principale autore dello studio – e che incoraggiare le persone a camminare a passo spedito possa aggiungere degli anni alle loro vite”.

Questa è la prima volta che dei ricercatori associano il passo veloce con un’aspettativa di vita più lunga indipendentemente dal peso corporeo di una persona o dallo stato di obesità.

Secondo Francesco Zaccardi, epidemiologo clinico presso il Leicester Diabetes Center e coautore dello studio, “gli studi pubblicati finora hanno mostrato principalmente l’impatto del peso corporeo e della forma fisica sulla mortalità in termini di rischio relativo, ad esempio un aumento relativo del 20% del rischio di morte per ogni 5 chilogrammi per metro quadrato di aumento, rispetto a un valore di riferimento di un BMI di 25 chilogrammi per metro quadrato (il BMI soglia tra peso normale e sovrappeso).

Tuttavia, concludono gli studiosi, non è sempre facile interpretare un “rischio relativo”: la relazione in termini di aspettativa di vita, al contrario, è più facile da interpretare e dà un’idea migliore dell’importanza dell’indice di massa corporea e della forma fisica.

Ciò vuol dire che non avete più scuse e, se proprio non avete il tempo di andare in palestra tra lavoro e impegni familiari, è la volta buona per lasciare a casa l’auto e trottare a piedi.

 

FONTE: Greenme (Germana Carillo)

 

(ENGLISH VERSION)

Taking a nice walk at a fast pace is enormously good for your health, so much so that you would gain 15 years of life compared to those who go off the road comfortably. In fact, a new study shows a significant difference in life expectancy related to walking speed, regardless of body weight. And this is especially true for women.

This is the research conducted at the National Institute for Health Research (NIHR) of the Leicester Biomedical Research Center, where the data of the British Biobank of almost 500 thousand people were analyzed, discovering that those who walked faster had longer life expectancies and the fastest walkers would have a lower body mass index (BMI), which is usually associated with better health.

In short, not only walking quickly reduces the risk of type 2 diabetes, cardiovascular disease and some types of cancer and is an excellent green method to lose weight, but it is also an elixir of life.

I study

The research analyzed data from 474,919 people with an average age of 52 in the UK between 2006 and 2016. The team found that, regardless of weight, those with a usually fast pace of pace have a long expectation of life.

In particular, women who walked at a brisk pace had a life expectancy of 86.7-87.8 years, while women who walked at a slower pace had a life expectancy of 72.4. For men, instead, there was an expectation from 85.2 to 86.8 years for a fast pace and only 64.8 for those who walked slowly. Results that also apply in cases where people are severely overweight or obese.

“Our findings suggest that physical fitness is a better indicator of life expectancy than body mass index – explained Professor Tom Yates of the University of Leicester and principal author of the study – and that encourage people to walk I can quickly add years to their lives. “
This is the first time that researchers associate the fast pace with a longer life expectancy regardless of a person’s body weight or the state of obesity.

According to Francesco Zaccardi, clinical epidemiologist at the Leicester Diabetes Center and co-author of the study, “the studies published so far have mainly shown the impact of body weight and physical form on mortality in terms of relative risk, for example a relative increase of 20% of the risk of death for every 5 kilograms per square meter of increase, compared to a reference value of a BMI of 25 kilograms per square meter (the BMI threshold between normal weight and overweight).
However, scholars conclude, it is not always easy to interpret a “relative risk”: the relationship in terms of life expectancy, on the contrary, is easier to interpret and gives a better idea of ​​the importance of the body mass index and of physical form.

This means that you have no more excuses and, if you really don’t have the time to go to the gym between work and family commitments, it’s the right time to leave the car at home and trot on foot.

 

SOURCE: Greenme (Germana Carillo)

Questa cura è davvero efficace e può essere usata per quasi tutti i tipi di allergia, da quella al nichel a quella ai pollini e graminacee.

 

E’ stata ideata dal Prof. Karl Hecht, Professore Emerito di Fisiologia clinica e sperimentale presso l’Università Charitè, Humboldt di Berlino. Ha sperimentato per lungo tempo l’associazione di zeolite cIinoptilolite attivata e spirulina per la cura delle allergie mettendo a punto il protocollo riportato qui di seguito.

Il Prof. Karl Hecht ha al suo attivo più di 800 pubblicazioni scientifiche, 42 Libri, 29 brevetti. Relatore di 172 tesi di Laurea. E’ membro effettivo e membro onorario di molte Accademie Internazionali e di molte Associazioni di medicina e scienza.

 

In Germania dove la zeolite è usata da decenni e la spirulina è arrivata molto prima che in Italia, il professore aveva iniziato a sperimentare sui suoi pazienti allergici varie combinazioni di queste due sostanze naturali.

La zeolite è un minerale vulcanico con le più alte capacità al mondo di assorbire tossine. E’ ottima per trattare le allergie in quanto assorbe i metalli pesanti responsabili di molte di esse sia a livello indiretto (come l’allergia al nichel) sia a livello indiretto eliminando sostanze tossiche che possono causare l’insorgenza di allergie (come formaldeide presente nelle vernici e prodotti per la casa, e gli stessi metalli pesanti che squilibrano la funzione ormonale).

L’inquinamento è subdolo e non è dose dipendente, lo dimostra il paradosso del veleno del serpente, sono sufficienti basse dosi ma mirate e purtroppo di veleni ne abbiamo prodotti. Basti considerare l’ondata di allergie che sta colpendo almeno il 15% della popolazione in Italia e che sembra in costante aumento. Come spiegato in questa ricerca della Medical University of South Carolina per causare allergia è sufficiente una dose 1000 volte inferiore a quella che causa una tossicità sintomatica.

La spirulina è un’alga di acqua dolce che cresce in ambiente alcalino ed è una delle più antiche forme di vita del pianeta. Essendo un immunomodulatore e ricca di amminoacidi essenziali e betacarotene inibisce le reazioni allergiche. Uno studio del 2008 pubblicato nel Journal of Medicinal Food, ha dimostrato che la spirulina è particolarmente efficace tra coloro che soffrono di rinite allergica.

FONTE: Dionidream

 

(ENGLISH VERSION)

This treatment is really effective and can be used for almost all types of allergies, from nickel to pollen and grass. It was conceived by Prof. Karl Hecht, Professor Emeritus of Clinical and Experimental Physiology at the Charitè University, Humboldt of Berlin. He experimented for a long time with the association of activated cininyltolite zeolite and spirulina for the treatment of allergies, developing the following protocol.

 
Prof. Karl Hecht has more than 800 scientific publications, 42 books, 29 patents. Speaker of 172 graduation theses. He is an effective member and honorary member of many international academies and many medical and scientific associations.

In Germany, where zeolite has been used for decades and spirulina arrived much earlier than in Italy, the professor had begun experimenting on his allergic patients various combinations of these two natural substances.

Access your potential
• 4 years of work
• 300 scientific studies
• 2 audio techniques included
Discover the secrets of healing

I accept the Privacy Policy
I WANT THE EXTRACT (IT’S FREE!)
Dionidream book cover
Zeolite is a volcanic mineral with the highest capacity in the world to absorb toxins. It is excellent for treating allergies as it absorbs the heavy metals responsible for many of them both indirectly (such as nickel allergy) and indirectly by eliminating toxic substances that can cause the onset of allergies (such as formaldehyde present in the paints and products for the home, and the same heavy metals that unbalance the hormonal function).

 
Pollution is subtle and not a dose dependent, as demonstrated by the poison of the snake poison, low doses are enough but targeted and unfortunately we have produced poisons. Suffice it to consider the wave of allergies that is affecting at least 15% of the population in Italy and which seems to be steadily increasing. As explained in this research by the Medical University of South Carolina, a dose 1000 times lower than that which causes symptomatic toxicity is sufficient to cause allergy.

Spirulina is a freshwater algae that grows in an alkaline environment and is one of the oldest life forms on the planet. Being an immunomodulator and rich in essential amino acids and beta-carotene inhibits allergic reactions. A 2008 study published in the Journal of Medicinal Food showed that spirulina is particularly effective among those suffering from allergic rhinitis.

 

SOURCE: Dionidream

Il tarassaco (Taraxacum officinale) è un’erba commestibile che viene utilizzata come pianta medicinale per affrontare una serie di problemi di salute.

 

Ogni parte della pianta del dente di leone ha benefici per la salute. La radice di tarassaco, i tarassaco e i fiori di tarassaco possono essere utilizzati per preparare una tisana al dente di leone che migliora la salute. È possibile utilizzare la tisana alla radice di tarassaco per ridurre l’ipertensione, trattare il diabete, per stimolare la diuresi, migliorare la funzionalità epatica e come tonico del sangue.

Esistono diversi tipi di bevande a base di tarassaco che hanno benefici per la salute. La radice di tarassaco arrosto è trasformata in una deliziosa alternativa al caffè senza caffeina o può essere utilizzata per preparare la tisana al dente di leone. Puoi anche usare le foglie di dente di leone per creare una tisana al dente di leone per migliorare la salute dell’apparato digerente, abbassare il colesterolo e persino perdere peso.

Puoi anche usare le foglie di tarassaco (foglie) in gustose insalate.

Lungi dall’essere un’erba fastidiosa che rovina l’aspetto del tuo prato, il dente di leone ha molti benefici per la salute.

In questo articolo, imparerai i molti motivi per usare le radici e le foglie del dente di leone. Otterrete anche delle ottime ricette per preparare la vostra tisana di tarassaco a casa.

Cos’è la radice di dente di leone?

Tarassaco (Taraxacum officinale) è un’erba perenne che cresce nella maggior parte delle regioni del mondo. La pianta del dente di leone consiste in una lunga radice fibrosa, un gambo, fiori e foglie. Tutte le parti del dente di leone sono commestibili e hanno molti benefici per la salute. (1)

La ricerca scientifica sostiene molti degli usi medicinali tradizionali per la radice del dente di leone. Ad esempio, le radici del dente di leone contengono grandi quantità di inulina che promuovono una buona salute digestiva e aiutano a prevenire l’obesità. Anche la radice di tarassaco è buona da prendere se si ha l’osteoporosi e ha anche proprietà antitumorali. (2)

Tostare la radice di tarassaco e macinarla in polvere crea “il caffè al dente di leone”, una buona alternativa al caffè senza nessuno dei suoi effetti collaterali.

Gli studi hanno anche dimostrato che molti dei benefici per la salute della radice di tarassaco provengono dai suoi alti livelli di antiossidanti. Estratti da entrambe le foglie di dente di leone e la radice hanno attività di neutralizzazione dei radicali liberi che aiuta a prevenire il danno delle cellule del DNA. (2)

Benefici della radice di tarassaco

Diamo un’occhiata più in dettaglio ai molti benefici della radice di tarassaco.

Le radici di tarassaco hanno attività antiossidanti

Le radici di tarassaco contengono un numero di composti con attività antiossidante.

Secondo una ricerca scientifica, gli antiossidanti estratti dalle radici del dente di leone hanno molti potenziali benefici per la salute. Gli antiossidanti nella radice del dente di leone possono aiutare a

  • migliorare la salute del fegato,
  • ridurre il rischio di malattie cardiache,
  • abbassare il colesterolo e
  • aiutare a prevenire l’ictus.

La ricerca ha concluso che gli antiossidanti negli estratti di radice di dente di leone aiutano a ridurre i fattori di rischio associati alla malattia coronarica. (3)

Scopri di più sul ruolo che svolgono gli antiossidanti nell’aiutare a mantenerti sano.

La radice di tarassaco è un diuretico naturale

Uno degli usi tradizionali del tarassaco (Taraxacum officinale) sta contribuendo a prevenire la ritenzione idrica e farti fare pipì di più.

Uno studio ha scoperto che l’assunzione di 8 ml di estratto di foglie di tarassaco tre volte al giorno può aiutare ad aumentare la frequenza urinaria. (4)

Mentre la tisana del dente di leone è comunemente usato come diuretico, la radice di tarassaco può anche aiutare ad aumentare la produzione urinaria. La ricerca ha dimostrato che sia la radice di dente di leone che la foglia contengono quantità simili di potassio. In generale, si pensa che gli alti livelli di potassio stimolino la minzione. (5)

Scopri altri rimedi naturali per la ritenzione idrica e come puoi liberarti dell’acqua in eccesso in modo naturale.

Radice di tarassaco può abbassare la pressione sanguigna

Uno dei modi in cui gli estratti di tarassaco possono aiutare la salute del cuore è aiutando a gestire l’ipertensione.

I diuretici sono a volte utilizzati nel trattamento della pressione alta. La Mayo Clinic dice che i diuretici aiutano a lavare il sodio e l’acqua in eccesso dal tuo corpo. (6) L’effetto diuretico della radice di tarassaco può avere un effetto positivo sulla pressione sanguigna.

Altri studi hanno scoperto che le radici del dente di leone possono aiutare a ridurre i livelli di colesterolo che possono quindi avere un effetto positivo nel ridurre l’ipertensione. (7)

Se soffri di ipertensione, scopri quali altri rimedi naturali sono disponibili per gestire la pressione alta.

Radice di tarassaco può proteggere la pelle dai danni

Sebbene la ricerca sia limitata, gli estratti di radice di dente di leone possono aiutare a proteggere la pelle dai danni causati dai raggi UV.

Uno studio del 2015 ha scoperto che gli estratti di tarassaco possono proteggere i fibroblasti dermici umani dai danni. Nello studio, gli estratti di foglie e fiori di dente di leone offrivano una protezione della pelle migliore degli estratti di radice di tarassaco. (8)

Esperimenti di laboratorio hanno scoperto che gli estratti di radici di dente di leone possono essere utili nel trattamento del cancro della pelle senza danneggiare le cellule sane. (9)

Prima di utilizzare qualsiasi tipo di estratto di tarassaco sulla pelle, è importante eseguire un piccolo patch test cutaneo, poiché il tarassaco può causare reazioni cutanee allergiche in alcune persone. (10)

Per aiutare a mantenere la pelle giovane e luminosa, scopri come utilizzare la vitamina E per migliorare l’aspetto della tua pelle.

Il tarassaco è buono per aiutare a gestire il diabete di tipo 2

Tutte le parti della pianta del dente di leone sono utili per aiutare a controllare i sintomi del diabete di tipo 2.

In effetti, il dente di leone è così buono per la gestione del diabete che i ricercatori l’hanno definito un’erba anti-diabetica chiave. (2)

Cosa rende il dente di leone un rimedio efficace per alcuni sintomi diabetici? La radice di tarassaco contiene proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti, alcuni dei quali sono forti agenti anti-diabetici. Anche gli estratti di tarassaco vanno a beneficio dei diabetici perché aiutano a regolare la glicemia, l’insulina e il colesterolo. (2)

Scopri i migliori alimenti da includere in una dieta compatibile con il diabete per aiutare a prevenire picchi di glucosio nel sangue dopo aver mangiato.

Estratti di radice di tarassaco promuovono una buona salute del fegato

La tisana di radice di tarassaco è una buona bevanda terapeutica perché aiuta a mantenere il fegato sano.

Il motivo per cui la radice di tarassaco protegge il fegato è che contiene composti che beneficiano della funzionalità epatica. Uno studio sui topi ha scoperto che i polisaccaridi nella radice del dente di leone aiutano a purificare e proteggere il fegato. La radice di tarassaco ha un potenziale come alimento funzionale per prevenire danni al fegato. (11)

Altri esperimenti di laboratorio hanno dimostrato che i composti nella radice del dente di leone aiutano a prevenire la cicatrizzazione del fegato e possono persino aiutare a rigenerare le cellule del fegato. (12)

Ulteriori letture: i migliori alimenti scientificamente provati per pulire il fegato.

La radice di tarassaco può aiutare a migliorare i marcatori del sangue

Il dente di leone è stato tradizionalmente usato come tonico del sangue per aiutare a migliorare la salute del sangue.

La rivista Advances in Hematology riportava che la somministrazione di estratti di tarassaco ai topi contribuiva a migliorare i marcatori del sangue. I ricercatori hanno notato un aumento dei globuli rossi, dei globuli bianchi e dell’emoglobina. (13)

Ulteriori informazioni su come mantenere i livelli di emoglobina nel loro intervallo normale e cosa si può fare se si ha una carenza di ferro.

Radice di tarassaco per una migliore digestione

Bere ila tisana alla radice di tarassaco può aiutare a migliorare la salute dell’apparato digerente perché agisce come un prebiotico nell’intestino.

La rivista Fitoterapia ha riportato che la radice del dente di leone favorisce la digestione perché stimola la crescita dei probiotici. Gli zuccheri presenti in natura nella radice di tarassaco agiscono come “cibo” per i bifidobatteri che sono necessari per un sano sistema digestivo. (14)

Scopri perché i probiotici possono dare una spinta alla tua digestione e anche aiutare a ripristinare l’equilibrio del tuo microbiota intestinale.

La radice del dente di leone ha proprietà anticancro

Uno degli usi promettenti della radice di tarassaco come erba medicinale è il suo potenziale utilizzo nel trattamento del cancro.

La ricerca sugli estratti di radice dal dente di leone ha dimostrato che contengono composti che possono uccidere le cellule tumorali. Uno studio ha scoperto che l’estratto di radice di tarassaco può aiutare a prevenire la diffusione delle cellule tumorali, specialmente nei casi di cancro del fegato. (15)

Uno studio del 2016 ha scoperto che i composti della radice di tarassaco hanno un effetto antitumorale sulle cellule tumorali del colon maligno. (16)

Altri studi di laboratorio hanno scoperto che gli estratti di tarassaco hanno attività antinfiammatoria in alcune cellule tumorali. (17)

Cos’è la tisana di tarassaco o la tisana alla radice di tarassaco?

Il tè di tarassaco è un’infusione di acqua calda a base di erbe con radice di dente di leone, foglie o fiori. Puoi fare la tisana di tarassaco dalle foglie fresche immerse nell’acqua calda.

Alcune persone producono anche la tisana alla radice di tarassaco tagliando le radici e lasciandolo infondere nell’acqua bollente per 20 minuti.

Un’altra bevanda di radice di tarassaco è il caffè di tarassaco. Questa bevanda salutare viene prodotta essiccando, arrostendo e macinando la radice di tarassaco in polvere. Questo tipo di “tè” di radice di tarassaco ha un sapore simile al caffè, ma non contiene caffeina.

Benefici del tè alla tarassaco o del tè alla radice di tarassaco

A cosa serve la tisana di tarassaco? Esaminiamo brevemente i numerosi benefici del consumo regolare di tè ottenuto da foglie o radici di dente di leone.

1. Aiuta a ridurre il colesterolo. Il tè di tarassaco è un buon rimedio per abbassare il colesterolo. Sia il tè di foglie di tarassaco che il tè di radice di tarassaco aiutano a ridurre il colesterolo e ad aumentare gli antiossidanti nel corpo. 3)

2. Può proteggere la salute del fegato. Come già accennato, il tè di radice di dente di leone è stato usato per secoli come un tonico del fegato per aumentare la salute e la funzione del fegato. La radice di tarassaco aiuta anche a prevenire danni al fegato causati dall’alcol. (18)

3. Abbassare i marcatori infiammatori. Il tè di tarassaco ha un effetto antinfiammatorio e può aiutare a proteggere da alcune malattie infiammatorie croniche. (19)

4. Può aiutarti a perdere peso. Bere il tè al dente di leone può aiutarti a perdere più chili in più quando sei a dieta. Uno studio di laboratorio ha scoperto che i composti del dente di leone hanno un effetto simile a un farmaco per la perdita di peso popolare. Ingerire il dente di leone aiuta ad abbattere il grasso. (20)

5. Benefici per la digestione. Avere una tazza quotidiana di tè alla radice di tarassaco può aumentare la digestione in quanto favorisce la crescita di batteri intestinali sani. Altri studi hanno dimostrato che il tè al dente di leone ha un effetto positivo sui processi digestivi. (21)

6. Potenziamento del sistema immunitario. Il dente di leone contiene vitamine A, C, D, E e B. Alcuni studi hanno anche dimostrato che il dente di leone ha un’attività antivirale e può ridurre la gravità delle infezioni influenzali. (2, 22)

7. Promuove una buona salute cardiovascolare. Il tè di tarassaco può essere buono per il tuo cuore in quanto contiene antiossidanti, aiuta a ridurre il colesterolo e può aiutare a prevenire l’obesità.(23)

8. Aiuta a proteggere la tua pelle. L’uso del tè di tarassaco come tonico per la pelle potrebbe aiutare a migliorare la salute della pelle. (24)

9. Tisana di radice di tarassaco per diabetici di tipo 2 Uno studio medico ha rilevato che 5 mg di dente di leone sono stati usati per ridurre i livelli di glucosio nei pazienti diabetici. (28)

10. Il tè alla radice di tarassaco è un ottimo sostituto del caffè. Un ottimo motivo per bere il tè alla radice di tarassaco è una buona alternativa al caffè senza caffeina. Molte persone dicono che il sapore del dente di leone è simile al caffè.

Come Preparare il Tè al Tarassaco

È molto facile fare la propria tisana di tarassaco che migliora la salute dalle foglie o dai fiori freschi e dorati.

Ecco alcune idee su come preparare il tuo tè al dente di leone:

  • Tisana di foglie fresche di tarassaco. Tagliare 6 foglie di tarassaco fresche in piccoli pezzi, metterle in una tazza, riempire con acqua bollente, coprire con un coperchio e lasciare in infusione per 10 minuti.
  • Tisana alla radice di tarassaco. Metti un cucchiaio di radice di tarassaco tritato in una tazza di acqua bollente, copri e lascia macerare per 20 minuti. Filtrate e godetevi il vostro sano tè alla radice di tarassaco.
  • Tisana di tarassaco dalle foglie secche. In una padella, mettere 2 cucchiaini di foglie di tarassaco essiccate e 2 tazze di acqua. Portare a ebollizione, coprire e far sobbollire per 10 minuti. Permetti il ​​tè al dente di leone. Filtrare in una tazza e consumare.

Dosaggio Tarassaco

Quanto dovresti consumare ogni giorno se usi l’erba per scopi medicinali?

Secondo la British Herbal Pharmacopoeia, le dosi raccomandate da usare terapeuticamente (2)

  • 2 – 8 g di radici fresche ogni giorno
  • Foglie fresche o secche 4 – 10 g al giorno
  • Pillole di polvere di dente di leone essiccate 250 – 1.000 mg al giorno
  • Tintura di tarassaco 2 – 5 ml 3 volte al giorno
  • Estratto fluido di tarassaco 1 – 2 cucchiaini ogni giorno
  • Tarassaco Verdi (foglie di tarassaco)

Mangiare il verde del  tarassaco è un ottimo modo per ottenere ancora più benefici da Taraxacum officinale (dente di leone).

Le foglie di tarassaco sono estremamente salutari poiché contengono molte vitamine, minerali, sostanze nutritive e fibre.

Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti riferisce che una tazza di foglie di tarassaco tritate (55 g) contiene quasi 2 g di fibre, ovvero l’8% della dose giornaliera raccomandata (RDI). Quindi, a parte i modi già menzionati, i tarassaco verdi aiutano la digestione perché sono ricchi di fibre. (25)

Il consumo di foglie di tarassaco aiuta anche a rafforzare le ossa, a proteggere la funzione cognitiva e a mantenere il sangue sano. Una porzione di foglie di tarassaco da 55 g contiene 428 mcg di vitamina K, ovvero il 535% della tua RDI. (26)

Le alte vitamine sono buone per la vista e la pelle. Infatti, grammo per grammo, foglie di tarassaco contengono la stessa quantità di beta-carotene (il precursore della vitamina A) come carote. (2)

Antiossidanti come luteina e zeaxantina che si trovano nel dente di leone aiutano a proteggere la vista da degenerazione maculare senile. (27)

I tarassaco sono buoni per rinforzare il sistema immunitario perché contengono vitamina C, E e vitamine del gruppo B. I tarassaco contengono anche calcio, ferro, potassio, magnesio e manganese.

FONTE: healthyandnaturalworld

 

(ENGLISH VERSION)

The dandelion (Taraxacum officinale) is an edible herb that is used as a medicinal plant to address a number of health issues. Every part of the dandelion plant has health benefits. Dandelion root, dandelion greens, and dandelion flowers can all be used to make health-enhancing dandelion tea. You can use dandelion root tea for reducing high blood pressure, treat diabetes, to pass more urine, improve liver function, and as a blood tonic.

There are several types of dandelion drinks that have health benefits. Roasted dandelion root is made into a delicious caffeine-free coffee alternative or can be used to make dandelion tea. You can also use dandelion leaves to create dandelion tea to improve your digestive health, lower cholesterol, and even lose weight.

You can also use dandelion greens (leaves) in tasty salads.

Far from being a pesky weed that ruins the look of your lawn, dandelion has many health benefits.

In this article, you will learn about the many reasons to use the roots and leaves of dandelion. You will also get some great recipes to make your own health-boosting dandelion tea at home.

What is Dandelion Root?

Dandelion (Taraxacum officinale) is a perennial herb that grows in most regions of the world. The dandelion plant consists of a long fibrous root, a stem, flowers, and leaves. All parts of the dandelion are edible and have many health benefits. (1)

Scientific research backs up many of the traditional medicinal uses for dandelion root. For example, the roots of dandelion contain large amounts of inulin that promote good digestive health and help prevent obesity. Dandelion root is also good to take if you have osteoporosis and it also has anticancer properties. (2)

Roasting dandelion root and grinding it into a powder creates “dandelion coffee” – a good coffee alternative without any of its side effects.

Studies have also shown that many of the health benefits of dandelion root come from its high levels of antioxidants. Extracts from both dandelion leaf and the root have free radical scavenging activity that helps prevent DNA cell damage. (2)

Benefits of Dandelion Root

Let’s look in more detail at the many benefits of  dandelion root.

Dandelion Roots have Antioxidative Activities

The roots of dandelions contain a number of compounds with antioxidant activity.

According to a scientific research, antioxidants extracted from dandelion roots have many potential health benefits. The antioxidants in dandelion root may help to improve liver health, reduce the risk of heart disease, lower cholesterol, and help prevent stroke. The research concluded that antioxidants in dandelion root extracts help lower risk factors associated with coronary heart disease. (3)

Dandelion Root is a Natural Diuretic

One of the traditional uses of dandelion (Taraxacum officinale) is helping to prevent water retention and making you pee more.

One study found that taking 8 mL of dandelion leaf extract three times a day can help to increase urinary frequency. (4)

While the dandelion leaf tea is commonly used as a diuretic, dandelion root may also help to increase urinary output. Research has shown that both dandelion root and leaf contain similar amounts of potassium. In general, the high levels of potassium are thought to stimulate urination. (5)

Dandelion Root May Lower Blood Pressure

One of the ways that dandelion extracts can benefit your heart health is by helping to manage hypertension.

Diuretics are sometimes used in the treatment of high blood pressure. The Mayo Clinic says that diuretics help to flush sodium and excess water from your body. (6) The diuretic effect of the dandelion root may have a positive effect on your blood pressure.

Other studies have found that dandelion roots can help to lower cholesterol levels which can then have a positive effect in reducing high blood pressure. (7)

Dandelion Root May Protect Your Skin from Damage

Although research is limited, dandelion root extracts may help protect your skin from damage caused by UV sun damage.

A 2015 study found that dandelion extracts can protect human dermal fibroblasts from damage. In the study, dandelion leaf and flower extracts offered better skin protection than dandelion root extracts. (8)

Lab experiments have found that extracts from dandelion roots may be useful in treating skin cancer without damaging healthy cells. (9)

Before using any kind of dandelion extract on your skin, it’s important to do a small skin patch test, as dandelion can cause allergic skin reactions in some people. (10)

Dandelion Root is Good to Help Manage Type 2 Diabetes

All parts of the dandelion plant are beneficial for helping to control the symptoms of type 2 diabetes.

In fact, dandelion is so good for managing diabetes that researchers have called it a key anti-diabetic herb. (2)

What makes dandelion root an effective remedy for some diabetic symptoms? Dandelion root contains anti-inflammatory properties and antioxidants, some of which are strong anti-diabetic agents. Dandelion extracts also benefit diabetics because they help regulate blood glucose, insulin, and lower cholesterol. (2)

Dandelion Root Extracts Promote Good Liver Health

Dandelion root tea is a good therapeutic drink because it helps keep the liver healthy.

The reason why dandelion root protects your liver is that it contains compounds that benefit liver function. One study involving mice found that polysaccharides in dandelion root help to purify and protect the liver. Dandelion root has potential as a functional food to prevent liver injury. (11)

Other lab experiments have shown that compounds in dandelion root helped to prevent liver scarring and may even help regenerate liver cells. (12)

Dandelion Root Can Help Improve Blood Markers

Dandelion has traditionally been used as a blood tonic to help improve blood health.

The journal Advances in Hematology reported that administering dandelion extracts to mice helped to improve blood markers. Researchers noted an increase in red blood cells, white blood cells, and hemoglobin. (13)

Dandelion Root for Better Digestion

Drinking dandelion root tea may help to improve your digestive health because it acts as a prebiotic in the gut.

The journal Fitoterapia reported that dandelion root benefits digestion because it stimulates probiotic growth. Naturally-occurring sugars in dandelion root act as “food” for bifidobacteria which are needed for a healthy digestive system. (14)

Find out why probiotics can give your digestion a boost and also help restore healthy gut microbiota balance.

Dandelion Root has Anticancer Properties

One of the promising uses of dandelion root as a medicinal herb is its potential use in treating cancer.

Research into root extracts from dandelion has shown that they contain compounds that can kill off cancer cells. One study found that dandelion root extract can help prevent cancer cells from spreading, especially in cases of liver cancer. (15)

A 2016 study found that dandelion root compounds have an anticancer effect on malignant colon cancer cells. (16)

Other laboratory studies have found that dandelion extracts have anti-inflammatory activity in certain cancer cells. (17)

What is Dandelion Tea or Dandelion Root Tea?

Dandelion tea is a hot water herbal infusion using the dandelion root, leaves or flowers. You can make dandelion tea from fresh leaves steeped in hot water.

Some people also make dandelion root tea by chopping up the roots and letting it infuse in simmering water for 20 minutes.

Another dandelion root drink is dandelion coffee. This healthy beverage is made by drying, roasting, and grinding the dandelion root into a powder. This type of dandelion root “tea” has a similar taste to coffee, but contains no caffeine.

Benefits of Dandelion Leaf Tea or Dandelion Root Tea

What is dandelion tea good for? Let’s look briefly at the many benefits of regularly consuming tea made from dandelion leaves or roots.

1. Helps to lower cholesterol. Dandelion tea is a good cholesterol-lowering remedy. Both dandelion leaf tea and dandelion root tea help lower cholesterol and increase antioxidants in the body. (3)

2. Can protect your liver health. As already mentioned, dandelion root tea has been used for centuries as a liver tonic to boost liver health and function. Dandelion root also helps to prevent damage to the liver caused by alcohol. (18)

3. Lower inflammatory markers. Dandelion tea has an anti-inflammatory effect and may help protect against certain chronic inflammatory diseases. (19)

4. May help you lose weight. Drinking dandelion tea may help you shed extra pounds quicker when you are on a diet. One lab study found that dandelion compounds have a similar effect to a popular weight-loss drug. Ingesting dandelion helps to break down fat. (20)

5. Benefits to your digestion. Having a daily cup of dandelion root tea can boost your digestion as it encourages the growth of healthy gut bacteria. Other studies have shown that dandelion tea has a positive effect on your digestive processes. (21)

6. Immune system booster. Regular consumption of dandelion tea may help to strengthen your immunity because dandelion contains vitamins A, C, D, E, and B. Some studies have also shown that dandelion extracts have antiviral activity and may reduce the severity of influenza infections. (2, 22)

7. Promotes good cardiovascular health. Dandelion tea can be good for your heart as it contains antioxidants, helps lower cholesterol, and can help prevent obesity. (23)

8. Helps protect your skin. Using dandelion tea as a skin tonic could help improve your skin’s health and prevent damage by UV rays. (24)

9. Dandelion root tea for type 2 diabetics. One medical study found that consumption of 5 g of dandelion leaf and root powder for nine days significantly reduced the fasting blood glucose levels of of type two diabetic patients. (28)

10. Dandelion root tea is a great coffee substitute. One great reason to drink dandelion root tea is that it is a good caffeine-free coffee alternative. Many people say that the taste of dandelion root tea is similar to coffee.

How to Make Dandelion Tea

It is very easy to make your own health-enhancing dandelion tea from the fresh or dried leaves or blossoms.

Here are some ideas on how to prepare your own dandelion tea:

Fresh dandelion leaf tea. Cut 6 fresh dandelion leaves into small pieces, put them in a cup, fill with boiling water, cover with a lid and allow to infuse for 10 minutes.

Dandelion root tea. Put a tablespoon of chopped dandelion root in a cup of boiling water, cover, and let to steep for 20 minutes. Strain and enjoy your healthy dandelion root tea.

Dandelion tea from dried leaves. In a pan, put 2 teaspoons of dried dandelion leaves and 2 cups of water. Bring to the boil, cover, and then simmer for 10 minutes. Allow the dandelion tea remedy to cool slightly. Strain into a cup and consume.

Dandelion dosage

How much dandelion should you consume daily if you use the herb for medicinal purposes?

According to the British Herbal Pharmacopoeia, the recommended doses to use dandelion therapeutically are as follows: (2)

  • 2 – 8 g of fresh roots daily
  • Fresh or dried leaves 4 – 10 g daily
  • Dried dandelion powder pills 250 – 1,000 mg daily
  • Dandelion tincture 2 – 5 ml 3 times a day
  • Dandelion fluid extract 1 – 2 teaspoons every day

Dandelion Greens (Dandelion Leaves)

Eating dandelion greens is a great way to get even more benefits from Taraxacum officinale (dandelion).

Dandelion leaves are extremely healthy as they are packed with vitamins, minerals, nutrients, and fiber.

The United States Department of Agriculture reports that one cup of chopped dandelion greens (55 g) contains nearly 2 g of fiber which is 8% of your recommended daily intake (RDI). So, apart from the ways already mentioned, dandelion greens help your digestion because they are high in fiber. (25)

Consuming dandelion greens also helps to strengthen your bones, protect your cognitive function, and keep your blood healthy. A 55-g serving of dandelion leaves contains 428 mcg of vitamin K which is 535% of your RDI. (26)

The high vitamin A content also means that dandelion greens are good for your visionand skin. In fact, gram for gram, dandelion leaves contain the same amount of beta-carotene (the precursor to vitamin A) as carrots. (2)

Antioxidants such as lutein and zeaxanthin that are found in dandelion greens help protect your eyesight from age-related macular degeneration. (27)

Dandelion greens are good for strengthening your immune system because they also contain good amounts of vitamin C, E, and B-group vitamins. Dandelion greens also have calcium, iron, potassium, magnesium, and manganese.

SOURCE: healthyandnaturalworld

Il caprifoglio è un fiore medicinale che è stato venerato per migliaia di anni per le sue proprietà anti-infiammatorie, anti-batteriche e calmanti e rilassanti. È un potente disintossicante ed è noto per rimuovere rapidamente veleni e calore dal corpo.

 

Il caprifoglio è anche molto utile per problemi respiratori come la bronchite, la BPCO, l’asma, la tosse e il raffreddore e agisce come espettorante ed emolliente per aiutare a chiarire e lenire i passaggi respiratori.

 

Il caprifoglio è anche noto per aiutare a curare diarrea, gastroenterite cronica, febbre, infezioni del tratto urinario, disturbi digestivi, ulcere e infezioni della pelle.

È molto utile per combattere i batteri che causano mal di gola, tubercolosi e avvelenamento da salmonella e per aiutare ad alleviare il mal di testa e la nausea. Le proprietà antinfiammatorie e diuretiche del caprifoglio lo rendono particolarmente indicato per chi soffre di malattie autoimmuni come

  • l’artrite reumatoide,
  • il morbo di Crohn,
  • la fibromialgia,
  • il lupus,
  • la borsite e
  • la sindrome da stanchezza cronica o
  • chi soffre di edema, gonfiore e ritenzione idrica.

Il caprifoglio viene spesso preparato come una tisana con 1 cucchiaino di erba secca a 1 tazza di acqua. Versare acqua bollente sulle erbe e lasciare in infusione per 10 minuti o più e addolcire con miele crudo, se lo si desidera. L’olio essenziale di caprifoglio è un’aggiunta popolare agli oli da massaggio, ai saponi, alle creme e ai vaporizzatori poiché è noto per aiutare a rilassare e calmare il corpo, la mente e l’anima.

La crema di caprifoglio è anche molto utile per eczemi, psoriasi, eruzioni cutanee, rosacea, nonché per la prevenzione anti-età e delle rughe. Si trova anche comunemente nei prodotti per la cura dei capelli grazie alla sua capacità di aggiungere volume, lucentezza ed elasticità ai capelli e per mantenere il cuoio capelluto sano e pulito.

(ENGLISH VERSION)

Honeysuckle is a medicinal flower that has been revered for thousands of years for its anti-inflammatory, anti-bacterial, and calming and relaxing properties. It is a potent detoxifier and is known to swiftly remove poisons and heat from the body.

Honeysuckle is also very helpful for respiratory problems such as bronchitis, COPD, asthma, coughs, and colds and acts as an expectorant and emollient to help clear and soothe respiratory passages. Honeysuckle has also been known to help treat diarrhea, chronic gastroenteritis, fever, urinary tract infections, digestive disorders, ulcers, and skin infections.

It is highly beneficial for fighting off the bacteria that causes strep throat, tuberculosis, and salmonella poisoning and for helping to alleviate headaches and nausea. Honeysuckle’s anti-inflammatory and diuretic properties make it particularly good for those suffering from auto-immune diseases such as rheumatoid arthritis, Crohn’s disease, fibromyalgia, lupus, bursitis, and chronic fatigue syndrome or those who suffer with edema, bloating, and water retention.

Honeysuckle is often prepared as a tea with 1 tsp of dried herb to 1 cup of water. Pour boiling water over herb and let steep for 10 minutes or more and sweeten with raw honey if desired. Essential oil of honeysuckle is a popular addition to massage oils, soaps, creams, and vaporizers as it is known to help relax and calm the body, mind, and soul.

Honeysuckle cream is also very beneficial for eczema, psoriasis, skin rash, rosacea, as well as for anti-aging and wrinkle prevention. It is also commonly found in hair care products due to its ability to add volume, shine, and elasticity to hair as well to keep the scalp healthy and clear.

 

SOURCE: Medical Medium

Una molecola presente nelle crucifere riesce a riattivare meccanismi di protezione che nei tessuti tumorali sono bloccati. Come rivela una nuova ricerca, appena pubblicata su Science.

 

METTERE a tappeto il cancro risvegliando PTEN, uno dei principali “guardiani” delle cellule che normalmente protegge il corpo dai tumori ma che, in molti casi, può non funzione a dovere, diventando lui stesso il cavallo di Troia per diverse malattie oncologiche.

Come? Sfruttando l’azione dell’indolo-3-carbinolo (I3C), un composto naturale che si trova in alcune verdure presenti sulle nostre tavole, come broccoli, cavoli, cavolfiori e cavolini di Bruxelles.

La scoperta, pubblicata su Science, viene dagli Usa ma parla italiano: il primo autore dello studio è infatti Pier Paolo Pandolfi, genetista italiano che dirige il Cancer Center e del Cancer Research Institute del Beth Israel Deaconess Medical Center (Bidmc) della Harvard Medical School di Boston (Usa).

Per arrivare a queste conclusioni il team di ricerca si è servito di diversi campioni di cellule umane e modelli animali – topi – grazie ai quali è riuscito a identificare gli attori in gioco in questo processo molecolare:

“Abbiamo trovato il modo di riattivare PTEN, il Titano della soppressione tumorale, andando a bloccare la molecola WWP1, cioè l’interruttore che tiene PTEN spento, con il composto presente nei broccoli”, spiega Pandolfi.

Un’arma contro più tipi di tumore

Si tratta di una strategia promettente che consentirebbe di ampliare le opzioni preventive e terapeutiche contro il cancro:

“L’inattivazione di PTEN è molto frequente e poter risvegliare farmacologicamente questa molecola è un’arma importantissima a nostro favore”, aggiunge il genetista.

Infatti, anche se lo studio si è focalizzato su campioni di tumore alla prostata, l’approccio proposto dai ricercatori

“dovrebbe funzionare in molti tipi di tumore di grande impatto, incluso quello alla mammella”, e del fegato, perché in questi tipi di tumori l’oncogene WWP1 è molto abbondante. “In sintesi PTEN è il Titano buono, mentre WWP1 è l’oncogene cattivo, anzi direi cattivissimo”, puntualizza Pandolfi.

Si tratta infatti di un enzima, già noto per il suo ruolo nello sviluppo del cancro, e che, come spiega l’esperto, tiene spento il guardiano delle cellule.

La molecola anticancro è green

Durante lo studio, i ricercatori hanno poi condotto delle analisi biochimiche e delle simulazioni al computer grazie alle quali sono riusciti a individuare la molecola presente nelle verdure – l’indolo-3-carbinolo –, quella cioè in grado di risvegliare i sistemi di controllo contro la crescita e la proliferazione incontrollata delle cellule nei quali è coinvolto l’oncosoppressore PTEN, ponendo quindi le basi per la messa a punto di una nuova strategia anti-cancro.

Che, come preannuncia questo studio, funziona:

  • il trattamento basato su questa molecola, e testato su alcuni modelli animali, ha consentito la riduzione del tumore sia in termini di peso sia di dimensioni. In poche parole, il composto contenuto nelle verdure potrebbe diventare un buon alleato nella lotta contro il cancro, grazie alla sua capacità di contrastare gli effetti dannosi dell’oncogene WWP1.

Mangiare broccoli potrebbe dunque tenerci lontani dal cancro? Di sicuro, conclude l’esperto,

“questa scoperta enfatizza l’importanza di introdurre nella dieta alimenti vegetali, come le verdure crucifere”, appunto broccoli, cavoli, cavolfiori. “E rappresenta un’altra dimostrazione che una dieta ad alto contenuto di vegetali e fibre fa bene”.

Attenzione però a non cedere alla tentazione di tenersi lontano dalla malattia oncologica con un piatto di verdure: per trarne il potenziale beneficio anti-cancro, avremmo bisogno di generose dosi. Affinché il composto naturale sia efficace

“si dovrebbero mangiare chilogrammi di broccoli, circa 7. Per questo – conclude Pandolfi – al momento il composto in purezza è l’unica alternativa se si volessero sviluppare sperimentazioni cliniche”.

 

FONTE: Salute delle Repubblica

 

(ENGLISH VERSION)

PLAN cancer by awakening PTEN, one of the main “guardians” of cells that normally protects the body from tumors but, in many cases, may not function properly, becoming the Trojan horse for various oncological diseases. Such as? Taking advantage of the action of indole-3-carbinol (I3C), a natural compound found in some vegetables on our tables, such as broccoli, cabbage, cauliflower and Brussels sprouts. The discovery, published in Science, comes from the US but speaks Italian: the first author of the study is in fact Pier Paolo Pandolfi, Italian geneticist who directs the Cancer Center and of the Cancer Research Institute of the Beth Israel Deaconess Medical Center (Bidmc) of Harvard Medical School of Boston (USA).

To reach these conclusions the research team used different samples of human cells and animal models – mice – thanks to which it was able to identify the actors involved in this molecular process: “We have found a way to reactivate PTEN, the Titan of tumor suppression, blocking the WWP1 molecule, that is the switch that keeps PTEN off, with the compound present in the broccoli “, explains Pandolfi.
 

A weapon against multiple types of cancer

This is a promising strategy that would make it possible to expand the preventive and therapeutic options against cancer: “Inactivation of PTEN is very frequent and being able to awaken this molecule pharmacologically is a very important weapon in our favor”, adds the geneticist. In fact, although the study focused on prostate cancer samples, the approach proposed by the researchers “should work in many types of high-impact cancer, including breast cancer,” and liver, because in these types of tumors the WWP1 oncogene is very abundant. “In summary PTEN is the good Titan, while WWP1 is the bad oncogene, I would say very bad,” points out Pandolfi. It is in fact an enzyme, already known for its role in the development of cancer, and which, as the expert explains, keeps the guardian of the cells off.
 

The anticancer molecule is green

During the study, the researchers then conducted biochemical analyzes and computer simulations thanks to which they were able to identify the molecule present in vegetables – indole-3-carbinol – that is able to awaken the control systems against the growth and uncontrolled proliferation of cells in which the PTEN oncosuppressor is involved, thus laying the foundations for the development of a new anti-cancer strategy. Which, as this study predicts, works: the treatment based on this molecule, and tested on some animal models, has allowed the reduction of the tumor both in terms of weight and size. In short, the compound contained in vegetables could become a good ally in the fight against cancer, thanks to its ability to counteract the harmful effects of the WWP1 oncogene.

So eating broccoli could keep us away from cancer? Certainly, the expert concludes, “this discovery emphasizes the importance of introducing plant foods, such as cruciferous vegetables” into the diet, namely broccoli, cabbage, cauliflower. “And it represents another demonstration that a diet high in vegetables and fiber is good”. But be careful not to give in to the temptation to stay away from the oncological disease with a plate of vegetables: to get the potential anti-cancer benefit, we would need generous doses. In order for the natural compound to be effective “kilograms of broccoli should be eaten, about 7. For this – concludes Pandolfi – at the moment the pure compound is the only alternative if we wanted to develop clinical trials”.

 

SOURCE: Salute della Repubblica

Il digiuno è un’antica pratica di astensione dal mangiare per un giorno, a volte anche per una settimana o più, e richiede disciplina.

Questa pratica è stata utilizzata per trattare vari problemi di salute, e anche un breve digiuno può completamente riavviare il sistema immunitario.

Eppure, mentre alcuni nutrizionisti lo criticano, i ricercatori hanno scoperto che la fame a breve termine può dare il via alle cellule staminali nella produzione di nuovi globuli bianchi, il cui ruolo è quello di combattere contro invasori stranieri come virus e batteri cattivi.

Le scoperte degli scienziati della University of Southern California mostrano che il digiuno è altamente benefico per le persone che soffrono di sistemi immunitari danneggiati, come i pazienti oncologici in chemioterapia o le persone con disturbi autoimmuni.

Valter Longo ha studiato gli effetti del digiuno sulle cellule di lievito e ha scoperto che quando affamava una colonia di cellule di lievito, circa il 95% di loro si suicidava attraverso l’apoptosi.

Smontano le proteine, dissolvono le membrane cellulari e si trasformano in cibo per il restante 5%. Ciò significa che se il corpo a digiuno può ringiovanire e moltiplicare le cellule del midollo osseo responsabili del sangue e dell’immunità, potrebbe farlo altrettanto bene o meglio quando ha molto da mangiare.

Le medicine ayurvediche e tradizionali cinesi credono che il cibo che consumiamo spesso metta a dura prova il metabolismo e la digestione. I monaci buddisti nella tradizione Theravada mangiano solo al mattino e digiunano per 16 ore dopo, affinché il corpo elabori il cibo. Per guarire o ringiovanire il corpo, i sikh spesso si astengono dal mangiare.

D’altra parte, saltiamo spesso i pasti, mangiamo di più quando siamo stressati, mangiamo per fuga o mangiamo cibi troppo elaborati e tutto questo confonde il nostro sistema digestivo. Pertanto, un breve digiuno riavvierà l’intero sistema immunitario e migliorerà la salute. Ecco alcune opzioni di digiuno:

  • Digiuno dell’acqua: solo l’acqua viene consumata per una durata specificata, per disintossicare il corpo e trattare il dolore cronico, l’artrite, l’emicrania e altro.
  • Il digiuno selettivo: questa è l’astensione da certi cibi o per certe ore del giorno.
  • Digiuno intermittente: Comprendeva periodi di digiuno e di banchetto durante il giorno, simili alla pratica dei monaci Theravada.

Puoi anche provare una mezza giornata veloce, digiunando durante la mattinata e aggiungendo un allenamento moderato. Ciò massimizzerà l’effetto delle funzioni cellulari che abbattono il grasso e liberano il glicogeno per l’uso di energia.

A seconda dell’opzione di digiuno che deciderai di provare, gli effetti sulla salute varieranno. Tuttavia, qui ci sono 8 benefici per la salute supportati dalla scienza di questa pratica:

  1. Il digiuno controlla i livelli di zucchero nel sangue riducendo la resistenza all’insulina
  2. Combatte l’infiammazione nel corpo e quindi combatte le infezioni e previene lo sviluppo di condizioni croniche, come le malattie cardiache, il cancro e l’artrite reumatoide
  3. Il digiuno potrebbe aiutarti a ritardare il processo di invecchiamento e prolungare la longevità
  4. Il digiuno ha dimostrato di essere di aiuto nella prevenzione del cancro e per aumentare gli effetti della chemioterapia
  5. Il digiuno potrebbe migliorare la salute del cuore abbassando i livelli di pressione sanguigna, colesterolo e trigliceridi
  6. Il digiuno accelera il metabolismo e limita l’assunzione di calorie durante il giorno, quindi aiuta a perdere peso
  7. Aumenta la secrezione dell’ormone della crescita, che è essenziale per la crescita, la perdita di peso, la forza muscolare e il metabolismo
  8. Potrebbe migliorare la funzione del cervello e quindi ridurre il rischio di disturbi neurodegenerativi

fonti:
themindunleashed.com
http://www.healthline.com

 

(ENGLISH VERSION)

Fasting is an ancient practice of abstaining from eating for a day, or sometimes even a week or more, and requires discipline. This practice has been used to treat various health issues, and even a brief fast can completely re-boot the immune system.

Yet, while some nutritionists criticize it, researchers have found that hunger in short spurts can kick-start stem cells into producing new white blood cells, whose role is to fight against foreign invaders such as viruses and bad bacteria.

The findings of scientists at the University of Southern California show that fasting is highly beneficial for people suffering from damaged immune systems, like cancer patients on chemotherapy, or people with auto-immune disorders.

Valter Longo has investigated the effects of fasting on yeast cells and found that when he starved a colony of yeast cells, about 95% of them would commit suicide via apoptosis.

They would disassemble the proteins, dissolve the cell membranes, and turn themselves into food for the remaining 5%. This means that if the fasting body can rejuvenate and multiply the bone marrow cells responsible for blood and immunity, it could do this as well or better when it has plenty to eat.

The Ayurvedic and Traditional Chinese Medicines believe that the food we consume often puts a strain on the metabolism and digestion. Buddhist monks in the Theravada tradition eat only in the morning, and fast for 16 hours afterward, for the body to process the food. In order to heal or rejuvenate the body, Sikhs often abstain from eating. 

On the other hand, we often skip meals, eat more when stressed, eat on the run, or eat processed foods, and all of this confuses our digestive system. Therefore, a brief fast will reboot the entire immune system and improve health. Here are some fasting options:

Water Fasting- Only water is consumed for a specified duration, to detoxify the body, and treat chronic pain, arthritis, migraines, and more.

Selective Fasting- This is abstention from only certain foods or for certain hours of the day.

Intermittent Fasting – It involved fasting and feasting periods during the day, similar to the practice of the Theravada Monks.

You can also try a half-day fast, by fasting during the morning, and adding a moderate workout.  This will maximize the effect of cellular functions which break down fat and free up glycogen for energy-use.

Depending on the fasting option you will decide to try, the effects on your health will vary. However, here are 8 science-backed health benefits of this practice:

  • Fasting controls blood sugar levels by reducing insulin resistance
  • It fights inflammation in the body and thus fights off infections, and prevents the development of chronic conditions, like heart disease, cancer, and rheumatoid arthritis
  • Fasting might help you to delay the aging process and extend longevity
  • Fasting has been found to help in the prevention of cancer and to boost the effects of chemotherapy
  • Fasting might improve heart health by lowering blood pressure, cholesterol and triglycerides levels
  • Fasting accelerates metabolism and limits the intake of calories during the day, so it helps weight loss
  • It boosts the secretion of the growth hormone, which is essential for growth, weight loss, muscle strength, and metabolism
  • It might improve the function of the brain and thus lower the risk of neurodegenerative disorders

Sources:
themindunleashed.com

www.healthline.com

 

SOURCE: Healthy Food House

Con i semi di sesamo fai scorta di antiossidanti che, combinati con le proteine vegetali e i grassi buoni, ritardano i processi d’invecchiamento

 

Esistono dei semi, in natura, che hanno proprietà antiossidanti eccezionali: tra questi, ai primi posti della classifica, ci sono quelli di lino, di chia e i semi di sesamo. In termini di versatilità in cucina, però, i semi di sesamo sono imbattibili.

Abbinati ai legumi e ai cereali, i semi di sesamo danno vita a preparazioni ricche di proteine vegetali che aumentano la massa muscolare ma non incidono sul sistema cardiovascolare e per questo sono da preferire.

Ma i semi di sesamo possono essere utilizzati anche per le impanature, aggiunti alle insalate, alle minestre, alle verdure al vapore, alle salse e, infine, alla farina per preparare il pane casalingo.

Dai semi di sesamo si estrae anche l’olio: un suo consumo costante in sostituzione di altri condimenti è stato associato a una riduzione del rischio di sviluppare il tumore allo stomaco.

Di semi di sesamo ne basta un cucchiaio al giorno

L’utilizzo quotidiano permette di immagazzinare tutti gli amminoacidi essenziali, in particolare triptofano e metionina, un alto contenuto di calcio, la preziosa vitamina E (antiossidante) e minerali importanti come magnesio, potassio, rame e ferro. L’azione anticancro dei semi di sesamo si esplica grazie alla massiccia presenza di due lignani, la sesamina e il sesamolo: in particolare quest’ultimo ha una potente azione preventiva sull’invecchiamento cellulare. I semi di sesamo hanno poi un’azione simile ai fitoestrogeni, regolano cioè i livelli di estrogeno nel sangue: per questo motivo sono utili nel prevenire il tumore al seno e diminuire il livello di colesterolo LDL.

Semi di sesamo, alleati delle donne in menopausa

Per la massiccia presenza di calcio i semi di sesamo sono consigliati alle donne in menopausa, come prevenzione e cura dell’osteoporosi. Due sono le varietà di semi di sesamo, quella bianca e quella nera. Quest’ultima ha un contenuto maggiore di antociani, sostanze antiossidanti che conferiscono il tipico colore scuro. Con il sesamo nero si prepara anche il tè: in Cina viene utilizzato da sempre come cura per

  • i reumatismi,
  • la depurazione degli organi emuntori e
  • come ritardante sulla comparsa dei capelli bianchi.

Semi di sesamo: provali in tutte le versioni

Come abbiamo detto, di semi di sesamo ne esistono di colore bianco (ottimi come snack o da aggiungere alle insalate) e nero, che andrebbero tostati in padella prima dell’utilizzo. Fra i derivati, prova la salsa tahin, il gomasio e l’olio.

  • La salsa tahin
    La salsa ottenuta dai semi pestati e dall’olio di sesamo è molto usata in tutto il bacino mediorientale. Di solito accompagna i felafel, le polpettine fritte di carne o di verdure. Viene usata anche per preparare dolci e torte.
  • Il gomasio
    È il sale integrale macinato con semi di sesamo: un condimento saporito che non deve mancare in cucina. In vendita si trova anche quello con alghe essiccate sminuzzate: ancora più gustoso!
  • L’olio di sesamo
    L’olio di sesamo si ottiene dalla spremitura a freddo dei semi. Ricco di acidi grassi polinsaturi, abbassa il colesterolo e regola la pressione sanguigna. Si usa per condire ma anche per friggere. Applicato come impacco sui capelli prima di lavarli, li nutre e li ristruttura.

Ricetta: insalata fredda di tofu, cetrioli e sesamo

Una volta alla settimana, pranza con quest’insalata di cetrioli e tofu “impanato” con i semi di sesamo: fai scorta di fitoestrogeni che mitigano i disturbi della menopausa e rinforzi le ossa.

  • Ingredienti per una porzione Un etto di tofu, un cetriolo, qualche foglia di insalata verde, olio di sesamo q.b., salsa di soia q.b., un cucchiaio di semi di sesamo bianchi e neri misti, aceto di mele q.b., un ciuffetto di prezzemolo, 2 foglie di basilico, sale e pepe q.b.
  • Preparazione
    Taglia il tofu a dadini e saltalo in padella con olio di sesamo, una spruzzata di aceto di mele e salsa di soia; regola di sale e pepe, aggiungi i semi di sesamo pestati, fai insaporire qualche minuto e unisci il battuto di prezzemolo e basilico. Quando il tofu sarà intiepidito, servilo con i cetrioli affettati e l’insalata.

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

With sesame seeds, stock up on antioxidants which, combined with vegetable proteins and good fats, delay the aging process.

There are seeds, in nature, that have exceptional antioxidant properties: among these, at the top of the ranking, there are those of flax, chia and sesame seeds. In terms of versatility in the kitchen, however, sesame seeds are unbeatable. Combined with legumes and cereals, sesame seeds give rise to preparations rich in vegetable proteins that increase muscle mass but do not affect the cardiovascular system and are therefore preferred. But sesame seeds can also be used for breading, added to salads, soups, steamed vegetables, sauces and, finally, flour to make homemade bread. Oil is also extracted from sesame seeds: its constant consumption in place of other condiments has been associated with a reduction in the risk of developing stomach cancer.

Sesame seeds need only one tablespoon a day

Daily use allows the storage of all essential amino acids, in particular tryptophan and methionine, a high calcium content, the precious vitamin E (antioxidant) and important minerals such as magnesium, potassium, copper and iron. The anticancer action of sesame seeds is expressed thanks to the massive presence of two lignans, sesamin and sesamol: in particular, the latter has a powerful preventive action on cellular aging. The sesame seeds then have an action similar to phytoestrogens, that is, they regulate the levels of estrogen in the blood: for this reason they are useful in preventing breast cancer and decreasing the level of LDL cholesterol.

Sesame seeds, allies of menopausal women

Due to the massive presence of calcium sesame seeds are recommended for menopausal women, as prevention and treatment of osteoporosis. There are two varieties of sesame seeds, white and black. The latter has a higher content of anthocyanins, antioxidant substances that give the typical dark color. With black sesame tea is also prepared: in China it has always been used as a cure for rheumatism, purification of excretory organs and as a retarder on the appearance of white hair.

Sesame seeds: try them in all versions

As we have said, there are white sesame seeds (excellent as a snack or to add to salads) and black, which should be roasted in a pan before use. Among the derivatives, try the tahin sauce, the gomasio and the oil.

  • Tahini sauce

The sauce obtained from crushed seeds and sesame oil is widely used throughout the Middle Eastern basin. It usually accompanies felafel, meat or fried meatballs. It is also used to prepare cakes and pies.
 

  • The gomasio
    It is the wholemeal salt ground with sesame seeds: a tasty condiment that should not be missed in the kitchen. Also on sale is the one with chopped dried algae: even tastier!
     
  • Sesame oil
    Sesame oil is obtained by cold pressing of the seeds. Rich in polyunsaturated fatty acids, it lowers cholesterol and regulates blood pressure. It is used for seasoning but also for frying. Applied as a compress on the hair before washing, it nourishes them and restructures them.

Recipe: cold salad of tofu, cucumber and sesame

Once a week, have lunch with this salad of cucumbers and tofu “breaded” with sesame seeds: stock up on phytoestrogens that mitigate menopausal disorders and strengthen bones.

Ingredients for a portion

A pound of tofu, a cucumber, a few leaves of green salad, sesame oil to taste, soy sauce to taste, a tablespoon of mixed black and white sesame seeds, apple vinegar to taste, a sprig of parsley, 2 basil leaves, salt and pepper to taste
 
Preparation

Cut the tofu into cubes and sauté in a pan with sesame oil, a sprinkle of apple cider vinegar and soy sauce; season with salt and pepper, add the crushed sesame seeds, cook for a few minutes and add the chopped parsley and basil. When the tofu is warmed, serve it with sliced ​​cucumbers and salad.

 

SOURCE: Riza