Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for gennaio 2017

1452349_detox-diet-si-ma-con-gustoDisintossicarsi fa dimagrire solo se non dimentichiamo che per perdere peso occorre anche cambiare stile di vita:

 

Un fatto è certo: sono troppe le persone che ricorrono a diete fai da te nell’illusione di perdere peso senza cambiare nulla del proprio stile di vita.

Spesso queste persone si affidano a grandi “beveroni” di erbe del tutto improvvisati che avrebbero lo scopo di “purificare” il corpo dagli eccessi alimentari.

Le promesse sono allettanti: non solo perdere peso, ma anche migliorare la salute dei capelli e delle unghie, favorire la digestione, stimolare il sistema immunitario.

Recentemente, i medici britannici del Milton Keynes Hospital hanno definito questa tendenza una moda  “pericolosa e inefficace”.

Il detox non si improvvisa!

In particolare i ricercatori ricordano il caso, pubblicato sulla prestigiosa rivista British Medical Journal Case Reports, di una donna di 47 anni ricoverata d’urgenza dopo aver assunto troppi rimedi a base di erbe per diversi giorni e aver bevuto acqua in quantità eccessiva.

Depurarsi degli eccessi, come quelli delle feste natalizie, diventa particolarmente rischioso quando si assume con poca consapevolezza un “cocktail” di sostanze definite “naturali”.

È importante sapere che il corpo, quando è in equilibrio, è già dotato di  un sistema affidabile di eliminazione di scorie e tossine, che può essere coadiuvato ma non sostituito:

  • la pelle,
  • l’intestino,
  • il fegato e
  • i reni,

purificano continuamente il corpo, ma occorre anche ricordare che non esistono rimedi miracolosi che si possono sostituire ad un corretto stile di vita.

Dimagrire bene, un fatto di consapevolezza

Quando si vuole dimagrire, è fondamentale sapere che si parla anche della nostra salute: nei casi più gravi è necessario affidarsi a specialisti esperti, ma è sempre bene documentarsi adeguatamente e non agire in base ai “sentito dire” o alle lusinghe della pubblicità.

Occorre poi ricordare che i tagli devono partire dagli alimenti che contengono calorie non necessarie, come le bevande alcoliche o i dolci. È importante, inoltre, non eccedere con l’assunzione di acqua: berne troppa può avere conseguenze pericolosissime.

In conclusione: depurarsi aiuta a dimagrire, ma solo se sai come farlo. Altrimenti, rischi solo di mettere repentaglio la tua salute!

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Detox makes you lose weight only if you do not forget that to lose weight you must also change your lifestyle.

One thing is certain: there are too many people who resort to  DIY diets with the illusion of losing weight without changing anything of their lifestyle. Often these people rely on large “mash” of totally improvised herbs that would aim to “purify” the body from overeating. The promises are enticing not only to lose weight but also improve the health of hair and nails, promote digestion, boost the immune system. Recently, the British doctors in Milton Keynes Hospital have called this trend a trend that is “dangerous and ineffective.”

The detox can not be improvised!

In particular, the researchers remind the case, published in the prestigious journal BMJ Case Reports, a woman of 47 years hospitalized in emergency after taking too many herbal remedies for several days and had drunk water in excessive amounts.

Purify the excesses, such as the Christmas holidays, it becomes particularly risky when it is assumed with little awareness of a “cocktail” of “natural” substances defined. It is important to know that the body, when in equilibrium, is already equipped with a reliable system of elimination of waste and toxins, which can be assisted, but not replaced, the skin, intestines, liver and kidneys, continuously purify the body but you must also remember that there are no miracle cures that can replace a healthy lifestyle.

Losing correctly  weight is a fact of awareness

When you want to lose weight, it is important to know that it also speaks of your health: in severe cases it is necessary to rely on experienced specialists, but it is always good to read up properly and not act on “hearsay” or the blandishments of advertising.

Then it must be remembered that you must start avoiding foods that contain unnecessary calories, such as alcoholic drinks or desserts. It is also important not to over take water: drink too much can have dangerous consequences.

In conclusion: detox helps you lose weight, but only if you know how. Otherwise, you risk only to jeopardize your health!

SOURCE: Riza

 

Annunci

Read Full Post »

lamentela-neuroni-jpg-pagespeed-ce-rszmjksydaOgni volta che poni l’attenzione su ciò che c’è di positivo, di lodevole e benefico in ogni circostanza o situazione stai cambiando il tuo cervello per il meglio.

 

Il Dott. Donald Hebb, neuropsicologo che sta trasformando la psicologia e la neurobiologia con le sue teorie, afferma che le cellule del cervello sviluppano delle strette relazioni tra di loro a seconda di ciò su cui abitualmente poniamo l’attenzione.

Sono abbastanza sicuro che tutti noi conosciamo persone che sono costantemente negative. Hanno sempre qualcosa di cui lamentarsi, vedono sempre il bicchiere mezzo vuoto e raramente godono di qualcosa senza trovare qualche cosa che non vada. Probabilmente tu sei una di queste persone e sebbene possa trovare tutte le ragioni del mondo per continuare ad essere negativo e vittima della vita, ora puoi scoprire cosa accade nel tuo cervello quando questa abitudine che parte in automatico prende possesso della tua mente.

Le tv e i giornali sono basati sulla lamentela e su cosa non va nel mondo, sebbene ci siano tantissime belle storie positive da raccontare, niente diventa virale come una bella tragedia, omicidio o furbata dei politici. Continuare ad indugiare in tutta questa negatività drena la tua energia e quella delle persone che hai attorno quando ti lamenti.

Tipi di persone che “succhiano” la tua energia

Ora, credo che nessuno di noi sia innocente in fatto di negatività, di tanto in tanto anche i più consapevoli si lamentano senza nemmeno rendersi conto che lo stanno facendo. E ‘praticamente una parte della nostra cultura di oggi. La Dr.ssa Robin Kowalski, professoressa di psicologia alla Clemson University spiega che tutti si lamentano, ad un certo punto, almeno un po’.

Ci sono alcune varietà quando si tratta di lamentela. Sono sicuro che si può attaccare un volto ad ognuno di questi tipi.

  • Lagnosa. Si tratta di una persona che dopo averti chiesto “come stai” comincia a raccontarti il suo monologo su tutto ciò che di negativo le è accaduto, di come gli altri si sono comportati male con lei. La persona lagnosa non vuole sentire le soluzioni, non importa quanto utili possano essere, non concepisce che le cose possano essere diversamente e si arrabbia se insisti a proporle delle soluzioni.
  • Cercano di essere simpatici. Quelli che vogliono sempre l’attenzione tutta per loro, si sentono delle vittime perché affermano che tutto gli è andato male nella vita e quindi vedono che gli altri hanno sempre di più e di meglio. Con il loro vittimismo cercano di attirare la tua complicità nel riconoscerle come vittime e bisognosi (che sia di beni materiali, o di attenzione, o di affetto o riconoscimento).
  • Lamentosi cronici. Sono coloro che vivono in uno stato di denuncia continuo che i ricercatori chiamano “ruminare”. Ciò significa che pensano sempre a qualche problema nuovo.

Tutti questi comportamenti li troviamo nei disturbi della depressione, ansia ed ossessione. Ed è stato osservato che indugiare in questi tipi di lamentela aumenta notevolmente la possibilità di sviluppare dei disturbi psicologici gravi.

Molte persone basano tutta la loro identità su un tipo di lamentela. E’ una vita davvero triste e rende pesante anche la vita di tutte le persone che per qualche ragione sono costrette a stargli attorno:

  • colleghi di lavoro,
  • familiari, ecc.

E’ famoso l’esempio di Roy Martina che quando la mamma lo chiamava al telefono periodicamente, lei raccontava per ore tutte le sue lamentele su come i familiari si erano comportati, qualche disgrazia che era successa, ecc. Un giorno Roy Martina le ha detto:

  • Mamma adesso basta. Richiamami quando hai qualcosa di bello da darmi. Ciao“.

La negatività ricabla il tuo cervello

È stato scientificamente provato che le onde elettromagnetiche cerebrali caratteristiche della lamentela spengono letteralmente i neuroni dell’ippocampo che sono associati alla risoluzione dei problemi. Insomma chi si lamenta non cerca soluzioni ma vuole rimanere nella negatività. Inoltre essere esposti per più di trenta minuti a negatività e chiacchiere superflue provoca danni effettivi a livello cerebrale, sia che provengano da persone in carne o dalla televisione

Il Dott. Donald Hebb spiega che i neuroni si connettono tra loro nel nostro cervello come conseguenza di particolari esperienze di vita. Per esempio, ogni volta che abbiamo un pensiero o un sentimento o sensazione fisica rispetto ad una situazioni, migliaia di neuroni vengono attivati e tutti si riuniscono per formare una rete neurale rispetto a quella situazione. Il cervello impara a far scattare gli stessi neuroni con il pensiero ripetitivo.

Quindi se stiamo pensando ai benefici e i lati positivi di una certa situazione, i neuroni della zona della ricompensa del cervello si attivano e si connettono per aiutarti ad imparare e ricordare quella particolare situazione. Se vivrai una situazione simile in futuro, gli stessi neuroni “positivi” si attiveranno facendoti trarre il meglio da quella esperienza.

Viceversa quando pensiamo negativamente rispetto alle varie situazioni, non troveremo mai nulla di positivo neanche tra quelle che si ripresenteranno in futuro perché crederemo che sia qualche “imbroglio” o qualche ostacolo inaccettabile da farti rifiutare la positività che ha da offrirti. Questo accade spesso nelle relazioni intime con i nuovi partner o anche quando si cambia lavoro. I neuroni della zona dell’evitare il pericolo del cervello si attivano e ti fanno vivere tutto come una minaccia.

In sostanza, se si mantiene la mente concentrata sulla critica, preoccupazione e la vittimizzazione, la nostra mente sarà portata più facilmente ad avere quegli stessi pensieri nelle situazioni future. I nostri modelli di pensiero cablano il nostro cervello a reagire positivamente o negativamente alle situazioni che si presentano. La sua affermazione famosa è che “I neuroni che si attivano insieme si connettono tra loro“.

Quattro trucchi per evitare la negatività

  1. Siate grati: anche per la più piccola delle cose.
  2. Diventa consapevole: riconosci da solo quando cadi nella lamentela. Ti renderai conto che questo meccanismo automatico è totalmente inutile e ti rovina la giornata. Congratulati con te stesso/a per essere diventato consapevole!
  3. Crea nuovi percorsi neuronali: Siamo in grado di creare nuove abitudini automatiche positive. Cerca di fare esperienze che ti rendono felice, prenditi del tempo per le tue passioni. Passa del tempo, anche un paio di minuti al giorno, a ricordare degli eventi positivi che sono accaduti nella tua vita. Ti sorprenderai che praticando questo punto comincerai a ricordati di esperienze che avevi rimosso.
  4. Lascia andare: per il tuo bene, felicità e gioia, lasciare andare ciò che non è utile e dannoso e coltiva invece ciò che è piacevole.

Leggi anche

Studio di Harvard mostra che la meditazione letteralmente rigenera la materia grigia in 8 settimane

Scuola sostituisce la Punizione con la Meditazione. I risultati sono incredibili

 

FONTE: Donidream

 

(ENGLISH VERSION)

Whenever you put your attention on what is positive, commendable and beneficial in every circumstance or situation you’re changing your brain for the better. Dr. Donald Hebb, a neuropsychologist which is transforming the psychology and neurobiology with its theories, says that brain cells develop the close relationship between them depending on what on which we focus routinely.

I’m pretty sure we all know people who are constantly negative. They always have something to complain about, always see the glass half empty and rarely enjoy something without finding anything that does not go. Probably you are one of these people, and although you can find all the reasons in the world to continue to be negative and victim of life, you can now find out what happens in your brain when this habit that starts automatically takes possession of your mind.

The TV and the newspapers are based on the complaint and on what is wrong in the world, although there are many beautiful positive stories to tell, nothing goes viral like a beautiful tragedy, murder or tricksy politicians. Continuing to indulge in all this negativity drains your energy and that of the people around you when you complain.

Types of people who “suck” your energy

Now, I think that none of us is innocent in terms of negativity, from time to time even the most aware complain without even realizing that they are doing it. It is pretty much a part of our culture today. Dr. Robin Kowalski, professor of psychology at Clemson University explains that everyone is complaining about, at some point, at least a little.

There are some varieties when it comes to complaints. I’m sure you can stick a face to each of these types.

  • Whining. This is a person who, after having asked “how are you” begins to tell you their monologue about everything bad that has happened to them, how others behaved badly with them. The whining person does not want to hear solutions, no matter how useful they may be, it does not conceive that things can be different and becomes angry if you insist to propose solutions.
  • They try to be nice. Those who want more attention to themselves, they feel to be the victims because they state that everything went wrong in life for them and then they see that others are getting better and better. With their victimhood they try to attract your complicity in recognizing them as victims and needy (whether of material goods, or attention, or affection or recognition).
  • Chronic complainers. They are those who live in a state of constant complaint that the researchers call “rumination”. This means that they always think of some new problem.

All of these behaviors can be found  in depression, anxiety and obsession. And it was observed that linger in these types of complaints greatly increases the possibility of developing serious psychological disorders.

Many people base their whole identities on a type of complaint. It is a very sad life and makes heavy even the lives of all people who for some reason are forced to be around them:

  • co-workers,
  • family members,
  • etc.

And famous example of Roy Martina that when his mother called him on the phone from time to time, she told for hours all her complaints about how the family had behaved, some misfortune that had happened, and so on. One day Roy Martina told her:

  • “Mom it is enough. Call me back when you have something nice to tell me. Hello”.

Negativity rewires your brain

It has been scientifically proven that the electromagnetic waves characteristics in the brain due to  complaints literally off hippocampal neurons that are associated with troubleshooting. So those who complain do not look for solutions but want to stay in negativity. Also be exposed for more than thirty minutes to negativity and unnecessary chatter causes actual damage in the brain, whether they come from people of flesh or television

Dr. Donald Hebb explains that neurons connect to each other in our brain as a result of specific life experiences. For example, every time we have a thought or a feeling or physical sensation compared to a situation, thousands of neurons are activated and all come together to form a neural network with respect to that situation. The brain learns to trigger the same neurons with the repetitive thought.

So if we are thinking about the benefits and the positive aspects of a situation, the neurons of the brain’s reward area are activated and can be fitted to help you learn and remember that particular situation. If you live a similar situation in the future, the same  “positive” neurons will activate letting you make the most of that experience.

Conversely when we think negatively compared to situations, we will never find anything positive even among those that will arise again in the future because you believe it is some “cheating” or some unacceptable obstacle to make you reject the positivity that has to offer. This often happens in intimate relationships with new partners or even when you change jobs. The neurons of the avoidance of the danger area of the brain are activated and make you live everything as a threat.

Basically, if you keep your mind focused on the criticism, concern and victimization, our mind will be brought more easily to have those same thoughts in future situations. Our thought patterns create a net in our brains to react positively or negatively to situations that arise. His famous statement is that “neurons that fire together connect to each other.”

Four tricks to avoid the negativity

  1. Be grateful: even for the smallest of things.
  2. Become aware: you recognize yourself when you fall in complaints. You’ll realize that this automatic mechanism is totally unnecessary and ruins your day. Congratulate yourself / a on becoming aware!
  3. Creates new neural pathways: We can create new positive automatic habits. Try to make experiences that make you happy, take time for your passions. Spend some time, even a few minutes a day to remember the positive events that have happened in your life. You will be surprised that by practicing this point you begin to remember experiences you had removed.
  4. Let go: for your own good, happiness and joy, let go of what is not useful and harmful, and instead cultivates what is pleasant.

 

SOURCE: Donidream

 

Read Full Post »

obesUna ricerca inglese indica questi fattori, come corresponsabili dell’obesità infantile, una problema che si sta trasformando in una vera epidemia.

 

Ormai da anni i medici e i nutrizionisti concordano sul fatto che la colazione rappresenta il pasto più importante della giornata. Un ulteriore conferma arriva da uno studio dell’ University College di Londra: saltare il “breakfast”  quando si associa ad un sonno poco regolare, è una delle cause dell’obesità infantile, che predispone sensibilmente all’eccesso di peso in età adulta.

A differenza di altri studi che si sono concentrati sulla qualità o sulla quantità del cibo ingerito, i ricercatori in questo caso hanno cercato di porre le basi per un’osservazione più ampia in cui è lo stile di vita nell’arco delle 24 ore a dover essere rivisto.

Un grande studio lo conferma: la colazione è fondamentale

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista americana Pediatrics: sono stati esaminati i dati relativi ai bambini nati in quasi ventimila famiglie in tutto il Regno Unito.

I controlli clinici sono stati periodici e prevedevano il controllo del peso e dell’altezza all’età di 3, 5, 7 e 11 anni. Dopo questi controlli clinici i ricercatori hanno potuto raccogliere ed esaminare una notevole quantità di dati clinici relativa sia ai bambini sia a loro genitori. Quello che è emerso in modo certo è che l’ambiente familiare gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo sia fisico sia psicologico dei bambini, al di là della qualità e della quantità del cibo assunto.

Troppo poco sonno moltiplica la fame

Ad esempio, la presenza di genitori obesi aumenta il rischio che i figli manifestino durante la crescita lo stesso problema; altrettanto peso sembra essere attribuibile allo stile di vita della mamma in gravidanza, l’assunzione di fumo durante lo sviluppo del feto potrebbe avere n ruolo nel compromettere la capacità di regolazione ormonale poi durante la crescita.

Questa nuova ricerca ha voluto porre l’accento, quindi, sulle abitudini di vita all’interno della famiglia. Un fattore determinante quanto il cibo è, infatti, la regolarità del sonno: spesso  i bambini risentono dei ritmi dei genitori e tendono a rimandare sempre più l’orario dell’addormentamento, cosa che nel tempo  può determinare una progressiva carenza di sonno.

Quest’alterazione del ritmo del sonno comporta u’alterazione ormonale su più piani, primo fra tutti  la riduzione del livello di leptina, l’ormone responsabile del senso di sazietà. Il consiglio degli esperti è di intervenire in maniera puntuale nei primi anni di vita per ridurre il rischio di obesità, insegnando ai bambini a mantenere uno stile di vita regolare e costante.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

A British research indicates these factors, as co-responsible for childhood obesity, a problem that is turning into a real epidemic issue.

For years now, doctors and nutritionists agree that breakfast is the most important meal of the day. A further confirmation comes from a study of the University College London: 

  • skipping the “breakfast” when binding to a little regular sleep, is one of the causes of childhood obesity, which predisposes significantly to excess weight into adulthood.

Unlike other studies that have focused on the quality or quantity of food eaten, the researchers in this case sought to lay the foundations for broader observation where the lifestyle over 24 hours to have to be revised.

A large study confirms it: the breakfast is essential

The study was published in the American  Pediatrics journal: Data relating to children born in almost twenty thousand families across the UK have been examined. Clinical controls were periodical and predicted weight control and the height at the age of 3, 5, 7 and 11 years.

After these checks clinical researchers have been able to collect and examine a significant amount of clinical data regarding both children tand their parents. What has emerged so certain is that the family environment plays a fundamental role in the development of children, both physical and psychological, beyond the quality and quantity of food intake.

Too little sleep expands hunger

For example, the presence of obese parents increases the risk that the children manifest during growth the same problem; such weight seems to be attributable to the  lifestyle of the pregnant mother, the intake of smoking during fetal development may have no role in compromising the ability of hormonal regulation and during growth.

This new research has wanted to emphasize, therefore, on the living habits within the family. A determining factor as the food is, in fact, the regularity of sleep: often children affected by the parental rhythms and tend to put off more and more the time of going to sleep, which over time can lead to a progressive lack of sleep.

This alteration of the sleep hormone involves un alteration on several levels, first of all the reduction in the level of leptin, the hormone responsible for satiety. Expert advice is to intervene in a timely manner in the first years of life to reduce the risk of obesity by teaching children to maintain a regular  and constant lifestyle.

SOURCE: Riza

 

 

Read Full Post »

assurance-vie-620x330Molte volte chi si mostra eccessivamente sicuro e col successo sempre in tasca, nasconde il timore di non essere amato: ne esci solo guardando le tue fragilità.

 

Lavoro prestigioso e redditizio, stile di vita da esibire, vacanze da fare invidia, appartamento lussuoso, partner da sfoggiare, sicurezza di sé totale e senza dubbi. È questo il cliché irrinunciabile e assai “propagandato” della persona vincente; un’immagine forte, cui molti di noi tendono, che però spesso nasconde problemi personali e familiari insospettabili.

Il problema è che la persona che lo insegue non può farne a meno, e pur di raggiungerlo o mantenerlo è disposta a negare problemi, disagi e dubbi sia propri che di chi gli sta vicino, soprattutto con il partner, con tutte le conseguenze negative che si possono immaginare.

I “malati di vittoria” tendono a non ammettere mai l’errore e a trovare scuse, non riescono a stare fermi senza fare niente e spendono molto per tutto ciò che considerano “da vincente”, mentre sono tendenzialmente molto avidi per tutto il resto.

Non aver paura di mostrare le tue insicurezze 

Il bisogno spasmodico di mostrarsi sempre vincente e sicuro, oggi tipico anche di molte donne “in carriera”, deriva quasi sempre dal suo contrario:

  • una profonda, antica insicurezza mai affrontata e la paura, se si perde, di non essere accettati o amati. 

Così, anche se il “vincente” miete grande successo sociale e sentimentale, finché i rapporti restano in superficie, in lui si scava una profonda infelicità e di quel successo, che non poi basta mai, di cui non può realmente godere, perché non può mai mollare la presa. Inoltre, poiché è inconsapevole del problema, tenta di risolverlo potenziando l’immagine del ”vincente” e peggiorando così le cose, in un circolo vizioso senza fine…

Cosa fare per non perdere la felicità 

  • Accetta gli alti e bassi: fa parte della natura a tutti i livelli. È naturale, anzi necessario, che ci siano vittorie e sconfitte, benessere e crisi. Negarlo significa bloccare il fluire della vita e creare i presupposti per una crisi ben più grande e difficile da risolvere. Renditi conto che vincere sempre è impossibile e che per mantenere questo cliché ci vuole immensa energia, che si esaurirà di colpo.

 

  • Non esibire i successi: impara a goderteli intimamente. Mostrarli sempre all’esterno diluisce l’emozione e la soddisfazione e non le fa sedimentare dentro di te.

 

  • Non mascherare la crisi: non sdrammatizzare le tue difficoltà. Dando di te un’immagine più umana avvicinerai a te persone più vere, scoprirai chi ti vuole davvero bene e ti prende proprio per come sei. Inoltre potrai chiedere davvero aiuto e ottenere risposte reali su vari piani. Farsi aiutare da uno psicoterapeuta ad esempio non è una sconfitta, ma un segno di maturità.
  • Ammetti e vivi le difficoltà: mettiti in gioco nelle piccole crisi del quotidiano. Ascolta il tuo partner se ti comunica una difficoltà di coppia, non coprire di regali un problema di tuo figlio, non soffocare i disagi e i piccoli dubbi che ti vengono. Il vincente autentico non è chi vince sempre, ma chi esce con dignità e amore dalle difficoltà della vita.

 

  • Fai qualcosa per gli altri: volontariato, beneficienza o altro, ma senza dirlo, in modo umile e anonimo. Non devi salvare nessuno, né “fare il grande”. Non riproporre il vincente anche lì, non ricavarne gratificazioni narcisistiche. Sii gratuito: aiuta e basta.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Many times those who show too secure and always with success in their pocket, are hiding the fear of not being loved: you come out just by looking at your weaknesses.

Prestigious and lucrative job, a lifestyle to be exhibited, a holiday rivals, luxurious apartment, partners to show off, security of the whole self, and no doubts. This is the indispensable and very cliché “touted” to the winner person; a strong image, which many of us tend to have, but often it hides a personal and unsuspected family problems .

The problem is that the person who follows him can not help it, and in order to reach or maintain it is willing to deny problems, hardships and doubts whether its that those around him, especially with your partner, with all the negative consequences that you can imagine.

The “obsessed by victory” tend to never admit his error and finding always excuses, he can not sit still and do nothing and spends a lot for everything that he considers “for winner”, while it is basically very greedy for everything else.

Do not be afraid to show your insecurities

The spasmodic need to show to be more successful and secure, is now also typical of many  “career” women, and is derived mostly from its opposite: a deep, ancient insecurity ever faced and fear, if you lose, of not being accepted or loved.

Thus, even if the “winner” reaps great social  and sentimental success, as long as the relations remain on the surface, but he digs a deep unhappiness and of that success, then that does not get enough, he can not really enjoy it, because it can never give up the socket. Moreover, since he is unaware of the problem, he tries to solve it by strengthening the image of the “winner” and worse case, in a vicious circle without end …

What to do for not losing happiness

  • Accept the ups and downs: it is part of nature at all levels. It is natural, even necessary, there are wins and losses, wellness and crisis. To deny it is to block the flow of life and create the conditions for a crisis much bigger and more difficult to solve. Realize that it is impossible to always win and to keep this cliché it takes immense energy, which will run out of shot.

 

  • Do not show the success: learn to enjoy them intimately. Always show on the outside dilutes the excitement and satisfaction and not the sediment that is inside you.

 

  • Do not disguise the crisis: do not play down your difficulties. Giving you a more human draw near to you as real people, find out who really loves you and grab you just as you are. You can also ask really help and get real answers on various floors. Get help from a psychotherapist for example is not a defeat, but a sign of maturity.

 

  • Admit and live difficulties: get in the game in small daily crises. Listen to your partner and what he tells you if you have a couple problems, do not cover your child’s gifts a problem, not stifle the hardships and little doubt that you are. The real winner is not who always wins, but who comes out with dignity and love from the difficulties of life.

 

  • Do something for others: volunteer, charity or other, but without saying it, so humble and anonymous. You do not save anyone, nor “make big.” Do not repeat the winning there too, not derive narcissistic gratification. Do things for free: help without expectance.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

cavoloIl cavolo è una delle verdure più nutrienti e salutari del mondo. Dovrebbe essere considerato fondamentale per la nostra alimentazione, per via della ricchezza e varietà delle sua proprietà benefiche. 

Nella famiglia dei cavoli troviamo

  • il cavolo riccio,
  • il cavolo nero e rosso,
  • il cavolo verza,
  • il cavolo cappuccio,
  • il cavolo broccolo e
  • i cavolfiori.

1) Antinfiammatorio Naturale

Tra le caratteristiche benefiche dei cavoli spiccano le proprietà antinfiammatorie. L’infiammazione è la causa principale di malattie come

  • artrite,
  • patologie cardiache e
  • autoimmuni,

che possono comparire a causa di un eccessivo consumo di prodotti di origine animale. Il cavolo è un potente antinfiammatorio naturale, in grado di prevenire e di alleviare le patologie infiammatorie.

2) Più ricco di ferro della carne

Il cavolo è ricco di ferro. Contiene più ferro per caloria di una bistecca. L’assimilazione del ferro contenuto negli alimenti di origine vegetale è facilitata dal consumo di cibi ricchi di vitamina C. Inoltre, questo ortaggio contiene più calcio per caloria del latte. Il nostro corpo sarebbe in grado di assimilare il calcio vegetale ancora meglio rispetto al calcio derivato dai latticini.

 

3) Ricco di fibre

Le fibre sono un macronutriente che abbiamo bisogno di assumere ogni giorno. La carenza di fibre nell’alimentazione può causare problemi digestivi e cardiaci, fino a provocare la comparsa di tumori. Gli alimenti molto ricchi di proteine, come la carne, non contengono fibre. Una normale porzione di cavoli fornisce al nostro organismo il5% delle fibre necessarie ogni giorno, insieme a 2 grammi di proteine.

 

4) Ricco di acidi grassi (omega 3 e omega 6)

Gi acidi grassi omega 3 giocano un ruolo importante nel mantenimento della salute. Una porzione di cavoli contiene circa 120 milligrammi di acidi grassi omega 3 e circa 92 milligrammi di acidi grassi omega 6. Gli acidi grassi essenziali devono essere assunti ogni giorno. Altre fonti alimentari che li contengono sono le noci, l’olio e i semi di lino.

 

5) Ricco di calcio

Il cavolo è una delle maggiori fonti vegetali di calcio: 3/4 tazze di cavolo riccio contengono tanto calcio quanto una tazza di latte vaccino. Il cavolo verde crudo, ad esempio contiene 72 mg di calcio per 100 gr.

 

6) Rinforza il sistema immunitario

Il cavolo è una fonte importante di sostanze benefiche che aiutano il sistema immunitario a difendere il nostro organismo dalle malattie e dagli attacchi di germi e batteri.

cavolo

 

7) Antiossidante naturale contro i radicali liberi

E’ ricco di vitamina A vitamina C, ma anche di carotenoidi e flavonoidi dalle spiccate proprietà antiossidanti, che con la loro azione contribuiscono alla prevenzione dei malanni e dell’invecchiamento precoce. I cavoli contengono oltre 45 tipi di flavonoidi, con la quercitina al primo posto. I flavonoidi presenti nei cavoli uniscono benefici antiossidanti e antinfiammatori, che lo rendono un alimento adatto per la prevenzione dello stress ossidativo.

 

8) Disintossicante e Antitumorale

E’ stato provato scientificamente che il consumo di cavoli si rivela efficace per ridurre il rischio di contrarre alcuni tipi di cancro, con particolare riferimento al cancro

  • al seno,
  • alla vescica,
  • alle ovaie,
  • al colon e
  • alla prostata.

Il consumo di cavoli aiuta il nostro organismo a disintossicarsi. Alcuni componenti presenti nel cavolo sarebbero infatti in grado di regolare l’eliminazione delle tossine a livello genetico. Il consumo di crucifere, infatti, contribuisce all’incremento della presenza di glucosinolati, degli enzimi naturaliconsiderati in grado di aiutare l’organismo dalle sostanze cancerogene e il fegato a depurarsi.

 

9) Abbassa la pressione

Il cavolo è un ottimo alleato contro l’ipertensione e la pressione alta grazie alla presenza dell’acido glutammico, un aminoacido che, come è stato dimostrato, contribuisce notevoltmente ad abbassare la pressione sanguigna

 

10) Protegge cuore e arterie

Recenti ricerche hanno messo in evidenza come gli ortaggi della famiglia dellecrucifere, grazie al sulforafano in essi contenuto, riescano a riattivare l’Nrf2, la proteina addetta amantenere i vasi sanguigni sgomberi dagli accumuli di grasso, principali cause delle malattie cardiocircolatorie come angina, infarto, ictus e, appunto, arteriosclerosi.

 

Nutriente come la carne, ma più sostenibile

Da non sottovalutare è l’aspetto della sostenibilità. Ormai conosciamo bene l’impatto ambientale degli allevamenti intensivi sul pianeta. E’ sufficiente fare un rapido confronto per sapere che occorrono soltanto 60 giorni per poter gustare dei nuovi cavoli a partire dalla semina, mentre per l’allevamento dei bovini serviranno dai 18 ai 24 mesi prima di poter avere a disposizione nuova carne.

I cavoli sono molto resistenti, anche ai climi freddi, e possono essere facilmente coltivati nelle aziende agricole o nell’orto, con un minore dispendio di acqua ed energia rispetto a quanto necessario per il mantenimento dei bovini allevati per la macellazione.

Come godere dei benefici del cavolo

La cottura al vapore permette che il cavolo mantenga le sostanze nutritive necessarie ad abbassare il colesterolo. Il vapore permette infatti di non alterare troppo la qualità delle fibre vegetali presenti nei cavoli. Affinché il cavolo mantenga le proprie caratteristiche benefiche, la cottura non dovrà superare i 5 minuti. Potrete condire i cavoli con olio, pinoli e aceto balsamico per renderli ancora più saporiti e gustare unanutriente insalata autunnale.

Per riuscire ad ottenere tutti i benefici per la salute garantiti dai cavoli e dagli ortaggi della famiglia delle crucifere, arricchite la vostra dieta consumandoli almeno due o tre volte alla settimana, in porzioni abbondanti.

FONTE: Greenme (Marta Albè)

 

(ENGLISH VERSION)

Cabbage is one of the most nutritious  and healthy vegetable in the world. It should be considered essential to our food supply, because of the richness and variety of its beneficial properties.

In the cabbage family are collard greens, kale and red, savoy cabbage, cabbage, broccoli, cabbage and cauliflower.

1) Natural Anti-Inflammatory

Among the beneficial characteristics of the cabbage stand the anti-inflammatory properties. The inflammation is the root cause of diseases such as

  • arthritis,
  • heart disease and
  • autoimmune disorders,

which can occur due to excessive consumption of animal products. Cabbage is a powerful natural anti-inflammatory, can prevent and alleviate inflammatory disorders.

2) Contains more iron than the meat

Cabbage is rich in iron. It contains more iron per calorie than a steak. The assimilation of the iron contained in plant foods is facilitated by the consumption of foods rich in vitamin C. In addition, this vegetable contains more calcium per calorie milk. Our body would be able to assimilate the vegetable football even better than the calcium derived from dairy products.

3) Rich in fiber

The fibers are a macronutrient that we need to take each day. The lack of fiber feeding can cause digestive and heart problems, to cause the appearance of tumors. The very protein-rich foods, such as meat, do not contain fiber. A normal portion of cabbage provides the body of 5% of the necessary fiber each day, along with 2 grams of protein.

4) Rich in fatty acids (omega 3 and omega 6)

Gi omega 3 fatty acids play an important role in maintaining health. One serving of kale contains about 120 milligrams of omega 3 fatty acids and about 92 milligrams of omega-6 fatty acids Essential fatty acids must be taken every day. Other food sources that contain them are nuts, olive oil and flax seed.

5) Rich in calcium

Cabbage is one of the largest vegetable sources of calcium: 3/4 cups of kale contain as much calcium as a cup of cow’s milk. The raw green cabbage, for example, contains 72 mg of calcium per 100 grams.

6) It strengthens the immune system

Cabbage is an important source of beneficial substances that help the immune system to defend the body from disease and germs and bacteria attacks.

cavolo

7) natural antioxidant against free radicals

And it is rich in vitamin A and vitamin C, but also of carotenoids and flavonoids with strong antioxidant properties, which by their actions contribute to the prevention of illness and premature aging. Sprouts contain more than 45 types of flavonoids, with quercetin first. The flavonoids present in the cabbage combine antioxidant and anti-inflammatory benefits, which make it a suitable food for the prevention of oxidative stress.

8) Detoxification and Cancer

And it is scientifically proven that consumption of cabbage is effective to reduce the risk of contracting certain types of cancer, particularly

  • breast cancer,
  • bladder,
  • ovarian,
  • colon and
  • prostate.

Consumption of cabbage helps the body to detoxify. Some components present in the cabbage would in fact able to adjust the elimination of toxins at the genetic level. The consumption of cruciferous vegetables, in fact, contributes to the increase of the presence of glucosinolates, and of enzymes that help the body and liver to detox from carcinogens.

9) Lower the pressure

Cabbage is a good ally for hypertension and high blood pressure due to the presence of glutamic acid, an amino acid that, as has been demonstrated, to be  effective  to lower blood pressure

10) Protects the heart and arteries

Recent research has shown that vegetables the cabbage family, thanks to sulforaphane contained in them, are able to re-activate the Nrf2, a protein involved in the evictions and maintain  blood vessels by fatty deposits, the main causes of cardiovascular diseases such as

  • angina,
  • heart attack,
  • stroke, and, in fact,
  • arteriosclerosis.

Nutritious as meat, but more sustainable

Not to be underestimated is the aspect of sustainability. By now we know well the environmental impact of factory farming on the planet. Just do a quick comparison to know that it takes only 60 days to be able to taste the new sprouts from seeds, while for the breeding of cattle it will need 18 to 24 months to be able to have new flesh. Sprouts are very durable, also during  cold climates, and can be easily grown on farms or in the garden, with less waste of water and energy than is needed for the maintenance of cattle raised for slaughter.

How to enjoy the benefits of cabbage

Steaming allows the cabbage retains the nutrients needed to lower cholesterol. The steam makes it possible not to alter too much the quality of vegetable fibers found in cabbage. In order for the cabbage maintains its beneficial characteristics, the baking must not exceed 5 minutes. You can season the cabbage with olive oil, pine nuts and balsamic vinegar to make them even more flavorful and taste in an autumn salad.

To be able to get all the health benefits guaranteed by the cabbage and the family of cruciferous vegetables, enrich your diet, consuming at least two or three times a week, in large portions.

SOURCE: Greenme (Marta Albè)

Read Full Post »

carciofo-img-evidLe origini del carciofo sono arabe, infatti il nome carciofo deriva dall’arabo “al kharshuf” , ma  troviamo sue tracce anche in Egitto nel 200 a.c.  come alimento capace di donare molta forza.

Il carciofo viene citato da Teofrasto filosofo e botanico greco e da Galeno medico greco che lo somministrava ai suoi pazienti come depurativo rilassante e diuretico. Plinio il Vecchio gli riconosce le medesime proprietà e lo scopre anche come potente afrodisiaco.

Si diffonde per tutto il Mediterraneo e probabilmente gli spagnoli lo importano in Italia, dove in Sicilia trova il clima perfetto per la sua maggior coltivazione. E’ grazie a Caterina de’ Medici che, in epoca rinascimentale, il carciofo diventa ingrediente di ottime pietanze ampliando il suo utilizzo anche in cucina.

L’ Italia oggi è uno dei maggiori produttori di carciofi e le varietà coltivate sono moltissime.

Proprietà

Il carciofo deve la sua importanza nella nostra alimentazione e salute alla cinarina, un polifenolo dal sapore un po’ amaro che lo caratterizza e che ha le proprietà di stimolare la produzione ed il deflusso di bile, di protezione del fegato, di rigenerazione delle cellule epatiche.

Grazie a queste proprietà il carciofo è utile in caso di disturbi gastro-intestinali: digestione difficile, stipsi,reflusso gastroesofageo.

Il carciofo è inoltre ricco di minerali tra cui ferro, potassio, sodio, fosforo, zinco e manganese, vitamina A, vitamina C e vitamine del gruppo B. Gli zuccheri che contiene sono la mannite e l’ inulina che possono essere assunti dai diabetici.

Il carciofo ha poche calorie ed è un ottimo depurativo: è infatti consigliato durante diete a regime ipocalorico e per disintossicarsi da sostanze tossiche come l’alcool grazie alla proprietà di stimolare la diuresi.

I flavonoidi contenuti nel carciofo sono potenti antiossidanti e sono utili per mantenere bassi i livelli di colesterolo, portando vantaggio a tutto lapparato cardiovascolare.

E’ utilizzato in fitoterapia per trattare indigestioni, intossicazioni, sindromi del colon irritabile, disturbi della cistifellea e del fegato.

E’ un alleato di bellezza poiché ha la proprietà di rinforzare unghie e capelli.

 

Quale carciofo scegli?

Le varietà di carciofo presenti solo in Italia sono molte, vi indichiamo quelle più conosciute:

  • Violetto di Chioggia: le sue foglie affusolate terminano con delle spine, il suo colore è verde chiaro ed è buono al forno, lesso, soffritto in padella.
  • Violetto di Albenga: ha forma allungata con le foglie chiuse e spinose ma tenere, è verde scuro con sfumature viola ed è ottimo consumato crudo grazie al suo sapore dolce.
  • Romanesco: è grosso, di forma sferica e le foglie non hanno spine, il suo colore è verde viola, è ottimo cucinato “alla giudia” (ricetta laziale che lo frigge nell’olio e lo apre a forma di rosa)
  • Masedu Sardo: ha forma allungata con foglie grandi e spinose di colore verde scuro e viola è ottimo crudo, in pinzimonio e al forno.

La leggenda del carciofo

Nella mitologia greca vi è una leggenda: Zeus si innamorò della bellissima  Cynara, ninfa dai capelli color cenere, occhi verdi con sfumature viola e dal corpo sinuoso ed elegante. Zeus la corteggiò molto ma lei lo rifiutò molte volte. Un giorno in preda all’ira ed alla gelosia per non essere corrisposto Zeus la trasformò in carciofo spinoso e rigido, del colore dei suoi occhi ma con un cuore tenero come il suo animo.

 

FONTE: BenessereCorpoMente

 

(ENGLISH VERSION)

The Artichoke origins are Arab, in fact the artichoke name comes from the Arabic “el kharshuf” but we find its traces in Egypt in 200 a.c. as food able to give a lot of strength.

The artichoke is quoted by the philosopher and greek botanist Theophrastus  and greek doctor Galen  who was administering to his patients as a relaxing and cleansing diuretic. Pliny the Elder gives that person the same properties and it also turns out as a powerful aphrodisiac.

It spreads throughout the Mediterranean and probably the Spaniards also import it to Italy where Sicily is the perfect climate for its most cultivation. And thanks to Catherine de Medici, who, during the Renaissance, the artichoke becomes an ingredient in delicious dishes expanding its use in the kitchen.

Italy is now one of the largest producers of artichokes and varieties are many.

Property

The artichoke owes its importance to our diet and health to cynarin, a polyphenol taste a bit bitter that characterizes it and that has the property to stimulate the production and flow of bile, the liver protection, regeneration of liver cells .

Thanks to these properties, the artichoke is useful in case of gastro-intestinal problems:

  • poor digestion,
  • constipation,
  • gastroesophageal reflux.

The artichoke is also rich in minerals including iron, potassium, sodium, phosphorus, zinc and manganese, vitamin A, vitamin C and B vitamins. The sugars it contains are the mannitol and the inulin that can be taken by diabetics.

The artichoke has few calories and is an excellent cleansing: it is advised during low-calorie diets to speed and to detoxify toxic substances like alcohol thanks to the property to stimulate the diuresis.

Flavonoids are powerful antioxidants contained in the artichoke and are useful to maintain low cholesterol levels, bringing benefit to the whole cardiovascular system.

It is used in herbal medicine to treat

  • indigestion,
  • intoxication,
  • irritable bowel syndrome,
  • gallbladder and
  • liver disorders.

And an ally of beauty as it has the properties to strengthen nails and hair.

Which artichoke to choose?

The varieties of artichoke present only in Italy are many, we show the best known:

  • Violet Chioggia: its slender leaves ending with thorns, its color is light green and is good baked, boiled, fried in a pan.
  • Violet Albenga has an elongated shape with closed leaves and thorny but keep, is dark green with purple hues and it is excellent eaten raw because of its sweet taste.
  • Romanesco is big, spherical in shape and the leaves do not have thorns, its color is purple, is great cooked “to the Jewish style” (Lazio recipe that frying oil and opens it in the shape of pink)
  • Masedu Sardo has an elongated shape with large leaves and spiny dark green and purple is great raw, with vinaigrette and baked.

Artichoke Legend

In Greek mythology there is a legend:

Zeus felt in love with the beautiful Cynara, nymph with ash-colored hair, green eyes with purple shades and by the sinuous and elegant body. Zeus courted her much but she refused him many times. One day in anger and jealousy for not being paid Zeus transformed her into thorny and hard artichoke, the color of her eyes but with a tender heart as her soul.

SOURCE: BenessereCorpoMente

Read Full Post »

Hemp Flour in a wooden bowl, hemp seed in a bag and on the table, hemp oil in a glass jar, hemp leaf on the background of wooden boards

La canapa è ricca di omega 3 e 6, non contiene glutine, ha pochi grassi ed è ideale per un effetto detox dopo gli eccessi alimentari e contro la stitichezza

 

La canapa è una pianta dai numerosi utilizzi, sempre più conosciuta anche nel nostro Paese (tanto che dal 17 al 19 febbraio a Roma si terrà la terza edizione di una fiera interamente dedicata a questa pianta) e che viene impiegata in vari settori, dall’alimentazione alla cosmesi, dalla bioedilizia all’abbigliamento.

I suoi semi sono ricchissimi di Omega 3 e Omega 6, che aiutano a mantenere in salute cuore e arterie, e contengono proteine (tutti gli 8 amminoacidi essenziali, inclusi metionina e cisteina), vitamine, carboidrati, sali minerali e fibre.

Si tratta di un alimento 100% gluten free e può essere consumato anche da chi ha scelto di eliminare i prodotti animali dalla propria alimentazione. Il ridotto apporto di grassi e zuccheri ne consente il consumo anche in caso di diete ipocaloriche.

Olio di canapa: prendine 2 cucchiaini al giorno per un effetto detox

La canapa può essere consumata sotto diverse forme: semi, farina, infusi, olio. L’importante è sceglierla sempre biologica, senza l’utilizzo di pesticidi o additivi chimici. L’infuso di canapa ha effetti miorilassanti, antipsicotici, tranquillanti, antiepilettici, antiossidanti ed antinfiammatori, mentre l’olio può essere utilizzato in cosmesi per la bellezza della pelle e nella dieta soprattutto in seguito ad eccessi alimentari (è perfetto dopo le feste che si sono appena concluse) in quanto contrasta l’accumulo di tossine e interviene in caso di affaticamento di stomaco e intestino. L’olio di canapa, che trovi nei negozi di alimentazione biologica, va tenuto lontano da fonti di calore e luminose e, una volta aperto, si conserva in frigorifero. Prendine 2 o 3 cucchiaini al giorno, da solo o aggiunto ad insalate o altre pietanze.

Con la farina di canapa dici addio alla stitichezza

Puoi anche mangiare i semi di canapa crudi, magari insieme a cereali, yogurt, frullati o macedonie di frutta. Dalla macinatura dei semi si produce la farina, che può essere usata (di solito mischiata con altre) per preparare pani, torte e biscotti molto salutari. Si tratta di una farina molto ricca di fibre, ideale per regolare l’intestino e combattere la stitichezza. 

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Hemp is rich in omega 3 and 6, it does not contain gluten, low in fat and is ideal for a detox effect after overeating and against constipation.

Hemp is a plant with many uses, that are more and more well known in our country (so much so that 17 to 19 February in Rome will host the third edition of a fair dedicated to this plant) and is used in various sectors, from its power to cosmetics, from green building to clothing. Its seeds are rich in Omega 3 and Omega 6, which help to keep the heart healthy and arteries, and contain protein (all eight essential amino acids, including methionine and cysteine), vitamins, carbohydrates, minerals and fiber.

It is a 100% gluten free food and can be consumed by those who have chosen to eliminate animal products from their diet. The reduced intake of fats and sugars allows the consumption even in case of low-calorie diets.

Hemp oil: thou shalt take 2 teaspoons a day for a detox effect

Hemp can be consumed in various forms: seeds, flour, teas, olive oil. The important thing is to always choose it organic, without the use of pesticides or chemical additives.

Hemp has infused muscle relaxant effects, antipsychotics, tranquilizers, anti-epileptics, anti-oxidants and anti-inflammatory, while the oil can be used in cosmetics for skin beauty and diet especially after overeating (it is perfect after the holidays that you have just concluded) as it combats the accumulation of toxins and intervenes in case of fatigue, stomach and intestines.

Hemp oil, which you can find in organic food stores, should be kept away from heat and light and, once opened, it will be kept in the refrigerator. Take 2 or 3 teaspoons a day, alone or added to salads or other dishes.

With hemp flour say goodbye to constipation

You can also eat raw hemp seed, perhaps along with cereal, yogurt, smoothies or fruit salads. From the milling of the seeds we produce the flour, that can be used (usually mixed with other) to prepare breads, cakes and biscuits very healthy. It is a very rich flour of fibers, ideal to adjust the intestine and combat constipation.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Older Posts »