Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2018

Maturare richiede un atto di coraggio, abbandonare le vecchie sicurezze per abbracciare il nuovo: solo così puoi superare la sindrome di Peter Pan.

 

Sindrome di Peter Pan è un’espressione utilizzata per la prima volta dallo psicologo Dan Kiley nel suo libro “The Peter Pan syndrome: men who have never grown up” del 1983, in cui parla del fenomeno per cui alcune persone si rifiutano di vivere come adulti rimanendo ancorati al mondo infantile, proprio come narra il racconto di Peter Pan. Questo fenomeno, conosciuto anche come neotenia psichica, può provocare grande disagio e difficoltà nella vita quotidiana.

Sindrome di Peter Pan: ecco le sue caratteristiche

Questo bizzarro comportamento non è stato ancora inserito fra le malattie psichiche e quindi non esistono criteri ben definiti di diagnosi in psicologia; nonostante ciò, gli studiosi del fenomeno sono concordi nel riscontrare in chi ne soffre queste caratteristiche comuni.

  • Non accettazione delle responsabilità
  • Incapacità di mantenere relazioni stabili in amore
  • Rifiuto di lavorare costantemente
  • Egocentrismo
  • Tratti narcisistici
  • Negazione della sofferenza e dell’ingiustizia
  • Irresponsabilità
  • Comportamenti tipici dell’infanzia
  • Eccessivo idealismo

Le persone che manifestano la sindrome di Peter Pan sono in prevalenza uomini, quasi sempre non si rendono conto di soffrirne e spesso accusano anche altri disturbi come ansia, sbalzi d’umore e sintomi psicosomatici.

Sindrome di Peter Pan: non confonderla con il bambino interiore

Nell’ambito della psicologia analitica, Marie-Louise Von Franz, storica collaboratrice del fondatore Carl Gustav Jung, ha parlato del fenomeno dell’uomo come eterno bambino nel 1989, nel libro “L’eterno fanciullo, l’archetipo del Puer aeternus”. Questo testo, analizzando il famoso racconto  “Il Piccolo principe”, mette in luce gli aspetti infantili che permangono in noi anche da adulti: per questo il puer (fanciullo) è considerato un archetipo, cioè un’immagine inconscia collettiva dell’umanità, la quale si ritrova in ogni tempo e in ogni cultura. È importante quindi non contrastare quei normali lati infantili che caratterizzano l’uomo a ogni età e che gli permettono di esprimere creatività, energia, immaginazione, inventiva e coraggio, come ben delinato da Pascoli con la sua poetica del fanciullino.

Il problema si pone quando questa tendenza a manifestare caratteristiche tipiche infantili esce dai suoi naturali confini e la dimensione ludica diventa fine a se stessa, impedendo l’evoluzione della persona, che rimane ingabbiata nei comportamenti regressivi tipici della sindrome di Peter Pan.

Con che cura uscirne? Ecco i suggerimenti giusti per guarire

Che cosa consiglia Von Franz per abbandonare questa perenne “isola che non c’è”? per prima cosa, occorre separarsi da tutte le convinzioni e le sicurezze che si crede di avere per aprirsi al nuovo che ci circonda. Ciò si fa innanzitutto costruendo l’indipendenza, distaccandosi cioè da figure famigliari spesso invadenti le quali, inconsapevolmente, si alleano proprio con gli aspetti infantili del Peter Pan, anche quando apparentemente li criticano: ad esempio, pur lamentandosene, si sostituiscono spesso a lui nei compiti che rifiuta di compiere.

Per compiere questo viaggio verso l’autonomia, è fondamentale incontrare la propria Ombra, in altre parole fare spazio ai lati della personalità che ci caratterizzano, ma che non vogliamo riconoscere o che addirittura neghiamo con forza. Solo in questo modo sarà possibile accettare che nella vita esista anche la sofferenza e che per vivere relazioni sociali autentiche si devono accogliere tutte le emozioni che suscitano in noi e quindi anche rabbia, paura e tristezza.

Attraverso questi passaggi, la persona inizierà a rimettere i piedi nel mondo reale e, imparando ad assumersi sempre più responsabilità, abbandonerà quell’egocentrismo patologico che caratterizza chi soffre della sindrome di Peter Pan. Infine è importante ricordare come l’immaginazione, fondamentale anche da adulti, vada sempre distinta dal mondo reale e non fusa con esso: immaginazione e realtà hanno due funzioni ben diverse e vanno considerate differenti, per non rischiare di perdere di vista la propria autenticità, all’inseguimento di un ideale inesistente.

Ho un Peter Pan in casa: che faccio?

Come comportarsi se abbiamo un Peter Pan in casa? Questa sindrome può essere un grande ostacolo nella vita di coppia e portarla vicino a una crisi, ma ci sono regole che si possono adottare per impedire al “bambinone” che abbiamo al nostro fianco di fare troppi danni.

  • La prima è respingere ogni tentativo di colpevolizzazione: chi ne soffre tende a sgravarsi facilmente di ogni responsabilità attribuendole regolarmente al mondo esterno, al partner, ai genitori, ai colleghi agli amici. Tutti, tranne lui. Questo tentativo va stoppato con fermezza: a ognuno le sue responsabilità.
  • In secondo luogo, non dobbiamo mai sostituirci a lui nei compiti che deve svolgere, anche se questo gli creasse delle difficoltà. Infine, non nascondergli il fatto che la sua condotta è un problema psicologico importante di cui prendere atto: farsi aiutare può essere il primo comportamento “maturo” del Peter Pan.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Maturing requires an act of courage, abandoning the old security to embrace the new: only in this way you can overcome the Peter Pan syndrome.

Peter Pan Syndrome is an expression used for the first time by psychologist Dan Kiley in his book “The Peter Pan syndrome: men who have never grown up” in 1983, where he talks about the phenomenon that some people refuse to live like adults remaining anchored to the world of childhood, just as Peter Pan narrates. This phenomenon, also known as psychic neoteny, can cause great discomfort and difficulty in daily life.

Peter Pan Syndrome: here are its characteristics

This bizarre behavior has not yet been included among psychic illnesses and therefore there are no well-defined criteria of diagnosis in psychology; nevertheless, the scholars of the phenomenon are in agreement in finding those who suffer from these common characteristics.

  • Not acceptance of responsibilities
  • Inability to maintain stable relationships in love
  • Refusal to work constantly
  • Self-centeredness
  • Narcissistic traits
  • Denial of suffering and injustice
  • Irresponsibility
  • Typical behaviors of childhood
  • Excessive idealism

People who show Peter Pan syndrome are mostly men, almost always do not realize they suffer of it and often also suffer from other disorders such as anxiety, mood swings and psychosomatic symptoms.

Peter Pan Syndrome: do not confuse it with the inner child

In the field of analytical psychology, Marie-Louise Von Franz, historical collaborator of the founder Carl Gustav Jung, spoke about the phenomenon of man as an eternal child in 1989, in the book “The Eternal Child, the archetype of Puer aeternus”. This text, analyzing the famous story “The Little Prince”, highlights the childish aspects that remain in us even as adults: this is why the puer (child) is considered an archetype, that is a collective unconscious image of humanity, the which is found in every time and in every culture. It is therefore important not to contrast those normal childish aspects that characterize man at any age and that allow him to express creativity, energy, imagination, inventiveness and courage, as well delineated by Pascoli with his poetic child.

The problem arises when this tendency to manifest typical infantile characteristics comes out of its natural boundaries and the playful dimension becomes an end in itself, preventing the evolution of the person, which remains trapped in the regressive behaviors typical of the Peter Pan syndrome.

With what care to get out of it? Here are the right suggestions to heal

What does Von Franz recommend to abandon this perennial “island that does not exist”? First of all, it is necessary to separate oneself from all the convictions and certainties that one believes to have in order to open up to the new one that surrounds us. This is done primarily by building independence, ie detaching from familiar, often intrusive figures who, unknowingly, ally themselves with the childish aspects of Peter Pan, even when they apparently criticize them: for example, despite complaining, they often replace him in tasks that he refuses to accomplish.

To make this journey towards autonomy, it is essential to meet one’s own Shadow, in other words to make room for the sides of the personality that characterize us, but which we do not want to recognize or which we even strongly deny. Only in this way will it be possible to accept that in life there is also suffering and that to live authentic social relationships we must accept all the emotions that arouse in us and therefore also anger, fear and sadness.

Through these steps, the person will begin to put his feet back in the real world and, learning to take on more and more responsibilities, will abandon the pathological egocentrism that characterizes those suffering from the Peter Pan syndrome. Finally, it is important to remember that imagination, which is also fundamental to adults, must always be distinguished from the real world and not merged with it: imagination and reality have two different functions and must be considered different, in order not to lose sight of their authenticity, in pursuit of an inexistent ideal.

I have a Peter Pan at home: what can I do?

How to behave if we have a Peter Pan at home? This syndrome can be a major obstacle in the life of a couple and bring it close to a crisis, but there are rules that can be adopted to prevent the “big baby” that we have at our side to do too much damage.

  • The first is to reject any attempt to blame: those who suffer tends to easily get rid of any responsibility by regularly assigning them to the outside world, to the partner, to parents, to colleagues to friends. Everyone, except him. This attempt must be firmly stopped: each one of his responsibilities.
  • Secondly, we must never replace him in the tasks he has to perform, even if this creates difficulties for him. Finally, do not hide the fact that his behavior is an important psychological problem to be noted: being helped may be the first “mature” behavior of Peter Pan.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

La tisana ai fiori di tiglio è stata  usata per secoli per aiutare a ridurre l’ansia, calmare i nervi e alleviare disturbi legati allo stress come battito cardiaco irregolare, indigestione, ipertensione e mal di testa.

 

I fiori di tiglio hanno anche proprietà calmanti e sedative che possono aiutare a prevenire l’insonnia e aiutare ad avere  un sonno ristoratore.

I fiori di tiglio hanno proprietà di riduzione della diaforetica e della febbre che lo rendono un ottimo rimedio per raffreddori, influenza e infezioni respiratorie. Funziona anche molto bene per problemi di bronchi cronici come

  • l’asma,
  • l’enfisema e
  • la BPCO.

I fiori di tiglio sono anche efficaci per problemi digestivi come gastrite, dispepsia, sindrome dell’intestino irritabile, colite e problemi alla cistifellea.

È stato dimostrato che la tisana al tiglio aiuta a ridurre la pressione sanguigna e funziona come un diuretico naturale che può aiutare con edema, ritenzione idrica, gonfiore e gonfiore.

È anche eccellente per disintossicare e purificare il fegato in quanto contiene proprietà coleretiche.

La tisana al tiglio può essere preparata mettendo 2 cucchiaini di erbe essiccate in 1 tazza di acqua calda e lasciando macerare per almeno 20 minuti, addolcendo con miele crudo se lo si desidera.

In particolare, i fiori di tiglio sono eccellenti per malattie della pelle come eczema, psoriasi, acne, abrasioni, eruzioni cutanee e lividi. Possono anche essere aggiunti all’acqua del bagno per benefici continui di guarigione.

I fiori di tiglio si trovano nelle tisane, nella tintura, nell’estratto, nella capsula e nella crema in linea o nel tuo negozio di alimenti naturali.

FONTE: Medical Medium

 

(ENGLISH VERSION)

Linden flower tea has been used for centuries to help reduce anxiety, soothe the nerves, and alleviate stress related ailments such as irregular heartbeats, indigestion, hypertension, and headaches. Linden flowers also have calming and sedative properties that can help prevent insomnia and produce a restful night’s sleep.

Linden flowers have diaphoretic and fever reducing properties which makes it an excellent remedy for colds, flu, and respiratory infections. It also works very well for chronic bronchial issues such as

  • asthma,
  • emphysema, and
  • COPD.

Linden flowers are also effective for digestive issues such as gastritis, dyspepsia, irritable bowel syndrome, colitis, and gall bladder problems.

Linden tea has been shown to help lower blood pressure and works as a natural diuretic which can help with edema, water retention, bloating, and swelling. It is also excellent for detoxifying and purifying the liver as it contains choleretic properties. Linden tea can be made by placing 2 teaspoons of dried herb into 1 cup of hot water and allowing to steep for at least 20 minutes, sweeten with raw honey if desired.

Topically, linden flowers are excellent for skin ailments such as eczema, psoriasis, acne, abrasions, rashes, and bruises. They can also be added to bath water for continued healing benefits. Linden flowers can be found in tea, tincture, extract, capsule, and cream form online or at your local health food store.

SOURCE: Medical Medium

Read Full Post »

Le ciliegie sono un frutto potente nella medicina che sono piene di vitamine A, C, E e minerali come ferro, rame, zinco, potassio e manganese.

 

Gli alti livelli di antociani e antiossidanti presenti nelle ciliegie li rendono un alimento eccellente per aiutare il corpo a combattere malattie neurologiche, diabete e cancro al seno, ai polmoni, al colon e allo stomaco.

Le ciliegie contengono anche potenti proprietà antinfiammatorie e sono particolarmente benefiche per chi soffre di dolore cronico, fibromialgia, malattia di Lyme, spalla congelata, artrite, gotta, sindrome da stanchezza cronica, lupus e lesioni sportive.

Le ciliegie sono note come “cibo per il cervello” e possono aiutare a rafforzare la funzione cognitiva contribuendo a migliorare la memoria, la concentrazione e la concentrazione e aiutare a ridurre la annebbiamento mentale.

Sono anche un cibo fantastico per la salute del sistema cardiovascolare e possono aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache, ictus e infarti.

Le ciliegie sono un’eccellente fonte di melatonina che è nota per calmare il sistema nervoso, diminuire l’irritabilità, alleviare la nevrosi, alleviare le condizioni di mal di testa e promuovere una notte di sonno solido con un ciclo sonno-veglia equilibrato.

Questo effetto calmante sui neuroni del cervello lo rende un alimento essenziale per chi soffre di insonnia o per chi ha un’elevata ansia e stress nella propria vita.

Le ciliegie sono ricche di fibre e sono un ottimo rimedio naturale per la stitichezza. Quando in stagione le ciliegie fresche sono uno spuntino veloce e dolce che può essere facilmente mangiato mentre si è in viaggio.

Le ciliegie congelate sono anche un’ottima alternativa che può essere aggiunta agli smoothies per una spinta nutrizionale.

Le banane surgelate e le ciliegie congelate possono essere mescolate insieme in un robot da cucina per un delizioso gelato senza latte e senza grassi che sia i bambini che gli adulti amano.

Il succo di ciliegio puro è anche un’altra alternativa quando il prodotto fresco non è disponibile e può essere trovato online o presso il tuo negozio di alimentari locale.

FONTE: Medical Medium

 

(ENGLISH VERSION)

Cherries are a medicinal powerhouse fruit that are packed with vitamins A, C, E, and minerals such as iron, copper, zinc, potassium, and manganese. The high levels of anthocyanins and antioxidants found in cherries make them an excellent food to help the body fight against neurological diseases, diabetes, and breast, lung, colon, and stomach cancers.

Cherries also contain potent anti-inflammatory properties and are particularly beneficial for those suffering with chronic pain, fibromyalgia, lyme’s disease, frozen shoulder, arthritis, gout, chronic fatigue syndrome, lupus, and sports injuries. Cherries are a well known “brain food” and can help to strengthen cognitive function by helping to improve memory, focus, and concentration and help to reduce brain fog.

They are also a fantastic food for cardiovascular health and can help reduce the risk of heart disease, stroke, and heart attacks. Cherries are an excellent source of melatonin which is known to calm the nervous system, decrease irritability, relieve neurosis, ease headache conditions and promote a solid nights sleep with a balanced sleep-wake cycle.

This soothing effect on the brain neurons makes it an essential food for those who suffer from insomnia or for those who have high anxiety and stress in their lives. Cherries are rich in fiber and are a great natural remedy for constipation. When in season fresh cherries are a quick sweet snack that can easily be eaten while on the go.

Frozen cherries are also a great alternative that can be added to smoothies for a nutritional boost. Frozen bananas and frozen cherries can be blended together in a food processor for a delicious dairy-free & fat-free ice cream that kids and adults both love. Pure cherry juice is also another alternative when fresh is unavailable and can be found online or at your local heath food store.

SOURCE: Medical Medium

Read Full Post »

A te o a qualcuno che ami è stato diagnosticato l’artrite reumatoide (ra) o l’artrite psoriasica (PA)?

 

Ti è stato detto che la causa è un mistero o che il tuo corpo si sta attaccando da solo? La verità è che c’è una vera causa dietro a queste malattie di cui la scienza e la ricerca medica non sono a conoscenza. Una volta che conosci la vera causa, puoi iniziare ad andare avanti con la guarigione, visto che stai affrontando il problema della radice.

La teoria autoimmune

Alla maggior parte delle persone viene detto che la loro artrite reumatoide e psoriasica è causata da un anticorpo creato all’interno del corpo che attacca le articolazioni. Si tratta di una teoria sbagliata che non solo non è mai stata provata, ma che purtroppo è anche diventata legge all’interno della comunità medica. Quando questo anticorpo è stato scoperto, la scienza e la ricerca non sanno nemmeno cosa ha fatto, e ancora non lo fanno. Ciò significa che tutti i trattamenti e le previsioni che sono stati consegnati da quando questa teoria è stata messa in atto sono stati in equilibrio precario su un anticorpo la cui funzione è ancora un mistero completo, il che rende la vera causa di RA e PA altrettanto enigmatica come era Quando è iniziata la ricerca su queste malattie. Inoltre, poiché gli attuali trattamenti e farmaci prescritti per i pazienti si basano su questa teoria errata, ci sono così tante persone che soffrono ancora di gonfiore, rigidità e dolore nelle articolazioni, così come gli altri sintomi che sono associati a queste malattie.

Quando la gente ha iniziato a soffrire di malattie misteriose negli anni 1950, la ricerca e la scienza sono state costrette a dare la colpa agli ormoni. Questo perché, come tante altre volte nella ricerca medica, tutti i soldi erano dedicati alla ricerca sugli ormoni. Nel momento in cui le società farmaceutiche sono state preparate e pronte a vendere i loro nuovi farmaci ormonali che hanno voluto promuovere, si è verificato un tale diluvio di ricerche.

Tuttavia, un medico non era convinto che gli ormoni fossero colpevoli, quindi ha ottenuto finanziamenti per ulteriori ricerche e scavato ulteriormente. Alla fine si è imbattuto in un anticorpo, che pensava fosse il biglietto. Ha creato una teoria secondo cui l’anticorpo era l’arma inspiegabile del corpo contro se stessa, anche se il motivo reale dell’anticorpo era ancora completamente sconosciuto. Questa ricerca è stata così pesantemente finanziata che sarebbe stato inaccettabile emergere e spiegare che non hanno idea di cosa provochi la formazione dell’anticorpo. Quindi, una sorta di conclusione era necessaria, una teoria che sarebbe rimasta. Il motivo per cui i ricercatori alla fine hanno concluso che il corpo si stava attaccando era perché proteggeva l’istituzione della medicina moderna. In questa teoria, il paziente viene incolpato prima di tutto, il che a sua volta impedisce che le dita siano puntate contro la medicina ufficiale. Attualmente, la maggior parte dei finanziamenti va verso la ricerca genetica, che conclude sempre che i geni del paziente sono da biasimare e non c’è nulla da fare. Questo è solo un altro modo per evitare il vero problema e dare tutta la colpa all’individuo che soffre. Condivido la verità su queste idee sbagliate nel mio libro, “Thyroid healing”.

La verità sull’anticorpo

Questo anticorpo che è diventato il falso posterchild per le malattie autoimmuni è in realtà solo uno dei molti anticorpi che non sono ancora stati scoperti dalla scienza e dalla ricerca. La parte più ironica degli eventi dell’ultimo mezzo secolo è che tutto ciò che la ricerca medica dice di essere vero su questo anticorpo è esattamente l’esatto opposto. Invece di attaccare il corpo, questo anticorpo è stato creato dal corpo per proteggersi da un intruso esterno. L’anticorpo, mentre un indicatore di qualcosa che viene attaccato, non è quello che sta attaccando. E ‘ la prova del tuo corpo fa tutto il possibile per sostenere e salvaguardare te. Non va dopo i tessuti, è dopo l’agente patogeno.

La vera causa di RA e PA

Attualmente viviamo in una cultura del virus. Il nostro mondo è dilagante con agenti patogeni che causano le malattie cosi’ tante che sono confuse e chiamate autoimmuni. La Scienza Medica e la ricerca non sanno che il virus Epstein-Barr (ebv) è la causa di tante malattie, tra cui la fibromialgia, la sindrome da affaticamento cronico, la sclerosi multipla, i disturbi della tiroide, il lupus, la malattia di lyme, il tinnito, la vertigine, l’artrite reumatoide e l’artrite psoriasica.  Ci sono più di 60 varietà di ebv, che possono essere uno shock per chiunque sia solo nominalmente noto a questo virus e a coloro che lavorano nel campo medico. Parlo di questo virus in profondità nel mio libro, Thyroid Healing.

L’ artrite psoriasica è creata dalla ebv, che si nutre del rame pesante nel fegato. Le varietà tossiche di rame sono il cibo perfetto per il virus che crea pa. Quando c’è una quantità abbondante di cibo che la ebv ama, come il rame, il virus diventa più forte e più aggressivo nel corpo, attaccando le articolazioni e i tessuti. La ebv crea quindi un dermatossina interna, che è diverso da quello esterno noto, che poi si presenta alla pelle. Questo è il momento in cui si verifica un’eruzione cutanea, della psoriasi e / o dell’eczema, nonché dolori, dolori e infiammazione. Questo processo è ulteriormente spiegato nel mio libro, Thyroid Healing. Le comunità mediche non sanno che questa è la vera causa di pa, o persino che i virus si nutrono di alimenti, metalli e tossine specifiche. Questo è un motivo enorme per cui le persone non sono in grado di ricevere le risposte e di aiutare a guarire realmente.

Il rame può essere assorbito nel sistema in molti modi. Qualcuno avrebbe potuto vivere in una vecchia casa con antichi tubi fatti di rame che hanno trasformato tutto verde. O avrebbero potuto usare padelle di rame che rilascia il metallo nel cibo. Il rame viene usato nei pesticidi, il che significa che vivere vicino ai terreni agricoli, anche a 50 miglia di distanza, può favorire l’esposizione al rame tossico. Il rame è in tutti i pesticidi, rodenticidi, erbicidi e fungicidi, il che significa che dovremmo evitare di spruzzare sia all’interno che all’esterno della casa. Ogni volta che acquisti nuove lenzuola o tessuti, come asciugamani, lenzuola, abbigliamento, intimo o calzini, sarebbe prudente lavarli due volte prima di usare. La nuova biancheria e l’abbigliamento sono carichi di fungicidi, pieni di rame che possono penetrare nella pelle, il vostro organo più grande. E ‘ importante notare che questo rame pesante tossico è diverso da quello che si trova nelle piante.

L’ artrite reumatoide è anche causata dal virus epstein-Barr che si trova in una fase tardiva (per saperne di più sulle fasi della ebv nel mio libro Tiroide Healing), tranne che questa varietà di ebv non piace nutrirsi di rame tanto, o semplicemente non è una quantità eccessiva di rame tossico nel sistema. La particolare varietà di ebv che causa RA  preferisce il mercurio e i metalli pesanti come cibo. Questa specifica varietà di ebv entra nel tessuto connettivo, articolazioni e legamenti nella quarta fase, causando un’infiammazione che prova il tuo corpo che cerca di tenere a bada l’invasore. Il gonfiore delle nocche, della colonna cervicale e del tipo è un’indicazione che il corpo sta reagendo al virus che scava più a fondo e causando danni permanenti ai nervi e ai tessuti. Nelle sue forme più moderate, questo può essere esposto come dolori e dolori misteriosi. Nelle sue forme avanzate, le persone subiscono un grave gonfiore articolare e una diagnosi di RA. Queste informazioni sono sconosciute alla scienza e alla ricerca medica.

Il primo passo

Il passo più importante che si può fare oggi verso la vera guarigione va ben oltre la dieta o evitare gli spray. Devi prima sapere nel tuo cuore la vera causa della tua malattia. Il tuo corpo non si sta attaccando da solo. E ‘il più  grande errore credere che il tuo sistema immunitario non ti stia sostenendo. Quando credi che la tua malattia sia autoimmune, stai impedendo che la vera guarigione possa avvenire perché non stai dando al tuo corpo il supporto di cui ha bisogno mentre continua la lotta contro il patogeno nel tuo corpo. Sapere che il tuo corpo non sta combattendo se stesso, ma un agente patogeno come un virus infiamma il tuo sistema immunitario per diventare più forte, più  concentrato, e lavorare ancora più duramente per te. Inoltre, quando sai che dovresti combattere un virus, puoi imparare i passi pratici che puoi prendere per dare al tuo corpo il maggior supporto possibile.

Come guarire

Sconosciuto alla ricerca medica e alla scienza, l’anticorpo è stato creato per combattere il virus Epstein-Barr; tuttavia, il tuo corpo ha ancora bisogno di tutto il supporto possibile. I seguenti suggerimenti sono alcuni passi da prendere che possono aiutarti a iniziare a riprenderti dall’artrite reumatoide e psoriasica.

Rimuovere i metalli pesanti

I metalli pesanti sono uno dei cibi preferiti della EBV. E quasi tutti noi, inconsapevolmente, abbiamo dei metalli pesanti tossici dentro i nostri corpi. Questi metalli permettono al virus di continuare a crescere e diventare più prolifici. E più si nutre di metalli come il mercurio e il rame, i rifiuti più tossici contano il virus che secerne nel corpo, che porta ai sintomi dell’artrite psoriasica e reumatoide. Per eliminare i metalli pesanti, ci sono cinque importanti alimenti per la disintossicazione dal metalli pesanti da includere nella tua dieta al giorno:

  • estratto di succo d’erba d’orzo polvere,
  • coriandolo,
  • spirulina hawaiana,
  • mirtilli selvatici e
  • alga dulce

 

Alimenti da evitare

Quando si guarisce da RA e PA, è essenziale evitare di mangiare cose che sono i cibi preferiti della EBV, come le uova e i latticini. Inoltre, è meglio evitare il maiale perché carica il fegato a un tale grado che dà ai virus l’opportunita ‘ di proliferare, crescere e infiammare le articolazioni e la pelle. E’ importante anche stare lontano dal glutine, perché sconosciuto a tutte le comunità mediche fornisce anche carburante per il virus. Se avete tolto uova, latticini e glutine, e state ancora sperimentando sintomi dopo diversi mesi, pensate di rimuovere tutti i cereali dalla vostra dieta, compresi avena e riso, mentre si guarisce. Alcune persone tollerano bene i cereali, ma per alcuni i cereali devono essere rimossi per permettere una guarigione più profonda. E’ anche utile evitare il mais, la soia e l’olio di colza. Per saperne di più sul motivo per cui questi cibi sono meglio rimossi dalla dieta se avete un sintomo o una malattia, potete leggere spiegazioni complete nel mio libro, Thyroid Healing.

Il cibo curativo: frutta

Mentre molti hanno detto di evitare la frutta a causa del suo contenuto di zucchero, questa tendenza è in realtà un altro esempio di disinformazione che impedisce alle persone di sfruttare le potenti proprietà antivirali in banane, datteri  mele, meloni, manghi e tutti gli altri tipi di frutta.

La frutta è il cibo piu’ ricco di antiossidanti del mondo. L’ antiossidante dovrebbe essere davvero sinonimo di longevità, poiché la frutta è il miglior cibo per prolungare la vita e combattere le malattie. I mirtilli selvatici, le more e le ciliegie sono tra i cibi più antiossidanti. Puoi concentrarti sui frutti che ti piacciono di più. Se avete il lusso di avere un mercato agricolo vicino a voi, fate in modo che sia un’abitudine settimanale di fare il vostro shopping lì ed esplorare le numerose varietà di frutta a vostra disposizione: Mele, pere, pesche, cachi, albicocche, angurie e datteri. Diversi tipi di agrumi sono anche una meravigliosa aggiunta alla tua dieta a base di frutta. Mentre alcuni possono pensare che le arance, l’acqua di limone o il pompelmo causano in peggioramento nella loro RA o PA, si sente solo così perché gli agrumi stanno disintossicando dai veleni e il sottoprodotto virale nel sistema. Oltre alla frutta, si assicuri di mangiare un sacco di verdure a foglia verdia verdure, e includere il succo di sedano al giorno.

Per ulteriori informazioni sugli altri prodotti alimentari da includere per queste condizioni, consultare i miei libri di supporto medico, alimenti che cambiano la vita e la guarigione della tiroide. Puoi anche leggere di molti cibi curativi sul mio blog. Inoltre, la purificazione di 28 giorni di guarigione nel mio libro medico è ideale per queste condizioni.

Supplementi utili

Per i supplementi di guarigione, prendere in considerazione i seguenti supplementi:

  • Il Solfato di zinco è una delle risorse più importanti per combattere la ebv. Il corpo usa le provviste e anche le riserve profonde di zinco ad un ritmo rapido, che e ‘molto comune diventare carenti di zinco quando si ha ebv, se non lo era gia’. Questo supplemento dà un forte impulso al sistema immunitario in modo che le cellule ebv possano essere distrutte e soppresse.
  • L-lisina inibisce e riduce un carico virale ebv e agisce come antinfiammatorio a tutto il corpo.
  • L’ artiglio del diavolo è un potente antinfiammatorio e anti-virale che può essere molto utile per l’artrite reumatoide e psoriasica.
  • L’ assunzione di un integratore methylfolate che supporta i problemi di metilazione insieme al supplemento B-12 che contiene adenosylcobalamin e metilcobalammina è molto importante per coloro che soffrono di artrite reumatoide e psoriasica.
  • Il glutatione aiuta a disintossicare il fegato, dove è possibile trovare il virus e le tossine che causano queste condizioni.
  • L’ acido alfa acido (ala) ripara e fortificano aree del corpo che sono state danneggiate dal virus.
  • Le forti capacità anti-virali della foglia di verbasco lo rendono un importante supplemento da considerare.

Le informazioni di guarigione e la guida alimentare e complementare condivisa nel mio programma radiofonico e post sul blog sulla psoriasi e l’eczema sarebbero utili anche da incorporare.

Terapie aggiuntive

Molte persone con RA vanno ad una sauna ad infrarossi per aiutare ad alleviare i dolori e la rigidità. Questa può essere una buona opzione per te, ma assicurati di non avere troppo calore per essere consapevole di quanto tempo resti nella sauna. Un altro trattamento estremamente utile è la terapia di massaggi, una delle modalità più antiche dall’inizio dei tempi. Il tocco curativo da una persona all’altra puo ‘ essere incredibile per RA.

Andare avanti

L’ artrite reumatoide e l’artrite psoriasica non sono malattie autoimmuni, e questo mito è uno che deve essere corretto immediatamente in modo che milioni di persone che soffrono possano iniziare a ottenere risposte vere. Quando le vengono fornite informazioni sbagliate sulla loro malattia, viene dato un segnale di stop. La mia speranza è che tu ti allontani da questa comprensione di RA o PA con una rinnovata speranza e luce verde. Capire che il tuo corpo sta combattendo un virus che si nutre di tossine e metalli nel tuo sistema è la prima e più potente cosa che puoi fare. Devi lasciar perdere l’idea che il tuo corpo stia lavorando contro di te. E’ impossibile per il corpo attaccare una singola cellula nei nostri corpi.

Quando stai considerando le tue opzioni di guarigione, puo ‘ essere opprimente. Ricordati di prenderla lentamente e al tuo ritmo. Il percorso di tutti sarà un po’ diverso. Forse il cibo da evitare ti porterà un po ‘ di tempo per rimuovere ma gli integratori arriveranno più facilmente. Forse mangiare frutta sarà un passo facile, ma includi il succo di sedano a poco a poco. Fai quello che puoi oggi e continua a ricostruire la tua salute da qui. Non dimenticare mai che il tuo corpo lavora con te, non contro di te, e la guarigione è possibile.

 

FONTE: Medical Medium

 

(ENGLISH VERSION)

Have you or someone you love been diagnosed with rheumatoid arthritis (RA) or psoriatic arthritis (PA)? Have you been told that the cause is a mystery or that it’s your body attacking itself? The truth is that there’s a real cause behind these illnesses that medical science and research are unaware of. Once you know the real cause, you can begin to move forward with healing as you will be addressing the root issue.

The Autoimmune Theory

Most people are told that their rheumatoid and psoriatic arthritis are caused by an antibody that has been created within the body that attacks the joints. This is a misguided theory that not only has never been proven, but has also sadly become law within the medical community. When this antibody was discovered, science and research did not even know what it did, and they still don’t. This means that all of the treatments and prognoses that have been delivered since this theory was put in place have been precariously balancing on an antibody whose function is still a complete mystery, which makes the true cause of RA and PA just as enigmatic as it was when research on these illnesses first began. Additionally, since the current treatments and medications prescribed for patients are based on this erroneous theory, there are so many people who are still suffering from swelling, stiffness, and pain in the joints, as well as the other symptoms that are associated with these diseases.

When people first began suffering from mystery illnesses in the 1950s, research and science was compelled to blame hormones. This is because, like so many other times in medical research, all the money was in hormones. There was such a deluge of research being conducted on hormones at the time that pharmaceutical companies were primed and ready to sell their new hormone drugs they had been itching to promote.

However, one doctor was not convinced hormones were to blame, so he got funding for more research and dug further. He eventually stumbled upon an antibody, which, he thought, was the ticket. He created a theory that the antibody was the body’s inexplicable weapon against itself, even though the actual reason for the antibody was still completely unknown. This research was so heavily funded that it would have been unacceptable to emerge and explain that they have no idea what the antibody does. Therefore, some sort of conclusion was necessary, some theory that would stick. The reason researchers eventually concluded the body was attacking itself was because it protected the institution of modern medicine. In this theory, the patient is blamed above all else, which in turn prevents any fingers being pointed at medicine. Currently, most funding is going toward gene research, which always concludes that the patient’s genes are to blame and there is nothing to be done. This is just another way to avoid what the real problem is and to place all the blame on the individual who is suffering. I share the truth about these misconceptions in my book, Thyroid Healing.

The Truth about the Antibody

This antibody that has become the false posterchild for autoimmune diseases is actually just one of many antibodies that have yet to be discovered by science and research. The most ironic part about the events of the last half century is that everything medical research claims to be true about this antibody is actually the exact opposite. Rather than attacking the body, this antibody has been created by the body to protect itself from an outside intruder. The antibody, while an indicator of something being attacked, is not the one doing the attacking. It is proof of your body doing everything it can to support and safeguard you. It doesn’t go after tissue; it goes after the pathogen.

The True Cause of RA and PA

We are currently living in a virus culture. Our world is rampant with pathogens that are causing the diseases so many are mystified by and calling autoimmune. Medical science and research are unaware that Epstein-Barr Virus (EBV) is the cause of so many illnesses, including fibromyalgia, chronic fatigue syndrome, multiple sclerosis, thyroid disorders, lupus, Lyme disease, tinnitus, vertigo, rheumatoid arthritis, and psoriatic arthritis. There are over 60 varieties of EBV, which may come as a shock to anyone who is only nominally familiar with this virus as well as to those who work in the medical field. I cover this virus in-depth in my book Thyroid Healing.

Psoriatic arthritis is created by EBV, which feeds on the heavy metal copper in the liver. Toxic varieties of copper are perfect food for the virus that creates PA. When there is an abundant amount of food that EBV likes, such as copper, the virus becomes stronger and more rampant in the body, attacking the joints and tissues. EBV then creates an internal dermatoxin, which is different to the known external dermatoxin, which then surfaces to the skin. This is when a rash, either of the psoriasis and/or eczema variety, occurs, as well as aches, pains, and inflammation. This process is further explained in my book, Thyroid Healing. Medical communities are not aware that this is the true cause of PA, or even that viruses feed on specific foods, metals, and toxins. This is one huge reason why people are not able to receive the answers and help they need to truly heal.

Copper can be absorbed into the system in many ways. Someone could have lived in an old house with ancient pipes made of copper that turned everything green. Or they could have used copper pans that flaked the metal off into the food. Copper is rife in pesticides, which means living near farmland, even 50 miles away, can be conducive to toxic copper exposure. Copper is in all pesticides, rodenticides, herbicides, and fungicides, which means we should avoid spraying both inside and outside the house. Anytime you purchase new linens or fabrics, such as towels, sheets, clothing, underwear, or socks, it would be prudent to wash them twice before using. New linens and clothing are loaded with fungicides, which are full of copper that can seep into the skin, your largest organ. It’s important to note that this toxic heavy metal copper is different to the helpful trace mineral copper which is found in plants.

Rheumatoid arthritis is also caused by Epstein-Barr Virus that’s in a late stage (read more about the stages of EBV in my book Thyroid Healing,) except this variety of EBV either does not like to feed on copper as much, or there simply is not an excessive amount of toxic copper in the system. The particular variety of EBV that causes RA much prefers the heavy metal mercury as its food. This specific variety of EBV gets into connective tissue, joints, and ligaments in its fourth stage, causing inflammation that’s evidence of your body trying to hold the invader at bay. Swelling of the knuckles, cervical spine, and the like is an indication that the body is reacting to the virus burrowing deeper and causing permanent damage to nerves and tissue. In its milder forms, this may display itself as mystery aches and pains. In its advanced forms, people experience severe joint swelling and a diagnosis of RA. This information is unknown to medical science and research.

The Very First Step

The most important step you can take today toward true healing is way beyond diet or avoiding sprays. You must first know in your heart the true cause of your disease. Your body is not attacking itself. It is the biggest mistake to believe your immune system is not supporting you. When you believe your disease is autoimmune, you are preventing true healing from taking place because you are not giving your body the support it needs as it continues the fight against the pathogen in your body. Knowing your body is not fighting itself but rather a pathogen such as a virus ignites your immune system to become stronger, more focused, and work even harder for you. Additionally, when you know you should be fighting a virus, you can learn the practical steps you can take to give your body as much support as you possibly can.

How to Heal

Unknown to medical research and science, the antibody was created to fight Epstein-Barr Virus; however, your body still needs all the support it can get. The following are some steps to take that can help you to begin recovering from rheumatoid and psoriatic arthritis.

Remove Heavy Metals

Heavy metals are one of EBV’s favorite foods. And almost all of us unknowingly have toxic heavy metals inside our bodies. These metals make it possible for the virus to continue growing and becoming more prolific. And the more it feeds on metals such as mercury and copper, the more toxic waste matter the virus excretes in the body, which leads to the symptoms of psoriatic and rheumatoid arthritis. To get rid of heavy metals, there are five important heavy metal detox foods to include in your diet daily: barley grass juice extract powder, cilantro, Hawaiian spirulina, wild blueberries, and Atlantic dulse. To learn more about the heavy metal detox foods, check out my article and radio show called Heavy Metal Detox.

Foods to Avoid

When healing from RA and PA, it is essential to avoid eating things that happen to be some of EBV’s favorite foods, such as eggs and dairy. Also, it’s best to avoid pork because it burdens the liver to such a degree that it gives viruses an opportunity to proliferate, grow, and inflame the joints and skin. It’s also important to stay away from gluten as well because unknown to all medical communities it also provides fuel for the virus. If you have taken out eggs, dairy, and gluten, and you are still experiencing symptoms after several months, consider removing all grains from your diet, including oats and rice, while you heal. Some people tolerate grains well but for some, grains have to be removed to allow for deeper healing. It’s also helpful to avoid corn, soy, and canola oil. To find out more about why these foods are best removed from the diet if you have a symptom or illness, you can read full explanations in my book, Thyroid Healing.

The Healing Food: Fruit

While many have been told to avoid fruit because of its sugar content, this trend is actually another example of misinformation that is only preventing people from taking advantage of the powerful antiviral properties in bananas, dates, apples, melons, mangoes, and all other kinds of fruit. Fruit is the most antioxidant-rich food in the world. Antioxidant should really be synonymous with longevity, as fruit is the best food to prolong life and fight disease. Wild blueberries, blackberries, and cherries are among the most antioxidant-filled foods. You can focus on whichever fruits are most attractive to you. If you have the luxury of a farmers market near you, make it a weekly habit to do your shopping there and explore the numerous varieties of fruit that are available to you: apples, pears, peaches, persimmons, apricots, watermelons, and dates. Different kinds of citrus are also a wonderful addition to your fruit-filled diet. While some people may think oranges, lemon water, or grapefruit cause flare ups in their RA or PA, it only feels that way because the citrus is detoxifying the poisons and viral byproduct in your system. In addition to fruit, be sure to eat plenty of leafy greens, vegetables, and include celery juice daily.

For more information on other foods to include for these conditions, refer to my books Medical Medium, Life-Changing Foods, and Thyroid Healing. You can also read about many healing foods on my blog. In addition, the 28 Day Healing Cleanse in my book Medical Medium is ideal for these conditions.

Helpful Supplements

For healing supplements, consider including the following supplements:

Zinc sulfate is one of the most important resources to fight EBV. The body uses up supplies and even deep reserves of zinc at a rapid rate—meaning that it’s very common to become zinc-deficient when you have EBV, if you weren’t already. This supplement gives a major boost to the immune system so that EBV cells can be destroyed and suppressed.

L-Lysine inhibiting and reduces an EBV viral load and acts as an anti-inflammatory to the entire body.

Cat’s claw is a powerful anti-inflammatory and anti-viral that can be very helpful for rheumatoid and psoriatic arthritis.

Taking a methylfolate supplement that supports methylation issues along with the right B-12 supplement that contains adenosylcobalamin and methylcobalamin is very important for those suffering with rheumatoid and psoriatic arthritis.

Glutathione helps to detoxify the liver, which is where the virus and toxins that cause these conditions can be found.

Alpha Lipoic Acid (ALA) repairs and fortifies areas of the body that have been damaged by the virus.

Mullein leaf’s strong anti-viral abilities make it an important supplement to consider.

The healing information and dietary and supplement guidance shared in my radio show and blog post on psoriasis and eczema would also be helpful to incorporate.

Additional Therapies

Many people with RA go to an infrared sauna to help with the fatigue and stiffness. This can be a good option for you, just be sure not to have the heat set too high Be conscious about how long you stay in the sauna. Another extremely helpful treatment is gentle massage therapy, one of the oldest modalities since the beginning of time. Healing touch from one person to another can be incredible for RA.

Moving Forward

Rheumatoid arthritis and psoriatic arthritis are not autoimmune diseases, and this myth is one that needs to rectified immediately so that the millions of people who are suffering can begin to get true answers. When you are given wrong information about your illness, you are essentially given a stop sign. My hope is for you to walk away from this understanding of RA or PA with a renewed hope and green light. Realizing that your body is fighting a virus that is feeding on toxins and metals in your system is the first and most powerful thing you can do. You must let go of the idea that your body is working against you. It is impossible for the body to attack a single cell in our bodies.

When you are considering your healing options, it can be overwhelming. Remember to take it slow and at your own pace. Everyone’s path is going to look a little different. Maybe the foods to avoid will take you some time to remove but the supplements will come more easily. Maybe eating fruit will be an easy step but including celery juice is too much for you up front. Do what you can today and keep building on it from here. Never forget that your body is working with you, not against you, and healing is possible.

 

SOURCE: Medical Medium

Read Full Post »

Le clementine sono piccoli agrumi squisiti, consigliati a chi ama il gusto dolce ma è a dieta perché deve perdere peso: 100 grammi di questi frutti pesano meno di 50 calorie!

 

La clementina è uno dei frutti più amati durante la stagione invernale: è dolce, morbida e non contiene i fastidiosi semini presenti in altri agrumi. Da dove viene questo frutto? È l’incrocio fra il mandarino e l’arancio amaro e ne conserva tutte le sostanze più importanti: flavonoidi, fibre, minerali, acido folico e vitamine. Inoltre contiene davvero pochissime calorie: 100 grammi di frutti ne apportano soltanto 47. I benefici delle clementine consistono nell’aiutare a prevenire le malattie influenzali stagionali, ma hanno hanno anche virtù utili per perdere peso poiché non farto certo ingrassare.

Non buttare la parte bianca, è ricca di fibre

Le clementine sono ricche di acqua e già questo è sufficiente per conferire loro proprietà depurative. Prezioso è anche l’albedo, la parte bianca della buccia, dove si concentrano molte fibre; in particolare è presente la pectina, una fibra solubile in grado di nutrire la flora batterica intestinale e depurare il colon, rallentando l’aumento della glicemia. Sarebbe quindi meglio non togliere completamente questa porzione del frutto e consumare solo prodotti biologici; i pesticidi contenuti nella scorza finiscono anche nell’albedo.

Le clementine attenuano la fame e conciliano il sonno

Grazie alla loro ricchezza in fibre, due clementine prima dei pasti attenuano la fame, facendoti mangiare meno. Tra le sostanze minerali presenti in questi piccoli agrumi va ricordata la presenza di sali di bromo: oligoelementi dall’effetto calmante, capaci di ridurre la voglia di spizzicare, soprattutto la sera; così le clementine sono un frutto che può conciliare un corretto riposo, proprio per questa loro azione leggermente sedativa sul sistema nervoso.

Succo di clementine: drenante e depurante

Delle clementine si può bere anche il succo, centrifugandolo o frullandolo (in modo da conservare anche le fibre). Per gli spuntini di metà giornata rappresenta un ottimo snack, vitaminico, ipocalorico e antistress. Bevi il succo appena fatto o conservalo in frigorifero per un paio di giorni al massimo.

La scorza di clementine è ricca di antiossidanti

È importante scegliere clementine biologiche, che non contengono cere sulla buccia (che così risulta edibile): provala grattuggiata su carpacci di pesce, insalate e impasti dolci. I flavonoidi antiossidanti presenti anche nella scorza delle clementine, in combinazione con la vitamina C, migliorano poi la circolazione sanguigna, cosa sempre utile per chi soffre di cellulite e ristagni.

Ricetta da provare: dessert dolce di clementine

Spremi il succo delle clementine tagliandole a metà e utilizzando lo spremiagrumi. Tieni da parte le bucce perché poi verranno riempite con la crema da farsi con i seguenti ingredienti:

  • 80ml di succo di clementine (quello spremuto in precedenza)
  • 80 ml di latte di cocco
  • 1 cucchiaio di succo di agave
  • 1 cucchiaio di amido di riso
  • 1 cucchiaio di agar agar (gelificante naturale)

Sciogli in un pentolino l’agar agar e l’amido di riso insieme al succo di clementine, al latte di cocco e allo sciroppo di agave. Volendo puoi aggiungere un cucchiaino di cocco polverizzato e un pizzico di cannella. Quando la crema si sarà addensata, ricopri delle coppette con le bucce di clementine e riempile di crema; lascia raffreddare prima a temperatura ambiente e poi nel frigorifero. Al momento di servire decora le coppette con una spolverata di cacao e una fogliolina di menta.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Clementines are delicious small citrus fruits, recommended for those who love sweet taste but are on a diet because they have to lose weight: 100 grams of these fruits weigh less than 50 calories!

Clementine is one of the most popular fruits during the winter season: it is sweet, soft and does not contain the annoying seeds in other citrus fruits. Where does this fruit come from? It is the cross between mandarin and bitter orange and preserves all the most important substances: flavonoids, fibers, minerals, folic acid and vitamins. In addition it contains very few calories: 100 grams of fruits make only 47. The benefits of clementines are to help prevent seasonal flu illnesses, but they also have virtues useful for losing weight because it certainly does not make you fat.

Do not throw the white part, it is rich in fibers

Clementines are rich in water and this is already sufficient to give them purifying properties. Also the albedo, the white part of the skin, is precious, where many fibers are concentrated; in particular, pectin is present, a soluble fiber able to nourish the intestinal bacterial flora and purify the colon, slowing the increase in blood sugar. It would therefore be better not to completely remove this portion of the fruit and consume only organic products; the pesticides contained in the rind also end up in the albedo.

Clementines ease hunger and reconcile sleep

Thanks to their fiber richness, two clementines before meals ease hunger, making you eat less. Among the mineral substances present in these small citrus fruits, the presence of bromine salts should be noted: trace elements with a calming effect, capable of reducing the desire to squeeze, especially in the evening; so the clementines are a fruit that can reconcile a proper rest, precisely because of their slightly sedative action on the nervous system.

Clementine juice: draining and purifying

Clementines can also drink juice, centrifuging it or blending it (in order to also preserve the fibers). For mid-day snacks it is a good snack, vitaminic, hypocaloric and anti-stress. Drink the freshly made juice or keep it in the refrigerator for a couple of days at most.

The clementine peel is rich in antioxidants

It is important to choose organic clementines, which do not contain waxes on the peel (which is not edible): try grated on fish carpaccio, salads and sweet dough. The antioxidant flavonoids also present in the rind of clementines, combined with vitamin C, then improve blood circulation, which is always useful for those suffering from cellulite and stagnation.

Recipe to try: sweet dessert of clementines

Squeeze the juice of the clementines by cutting them in half and using the juicer. Keep the peels aside, then they will be filled with the cream to be made with the following ingredients:

  • 80ml of clementine juice (the one previously squeezed)
  • 80 ml of coconut milk
  • 1 tablespoon of agave juice
  • 1 tablespoon of rice starch
  • 1 tablespoon of agar agar (natural gelling agent)

Dissolve agar and rice starch in a saucepan together with clementine juice, coconut milk and agave syrup. If you want you can add a teaspoon of powdered coconut and a pinch of cinnamon. When the cream has thickened, cover the cups with the clementine skins and fill them with cream; let it cool first at room temperature and then put it in the refrigerator. When serving decorate the cups with a sprinkling of cocoa and a mint leaf.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Il cavolfiore è un vegetale ricco di nutrienti che è eccellente per sostenere un forte sistema immunitario e una salute ottimale.

 

Il cavolfiore è incredibilmente ricco in vitamina C, k, e il gruppo di vitamine B e minerali quali boro, calcio, molibdeno e triptofano.

E ‘ anche una buona fonte di proteine di alta qualità che si possono facilmente assimilare nel corpo.

Il cavolfiore contiene potenti composti anti-Cancro, come l’indolo-3-Carbinolo e sulforaphane, particolarmente utili per prevenire il tumore al seno, alla cervice, all’ovaio, al colon, allo stomaco e alla prostata.

Il cavolfiore contiene anche un composto chiamato di-Indolyl-METANO (Dim) che si è dimostrato efficace nel trattamento del virus del papilloma umano (Hpv) e della displasia cervicale.

Il cavolfiore ha anche eccellenti proprietà anti-infiammatorie a causa del suo contenuto omega-3 e vitamina K ed è un alimento essenziale per coloro che cercano di prevenire l’infiammazione cronica come nella fibromialgia, epatite, artrite, cardiomiopatia, fibrosi cistica, intestino irritabile e Alzheimer.

Anche per il cavolfiore è stato dimostrato che protegge il rivestimento dello stomaco, essenziale per prevenire la proliferazione batterica di h. Pylori nello stomaco.

Il cavolfiore è noto anche per essere un efficace bendaggio per il fegato e la milza e può aiutare a purificare le tossine dal sangue, dalla linfa, dai tessuti e dagli organi.

Il cavolfiore crudo è un’ottima alternativa al riso bianco e può essere fatto mettendo il cavolfiore in un processore alimentare e macinazione fino a raggiungere una consistenza simile al riso.

Questo può essere utilizzato in rotoli di alga nori o come base di un’insalata di tabouli senza grano con pomodoro tritato fresco, scalogno, coriandolo o prezzemolo, e una spruzzata di olio d’oliva o avocado.

Il cavolfiore è anche meraviglioso al vapore, saltato o stufato. Spezie come curcuma, zenzero, scaglie di pepe rosso e paprika mix benefico con il cavolfiore e forniscono una spinta nutrizionale e medicinale.

I cavolfiori possono essere facilmente trovati nei negozi di alimentari e alimentari locali.

FONTE: Medical Medium

 

(ENGLISH VERSION)

Cauliflower is a nutrient rich vegetable that is excellent for supporting a strong immune system and optimum health.

Cauliflower is incredibly high in vitamin C, K, and B-complex and minerals such as boron, calcium, molybdenum, and tryptophan. It is also a good source of high quality protein that is easily assimilated into the body. Cauliflower contains powerful anti-cancer compounds such as indole-3-carbinol and sulforaphane which are particularly beneficial for helping to prevent breast, cervical, ovarian, colon, stomach, and prostate cancers.

Cauliflower also contains a compound called Di-indolyl-methan (DIM) which has been shown to be effective in the treatment of the Human Papilloma Virus (HPV) and cervical dysplasia. Cauliflower also has excellent anti-inflammatory properties due to its omega-3 and vitamin K content and is an essential food for those trying to prevent chronic inflammation as in fibromyalgia, hepatitis, arthritis, cardiomyopathy, cystic fibrosis, IBS, and Alzheimer’s disease.

Cauliflower has also been found to help protect the lining of the stomach which is vital for preventing bacterial overgrowth of H. Pylori in the stomach. Cauliflower is also known to be an effective detoxifier for the liver and spleen and can aid in cleansing toxins from the blood, lymph, tissues, and organs. Raw cauliflower is an excellent alternative to white rice and can be made by placing cauliflower into a food processor and grinding until it reaches a rice-like texture.

This can then be used in nori rolls or as a base to a grain-free tabouli salad with fresh chopped tomato, scallions, cilantro or parsley, and a drizzle of olive oil or avocado. Cauliflower is also wonderful steamed, sauteed, or roasted. Spices such as turmeric, ginger, red pepper flakes, and paprika mix exceedingly well with cauliflower and provide a nutritional and medicinal boost. Cauliflower can be readily found at your local grocery and health food stores.

SOURCE: Medical Medium

 

Read Full Post »

Molte persone soffrono di digestione lenta, e questo alla lunga causa accumuli di tossine e aumento di peso: gli errori da evitare, le strategie da adottare.

 

Daniela chiede aiuto:

  • “Nonostante la mia alimentazione non sia particolarmente squilibrata o ricca di grassi e zuccheri, faccio fatica a tenere il peso sotto controllo. Ho l’abitudine di assumere digestivi e famarci antiacidi piuttosto spesso, perché ho sempre la sensazione che la mia digestione sia troppo lenta e voglio evitare di sentirmi sempre gonfia e pesante. Se sono fuori a cena mi affido al classico liquore digestivo, altrimenti uso medicinali in compresse di varie marche. Secondo lei le mie difficoltà col peso possono essere legate a queste abitudini?”

La digestione lenta può incidere sul peso

Una digestione lenta non è sintomo di buona salute e spesso incide direttamente sull’aumento di peso. Può causare sonnolenza e altri fastidiosi disturbi, come flatulenza, acidità, alito cattivo, bocca amara. Più il processo digestivo è difficoltoso, più si trattengono nell’intestino tossine che provocano fermentazioni e fanno assorbire una quota di calorie maggiore. Adottare uno stile alimentare leggero è necessario, ma potrebbe non bastare, come nel caso di Daniela, che non mangia in modo scorretto ma non riesce comunque a stare in forma. In questi casi la priorità è capire le cause profonde, che possono essere molte, chiedendo un parere medico approfondito e sottoponendosi agli esami del caso.

Digestione lenta, i farmaci non la risolvono

L’assunzione abitudinaria di farmaci antiacidi non aiuta, soprattutto se non si soffre di patologie specifiche. Questi farmaci inibiscono l’acidità naturale dello stomaco, che è fondamentale nella digestione. Così i cibi arrivano nell’intestino parzialmente digeriti, sotto forma di macromolecole che difficilmente verranno assimilate e saranno quindi all’origine di ulteriori gonfiori. Nemmeno i liquori digestivi sono una buona idea: al di là delle calorie che apportano, l’alcol contribuisce a irritare le pareti dello stomaco e intensifica i bruciori. In attesa di accertamenti, meglio evitare e rivolgersi ai prodotti naturali.

Dopo il pasto, bevi l’infuso di carciofo

Un infuso a base di carciofo potrebbe diventare un utile rito serale o del dopo pasto: oltre a favorire la digestione e a sgonfiare la pancia, foglie e gambo di questo ortaggio agiscono anche sul fegato con effetto depurativo. Non è da escludere che la digestione lenta sia dovuta a rallentamenti della funzionalità epatica, oltre che di quella intestinale.

Servono anche i semi di finocchio

Possono essere molto utili anche i semi di finocchio; efficaci quando la digestione lenta è causata da un malfunzionamento dello stomaco, aiutano anche l’intestino, perché riducono la formazione di gas in tutto l’apparato digestivo.

Se il gonfiore persiste, prova il carbone vegetale

Quando la digestione lenta persiste dando anche altri sintomi come aerofagia, colon irritabile, reflusso gastroesofageo, si può utilizzare il carbone vegetale (detto anche carbone attivo), una sostanza che assorbe efficacemente i gas ingeriti tramite gli alimenti. L’assunzione di questo rimedio interferisce con alcuni farmaci e con l’assorbimento dei nutrienti dei cibi, per cui è bene chiedere preventivamente un parere al medico.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Many people suffer from slow digestion, and this in the long run causes accumulations of toxins and weight gain: here are the mistakes to avoid, and the strategies to be adopted.

Daniela asks for help:

  • “Although my diet is not particularly unbalanced or rich in fats and sugars, I struggle to keep the weight under control.I have a habit of digesting and getting antacids quite often, because I always have the feeling that my digestion is too slow and I want to avoid feeling always swollen and heavy.If I’m out at dinner I rely on the classic digestive liqueur, otherwise I use medicines in tablets of various brands.I think my difficulties with weight can be related to these habits? “

Slow digestion can affect weight

Slow digestion is not a symptom of good health and often directly affects weight gain. May cause drowsiness and other annoying ailments, such as flatulence, acidity, bad breath, bitter mouth. The more digestive the process is, the more they retain in the intestine toxins that cause fermentations and make it absorb a greater share of calories. Adopting a light food style is necessary, but it may not be enough, as in the case of Daniela, who does not eat incorrectly but still can not stay in shape. In these cases, the priority is to understand the root causes, which can be many, asking for a detailed medical opinion and submitting to the appropriate examinations.

Slow digestion, the drugs do not solve it

The habitual intake of anti acid drugs does not help, especially if you do not suffer from specific diseases. These drugs inhibit the natural acidity of the stomach, which is essential in digestion. Thus foods arrive in the partially digested intestine, in the form of macromolecules that are unlikely to be assimilated and will therefore cause further swelling. Not even digestive liqueurs are a good idea: beyond the calories they bring, alcohol helps to irritate the stomach walls and intensifies the burns. Pending investigations, it is better to avoid and turn to natural products.

After the meal, drink the artichoke infusion

An infusion based on artichoke could become a useful evening or after-meal ritual: in addition to encouraging digestion and deflation of the stomach, leaves and stem of this vegetable also act on the liver with purifying effect. It is not excluded that the slow digestion is due to slowing of liver function, as well as intestinal.

Fennel seeds are also used

Fennel seeds can also be very useful; effective when slow digestion is caused by a stomach malfunction, they also help the intestines, because they reduce the formation of gas throughout the digestive tract.

If the swelling persists, try the charcoal

When the slow digestion persists it also gives other symptoms such as aerophagia, irritable colon, gastroesophageal reflux, it is possible to use vegetable carbon (also called activated carbon), a substance that effectively absorbs the gases ingested through food. Taking this remedy interferes with some medications and with the absorption of food nutrients, so it is advisable to seek advice from a doctor beforehand.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Older Posts »