Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for aprile 2019

Il nostro corpo è costituito per il 60% da acqua, quindi abbiamo bisogno di bere molta acqua per aumentare la circolazione sanguigna e supportare tutti i processi che si verificano nel sistema.

 

Tuttavia, se si aggiunge sapore all’acqua, si ottiene una deliziosa bevanda naturale che manterrà il corpo idratato e migliorerà la salute in molti modi. L’acqua di ananas è una delle bevande naturali più potenti che

  • accelera la perdita di peso,
  • combatte l’infiammazione nel corpo e
  • allevia il dolore alle articolazioni.

Gli ananas hanno potenti effetti anti-infiammatori a causa della presenza di bromelina, un enzima che accelera il processo di guarigione e allevia il dolore. L’alto contenuto di bromelina e iodio impedirà varie malattie autoimmuni e allevia i disturbi della tiroide.

Gli ananas sono ricchi di fibre, quindi il loro consumo crea una sensazione di sazietà e impedisce voglie di zuccheri e grassi, mentre la tiamina aumenta il metabolismo e converte i carboidrati in energia.
Inoltre, l’ananas è ricco di potassio, che rafforza il corpo e mantiene un sano equilibrio di elettroliti.

La bromelina ha potenti qualità antiparassitarie, quindi il consumo regolare di ananas distrugge anche la tenia e svuota i parassiti dal fegato e dall’intestino.

Il succo di ananas combatte l’infiammazione del colon e allevia anche i sintomi dell’asma. Se aggiungi anche i semi di finocchio alla bevanda, arricchirai anche il sapore e lenirai il sistema digestivo.

Ecco come preparare questa bevanda:

Ingredienti:

  • ½ tazza di pezzi di ananas
  • 1 cucchiaino di semi di finocchio
  • 8 tazze di acqua calda

Istruzioni:

Aggiungi i pezzi di ananas a una brocca piena di acqua calda. Lasciare raffreddare la bevanda a temperatura ambiente e aggiungere i semi di finocchio. Lasciare a bagno durante la notte, e al mattino, filtrare.
Bevi questa bevanda benefica ogni giorno e raccoglierai tutti i benefici per la salute offerti da questo delizioso frutto. Godere!

Fonte: body2diefor.com

FONTE: Healthy Food House

 

(ENGLISH VERSION)

Our body consists of 60% water, so we need to drink plenty of water in order to boost blood circulation and support all processes occurring in the system.

 

Yet, if you add flavor to water, you get a delicious natural drink that will keep the body hydrated, and improve health in many ways.  Pineapple water is one of the most powerful natural beverages that accelerate weight loss, fight inflammation in the body, and alleviate joint pain.

Pineapples have potent anti-inflammatory effects due to the presence of bromelain, an enzyme that speeds up the healing process and relieves pain.  The high bromelain and iodine content will prevent various autoimmune disorders, and relieve thyroid disorders.

Pineapples are abundant in fiber, so their consumption creates a feeling of satiety and prevents sugar and fat cravings, while thiamine boosts metabolism, and converts carbs into energy.

Moreover, pineapples are rich in potassium, which strengthens the body, and maintains a healthy balance of electrolytes.

Bromelain has potent antiparasitic qualities, so the regular consumption of pineapples also destroys tapeworms, and flushes parasites from the liver and intestines.

Pineapple juice fights colon inflammation and relieves asthma symptoms as well. If you also add fennel seeds to the drink, you will also enrich the flavor, and soothe the digestive system.

Here is how to prepare this drink:

Ingredients:

  • ½ cup pineapple chunks
  • 1 tsp fennel seeds
  • 8 cups hot water

Instructions:

Add the pineapple chunks to a pitcher filled with hot water. Leave the drink to cool at room temperature, and then add in the fennel seeds. Leave to soak overnight, and in the morning, strain it.

Drink this beneficial beverage on a daily basis, and you will reap all health benefits offered by this delicious fruit. Enjoy!

Source: body2diefor.com

 

SOURCE: Healthy Food House

Read Full Post »

La musica è in grado di influire sullo stato di salute del nostro corpo, lavorando sullo stress e sul sistema immunitario: scopriamo come.

 

All’Università McGill di Montreal, studiano come la musica possa cambiare la biochimica del nostro corpo. È stato dimostrato che l’ascolto della musica influenza lo stato di salute del nostro corpo attraverso quattro vie:

  • il piacere,
  • lo stress,
  • il sistema immunitario e
  • l’aggregazione sociale.

 

Nei laboratori del Prof. Levitin (cit. The Neurochemistry of music, M.L.Chanda and D. J. Levitin Cell Press 2013) si stanno studiando come queste vie di azione della musica sul nostro corpo siano regolate dalle variazioni chimiche di ormoni quali la dopamina e gli oppioidi, il cortisolo, la serotonina e l’ossitocina.

 

Le dinamiche neurochimiche che stimolano la via del riconoscimento sono simili a quelle che proviamo con il cibo o il sesso. Esistono sistemi di tecnologia di neuroimaging (es. PET, fMRI) che riescono a rilevare in modo preciso in quali aree del cervello avvengono queste dinamiche e a compararle con situazioni che stimolano il piacere con dinamiche molto simili.

 

Ricevo spesso riscontri da coach, managers, psicologi che lavorano nel campo della motivazione o sportivi che utilizzano Translational Music per migliorare le loro prestazioni o quelle della loro squadra o team di lavoro.

 

In molti ospedali i chirurghi e lo staff medico richiedono l’ascolto di un certo tipo di musica in sala operatoria durante gli interventi ed è stato dimostrato come questa pratica migliori l’attenzione, la collaborazione tra lo staff e abbassi i livelli di stress degli operatori e del paziente.

 

Sono stati pubblicati anche studi in cui è stato dimostrato che l’ascolto della musica durante un’operazione chirurgica o durante il parto può agire sulla percezione del dolore e di conseguenza ai pazienti viene ridotta la dose di antidolorifici (Cepeda et al. 2006). Ciò è supportato dal fatto che l’ascolto musicale agisce sulla stessa parte del cervello (Nucleus Accumbens) su cui agisce la morfina (Jeffries, Neuroreport 2003). Due marcatori dello stress che sono stati rilevati durante l’ascolto della musica sono il cortisolo e la B-endorfina.

L’ascolto della musica favorisce inoltre la produzione di ACTH, prolattina, ormone della crescita e norepinefrina.

 

FONTE: Scienzaeconoscenza

 

(ENGLISH VERSION)

At McGill University in Montreal, they study how music can change the biochemistry of our body. It has been shown that listening to music influences the health of our body through four ways: pleasure, stress, the immune system and social aggregation.

In the laboratories of Prof. Levitin (cit. The Neurochemistry of music, MLChanda and DJ Levitin Cell Press 2013) we are studying how these ways of action of music on our body are regulated by the chemical variations of hormones such as dopamine and opioids, cortisol, serotonin and oxytocin.

The neurochemical dynamics that stimulate the path of recognition are similar to those we experience with food or sex. There are neuroimaging technology systems (eg PET, fMRI) that can accurately detect in which areas of the brain these dynamics occur and compare them with situations that stimulate pleasure with very similar dynamics.

Of Translational Music for Wellness Operators – with Emiliano Toso

 
Listening to music we feel more motivated, more attentive, more focused on achieving a goal, more creative.

I often receive feedback from coaches, managers, psychologists working in the motivation field or sportsmen who use Translational Music to improve their performances or those of their team or work team.

In many hospitals, surgeons and medical staff require listening to a certain type of music in the operating room during interventions and it has been shown that this practice improves attention, collaboration between staff and lowers the stress levels of the operators and the patient.

Studies have also been published in which it has been shown that listening to music during surgery or during childbirth can affect the perception of pain and consequently patients are reduced in dose of painkillers (Cepeda et al. 2006). This is supported by the fact that musical listening acts on the same part of the brain (Nucleus Accumbens) on which morphine acts (Jeffries, Neuroreport 2003). Two markers of stress that have been detected while listening to music are cortisol and B-endorphin.

Listening to music also promotes the production of ACTH, prolactin, growth hormone and norepinephrine.

 

SOURCE: Scienzaeconoscenza

Read Full Post »

Dopo le abbuffate di Pasqua e Pasquetta potremmo sentire l’esigenza di rimetterci in forma e di depurare un po’ il nostro corpo che nei giorni di festa è stato probabilmente caricato un po’ troppo di cibi ricchi di grassi e zuccheri. Ecco allora 10 consigli utili per buttare giù qualche chilo.

 

Se avete esagerato solamente nei giorni di festa, niente paura! Non sarà difficile rimettersi in forma tornando subito a mangiare in maniera sana e favorendo il detox con alcuni piccoli accorgimenti. Se l’aumento di peso è solo di 1 o 2 chili non serviranno grandi sacrifici per tornare al proprio peso consueto e non occorrerà neppure seguire una vera e propria dieta.

C’è poi da considerare che gli stravizi, se sono solo cosa di pochi giorni, non permettono di accumulare vero e proprio grasso. Nella maggioranza dei casi, infatti, si tratta di liquidi che possono essere facilmente eliminati.

Scopriamo adesso alcuni semplici consigli per tornare presto in forma dopo Pasqua e Pasquetta.

1. Basta dolci

Sicuramente in casa avrete avanzi di colombe, torte pasqualine o uova di cioccolata. Non lasciatevi tentare! Almeno per qualche giorno dopo gli stravizi è bene evitare di mangiare dolci di ogni genere per disintossicare il corpo dallo zucchero. Se riuscite eliminatelo anche dal caffè o tè, sostituendolo magari con qualche altro dolcificante naturale.

2. Bevi tanta acqua

I liquidi aiutano ad eliminare i liquidi. Per fronteggiare la ritenzione idrica, dunque, non c’è rimedio migliore che bere tanta acqua. E’ scontato che bisogna evitare invece bibite gassate, succhi di frutta confezionati (ben accetti invece sono gli estratti di frutta e verdura fatti in casa) e alcoolici. L’introito di liquidi può essere favorito assumendo anche delle tisane, meglio se dal potere sgonfiante o detox (vedi sotto) o acque aromatizzate.

3. Limita al minimo il sale

Il sale è un condimento di cui spesso abusiamo ma che invece dovremmo fortemente limitare se abbiamo a cuore la nostra salute. Utilizzarlo troppo non solo ci espone maggiormente al rischio cardiovascolare ma peggiora una già presente situazione di ritenzione idrica. Cerchiamo quindi di sostituirlo il più possibile con spezie ed erbe aromatiche per rendere più gustosi i nostri piatti.

4. Scegli cibi freschi e sani

Eliminate il più possibile i cibi raffinati e ricchi di grassi prediligendo una dieta a base di frutta e verdura di stagione. 5 porzioni di questi cibi andrebbero messi in tavola ogni giorno, facendo in modo di consumarne alcuni crudi in modo da garantirsi il massimo di vitamine e sali minerali. Non bisogna però dimenticarsi anche di assumere il giusto apporto di proteine e carboidrati.

5. Non saltare i pasti

C’è chi pensa (erroneamente) che dopo alcuni giorni di abbuffate si può dimagrire più in fretta saltando i pasti. Ovviamente non è così. Al contrario questa consuetudine sbagliata ci espone al fallimento dei nostri buoni propositi. Si rischia di avere scompensi glicemici e di arrivare con troppa fame al pasto successivo e quindi di esagerare con il cibo.

6. Acqua e limone

Appena svegli si può iniziare la giornata sorseggiando acqua e limone, aspettando una mezzora circa prima di fare colazione. Questo è un semplice rimedio che offre diversi benefici tra cui quello di riattivare il metabolismo e favorire la perdita di peso.

7. Tisane depurative

Esistono delle tisane a base di erbe, perfette per favorire il detox. Si tratta di bevande che possono essere gustate nel corso della giornata o la sera prima di andare a dormire. Se possibile, meglio evitare di dolcificarle.

8. Muoviti

Rimettersi in forma significa non solo mangiare bene ma anche evitare la sedentarietà. Non dimenticate dunque di camminare ogni giorno per almeno 40 minuti a passo svelto oppure di praticare il vostro sport preferito.

9. Dormi a sufficienza

Non sottovalutate neppure il riposo. Dormire bene e a sufficienza è tanto importante quanto mangiare correttamente per ritrovare il peso forma. Diverse ricerche hanno infatti dimostrato che chi dorme poco (meno di cinque ore a notte) ha un rischio maggiore di disequilibri ormonali, di veder rallentare il proprio metabolismo e di sentire un bisogno maggiore di mangiare.

10. Dieta detox

Se poi volete, e ne sentite la necessità, potete seguire una vera e propria dieta detox. Vi abbiamo parlato di questo tipo di regime alimentare nei seguenti articoli:

FONTE: Greenme (Francesca Biagioli)

 

(ENGLISH VERSION)

After the Easter and Easter binges we could feel the need to get back into shape and purify our body a bit, which on holidays was probably loaded a little too much with foods rich in fat and sugar. So here are 10 useful tips to get rid of a few pounds.

If you have only exaggerated on holidays, don’t worry! It will not be difficult to get back into shape by returning immediately to eating healthy and favoring the detox with some small tricks. If the weight gain is only 1 or 2 kilos it will not take big sacrifices to return to your usual weight and you will not even need to follow a real diet.

It must also be considered that the extravagances, if they are only for a few days, do not allow them to accumulate real fat. In most cases, in fact, these are liquids that can be easily eliminated.

Let’s find out some simple tips to get back in shape soon after Easter and Easter Monday.

1. Stop desserts

Certainly at home you will have scraps of doves, Easter cakes or chocolate eggs. Don’t be tempted! At least for a few days after the extravagance it is good to avoid eating sweets of any kind to detoxify the body from sugar. If you can also eliminate it from coffee or tea, replacing it with some other natural sweetener.

2. Drink lots of water

Liquids help eliminate liquids. To cope with water retention, therefore, there is no better remedy than drinking lots of water. It is obvious that we must avoid carbonated drinks, packaged fruit juices (home-made fruit and vegetable extracts) and spirits instead. The intake of liquids can be fostered by also taking herbal teas, preferably with a deflating or detoxifying power (see below) or flavored waters.

3. Keep salt to a minimum

Salt is a condiment that we often abuse but that we should strongly limit if we care about our health. Using it too much not only exposes us more to cardiovascular risk but worsens an already present situation of water retention. So we try to replace it as much as possible with spices and aromatic herbs to make our dishes more tasty.

4. Choose fresh and healthy foods

Eliminate as much refined and fat-rich foods as possible, preferring a diet based on seasonal fruits and vegetables. 5 portions of these foods should be put on the table every day, making sure to consume some raw so as to guarantee the maximum of vitamins and mineral salts. However, we must not forget to take the right amount of protein and carbohydrates.

5. Do not skip meals

There are those who think (erroneously) that after a few days of bingeing one can lose weight faster by skipping meals. Obviously this is not the case. On the contrary, this wrong practice exposes us to the failure of our good intentions. There is the risk of having glycemic imbalances and of having the next meal too hungry and therefore of overdoing it with food.

6. Water and lemon

As soon as you wake up, you can start the day sipping water and lemon, waiting about half an hour before having breakfast. This is a simple remedy that offers several benefits including that of reactivating the metabolism and promoting weight loss.

7. Purifying teas

There are herbal teas, perfect for detoxification. These are drinks that can be enjoyed during the day or in the evening before going to sleep. If possible, better avoid sweetening them.

8. Move

Getting into shape means not only eating well but also avoiding a sedentary lifestyle. So don’t forget to walk fast for at least 40 minutes every day or practice your favorite sport.

9. Get enough sleep

Do not underestimate even rest. Sleeping well and getting enough is as important as eating properly to regain your weight. Several studies have shown that those who sleep little (less than five hours a night) have a greater risk of hormonal imbalance, of seeing their metabolism slow down and of feeling a greater need to eat.

10. Detox diet

If you want, and feel the need, you can follow a real detox diet. We have talked about this type of diet in the following articles:

Detox diet after the holidays: what to eat and the best natural remedies
Detox diet: when to do it, proven benefits, examples and duration

 

SOURCE: Greenme (Francesca Biagioli)

Read Full Post »

Milioni di persone soffrono di dolore alle anche e alle ginocchia, che è spesso il risultato di predisposizioni genetiche, lesioni o il normale strappo delle articolazioni.

 

Il CDC riporta che circa la metà di tutti gli americani sviluppano l’artrite del ginocchio all’età di 85 anni e un quarto può sviluppare l‘artrite dell’anca. Anche in età più giovane, sono comuni anche le lesioni a queste articolazioni.

La maggior parte delle persone soffre di dolore al ginocchio o all’anca poiché queste articolazioni grandi sopportano tutto il peso del corpo e allo stesso tempo consentono un’ampia gamma di movimenti. Supportano l’intero peso del corpo e lavorano in stretto coordinamento per fornire la giusta mobilità, fino a quando una ferita, un’artrite o altri problemi interferiscono.

Tuttavia, questo dolore può essere debilitante e troppo intenso, e le persone si rivolgono agli antidolorifici per alleviarlo. Tuttavia, esiste un modo naturale efficace per rigenerare le cartilagini delle anche e delle ginocchia e alleviare il dolore in un breve periodo di tempo.

Ecco come prepararlo:

Ingredienti:

  • 1 cucchiaio di menta
  • 1 cucchiaio da tavola di Salvia
  • 1 cucchiaio di rosmarino
  • 1 cucchiaio di timo
  • 1 litro di acqua

Istruzioni:

Riscaldare l’acqua, e quando inizia a bollire, aggiungere le erbe e farle bollire per 5 minuti. Quindi, spegnere il fuoco e lasciare raffreddare la miscela per 15 minuti. Colare il tè, addolcire con il miele e metterlo in frigo.

Bevi una tazza due volte al giorno, una volta al mattino a stomaco vuoto e ancora una volta prima di andare a letto. L’intensità del dolore sarà ridotta entro una settimana e tutti i sintomi scompariranno gradualmente.

Fonte: thehealthyfoodlife.com

 

FONTE: Healthy Food House

 

(ENGLISH VERSION)

Millions of people suffer from pain in the hips and knees, which is often a result of genetic predispositions, injuries, or the normal tear-and-wear of the joints.

The CDC reports that about half of all Americans develop knee arthritis by age 85, and a quarter may develop hip arthritis. Even at younger ages, injuries to these joints are also common.

Most people suffer from knee or hip pain since these large joints bear the full weight of your body while at the same time allowing for a wide range of motion. They support the entire weight of the body and work in close coordination to provide the proper mobility, until an injury, arthritis, or other problems interfere.

Yet, this pain can be debilitating and too intense, and people turn to painkillers to relieve it.  However, there is an effective natural way to regenerate the cartilages of the hips and knees and relieve the pain in a short period of time.

Here is how to prepare it:

Ingredients:

  • 1 tablespoon of mint
  • 1 tablespoon of Salvia
  • 1 tablespoon of rosemary
  • 1 tablespoon of Thyme
  • 1 liter of water

Instructions:

Heat the water, and when it starts to boil, add the herbs and boil them for 5 minutes. Then, turn off the heat, and leave the mixture to cool down for 15 minutes. Strain the tea, sweeten with honey, and put it in the fridge.

Drink a cup of it twice daily, once in the morning on an empty stomach, and once more before going to bed. The intensity of the pain will be reduced within a week, and all symptoms will gradually disappear.

Source: thehealthyfoodlife.com

SOURCE: Healthy Food House

Read Full Post »

Le barbabietole sono un ortaggio a radice che è una ricca fonte di numerosi nutrienti e agisce come una fonte naturale di carboidrati per alimentare l’energia nel corpo.

Questo ortaggio è ricco di vitamine come la vitamine A, C e B, oltre a folati, ferro, calcio, manganese e potassio (259 mg per porzione da ½ tazza, o circa il 5,5% del DV). Le sue elevate quantità di antiossidanti combattono le malattie e prevengono il danno cellulare.

 

  • La vitamina C è un potente antiossidante che potenzia la funzione immunitaria e migliora la salute della pelle
  • Il folato (vitamina B9) è fondamentale per la normale crescita dei tessuti e la funzionalità cellulare ed è particolarmente necessario per le donne in gravidanza
  • Il ferro è un minerale essenziale che ha numerose importanti funzioni nel corpo ed è necessario per il trasporto dell’ossigeno nei globuli rossi.
  • Il calcio è un minerale essenziale necessario per la crescita e la forza dell’osso
  • Il manganese è un oligoelemento essenziale, che contribuisce alla regolazione del metabolismo e dei livelli di zucchero nel sangue
  • Il potassio abbassa i livelli di pressione sanguigna e previene le malattie cardiache

Le barbabietole contengono anche altri composti utili come sostanze fitochimiche, betalete e nitrati.

Sono ad alto contenuto di betaina, un composto che stimola le funzioni delle cellule epatiche e abbassa i livelli di omocisteina, che è un aminoacido non proteico che aumenta il rischio di malattie cardiovascolari.

Anche se le barbabietole sono ricche di sostanze nutritive, hanno poche calorie e il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) stima che una porzione da ½ tazza di barbabietole a fette fornisce:

  • Calorie: 35
  • Proteine: 1 grammo (g) (2% di valore giornaliero o DV)
  • Grasso: 0 g
  • Carboidrati: 8 g
  • Fibra: 1 g (4 percento DV)
  • Zuccheri: 6 g
  • Ferro: 0,4 milligrammi (mg) (2,22% DV)
  • Sodio: 250 mg

Pertanto, il suo consumo regolare migliora la salute in molti modi. Il succo di barbabietola è uno dei modi migliori per abbassare la pressione sanguigna e migliorare la salute del cuore.

L’ipertensione sanguigna colpisce circa 75 milioni di adulti americani (32%), secondo il CDC, e contribuisce a migliaia di morti ogni anno.

L’ipertensione costringe il cuore a pompare più forte, al fine di aumentare il flusso di sangue attraverso le arterie, e questo porta a arterie indurite, danneggiate e ristrette. Le arterie danneggiate sono soggette a rottura che porta a sanguinamento interno potenzialmente letale, aneurisma e altre malattie cardiache.

Tuttavia, l’uso a lungo termine di farmaci per l’ipertensione può tranquillamente danneggiare il corpo e portare a gravi effetti negativi. Tuttavia, il succo di barbabietola può essere un modo naturale per controllarlo.

Uno studio ha rilevato che i partecipanti hanno abbassato la pressione del sangue tre ore dopo aver bevuto 17 once (500ml)  di succo di barbabietola, questa diminuzione è durata fino a 24 ore. I ricercatori hanno concluso che l’integrazione inorganica di nitrati e succo di barbabietola ha portato a una significativa riduzione della pressione sanguigna sistolica.

La barbabietola cruda è ricca di nitrato (NO3), che il corpo si trasforma in nitrito biologicamente attivo (NO2) e ossido nitrico (NO) quando necessario. L’ossido nitrico è una molecola chiave che produce per aiutare la comunicazione di 100 trilioni di cellule trasmettendo segnali in tutto il corpo.

Entra nei muscoli sottostanti e agisce come un potente vasodilatatore che rilassa le arterie, abbassando così la pressione sanguigna, combatte lo stress ossidativo e l’infiammazione e stimola la circolazione sanguigna.

Inoltre, i nitrati contenuti in questo succo riducono l’assorbimento di ossigeno, rendendo così l’esercizio meno stancante, specialmente durante l’attività aerobica, quando la respirazione aumenta per attirare più ossigeno nel corpo.

È stato anche scoperto che il succo di barbabietola

  • aumenta l’efficienza della respirazione mitocondriale e
  • aumenta i livelli di energia e la resistenza.

Ecco come preparare il succo di barbabietola fatto in casa:

Ricetta succo di barbabietola

Ingredienti:

  • 5-6 barbabietole crude di media pezzatura
  • 1 limone con la buccia (tagliare entrambe le estremità)
  • 1 pollice di radice di zenzero
  • 1 cetriolo (facoltativo)

Istruzioni:

  1. Lavare gli ingredienti e tagliarli a pezzi più piccoli. Se le barbabietole hanno la buccia liscia, puliscile con un pennello vegetale, non è necessario sbucciarle.
  2. Mescolare tutti gli ingredienti nello spremiagrumi, o estrattore e versare il succo nella caraffa.
  3. Bere un bicchiere di questa bevanda sana ogni giorno, abbassa la pressione sanguigna, combatte l’infiammazione muscolare e aumentare la resistenza. Buon appetito!

fonti:
juicing-for-health.com
www.healthline.com
www.medicalnewstoday.com

FONTE: Healthy Food House

 

(ENGLISH VERSION)

Beetroots are a root vegetable which is a rich source of numerous nutrients and acts as a natural source of carbs for fueling energy in the body.

This vegetable is abundant in vitamins A, C, and B, as well as folate, iron, calcium, manganese, and potassium ( 259 mg per ½ cup serving, or about 5.5 percent of the DV). Its high amounts of antioxidants fight disease and prevent cell damage.

  • Vitamin C is a powerful antioxidant that boosts the immune function and improves skin health 
  • Folate (vitamin B9) is crucial for normal tissue growth and cell function and is particularly necessary for pregnant women
  • Iron is an essential mineral which has numerous important functions in your body and is necessary for the transport of oxygen in red blood cells.
  • Calcium is an essential mineral needed for bone growth and strength
  • Manganese is an essential trace element, which contributes to the regulation of metabolism and blood sugar levels
  • Potassium lowers blood pressure levels and prevents heart disease

Beetroots also contain other beneficial compounds like phytochemicals, betalains, and nitrates.

They are high in betaine, a compound that stimulates liver cell functions and lowers homocysteine levels, which is a non-protein amino acid that raises the risk of cardiovascular disease.

Even though beets are high in nutrients, they are low in calories, and the United States Department of Agriculture (USDA) estimates that a ½-cup serving of sliced beets provides:

  • Calories: 35
  • Protein: 1 gram (g) (2 percent daily value, or DV)
  • Fat: 0 g
  • Carbohydrates: 8 g
  • Fiber: 1 g (4 percent DV)
  • Sugars: 6 g
  • Iron: 0.4 milligrams (mg) (2.22 percent DV)
  • Sodium: 250 mg

Therefore, its regular consumption improves health in numerous ways. Beetroot juice is one of the best ways to lower high blood pressure and improve heart health.

High blood pressure affects about 75 million American adults (32%), according to the CDC, and it contributes to thousands of deaths annually.

High blood pressure forces the heart to pump harder, in order to boost the blood flow through the arteries, and this leads to hardened, damaged and narrowed arteries. The damaged arteries are prone to rupture that leads to life-threatening internal bleeding, aneurysm, and other heart diseases.

However, the long-term use of hypertension medications can quietly damage the body and lead to serious adverse effects.  Yet, beetroot juice can be a natural way to control it.

One study has found that participants lowered their blood pressure three hours after drinking 17 ounces of beetroot juice, this decrease lasted up to 24 hours. Researchers concluded that the inorganic nitrate and beetroot juice supplementation led to a significant reduction in systolic blood pressure.

Raw beetroot is rich in nitrate (NO3), that the body turns into biologically active nitrite (NO2) and nitric oxide (NO) when needed. Nitric oxide is a key molecule produces to help the communication of 100 trillion cells by transmitting signals throughout the entire body.

It enters the underlying muscles and acts as a potent vasodilator that relaxes the arteries, and thus lowers blood pressure, fights oxidative stress and inflammation, and boosts blood circulation.

Furthermore, the nitrates in this juice lower the uptake of oxygen, and thus make exercise less tiring, especially during aerobic exercise, when breathing is increased to draw more oxygen into the body.

Beetroot juice has also been found to boost the efficiency of mitochondrial respiration and increase energy levels and stamina. 

Here is how to prepare your homemade beetroot juice:

Beetroot Juice Recipe

Ingredients:

  • 5-6 medium-sized raw beetroots
  • 1 lemon with peel (cut off both ends)
  • 1-inch of ginger root
  • 1 cucumber (optional)

Instructions:

Wash the ingredients, and cut them in smaller pieces. If the beetroots have smooth skin, just scrub them clean with a vegetable brush, you do not need to peel them.

Mix all the ingredients in the juicer, juice them, and then pour the juice in the pitcher.

Drink a glass of this healthy drink daily, to lower blood pressure, fight muscle inflammation, and boost your stamina. Enjoy!

Sources:
juicing-for-health.com
www.healthline.com
www.medicalnewstoday.com

 

SOURCE: Healthy Food House

Read Full Post »

Gli scienziati hanno recentemente confermato i numerosi benefici per la salute offerti dall‘olio essenziale di pepe nero, incluso il sollievo dal dolore, la disintossicazione del corpo, l’eliminazione dell’eccesso di acido urico e l’aiuto con la dipendenza da sigaretta.

Questo olio essenziale viene estratto attraverso l’estrazione di CO2 o la distillazione a vapore e ha un aroma speziato, caldo, pepato e muschiato. È comunemente usato come rimedio naturale in caso di problemi digestivi e nervosi poiché stimola la circolazione e favorisce l’equilibrio emotivo.

Il pepe nero ha una versatilità unica che è sia energizzante che riscaldante e, nonostante il rinvigorimento dei sensi, aumenta anche la chiarezza mentale ed è comunemente usato dagli atleti e da coloro che hanno uno stile di vita attivo grazie alle sue proprietà riscaldanti ed energizzanti.

È anche un importante alimento per la salute poiché ha potenti proprietà antiossidanti, antimicrobiche e moduli gastro-protettivi. Con la piperina, come ingrediente attivo, il pepe nero contiene una ricca fitochimica che coinvolge oli volatili, oleoresine e alcaloidi.

Inoltre, i suoi componenti principali sono limonene, pinene, mircene, linalolo, pinocarveolo, alfa-termineolo, fellandrene, beta-cariofillene, beta-bisabolene, sabinene, canfene e alfa-terpenene, ed è anche una ricca fonte di manganese, ferro , potassio, calcio, beta-carotene, fosforo, selenio e vitamina K.

  • Lenisce il dolore muscolare – Applicalo localmente sulla zona interessata
  • Migliora la digestione: puoi applicarla localmente sulla zona addominale o prendere 1-2 gocce di olio di pepe nero internamente
  • Abbassa la pressione sanguigna– Aggiungi poche gocce a un bicchiere d’acqua
  • Elimina l’acido urico – Applicare 2-3 gocce sulla zona interessata per lenire l’artrite, la gotta e i reumatismi cronici
  • Detox per il corpo – Prendi 1-2 gocce di questo olio essenziale internamente
  • Riduce il desiderio di sigarette – La dipendenza da droghe e alcol ha pubblicato uno studio che dimostra che riduce il desiderio di sigaretta ei sintomi di ansia nei fumatori che cercano di smettere. Puoi semplicemente inalarlo o aggiungerne qualche goccia in un bicchiere d’acqua.
  • Allevia la congestione: applica alcune gocce sul torace
  • Tratta i problemi respiratori – Prendilo internamente o inspiralo direttamente dalla bottiglia

Inoltre, gli studi hanno dimostrato che questo potente olio essenziale è estremamente utile nel caso di

  • IBS,
  • insulino-resistenza,
  • ansia e depressione,
  • glicemia alta,
  • malattie del cervello e del fegato e
  • infiammazione.

FONTE: Healthy Food House

 

(ENGLISH VERSION)

Scientists have recently confirmed the numerous health benefits offered by black pepper essential oil, including pain relief, body detoxification, elimination of excess uric acid, and help with cigarette cravings.

This essential oil is extracted either through CO2 extraction or steam distillation and has a spicy, warm, peppery and musky aroma. It is commonly used as a natural remedy nth re case with digestive and nervous systems issues since it stimulates circulation and promotes emotional balance.

Black pepper has a unique versatility that’s both energizing and warming, and despite invigorating the senses, it also boosts mental clarity and is commonly used by athletes and those with active lifestyles due to its warming and energizing properties.

It is also an important health food since it has powerful antioxidant, antimicrobial properties, and gastro-protective modules. With piperine, as an active ingredient, black pepper holds rich phytochemistry that involves volatile oils, oleoresins, and alkaloids.

Moreover, its main components are limonene, pinene, myrcene, Linalool, pinocarveol, alpha-termineol, phellandrene, beta-caryophyllene, beta-bisabolene, sabinene, camphene, and alpha-terpenene, and it is also a rich source of manganese, iron, potassium, calcium, beta-carotene, phosphorus,  selenium, and vitamin K.

  • Soothes muscle pain- Apply it topically on the affected area
  • Improves Digestion- you can apply it topically on the abdominal area or take 1–2 drops of black pepper oil internally
  • Lowers blood pressure- Add a few drops to a glass of water
  • Eliminates uric acid- Apply 2-3 drops to the affected area to soothe arthritis, gout, and chronic rheumatism
  • Body detox- Take 1-2 drops of this essential oil internally
  • Reduces cigarette cravings- Drug and Alcohol Dependence published a study that showed that it reduces cigarette cravings and symptoms of anxiety in smokers trying to quit. You can simply inhale it or add a few drops of it to a glass of water.
  • Relieves congestion- Apply a few drops of it to the chest
  • Treats respiratory issues- Take it internally or inhale it directly from the bottle

Moreover, studies have shown that this potent essential oil is highly beneficial in the case of IBS, insulin resistance, anxiety and depression, high blood sugar, brain and liver diseases and inflammation.

 

SOURCE: Healthy Food House

Read Full Post »

Siamo soliti pensare che il colore dei nostri occhi sia semplicemente una caratteristica fisica che ci distingue o accomuna ad altre persone. In realtà, secondo una ricerca, avere gli occhi azzurri significa qualcosa di molto particolare.

 

L’affascinante studio, condotto dall’Università di Copenaghen, sostiene che le persone con gli occhi blu condividono un antenato con tutti coloro che hanno la stessa caratteristica, anche se sono distanti migliaia di chilometri.

Il team, che ha lavorato alla ricerca per oltre 10 anni, ha esaminato e confrontato il colore degli occhi delle persone in alcuni paesi, tra cui la Danimarca e la Turchia.

In pratica lo studio ha scoperto che gli occhi azzurri sono causati da una mutazione genetica avvenuta tra i 6 mila e 10mila anni fa. Nel momento in cui questa si è verificata ha portato con sé un grande cambiamento: dall’avere sempre e solo occhi marroni (o limite verdi, colore che sembra sia comparso precedentemente al blu) si è passati alla variante azzurra che riguarda solo l’8% delle persone.

Così ha spiegato il fenomeno il professor Hans Eiberg del Dipartimento di medicina cellulare e molecolare.

“All’inizio avevamo tutti gli occhi marroni ma una mutazione genetica che influenzava il gene OCA2 nei nostri cromosomi ha portato alla creazione di un ‘interruttore’ che letteralmente ‘disattivava’ la capacità di produrre occhi marroni. Tutti gli individui con gli occhi azzurri sono legati allo stesso antenato e hanno tutti ereditato lo stesso interruttore nello stesso punto del loro DNA”.

occhi azzurri

Gli scienziati si sono soffermati in particolare sul fatto che le variazioni del colore degli occhi, dal marrone al verde, sono dovute al grado di melanina presente nell’iride.

Il gene OCA2 codifica per la cosiddetta proteina P, che è coinvolta nella produzione di melanina, il pigmento che dà colore ad occhi, pelle e capelli. In questo caso, però, non spegne completamente il gene, piuttosto limita la sua azione per ridurre la produzione di melanina nell’iride “diluendo” il marrone e trasformandolo in blu.

Se questo gene fosse completamente disattivato o distrutto, infatti, non avremmo alcuna melanina nei nostri capelli, negli occhi o nella pelle e ci troveremmo di fronte ad un caso di albinismo.

Gli scienziati ci tengono a precisare che si tratta di una variazione che non ha un’accezione positiva o negativa e che non aumenta né riduce la possibilità di sopravvivenza di un essere umano.

Si sa però che le persone con gli occhi azzurri hanno delle caratteristiche particolari:

  • ci vedono meglio al buio, hanno maggiore sensibilità alla luce e spesso nelle foto vengono con gli occhi rossi.

La conclusione dello studio è stata dunque che tutti gli individui con gli occhi azzurri sono collegati allo stesso antenato e hanno tutti ereditato lo stesso interruttore esattamente nello stesso punto del loro DNA.

Affascinante come teoria non trovate?

FONTE: Greenme

 

(ENGLISH VERSION)

We usually think that the color of our eyes is simply a physical characteristic that distinguishes us or is common to other people. In fact, according to research, having blue eyes means something very special.

The fascinating study, conducted by the University of Copenhagen, argues that blue-eyed people share an ancestor with all those who have the same trait, even if they are thousands of miles away.

The team, which has worked in research for over 10 years, has examined and compared the color of people’s eyes in some countries, including Denmark and Turkey.

In practice, the study found that blue eyes are caused by a genetic mutation that occurred between 6,000 and 10,000 years ago. In the moment in which this occurred it brought with it a great change: from always having only brown eyes (or green limit, a color that seems to have appeared before the blue) we moved on to the blue variant which concerns only the 8 % of people.

Professor Hans Eiberg of the Department of Cellular and Molecular Medicine explained the phenomenon.

“In the beginning we had all brown eyes but a genetic mutation that influenced the OCA2 gene in our chromosomes led to the creation of a” switch “that literally” turned off “the ability to produce brown eyes. All blue-eyed individuals are related to the same ancestor and have all inherited the same switch at the same point in their DNA. “
blue eyes
Scientists have focused in particular on the fact that changes in eye color, from brown to green, are due to the degree of melanin present in the iris.

The OCA2 gene encodes the so-called protein P, which is involved in the production of melanin, the pigment that gives color to eyes, skin and hair. In this case, however, it does not completely turn off the gene, rather it limits its action to reduce the production of melanin in the iris by “diluting” the brown and turning it into blue.

If this gene were completely deactivated or destroyed, in fact, we would not have any melanin in our hair, eyes or skin and we would face a case of albinism.

Scientists are keen to point out that this is a variation that has no positive or negative meaning and that does not increase or reduce the possibility of survival of a human being.

It is known, however, that people with blue eyes have particular characteristics: they see us better in the dark, have greater sensitivity to light and often in the photos come with red eyes.

The conclusion of the study was therefore that all blue-eyed individuals are connected to the same ancestor and have all inherited the same switch at exactly the same point in their DNA.

Fascinating as a theory you don’t find?

 

SOURCE: Greenme

Read Full Post »

Usato nella prevenzione dell’emicrania, il partenio vanta comunque altre notevoli proprietà che vale la pena di riscoprire.

 

Originario dell’Europa ma diffuso anche in America e Australia, il partenio (tanacetum parthenium) cresce spontaneo nei luoghi incolti e pietrosi, sui ruderi e fra le macerie, ma viene spesso coltivato a scopo ornamentale. Fiorisce in estate ed è molto simile alla camomilla, ma il profumo è pungente e piuttosto sgradevole.

Le crisi di emicrania possono protrarsi per intere giornate © ingimage

Le crisi di emicrania possono protrarsi per intere giornate © ingimage

Gli usi antichi e moderni del partenio

Pianta consacrata da Plinio alla dea Minerva, il partenio era usato in antichità per la cura di tutte le problematiche femminili. Veniva consigliato per stimolare le contrazioni uterine e favorire il parto o l’espulsione della placenta.

Nella fitoterapia moderna viene utilizzato per prevenire crisi di emicrania e cefalea, ma è stato via via riscoperto il suo benefico effetto in caso di sindrome premestruale e dolori durante il ciclo.

Il suo principio attivo è il partenolide, analgesico che esplica un’azione di rilassamento della muscolatura liscia dei vasi sanguigni. Inoltre impedisce il rilascio di serotonina, causa scatenante dell’emicrania.

Il partenio contro emicrania e mal di testa

Recenti studi hanno dimostrato la capacità del partenio di ridurre di due terzi le crisi di emicrania e cefalea, soprattutto la loro gravità, ad esempio quando gli attacchi sono associati a nausea e vomito.

Naturalmente, essendo efficace in prevenzione, deve essere assunto regolarmente per un periodo che va dai tre ai sei mesi, questo per poter fare una giusta valutazione sulla regressione dei sintomi, i cui tempi possono variare da persona a persona.

Il partenio aiuta ad attenuare i dolori durante il ciclo © ingimage

Il partenio aiuta ad attenuare i dolori durante il ciclo © ingimage

Le proprietà del partenio, a cosa serve

Usato come febbrifugo, gli viene riconosciuta anche una buona azione antinfiammatoria.

Ma è grazie all’effetto antispasmodico che viene consigliato nella sindrome premestruale e in caso di dolori durante il ciclo. Aiuto prezioso per le donne, preso almeno sette giorni prima in modo assolutamente regolare, può attenuare l’intensità del dolore, renderlo più sopportabile o addirittura neutralizzarlo.

Di aiuto anche nelle patologie gravi

Nei casi più impegnativi viene consigliato in associazione ad altre sostanze quali il magnesio e il lampone macerato glicerinato, anch’esso un antispasmodico uterino e riequilibrante del sistema endocrino femminile.

Negli ultimi anni il partenio ha suscitato notevole interesse nella ricerca immunologica, reumatologica e oncologica: sembra infatti che il partenolide dia significative risposte per queste importanti patologie, i cui meccanismi sono ancora largamente studiati dai ricercatori.

I giovani getti freschi del lampone vengono usati per la preparazione dei gemmoderivati © ingimage

I giovani getti freschi del lampone vengono usati per la preparazione dei gemmoderivati © ingimage

Controindicazioni e effetti collaterali

Si raccomanda di non assumere il partenio in caso di gravidanza e non associarlo mai ad anticoagulanti o antiaggreganti piastrinici, sia farmaceutici che erboristici. Per la sua somministrazione rivolgersi comunque a personale qualificato che potrà dare le indicazioni migliori su periodo di assunzione e dosaggio.

FONTE: LifeGate

 

(ENGLISH VERSION)

Used in the prevention of migraine, parthenon still has other remarkable properties that are worth rediscovering.
Originally from Europe but also widespread in America and Australia, parthenon (tanacetum parthenium) grows wild in uncultivated and stony places, on ruins and among rubble, but is often cultivated for ornamental purposes. It blooms in summer and is very similar to chamomile, but the scent is pungent and rather unpleasant.

The ancient and modern uses of partnership

Plant consecrated by Pliny to the goddess Minerva, feverfew was used in antiquity for the treatment of all female problems. It was recommended to stimulate uterine contractions and promote placental delivery or expulsion.

In modern herbal medicine it is used to prevent migraine and headache crises, but its beneficial effect has been gradually rediscovered in the case of premenstrual syndrome and pain during the cycle.

Its active ingredient is Parthenolide, an analgesic that exerts a relaxing action on the smooth muscles of the blood vessels. It also prevents the release of serotonin, the triggering cause of migraine.

The parthenon against migraine and headache
Recent studies have shown the ability of the partner to reduce migraine and headache crises by two thirds, especially their severity, for example when attacks are associated with nausea and vomiting.

Of course, being effective in prevention, it must be taken regularly for a period ranging from three to six months, this in order to make a proper assessment on the regression of symptoms, whose timing may vary from person to person.

The properties of the partner, what it is used for

Used as a febrifuge, it is also recognized as having a good anti-inflammatory action.

But it is thanks to the antispasmodic effect that is recommended in the premenstrual syndrome and in case of pain during the cycle. Precious help for women, taken at least seven days before in an absolutely regular way, can attenuate the intensity of the pain, make it more bearable or even neutralize it.

Also helpful in severe diseases
In the most challenging cases it is recommended in association with other substances such as magnesium and glycerine macerated raspberry, which is also a uterine antispasmodic and rebalancing of the female endocrine system.

In recent years, parthenosis has aroused considerable interest in immunological, rheumatological and oncological research: it seems that parthenolide gives significant answers to these important pathologies, whose mechanisms are still widely studied by researchers.

Contraindications and side effects

It is recommended not to take the partnership in case of pregnancy and never to associate it with anticoagulants or antiplatelet agents, both pharmaceutical and herbal. For its administration, however, contact qualified personnel who will be able to give the best information on the period of intake and dosage.

 

SOURCE: LifeGate

Read Full Post »

I fiori e le foglie di Verbasco contengono potenti proprietà antibatteriche ed espettoranti che hanno la capacità di rimuovere sostanzialmente il catarro dai polmoni e dalle mucose dal corpo.

 

Questo lo rende un rimedio molto efficace per le persone che soffrono di bronchite, congestione polmonare, raffreddori, influenza, asma, enfisema, tosse sibilante o qualsiasi altra malattia respiratoria.

Storicamente, il verbasco era usato come trattamento per la tubercolosi già nel XVI secolo e alcuni credevano che se il verbasco fosse stato preso nelle prime fasi della malattia, avrebbe potuto ottenere un completo recupero.

Le potenti capacità anti-virali del verbasco lo rendono anche un potente rimedio per

  • il virus dell’influenza,
  • il virus dell’herpes zoster,
  • il virus dell’herpes,
  • il virus Epstein Barr e
  • le infezioni da stafilococco .

Verbasco contiene un composto chiamato verbascoside che è un antinfiammatorio e particolarmente utile nell’aiutare ad alleviare il dolore associato a dolori articolari o muscolari.

La tisana di Verbasco è eccellente per aiutare un certo numero di problemi digestivi tra cui diarrea, stitichezza, indigestione, emorroidi e vermi intestinali.

Il verbasco contiene anche proprietà anti-spasmodiche che lo rendono utile per ridurre sia i dolori mestruali che i crampi allo stomaco. È anche noto per essere molto utile nel fornire sollievo in caso di emicrania.

Il verbasco ha proprietà sedative naturali ed è stato usato per aiutare a curare sia l’insonnia che l’ansia.

L’olio di verbasco (estratto di verbasco in una base di olio d’oliva) è un rimedio altamente efficace per le infezioni dell’orecchio e per i dolori alle orecchie e può essere tranquillamente usato con bambini e adulti.

L‘olio di verbasco è anche molto utile per le condizioni della pelle come eruzioni cutanee, ustioni, ferite, vesciche, eczema e psoriasi.

La tisana di Verbasco, l’estratto, la tintura, le capsule, l’olio e la crema possono essere trovati online o nel tuo negozio di alimenti naturali.

FONTE: Medical Medium

 

(ENGLISH VERSION)

Mullein flowers and leaves contain powerful anti-bacterial and expectorant properties that have the ability to substantially remove phlegm from the lungs and mucous from the body. This makes it a highly effective remedy for individuals who are suffering from bronchitis, lung congestion, colds, flu, asthma, emphysema, whopping cough, or any other respiratory ailment. 

Historically, mullein was used as a treatment for tuberculosis as far back as the 16th century and some believed that if mullein was taken in the early stages of the disease that it could bring about a full recovery. Mullein’s strong anti-viral abilities also make it a potent remedy for the flu virus, the shingles virus, the herpes virus, the Epstein Barr virus, and Staph infections. 

Mullein contains a compound called verbascoside which is an anti-inflammatory and particularly useful in helping to ease the pain associated with joint or muscle pain. Mullein tea is excellent for aiding a number of digestive problems including diarrhea, constipation, indigestion, hemorrhoids, and intestinal worms. 

Mullein also contains anti-spasmodic properties which makes its helpful for reducing both menstrual and stomach cramps. It is also known to be highly beneficial in providing migraine relief. Mullein has natural sedative properties and has been used to to help treat both insomnia and anxiety. Mullein oil (mullein extract in an olive oil base) is a highly effective remedy for ear infections and ear aches and can be safely used with children and adults alike.

Mullein oil is also very helpful for skin conditions such as rashes, burns, wounds, blisters, eczema, and psoriasis. Mullein tea, extract, tincture, capsules, oil, and cream can all be found online or at your local health food store.

 

SOURCE: Medical Medium

Read Full Post »

L’ipertensione è un disturbo che colpisce molte persone e che può essere efficacemente affrontato con i rimedi omeopatici giusti: scopri quali.

 

L’apparato cardiovascolare è un sistema complesso costituito dal cuore e dai vasi venosi e arteriosi, tramite i quali il sangue irrora e nutre ogni cellula del corpo. Centro del sistema è il cuore, il cui battito è governato da un pacemaker naturale di cellule nervose cardiache collegate al sistema nervoso autonomo, che tramite impulsi elettrici ritmici determina le contrazioni sistoliche. La forza con cui il sangue viene spinto dalle pulsazioni del cuore verso le pareti delle arterie si chiama pressionearteriosa e dipende da due fattori: il volume di sangue che il ventricolo sinistro spinge nell’aorta in un intervallo di tempo determinato e la resistenza al flusso data dai vasi arteriosi, che dipende in buona parte dalla loro elasticità. Inoltre, poiché l’afflusso di sangue nelle arterie non è continuo ma avviene in modo alterno in relazione alle fasi di contrazione (sistole) e riposo (diastole) del muscolo cardiaco, la pressione arteriosa oscilla continuamente tra due valori diversi.

Ipertensione: quali sono i valori pressori normali?

La pressione arteriosa considerata normale oscilla tra 140 mm Hg (sistolica) e 85 mm Hg  (diastolica), anche se tali valori possono variare momentaneamente in base a vari fattori, come il fatto di essere a riposo o sotto sforzo, oppure nei momenti di agitazione. Quando però  tali valori risultano costantemente superiori alla norma anche in situazione di riposo, si parla di ipertensione. Nel nostro paese il 25-30% della popolazione soffre di ipertensione, anche senza esserne cosciente perché il disturbo è quasi sempre asintomatico, e se negli anziani tale dato è riferibile al progressivo indurimento delle arterie dovuto all’età, in altri casi può dipendere da altre patologie o abitudini dannose (ipertensione secondaria) oppure da fattori nervosi (ipertensione primaria). L’ipertensione è un disturbo che colpisce molte persone e che può essere efficacemente affrontato con i rimedi omeopatici giusti

I fattori che causano dell’ipertensione

I fattori che possono determinare unipertensione secondaria comprendono principalmente le patologie endocrine, le alterazioni ormonali e quelle renali, oltre all’indurimento delle arterie dovuto all’età tipico degli anziani.

Nell’ipertensione essenziale invece l’alterazione dei valori è dovuta principalmente a  fattori come:

  • abuso di cibi ipercalorici, grassi animali, sale, alcool, fumo e liquirizia
  • farmaci come i cortisonici o la pillola anticoncezionale
  • obesità
  • stile di vita contrassegnato da stress, eccessiva sedentarietà o al contrario iperattivismo, alterazioni emotive, fattori ansiogeni e preoccupazioni costanti che tengono “sotto pressione” la persona.

I sintomi dell’ipertensione

In genere l’ipertensione lieve è asintomatica, anche perché spesso trasmette una falsa  sensazione di “energia”, e può essere scoperta casualmente solo nel corso di una visita medica di routine. Quando però l’ipertensione si aggrava possono comparire sintomi come cefalea pulsanteal mattino, vertigini, debolezza, sudorazione, gonfiore e arrossamento degli occhi, epistassi ecc. L’ipertensione di per sé non è una patologia mortale ma può dar luogo a disturbi della circolazione cerebrale, patologie renali e cardiache.

I rimedi omeopatici che aiutano a regolare la pressione

L’omeopatia offre numerosi rimedi in grado di agire sull’ipertensione, anche associati ad altre terapie naturali o allopatiche, da scegliere in base alle caratteristiche individuali e ai sintomi predominanti. Salvo indicazioni specifiche, i rimedi consigliati vanno assunti alla diluizione 7CH nella fase acuta, soprattutto quando prevalgono sintomi fisici, e alla 15 CH in caso di compresenza di sintomi fisici ed emotivi. Ecco i più efficaci:

  • Aconitum napellus
    È il rimedio delle crisi ipertensive improvvise, con ansia acuta, viso congestionato, forte tachicardia, senso di oppressione al petto, fitte toraciche dolorose, formicolii, palpitazioni, intorpidimento degli arti superiori e paura di stare per morire. Si assume alla 7 CH, due granuli ogni 15 minuti, fino a miglioramento.
  • Aurum metallicum
    È indicato nell’ipertensione con vampe di calore alla testa, “tuffi” al cuore seguiti da tachicardia, viso rosso e congestionato, palpitazioni, intensa angoscia. Durante la crisi ipertensiva assumere Aurum metallicum 15 CH, 2 granuli ogni ora, fino a miglioramento.
  • Baryta carbonica È utile in tutti i casi di ipertensione degli anziani che lamentano perdita della memoria e del senso di orientamento, ansie e paure forti, soprattutto quella di non guarire dalle malattie, e nei soggetti affetti da arteriosclerosi. I sintomi comprendono cefalee, intensa sudorazione, forti vertigini, acufeni. Si assume in monodose alla 15 CH, una sola dose tutta assieme.
  • Glonoinum
    Rimedio simile ad aconitum nella forma acuta, è da preferire nei disordini circolatori improvvisi, caratterizzati da tachicardia, vertigini, cefalea che migliora premendo il capo. Il paziente è confuso e terrorizzato dalla paura di stare per morire. Si assume alla 7 CH, due granuli ogni 15 minuti, fino a miglioramento.
  • Ignatia amara
    Utile in tutti i casi di stress causato da traumi affettivi, delusioni sentimentali o lavorative, è il rimedio omeopatico ansiolitico specifico dei disturbi pressori su base emotiva tipici dei soggetti che passano in pochi minuti dalla tristezza all’euforia, facendo oscillare continuamente la pressione. I sintomi tipici comprendono senso di oppressione, gonfiore gastrico, nausea, tremori e contrazioni. Si assume alla 15 CH, due granuli ogni 15 minuti, fino a miglioramento.
  • Lachesismutus
    Ricavato dal veleno di un serpente sudamericano, Lachesis è raccomandato nelle crisi ipertensive femminili, tipiche del climaterio di donne afflitte da intense vampate di calore,  eccitabili, ansiose, fortemente gelose. Le crisi ipertensive sono spesso accompagnate da percezioni sensoriali distorte, ipersensibilità al contatto, cefalea, tremori, debolezza alle gambe e vertigini, forti vampate di calore, palpitazioni, tensione al torace. Si assume alla 15 CH, due granuli ogni 15 minuti, fino a miglioramento.
  • Nux vomica
    È indicato nell’ipertensione di soggetti che conducono una vita stressante e iperattiva: collerico, irritabile, spesso di cattivo umore, il tipo nux vomica sfoga le frustrazioni negli eccessi alimentari e alcolici, scaricando sul fegato un surplus di grassi e tossine che si trasformano in alti livelli di colesterolo e trigliceridi. Ma è utile anche ai forti fumatori, perché la nicotina alza la pressione. Si assume alla 9 CH, due granuli ogni 15 minuti, fino a miglioramento.
  • Sulphur
    È indicato per l’ipertensione di persone robuste e calorose, che soffrono di gonfiore addominale e pesantezza delle gambe e spesso alternano crisi di ipertensione spasmodica a problemi cutanei o crisi d’asma. Si assume alla 15 CH, due granuli ogni 15 minuti, fino a miglioramento.

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

The cardiovascular system is a complex system consisting of the heart and venous and arterial vessels, through which the blood irrigates and nourishes every cell of the body. The center of the system is the heart, whose heartbeat is governed by a natural pacemaker of cardiac nerve cells connected to the autonomic nervous system, which through rhythmic electrical impulses determines the systolic contractions. The force with which the blood is pushed by the pulsations of the heart towards the walls of the arteries is called pressionearterial and depends on two factors: the volume of blood that the left ventricle pushes into the aorta in a given interval of time and the resistance to the flow given from arterial vessels, which largely depends on their elasticity. Furthermore, since the blood supply to the arteries is not continuous but occurs alternately in relation to the phases of contraction (systole) and rest (diastole) of the heart muscle, arterial pressure oscillates continuously between two different values.

Hypertension: what are normal blood pressure values?
The considered normal blood pressure fluctuates between 140 mm Hg (systolic) and 85 mm Hg (diastolic), although these values ​​may vary momentarily based on various factors, such as being at rest or under stress, or in moments of agitation . However, when these values ​​are constantly above the norm even when at rest, one speaks of hypertension. In our country 25-30% of the population suffers from hypertension, even without being aware of it because the disorder is almost always asymptomatic, and if in the elderly this datum refers to the progressive hardening of the arteries due to age, in other cases it may depend on other pathologies or harmful habits (secondary hypertension) or from nervous factors (primary hypertension). Hypertension is a disorder that affects many people and that can be effectively addressed with the right homeopathic remedies

The factors that cause hypertension
The factors that can determine a secondary hypertension mainly include endocrine diseases, hormonal and renal changes, as well as hardening of the arteries due to the typical age of the elderly.

In essential hypertension, the alteration of values ​​is mainly due to factors such as:

abuse of high-calorie foods, animal fats, salt, alcohol, smoking and licorice
drugs like cortisone or the contraceptive pill
obesity
lifestyle marked by stress, excessive sedentariness or, on the contrary, hyperactivity, emotional changes, anxiety factors and constant concerns that keep the person “under pressure”.
Symptoms of hypertension
Generally mild hypertension is asymptomatic, partly because it often conveys a false feeling of “energy”, and can only be discovered accidentally during a routine medical examination. However, when hypertension is aggravated, symptoms such as pulsanteal headache in the morning, dizziness, weakness, sweating, swelling and redness of the eyes, epistaxis etc. may appear. Hypertension in itself is not a deadly disease but can result in disorders of cerebral circulation, renal and cardiac pathologies.

Homeopathic remedies that help regulate pressure

Homeopathy offers numerous remedies able to act on hypertension, also associated with other natural or allopathic therapies, to be chosen based on individual characteristics and predominant symptoms. Except for specific indications, the recommended remedies should be taken at the 7CH dilution in the acute phase, especially when physical symptoms prevail, and at 15 CH if there are simultaneous physical and emotional symptoms. Here are the most effective:

  • Aconitum napellus
    It is the remedy for sudden hypertensive crises, with acute anxiety, congested face, strong tachycardia, tightness in the chest, painful chest pains, tingling, palpitations, numbness in the upper limbs and fear of dying. It is assumed at 7 CH, two granules every 15 minutes, until improvement.
     
  • Aurum metallicum
    It is indicated in hypertension with flames of heat to the head, “dips” to the heart followed by tachycardia, red and congested face, palpitations, intense anguish. During hypertensive crisis take Aurum metallicum 15 CH, 2 granules every hour, until improvement.
     
  • Baryta carbonica It is useful in all cases of hypertension of the elderly who complain of loss of memory and of a sense of orientation, anxieties and strong fears, above all that of not recovering from diseases, and in subjects suffering from arteriosclerosis. Symptoms include headaches, intense sweating, severe dizziness, tinnitus. It is taken as a single dose at 15 CH, a single whole dose.
     
  • Glonoinum
    Aconitum-like remedy in the acute form, is to be preferred in sudden circulatory disorders, characterized by tachycardia, vertigo, headache which improves by pressing the head. The patient is confused and terrified by the fear of dying. It is assumed at 7 CH, two granules every 15 minutes, until improvement.
     
  • Ignatia amara
    Useful in all cases of stress caused by affective traumas, sentimental or work-related disappointments, it is the specific anxiolytic homeopathic remedy for emotional pressure disorders typical of subjects who pass from sadness to euphoria in a few minutes, constantly causing the pressure to oscillate. Typical symptoms include tightness, gastric swelling, nausea, tremors and contractions. It is taken at 15 CH, two granules every 15 minutes, until improvement.
     
  • Lachesismutus
    Made from the venom of a South American snake, Lachesis is recommended in female hypertensive crises, typical of the climacteric of women afflicted by intense hot flashes, excitable, anxious, strongly jealous. Hypertensive crises are often accompanied by distorted sensory perceptions, hypersensitivity to contact, headache, tremors, weakness in the legs and dizziness, strong flushing, palpitations, chest tension. It is taken at 15 CH, two granules every 15 minutes, until improvement.
     
  • Nux vomica
    It is indicated in the hypertension of subjects who lead a stressful and overactive life: choleric, irritable, often in a bad mood, the nux vomica type vents frustrations in food and alcohol excesses, discharging on the liver a surplus of fats and toxins that are transformed into high levels of cholesterol and triglycerides. But it is also useful for heavy smokers, because the nicotine raises the pressure. It is taken at 9 CH, two granules every 15 minutes, until improvement.
     
  • Sulfur
    It is indicated for the hypertension of robust and warm people, who suffer from abdominal swelling and heaviness in the legs and often alternate spasmodic hypertension with skin problems or asthma attacks. It is taken at 15 CH, two granules every 15 minutes, until improvement.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Older Posts »