Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for marzo 2020

Non esistono diete miracolose contro le infezioni virali. Sicuramente però seguire uno stile di vita alimentare corretto aiuta a facilitare il processo di guarigione e in tempi come questi, di smart working e mobilità ridotta tra le mura di casa, a evitare di mettere su chili di troppo.

 

Suggerimenti utili per una sana alimentazione durante l’isolamento sociale arrivano dalla Società italiana di nutrizione umana. Eccoli.

1. Per evitare un aumento di peso, porta in tavola solo quello che hai deciso di mangiare, serviti una porzione “giusta” di ogni portata e non aggiungere altro, riduci il consumo di bevande zuccherate e di altri prodotti ricchi di zuccheri, evita l’abuso di sale e di condimenti ricchi di grassi.

2. Soprattutto consuma almeno 5 porzioni al giorno di frutta e verdura, fonti di minerali e vitamine (particolarmente vit. C e vit. A) utili a rafforzare le difese immunitarie e la protezione delle vie respiratorie.

3. Sforzati di mantenere una regolare sia pur limitata attività motoria, ad es. cyclette, tapis roulant ma anche ginnastica a corpo libero 1 o 2 volte al giorno e cerca se possibile di esporre ogni giorno braccia e gambe al sole per 15-30 minuti per favorire la sintesi endogena di vitamina D.

4. Rifletti che la necessità di restare a casa e in famiglia può essere un’opportunità per dedicare maggiore attenzione e un po’ più di tempo alla preparazione di cibi più salutari e più gustosi, nel rispetto delle nostre tradizioni mediterranee: se ne gioveranno la salute ma anche l’umore.

5. Non assaggiare durante la preparazione dei piatti e non mangiare mai in piedi e frettolosamente, ma apparecchia ogni volta la tavola: dedica tempo alla convivialità nei pasti perchè momento di aggregazione con la famiglia e di utilità per incoraggiare i ragazzi ad avere ogni giorno un’alimentazione varia, ricca di frutta, verdura e legumi fornendo loro il buon esempio.

6. Fai in modo che i bambini ti aiutino nella preparazione del cibo: in questo modo eviterai la noia e i capricci ed è sempre più divertente e più facile mangiare ciò che si è scelto e si è aiutato a preparare.

 

FONTE: Ministero della Salute

 

(ENGLISH VERSION)

There are no miracle diets against viral infections. Surely, however, following a correct food lifestyle helps to facilitate the healing process and in times like these, of smart working and reduced mobility within the walls of the house, to avoid putting on extra pounds. Useful tips for healthy eating during social isolation come from the Italian Society of Human Nutrition. Here they are.

1. To avoid weight gain, bring only what you have decided to eat to the table, serve a “right” portion of each course and do not add anything else, reduce the consumption of sugary drinks and other sugar-rich products, avoid abuse of salt and seasonings high in fat.

2. Above all, consume at least 5 portions a day of fruit and vegetables, sources of minerals and vitamins (particularly Vit. C and Vit. A) useful to strengthen the immune system and protect the respiratory tract.

3. Strive to maintain regular albeit limited motor activity, eg. exercise bike, treadmill but also free body gymnastics 1 or 2 times a day and try, if possible, to expose your arms and legs to the sun every day for 15-30 minutes to promote the endogenous synthesis of vitamin D.

4. Reflect that the need to stay at home and with the family can be an opportunity to devote more attention and a little more time to the preparation of healthier and tastier foods, respecting our Mediterranean traditions: they will benefit health but also mood.

5. Do not taste during the preparation of the dishes and never eat standing up and hastily, but set the table every time: dedicate time to conviviality in meals because it is a time of aggregation with the family and useful to encourage the kids to have a daily varied diet, rich in fruit, vegetables and legumes, giving them a good example.

6. Have the children help you prepare food: in this way you will avoid boredom and tantrums and it is always more fun and easier to eat what you have chosen and helped to prepare.

 

SOURCE: Ministero della Salute

Read Full Post »

Si chiama Bauhinia, agisce come un vaccino “verde” ma è anche un ottimo rimedio floreale contro fermentazioni, colon irritabile, e persino rigidità caratteriali.

 

Questo rimedio floreale australiano nel suo “paese di origine” si è guadagnato il nome di bohemia, e in effetti l’albero che genera questo fiore è davvero “originale”. Gli aborigeni ne utilizzavano la linfa per ottenere una sorta di gradevolissimo chewin-gum; le sue ceneri vengono mescolate al tabacco per renderlo più aromatico; e i suoi graziosi fiori rosso-arancio, dai petali morbidi come velluto e ricchissimi di nettare, ci donano l’essenza floreale di Bauhinia, dalla carica energetica stimolante e dinamizzante. Questo rimedio naturale è utile per rendere più aperte e flessibili le persone rigide, abitudinarie, ostili ai cambiamenti e poco disposte ad accettare le novità, rifiutando perfino di imparare ad usare computer, cellulari o tecnologie informatiche ed elettroniche.

Un rimedio floreale che ci rende più calmi

La capacità di Bauhinia di diminuire la tendenza al “rifiuto” di situazioni esterne si riflette, a livello fisico, nella particolare proprietà “antiallergica” del rimedio, che svolge un’azione energetica protettiva nei confronti di pollini e allergeni (problema molto frequente in queste settimane di maggio). L’essenza ha inoltre dimostrato una specifica azione energetica e riequilibrante sulla zona addominale, ripristinando, in particolare, la funzionalità della valvola ileo-cecale. Per questo viene considerata un utile coadiuvante in tutti gli stati infiammatori del colon, efficace per diminuire la fermentazione dei cibi, prevenire coliche, crampi e meteorismo, e migliorare anche l’assorbimento e l’assimilazione delle sostanze nutritive.

Come si utilizza

Versa 7 gocce di Bauhinia in una boccetta da 30 ml con contagocce; aggiungi 2 cucchiaini di brandy e riempi con acqua minerale naturale. Assumi 7 gocce del composto mattina e sera per un mese.

Un rimedio utile contro la colite

Se soffri di colite o senso di “pancia gonfia” può essere utile massaggiare delicatamente Bauhinia sull’addome, con movimenti circolari. Il rimedio può essere utilizzato puro oppure emulsionato in una crema (7 gocce in una tazzina di crema neutra). Il massaggio va eseguito mattina e sera, per alcuni giorni, fino a miglioramento.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

It is called Bauhinia, it acts as a “green” vaccine but it is also an excellent floral remedy against fermentations, irritable colon, and even character rigidity.

This Australian floral remedy in its “home country” has earned the name of bohemia, and in fact the tree that generates this flower is truly “original”. The Aborigines used its sap to obtain a sort of very pleasant chewin-gum; its ashes are mixed with tobacco to make it more aromatic; and its pretty orange-red flowers, with petals as soft as velvet and very rich in nectar, give us the floral essence of Bauhinia, with a stimulating and dynamizing energetic charge. This natural remedy is useful to make rigid, habitual, hostile to change and unwilling to accept the news more open and flexible, even refusing to learn to use computers, cell phones or information and electronic technologies.

A floral remedy that makes us calmer

Bauhinia’s ability to decrease the tendency to “reject” external situations is reflected, on a physical level, in the particular “antiallergic” property of the remedy, which carries out a protective energetic action against pollen and allergens (a very frequent problem in these weeks of May). The essence also demonstrated a specific energetic and rebalancing action on the abdominal area, restoring, in particular, the functionality of the ileocecal valve. For this reason it is considered a useful adjuvant in all inflammatory states of the colon, effective for decreasing the fermentation of foods, preventing colic, cramps and meteorism, and also improving the absorption and assimilation of nutrients.

How to use it

Pour 7 drops of Bauhinia into a 30 ml bottle with dropper; add 2 teaspoons of brandy and fill with natural mineral water. Take 7 drops of the mixture morning and evening for a month.

A useful remedy against colitis

If you suffer from colitis or a sense of “swollen belly” it may be useful to gently massage Bauhinia on the abdomen with circular movements. The remedy can be used pure or emulsified in a cream (7 drops in a cup of neutral cream). The massage should be performed morning and evening, for a few days, until improvement.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Scopri le proprietà della valeriana, la cui radice sotto forma di integratore riequilibra gli stati d’animo legati a stress e ansia, oltre a favorire il buon sonno.

 

La valeriana: il miglior aiuto naturale contro l’ansia

In particolari momenti della vita, ansia e stress sono stati d’animo che ognuno di noi può provare in modo più o meno intenso. I ritmi del nostro quotidiano sono infatti sempre più frenetici, le preoccupazioni non mancano e influiscono anche sulla qualità del sonno. In tali circostanze, la Natura può essere di grande aiuto regalandoci un rimedio particolarmente efficace. Si tratta della valeriana, una pianta officinale preziosa per gestire l’ansia e lo stress, la difficoltà ad addormentarsi, il sonno poco ristoratore e persino crampi, sindrome del colon irritabile e dolori mestruali. Impariamo a conoscerla meglio.

La valeriana officinale per stare in salute

La valeriana (Valeriana officinalis) è un rimedio naturale il cui nome deriva dal latino “valere” (stare in salute). Quest’erba medicinale possiede una radice dalle proprietà calmanti conosciute già al tempo di greci e romani e oggi provate da numerose ricerche scientifiche. Essa contiene infatti principi attivi che placano l’ansia e aiutano a dormire bene, come i valepotriati, l’acido valerenale e il valerenico, che possiede anche proprietà spasmolitiche utili in caso di sindrome del colon irritabile.

L’azione della valeriana sul sistema nervoso

Il meccanismo con cui i principi attivi della valeriana riducono l’ansia è stato chiarito dai ricercatori che hanno osservato come essi siano in grado di incrementare i livelli di GABA, un neurotrasmettitore detto “della calma e del rilassamento”. Si tratta dell’acido γ-amminobutirrico (GABA) che regola l’eccitabilità cerebrale generando una sensazione di calma e frenando i pensieri che scatenano preoccupazione, stress, ansia e depressione.

Il GABA, presente nelle giuste quantità, aumenta infatti le onde cerebrali associate a uno stato di rilassamento (onde alfa) e diminuisce quelle collegate a stress e ansia (onde beta).

La valeriana contiene anche antiossidanti

Nella radice della valeriana sono presenti anche flavonoidi antiossidanti, utili per contrastare l’eccesso di radicali liberi prodotti da stress, ansia, preoccupazioni e sonno poco ristoratore. Tale eccesso è nocivo per il corpo perché indebolisce le difese immunitarie e favorisce l’invecchiamento precoce con tutte le malattie e i disturbi che lo caratterizzano.

La valeriana che trovi in commercio: quale prodotto scegliere

In farmacia puoi trovare due rimedi naturali di valeriana con una diversa concentrazione di principi attivi, a seconda delle esigenze personali.

  • Uno di questi è più forte, con ben 300mg di estratto titolato: favorisce la concentrazione, aiuta il sonno e agisce in soli 8 minuti.
  • L’altro, più leggero, allevia l’ansia. Quest’ultimo è arricchito con vitamina B6 per un miglior assorbimento del triptofano, un aminoacido che favorisce il rilassamento ed è utile per lenire anche alcuni disturbi causati dalla menopausa come vampate di calore e stati d’ansia.

Una volta scelto il prodotto adatto, se ne prendono 1-2 compresse due volte al giorno (preferibilmente al mattino e alla sera), con abbondante acqua, per un mese.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Discover the properties of valerian, whose root in the form of a supplement balances the moods related to stress and anxiety, as well as promoting good sleep.

Valerian: the best natural aid against anxiety

In particular moments of life, anxiety and stress have been moods that each of us can experience in a more or less intense way. The rhythms of our daily life are in fact increasingly frenetic, there is no lack of worries and they also affect the quality of sleep. In such circumstances, Nature can be of great help by giving us a particularly effective remedy. It is valerian, a precious medicinal plant to manage anxiety and stress, difficulty falling asleep, poor restorative sleep and even cramps, irritable bowel syndrome and menstrual pain. Let’s get to know her better.

Valerian officinale to stay healthy

Valerian (Valeriana officinalis) is a natural remedy whose name derives from the Latin “valere” (stay healthy). This medicinal herb has a root with soothing properties known already at the time of the Greeks and Romans and today proven by numerous scientific research. In fact, it contains active ingredients that calm anxiety and help you sleep well, such as valepotriati, valerenal acid and valerenic acid, which also has spasmolytic properties useful in case of irritable bowel syndrome.

The action of valerian on the nervous system

The mechanism by which valerian’s active ingredients reduce anxiety has been clarified by researchers who have observed how they are able to increase the levels of GABA, a neurotransmitter called “calm and relaxation”. It is the γ-aminobutyric acid (GABA) that regulates brain excitability by generating a feeling of calm and holding back thoughts that trigger worry, stress, anxiety and depression.

GABA, present in the right quantities, increases brain waves associated with a state of relaxation (alpha waves) and decreases those connected to stress and anxiety (beta waves).

Valerian also contains antioxidants

Valerian root also contains antioxidant flavonoids, useful for counteracting the excess of free radicals produced by stress, anxiety, worries and unrefreshing sleep. This excess is harmful to the body because it weakens the immune system and promotes premature aging with all the diseases and ailments that characterize it.

The valerian you find on the market: which product to choose

In the pharmacy you can find two natural valerian remedies with a different concentration of active ingredients, depending on personal needs.

One of these is stronger, with 300mg of titrated extract: it promotes concentration, helps sleep and acts in just 8 minutes.
The other, lighter, relieves anxiety. The latter is enriched with vitamin B6 for better absorption of tryptophan, an amino acid that promotes relaxation and is also useful for soothing certain ailments caused by menopause such as hot flashes and anxiety.
Once the suitable product has been chosen, 1-2 tablets are taken twice a day (preferably in the morning and in the evening), with plenty of water, for a month.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

I ravanelli (Raphanus sativus), originari dell’Asia, appartengono alla famiglia delle Brassicaceae. Ortaggi eccezionali, già noti agli Egizi che li mangiavano con spicchi d’aglio, venivano impiegati dai medici greci e latini per lenire la tosse e accrescere le secrezioni lattee.

 

Ne esistono di diverse varietà, di forme, colore e grandezze differenti. Oltre al ravanello rosso, il classico, abbiamo

  • il daikon bianco,
  • il nero spagnolo,
  • il ravanello rosa,
  • quello grigio scuro e
  • quello verde e giallo.

Nonostante il sapore più o meno amarognolo, alcune sfumature più o meno piccanti, una cosa accomuna tutte le varietà: le loro eccezionali proprietà.

Proprietà benefiche dei ravanelli

Ma quali sono le proprietà benefiche dei ravanelli?

  • disintossicanti
  • eliminano scorie e tossine
  • depurativi
  • ipocalorici
  • favoriscono la perdita di peso
  • hanno un basso indice glicemico
  • calmano la tosse
  • antisettici
  • antibatterici
  • proteggono dai danni ossidativi provocati dai radicali liberi
  • contrastano l’invecchiamento cellulare
  • antielmintici, contrastano la formazione di parassiti a livelli intestinale
  • leniscono il prurito da puntura di insetto

Altri benefici

Ma non è tutto, in quanto questi ortaggi:

  • abbassano la pressione arteriosa
  • purificano il sangue
  • combattono ritenzione idrica e cellulite
  • prevengono le infezioni del tratto urinario, aumentando la produzione di urina
  • proteggono la salute cardio-vascolare
  • rafforzano il sistema immunitario
  • prevengono il cancro (es. al colon, all’intestino e al cavo orale)
  • detergono il viso e sono consigliati per cute secca, eruzioni cutanee e rughe
RAVANELLI
Ortaggi antichissimi: i ravanelli sono un tripudio di sfumature cromatiche, dal sapore piccantino e versatile in cucina.

Come mangiarli

I ravanelli vengono mangiati solitamente crudi. Ricordate che in pinzimonio diventano un originale aperitivo con cui accompagnare formaggi e salumi oppure è possibile mangiarli crudi e ripieni, farciti con robiola o un paté di olive: sotto aceto, per preservare le caratteristiche organolettiche e nutritive.

I ravanelli sono ottimi anche arrosto, insaporiti con i semi di zucca e il sesamo per un contrasto sfizioso, per preparare primi di pasta o risotto o sotto forma di chips light, come un’ottima alternativa alle patatine dritte.

Del ravanello non si butta via nulla, quindi utilizzate le foglie, crude o cotte, per condire la pasta, per preparare una deliziosa insalata, nella creazione di pesti, frittate e zuppe.

Troppo spesso sottovalutati, questi ortaggi donano vivaci note cromatiche un retrogusto piccante anche ai panini. Prima di posizionarli al loro interno, lasciateli in ammollo per qualche minuto, già puliti e tagliati a rondelle, in una ciotola con acqua e ghiaccio.

Controindicazioni dei ravanelli

I ravanelli sono sconsigliati nei casi di:

  • gastrite
  • reflusso gastroesofageo
  • colite
  • colon irritabile
FONTE: Ambientebio
(ENGLISH VERSION)

Radishes (Raphanus sativus), originating in Asia, belong to the Brassicaceae family. Exceptional vegetables, already known to the Egyptians who ate them with cloves of garlic, were used by Greek and Latin doctors to soothe coughs and increase milky secretions.

There are different varieties, of different shapes, colors and sizes. In addition to the classic red radish, we have white daikon, Spanish black, pink radish, dark gray radish and green and yellow radish.

Despite the more or less bitter taste, some more or less spicy nuances, one thing is common to all the varieties: their exceptional properties.

Beneficial properties of radishes

But what are the beneficial properties of radishes?

detoxifying
eliminate waste and toxins
purifying
low calorie
promote weight loss
have a low glycemic index
they calm the cough
antiseptics
antibacterial
they protect against oxidative damage caused by free radicals
counteract cellular aging
anthelmintics, counteract the formation of parasites at intestinal levels
soothe insect bite itch

Other benefits

But that’s not all, as these vegetables:

they lower blood pressure
they purify the blood
fight water retention and cellulite
prevent urinary tract infections by increasing urine production
protect cardio-vascular health
strengthen the immune system
prevent cancer (e.g. colon, intestine and oral cavity)
cleanse the face and are recommended for dry skin, rashes and wrinkles

Ancient vegetables: radishes are a riot of chromatic nuances, with a spicy and versatile flavor in the kitchen.
How to eat them

Radishes are usually eaten raw. Remember that in pinzimonio they become an original aperitif with which to accompany cheeses and salami or you can eat them raw and stuffed, stuffed with robiola or an olive paté: in vinegar, to preserve the organoleptic and nutritional characteristics.

Radishes are also excellent roasted, flavored with pumpkin seeds and sesame for a delicious contrast, to prepare pasta or risotto first courses or in the form of light chips, as an excellent alternative to straight fries.

Nothing is thrown away from radish, so use the leaves, raw or cooked, to season the pasta, to prepare a delicious salad, in the creation of pesto, omelettes and soups.

Too often underestimated, these vegetables give lively chromatic notes a spicy aftertaste even for sandwiches. Before placing them inside, leave them to soak for a few minutes, already cleaned and cut into rounds, in a bowl with water and ice.

Contraindications of radishes

Radishes are not recommended in cases of:

  • gastritis
  • gastroesophageal reflux
  • colitis
  • Irritable colon

SOURCE: Ambientebio

Read Full Post »

Anche Franco Berrino, medico esperto di alimentazione e autore di diversi studi internazionali sulla prevenzione del cancro attraverso il cibo, è intervenuto in merito al Coronavirus per spiegare come sta affrontando la situazione in prima persona e fornire dei consigli utili a tutti noi.

 

Franco Berrino:

“esercitiamoci nella consapevolezza di ogni atto quotidiano. Ci servirà quando sarà passata l’epidemia”

 

In un post su Facebook, Berrino ci spiega come è cambiata la sua vita in questi ultimi giorni quando le restrizioni contenute nel decreto dell’11 marzo hanno stravolto la quotidianità di tutti gli italiani. Prima si poteva passeggiare all’aria aperta tranquillamente, ora no, oggi con l’autocertificazione posso solo andare a fare la spesa”, scrive il dottore.

Berrino nel suo post ci ricorda come è possibile allenarsi anche a casa. Cosa si può fare?

“metto una musica e faccio aerobica : steptouch, V step, marching …. E’ bellissimo, non l’avevo mai fatta. Mezzora e la vita riparte. Prima, appena alzato, faccio yoga, ripeto il saluto al sole 6, 12, o 18 volte. E poi l’elastico, per irrobustire e tonificare i muscoli. Alla mia età questa permanenza obbligata in casa finirà per farmi bene. Finalmente pratico quello che predico”.

Nota poi ovviamente una certa differenza tra chi sta vivendo questa emergenza da pensionato o da persona che può non lavorare e chi invece ogni giorno si reca a lavoro oppure pratica smart working (magari con figli piccoli a casa) e il tutto naturalmente si complica. Il dottore invita, chi può, a godersi questa inaspettata “libertà”.

Berrino consiglia alcune cose da fare in casa, sfruttando il tempo che si ha a disposizione senza quella tipica fretta che avevamo prima che iniziasse tutto questo caos:

“Possiamo stare in silenzio. Possiamo respirare profondamente e lentamente e accorgerci che esistiamo, che siamo vivi. Possiamo meditare. Possiamo rileggere i classici. Possiamo pregare. Proviamo a recitare mentalmente l’Ave Maria in latino, la prima parte (ave Maria, gratia plena…) inspirando, la seconda (santa Maria, mater dei…) espirando. Faremo sei respiri al minuto invece che i soliti 12 o 13”.

Gli esercizi di respirazione sono molto utili

se consideriamo che, rallentando il respiro, migliora anche il riflesso barocettore che, spiega il medico, è il riflesso che controlla la pressione arteriosa e si attiva il nervo vago che abbassa l’infiammazione e l’ansia.

Chi crede può recitare il rosario e le preghiere, anche queste pratiche attivano il nervo vago. Così come la ripetizione di mantra che si utilizzano ad esempio nello yoga.

“E per chi non sa pregare? Sappia che anche la vita quotidiana è preghiera, se vissuta consapevolmente, il dono è preghiera, la gratitudine è preghiera, interrogarsi sul senso della vita è preghiera, preghiera laica. Ora che abbiamo tempo esercitiamoci nella preghiera, nella meditazione, nella consapevolezza di ogni atto quotidiano. Ci servirà quando sarà passata l’epidemia”.

Altro consiglio utile che ci offre il dottor Berrino è quello di spegnere il televisore:

“vediamo solo il telegiornale per le istruzioni per difenderci dal virus, per avere tempo per noi, per la nostra vita interiore, per accorgerci che abbiamo una vita interiore, non solo le emozioni (la paura, la rabbia…); per coltivare la nostra mente, che sia al servizio della nostra realtà più intima, non al servizio dell’io, della personalità; per coltivare la nostra vita spirituale”.

E l’alimentazione?

Non potevano mancare anche alcuni consigli alimentari adatti non solo a questa emergenza ma suggeriti dal dottor Berrino sempre.

In un altro post su Facebook ci ricorda qualcosa di molto importante:

“Grandi studi epidemiologici che seguono centinaia di migliaia di persone, in Europa e negli Stati Uniti d’America, di cui conosciamo le abitudini alimentari, hanno dimostrato che chi ha un’alimentazione ricca di fibre vegetali, soprattutto di cereali integrali, muore meno, oltre che di diabete, di infarto e di cancro, anche di malattie infettive. Già 50 grammi di cereali integrali al giorno riducono significativamente la mortalità per malattie infettive e 90 grammi al giorno la riducono del 25%. È sufficiente mangiare pane integrale invece di pane bianco, riso integrale invece di riso bianco, oppure zuppe di orzo o farro decorticato, o sorgo, miglio, grano saraceno. Le fibre fanno funzionare bene l’intestino, nutrono i microbi buoni che vivono nell’intestino e lo mantengono in buona salute, e se l’intestino è sano anche il sistema immunitario è sano e ci difende dalle infezioni”.

 

Nel post ricorda anche le dosi corrette per cucinare riso integrale, miglio, orzo, farro e grano saraceno. E aggiunge poi:

“I grandi studi epidemiologici mostrano anche che la mortalità per malattie infettive (oltre che per diabete, infarto e cancro) è associata al consumo di carne. Evitiamo in particolare salumi e carni rosse. (…)Meglio mangiare prevalentemente cibi vegetali. Anche dallo zucchero sarebbe bene stare lontani”.

Altri consigli utili, dato che i virus amano il freddo, sono evitare di mangiare gelati e non abbassare, quando possibile, la febbre utilizzando antipiretici.

Il dottore consiglia inoltre l’assunzione di integratori di Zinco dato che aumenta la produzione di due sostanze all’interno del nostro organismo che stimolano la generazione di cellule natural killer e cellule T citotossiche che uccidono virus, batteri e cellule tumorali.

Dunque, respiriamo, meditiamo o preghiamo, spegniamo la tv, concentriamoci su noi stessi e mangiamo il più possibile integrale e vegetale!

Fonte: La Grande Via/ Facebook

FONTE: Greenme (Francesca Biagioli)

 

(ENGLISH VERSION)

Franco Berrino, a nutrition expert and author of several international studies on the prevention of cancer through food, also spoke about Coronavirus to explain how he is dealing with the situation firsthand and to provide useful advice to all of us.

Franco Berrino: “let’s practice awareness of every daily act. We will need it when the epidemic passes “

In a post on Facebook, Berrino explains how his life has changed in the last few days when the restrictions contained in the decree of March 11th have upset the daily lives of all Italians. Before you could walk in the open air safely, now no, “today with self-certification I can only go shopping”, writes the doctor.

Berrino in his post reminds us how it is possible to train at home. What can be done?

“I put on music and do aerobics: steptouch, V step, marching…. It is beautiful, I had never done it. Half an hour and life starts again. Before, just getting up, I do yoga, repeat the sun salutation 6, 12, or 18 times. And then the elastic, to strengthen and tone the muscles. At my age, this forced stay at home will end up doing me good. Finally I practice what I preach ”.

He then obviously notes a certain difference between those who are experiencing this emergency as a retiree or a person who may not work and those who go to work or practice smart working every day (perhaps with young children at home) and everything naturally gets complicated. The doctor invites, who can, to enjoy this unexpected “freedom”.

Berrino recommends some things to do at home, taking advantage of the time available without the typical hurry we had before all this chaos began:

“We can be silent. We can breathe deeply and slowly and realize that we exist, that we are alive. We can meditate. We can reread the classics. We can pray. Let’s try to mentally recite the Ave Maria in Latin, the first part (ave Maria, gratia plena …) inhaling, the second (santa Maria, mater dei …) exhaling. We will take six breaths per minute instead of the usual 12 or 13 “.

Breathing exercises are very useful if we consider that slowing down the breath also improves the baroreceptor reflex which, explains the doctor, is the reflex that controls blood pressure and activates the vagus nerve that lowers inflammation and anxiety.

Those who believe can say the rosary and prayers, these practices also activate the vagus nerve. As well as the repetition of mantras that are used for example in yoga.

“And for those who cannot pray? Know that daily life is also prayer, if lived consciously, the gift is prayer, gratitude is prayer, questioning the meaning of life is prayer, secular prayer. Now that we have time, let’s practice prayer, meditation, awareness of every daily act. We will need it when the epidemic passes. “

Another useful advice that Dr. Berrino offers us is to turn off the TV:

“We only see the news for instructions to defend ourselves from the virus, to have time for us, for our inner life, to realize that we have an inner life, not just emotions (fear, anger …); to cultivate our mind, which is at the service of our most intimate reality, not at the service of the self, of the personality; to cultivate our spiritual life. “

What about nutrition? They could not miss also some food advice suitable not only for this emergency but always suggested by Dr. Berrino.

In another Facebook post it reminds us of something very important:

“Large epidemiological studies that follow hundreds of thousands of people, in Europe and the United States of America, whose eating habits we know, have shown that those who have a diet rich in vegetable fibers, especially whole grains, die less, as well as diabetes, heart attack and cancer, also infectious diseases. Already 50 grams of whole grains per day significantly reduce mortality from infectious diseases and 90 grams per day reduce it by 25%. It is enough to eat whole wheat bread instead of white bread, brown rice instead of white rice, or barley or hulled spelled soups, or sorghum, millet, buckwheat. The fibers make the intestine work well, nourish the good microbes that live in the intestine and keep it healthy, and if the intestine is healthy, the immune system is also healthy and defends us from infections. “

In the post he also mentions the correct doses for cooking brown rice, millet, barley, spelled and buckwheat. And then adds:

“Large epidemiological studies also show that mortality from infectious diseases (as well as from diabetes, heart attack and cancer) is associated with meat consumption. We especially avoid cold cuts and red meats. (…) Better to eat mainly vegetable foods. Even from sugar it would be good to stay away ”.

Other useful tips, since viruses love the cold, are to avoid eating ice cream and not to lower the fever when possible by using antipyretics.

The doctor also recommends taking Zinc supplements as it increases the production of two substances within our body that stimulate the generation of natural killer cells and cytotoxic T cells that kill viruses, bacteria and cancer cells.

So let’s breathe, meditate or pray, turn off the TV, focus on ourselves and eat as much wholemeal and vegetable as possible!

Fonte: La Grande Via/ Facebook

SOURCE: Greenme (Francesca Biagioli)

Read Full Post »

Il consumo di olio di oliva è stato già associato a una riduzione del rischio per alcuni dei big killer moderni, come infarto, ictus, diabete e tumori.

 

Adesso il più tipico ingrediente della dieta mediterranea si appunta un’altra medaglia: un suo componente protegge anche il cervello, riducendo forse il rischio di demenze senili.

Lo ha scoperto il neurobiologo Felice Tirone, con i colleghi del’Istituto di biochimica e biologia cellulare del Cnr, addizionando alla dieta di alcuni ratti anziani l’idrossidante di cui è ricco l’olio di oliva.

“Nell’ipocampo, area cerebrale fondamentale per la memoria, nascono continuamente nuovi neuroni da cellule staminali” spiega Tirone.

“Questa capacità con l’invecchiamento diminuisce, creando negli anziani problemi a fissare i ricordi recenti. Nei ratti che hanno assunto idrossitirolo per un mese si è constatata una maggiore proliferazione di staminali nell’ippocampo, una maggiore sopravvivenza dei neuroni da esse derivati e un loro maggiore uso nei circuiti cerebrali formati per fissare i nuovi ricordi. Un effetto più intenso negli animali anziani che nei giovani”

Questo composto sembra anche aiutare le cellule nervose a ripulirsi dalle scorie, contribuendo quindi a mantenere il cervello efficiente.

“e l’efficacia è maggiore” dice Tirone “se l’idrossitirosolo proviene dall’olio extravergine che non da integratori”

 

FONTE: Salute della Repubblica

 

(ENGLISH VERSION)

Consumption of olive oil has already been associated with a reduction in risk for some of the modern big killers, such as heart attack, stroke, diabetes and cancer.

Now the most typical ingredient of the Mediterranean diet takes another medal: one of its components also protects the brain, perhaps reducing the risk of senile dementia.

The neurobiologist Felice Tirone discovered it, with colleagues from the Institute of biochemistry and cell biology of the Cnr, adding to the diet of some elderly rats the hydroxide rich in olive oil.

“In the hypocampus, a fundamental brain area for memory, new neurons are constantly being born from stem cells,” explains Tirone.

“This ability with aging decreases, creating problems in fixing elderly memories in the elderly. In rats that have taken hydroxytyrol for a month there has been a greater proliferation of stems in the hippocampus, a greater survival of the neurons derived from them and a their greater use in the brain circuits formed to fix new memories. A more intense effect in older animals than in young “

This compound also appears to help nerve cells clean up from waste, thereby helping to keep the brain efficient.

“and the effectiveness is greater” says Tirone “if the hydroxytyrosol comes from extra virgin olive oil than from supplements”

 

SOURCE: Salute della Repubblica

 

Read Full Post »

L’olio di borragine viene estratto dai semi del fiore della pianta di Borago officinalis, che appare di colore blu e dalla particolare forma di stella. 

 

È utilizzato da secoli per le sue proprietà curative e come condimento per gli alimenti. Chiamata anche “La Pianta delle Api” perché attrae appunto le api nella stagione estiva, già 1500 anni fa gli arabi ne sfruttavano le proprietà medicinali che tramite la colonizzazione della Spagna si sono poi diffuse in tutta Europa. Ad esempio nel 1600 gli europei creavano un vino con dei composti misti con foglie e fiori di borragine per alleviare la noia e dissipare la malinconia. L’olio di borragine ha mostrato risultati promettenti in studi clinici per il controllo dei dolori causati da artrite reumatoide, per i disagi dei disturbi e dei dolori mestruali e per una miriade di altri sintomi e problemi di salute.

Pianta di borragine caratteristiche

La pianta di borragine (Borago officinalis) è quasi certamente originaria dell’Oriente. Diffusa in gran parte dell’Europa e nell’America centrale, cresce tutt’ora spontaneamente fino a mille metri di altitudine e in presenza di clima temperato. Il nome trae origine dal latino “borra” (tessuto di lana ruvida), questo in virtù della leggera peluria che ricopre le foglie. Pianta erbacea, può raggiungere l’altezza di 80 cm, presenta piccole foglie ovali/ellittiche, munite di piccolo e verde scuro, raccolte in forma di rosetta alla base. I fiori presentano cinque petali, disposti a stella, di colore blu-violaceo mentre i frutti sono degli acheni che contengono al loro interno diversi semi di dimensioni molto ridotte.

Olio di borragine proprietà

L’olio di borragine è anche ricco di macronutrienti (proteine, carboidrati, fibre e grassi), vitamine (A, C, niacina, colina, tiamina e riboflavina), minerali e altri composti vegetali. Tuttavia quello che lo distingue è che il fatto che è la più ricca fonte naturale di acido gamma-linoleico o GLA (dal 17 a 25 per cento), seguita da olio di ribes nero (dal 15 al 20 per cento) e olio di enotera (dal 7 al 10 per cento). Come l’olio di enotera, l’olio di Borragine deve il suo potere curativo alla presenza di acidi grassi essenziali, il più importante dei quali è il GLA, un acido grasso omega-6 essenziale per la pelle, le articolazioni e molto altro. (L’olio di borragine è spesso usato in associazione con l’olio di enotera, ma vanta una quantità di GLA più di due volte tanto). Una volta elaborato dal corpo, il GLA viene convertito in sostanze ormono-simili chiamati prostaglandine che possono regolare il sistema immunitario bloccare l’infiammazione generale, il che lo rende una valida opzione per il trattamento dell’artrite e altre condizioni infiammatorie. Un altro acido grasso essenziale trovato nell’olio di borragine è l’acido linoleico, che è un precursore fondamentale di alcuni bioregolatori essenziali: 1) le prostaglandine, che svolgono una funzione molto importante nei processi infiammatori; 2) i trombossani, coinvolti nella coagulazione del sangue con l’effetto di abbassare il colesterolo totale.Proprietà olio di borragine

Estremamente ricco di acidi grassi polinsaturi quali l’alfa-acido linoleico (in concentrazione del 32-38%), l’acido linoleico (in concentrazione del 18-25%) e l’acido oleico, l’olio di borragine trova ampio utilizzo nel combattere e arginare tutte le problematiche a carico della pelle, specie quando derivanti da squilibri ormonali. Aiuta inoltre a contrastare l’invecchiamento cutaneo, svolgendo una marcata azione rigenerante della pelle secca. Combatte inoltre le infiammazioni cutanee quali gli eczemi, l’acne, la psoriasi.

Può essere applicato direttamente sull’epidermide del viso, come contorno occhi naturale ad azione antirughe così come per ridurre discromie e macchie cutanee. Diluito invece in olio di jojoba o olio di germe di grano, potenzia la relativa azione idratante e nutriente. L’olio di borraggine può essere assunto anche per via orale. In commercio è infatti disponibile in perle o capsule soft gel sotto forma di integratore alimentare, utile per il trattamento di tutti i disturbi legati al sistema ormonale femminile.

Grazie alla presenza di fitoestrogeni, che svolgono un’azione riequilibrante del sistema ormonale femminile, risulta efficace in caso di irregolarità del ciclo, dolori mestruali, amenorrea, cisti ovariche così come per ridurre i sintomi della sindrome premestruale e della menopausa. Sempre grazie all’elevato contenuto di ormoni vegetali, viene spesso inserito nella formulazione di prodotti ad azione rassodante per il seno. Sempre circa l’utilizzo interno, l’utilità di introdurre supplementi dietetici a base olio di borragine deriva dalla comprovata capacità di favorire la produzione delle prostaglandine della serie 1 (PGE1): esse sono infatti in grado di condurre attività antiaggregante piastrinica, cardioprotettiva, antisclerotica, vasodilatatrice. Molte proprietà terapeutiche attribuite all’olio di borragine si basano proprio in funzione di tali azioni: promuove infatti una riduzione del rischio cardiovascolare, il controllo di colesterolo alto e ipertensione e l’azione antinfiammatoria coadiuvante nel trattamento dell’artrite reumatoide.

Olio di borragine benefici

  1. Riduce il dolore e il gonfiore dell’artrite reumatoide – I ricercatori della University of Pennsylvaniahanno scoperto che alte dosi di olio di borragine (1,4 grammi al giorno) hanno portato ad una significativa riduzione del dolore e del gonfiore alle articolazioni con artrosi. In uno studio separato, i pazienti con artrite reumatoide attiva hanno dimostrato un minor numero di segni clinici di infiammazione dopo l’assunzione di capsule ricche di GLA per diversi mesi, rispetto a coloro che hanno assunto un placebo. Altri ricercatori hanno riportato una riduzione dei danni ai tessuti e meno dolore e gonfiore in pazienti che soffrono di artrite reumatoide a cui erano state date dosi molto alte di GLA in forma di olio di borragine.
  2. Allevia i sintomi della sindrome premestruale – Interferendo con la produzione delle sostanze infiammatorie chiamate prostaglandine, che vengono rilasciate durante le mestruazioni, i GLA possono contribuire ad alleviare crampi e dolore. Moltissime donne hanno riportate testimonianze entusiaste di come l’olio di borragine sia stato utilissimo nel far scomparire i disturbi del ciclo mestruale, specialmente in associazione con l’olio di Enotera.
  3. Tratta efficacemente endometriosi e mammella fibrocistica – L’olio di Borragine può anche ridurre alcuni dei dolori mammari che le donne sentono durante il ciclo o associati all’endometriosi. Molte donne si trovano infatti ad avere bassi livelli di GLA nell’organismo, motivo per cui questo integratore può essere d’aiuto. Nelle donne con mammella fibrocistica, questi acidi grassi essenziali possono ridurre al minimo l’infiammazione e promuovere l’assorbimento di iodio, un minerale spesso a livelli anormalmente bassi in persone con questa condizione.
  4. Aiuta durante la peri-menopausa – I dolori mestruali come la tensione mammaria, l’irritabilità, il gonfiore e i crampi sono comuni nelle donne che entrano in menopausa. A questo si aggiunge un flusso mestruale insolitamente pesante o imprevisto, e il desiderio di controllare questi sintomi può essere davvero forte. Può essere utile provare l’olio di Borragine in questi casi. Oltre alla sua alta concentrazione di composti che combattono l’infiammazione, questa pianta può anche aiutare a stabilizzare i cambiamenti ormonali improvvisi, alleviare dai disagi comuni associati a questa fase di transizione, spesso difficile, della vita.
  5. Migliora notevolmente la pelle ed elimina l’acne e la pelle rosacea– Gli acidi grassi essenziali presenti nell’olio di borragine possono ridurre il rischio di pori intasati e di sviluppo di lesioni diluendo il sebo, una sostanza oleosa che viene ipersecreta in chi soffre di acne. Essi aiutano anche nel trattamento della pelle rosacea, riducendo l’infiammazione, controllando l’uso dei nutrienti nelle cellule, e producendo prostaglandine che stimolano la contrazione dei vasi sanguigni. Le sostanze astringenti presenti nella borragine chiamate tannini possono anche aiutare stringendo la pelle. Sono tantissime le testimonianze di come usando questo integratore la pelle passa da spenta, asfittica e rugosa a è più morbida, elastica e luminosa.
  6. Allevia l’infiammazione associata al lupus – L’infiammazione ai reni, alle articolazioni, alla pelle e ad altre aree del corpo causate da questa condizione può ridursi grazie all’azione anti-infiammatoria dell’olio di borragine.
  7. Previene i danni ai nervi (neuropatia) a causa del diabete – Le persone con diabete hanno maggiori probabilità di perdere l’attività dei nervi sensoriali, cosa che può portare a intorpidimento e formicolio alle braccia e alle gambe. L’incapacità di convertire i GLA può essere una causa. Quando vene somministrato olio di enotera ricco di GLA ai pazienti diabetici, i sintomi da danni ai nervi (neuropatia) migliorano. Per ragioni che rimangono poco chiare, l’olio di borragine non si è dimostrato efficace per questa condizione nonostante le sue elevate concentrazioni di GLA.
  8. Riduce i danni della sclerosi multipla – L’abbondante offerta di acidi grassi essenziali presente nell’olio di borragine può essere utile a ridurre al minimo l’infiammazione associata con questa malattia nervosa progressiva. Gli acidi grassi possono anche contribuire allo sviluppo del nervo sano quando vengono assunti nel corso del tempo. È importante cominciare ad assumerlo appena possibile dopo la diagnosi di sclerosi multipla.
  9. Aiuta a lenire la tosse e i disturbi della gola – L’olio di borragine è stato a lungo utilizzato nella medicina popolare per il trattamento di disturbi respiratori, tra cui tosse e mal di gola. Oltre ai GLA, contiene anche mucillagine, una sostanza gommosa, gelatinosa che lenisce le mucose irritate dai colpi di tosse. La mucillagine funziona anche come espettorante, rendendo più facile eliminare il muco. Secondo un recente studio condotto dalla Ohio State University, ai pazienti con problemi respiratori acuti sono stati necessari meno giorni di ventilazione assistita e hanno trascorso meno tempo in ospedale dopo l’assunzione di olio di pesce e olio di Borragine rispetto a quelli che sono andati senza questi supplementi.
  10. Cura le carenze di memoria correlate all’Alzheimer – Aumentando la trasmissione degli impulsi nervosi, l’olio di Borragine può essere utile nel trattamento di questa malattia progressiva del cervello che è l’Alzheimer.
  11. Riduce lo stress e la pressione alta – La ricerca sugli animali suggerisce che l’olio di Borragine può proteggere contro la pressione alta (ipertensione). Si sa di meno sulla sua azione sulla pressione sanguigna negli esseri umani, ma in uno studio di 10 uomini che hanno subito situazioni di stress, i picchi di pressione sanguigna e della frequenza cardiaca legati allo stress sono stati limitati dopo l’assunzione di olio di borragine. Alleviando la tensione rende anche più facile svolgere i compiti normali.
  12. Rafforza le unghie, il cuoio capelluto e i capelli – Gli acidi grassi presenti nell’olio di Borragine non solo prevengono la rottura delle unghie, ma contribuiscono anche a mantenerle sane. Inoltre nutrono il cuoio capelluto, rendendo questo supplemento potenzialmente utili nel trattamento di una varietà di problemi ai capelli.
  13. Tratta la gotta – L’azione anti infiammatoria dell’olio di borragine grazie ai GLA lo rende potenzialmente utile nella protezione contro l’improvviso dolore articolare causato dall’accumulo di acido urico, noto come gotta.
  14. Contrasta l’impotenza e infertilità femminile – Promuovendo la circolazione sanguigna, i GLA nell’olio di Borragine possono contribuire a trattare la causa primaria dell’impotenza maschiledovuta ad  una diminuzione del flusso sanguigno al pene. Inoltre, quando è assunto per lungo periodo, può aiutare a prevenire il restringimento dei vasi sanguigni, spesso conseguenza dell’accumulo di placca dovuto al colesterolo alto. Migliorando la funzione uterina, i GLA possono anche aiutare le donne che non sono in grado di concepire.
  15. Parodontite –Uno studio pubblicato su Prostaglandins, Leukotrienes, and Essential Fatty Acids ha scoperto che le persone che hanno assunto integratori olio di Borragine avevano migliorato la salute delle gengive e ridotto le gengiviti parodontite associate.
  16. Riduce i sintomi di eczema e psoriasi – In alcuni casi i disturbi della pelle possono svilupparsi quando il corpo ha problemi di conversione dei grassi alimentari in GLA. Ottenere un supplemento di questi acidi grassi dall’olio di borragine può quindi essere utile. I GLA e altri acidi grassi essenziali possono anche rivitalizzare la pelle per calmare l’infiammazione, provocando la contrazione dei vasi sanguigni. Le persone che soffrono di rossore, prurito e altri disagi da eczema e psoriasi possono anche tollerare dosi ridotte di creme e farmaci se assumono anche GLA, poiché molti sono a base di steroidi che possono causare effetti collaterali spiacevoli. Tuttavia non tutti gli studi indicano tali benefici e molti medici convenzionali restano scettici.

Modo d’uso dell’olio di borragine

L’olio di borragine può essere assunto internamente o applicato esternamente. Se utilizzato all’esterno, i suoi effetti curativi si fanno sentire più specificamente nella zona su cui è applicato, ma viene comunque assorbito in profondità nella pelle e nel flusso sanguigno. È disponibile nelle seguenti forme:

  • Softgel
  • Olio
  • Capsule

Per la maggior parte dei disturbi menzionati il dosaggio è assumere da 1.000 a 1.300 mg di olio di borragine al giorno. Ciò fornisce da 240 a 300 mg di GLA (rispettivamente), il principale ingrediente curativo. Dosi quasi equivalenti di GLA possono essere trovate in 3.000 mg di olio di Enotera. Prendere l’olio di Borragine durante i pasti può aumentare l’assorbimento di GLA e ridurre al minimo gli effetti collaterali spiacevoli.

Controindicazioni olio di borraggine

Mentre gli studi tendono ad utilizzare relativamente elevati dosaggi di olio di borragine, è importante attenersi agli standard raccomandati perché i potenziali rischi per la salute connessi con l’uso eccessivo o prolungato di questo olio non sono ancora stati dimostrati. In dosi molto elevate può danneggiare il fegato e lo stomaco, comportando feci di consistenza “importante”. Se si assume un farmaco anticoagulante (per fluidificare il sangue), è importante consultare il medico prima di utilizzare l’olio di borragine. Non ci sono altre interazioni note con altri farmaci o sostanze nutritive associate a questo olio, sebbene in gravidanza, sia sempre opportuno consultare prima il proprio ginecologo.

Olio di borraggine dosaggio consigliato

  • Acne 1.000 mg al giorno
  • Alzheimer 1.000 mg al giorno
  • Tosse 1.000 mg al giorno
  • Diabete 1.000 mg al giorno (contiene 300 mg di acido gamma-linoleico)
  • Eczema 1.000 mg al giorno
  • Endometriosi 1.000 mg al giorno
  • Problemi ai capelli 1.000 mg al giorno
  • Elevata pressione sanguigna 1.000 mg al giorno
  • Lupus 1.000 mg al giorno
  • Perimenopausa 1.000 mg al giorno; utilizzare come alternativa l’olio di enotera 1.000 mg al giorno
  • Psoriasi1.000 mg al giorno
  • Malattia di Raynaud, applicare l’olio sulla zona della pelle interessata ogni giorno
  • Mal di gola 1.000 mg al giorno
  • Stress1.000 mg al giorno

Ulteriori consigli sull’olio di borragine

Controllare attentamente l’etichetta per essere sicuri di stare acquistando l’olio estratto dai semi e non dall’erba fresca (o secca). Il contenuto di GLA dovrebbe essere indicato in etichetta. Le capsule softgel contenenti l’olio di semi tendono ad avere prezzi ragionevoli e offrono un’alta percentuale (dal 20% al 26%) di GLA. In altre parole, una capsula da 1.000 mg con il 22% di GLA contiene 220 mg di GLA. Assumendo due o tre di queste capsule al giorno si possono portare i livelli di GLA fino alla normalità. L’erba fresca, il tè e altre forme ottenute dalle foglie, steli, o da altre parti della pianta di borragine non devono essere usate e possono essere pericolose per la salute. L’olio ricavato dai semi invece è perfettamente sicuro. Quando si sceglie una marca, sceglietene una di cui avete già acquistato prodotti in passato. Assicurarsi che il prodotto che si sceglie contenga un po’ di vitamina E in ogni capsula per prevenirne il deterioramento. L’olio di borragine a volte è venduto sotto il nome di olio starflower. Per evitare il mal di stomaco che potrebbe verificarsi con l’olio di Borragine, assumerlo con il cibo. Questo aiuterà anche il suo assorbimento. L’olio di borragine può contenere piccole quantità di sostanze tossiche per il fegato chiamate alcaloidi pirrolizidinici, o PA. Quindi bisogna sempre essere sicuri di comprare prodotti con scritto in etichetta “senza alcaloide pirrolizidina o “PA-free”.

Articolo aggiornato al 13 Marzo 2020

Riferimenti
– Natural Wellbeing
– Skin and Allergy News August 18, 2011
– HerbWisdom.com
– Botanical.com
– The Aromatherapy Spot
– Whole Health Chicago
– Evitamins.com January 22, 2012
– Chiro.org
– About.com March 20, 2014
– Flower Essence Society
– NYU Langone Medical Center
– Arthritis Research UK
– WorldHealth.net December 30, 2005
– British Journal of Nutrition, February 2009;101(3):440-5
– Diabetic Seniors
– WholeHealthMD.com
– Cleveland Clinic Wellness
WholeHealth Chicago Borage Oil
Dr. Mercola Learn How Borage Oil May Help Banish Inflammation

 

FONTE: Dionidream

 

(ENGLISH VERSION)

Borage oil is extracted from the seeds of the flower of the Borago officinalis plant, which appears blue in color and has a particular star shape. It has been used for centuries for its healing properties and as a condiment for food. Also called “The Plant of the Bees” because it attracts bees in the summer season, the Arabs already exploited its medicinal properties 1500 years ago, which then spread throughout Europe through the colonization of Spain. For example, in 1600 Europeans created a wine with mixed compounds with borage leaves and flowers to relieve boredom and dispel melancholy. Borage oil has shown promising results in clinical studies for the control of pain caused by rheumatoid arthritis, for the discomforts of ailments and menstrual pain and for a myriad of other symptoms and health problems.

Borage plant features

The borage plant (Borago officinalis) is almost certainly native to the Orient. Widespread in most of Europe and Central America, it still grows spontaneously up to a thousand meters above sea level and in the presence of a temperate climate. The name originates from the Latin “borra” (rough woolen fabric), this by virtue of the light down that covers the leaves. Herbaceous plant, it can reach a height of 80 cm, has small oval / elliptical leaves, equipped with small and dark green, collected in the form of a rosette at the base. The flowers have five petals, arranged in a star shape, blue-violet in color while the fruits are achenes which contain several very small seeds inside them.

Borage oil properties

Borage oil is also rich in macronutrients (proteins, carbohydrates, fiber and fats), vitamins (A, C, niacin, choline, thiamine and riboflavin), minerals and other vegetable compounds. However what sets it apart is that the fact that it is the richest natural source of gamma linoleic acid or GLA (17 to 25 percent), followed by blackcurrant oil (15 to 20 percent) and evening primrose oil (7 to 10 percent). Like evening primrose oil, Borage oil owes its healing power to the presence of essential fatty acids, the most important of which is GLA, an omega-6 fatty acid essential for the skin, joints and much more. (Borage oil is often used in association with evening primrose oil, but it boasts more than twice the amount of GLA). Once processed by the body, GLA is converted into hormone-like substances called prostaglandins that can regulate the immune system to block general inflammation, making it a viable option for the treatment of arthritis and other inflammatory conditions. Another essential fatty acid found in borage oil is linoleic acid, which is a fundamental precursor to some essential bioregulators: 1) prostaglandins, which perform a very important function in inflammatory processes; 2) thromboxanes, involved in blood clotting with the effect of lowering total cholesterol. Properties borage oil

Extremely rich in polyunsaturated fatty acids such as alpha-linoleic acid (in a concentration of 32-38%), linoleic acid (in a concentration of 18-25%) and oleic acid, borage oil is widely used in fighting and curbing all skin problems, especially when deriving from hormonal imbalances. It also helps to counteract skin aging by performing a marked regenerating action on dry skin. It also combats skin inflammations such as eczema, acne, psoriasis.

It can be applied directly to the facial epidermis, as a natural eye contour with anti-wrinkle action as well as to reduce discolouration and skin blemishes. Diluted instead in jojoba oil or wheat germ oil, it enhances its hydrating and nourishing action. Borage oil can also be taken orally. In fact, it is commercially available in pearls or soft gel capsules in the form of a food supplement, useful for the treatment of all disorders related to the female hormonal system.

Thanks to the presence of phytoestrogens, which perform a rebalancing action on the female hormonal system, it is effective in case of cycle irregularities, menstrual pain, amenorrhea, ovarian cysts as well as to reduce the symptoms of premenstrual syndrome and menopause. Always thanks to the high content of plant hormones, it is often included in the formulation of firming products for the breast. Again regarding internal use, the usefulness of introducing borage oil-based dietary supplements derives from the proven ability to promote the production of prostaglandins of series 1 (PGE1): they are in fact capable of conducting antiplatelet, cardioprotective, antisclerotic activity , vasodilator. Many therapeutic properties attributed to borage oil are based precisely on these actions: it promotes a reduction in cardiovascular risk, the control of high cholesterol and hypertension and the anti-inflammatory action that helps in the treatment of rheumatoid arthritis.

Benefits of borage oil

  1. Reduces pain and swelling of rheumatoid arthritis – Researchers from the University of Pennsylvania have discovered that high doses of borage oil (1.4 grams per day) have led to a significant reduction in pain and swelling in the joints with osteoarthritis. In a separate study, patients with active rheumatoid arthritis demonstrated fewer clinical signs of inflammation after taking GLA-rich capsules for several months than those who took a placebo. Other researchers have reported reduced tissue damage and less pain and swelling in patients suffering from rheumatoid arthritis who were given very high doses of GLA in the form of borage oil.
  2. Relieves the symptoms of premenstrual syndrome – By interfering with the production of inflammatory substances called prostaglandins, which are released during menstruation, GLAs can help relieve cramps and pain. Many women have reported enthusiastic testimonies of how borage oil has been very useful in eliminating the disorders of the menstrual cycle, especially in association with evening primrose oil.
  3. Effectively treats endometriosis and fibrocystic breast – Borage oil can also reduce some of the breast pains that women feel during the cycle or associated with endometriosis. In fact, many women are found to have low levels of GLA in the body, which is why this supplement can help. In women with fibrocystic breasts, these essential fatty acids can minimize inflammation and promote the absorption of iodine, a mineral often at abnormally low levels in people with this condition.
  4. Helps during peri-menopause – Menstrual pains such as breast tenderness, irritability, swelling and cramps are common in women who enter menopause. Added to this is an unusually heavy or unexpected menstrual flow, and the desire to control these symptoms can be very strong. It may be useful to try Borage oil in these cases. In addition to its high concentration of compounds that fight inflammation, this plant can also help stabilize sudden hormonal changes, relieve the common discomforts associated with this often difficult transition phase of life.
  5. Significantly improves skin and eliminates acne and rosacea skin – The essential fatty acids present in borage oil can reduce the risk of clogged pores and the development of lesions by diluting the sebum, an oily substance that is hypersecreted in those who suffer from acne. They also help in the treatment of rosacea skin, reducing inflammation, controlling the use of nutrients in the cells, and producing prostaglandins that stimulate the contraction of blood vessels. The astringent substances in the borage called tannins can also help by tightening the skin. There are many testimonies of how using this supplement the skin goes from dull, asphyxiated and wrinkled to it is softer, elastic and luminous.
  6. Relieves inflammation associated with lupus – Inflammation in the kidneys, joints, skin and other areas of the body caused by this condition can be reduced thanks to the anti-inflammatory action of borage oil.
  7. Prevents nerve damage (neuropathy) from diabetes – People with diabetes are more likely to lose sensory nerve activity, which can lead to numbness and tingling in the arms and legs. The inability to convert GLAs can be a cause. When GLA enoteraric oil is administered to diabetic patients, the symptoms of nerve damage (neuropathy) improve. For reasons that remain unclear, borage oil has not proven effective for this condition despite its high concentrations of GLA.
  8. Reduces the damage of multiple sclerosis – The abundant supply of essential fatty acids present in borage oil can be useful in minimizing the inflammation associated with this progressive nervous disease. Fatty acids can also contribute to the development of the healthy nerve when taken over time. It is important to start taking it as soon as possible after the diagnosis of multiple sclerosis.
  9. Helps to soothe coughs and sore throats – Borage oil has long been used in folk medicine to treat respiratory ailments, including cough and sore throat. In addition to GLA, it also contains mucilage, a gummy, gelatinous substance that soothes the mucous membranes irritated by coughs. Mucilage also works as an expectorant, making it easier to get rid of mucus. According to a recent study conducted by Ohio State University, patients with acute respiratory problems needed fewer days of assisted ventilation and spent less time in the hospital after taking fish oil and borage oil than those who went without these supplements.
  10. Cures memory deficiencies related to Alzheimer’s – By increasing the transmission of nerve impulses, Borage oil can be useful in the treatment of this progressive brain disease which is Alzheimer’s.
    Reduces stress and high blood pressure – Animal research suggests that Borage oil can protect against high blood pressure (hypertension). Less is known about its effect on blood pressure in humans, but in a study of 10 men who experienced stress, the spikes in blood pressure and heart rate related to stress were limited after taking borage. Relieving tension also makes it easier to perform normal tasks.
  11. Strengthens the nails, scalp and hair – The fatty acids present in Borage oil not only prevent the breakage of the nails, but also contribute to keeping them healthy. They also nourish the scalp, making this supplement potentially useful in treating a variety of hair problems.
  12. Treats gout – The anti-inflammatory action of borage oil thanks to GLA makes it potentially useful in protecting against sudden joint pain caused by the accumulation of uric acid, known as gout.
    Contrasts female impotence and infertility – By promoting blood circulation, the GLAs in Borage oil can help treat the primary cause of male impotence due to a decrease in blood flow to the penis. In addition, when taken for a long period, it can help prevent the narrowing of blood vessels, often a consequence of the accumulation of plaque due to high cholesterol. By improving uterine function, GLAs can also help women who are unable to conceive.
  13. Periodontitis – A study published in Prostaglandins, Leukotrienes, and Essential Fatty Acids found that people who took Borage oil supplements had improved gum health and reduced associated periodontitis gingivitis.
  14. Reduces the symptoms of eczema and psoriasis – In some cases skin ailments can develop when the body has problems converting dietary fat into GLA. Getting a supplement of these fatty acids from borage oil can therefore be useful. GLA and other essential fatty acids can also revitalize the skin to calm inflammation, causing the blood vessels to contract. People suffering from redness, itching and other discomforts from eczema and psoriasis can also tolerate reduced doses of creams and medications if they also take GLA, as many are steroid-based which can cause unpleasant side effects. However, not all studies indicate these benefits, and many conventional doctors remain skeptical.

How to use borage oil

Borage oil can be taken internally or applied externally. If used externally, its healing effects are felt more specifically in the area on which it is applied, but it is still absorbed deep into the skin and bloodstream. It is available in the following forms:

  • softgel
  • Oil
  • Capsule

For most of the aforementioned ailments the dosage is to take 1,000 to 1,300 mg of borage oil per day. This provides 240 to 300 mg of GLA (respectively), the main curative ingredient. Almost equivalent doses of GLA can be found in 3,000 mg of evening primrose oil. Taking borage oil with meals can increase GLA absorption and minimize unpleasant side effects.

Contraindications borage oil

While studies tend to use relatively high dosages of borage oil, it is important to stick to recommended standards because the potential health risks associated with excessive or prolonged use of this oil have not yet been proven. In very high doses it can damage the liver and stomach, leading to stools of “important” consistency. If you are taking an anticoagulant drug (to thin the blood), it is important to consult your doctor before using borage oil. There are no other known interactions with other drugs or nutrients associated with this oil, although in pregnancy, it is always advisable to consult your gynecologist first.

Borage oil recommended dosage

  • Acne000 mg per day
  • Alzheimer000 mg per day
  • Cough 1,000 mg per day
  • Diabetes000 mg per day (contains 300 mg of gamma linoleic acid)
  • Eczema 000 mg per day
  • Endometriosis 1,000 mg per day
  • Hair problems 1,000 mg per day
  • High blood pressure 1,000 mg per day
  • Lupus 1,000 mg per day
  • Perimenopause 1,000 mg per day; use as an alternative evening primrose oil 1,000 mg per day
  • Psoriasis000 mg per day
  • Raynaud’s disease, apply the oil to the affected skin area every day
  • Sore throat 1,000 mg per day
  • Stress000 mg per day
  • More advice on borage oil

Check the label carefully to make sure you are buying the oil extracted from the seeds and not from fresh (or dry) grass. The GLAd content should be indicated on the label. Softgel capsules containing seed oil tend to be reasonably priced and offer a high percentage (20% to 26%) of GLA. In other words, a 1,000 mg capsule with 22% GLA contains 220 mg of GLA. By taking two or three of these capsules a day you can bring your GLA levels up to normal. Fresh grass, tea and other forms obtained from the leaves, stems, or other parts of the borage plant must not be used and can be dangerous to health. The oil obtained from seeds, on the other hand, is perfectly safe. When choosing a brand, choose one of which you have already purchased products in the past. Make sure that the product you choose contains a little vitamin E in each capsule to prevent deterioration. Borage oil is sometimes sold under the name of starflower oil. To avoid stomach pain that could occur with borage oil, take it with food. This will also help its absorption. Borage oil can contain small quantities of substances toxic to the liver called pyrrolizidine alkaloids, or PA. So you must always be sure to buy products with the words “without pyrrolizidine alkaloid” or “PA-free”.

Article updated on March 13, 2020

 

SOURCE: Dionidream

Read Full Post »

Esistono tecniche ed esercizi pratici che possiamo fare comodamente a casa nostra e che sono molto efficaci per combattere stress psicologici e tensioni psicosomatiche: ecco due esempi

 

L’emergenza coronavirus è un fatto senza precedenti che sta creando difficoltà e ansie a tutta la popolazione del nostro paese, trovastasi in pochi giorni a fronteggiare una situazione inedita e angosciante.

Se il personale dei presidi ospedalieri è in prima linea anche sul fronte dello stress, ma una comprensibile agitazione può colpire chiunque. E questo è un problema nel problema, perché la continua tensione emotiva caratteristica dello stress induce il corpo a produrre una sostanza chiamata cortisolo, che abbassa l’efficienza degli anticorpi e crea uno stato di infiammazione che rende l’organismo più fragile e quindi più esposto.

Lo stress ci indebolisce

Quando dobbiamo far fronte a una situazione di forte stress automaticamente si attiva un particolare distretto cerebrale, chiamato “asse ipotalamo-ipofisi- surrene” che stimola le ghiandole surrenali a produrre ormoni in grado di attivare rapidamente la circolazione sanguigna, aumentare la pressione arteriosa e generare un allarme globale nel corpo. Il messaggio è chiaro: c’è un pericolo incombente, occorre stare all’erta. Se nell’immediato questo comporta un aumento della potenza fisica e della lucidità mentale, alla lunga, in assenza di pause, fa sì che il corpo modelli la sua attività come se fosse sotto costante pericolo e per farlo elimina le proteine di “signaling”, quelle che servono proprio per l’attivazione delle difese del sistema immunitario. Tutto questo chiarisce perché abbiamo bisogno di tecniche psicologiche efficaci per ridurre il carico di stress. Eccone due molto efficaci.

Il respiro che scioglie la tensione eccessiva

Le tecniche derivate dalla meditazione sono fra le migliori per combattere lo stress. La prima cosa da sapere è che tutte si avvalgono di un particolare tipo di respirazione, detta diaframmatica. L’uso del diaframma, il muscolo che separa la cavità toracica da quella addominale, si esercita appoggiando un cuscino all’altezza dell’ombelico e cercando di sollevarlo il più possibile attraverso una respirazione lenta e profonda. Una respirazione rapida, superficiale e frequente innesca la produzione del cortisolo, che come abbiamo visto è in grado di innescare stati infiammatori. Al contrario, grazie alla respirazione diaframmatica, inviamo al cervello un segnale di “pericolo scampato” che interrompe il cortocircuito di allarme continuo. Bastano 20 minuti di questa attività al giorno per potenziare in modo significativo le difese immunitarie.

Esercizio anti stress di uso immediato

Quella che ti proponiamo qui è una tecnica mutuata dallo yoga e che si esegue seduti, con la spina dorsale ben dritta, il mento rivolto verso il petto che deve essere spostato leggermente in avanti. Quando si è in questa posizione, si procede tirando fuori la lingua e respirando profondamente con la bocca. Il tempo da dedicare a questo esercizio è fra i 3 e i 5 minuti, terminato il quale bisogna inspirare trattenendo il respiro per 15 secondi circa, mentre si preme la lingua sul palato superiore. Si ripeta l’esercizio per un massimo di tre volte al giorno. Tutto il corpo trarrà grande beneficio e senso di pace da questa tecnica così particolare. A qualcuno capita di provare un leggero senso di formicolio del tutto normale durante l’esercizio; in questi casi ci si può fermare un attimo, rilassarsi, e poi riprendere allo svanire dell’effetto.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

There are practical techniques and exercises that we can do comfortably at home and that are very effective in combating psychological stress and psychosomatic tensions: here are two examples.

The coronavirus emergency is an unprecedented fact that is creating difficulties and anxieties for the entire population of our country, which in a few days found itself facing an unprecedented and distressing situation. If the hospital staff is on the front line also on the stress front, but an understandable agitation can affect anyone. And this is a problem in the problem, because the continuous emotional tension characteristic of stress causes the body to produce a substance called cortisol, which lowers the efficiency of antibodies and creates a state of inflammation that makes the body more fragile and therefore more exposed. .

Stress weakens us

When we are faced with a situation of high stress, a particular brain district is automatically activated, called the “hypothalamic-pituitary-adrenal axis” which stimulates the adrenal glands to produce hormones capable of rapidly activating blood circulation, increasing blood pressure and generating a global alarm in the body. The message is clear: there is an impending danger, you need to be alert. If this immediately leads to an increase in physical power and mental clarity, in the long run, in the absence of pauses, it causes the body to model its activity as if it were under constant danger and to do so it eliminates the “signaling” proteins, those that serve precisely to activate the defenses of the immune system. All of this clarifies why we need effective psychological techniques to reduce the stress load. Here are two very effective.

Breath that dissolves excessive tension

The techniques derived from meditation are among the best to combat stress. The first thing to know is that they all use a particular type of breathing, called diaphragmatic. The use of the diaphragm, the muscle that separates the thoracic cavity from the abdominal cavity, is exercised by placing a pillow at the height of the navel and trying to lift it as much as possible through slow and deep breathing. Rapid, superficial and frequent breathing triggers the production of cortisol, which as we have seen is able to trigger inflammatory states. On the contrary, thanks to diaphragmatic breathing, we send to the brain a signal of “escaped danger” which interrupts the short circuit of continuous alarm. It takes 20 minutes of this activity per day to significantly boost the immune system.

Immediate use anti-stress exercise

What we propose here is a technique borrowed from yoga and which is performed seated, with the spine straight, the chin facing the chest which must be moved slightly forward. When in this position, one proceeds by pulling the tongue out and breathing deeply with the mouth. The time to devote to this exercise is between 3 and 5 minutes, after which you have to inhale holding the breath for about 15 seconds, while pressing the tongue on the upper palate. Repeat the exercise for a maximum of three times a day. The whole body will benefit greatly and sense of peace from this particular technique. Some people experience a completely normal slight tingling sensation during exercise; in these cases you can stop for a moment, relax, and then resume when the effect disappears.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

La quarantena per emergenza Coronavirus sta mettendo a dura prova il nostro organismo e la nostra psiche ma, adottando piccoli suggerimenti, è possibile affrontarla con più positività.

Se la reclusione in casa è obbligatoria per non compromettere la salute di se stessi, della gente cui vogliamo bene e di chi ci circonda, seguendo i consigli degli esperti si può rendere questo periodo più “soft”. Ecco qualche consiglio.

Mantenere inalterato il ritmo sonno-veglia

Vi sembrerà strano ma, anche se a chi non deve lavorare sembra più facile dire “vado a dormire più tardi , tanto domani mi sveglio quando voglio!”, è consigliabile andare a dormire all’ora abituale, come siamo sempre stati abituati a fase.

Diversificare le giornate

Anche riprogettare la quotidianità, seppur tra le mura domestiche, può aiutarci. Quindi mai oggi come ieri e come domani. Dedicate il lunedì alla preparazione di un dolce, il martedì alla palestra in casa ecc. Diversificate, insomma!

Mantenere i contatti sociali

In questo caso la tecnologia, per fortuna, ci aiuta, quindi, specie per le persone anziane, i bambini e i single, una videochiamata fa tanto! In alternativa, chiacchierate via Skype con gli altri membri della famiglia che, per forza di cose, non possono e non devono raggiungervi, mandate il buongiorno via Whatsapp, organizzate un caffè o un thè virtuale tra amiche.

Concretizzate i vostri piccoli sogni nel cassetto

La quarantena è una buona occasione per tirar fuori dal cassetto dei desideri qualcosa che, per tempo o per pigrizia, avete lasciato lì, non vi pare? Dedicatevi alla pittura, alla scrittura, ad un corso online, seguendo i numerosi tutorial disponibili sul web, persino alla visita di un museo online.

Praticate attività fisica

Niente scuse per rimandare la palestra! Per mantenervi in forma, avvaletevi dei piani di allenamento online, così come i corsi di fitness di ogni genere, ballate a ritmo della vostra musica preferita, salite e scendete le scale del condominio più volte, fate stretching in casa.

Prendetevi sempre cura della vostra persona

Mai rimandare una doccia, la barba, la cura delle unghie. Stare in casa non vuol dire lasciarsi andare ed assumere un aspetto trasandato. Continuate a prendervi cura della vostra persona!

Altri consigli per una quarantena meno pesante

Condividete i compiti

La coppia ha sempre il problema della condivisione dei doveri, soprattutto quelli nei riguardi dei figli. In questo periodo così delicato, la responsabilità è ancora più elevata, dovendosi ripartire i compiti tra spesa, cucina e piccoli da seguire.

Riscoprite i vecchi giochi di società

Per superare questo momento critico, traete l’energia dai momenti ludici. Tirate fuori i giochi di società di una volta ma sempre attuali, vi saranno utili a trascorrere ore più rilassanti.

Evitate il controllo del partner

Dovendo stare in casa per intere giornate, evitate di chiedere al partner: “Che stai facendo?”. La casa è quella, per cui , nel passaggio da una stanza all’altra, evitate gli interrogatori come “Con chi stai parlando?”.

QUARANTENA
Yoga e attività sportiva in casa: aiutano a tenersi in forma ed eliminano le tensioni della reclusione forzata.

Gli effetti psicologici della quarantena

Sono, purtroppo, tanti, gli effetti psicologici connessi al periodo di quarantena e alcuni di essi potrebbero protrarsi a lungo termine:

  • stress
  • confusione
  • rabbia
  • paura del contagio
  • frustrazione
  • noia
  • preoccupazione
  • paura per l’imprevedibilità della diffusione del virus
  • sensazione di impotenza
  • depressione
  • aggressività

Ogni persona affronta le limitazioni attuali, rese necessarie per l’emergenza Covid-19 a suo modo, ma per star meglio psicologi e psicoterapeuti consigliano di:

  • occuparsi di attività pratiche o interessi che contrastino il pensiero negativo e stimolino l’immaginazione (es. giardinaggio, riordinare casa, dedicarsi alla pittura di un quadro, a ridipingere una stanza, al decoupage)
  • annotare i propri sogni
  • leggere o scrivere poesie
  • dedicarsi alla preghiera
  • praticare yoga
  • aiutarsi con mail, chat, messaggi se si è giovani
  • salutarsi dal balcone se si è anziani

La mente, si sa, ha bisogno di energie positive e in questi giorni cruciali è importante sentirsi più uniti che mai, distogliendosi dai pensieri cattivi.

 

FONTE: AmbienteBio

 

(ENGLISH VERSION)

The Coronavirus emergency quarantine is putting a strain on our organism and our psyche but, by adopting small suggestions, it is possible to face it with more positivity.

If imprisonment at home is compulsory so as not to compromise the health of oneself, of the people we love and those around us, following the advice of experts, this period can be made more “soft”. Here are some tips.

Keep the sleep-wake rhythm unchanged

It may seem strange to you, but even if those who do not have to work seem easier to say “I go to sleep later, I wake up tomorrow when I want!”, It is advisable to go to sleep at the usual time, as we have always been used to.

Diversify the days

Even redesigning everyday life, albeit within the home, can help us. So never today like yesterday and like tomorrow. Devote on Monday to the preparation of a dessert, on Tuesday at the home gym etc. In short, diversify!

Maintain social contacts

In this case technology, fortunately, helps us, therefore, especially for the elderly, children and singles, a video call does a lot! Alternatively, chat via Skype with other family members who, by force of circumstances, cannot and must not reach you, send a good morning via Whatsapp, organize a coffee or a virtual tea with friends.

Make your little dreams come true in the drawer

Quarantine is a good opportunity to get something out of your wish drawer that you left behind in time or laziness don’t you think? Dedicate yourself to painting, writing, an online course, following the many tutorials available on the web, even visiting a museum online.

Practice physical activity

No excuses for putting off the gym! To keep fit, take advantage of online training plans, as well as fitness courses of all kinds, dance to the rhythm of your favorite music, go up and down the stairs of the condominium several times, do stretching at home.

Always take care of yourself

Never put off a shower, shave, nail care. Staying at home does not mean letting go and taking on a scruffy look. Keep taking care of yourself!

More tips for a less heavy quarantine

Share the tasks

The couple always has the problem of sharing duties, especially those regarding children. In this delicate period, the responsibility is even higher, having to divide the tasks between shopping, cooking and children to follow.

Rediscover the old board games

To overcome this critical moment, draw energy from playful moments. Bring out the board games of the past but always current, they will be useful to spend more relaxing hours.

Avoid partner control

Having to stay at home for whole days, avoid asking your partner: “What are you doing?”. The house is the one, so when passing from one room to another, you avoid interrogations such as “Who are you talking to?”.

Yoga and sports activities at home: they help you keep fit and eliminate the tensions of forced confinement.
The psychological effects of quarantine

Unfortunately, there are many psychological effects related to the quarantine period and some of them could continue in the long term:

  • stress
  • confusion
  • anger
  • fear of contagion
  • frustration
  • boredom
  • concern
  • fear of the unpredictability of the spread of the virus
  • feeling of helplessness
  • depression
  • aggression

Each person faces the current limitations, made necessary for the Covid-19 emergency in their own way, but to get better psychologists and psychotherapists advise to:

  • dealing with practical activities or interests that contrast negative thinking and stimulate the imagination (e.g. gardening, tidying up the house, dedicating oneself to painting a picture, repainting a room, decoupage)
  • write down your dreams
  • read or write poetry
  • dedicate yourself to prayer
  • practicing yoga
  • help yourself with emails, chats, messages if you are young
  • say goodbye from the balcony if you are elderly

The mind, you know, needs positive energies and in these crucial days it is important to feel more united than ever, moving away from bad thoughts.

 

SOURCE: AmbienteBio

Read Full Post »

Stare a casa non significa rinunciare all’allenamento: scopri la ginnastica isometrica con questi semplici esercizi.

 

Restare chiusi in casa non significa rinunciare al proprio allenamento. Ecco allora che in nostro soccorso arriva la ginnastica isometrica, poco usata ma molto efficace quando non è possibile eseguire il solito allenamento. È un tipo di esercizio che prevede la contrazione muscolare senza che ci sia un movimento, cioè un accorciamento o un allungamento muscolare, e una modificazione degli angoli articolari. La ginnastica isometrica ha il vantaggio di non avere bisogno di grandi spazi e di poter essere praticata ovunque, soprattutto a casa.

Tonifica addome, glutei e spalle

Tutti gli esercizi isometrici sono caratterizzati dal mantenimento di una determinata posizione per un tempo variabile. È indicata per tutti i gruppi muscolari: addome, glutei, fianchi, gambe, braccia e spalle. Se la si utilizza come unico allenamento, è bene eseguirla almeno tre volte a settimana, ma anche tutti i giorni. Altrimenti, la si può utilizzare quando non si hanno alternative (poco tempo e poco spazio a disposizione) o in aggiunta ai soliti allenamenti.

I 5 esercizi isometrici per allenare tutto il corpo

  1. Braccia e spalle: mettiti in piedi a circa un metro da un tavolo e appoggia le mani su di esso con le braccia larghe un po’ più delle spalle. Mantieni il corpo teso e piega le braccia fino ad avere i gomiti che effettuano un angolo di 90 gradi. Mantieni la posizione da 30 a 60 secondi. Ripeti tre volte.
  2. Addome: a terra, solleva le gambe e il busto tesi a formare una V, le braccia allungate in avanti e parallele al suolo. Mantieni la posizione da 30 a 60 secondi. Ripeti tre volte.
  3. Gambe e glutei: in piedi, gambe divaricate all’altezza delle spalle e punte leggermente in fuori, piega le ginocchia e assumi la posizione di squat (cosce parallele al terreno). Mantieni la posizione da 30 a 60 secondi. Ripeti tre volte.
  4. Glutei e bicipite femorale: sdraiata a terra prona, gambe leggermente divaricate, piega le ginocchia in modo da portare i talloni verso i glutei. Solleva le ginocchia da terra. Mantieni la posizione da 30 a 60 secondi. Ripeti tre volte.
  5. Polpacci: in piedi, gambe divaricate e punte in fuori, sollevati sulle punte dei piedi portando le braccia in avanti pe mantenere l’equilibrio. Mantieni la posizione da 30 a 60 secondi. Ripeti tre volte.

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Staying at home does not mean giving up training: discover isometric gymnastics with these simple exercises.

Staying indoors does not mean giving up your training. Here then isometric gymnastics comes to our rescue, little used but very effective when it is not possible to perform the usual training. It is a type of exercise that involves muscle contraction without there being a movement, i.e. a shortening or a muscle stretch, and a modification of the joint angles. Isometric gymnastics has the advantage of not needing large spaces and being able to be practiced anywhere, especially at home.

Tones abdomen, buttocks and shoulders

All isometric exercises are characterized by maintaining a certain position for a variable time. It is indicated for all muscle groups: abdomen, buttocks, hips, legs, arms and shoulders. If you use it as a single workout, it is good to do it at least three times a week, but also every day. Otherwise, it can be used when there are no alternatives (little time and space available) or in addition to the usual workouts.

The 5 isometric exercises to train the whole body

  1. Arms and shoulders: stand about a meter from a table and place your hands on it with your arms slightly wider than your shoulders. Keep your body taut and bend your arms until your elbows are at a 90 degree angle. Hold the position for 30 to 60 seconds. Repeat three times.
  2. Abdomen: on the ground, raise your legs and torso to form a V, your arms stretched forward and parallel to the ground. Hold the position for 30 to 60 seconds. Repeat three times.
  3. Legs and buttocks: standing, legs spread at shoulder height and toes slightly outward, bend your knees and assume the squat position (thighs parallel to the ground). Hold the position for 30 to 60 seconds. Repeat three times.
  4. Buttocks and hamstrings: lying prone on the ground, legs slightly apart, bend the knees so as to bring the heels towards the buttocks. Lift your knees off the ground. Hold the position for 30 to 60 seconds. Repeat three times.
  5. Calves: standing, legs spread and toes out, raised on the toes by bringing the arms forward to maintain balance. Hold the position for 30 to 60 seconds. Repeat three times.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Older Posts »