Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘dieta’ Category

Dai carciofi alle pere passando per le lenticchie,  ecco gli alimenti che ti regalano tutte le fibre di cui hai bisogno: così ti regolarizzi e vivi meglio!

 

Un consumo regolare di fibre è fondamentale per mantenere un buono stato di salute; il consumo regolare di alimenti ricchi di fibre dà all’organismo diversi benefici. Ma che cosa sono le fibre? Si tratta di cellule vegetali che non possono essere digerite dagli enzimi digestivi e che non vengono quindi assorbite dall’intestino ma che ugualmente apportano numerosi benefici al nostro organismo. Si dividono in fibre “solubili” (ovvero in grado di sciogliersi in acqua e fermentare) e fibre “insolubili” (in grado, al contrario delle prime, di trattenere rilevanti quantità di acqua).

Perché le fibre sono essenziali?

Le fibre aiutano l’intestino a rimanere regolare, sono in grado di ridurre il colesterolo “cattivo” e permettono di prolungare la sensazione di sazietà dopo un pasto per alcune ore.  Questo non significa che la loro assunzione non vada regolamentata, perché un eccesso di fibre può provocare fastidiosi disturbi intestinali. Come spiega la dietologa e nutrizionista Alex Caspero la dose giusta di fibre è di almeno 30 grammi al giorno  ma soprattutto è importante abituare l’organismo gradualmente alla loro assunzione, aggiungendo 5 grammi di fibre ogni due giorni per una o due settimane, fino a quando non si raggiungerà l’obiettivo, avendo l’accortezza di bere molta acqua, così da tenere in movimento il tratto gastrointestinale.

Ecco i sei cibi super ricchi di fibre

1. Carciofi.

Un carciofo medio garantisce ben 10,3 grammi di fibre, ovvero un terzo della quota raccomandata.  Una curiosità: quelli surgelati vengono raccolti al culmine della maturazione, il che significa che dal punto di vista nutrizionale  apportano più fibre di quelli freschi.  Sono perfetti nelle insalate o nelle frittate e con la pasta, possibilmente integrale.

2. Fagioli neri.

Ne basta una tazza per assicurare all’organismo la metà delle fibre giornaliere necessarie. È importante ricordare che questi legumi contengono un tipo di amido che può favorire la formazione di gas nell’intestino: se si usano quelli in scatola è bene risciacquarli accuratamente per eliminare il sale, che contribuisce ad aumentare il gonfiore intestinale.

3. Lenticchie.

Una singola tazza permette di fare il pieno di proteine (18 grammi) e fibre (15,6).

4. Pasta integrale.

Una porzione di pasta consente di assumere 9,5 grammi di fibre, l’ideale è condirla con olio d’oliva crudo, limone e verdure.

5. Lamponi.

In una singola porzione possono essere contenuti fino a 8 grammi di fibre. Anche la versione surgelata può andare bene, da aggiungere ai frullati o ai fiocchi d’avena la mattina a colazione.

6. Ceci.

Una tazza di ceci cotti apporta fino a 12 grammi di fibre, senza contare l’elevato contenuto proteico.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

From artichokes to pears through lentils, here are the foods that give you all the fibers you need: so make them livelier and live better!

Regular fiber consumption is essential to maintain good health; The regular consumption of fiber-rich foods gives the body different benefits. But what are the fibers? They are plant cells that can not be digested by digestive enzymes and are therefore not absorbed by the intestine but also bring a number of benefits to our body. They are divided into “soluble” fibers (that is, they can dissolve in water and ferment) and “insoluble” fibers (which, in contrast to the former, can hold significant amounts of water).

Why are fibers essential?

The fibers help the intestine to remain regular, they are able to reduce “bad” cholesterol and allow you to prolong your satiety feeling after a meal for a few hours. This does not mean that their intake should not be regulated because an excess of fibers can cause annoying intestinal disorders. As the dietician and nutritionist Alex Caspero explains, the right dose of fiber is at least 30 grams a day but above all it is important to accustom the body gradually to their intake, adding 5 grams of fiber every two days for one or two weeks, as long as You will not reach the goal, having the tendency to drink plenty of water, so keep the gastrointestinal tract moving.

Here are the six super-rich fiber foods

1. Artichokes.

An average artichoke guarantees 10.3 grams of fiber, or a third of the recommended quota. A curiosity: the frozen ones are harvested at the height of maturation, which means that from the nutritional point of view they make more fibers than fresh ones. They are perfect in salads or omelettes and with pasta, possibly whole.

2. Black beans.

Just a cup isn enough to secure the body half the daily fiber you need. It is important to remember that these legumes contain a type of starch that can favor the formation of gas in the intestine: if you use canisters it is good to rinse them thoroughly to remove salt, which contributes to increased bowel inflammation.

3. Lentils.

A single cup makes it full of proteins (18 grams) and fibers (15.6).

4. Whole Pasta.

A portion of the pasta allows you to take 9.5 grams of fiber, ideal for eating it with raw olive oil, lemon and vegetables.

5. Raspberries.

Up to 8 grams of fiber can be contained in a single portion. Even the frozen version can be fine, to be added to smoothies or oatmeal in the morning for breakfast.

6. Chickpea

A cup of cooked chickpeas makes up to 12 grams of fiber without counting the high protein content.

 

SOURCE: Riza

 

Read Full Post »

Per non ingrassare di nuovo, segui questi consigli e manterrai i risultati senza fatica: il primo passo è individuare una buona dieta di mantenimento…

 

Spesso i chili persi con la dieta si recuperano in fretta, ma mantenere il peso forma raggiunto si può, con qualche piccolo accorgimento e con una buona dieta di mantenimento, che deve diventare presto lo “stile alimentare” abituale.  Al proposito, ci scrive Ginevra:

  • “Buongiorno, mi ci sono voluti più di sei mesi, ma con una dieta ipocalorica, tanta costanza ed esercizio fisico, ce l’ho fatta: ho perso 12 chili e mi sento benissimo! Ora però temo di riprendere il peso perso e non so come impostare una valida dieta di mantenimento. Sono condannata a rimanere “a stecchetto” in eterno o posso concedermi qualche dolce e qualche piatto finora proibito?”.

Un meccanismo antico rischia di farci ingrassare ancora

Gli studi parlano chiaro: a perdere peso si riesce, mantenere è più difficile, perché spesso si ritorna velocemente alle vecchie abitudini e si riprendono i chili persi. L’organismo sottoposto a una dieta restrittiva, si adatta, ma poi, tornando a mangiare come prima, inesorabilmente s’ingrassa. Si tratta di un meccanismo di auto regolazione che ci portiamo dietro dal Paleolitico. Quando si riduce l’introito alimentare, si trasmette un messaggio di allerta. L’organismo cerca di bruciare il meno possibile e di accumulare il più possibile e i chili tornano in fretta.

La dieta di mantenimento passa…dallo sport!

Ma qualche trucchetto per far fronte a questo meccanismo c’è: un primo modo per potersi garantire dolci e piatti proibiti è aumentare l’attività fisica, che ti permette di bruciare subito i grassi e gli zuccheri che il tuo corpo vorrebbe mettere da parte. Dedicati sia all’attività aerobica (corsa, nuoto) sia ad attività più impegnative come l’interval training o il fitness funzionale. Praticata tutti i giorni, l’attività fisica migliora

  • la funzionalità cardiovascolare,
  • l’attività respiratoria,
  • combatte ansia e depressione,
  • regola il sonno e
  • mantiene il peso regolare.

Da tutto questo si evince come la vera dieta di mantenimento non sia solo un fatto alimentare, ma abbia a che vedere con lo stile di vita a 360 gradi

Piatti “proibiti”: si ma solo una o due volte a settimana

Inoltre, è sbagliato credere di dover stare a stecchetto a vita per mantenere il peso perso. Ciò che fa la differenza è la frequenza con cui dessert, pizzette e cibi ricchi di zuccheri e grassi in genere ritornano nel menu. In una valida dieta di mantenimento, una o al massimo due volte alla settimana, un dolce, una pizza, delle lasagne o altri piatti sostanziosi sono concessi: non più spesso. Solo così queste eccezioni resteranno tali e non solo non ti faranno ingrassare di nuovo, ma trasmetteranno all’organismo un messaggio di ricchezza e opulenza, accelerando le attività del metabolismo.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

To not regain weight, follow these tips and keep your results effortless: the first step is to find a good maintenance diet …

 

Often the lost pounds with the diet are recovered quickly, but maintaining the achieved weight can be, with some small effort and a good diet, which must soon become the habitual “eating style”. For this purpose, Geneva writes:

  • “Good morning, it took me more than six months, but with a low calorie diet, so much constancy and work out, I did it: I lost 12 pounds and I feel great! But now I’m afraid of taking back lost weight and I do not know how to set up a valid diet. Is it condemned to stay “stabbed” forever or can I eat some sweets and some plates so far forbidden? “

An old mechanism is likely to make us grow fat again

Studies make it clear: to lose weight is possibile, to keep it is harder, because it often comes back quickly to old habits and the lost pounds come again. The organism undergoes a restrictive diet, it suits, but then, coming back to eating as before, it inexorably hurts. This is a self regulation mechanism that we carry behind the Paleolithic. When you reduce the food intake, an alert message is sent. The body tries to burn as little as possible and to accumulate as much as possible and the pounds back in a hurry.

Staying in shape goes … through sports!

But some trick to cope with this mechanism is: a first way to be able to guarantee desserts and prohibited dishes is to increase physical activity, which allows you to immediately burn the fats and sugars that your body would like to set aside. Dedicated to aerobic activity (racing, swimming) and more challenging activities such as interval training or functional fitness. Practiced every day, physical activity

  • improves cardiovascular function,
  • respiratory activity,
  • combat anxiety and depression,
  • regulates sleep and
  • maintains regular weight.

From all this it can be seen how the true maintenance diet  is not just a food fact, but it has to do with the 360 ​​degree lifestyle

“Forbidden” dishes: but only one or two times a week

Additionally, it is wrong to believe that you have to go on a diet forever  to keep your weight lost. What makes a difference is the frequency with which you eat desserts, pizzas and foods rich in sugars and fats generally return to the menu. In a valid diet, one or two times a week,  a sweet, pizza, lasagna or other substantial dishes are granted: not more often. Only then will these exceptions remain such and not only will not make you grow fat again, but they will send to the body a message of wealth and opulence, accelerating metabolism activities.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Se lo stress di una vita “ad alta velocità” si ripercuote sul tuo rapporto col cibo, facendoti abbuffare senza controllo, devi correre ai ripari: ecco come

 

Non riesci a dimagrire e non sai perché. E se fosse colpa dello stress? Non si sottolinea mai abbastanza come uno dei nemici peggiori di chi deve dimagrire è la velocità eccessiva alla quale conduciamo le nostre esistenze. Sabrina ci scrive in redazione: ” Da qualche tempo sto ingrassando a vista d’occhio altro che dimagrire! Il problema principale è che non ho alcun interesse per quello che mangio. Semplicemente mi abbuffo. Non importa se sia salato o dolce, quello che conta è che sia bello e pronto. Mi sembra che il mio problema non sia tanto di tipo alimentare, quanto di tipo psicologico. Cosa posso fare?”

Per dimagrire devi tirare il freno

“Le persone ingrassano perché sono catturate dalla velocità e non hanno la pazienza di rispettare i tempi che la cucina richiede, a volte nemmeno di aspettare che il cibo cuocia”, afferma Raffaele Morelli.” Sembra che per queste persone sia importante avere sempre il cibo a portata di mano e che il migliore sia quello che trovano già pronto. Si abbuffano rapidamente perché hanno paura del vuoto. Ovvio che così dimagrire diventa impossibile e ingrassare inevitabile. La soluzione per evitare di mettere su chili in più, e poi nel tempo anche perdere peso, è quindi molto più semplice di quel che si pensi: si tratta di imparare l’arte dell’attesa”.

Impara l’arte del perdere tempo

Fai questo semplice esercizio, iniziando fin dalle prime ore del mattino. “Bisogna alzarsi e scegliere cosa indossare con grande cura e attenzione, vestirsi molto lentamente, come al rallentatore, truccarsi cercando la bellezza che ognuno ha in sé, e non fare tutto in due minuti per essere pronti al volo e uscire di corsa. E ancora ogni tanto andare al lavoro o a svolgere le commissioni della giornata anche camminando e non solo prendendo i mezzi pubblici o l’automobile. Insomma, bisogna imparare l’arte di “perdere tempo” in tante circostanze della vita. È questo nuovo approccio alla vita che ci regala il piacere di stare con noi stessi, liberandoci dalla fretta di correre verso qualcuno o qualcosa come un cibo precotto”.

Ritrova il piacere di stare con te stessa

Imparare a gustare il silenzio interiore è importantissimo per riuscire a dimagrire.

Occorre dirsi: “Oggi cucino per me” e imparare a trascorrere del tempo con te stessa, anche mentre prepari il cibo che ti nutrirà. Sperimenta il gusto delle piccole cose, mangia lentamente, scopri nuovi sapori e godi di ogni boccone. Solo il piacere dei sapori semplici ti farà ritrovare un buon rapporto con il cibo e, di conseguenza, la forma fisica che desideri. Ritrovando il piacere della tua compagnia piano piano vedrai i chili sciogliersi e potrai dimagrire senza fatica!

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

If the stress of a “high-speed” life affects your relationship with food, letting you bark uncontrollably, you must run to the shelter: here’s how

You can not lose weight and you do not know why. And if it was a blame for stress? Never underestimate enough as one of the worst enemies of those who have to lose weight is the excessive speed at which we carry our lives. Sabrina writes :

  • “For some time I have been greasing for the sake of something else than to lose weight the main problem is that I do not have any interest in what I eat I just binge to it, it does not matter if it is salty or sweet, what counts is that it is beautiful and ready. It seems to me that my problem is not so much a type of food, but a psychological one. What can I do? “

To lose weight you have to pull the brake

“People are fattening because they are captured by speed and have no patience to respect the times that food demands, sometimes even to wait for the food to bake,” says Raffaele Morelli. “It seems to be important for these people to always have food at your fingertips, and the best of them is what they are ready for. They eat fast because they are afraid of the void, obviously it becomes impossible and it is inevitable to grow fat so the solution is to avoid putting on extra pounds and then over time losing weight is hard, is therefore much simpler than what you think: it’s about learning the art of waiting. “

 
Learn the art of losing time

Do this simple exercise, starting from the early hours of the morning.

“You have to get up and choose what to wear with great care and attention, dress very slowly, as slow as you can, do some looking for the beauty that everyone has in them, and do not do it all in two minutes to be ready to fly and run. Every now and then you go to work or play the commissions of the day by walking and not just by taking public transport or by car, in short, you must learn the art of “wasting time” in so many circumstances of life. It gives us the pleasure of staying with ourselves, freeing us from running into someone or something like pre-cooked food. “

 

You find the pleasure of being with you

Learning to enjoy inner silence is very important to be able to lose weight. It should be said,

“Today cook for me” and learn to spend time with yourself, even while preparing the food that will nourish you. Experience the taste of small things, eat slowly, discover new flavors and enjoyment of each bite. Only the pleasure of simple flavors will make you find a good relationship with the food and, as a result, the physical form you want. Finding your company’s pleasure slowly and you will see the pounds melt away and you can lose weight effortlessly!

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Alcuni cibi stimolano il corpo a dimagrire perché agiscono su particolari geni, detti sirtuine, che ti portano a perdere peso senza eccessive rinunce

 

Non sai più come fare a dimagrire? Potrebbero aiutarti alcuni geni. La scoperta arriva dai nutrizionisti Aidan Goggins e Glen Matten, che hanno studiato i “geni della magrezza”, le sirtuine e in particolare il gene Sirt1 (ma (un ruolo importante ha anche il gene Sirt3 presente nelle centrali energetiche delle cellule). Questi geni vengono attivati dal digiuno e dall’attività fisica. Il nostro corpo, di fronte alla privazione del cibo, comincia a consumare le proprie riserve di grasso. Allo stesso modo si comporta se lo sottoponiamo a un’intensa attività fisica. Ma né l’uno né l’altro metodo sono, per la verità, facili da mettere in pratica, né particolarmente piacevoli. Esistono invece alcuni alimenti (detti “cibi Sirt”) che portano il corpo a comportarsi come se noi stessimo digiunando o facessimo molto sport. Il vantaggio è evidente: anziché fame e privazioni, si consuma un piatto ricco di particolari vegetali che spingono l’organismo a dimagrire in modo naturale.

 

Sirtuine, i geni che fanno dimagrire

Questi cibi contengono particolari sostanze, quasi tutte appartenenti alla famiglia dei polifenoli, in grado di sollecitare le sirtuine, gli stessi geni della magrezza attivati dal digiuno. Le sirtuine sono una serie di geni che intervengono in numerosi processi cellulari e sono capaci di influenzare aspetti importanti come l’utilizzo delle riserve di grassi per produrre energia, ma anche la suscettibilità o meno ad alcune malattie. Un vero e proprio alleato per dimagrire in salute. Negli esseri umani esistono sette sirtuine, ma fra questi geni il più importante è quello chiamato Sirt1, che è presente in tutto il corpo ed è particolarmente coinvolto nei processi di dimagrimento poiché, tra l’altro, favorisce l’attività degli ormoni tiroidei e migliora l’azione dell’insulina, l’ormone che gestisce i livelli di zucchero nel sangue, uno dei maggiori responsabili dell’aumento di peso.

Ecco i cibi più utili per dimagrire

I cibi che hanno questa particolarità di aiutare a dimagrire sono il tè verde, l’olio extravergine d’oliva e la curcuma, ma anche i datteri e il radicchio rosso, tutti alimenti che sono stati selezionati osservando le diete di quei popoli che registravano una minor incidenza di obesità e, parallelamente, anche una vita più lunga e più sana, con una percentuale inferiore di persone colpite da malattie degenerative. Nell’elenco compaiono anche il cavolo riccio e i capperi, le fragole, il peperoncino Bird’s Eye, la soia, le noci e il grano saraceno. Non mancano infine il cacao, il prezzemolo e la rucola

Prepara così la tua insalata dimagrante

Ecco come preparare un’insalatona nella quale compaiono una gran quantità di cibi utili a dimagrire: un eccellente piatto unico da mangiare a mezzogiorno o la sera. Per farla a casa tua utilizza rucola, sedano, 100 g di salmone affumicato e ancora un dattero Medjoul, della cipolla rossa tagliata a fettine sottili, noci, capperi. Per condirla un cucchiaio di olio extravergine d’oliva e il succo di un quarto di limone, oltre a 10 g di prezzemolo tritato.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Some foods stimulate the body to lose weight because they act on particular genes, called sirtuines, which lead you to lose weight without excessive renunciations

Don’t you know how to lose weight anymore? Some genes can help you.  The discovery comes from nutritionists Aidan Goggins and Glen Matten who have studied the “yeast genes”, the sirtuines and especially the Sirt1 gene (but a Sirt3 gene in the cell power plants also plays an important role.) These genes They are triggered by fasting and physical activity. Our body, in front of deprivation of food, begins to consume its fat reserves, as well as if we undergo intense physical activity. Or the other method are, in fact, easy to put into practice or particularly enjoyable. There are, on the other hand, some foods (called “Sirt foods”) that lead the body to behave as if we were fasting or doing a lot of sport. It’s obvious: instead of hunger and deprivation, a dish rich in specific  vegetables consumed can  push the body to lose weight naturally.

Shrink, the genes that make you lose weight

These foods contain special substances, almost all belonging to the polyphenols family, which can solicit the sutures, the same fast-acting yeast genes. Sirtuins are a series of genes that intervene in many cellular processes and are capable of influencing important aspects such as the use of fat reserves to produce energy, but also the susceptibility to some diseases.

A real ally to lose weight in health. In human beings there are seven sirtuines, but among these genes the most important one is called Sirt1, which is present throughout the body and is particularly involved in the slimming process because, among other things, it promotes the activity of thyroid hormones and improves the action of insulin, the hormone that manages blood sugar levels, one of the major weight-lifters.

Here are the most useful foods to lose weight

Foods that have this particular feature in helping to lose weight are green tea, extra virgin olive oil and turmeric, but also dates and red radish, all of the foods that have been selected by observing the diets of those peoples who have little incidence of obesity and, at the same time, a longer and healthier life, with fewer people suffering from degenerative diseases. In the list also appear curly kale and capers, strawberries, Bird’s Eye pepper, soy, nuts and buckwheat. Lastly, there is no lack of cocoa, parsley and rucola

So prepare your slimming salad

Here’s how to prepare a salad with a large amount of slimming foods: an excellent unique dish to eat at noon or in the evening. To make it at home, use rocket salad, celery, 100 g smoked salmon and another medjoul date, red onion cut into thin slices, nuts, capers. Add a tablespoon of extra virgin olive oil and a quarter of lemon juice, plus 10 g chopped parsley.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Uno studio ha seguito le abitudini di chi riesce a mantenere per anni il suo peso ideale senza ingrassare mai: si è scoperto che il segreto è…

 

Alcune persone mantengono il peso ideale e non ingrassano mai. Come fanno? Se lo sono chiesti alcuni ricercatori della Cornell University, che hanno indagato i segreti delle persone che rimangono sempre magre per aiutare quelle (la maggioranza) che invece fanno fatica a mantenere il peso ideale. I ricercatori hanno dunque seguito e registrato le abitudini di chi è stato magro tutta la vita (esclusi dunque coloro che, prima in sovrappeso, poi sono dimagriti).

 

L’importante è la qualità del cibo

I parametri di chi presenta un peso ideale, presi in considerazione nella ricerca, sono i seguenti:

  • comportamenti alimentari abituali (cosa mangiano per colazione, pranzo, cena ecc.),
  • esercizio fisico svolto,
  • routine quotidiana,
  • “filosofie sul cibo”,
  • tecniche impiegate per cucinare,
  • persino le prospettive e le riflessioni sulla propria vita.

La raccolta di dati (Global Healthy Weight Registry) viene continuamente aggiornato, ma i primi risultati sono già disponibili. Il quadro che emerge è che chi rimane nel peso ideale senza difficoltà, più che alle quantità, bada alla qualità del cibo, con una prevalenza di cibi preparati in casa. 

Le buone abitudini di chi ha un peso ideale

Ma come si comporta chi ha da sempre un peso ideale nelle circostanze più difficili? In un modo apparentemente semplice, ma che in realtà spesso è difficile da mettere in campo. per esempio, A feste e buffet prima mettono nel piatto piccole quantità di tutto e solo dopo, eventualmente, fanno il bis solo di ciò che hanno gradito. E per sentirsi pieni, danno spontaneamente la preferenza a

  • zuppe,
  • uova sode,
  • yogurt greco,
  • salmone o tonno:

cibi sazianti, molto nutrienti e soprattutto non manipolati. 

Il peso ideale è “figlio” di comportamenti quotidiani

Insomma, per ottenere e avere per sempre un peso ideale, più che dedicarti a diete ferree ed esercizio fisico estenuante prima della prova costume, dovresti tenere delle sane abitudini quotidiane:

  • dormire a sufficienza,
  • fare esercizio fisico,
  • alimentarti in modo sano e con piccole porzioni di cibo che soddisfino il tuo fabbisogno giornaliero di calorie e nutrienti.

Basta cominciare!

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

A study has followed the habits of those who manage to maintain their ideal weight for years without ever getting fat. It has been discovered that the secret is …

Some people maintain the ideal weight and never grow fat. How do they do it? If asked by researchers at Cornell University who have investigated the secrets of people who are always thin to help those (the majority) who are struggling to maintain the ideal weight. The researchers then followed and recorded the habits of those who were thin throughout their lives (excluding those who, before overweight, then are slim).

The quality of food is important

The parameters of those who have an ideal weight, taken into consideration in the research, are the following:

  • habitual eating habits (what they eat for breakfast, lunch, dinner etc.),
  • work out done,
  • daily routine,
  • “food philosophies”, t
  • echniques used To cook,
  • even the prospects and reflections on your own life.

The Global Healthy Weight Registry (CVS) is continually updated, but the first results are already available. The picture that emerges is that those who stay in the ideal weight without difficulty, rather than the quantity, are concerned with the quality of the food, with a prevalence of homemade food.

The good habits of those who have an ideal weight

But how does it behave who has always been an ideal weight in the toughest circumstances? In a seemingly simple way, but which is often hard to put in the field. For example, at parties and buffets first put into the pot small amounts of everything and only after, eventually, they do only about what they like. And to feel full, they spontaneously give preference to

  • soups,
  • hard boiled eggs,
  • Greek yogurt,
  • salmon or tuna:

foods that are saturated, very nutritious and especially not manipulated.

The ideal weight is the “son” of daily behaviors

In short, to get and have an ideal weight forever, rather than engaging in dieting and exercise exhausting work out before the swimming pool test, you should keep healthy daily habits:

  • sleeping enough,
  • exercising,
  • eating healthy and
  • with small portions of food that meet your daily calorie and nutritional needs.

Just start!

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Se ti svegli nel cuore della notte con il desiderio di divorare cibi dolci, forse la tua alimentazione non è abbastanza equilibrata: come rimediare

 

Se la fame di dolci ti assale di notte occorre trovare una soluzione o la linea potrebbe presto risentirne. Questo problema attanaglia Fausto, che scrive dicendo di essere una persona piena di entusiasmo e forza di volontà, ma che da qualche tempo si sente senza forze e che, soprattutto, si sveglia da un po’ nel cuore della notte con una smisurata fame di dolci.

 

Più si mangiano dolci, più se ne ha voglia…

Ricerche recenti dimostrano che gli zuccheri contenuti nei dolci agiscono direttamente sul cervello causando una vera e propria dipendenza: il corpo continua a richiederne, anche quando non ne ha effettivamente bisogno. Inoltre il desiderio di zuccheri e quindi la fame di dolci è spesso più forte di quello che proviamo per altri alimenti, come i grassi. Gli zuccheri infatti sono in grado di stimolare i cosiddetti “ormoni del buonumore”, come serotonina ed endorfine, sostanze chimiche che inducono un breve e transitorio aumento dell’energia e spesso migliorano l’umore, ma quando si esaurisce l’effetto ci si ritrova più stanchi di prima.

A volte però è vera fame…

Detto tutto questo, occorre sapere che l’appetito che ti sveglia nel cuore della notte può anche avere a che fare con quello che mangi o non mangi durante il giorno. Cerca innanzitutto di capire se non si tratta davvero di fame; magari i tuoi pasti non sono stati completi o correttamente bilanciati. Prova a seguire per qualche settimana un’alimentazione equilibrata nei nutrienti a colazione, pranzo e cena, e completala con due spuntini e metà mattina e metà pomeriggio.

Riduci i dolci e mangia frutta secca

Un pasto bilanciato ti farà stare meglio e allo stesso tempo preverrà le eventuali “ricadute” nella fame di dolci delle ore successive. Quando scegli cosa cucinare, preferisci cibi salutari e davvero rinvigorenti:

  • proteine,
  • fibre e
  • carboidrati complessi.

Aumenta il consumo di frutta secca nel corso della giornata ed evita i cibi dolci e preconfezionati, troppo ricchi di zuccheri e di sale.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

If you wake up in the middle of the night with the desire to eat sweet foods, maybe your diet is not balanced enough: here how to fix it

If the hunger for sweets comes at night you need to find a solution or your shape may soon be affected. This is the  problem of Fausto, who says he is a person full of enthusiasm and willpower, but some time feels without energy and that, above all, he wakes up in the middle of the night with a tremendous hunger for sweets.

The more they eat sweets, the more they want it …

Recent research shows that sugars contained in cakes act directly on the brain causing a real addiction: the body continues to ask for it, even when it does not really need it. Moreover, the desire for sugars and therefore the hunger for sweets is often stronger than what we feel for other foods, such as fats. Sugars, in fact, can stimulate so-called “humorous hormones” such as serotonin and endorphins, chemicals that induce a short and transient increase in energy and often improve mood, but when the effect is exhausted we feel more tired than before.

Sometimes it is really hungry …

Having said all this, you should know that the appetite that wakes you up in the middle of the night may also have to do with what you eat or not eat during the day. First, find out if it’s not really about hunger; Maybe your meals were not complete or properly balanced. Try to follow a balanced diet in nutrients for a few weeks for breakfast, lunch and dinner, and complete it with two snacks at mid-morning and mid-afternoon.

Reduce the sweets and eat dried fruits

A balanced meal will make you feel better and at the same time there will be any “relapses” in the hunger of cakes of the next few hours. When choosing what to cook, you prefer healthy and really rejuvenating foods:

  • proteins,
  • fibers and
  • low carbohydrates.

Increase the consumption of dry fruits during the day and prevents sweet and pre-packaged foods, too rich in sugars and salt.

SOURCE: Riza

 

Read Full Post »

photogallery_ways_to_fend_off_food_cravings_01_fullSe la dieta che segui è molto stretta, a volte ti trovi costretta a cedere alla tentazione del dessert, pericolosa per la linea: come rimediare.

 

Molte volte ti coglie dopo cena, quando ti rilassi dopo aver concluso gli impegni della giornata: la voglia di dolce arriva puntuale e, se quando ti capita in altri momenti della giornata riesci a resistere, in quel momento proprio no.

Un cioccolatino, un frollino, un gelato o una merendina (e spesso non ci si ferma qui…), e mandi all’aria tutti i buoni propositi. A tavola stai attento, forse troppo: un pesce, verdura, frutta per il dessert… e poi, in men che non si dica, vanifichi gli sforzi fatti.

 

La voglia di dolce aumenta se sei troppo trattenuta

La voglia di dolce non ha origini fisiologiche. È un bisogno che nasce dalla mente, che, dopo una giornata trascorsa a fare scelte alimentari iper razionali e controllate, la sera, col buio, lascia spazio all’istinto.

Lo zucchero, a questo punto, rappresenta un’oasi di trasgressione dopo i sacrifici imposti dal risveglio all’ora di cena. È come se il tuo istinto volesse che tu ti facessi un regalo per compensare stress, noia, preoccupazioni e vuoto di piacere avvertito nel corso della giornata, specie quando siamo a dieta. È come se si volesse addolcire le ore amare appena trascorse.

La voglia di dolce è più pericolosa alla sera

Se in altri momenti della giornata mangiare un dolce non è poi così grave, farlo alla sera purtroppo non è per niente salutare: i dolci e lo zucchero appesantiscono l’organismo e rallentano la digestione, per cui il sonno sarà agitato e poco ristoratore. Inoltre, non venendo in alcun modo consumati, gli zuccheri ingeriti vengono trasformati in adipe e allargano il girovita

Non rinunciare ma fai la scelta giusta

Come fare per contrastare questa voglia di dolce? È bene non negarsela, ma bilanciare gli zuccheri del dolce extra con un po’ di grassi e proteine, per limitare le conseguenze negative.

  • Due frollini integrali con farina d’avena e un vasetto di yogurt al naturale parzialmente scremato,
  • una fetta di pane nero con ricotta e un cucchiaino di miele,
  • un bicchiere di latte di mandorle tiepido con un cucchiaino di crusca,
  • uno di cacao amaro e un pizzico di cannella:

sono tutte soluzioni che placano la voglia di dolce senza pesare troppo sulla digestione e sula silhouette…

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

If you follow a very strict diet, sometimes you are forced to yield to the temptation of dessert, dangerous for the shape: how to fix it.

Often it catches you after dinner, when you relax after completing the commitments of the day: the desire for sweets arrives on time, and if when it happen in other times of the day you can hold, at the time really.

A chocolate, a biscuit, an ice cream or a snack (and often we do not stop here …), and all the good intentions blow into the air. At the table you’re careful, perhaps too much: a fish, some vegetables, fruit for dessert … and then, in no time at all, you feel frustrated and you crave for a sweet, feel all your efforts are vain. 

The sweet tooth increases if you’re too restrained

The sweet tooth does not have a physiological origins. It is a need that comes from the mind, which, after a day where you made a  hyper rational and controlled food choices, in the evening, after dark, you left to your instinct.

Sugar, at this point, is an oasis of transgression after the sacrifices imposed by the awakening at dinner. It’s as if your instinct wants you to make you aware that you need to compensate for stress, boredom, concerns and empty pleasure felt during the day, especially when we are on a diet. It is as if to sweeten the hours spent just love.

The sweet desire is more dangerous at night

If at other times of the day the need to eat a piece of cake is not so serious, on the evening it is something different and it is not at all healthy:

  • sweets and sugar weigh down the body and slow down digestion, so your sleep will be restless and a too little refreshing. Also, not being consumed in any way, ingested sugars are converted into fat and widen your waistline

But do not give the right choice

How to do to counter this desire for sweet?

It is not good to deny it, but balance the extra sugar sweet with a little of fat and protein, to limit the negative consequences.

  • Two whole biscuits with oatmeal and a cup of yogurt to the natural low-fat,
  • a slice of black bread with cottage cheese and a teaspoon of honey,
  • a glass of warm milk with a teaspoon of almond bran,
  • one of cocoa and pinch of cinnamon:

are all solutions that appease the desire for sweet without compromising too much on digestion and booby silhouette …

SOURCE: Riza

 

 

Read Full Post »

Older Posts »