Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘frutta’ Category

Le ciliegie sono frutti dalle grandi proprietà antinfiammatorie e detossinanti e per questo erano conosciute e usate come farmaci fin dall’antichità

 

Le ciliegie sono delle preziose alleate nella dieta detox, tanto che negli Stati Uniti si è diffusa la salutare consuetudine, soprattutto tra le persone adulte e in età matura, di bere succo di ciliegie ogni giorno piuttosto che assumere cronicamente farmaci antinfiammatori.

Il consumo giornaliero di ciliegie o del suo succo combatte efficacemente il dolore e l’infiammazione in chi soffre di

  • artrite,
  • artrosi generalizzata,
  • dolori articolari specifici o
  • gotta.

Assumendo le ciliegie invece di troppi farmaci, si ha il vantaggio di non avere gli effetti collaterali e la tossicità dell’assunzione cronica di medicinali.

 

Conosciute come cibo curativo fin dall’antichità

Le proprietà terapeutiche e detox delle ciliegie erano apprezzate sin dall’antichità: già Galeno e Dioscoride conoscevano e utilizzavano le ciliegie, e nell’XI secolo il frutto rientrava tra i rimedi prescritti dalla Scuola Medica Salernitana:

  • “Se mangi ciliegie ne avrai grandi vantaggi perché ti purgano lo stomaco. Il seme ti toglie i calcoli e la loro polpa gioverà al tuo sangue”: così affermavano i medici di allora.

Le ciliegie meglio dell’aspirina

Per beneficiare delle proprietà detox delle ciliegie basta bere un bicchiere di succo al giorno, sostituibili con 20 ciliegie (contengono circa 25 milligrammi di antociani). Così si inibiscono gli enzimi responsabili dell’infiammazione dei tessuti articolari. Studi effettuati nella Michigan State University (USA) hanno messo in luce che gli antociani presenti in grandi quantità nelle ciliegie, hanno un’efficacia addirittura dieci volte superiore all’aspirina. Secondo altri studi, il consumo quotidiano di ciliegie potrebbe rivelarsi utile anche nel proteggere le arterie dalla formazione di placche aterosclerotiche e per ridurre il rischio di cancro al colon.

Ricche di sostanze nutrienti

Le ciliegie contengono poche calorie (50 per 100 grammi), tanto potassio, vitamine, insomma un vero concentrato di nutrienti salutari e dal potere detossinante. Quando le acquisti, sceglile sempre ben mature, poiché quelle acerbe sono decisamente astringenti. Puoi gustarle come spuntino a metà mattina o pomeriggio, oppure utilizzarle nella preparazione di dolci o guarnire le crostate. Per un grande effetto detox, bevi un bicchiere di succo di ciliegie a digiuno tutte le mattine.

 

FOMTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

The cherries are derived from the great anti-inflammatory and detoxifying properties and for this reason they were known and used as medicines since antiquity

Cherries are valuable allies in the detox diet, so much so that in the United States the healthy habit, especially among adults and mature adults, is to drink cherry juice every day rather than chronically taking anti-inflammatory drugs.

Daily consumption of cherries or juice effectively combats pain and inflammation in those suffering from

  • arthritis,
  • generalized arthrosis,
  • specific joint pain or gout.

Assuming cherries instead of too many drugs, you have the benefit of not having the side effects and toxicity of chronic medication intake.

Known as a healing food since antiquity

The therapeutic and detox  properties of cherries were appreciated since ancient times: already Galen and Dioscoride knew and used cherries, and in the eleventh century the fruit was among the remedies prescribed by the Salernitana Medical School:

  • “If you eat cherries you will have great benefits because They purge your stomach. The seed removes the stones and their pulp will benefit your blood, ” the doctors said at that time.

Cherries better than aspirin

To benefit from cherry detox properties just drink a glass of juice a day, replaceable with 20 cherries (containing about 25 milligrams of anthocyanins). Thus, enzymes responsible for the injection of joint tissues are inhibited.

Studies at Michigan State University (USA) have revealed that anthocyanins present in large quantities in cherries have an efficacy of up to ten times as high as aspirin. According to other studies, daily cherry consumption may also be useful in protecting the arteries from the formation of atherosclerotic plaques and to reduce the risk of colon cancer.

Rich in nutrients

Cherries contain few calories (50 per 100 grams), so much potassium, vitamins, in short, a true concentrate of healthy nutrients and detoxifying power. When purchasing, always choose mature ones, since the rough ones are definitely astringent. You can enjoy them as a snack in mid-morning or afternoon, or use them in the preparation of sweets or garnish the tarts. For a great detox effect, have a glass of cherry juice fasting every morning.

FOMTE: Riza

Read Full Post »

Il cedro è un agrume non molto utilizzato nella nostra cucina ma che può risultare utilissimo in caso di emicrania, come dimostra uno studio iraniano.

 

Il cedro è un agrume molto utile per combattere l’emicrania: uno studio iraniano, pubblicato sul Journal of Ethnopharmacology, ha testato la capacità, tradizionalmente attribuita a questo agrume, di ridurre frequenza e intensità dei sintomi dolorosi dell’emicrania; al termine dello studio è risultato che un trattamento a base di sciroppo di cedro è in grado di indurre una significativa riduzione del dolore associato alla cefalea. 

Il cedro è anche ricco di sostanze anticolesterolo 

Il cedro  è un albero originario del Sud-est asiatico ma diffuso nell’area mediterranea fin dall’antichità; ha fiori bianchi molto profumati e frutti caratterizzati da una buccia gialla e rugosa. All’interno, l’albedo del cedro (la parte bianca della scorza) è spessa, dolce e aromatica ed è ricca di steroli, sostanze utili per ridurre il colesterolo; gli spicchi veri e propri, dal gusto aspro, apportano vitamina C, flavonoidi antiossidanti, acidi organici e minerali.  Anticamente usato come repellente contro gli insetti, il cedro è oggi sfruttato principalmente dall’industria alimentare per produrre bibite, sciroppi e canditi, mentre in cucina si può consumare fresco in piatti dolci o salati. Dal frutto del cedro si ottiene anche un olio essenziale dalle proprietà antisettiche e disinfettanti.

Il cedro contrasta l’azione dei radicali liberi

Sono numerose le virtù medicamentose attribuite al cedro e note fin dall’antichità (ne parlava già la Scuola Medica Salernitana).

  • Il cedro contrasta l’azione dei radicali liberi,
  • è antitumorale relativamente al tratto del colon,
  • ha un’azione preventiva nei riguardi dell’obesità e
  • di alcune patologie cardiovascolari.

In particolare, le ormai accertate e straordinarie proprietà antiossidanti del cedro, dovute alla quantità e qualità di flavonoidi presenti nell’agrume, hanno fatto divenire questo frutto l’emblema della “Giornata nazionale del malato oncologico”.  

Bevi una spremuta di cedro contro l’emicrania

Se hai un attacco di emicrania, prepara una bevanda spremendo un cedro in acqua fresca o tiepida e sorseggia lentamente. Ripeti più volte nel corso della giornata. Se vuoi, puoi dolcificare la bevanda con un po’ di miele. Puoi anche mangiare il cedro come frutto intero, eliminando le parti bianche.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Cedro is a citrus not very used in our kitchen but which can be very useful in case of migraine, as an Iranian study shows.

Cedro is a very useful citrus to fight migraine: an Iranian study published on the Journal of Ethnopharmacology has tested the ability traditionally attributed to this citrus to reduce the frequency and intensity of painful symptoms of migraine; At the end of the study it was found that a cedro syrup treatment is capable of inducing a significant reduction in pain associated with headache.

Cedro is also rich in anti-cholesterol substances

Cedro is a native tree of Southeast Asia but spread in the Mediterranean area since antiquity; It has very fragrant whites and fruits characterized by a yellow and wrinkled skin. Inside, cedar albedo (the white part of the bark) is thick, sweet and aromatic and is rich in sterols, useful substances to reduce cholesterol; True clots, sour taste, vitamin C, antioxidant avocados, organic acids and minerals. Cedro has been used in the past for the food industry to produce drinks, syrups and candies, while in the kitchen it can be consumed fresh in sweet or salty dishes. Cedar fruit also produces an essential oil with antiseptic and disinfectant properties.

Cedro opposes the action of free radicals

There are numerous medicinal virtues attributed to cedro and notes since antiquity (Salernitana Medical School). Cedro contrasts the action of free radicals, it is antitumor relative to the colon tract, it has a preventative action in terms of obesity and some cardiovascular pathologies. In particular, the now-proven and extraordinary antioxidant properties of cedro due to the quantity and quality of flavonoids present in the citrus fruit have become the fruit of the “National Day of the Oncologist’s Day” emblem.

Drink a cedar juice against migraine

If you have a migraine attack, prepare a drink by squeezing a cedro into fresh or lukewarm water and sow slowly. Repeat several times during the day. If you like it, you can sweeten the drink with a little honey. You can also eat cedar as a whole fruit, eliminating white parts.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Insieme al succo di bacche rosse e all’inulina, passiflora e melissa ti aiutano a nutrire i batteri “buoni” combattendo l’infiammazione intestinale

 

Abbiamo già parlato dei benefici dell’inulina, che possono essere potenziati grazie a passiflora, melissa e succo di bacche rosse.

L’inulina nutre alcuni batteri presenti nell’intestino utili anche al dimagrimento: melissa e passiflora in tisana servono però anche per mantenere una corretta idratazione che deve andare di pari passo con l’assunzione della fibra. Ecco allora alcune idee per bevande fredde o calde da consumare durante il giorno, perfette per ridurre l’ infiammazione intestinale.

Melissa e passiflora placano l’infiammazione intestinale

La melissa ha un sapore che ricorda il limone, e le sue foglie hanno un’azione calmante sull’intestino, oltre ad eliminare i gas in eccesso che gonfiano e causano l’ infiammazione intestinale. Utile è anche la passiflora: i suoi fiori contengono fibre benefiche.

Entrambe queste essenze hanno quindi un’azione regolarizzante sull’intestino: sono perfette se soffri di infiammazione intestinale, che potrebbe aver ridotto la quantità di batteri buoni e dimagranti. Prepara una tisana ponendo parti uguali di sommità di passiflora e di foglie di melissa essiccate: mettine un cucchiaino in una tazza d’acqua bollente e lascia in infusione 5 minuti. Filtra e bevi, senza dolcificare oppure utilizzando della stevia, almeno una volta al giorno (ma anche di più).

Il succo di bacche rosse rigenera le mucose

Anche il succo di bacche rosse è un buon alleato contro l’ infiammazione intestinale: mirtillo, ribes rosso o ribes nero, assunti in succhi concentrati, aiutano la proliferazione dei batteri buoni.

Questi piccoli frutti contengono flavonoidi, tra cui gli antociani, dall’azione antinfiammatoria, che aiutano a rigenerare le mucose dell’intestino, rendendole così un ambiente maggiormente ospitale per i batteri buoni. Quando li acquisti, sceglili biologici e senza zuccheri aggiunti. Consumali diluiti in acqua, tra i pasti.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Along with the juice of red berries and the inulin, passionflower and lemon balm help you feed the “good” bacteria fighting intestinal inflammation

We have already talked about the benefits of inulin, which can be enhanced through passion flower, lemon balm and juice of red berries. Inulin feeds certain bacteria in the gut and is also helpful to slimming: lemon balm and passionflower in herbal tea, however, they also serve to maintain proper hydration that must go hand in hand with the intake of fiber. So here are some ideas for hot or cold drinks to consume during the day, perfect for reducing the ‘intestinal inflammation.

Melissa and passionflower subside intestinal inflammation

Melissa has a taste reminiscent of lemon, and its leaves have a calming effect on the intestine, as well as remove excess gas which swell and cause the ‘intestinal inflammation. Profit is also the passion flower: its flowers contain beneficial fiber.

Both of these species have thus regularizing action on the intestine: they are perfect if you suffer from bowel inflammation, which may have reduced the amount of good bacteria and diet. Prepare a tea by placing equal parts of the summit of passion and dried lemon balm leaves: Place us a teaspoon in a cup of boiling water and leave to infuse 5 minutes. Filter and drink without sweetening or using stevia, at least once a day (even more).

The juice of red berries regenerates the mucous membranes

Even the juice of red berries is a good ally against intestinal inflammation: blueberry, red currant or black currant, taken in concentrated juices, help the growth of good bacteria. These small fruits contain flavonoids, including anthocyanins, anti-inflammatory by the action, which help to regenerate the intestinal mucosa, thus making them a more hospitable environment for the good bacteria. When you buy them, choose them, organic with no added sugar. Drink them diluted in water, between meals.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Uno studio clinico ha trovato che l’aggiunta di un alimento semplice per la vostra dieta ha il potere di ripristinare la salute, ridurre il rischio di malattie cardiache, e anche invertire la malattia nei pazienti con malattie cardiache. Pubblicato sulla rivista

 

Per l’aterosclerosi, i ricercatori hanno confermato che l’estratto di melograno può impedire e / o invertire la patologia primaria associata a malattie cardiache. (In questo caso, il progressivo ispessimento delle arterie coronarie, causato da un accumulo di materiali grassi).

Lo studio ha dimostrato efficacemente che l’estratto di melograno:

  • Riduce la quantità di placca nelle arterie
  • Riduce i livelli di stress ossidativo
  • Riduce un messaggero chimico (chemochine) associato alle infiammazione nelle arterie
  • Riduce l’accumulo di lipidi nel muscolo cardiaco
  • Riduce l’allargamento cardiaco
  • Riduce le anomalie dell’ECG

Questo non è il primo studio di questo tipo. Nel 2004, il Clinical Nutrition ha pubblicato i risultati di uno studio clinico di tre anni, trovando che il consumo quotidiano di succo di melograno aveva invertito la stenosi dell’arteria carotidea fino al 29% entro un anno.
pomegranate

Non è un segreto che le statine che abbassano il colesterolo sono stati collegati a molti effetti negativi per la salute, così la continua ricerca degli incredibili benefici per la salute del melograno può infatti portare al succo di melograno, in alternativa, in modo naturale per sbloccare le arterie e prevenire le malattie cardiache. L’effetto curativo naturale che i melograni forniscono deriva da un elenco a tutto tondo di benefici per la salute che hanno dimostrato più e più volte di essere validi.

I benefici per la salute di melograno sono molti, ma sono forse meno noti di quelli di altri tipi di frutta e verdura. Nel caso in cui si ha bisogno di un paio di motivi per aggiungere la frutta alla vostra dieta, qui sono alcuni dei benefici per la salute melograni prevedono:

1. Melograni sono ricchi di sostanze nutritive importanti
Una tazza di semi di melograno contiene 144 calorie, 7 grammi di fibre, 3 grammi di proteine, vitamina C, vitamina K, acido folico e potassio. Melograni vantano anche un impressionante livello di antiossidanti che aiutano a prevenire i danni delle cellule dall’ossidazione.

2. Melograni contengono due potenti composti vegetali
Punicalagine sono estremamente potenti antiossidanti presenti nel succo e la buccia di un melograno, mentre l’acido punicic (olio di semi di melograno) è l’acido grasso principale di semi di melograno. I due composti sono responsabili della maggior parte dei benefici per la salute di melograni.

3. I Melograni hanno proprietà anti-infiammatorie
Le proprietà anti-infiammatorie dei melograni li rendono ideali per ridurre l’infiammazione nel corpo, aiutando a prevenire le malattie cardiache, il cancro, il diabete di tipo 2, il morbo di Alzheimer e l’obesità.

4. Melograni aiutano ad abbassare la pressione sanguigna
Uno studio ha mostrato che le persone con pressione sanguigna alta hanno avuto una significativa riduzione della loro pressione sanguigna dopo aver consumato 150 ml di succo di melograno al giorno per due settimane. Altri studi hanno trovato risultati simili, citando che il succo di melograno può abbassare la pressione sanguigna e ridurre il rischio di attacchi cardiaci e ictus.

5. Melograni possono aiutare a combattere le infezioni batteriche e fungine
I composti vegetali in melograni hanno anche potenti proprietà medicinali che possono aiutare a combattere i batteri nocivi nel corpo. Essi hanno dimostrato di essere utile contro diversi tipi di batteri e infezioni fungine.

Guarda il video qui sotto per imparare a fare il proprio succo di melograno fresco a casa!

FONTE: David Avocado Wolfe

 

(ENGLISH VERSION)

A clinical study has found that adding one simple food to your diet has the power to restore health, reduce the risk of heart disease, and even reverse illness in heart disease patients. Published in the journal 

Atherosclerosis, researchers have confirmed that pomegranate extract may prevent and/or reverse the primary pathology associated with heart disease. (In this case, the progressive thickening of the coronary arteries, caused by the accumulation of fatty materials).

The study showed that pomegranate extract effectively:

  • Reduced the amount of plaque in the arteries
  • Reduced levels of oxidative stress
  • Reduced a chemical messenger (chemokine) that is associated with inflammation in the arteries
  • Reduced lipid accumulation in the heart muscle
  • Reduced cardiac enlargement
  • Reduced ECG abnormalities

This isn’t the first study of its kind. In 2004, Clinical Nutrition published the results of a three-year clinical trial, finding that the daily consumption of pomegranate juice reversed carotid artery stenosis by up to 29% within one year.

It’s no secret that cholesterol-lowering statins have been linked to many adverse health effects, so the continued research of the amazing health benefits of pomegranate may in fact lead to pomegranate juice as an alternative, natural way to unclog arteries and prevent heart disease. The natural healing effect that pomegranates provide stems from a well-rounded list of health benefits that have been proven over and over again.

The health benefits of pomegranate are many, but are perhaps less well-known than those of other fruits and vegetables. In case you needed a few more reasons to add the fruit to your diet, here are some of the other health benefits pomegranates provide:

 
 

1. Pomegranates are loaded with important nutrients

One cup of pomegranate seeds contains 144 calories, 7 grams of fiber, 3 grams of protein, Vitamin C, Vitamin K, folate and potassium. Pomegranates also boast an impressive level of antioxidants that help to prevent cell damage from oxidation.

2. Pomegranates contain two powerful plant compounds

Punicalagins are extremely powerful antioxidants found in the juice and peel of a pomegranate, while punicic acid (pomegranate seed oil) is the main fatty acid in pomegranate seeds. The two compounds are responsible for most of the health benefits of pomegranates.

 

3. Pomegranates have anti-inflammatory properties

The anti-inflammatory properties in pomegranates make them ideal for reducing inflammation in the body, helping to prevent heart disease, cancer, type 2 diabetes, Alzheimer’s and obesity.

4. Pomegranates help to lower blood pressure

One study showed that people with high blood pressure had a significant reduction in their blood pressure after consuming 150 ml of pomegranate juice daily for two weeks. Other studies have found similar results, citing that pomegranate juice can to lower blood pressure and reduce the risk of heart attacks and strokes.

5. Pomegranates can help fight bacterial and fungal infections

The plant compounds in pomegranates also have powerful medicinal properties that can help fight harmful bacteria in the body. They have been shown to be beneficial against several types of bacteria and fungal infections.

Check out the video below to learn how to make your own fresh pomegranate juice at home!

 

SOURCE: David Avocado Wolfe

Read Full Post »

frutta-verdura-colore-arancio-fanno-bene-alla-saluteUna sostanza presente in arance, peperoni, mandarini e altri frutti e ortaggi dal colore giallo o arancione è un potente protettore delle cellule dei polmoni.

 

Arance, zucca e peperoni rossi non devono mai mancare sulla tavola, specialmente quella dei fumatori e di chi vive in zone inquinate:

  • secondo uno studio effettuato dalla Tufts University, nel Massachusetts, pubblicato sulla rivista Cancer Prevention Research, una sostanza contenuta in questi cibi (un pigmento chiamato beta-criptoxantina e siglato BCX), riduce il rischio di cancro ai polmoni a cui sono esposti in particolar modo i fumatori.

I carotenoidi (e in particolare il BCX, che dona il tipico colore giallo, arancione o rosso ai frutti e agli ortaggi) prevengono proprio la proliferazione delle cellule tumorali.

Il segreto è in un carotenoide preziosissimo 

Lo studio, condotto da Xiang-Dong Wang, è consistito nella somministrazione quotidiana a due gruppi di cavie da laboratorio di un agente cancerogeno derivato dalla nicotina e contemporaneamente, a uno dei due gruppi, alla somministrazione di BCX. Nei roditori che hanno ricevuto il carotenoide si è evidenziata una riduzione del 52-63 per cento nella crescita del tumore del polmone rispetto all’altro gruppo. I risultati sono stati confermati da test su cellule tumorali del polmone umano.

Variare frutta e verdura ci mantiene in salute

La dose giornaliera più efficace per l’effetto sulle cellule, secondo gli esperti, è quella contenuta in un peperone e uno o due mandarini. Il consiglio, che vale in generale per mantenere l’organismo in salute, è quello di portare in tavola ogni giorno degli alimenti freschi dal tipico colore giallo, rosso o arancione, e di variare il più possibile frutta e verdura, che devono essere presenti ad ogni pasto.

Peperoni, mandarini e arance prevervano polmoni 

I cibi che contengono più BCX sono i peperoni, la zucca, i cachi, i mandarini, la papaia, le pesche, le arance dolci e la paprica.

Il menu quotidiano per mantenere in salute i nostri polmoni potrebbe prevedere dei frutti arancioni alla mattina a colazione (due mandarini o un’arancia), un’insalata ricca a pranzo, con peperoni, dei cachi come frutto spezzafame oppure della zucca al forno alla sera, accompagnata da proteine.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

A substance present in oranges, peppers, mandarin oranges and other fruits and vegetables with yellow or orange color is a powerful protector of the lung cells.

Oranges, pumpkin and red peppers should always be in your meals, especially that of smokers and those who live in polluted areas: according to a study by Tufts University in Massachusetts, published in the journal Cancer Prevention Research, a substance contained in these foods ( a pigment called beta-cryptoxanthin and signed BCX), reduces the risk of lung cancer to which they are exposed especially smokers. Carotenoids (and in particular the BCX, which gives the typical yellow, orange or red fruits and vegetables are not) prevent the proliferation of cancer cells.

The secret is a  precious carotenoid

The study, led by Xiang-Dong Wang, consisted in the everyday feeding of two groups of guinea pigs of a carcinogen derived from nicotine and at the same time, to one of two groups, the administration of BCX. In rodents that received the carotenoid it has highlighted a reduction of 52-63 percent in the lung tumor growth than the other group. The results have been confirmed by tests on human lung cancer cells.

 
Vary fruits and vegetables keeps us healthy

The most effective daily dose for the effect on the cells, according to experts, is that contained in a pepper and one or two tangerines. The board, which is generally to maintain the healthy organism, is to bring to the table every day fresh food from the typical yellow, red or orange, and vary as much as possible fruits and vegetables, which must be present to every meal.

Peppers, tangerines and oranges protect lungs

Foods that contain more BCX are peppers, squash, persimmons, tangerines, papaya, peaches, oranges and sweet paprika.

The daily menus to keep our lungs healthy could predict the Orange fruits in the morning at breakfast (an orange or two tangerines), rich salad for lunch, with peppers, persimmons like fruit for a snack or pumpkin baked in the evening , accompanied by proteins.

SOURCE: Riza

 

 

 

 

Read Full Post »

16565Ricche di vitamina C, di ferro e carotenoidi, gli alchechengi depurano il fegato, combattono la ritenzione idrica e conservano la pelle soda, giovane ed elastica.

 

Chi l’avrebbe detto che gli alchechengi, quelle deliziose bacche arancioni racchiuse in petali che sembrano di carta velina, appartenessero alla stessa famiglia di melanzane, patate e peperoni? Ebbene sì: questo frutto di origine caucasica, chiamato anche “lanterna cinese”, possiede alcune delle proprietà dei suoi “cugini” vegetali, che la botanica classifica come Solanacee.

Per questo motivo è importante consumare il frutto solo quando è giunto a maturazione completa: se viene mangiato ancora acerbo il contenuto di solanina è alto epotrebbe provocare intolleranze e indigestione. Il frutto dell’alchechengi viene spesso utilizzato sopra le torte o come farcitura dei cioccolatini, ma, oltre a essere originale e decorativo, è un prezioso alleato della linea e della bellezza. Ricco di vitamina C, acido citrico e carotenoidi (i pigmenti responsabili del colore arancione delle sue bacche), l’alchechengi è un ottimo integratore vitaminico naturale. 

L’alchechengi combatte anche stress e cellulite 

La sua particolarità è che contiene due principi attivi dalle notevoli virtù curative:

  • il primo è la physalina, già nota nei testi medici antichi, che ha proprietà antibatteriche e antimicrobiche;
  • il secondo è l’etilcaffeato, un composto utile per drenare il fegato e la bile.

Queste due sostanze, agendo in sinergia, disintossicano gli organi emuntori e sono un ottimo rimedio per favorire la diuresi e prevenire i calcoli renali. Le bacche di alchechengi, quindi, combattono la ritenzione idrica e depurano il fegato e sono l’alimento ideale contro la cellulite e i ristagni di acqua e tossine. Il cospicuo contenuto di vitamina C (doppio rispetto a quello del limone) e di carotenoidi, inoltre, fa da scudo allo sviluppo dei radicali liberi e aumenta la produzione di collagene, sostanza che protegge la pelle e la rende luminosa e tonica. Inoltre l’alchechengi è ricco di ferro, minerale utile quando ci sentiamo stanchi e stressati. Per beneficiare di queste virtù terapeutiche è necessario consumare il suo succo.

Gusta gli alchechengi al naturale o disidratati come snack

Nell’estrattore si possono abbinare alcune bacche di alchechengi a un altro frutto di stagione più dolce, come il cachi o la pera. Otterremo una bevanda buona, ricca di principi attivi e dalle virtù snellenti. In alternativa le bacche essiccate, provenienti da coltivazione bio, possono fornire pari quantità di vitamine e minerali.

Si abbinano bene con lo yogurt, con il latte di cereali (sono ottime con il latte di mandorle), con i frullati e gli smoothies; anche da sole sono uno spezza fame portentoso e uno snack sano e saziante. Non bisogna però abusarne, perché possono essere astringenti; ne bastano una decina al giorno. Gli alchechengi hanno un sapore acidulo, simile a quello del ribes, e quindi sono ottime anche nelle insalate e sui carpacci di pesce.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Rich in vitamin C, iron and carotenoids, the alchechengi purify the liver, fight water retention and keep the skin firm, young and supple.

Who would have thought that the winter cherry, those delicious orange berries enclosed in petals that look like tissue paper, they belonged to the same family of eggplant, potatoes and peppers?

Yes: this fruit of Caucasian origin, also called “Chinese lantern”, possesses some of the properties of its “cousins” plant, which botany classifies as Solanaceae. For this reason it is important to consume the fruit only when it has reached full maturity: if eaten unripe the content of solanine is high and could cause allergies and indigestion. The alchechengi fruit is often used as a topping over cakes or chocolates, but, besides being original and decorative, it is a valuable ally of the shape and beauty. Rich in vitamin C, citric acid and carotenoids (pigments responsible for the orange color of its berries), the winter cherry is an excellent natural vitamin supplement.

The alchechengi also fights stress and cellulite

Its uniqueness is that it contains two active ingredients with remarkable healing properties: the first is the physalina, already known in ancient medical texts, which has antibacterial and antimicrobial properties; the second is the etilcaffeato, a compound useful to drain the liver and the bile.

These two substances, acting in synergy, detoxify the excretory organs, and are an excellent remedy to promote diuresis and prevent kidney stones. The winter cherry berries, therefore, fight water retention and detoxify the liver and are the ideal food for cellulite and stagnation of water and toxins. The large content of vitamin C (twice that of lemon) and carotenoids also acts as a shield to the development of free radicals and increases the production of collagen, a substance that protects the skin and makes it luminous and toned. Also the winter cherry is rich in iron ore that when we feel tired and stressed. To benefit from these therapeutic virtues you need to consume its juice.

Enjoy the winter cherry, natural or dehydrated as a snack

The extractor can be combined with some  alchechengi berries to another fruit of the sweetest season, such as persimmon or pear. We will get a good drink, rich in active principles and virtues slimming. Alternatively the dried berries, from organic cultivation, can provide equal amounts of vitamins and minerals. It combines well with yogurt, cereal with milk (they are very good with almond milk), with shakes and smoothies;

Also alone they are one of the best breaks when you have portentous hunger and a healthy snack and filling. But we should not abuse of  it, because they can be astringent; it only takes about ten a day. The alchechengi have a sour taste, similar to that of red currants, and thus are also excellent in salads and the fish carpaccio.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

il-castagno_ng6Il castagno è una delle piante che meglio incarnano il periodo autunnale: non è preziosa solo per i frutti ma anche le foglie sono ricche di diverse proprietà, tra cui espettoranti ed antisettiche.

 

Un rimedio naturale contro la tosse

Le foglie di castagno contengono ottime percentuali di acido gallico ed elleagico, abbinati a quercetina. Tra le sue virtù più importanti ricordiamo quelle espettoranti, sedative e antisettiche. Ottime pertanto in caso di tosse, raffreddore e infezioni delle vie respiratorie. Secondo alcuni autori sono efficaci anche nella tosse convulsa come quella tipica della pertosse.

 

Elimina cellulite ed edemi

Varie parti della pianta, sopratutto le gemme, sono dotate di efficaci proprietà drenanti del sistema linfatico. Ecco perché possono essere utilizzate con estrema efficacia in caso di cellulite, circolazione linfatica lenta, pesantezza degli arti ed edemi.

 

Una nuova speranza contro i batteri resistenti

L’albero di castagno sembra essere una nuova speranza contro i batteri resistenti. Alcuni ricercatori della Emory University hanno infatti scoperto che è in grado di rendere inoffensivi i batteri. Molto meglio di quanto pare siano in grado di fare, oggi, i farmaci tradizionali. «Abbiamo identificato una famiglia di composti di questa pianta che hanno un meccanismo medicinale molto interessante», spiega la dott.ssa Cassandra Quave – piuttosto che uccidere lo stafilococco, questo estratto botanico funziona togliendo le armi allo stafilococco, essenzialmente bloccando la capacità dei batteri di creare tossine che causano danni ai tessuti».  

Per ottenere risultati di questo genere sembra sufficiente utilizzare estratto di castagno da 50 mcg: bloccano l’azione batterica e arrestano i danni a tessuti.

 

E le castagne?

Non potevano mancare all’appello anche le castagne. Frutti altamente nutritivi, sono adatti agli anemici, ai convalescenti e anche ai celiaci. La sua farina, priva di glutine, è un ottimo sostituto altamente nutriente per questo momento dell’anno.

Un tempo si adoperavano lessate

  • per la cura dei disturbi di fegato,
  • per il flusso mestruale abbondante e
  • nei problemi cardiaci.

Infine, la medicina popolare lo considerava un rimedio afrodisiaco, specie se poste a macerare nel vino. Anche se non esistono attualmente studi a riguardo, provare ne vale di certo la pena.

Ricorda però: le castagne devono essere masticate molto bene perché sono ricche di amidi. Al contrario, la ptialina – un enzima contenuto nella saliva – non riesce a metabolizzare del tutto tali sostanze e così si rischia di non digerirle bene, andando incontro ad una fastidiosa fermentazione intestinale.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

The chestnut is one of the plants that best represent the autumn period and it is not only valuable for the fruits but also the leaves that are rich in several properties, including expectorant and antiseptic ones.

A natural remedy for cough

The chestnut leaves contain good percentages of gallic and elleagic acid, combined with quercetin. Among its  most important virtues we remember those expectorant, sedative and antiseptic. Therefore it is excellent for coughs, colds and respiratory infections. For some authors is is also effective in whooping cough like pertussis.

It eliminates cellulite and edema

Various parts of the plant, especially the gems, are equipped with effective draining of the lymphatic system. That’s why they can be used very effectively in case of cellulite, slow lymphatic circulation, heaviness in the limbs and edema.

New hope against resistant bacteria

The chestnut tree seems to be a new hope against resistant bacteria. Some researchers at Emory University have discovered that it is able to render harmless bacteria. Much better than it seems to be able to do the traditional medicines today.

“We have identified a family of compounds of this plant have a very interesting mechanism of medicine,” says Dr. Cassandra Quave – rather than kill staphylococcus, this botanical extract works by removing the weapons on Staphylococcus, essentially blocking the ability of bacteria create toxins that cause tissue damage. ” To get results like this seems sufficient to use 50 mcg chestnut extract: block the bacterial action and stop the damage to tissues.

And what about chestnuts?

They could not miss the call even chestnuts. highly nutritious fruits, are suitable for anemic, convalescents, and also for celiacs.

Its flour, gluten-free, is a great highly nutritious substitute for this period of the year. At one time they were used boiled for the treatment of liver disorders, for heavy menstrual flow and heart problems.

Finally, folk medicine considered it an aphrodisiac remedy, especially if left to macerate in wine. Although there are currently no studies about it, try certainly worth the effort. Remember though: the chestnuts are to be chewed very well because they are rich in starch.

On the contrary, the ptyalin – an enzyme in saliva – can not metabolize all of these substances, and so there is the risk of not digest them well, heading for a bothersome intestinal fermentation.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Older Posts »