Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘frutta’ Category

Persimmon

Il cachi è davvero il più grande tesoro alimentare di novembre:

  • rinforza il sistema immunitario,
  • protegge le arterie e
  • nutre il cervello…

 

L’autunno è la stagione in cui avvertiamo maggiormente il senso di tristezza e malumore. Ma la natura ci viene in aiuto con il cachi, chiamato anche “mela d’Oriente”, “loto del Giappone”, “cibo degli dei”, “diospero”. Il cachi fa parte di quella vasta gamma di frutti colorati che ci viene portata in dono proprio per affrontare il calo dell’umore tipico della stagione, caratterizzata da temperature sempre più rigide e poche ore di luce durante il giorno.

Il cachi è considerato il frutto delle sette virtù: ricchissimo di vitamina C – la cui concentrazione varia a seconda della maturità del frutto (da 50 mg a 7 mg nel frutto molto maturo) -, vitamina A (betacarotene, licopene), che aiuta a combattere i radicali liberi con un potente effetto antiaging, e di acqua (l’80%), per cui risulta un frutto molto idratante e diuretico. Tra le sue virtù principali c’è anche quella epatoprotettiva, perché grazie alla sua azione diuretica e lassativa depura e protegge anche il lavoro del fegato.

Cachi: ottimi contro ipertensione e stipsi

La principale caratteristica del cachi è di essere molto resistente alle avversità atmosferiche, di adattarsi a qualsiasi terreno e di non aver bisogno di esser protetto con trattamenti antiparassitari. Il cachi ha un altissimo contenuto di potassio (170 mg per 100 g) e un basso apporto di sodio, per cui è ideale nella dieta per prevenire e salvaguardare la salute del cuore e delle arterie, soprattutto di chi soffre di ipertensione. Il cachi è eccezionale anche per chi soffre di stipsi, in quanto ottimo regolatore intestinale.

I cachi maturi sono ottimi lassativi naturali

Il frutto del cachi protegge le nostre difese fornendo quell’energia e quei nutrienti (vitamina C ed A) che rinvigoriscono il sistema immunitario. I cachi un po’ acerbi “legano” in bocca (l’effetto è dovuto alla presenza di tannini che si trasformano poi in glucosio con la maturazione), mentre i cachi maturi sono lassativi.

Ecco le qualità di cachi più pregiate

Tra le qualità di cachi più pregiata c’è la rojo brillante, importata una decina di anni fa dalla Spagna e adattatasi perfettamente al terreno e al clima della zona di Faenza, in Emilia Romagna. Ma ci sono altre qualità ottime:

  • loto di Romagna, con frutti gialli-arancio e polpa dura,
  • cachi di Misilmeri (Palermo), ricchissimo di betacarotene e polpa molto liquida,
  • cachi vaniglia napoletano, con polpa morbida e sapore molto dolce.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Kaki is really the biggest nutrition store in November:

  • it strengthens the immune system,
  • protects the arteries and
  • nourishes the brain …

Autumn is the season in which we feel the most of the sadness and bad mood. But nature comes to us with kaki, also called “apple of the Orient,” “Japan’s lotus,” “god food,” “diospero.” Kaki is part of that wide range of colorful fruits that is brought to our attention to tackle the mood of the season, characterized by stiffer temperatures and few hours of light during the day.

Kaki is considered the fruit of the seven virtues: rich in vitamin C – whose concentration varies depending on the maturity of the fruit (50 mg to 7 mg in the very mature fruit) – Vitamin A (betacarotene, lycopene), which helps to fight free radicals with a powerful antiaging effect, and water (80%), resulting in a very moisturizing and diuretic fruit. Among its main virtues is also the hepatoprotective, because thanks to its diuretic and laxative action purifies and also protects the work of the liver.

Kaki: excellent against hypertension and constipation

The main feature of kaki is to be very resistant to atmospheric adversity, to adapt to any soil and not to need to be protected with pesticides. Kaki has a very high potassium content (170 mg per 100 g) and low sodium intake, so it is ideal for dieting to prevent and protect the health of the heart and the arteries, especially those suffering from hypertension. Kaki is also great for those who suffer from constipation, as an excellent intestinal regulator.

The mature persimmons are great natural laxatives

Kaki fruit protects our defenses by providing that energy and nutrients (vitamin C and A) that boost the immune system. Kaki a bit acerbic “bind” in the mouth (the effect is due to the presence of tannins that turn into glucose with maturation), while ripe persimmons are laxative.

Here are the qualities of the most valuable kaki

Among the finest quality persimmons there is the brilliant rojo, imported a decade ago from Spain and perfectly adapted to the soil and climate of the Faenza area in Emilia Romagna. But there are other excellent qualities: Romagna lotus, with yellow-orange fruit and hard pulp, Misilmeri kaki (Palermo), rich in betacarotene and very liquid pulp, khaki vanilla Neapolitan, with soft pulp and very sweet flavor.

 

SOURCE: Riza

Annunci

Read Full Post »

Il jack fruit ha un sapore simile ad altri frutti tropicali come il mango e l’ananas, ma molte più proprietà e benefici: eccoli.

 

Il jack fruit è il più grande frutto del pianeta. Ultimamente se ne parla molto anche in Italia, per le sue straordinarie dimensioni (può raggiungere i 30 kg di peso!) ma, soprattutto, per il suo eccezionale patrimonio nutritivo, tanto che viene considerato un alimento fondamentale per la lotta contro la fame nel mondo. Inoltre, grazie al buon contenuto di proteine, il jack fruit viene visto con interesse anche dal mondo vegan come un valido sostituto di carne, pesce, latticini. Quello che è il jack fruit, viene espresso bene dal nome conferitogli dalle popolazioni che lo conoscono e lo usano da tempo: “frutto dell’albero del pane”, un alimento altamente energetico, un frutto che, grazie alle sue virtù, assume un’aura di sacralità.

I semi del jack fruit sono uno scrigno di minerali

Originario dell’India e coltivato in tutto il Sudest asiatico (è il frutto nazionale del Bangladesh), il jackfruit o giaco, per dirlo all’italiana, è un frutto con la buccia verde e spinosa, una polpa interna fibrosa e dei semi, o meglio, dei super-semi. Il loro sapore, da crudi, è neutro, insipido, e ricorda un mix di ananas e mango. Tuttavia, anche la polpa è commestibile e si utilizza, miscelata a farina di ceci, per realizzare delle ottime polpette.

Fa bene a cervello, pelle e vista

La polpa dei semi è molto proteica ma anche calorica: circa 90 kcal per ogni etto di prodotto. I semi sono ricchi di vitamine C, B6 e B1, proteine e minerali, soprattutto ferro e potassio; con percentuali poco più basse ci sono anche calcio, magnesio e fosforo. Del tutto privo di grassi, il jackfruit è un superfood energizzante, antiossidante, efficace per rinforzare le difese immunitarie. Grazie all’alto contenuto di carotenoidi migliora lo stato della pelle e la vista.

Lesso, fritto o alla griglia, il jack fruit è sempre buono

In Asia i frutti vengono tagliati in due parti, quindi si procede all’estrazione dei semi dall’interno della polpa. I semi possono essere cucinati fritti o bolliti oppure essiccati. Con la polpa si preparano polpette miscelate con altre farine e spezie. Può diventare un ottimo ripieno per i tacos, abbinandolo a cipolla e spezie. . Fresco, il jack fruit si abbina alle macedonie e agli spiedini di frutta, ma è ottimo anche nelle preparazioni salate, dagli spiedini alle crocchette.

Ricetta per polpette a base di jack fruit

  1. Frulla i semi e la polpa del jack fruit insieme a cipolla, zenzero, altri aromi e spezie a piacere.
  2. Amalgama bene insieme a farina di ceci e regola con acqua per equilibrarne la consistenza.
  3. Aggiungi un pizzico di sale e di pepe.
  4. Forma delle polpette e scegli la cottura: fritte in olio ben caldo oppure al forno.
  5. Servi con un contorno di verdura fresca di stagione.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

The fruit jack tastes like other tropical fruits like mango and pineapple, but has many more properties and benefits: here are they.

The fruit jack is the greatest fruit on the planet. Lately it is also very talked about in Italy, because of its extraordinary size (it can reach 30 kg of weight!) But above all because of its exceptional nutritional value, so much so that it is considered a vital food for the fight against hunger in the world . In addition, thanks to the good protein content, the fruit jack is also seen with interest from the vegan world as a valuable substitute for meat, fish and dairy products. What is the jack fruit is well expressed by the name given to it by the people who know it and use it for a long time: “fruit of the tree of bread”, a highly energetic food, a fruit that, thanks to its virtues, has an aura of sacredness.

The fruit jack seeds are a mineral casket

Originally from India and cultivated all over Southeast Asia (it is Bangladesh’s national fruit), jackfruit or giaco, to say it in Italian, is a fruit with greenish and peppy skin, a fibrous internal pulp and seeds, or better than super-seeds. Their taste, from raw, is neutral, bland, and recalls a mix of pineapple and mango. However, even the pulp is edible and is used, blended with chickpea flour, to make excellent meatballs.

It is good for brain, skin and sight

The flesh of the seeds is very rich in protein but also calories: about 90 kcal per product. The seeds are rich in vitamins C, B6 and B1, proteins and minerals, especially iron and potassium; with slightly lower percentages there are also calcium, magnesium and phosphorus. Completely fat free, jackfruit is a superfood that is energizing, antioxidant, effective to strengthen immune defenses. Thanks to the high content of carotenoids it improves the skin’s condition and vision.

Boiled, fried or grilled, the fruit jack is always good

In Asia, the fruits are cut into two parts, so seeds are extracted from the inside of the pulp. The seeds can be cooked either fried or boiled or dried. Meatballs are mixed with other pulps and spices. It can become a great filling for tacos, combining it with onion and spices. . Freshly, the jack  fruit combines with macadamas and fruit skewers, but is also good in salty preparations, from skewers to croquettes.

Recipe for meatballs based on jack fruit

  1. Chop the seeds and the jack fruit pulp together with onion, ginger, other aromas and spices to taste.
  2. Amalgamate well with chickpea flour and regulate with water to balance the consistency.
  3. Add a pinch of salt and pepper.
  4. Form of meatballs and choose cooking: fried in hot oil or baked.
  5. Served with a fresh seasonal vegetable outline.

 

SOURCE: Riza

 

Read Full Post »

Il kiwi viene dalla Nuova Zelanda ma ormai è diffuso e coltivato anche da noi: apporta vitamine b e c, acido folico e potassio, potenziando le difese naturali.

 

Il kiwi è il miglior frutto che si possa consumare in questo periodo dell’anno, quando le giornate si raffreddano e l’organismo deve avere buone difese per far fronte ai primi mali di stagione. Il kiwi è una straordinaria fonte di vitamina C (ne contiene più degli agrumi), la più efficace per rinforzare il sistema immunitario. Ma il kiwi possiede anche altre proprietà: è ricco di fibra e acqua e agisce come lassativo naturale: consumato a colazione evita la stipsi e garantisce il buon funzionamento dell’intestino.
Tra i sali minerali spiccano calcio, ferro, fosforo e, soprattutto, potassio: per questo motivo è indicato per chi soffre di ipertensione. È anche antianemico (grazie alla vitamina B9 che stimola l’assorbimento del ferro), previene l’accumulo di colesterolo “cattivo” e migliora la circolazione del sangue. È utile in caso di varici ed emorroidi. Contiene inoltre vitamina E, ottimo antiossidante.

Mangia kiwi fino a inverno inoltrato

Per tutto l’autunno e anche d’inverno abituati a mangiare un kiwi a colazione, aggiunto allo yogurt naturale o a una macedonia di frutta. Puoi anche trasformare il kiwi in confettura, aggiungendo pectina e succo di limone; se spremi i frutti con un estrattore, potrai usare il succo per produrre gustose gelatine prive di semi, che irritano l’intestino sensibile.

Provalo in versione salata con peperoni, sedano e finocchi

Lava e asciuga un’insalata belga, alcune cimette di cavolfiore, un peperone rosso piccolo, un finocchio, mezza barbabietola cotta in forno, cimette di broccoli cotti a vapore e mezzo sedano rapa. Tagliali sottili e disponili in una ciotola. Condisci con sale, olio, succo di limone, aggiungi una manciata di semi di lino macinati, un cucchiaio di gomasio e 2 kiwi a fettine.

Preferisci sempre kiwi bio

La buccia del kiwi biologico è generalmente più spessa e ha una forma leggermente più arrotondata. La polpa all’interno è quantitativamente inferiore e meno compatta, ma è migliore a livello nutritivo ed antiossidante: il contenuto di polifenoli è maggiore. Questa categoria di antiossidanti è efficace nel rallentare l’ossidazione cellulare e prevenire malattie degenerative come Alzheimer, arteriosclerosi e l’insufficienza cardiaca. Nelle coltivazioni biologiche certificate vengono utilizzati solo fertilizzanti organici e, per difendere le piante dagli insetti predatori, si procede alla piantumazione di alberi e siepi che diventano rifugio degli insetti stessi. In questo modo non è necessario intervenire con insetticidi.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Kiwi comes from New Zealand but is now also widespread and cultivated by us: it produce B and C vitamins, folic acid and potassium, enhancing natural defenses.

 

Kiwi is the best fruit that can be consumed at this time of year, when the days cool down and the body needs to have good defenses to cope with the first seasonal ills. Kiwi is an extraordinary source of vitamin C (it contains more than citrus fruits), the most effective for strengthening the immune system.

But kiwi also has other properties: it is rich in fiber and water and acts as a natural laxative: eaten at breakfast it prevents constipation and ensures the proper functioning of the intestine.
Calcium, iron, phosphorus and, above all, potassium are among the mineral salts: this is why it is suitable for people with hypertension. It is also anti-anemic (thanks to vitamin B9 that stimulates iron absorption), prevents accumulation of “bad” cholesterol and improves blood circulation. It is useful in varicose veins and hemorrhoids. It also contains vitamin E, excellent antioxidant.

Eat kiwi until late winter

Throughout the fall and even winter you should  eat a kiwi for breakfast, added to natural yoghurt or a fruit salad. You can also turn kiwi into jam, adding pectin and lemon juice; if you harvest the fruits with a juicer, you can use the juice to produce tasty, free seeds that irritate the sensitive intestine.

Try salty version with peppers, celery and fennel

Wash and dry a Belgian salad, some cauliflower, a small red pepper, fennel, half baked beetroot, steamed broccoli and half a celery turnip. Slice it down and place it in a bowl. Season with salt, oil, lemon juice, add a handful of milled lime seeds, a spoon of gut and 2 slices of kiwi.

You should always prefer organic kiwi

The organic kiwi peel is generally thicker and has a slightly rounded shape. The inside flesh is quantitatively inferior and less compact, but it is better nutritional and antioxidant: the polyphenols content is greater. This class of antioxidants is effective in slowing down cellular oxidation and preventing degenerative diseases such as Alzheimer’s, arteriosclerosis and heart failure. In organic certified crops only organic fertilizers are used, and in order to defend the plants from predatory insects, planting of trees and hedges becomes the shelter of the insects themselves. It is not necessary to intervene with insecticides.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

L’uva non è solo molto gustosa: idrata, depura, disinfiamma e dà sostegno al sistema nervoso provato dal cambio di stagione regalando buonumore.

 

Settembre è il mese tradizionale della vendemmia, con la fermentazione dell’uva e la raccolta dei suoi grappoli ricchi di vitamine, adatte non solo a produrre il vino, ma anche a rinforzare gli organi più “provati” dal nuovo clima autunnale. L’uva è un frutto preziosissimo fonte di zuccheri facilmente assimilabili (glucosio e saccarosio) e di minerali ricostituenti che ci sostengono nel momento delicato della ripresa settembrina. I piccoli acini dell’uva da tavola dalla buccia sottile e la polpa soda svolgono mille funzioni: ci aiutano

  • a regolare l’attività intestinale,
  • a contrastare i cali psicofisici,
  • a eliminare gli inestetismi cutanei,
  • a prevenire i disturbi circolatori e
  • a disintossicare l’organismo.

Ma sono anche importanti per il buonumore.

Scopri le mille virtù dell’uva

L’uva contiene vitamina C, antiossidante e immunostimolante, sostanza che svolge un’azione antiradicali liberi e partecipa alla formazione del collagene. L’uva contiene poi le vitamine del gruppo B (B1 e B2), toniche del sistema nervoso. La sua buccia è un concentrato di polifenoli, indicati anche con il termine “vitamina P”, un gruppo eterogeneo di sostanze con un alto potere antiossidante e antinfiammatorio contro le malattie degenerative e infiammatorie croniche. Tra questi il più famoso è il resveratrolo, un “non flavonoide” creato dalla pianta per difendersi da microrganismi patogeni. Oltre a migliorare le performance a livello muscolare e psichico, il resveratrolo, contenuto nell’uva, ha un effetto stimolante sulle leutochine, sostanze coinvolte nella risposta immunologica contro i virus. Il resveratrolo contrasta l’infiammazione e inibisce la neuraminidasi inviando alla cellule il messaggio di smettere di produrre virus.

Il resveratrolo, viatico del buonumore

Il resveratrolo contrasta

  • i cali di memoria,
  • le difficoltà di apprendimento e
  • i cali di umore tipici del progredire dell’età.

A suggerirlo è uno studio svolto dai ricercatori del Texas A&M Health Science Center College of Medicine e pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

Questa ricerca ha testato l’effetto di questa sostanza contenuta anche nell’uva sulle capacità cognitive di cavie anziane, somministrando l’antiossidante a un gruppo di roditori e una sostanza placebo a un altro. Le cavie che avevano assunto resveratrolo hanno dimostrato non solo miglioramenti nella memoria, ma anche un raddoppiamento dei processi di formazione di neuroni nell’ippocampo, centro dell’apprendimento del cervello, che negli esseri umani si traduce anche in buonumore.

L’uva ha un grande effetto detox

Consumare ogni giorno una decina di acini d’uva è un buon modo per smaltire le tossine in eccesso e combattere la stipsi. La buccia, infatti, contiene le fibre, che aiutano a regolarizzare l’attività intestinale e le funzioni fisiologiche. L’alto contenuto di acqua dell’uva e la ricchezza di acidi organici ne fanno un alimento

  • diuretico,
  • digestivo e
  • disintossicante,

in grado di combattere la ritenzione idrica e la pelle a buccia d’arancia e di normalizzare l’attività del fegato, purificando l’organismo da scorie e tossine.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Grapes are not only very tasty: it hydrates, cleanses, disinfects, and supports the nervous system, which is proven by the change of season, giving good mood.

 

September is the traditional harvest month, with the fermentation of grapes and the collection of its vitamin-rich clusters, suitable not only for wine production, but also to reinforce the “tired” organs of the new autumn climate.

Grapes are a precious source of sugars that can be easily assimilated (glucose and sucrose) and reconstituting minerals that support us in the delicate moment of the Settembrin recovery. Small grapes of thin-skinned grapes and compact pulp carry a thousand functions: they help

  • regulate intestinal activity,
  • counteract psychophysical drops,
  • eliminate skin blemishes,
  • prevent circulatory disorders, and
  • detoxify the body .

But they are also important to good mood.

 

Discover the thousand grape virtues

Grapes contain vitamin C, antioxidant and immunostimulant, a substance that carries out free anti-radicals and participates in the formation of collagen. Grapes also contain the vitamins of Group B (B1 and B2), tonic of the nervous system.

Its peel is a concentrate of polyphenols, also referred to as the “vitamin P”, a heterogeneous group of substances with a high antioxidant and anti-inflammatory power against chronic degenerative and inflammatory diseases.

Among them the most famous is resveratrol, a “non-flavonoid” created by the plant to defend itself against pathogenic microorganisms. In addition to improving muscular and psychic performance, resveratrol, contained in grapes, has a stimulating effect on leutochins, substances involved in the immunological response to viruses. Resveratrol contrasts inflammation and inhibits neuraminidase by sending the cell the message to stop producing viruses.

Resveratrol, a vial of good humor

Resveratrol contrasts memory loss, learning difficulties, and mood swings typical of age progression. To suggest it is a study conducted by Texas A & M Health Science Center College of Medicine researchers and published in the journal Scientific Reports. This research has also tested the effect of this substance contained in the grape on cognitive skills of elderly guinea pigs by administering the antioxidant to a group of rodents and a placebo substance to another. The guinea pigs who had taken resveratrol have shown not only improvements in memory but also a doubling of neuronal formation processes in the hippocampus, brain learning center, which in humans also translates into the mood.

 

Grapes have a great detox effect

Consuming every day a dozen grape berries is a good way to dispose of excess toxins and fight constipation. The skin, in fact, contains fibers, which help regularize intestinal activity and physiological functions. The high water content of the grape and the richness of organic acids make it a

  • diuretic,
  • digestive and
  • detoxifying

food capable of fighting water retention and skin with orange peel and normalizing liver activity, purifying the body from slag and toxins.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Il maracuja, conosciuto anche come frutto della passione, è molto saziante e le sue fibre rallentano l’assimilazione di carboidrati e grassi da parte dell’intestino.

 

Il maracuja è un frutto esotico molto pregiato: può essere giallo o viola, assomiglia a una susina ma all’interno ha una polpa gelatinosa molto profumata e dei piccoli semi. È il frutto della passione, ma il nome corretto è come maracuja (o a vlte granadilla).

Originario del Brasile, questo frutto esotico viene utilizzato per la preparazione di cocktail, macedonie e dolci, grazie ai sentori esotici e al sapore molto particolare, dalle note dolci con una punta asprigna. Ma il maracuja possiede virtù nascoste che vanno oltre il suo gusto. Il frutto è ricco di vitamina C e betacarotene, che protegge la pelle dai raggi solari. L’abbondante contenuto di pectine rende il frutto della passione un alimento molto saziante. Queste fibre idrosolubili formano, una volta giunte nell’intestino, una protezione che ritarda l’assorbimento dei carboidrati e facilita la metabolizzazione dei grassi: insomma si assimila meno e si smaltisce di più, con effetti benefici anche sulla glicemia.

Scegli sempre maracuja “bio”

Il maracuja può essere consumato da solo o insieme ai piatti proteici (ottimo con il pesce) oppure ai primi piatti (perfetto con il riso). Si trova di solito sugli scaffali dei supermercati. L’attenzione alla provenienza biologica garantisce la naturalità del frutto e la presenza dei suoi preziosi principi attivi.

Mangialo al cucchiaio o disidratato

Il modo più semplice di gustare il maracuja  è quello di mangiarlo “al cucchiaio”. Può essere aggiunto anche alle macedonie o utilizzato per la preparazione di succhi o frullati. Un altro modo per godere delle sue proprietà è quello di consumarne la polvere, ottenuta per disidratazione dei frutti. Si miscela all’acqua o ad altra bevanda (come tè verde, bancha, latti di cereali, yogurt o kefir) oppure si utilizza nella preparazione di frullati. Il suo sapore dolce permette di evitare l’uso di zucchero.

Prepara così il succo antiossidante di maracuja

Acquista i frutti di maracuja maturi, aprili a metà e con un cucchiaino raccogline la polpa che andrai a porre nel frullatore. Aggiungi acqua naturale e frulla delicatamente per 30 secondi. Con un colino separa i semi dalla polpa. Aggiungi ancora acqua (o succo di pesca) quanto basta per renderlo più o meno liquido. Consuma il succo appena pronto per beneficiare dei suoi micronutrienti antiossidanti.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

The maracuja, also known as the  passion fruit, is very filling and its fibers slow the assimilation of carbohydrates and fat from the intestines.

 

Maracuja is a very exotic fruit: it can be yellow or purple, it looks like a plum, but inside it has a very fragrant gelatinous pulp and small seeds. It is the  passion fruit ,  but the correct name is maracuja (or vlat granadilla). Originally from Brazil, this exotic fruit is used for the preparation of cocktails, macedonias and cakes, thanks to the exotic flavors and a very special flavor, with sweet notes with a bit of sour. But the maracuja has hidden virtues that go beyond its taste. The fruit is rich in vitamin C and beta-carotene, which protects the skin from sunlight.

The abundant pectin content makes the passion fruit a very filling food. These water-soluble fibers form, once in the intestine, a protective capsule that prevents the absorption of carbohydrates and facilitates fatty metabolism: in short, it absorbs less and is disposed of more, with beneficial effects on blood glucose.

 

Always choose branded “organic”

The maracuja can be consumed alone or together with protein dishes (excellent with fish) or on first courses (perfect with rice). It is usually found on supermarket shelves. Attention to organic origin guarantees the naturalness of the fruit and the presence of its precious active principles.

Eat in the spoon or dehydrate

The easiest way to enjoy the maracuja is to eat it “to the spoon”. It can also be added to fruit salad or used to prepare juices or smoothies. Another way to enjoy its properties is to consume the powder, obtained by dehydrating the fruits. Mix it with water or other beverage (such as green tea, bancha, cereal lard, yoghurt or kefir) or use it in the preparation of smoothies. Its sweet taste prevents the use of sugar.

Prepare the antioxidant juice of maracuja

Buy the fruits of maracuja ripe, half open and with a teaspoon pick up the pulp that you will put in the blender. Add natural water and gently rub for 30 seconds. With a colander separates the seeds from the pulp. Add water (or peach juice) enough to make it more or less liquid. Drink the freshly prepared juice to benefit from its antioxidant micronutrients.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Il mango può benissimo essere il re di tutti i frutti.

  • combatte il cancro,
  • alcalinizza il corpo,
  • aiutano a perdere peso,
  • regolano il diabete,
  • aiutano la digestione,
  • puliscono la pelle e
  • costituiscono lo spuntino perfetto.

 

Ecco 17 buoni motivi per cui si dovrebbe mangiare mango ogni giorno.

Tabella nutrizione
Una tazza di mango (contiene 225 gms) contiene le seguenti percentuali che si applicano al valore giornaliero.

 

  • 105 calorie
  • 76 per cento di vitamina C (antiossidante e booster immunitario)
  • 25 per cento di vitamina A (antiossidante e visione)
  • 11 per cento di vitamina B6 e altre vitamine B (produzione ormonale nella prevenzione delle malattie cardiache e cerebrali)
  • Fibra probiotica sana di 9 per cento
  • 9 per cento di rame (il rame è un co-fattore per molti enzimi vitali più la produzione di globuli rossi)
  • 7 per cento di potassio (per bilanciare la nostra elevata assunzione di sodio)
  • 4 per cento di magnesio

 

1. combatte il cancro
Antiossidanti quali quercetina, isoquercitrina, astragalina, fisetina, acido gallico e metilgallato presenti nel mango proteggono il corpo contro il cancro del colon, del seno, la leucemia e tumori della prostata.

2. Mantiene il controllo del colesterolo
Mango ha un elevato livello di vitamina C, pectina e fibre che contribuiscono a ridurre i livelli di colesterolo nel siero. Il mango fresco è una ricca fonte di potassio, che è una componente importante dei liquidi cellulari e corporei che aiuta a controllare la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna.

3. Purifica la pelle
I mango aiutano a sbloccare i pori e aggiungere freschezza al viso. I mango sono applicabili a qualsiasi tipo di pelle. Essi aiutano a chiarire i pori intasati che causano l’acne. Basta un mango in pezzetti sottili e applicarli sul viso per 10-15 minuti e poi prendere il bagno o lavare la faccia e osservare i risultati.

4. Alcalinizza il corpo
Secondo la natural health school.com, il mango è ricco di acido tartarico, acido malico e tracce di acido citrico che aiutano soprattutto a mantenere la riserva alcalina del corpo.

5. Perdita di peso
Mango ha un sacco di vitamine e sostanze nutritive che aiutano il corpo a sentirsi più sazio. Inoltre, il frutto fibroso aumenta la funzione digestiva del corpo bruciando calorie aggiuntive, contribuendo alla perdita di peso.

6. Regola il diabete
Non solo la frutta ma le foglie dei mango sono sane. Per le persone che soffrono di diabete basta bollire 5-6 foglie di mango in una vasca, immergerlo tutta la notte e bere la decotto filtrato al mattino. Questo aiuta a regolare i livelli di insulina.

Mango ha un indice glicemico basso (41-60), quindi esagerare un po’ non aumenterà i livelli di zucchero nel sangue.

7. Afrodisiaco
Il mango ha qualità afrodisiache ed è anche chiamato “frutto dell’amore”. I manghi aumentano la virilità negli uomini. La vitamina E, che è abbondantemente presente nei manghi, aiuta a regolare gli ormoni sessuali e aumenta l’attività sessuale.

8. Cura degli occhi
Lo sapevate che mango è ricco di vitamina A. Una tazza di mango è pari al 25% di assunzione del tuo bisogno quotidiano di vitamina A. I mangi aiutano a promuovere una buona visione dell’occhio, combattono la secchezza oculare e prevengono anche la cecità notturna.

9. Aiuta nella digestione
Mango contiene enzimi che aiutano a rompere le proteine. La natura fibrosa del mango aiuta nella digestione ed eliminazione. È ricco di fibre alimentari pre-biotiche, vitamine e minerali.

10. Regolazione termica
Quando il sole ti sta scendendo questa estate, basta tagliare un mango in uno spremiagrumi; Aggiungere un po ‘di acqua e un cucchiaio di zucchero o miele. Questo succo vi raffredderà immediatamente e prevenire il colpo di calore.

11. Rafforza la tua immunità
La combinazione ottimale di vitamina C, vitamina A e 25 diversi tipi di carotenoidi mantiene il sistema immunitario sano.

12. Scrub corpo
Crea una pasta di mango, miele e latte e usa come scrub corpo, poi sentirai che la tua pelle è morbida e liscia.

13. Aiuta la concentrazione e la memoria
Studiare per gli esami? Questo frutto è ricco di acido glutammico, una proteina importante per la concentrazione e la memoria. Dai dei manghi ai bambini che hanno difficoltà a concentrarsi nello studio.

14. Fonte di ferro per le donne
Mango è ricco di ferro, quindi è una grande soluzione naturale per le persone affette da anemia. Le donne in gravidanza possono indulgere in manghi in quanto aumentano i livelli di ferro e il calcio contemporaneamente.

15. Riduce i calcoli renali
Nella medicina cinese, i manghi sono considerati dolci e acidi con un‘energia di raffreddamento capace anche di ridurre il rischio di formazione di calcoli renali.

16. Merenda perfetta
Invece di fare spuntini con patatine e biscotti non salutari, perché non farsi una scorpacciata di fette di mango invece. Sono forse uno dei frutti più disidratanti  e più gustosi in assoluto.

17. Tonico per lo stomaco
Prima di andare a letto mettere 10 o 15 foglie di mango in acqua calda e coprire con il coperchio. La mattina successiva filtra l’acqua e  bevi a stomaco vuoto. Fai questo regolarmente.

 

AUTORE: Mae Chan ha la laurea in scienze fisiologiche e nutrizionali. E ‘anche blogger e entusiasta della tecnologia con una passione per la diffusione di informazioni sulla salute.

 

FONTE: Healthimpactnews

(ENGLISH VERSION)

Mangoes may very well be the king of all fruits. They fight cancer, alkalize the body, aid in weight loss, regulate diabetes, help digestion, clean your skin, and make the perfect snack. Here are 17 healthy reasons why you should be eating a mango every day.

Nutrition chart
One cup of mangoes (225 gms contain) contains the following percentages that apply to daily value.
105 calories
76 percent vitamin C (antioxidant and immune booster)
25 percent vitamin A (antioxidant and vision)
11 percent vitamin B6 plus other B vitamins (hormone production in brain and heart disease prevention)
9 percent healthy probiotic fibre
9 percent copper (copper is a co-factor for many vital enzymes plus production of red blood cells)
7 percent potassium (to balance out our high sodium intake)
4 percent magnesium

1. Fights cancer
Antioxidants like quercetin, isoquercitrin, astragalin, fisetin, gallic acid and methylgallat present in mango protect the body against colon, breast, leukemia and prostate cancers.

2. Keeps cholesterol in check
Mango has high level of vitamin C, pectin and fibres that help to lower serum cholesterol levels. Fresh mango is a rich source of potassium, which is an important component of cell and body fluids that helps to control heart rate and blood pressure.

3. Skin cleanser
Mangoes help you unclog your pores and add freshness to the face. Mangoes are applicable to any skin type. They help clear clogged pores that cause acne. Just slice a mango into thin pieces and keep them on your face for 10 to 15 minutes and then take bath or wash your face and see the results.

4. Alkalizes the body
According to natural health school.com, mango is rich in tartaric acid, malic acid and traces of citric acid that primarily help in maintaining the alkali reserve of the body.

5. Weight loss
Mango has a lot of vitamins and nutrients that help the body feel fuller. Also, the fibrous fruit boosts the digestive function of the body by burning additional calories, helping in weight loss.

6. Regulates diabetes
Not only the fruit but the leaves of mangoes are healthy too. For people suffering from diabetes, just boil 5-6 mango leaves in a vessel, soak it through night and drink the filtered decoction in the morning. This is helps in regulating your insulin levels.

Mango has a low glycemic index (41-60) so going a little overboard will not increase your sugar levels.

7. Aphrodisiac
Mango has aphrodisiac qualities and is also called the ‘love fruit’. Mangoes increase the virility in men. Vitamin E, which is abundantly present in mangoes, helps to regulate sex hormones and boosts sex drive.

8. Eye care
Did you know that mango is rich in vitamin A. One cup of sliced mangoes equals 25% intake of your daily need of vitamin A. Mangoes help in promoting good eye sight, fights dry eyes and also prevent night blindness.

9. Helps in digestion
Mango contains enzymes that help in breaking down protein. The fibrous nature of mango helps in digestion and elimination. It is is rich in pre-biotic dietary fibre, vitamins and minerals.

10. Heat stroke
When the sun is bogging you down this summer, just chop of a mango in a juicer; add a little water and a tbsp of sugar free or honey. This juice will instantly cool you down and prevent heat stroke.

11. Strengthens your immune
The deadly combination of vitamin C, vitamin A and 25 different kinds of carotenoids keep your immune system healthy.

12. Body scrub
Make a paste of mashed mango, honey and milk and use as a body scrub, you will feel that your skin is tender and smooth.

13. Aids concentration and memory
Studying for exams? This fruit is rich in glutamine acid– an important protein for concentration and memory. Feed mangoes to children who find it difficult to concentrate on studies.

14. High iron for women
Mango is rich in iron, hence it is a great natural solution for people suffering from anemia. Menopausal and pregnant women can indulge in mangoes as this will increase their iron levels and calcium at the same time.

15. Reduces Kidney Stones 
In Chinese medicine, mangoes are considered sweet and sour with a cooling energy also capable of reducing the risk of kidney stone formation.

16. Perfect Snack
Instead of snacking on unhealthy chips and cookies, why not feast on slices of mangoes instead. They are perhaps one of the tastiest dehydrated fruits of all.

17. Stomach Tonic 
Before going to bed put some 10 or 15 mango leaves in warm water and close it with lid. The next day morning filter the water and drink it in empty stomach. Do this regularly.

AUTOR: Mae Chan holds degrees in both physiology and nutritional sciences. She is also blogger and and technology enthusiast with a passion for disseminating information about health.

 

SOURCE: Healthimpactnews

Read Full Post »

I fichi hanno un sapore dolce molto gradevole e contengono grandi quantità di fibre benefiche per l’intestino: ma i benefici non finiscono qui.

 

I fichi intrecciano la loro storia con quella dell’uomo fin da tempi remoti. Tra le primissime piante coltivate sin dal Neolitico, sono molto diffusi in Italia e nel Mediterraneo, dove crescono nelle zone più calde e secche e sono amati per la loro dolcezza, tanto che un tempo venivano chiamati “pane dei poveri”. L’Italia è una grande produttrice di fichi e i frutti migliori vengono soprattutto da Puglia, Calabria, Campania e Sicilia, Abruzzo e Toscana.

I fichi maturano da metà giugno a settembre inoltrato, secondo la varietà e la fascia climatica, e vanno raccolti con un’apposita scala a libro, che non appoggi direttamente sull’albero, i cui rami sono molto fragili.

I fichi sono comunque frutti climaterici, cioè continuano a maturare anche dopo la raccolta; per questo deperiscono in fretta e vanno consumati subito oppure essiccati, con una tecnica semplice e antica, che in genere inizia sull’albero e termina al sole o in apposite stufe e dà buoni risultati in particolare con i fichi a buccia fine e polpa carnosa.

Freschi o essiccati, attenti alle calorie

I fichi si possono consumare freschi al naturale oppure essiccati, ripieni o trasformati in succo, sciroppo e marmellata. Ottimi per dolci e macedonie, si abbinano anche al gusto salato di prosciutto, salame, formaggi e carni. Poiché sono molto zuccherini e calorici (50 kcal per 100 g di fichi freschi, e ben 246 kcal per quelli secchi), è meglio consumarli con moderazione.

Sono ricchissimi di fibre

I fichi hanno proprietà emollienti, espettoranti, antinfiammatorie e stimolano anche l’intestino, per via dell’altissimo contenuto di fibre. Attenzione però al lattice che stilla dal picciolo dei fichi e che in passato si usava per far cagliare il latte e creare formaggi artigianali. Questa sostanza è irritante per la pelle e può arrivare a ustionarla. Bisogna dunque evitare di toccarla e soprattutto di assaggiarla.

Scegli così i fichi migliori

I fichi di qualità si presentano morbidi e gonfi, con il picciolo ben saldo. Da evitare, invece, quelli molli, non uniformi e con un odore leggermente acido. I fichi freschi andrebbero mangiati prima possibile per godere al massimo del loro sapore e delle loro proprietà.

Si possono comunque conservare in frigorifero una decina di giorni, in un contenitore chiuso, perché tendono ad assorbire gli odori dell’ambiente. Per preservare l’aroma, meglio non lavarli e, se non si è certi della provenienza dei frutti, evitare di consumare la buccia, che potrebbe essere contaminata da pesticidi (anche se in genere il fico è una pianta robusta, che viene poco trattata). Buona norma è anche aprirli in due appena prima del consumo perché, a causa della loro dolcezza, fanno gola anche a parassiti e insetti.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

The figs have a very pleasant sweet taste and contain large amounts of beneficial fibers for the intestines: but the benefits do not end there.

 

Figs intertwine their story with that of man from far away. Among the earliest plants cultivated since the Neolithic age, they are widespread in Italy and the Mediterranean, where they grow in the warmer and dry areas and are loved for their sweetness, so that they were once called “bread of the poor”. Italy is a big fig tree producer and the best fruits come from Puglia, Calabria, Campania and Sicily, Abruzzo and Tuscany.

Figs are ripen from mid-June to September, according to variety and climatic bandwidth, and must be harvested with a special book-scale, which does not rely directly on the tree, whose branches are very fragile.

Figs are however climatic fruits, ie they continue to mature even after harvesting; This is why they are quickly and quickly eaten fresh or dried, with a simple and ancient technique, which usually starts on the tree and ends in the sun or in special stoves, and gives good results, particularly with the fine peel figs and the fleshy meat pulp.

Fresh or dried, calorie-conscious

Figs can be eaten fresh in the natural or dried, stuffed or processed into juice, syrup and jam. Great for sweets and salads, they also match the salty taste of ham, salami, cheeses and meats. Since they are very sugary and calories (50 kcal per 100 g of fresh figs, and 246 kcal for dry ones), it is best to consume them moderately.

They are rich in fibers

Figs have emollient, expectorant, anti-inflammatory properties and also stimulate the intestines due to the high fiber content. But be aware of the latex that stings from the petiole of the figs and used in the past to curd milk and create crafted cheeses. This substance is irritating to the skin and can cause it to burn. It is therefore necessary to avoid touching it and above all to taste it.

So choose the best figs

The quality figs are soft and swollen, with the petiole very firm. Avoid, however, soft, uneven and slightly acidic odors. Fresh figs should be eaten as soon as possible to enjoy the most of their flavor and their properties. However, they can be stored in a refrigerator for ten days, in a closed container, because they tend to absorb the odors of the environment. To preserve the aroma, it is best not to wash them and, if you are not certain of the origin of the fruits, avoid eating the skin, which could be contaminated by pesticides (although usually the fig is a robust plant that is poorly treated) . It is also good to open them in two just before consumption because, because of their sweetness, they also bite into parasites and insects.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Older Posts »