Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘verdure’ Category

Come tutti i cibi amarognoli, gli agretti depurano fegato, reni e intestino; per esaltare le loro proprietà, devi prepararli e consumarli in poco tempo dopo averli acquistati.

 

Si chiamano agretti, anche se molti li conoscono come barbe di frate, e sono dei potenti depuratori di fegato, reni e intestino. Gli agretti sono giovani rametti della Salsola soda, un’erbacea che cresce in tutto il bacino del Mediterraneo.  Venduti a mazzetti, gli agretti si raccolgono in primavera, fino a giugno. Gli agretti hanno un sapore fresco e appena acidulo, e sono ricchi di importanti principi attivi. Sono diuretici e rimineralizzanti, poveri di calorie, con tanta fibra che aiuta a combattere la stipsi e a eliminare le scorie tossiche.

Con gli agretti fai il pieno di clorofilla, grande depuratore del sangue

Gli agretti contengono anche molta acqua, vitamine (A, gruppo B e C) e sali minerali (potassio, calcio, ferro, magnesio) e clorofilla, che ha un compito fondamentale nel rigenerare l’organismo: aumenta l’ossigeno del sangue e la quantità degli agenti antiossidanti. A livello intestinale stimola la produzione dei batteri “buoni” e la motilità, prevenendo la stipsi. Grazie al contenuto di acqua e cellulosa, gli agretti sono indicati nelle diete dimagranti: saziano facilmente senza appesantire. Scegli sempre quelli provenienti da coltivazione biologica, privi di agenti chimici, più ricchi di micronutrienti, così puoi consumarli anche crudi.

Consumali subito per mantenere l’effetto depurativo

Per non disperdere le proprietà degli agretti e mantenere intatto il loro potere detox, procedi così: appena acquistati, lava gli agretti a lungo sotto l’acqua fredda, mondali della piccola radice (che è dura e ha un sapore troppo intenso e “terroso”) e consumali in breve tempo per beneficiare pienamente del contenuto antiossidante dei loro micronutrienti. Gli agretti si cuociono a vapore oppure si sbollentano per un paio di minuti in acqua leggermente salata, quindi si passano sotto l’acqua fredda per alcuni secondi: in questo modo manterranno il colore verde brillante e la loro consistenza croccante. Con l’aggiunta di piccole porzioni di proteine animali o vegetali gli agretti diventano un piatto unico, completo e saziante

Prepara con gli agretti la tua insalata detox

Ecco come preparare un’insalata che detossina fegato, reni e intestino. Cuoci a vapore gli agretti, poi disponili in una ciotola insieme a olive taggiasche denocciolate, filetti di acciughe e cucunci (il vero frutto del cappero). Condisci con gomasio (semi di sesamo tostati e sale integrale) e un filo di olio extravergine d’oliva. Questo contorno si abbina bene a secondi di carne-pesce o ai formaggi freschi, come i fiocchi di latte o le ricotte.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Like all bitter foods, garden cress deplete the liver, kidneys and intestines; To enhance their property, you have to prepare and consume them in no time after buying them.

 

They are called agretti in italian, although many know them as garden cress, and are powerful liver purifiers, kidneys and intestines. Farmers are young sprouts of Salsola soda, a herb that grows throughout the Mediterranean basin. Sold in bouquets, agretti are collected in spring, until June. Farmers have a fresh and just acidic flavor, and are rich in important active ingredients. They are diuretics and remineralizing, poor in calories, with so much fiber that helps to fight constipation and eliminate toxic debris.

With the agrits you’re full of chlorophyll, a great blood purifier

The garden cress also contains a lot of water, vitamins (A, B and C) and minerals (potassium, calcium, iron, magnesium) and chlorophyll, which has a fundamental role in regenerating the body: it increases blood oxygen and Amount of antioxidant agents. Intestinal stimulation stimulates the production of “good” bacteria and motility by preventing constipation. Thanks to the water and cellulose content, garden cress are indicated in diets: they easily grow without weight. Choose always those from organic cultivation, free of chemicals that are richer in micronutrients, so you can eat them raw too.

Consume immediately to maintain the purifying effect

To avoid dispersing the properties of the garden cress and keeping their detox power untouched, proceed as follows: just purchased, the lime washes for a long time under the cold, small water world of the small root (which is tough and has a very intense and “terrestrial” ) And consumes in a short time to fully benefit from the antioxidant content of their micronutrients. The agrarians boil in steam or boil for a couple of minutes in slightly salted water, so they pass under cold water for a few seconds: this will keep the bright green color and their crisp texture. With the addition of small portions of animal or vegetable proteins, the garden cress become a unique, full-bodied,

Prepare your detox salad with your agretti

Here’s how to prepare a salad that detox liver, kidneys and intestines. Steam the agretti, then place them in a bowl with dull, drenched olives, dried anchovies and cucunci (the real capper’s fruit). Season with gomasio (toasted sesame seeds and wholemeal salt) and a piece of extra virgin olive oil. This outline combines well with fish-meat or fresh cheeses such as milk or ricotta.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Riesce a rompere i cristalli di acido ossalico presenti nei reni e nel sistema muscolare sciogliendo i reumatismi e rafforzando i muscoli grazie al potassio e all’azione antinfiammatoria. Ideale per chi ha problemi alla prostata e al cuore, la sua azione depurativa è conosciuta fin dall’antichità da romani, greci ed egizi.

 

Sto parlando degli asparagi, che dovrebbero essere consumati di più sia cotti (come contorno o nel famoso risotto) che crudi. Per consumarli crudi l’ideale è estrarne il succo tramite l’estrattore o centrifuga, o in mancanza, frullarli con un po d’acqua. Siccome sono molto ricchi di nutrienti è meglio non esagerare nelle quantità e il succo va consumato lontano dai pasti principali.

Asparagi e apparato uro-genitale

I Greci ritenevano che gli asparagi fossero un alimento afrodisiaco per chiunque ne facesse un uso regolare.

  • Napoleone III li reputava indispensabili durante le sue cene private.
  • Luigi XIV, talmente tanto devoto al giardiniere che li coltivò tutto l’anno, gli fece erigere una statua in suo onore.
  • Senza contare, poi, che anche un erborista inglese del 1600, Nicholas Culpepper, scrisse che gli asparagi suscitano desiderio negli uomini e nelle donne.

La motivazione? Gli asparagi sono una ricca fonte di potassio, fibre, vitamina B6, vitamina A, e C, acido folico e tiamina o vitamina B1. Le quantità di vitamina E contenute negli asparagi, inoltre, stimolano gli ormoni maschili, favorendo una vita sessuale sana e una maggiore virilità.

Gli asparagi sono ottimi per la cistite e in generale per tutto il sistema urinario. Infatti contengono alti livelli di asparagine che aiutano a prevenire le infezioni del tratto urinario.

  •  “Quando le donne non urinano abbastanza, possono ottenere una infezione del tratto urinario” – spiega Keri Gans autore di The Small Change Diet – “È possibile che una dieta ricca di asparagi possa impedire che queste infezioni dolorose si sviluppino, poiché andare in bagno più spesso può aiutare a spostare i batteri cattivi fuori dal tratto urinario.”

Grazie a pochissimi livelli di sodio, al potassio in alta concentrazione, alla presenza di purine e alla molta acqua contenuta, gli asparagi riducono il ristagno di liquidi. Questa proprietà è preziosa nei casi di accumulo di liquidi che può essere di origine cardiaca, gotta, reumatismi. Infatti, una delle caratteristiche più note degli asparagi riguarda lo stimolo alla diuresi. Questo effetto depurativo e drenante permette all’organismo di smaltire liquidi in eccesso e tossine.

Gli Asparagi rafforzano l’intestino e il sistema immunitario

Contengono inulina, che è una fonte ideale di nutrimento per la flora batterica, con particolare riferimento ai lactobacilli. Gli asparagi supportano la digestione e fungono da antinfiammatorio naturale. Favoriscono la digestione ed eliminano il gonfiore. Essendo ricchi di fibre sono eccellenti per una regolare mobilità intestinale, avere un senso di sazietà e favorire il peso-forma.

Grazie al loro contenuto di antiossidanti, minerali e vitamine stimolano le naturali difese immunitarie. Inoltre la loro azione benefica sul microbioma intestinale si riflette su un potenziamento del sistema immunitario che per la maggior parte risiede proprio nell’intestino.

Inoltre gli asparagi sono il cibo più ricco di glutatione, il più potente antiossidante naturale prodotto naturalmente dall’organismo in ottime condizioni, fondamentale per la disintossicazione dai metalli pesanti, radicali liberi e tutte le tossine in generale.

I benefici degli asparagi per articolazioni, muscoli e funzioni cerebrali

Il cromo contenuto nell’asparago migliora la capacità dell’insulina di trasportare il glucosio dal flusso sanguigno alle cellule dell’organismo, prevenendo il diabete tipo 2 e alcune forme di cancro (alle ossa, al seno, al colon, alla laringe e ai polmoni). Inoltre, l’acido folico, associato alla vitamina B12, previene i disturbi cognitivi dovuti all’avanzamento dell’età.

I fitonutrienti presenti negli asparagi hanno una funzione antinfiammatoria che allevia i disturbi alle articolazioni (artrite, artrosi). Inoltre la rimozione dell’acido urico e delle tossine, rendono gli asparagi ancora più efficaci per le nostre articolazioni.

Possiamo considerare gli asparagi come un integratore naturale per

  • facilitare la depurazione,
  • rinforzare le difese immunitarie,
  • eliminare le tossine,
  • contrastare la ritenzione idrica,
  • l’invecchiamento cutaneo e la cellulite.
  • Secondo alcuni studi aiutano a bilanciare l’umore.

Se avete l’estrattore una ricetta per un succo agli asparagi è:

  • 300 gr di asparagi
  • 750 gr di carote
  • 250 gr di sedano (o 2 mele verdi)
  • Alla fine spremerci il succo di un limone

 

FONTE: Dionidream

 

(ENGLISH VERSION)

It can break the oxalic acid crystals present in the kidneys and muscle systems by dissolving rheumatism and strengthening the muscles thanks to potassium and anti-inflammatory action. Ideal for those with prostate and heart problems, its depurative action has been known since ancient times by Romans, Greeks and Egyptians.

I am talking about asparagus, which should be consumed more,  cooked (as outlandish or in the famous risotto) and raw. To eat it raw you can extract the juice through the extractor or centrifuge, or, if not, blend it with a little water. Since they are very rich in nutrients, it is best not to overdo the quantities and the juice should be consumed away from the main meals.

Asparagus and uro-genital apparatus

The Greeks believed that asparagus was an aphrodisiac food for anyone to use it regularly.

  • Napoleon III considered them indispensable during his private dinners.
  • Louis XIV, so devoted to the gardener who cultivated them all year, erected a statue in his honor.
  • Not to mention that even an English herbalist from 1600, Nicholas Culpepper, wrote that asparagus “arouses desire in men and women.”

The motivation? Asparagus is a rich source of potassium, fiber, vitamin B6, vitamin A and C, folic acid and thiamine or vitamin B1. The amounts of vitamin E contained in asparagus also stimulate male hormones, favoring a healthy sex life and greater virility.

Asparagus is good for cystitis and generally for the whole urinary system. In fact they contain high levels of asparagine that help to prevent urinary tract infections.

  • “When women do not urinate enough, they can get urinary tract infection,” explains Keri Gans, author of The Small Change Diet – “It is possible that a diet rich in asparagus can prevent these painful infections from developing as they go to the bathroom Often can help move bad bacteria out of the urinary tract. “

With very low levels of sodium, potassium in high concentrations, in the presence of purines and a lot of water, asparagus reduces the stagnation of liquids. This property is valuable in cases of fluid accumulation which can be of heart, gout, rheumatism. In fact, one of the most famous characteristics of asparagus concerns the stimulation of diuresis. This depurative and draining effect allows the body to dispose of excess liquid and toxins.

Asparagus strengthens the intestines and the immune system

They contain inulin, which is an ideal source of nutrition for bacterial flora, with particular reference to lactobacilli. Asparagus supports digestion and acts as a natural anti-inflammatory. They favor digestion and eliminate swelling. Being rich in fiber is excellent for regular bowel movement, have a sense of satiety and favor weight-shape.

Due to their antioxidant content, minerals and vitamins stimulate natural immune defenses. In addition, their beneficial action on the intestinal microbioma is reflected in an enhancement of the immune system that mostly resides in the intestine.

In addition, asparagus is the food richer in glutathione, the most powerful natural antioxidant produced naturally by the body in good condition, essential for heavy metal detoxification, free radicals and all toxins in general.

The benefits of asparagus for joints, muscles and brain functions

Chromium in the asparagus improves the ability of insulin to transport glucose from the bloodstream to the body’s cells by preventing type 2 diabetes and some forms of cancer (bones, breast, colon, larynx and lungs ). In addition, folic acid, associated with vitamin B12, prevents cognitive disorders due to age advancement.

Phytonutrients present in asparagus have an anti-inflammatory function that relieves joint disorders (arthritis, osteoarthritis). In addition, the removal of uric acid and toxins make asparagus even more effective for our joints.

We can consider Asparagus as a natural supplement to

  • facilitate purification,
  • strengthen immune defenses,
  • eliminate toxins,
  • counteract water retention,
  • skin aging, and cellulite.
  • Some studies help balance the mood.

If you have the extractor a recipe for an asparagus juice is:

  1. 300 gr of asparagus
  2. 750 gr of carrots
  3. 250 gr of celery (or 2 green apples)
  4. Finally, wipe the juice of a lemon

 

SOURCE: Dionidream

 

Read Full Post »

Gli asparagi sono ortaggi super depurativi dotati di un ottimo effetto drenante e anticellulite: portali in tavola ogni volta che vuoi, meglio ancora se crudi.

 

Gli asparagi sono buoni, depurativi e in più contrastano la cellulite. Le caratteristiche energetiche e nutrizionali degli asparagi sono perfette per aiutarti a un “cambiamento di forma”:

  • per dimagrire hai bisogno di un alimento drenante e depurativo che ti ricarichi di vitamine e minerali snellenti.

E gli asparagi sono l’ideale per assolvere a questo compito! È importante però scegliere le qualità migliori, ovvero quelle biologiche o spontanee perché sono più ricche di fitonutrienti. Fondamentale è poi che gli asparagi siano freschi e, quando possibile, appena colti. Gli asparagi sono efficaci per chi tende ad avere accumuli di cellulite e grasso nella parte bassa del corpo. Essi sono ricchi di fibra e vitamine (come la A, la C e quelle del gruppo B) e poveri di calorie.

Con la pentola giusta li cuoci al meglio

Per preservare il contenuto nutrizionale degli asparagi, cuocili a vapore. La soluzione ottimale è usare l’asparagiera, una pentola alta con un cestello cilindrico all’interno: in questo modo i gambi duri vengono lessati mentre i turioni, cioè i germogli, vengono cotti a vapore. La cottura degli asparagi dev’essere breve e le verdure risultare croccanti. L’acqua rimasta in pentola non si deve buttare! Si può utilizzare per preparare brodi e minestre oppure berla così com’è: è un “drink” dall’effetto super drenante.

Gli asparagi crudi sono ancora più efficaci 

Forse non tutti sanno che gli asparagi possono essere consumati anche crudi, tagliati molto sottili: così hanno più potere drenante, grazie alle purine, sostanze che prevengono il ristagno dei liquidi e la formazione di edemi infiammatori e che conferiscono compattezza alla pelle. Gli asparagicontengono anche rutina, che rinforza i capillari e il sistema venoso, ottimo rimedio quando si fa vita sedentaria e l’alimentazione è ricca di alimenti raffinati. In più gli asparagi sono alimenti alcalinizzanti, aiutano a ridurre l’acidità del pH dell’organismo, prevenendo gli stati infiammatori che rallentano il metabolismo. Soprattutto, hanno una funzione depurativa, lassativa e dimagrante, quindi il loro utilizzo è consigliato a tutti. Solo chi soffre di infiammazioni urinarie, calcoli e gotta deve astenersi dal consumarl.

Prepara con gli asparagi un’insalata primaverile

Con gli asparagi puoi mettere in tavola una buona insalata anti cellulite; lava dell’insalata dolce a scelta (valeriana, lattuga, lollo), un finocchio, delle cime di broccoletti. Nel frattempo taglia sottilmente gli asparagi per il lungo, eliminando la parte più dura. Nell’insalatiera disponi le foglie di insalata, le cime dei broccoletti e il finocchio tagliato finemente, un cucchiaio di semi di lino macinati, una manciata di semi di zucca, una di gherigli di noci, erba cipollina fresca. Condisci con olio extravergine di oliva, succo di limone e un cucchiaino di tamari. Per aggiungere all’insalata una quota proteica puoi unire dei cubetti di feta o di tofu marinati e cotti in padella con aromi.

FONTE: Riza

 

(ENGLISH  VERSION)

Asparagus is a super-purifying vegetable with an excellent draining and anti-cellulite effect: present it  on the table whenever you want, they are even better if raw.

Asparagus is good, purifying, and can contrast  cellulite. The energy and nutritional characteristics of asparagus are perfect for helping you to “shape change”:

  • for weight loss you need a draining and purifying food that relieves you of slimming but gives you a lot of vitamins and minerals.

And asparagus is ideal to carry out this task! It is important, however, to choose the best qualities, either organic or spontaneous, because they are richer in phytonutrients. After all, the asparagus is fresh and, when possible, freshly picked. Asparagus is effective for those who tend to have accumulations of cellulite and fat in the lower part of the body. They are rich in fiber and vitamins (such as A, C and Group B) and poor in calories.

With the right pot you can cook them in the best way

To preserve the nutrient content of asparagus, use steam cookers. The best solution for cooking the asparagus, is to use a high pot with a cylindrical basket inside: this way the hard stems are bled while the shoots, that is, sprouts, are cooked with steam. Cooking asparagus must be short and the vegetables should remain crispy. The water left in the pot must not be thrown away! It can be used to prepare broths and soups or to drink it as it is: it is a “drink” from the super draining effect.

Raw asparagus is even more effective

Perhaps not everyone knows that asparagus can be consumed also raw, cut it very thin: so they have more draining power, thanks to purines, substances that prevent liquid stagnation and the formation of inflammatory edema and give skin compactness.

Asparagus also provides routine, which strengthens the capillaries and the venous system, an excellent remedy when having a sedentary life style and nutrition is rich in refined foods. In addition, asparagus is an alkalinizing food, helping to reduce the acidity of the body’s pH, preventing inflammatory states that slow down metabolism.

Above all, they have a depurative, laxative and slimming function, so their use is recommended to everyone. Only those who suffer from urinary inflammation, calcite and gout must abstain from consuming.

Prepare with spring asparagus a spring salad

With asparagus you can put on the table a good anti cellulite salad; Wash of sweet choice salad (valerian, lettuce, lollo), fennel, broccoli peaks. Meanwhile, cut the asparagus thinly over the long, eliminating the toughest part. In the salad you have the salad leaves, the broccoli peaks and finely cut fennel, a tablespoon of ground flax seed, a handful of pumpkin seeds, one of nutsworms, fresh chives. Season with extra virgin olive oil, lemon juice and a teaspoon of tamari. To add protein to the salad, you can combine fried or tofu marinated and cooked frying pans with aromas.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

I piselli sono legumi ricchi di fibre che costituiscono un’ottima fonte di energia e depurano il sangue, regalando tanta energia, indispensabile in primavera.

 

I piselli, che in questo periodo abbondano sui banchi dell’ortolano nei loro teneri baccelli, depurano e rivitalizzano il sangue. I piselli sono i semi di una pianta erbacea, annuale e rampicante, dotata di lunghe radici, che scavano in profondità nel terreno. Ricchissimi di rame, di zinco, di manganese e di vitamine A, B1, C e PP, questi legumi sono una preziosa fonte di energia e un antidoto contro stanchezza e astenia; in più, i piselli hanno proprietà antianemiche, purificano il sangue dal colesterolo e ne stimolano la rigenerazione, e svolgono un’efficace azione tonica sulla milza. Tutti i legumi sono importanti nella dieta per la salute: i piselli, rispetto agli altri, hanno un indice glicemico più basso e sono più digeribili. In più, grazie alla presenza di fibre,

  • proteggono lo stomaco,
  • regolarizzano l’intestino e
  • alleggeriscono le funzioni digestive.

 

Piselli, cibo ideale per gli sportivi

Essendo dei depuratori del sangue e della milza, i piselli costituiscono un aiuto speciale per gli sportivi. Con l’arrivo della bella stagione, la voglia di muoversi aumenta. Se non si è allenati, capita di avere dolori alla milza: avere tonico questo organo serve proprio per evitare che si presentino quelle fitte acute nella parte alta dell’addome, che obbligano a fermarsi. Oltre a rafforzare la ghiandola, i piselli danno una marcia in più agli sportivi, grazie alle loro qualità energetiche e rimineralizzanti, e aiutano anche ad attenuare

  • stanchezza,
  • nervosismo,
  • forme asmatiche e
  • cali immunitari,

sintomi comuni della primavera, che si possono combattere attraverso un’adeguata assunzione di minerali e vitamine.

Scegli i piselli freschi, i più nutrienti

I piselli si possono cucinare in mille modi: in umido, con riso, pasta, orzo o altri cereali, oppure aggiunti alle minestre. I piselli sono ottimi anche nelle vellutate, per esempio insieme a tarassaco, ortica e yogurt greco, oppure abbinati ad asparagi e uova. Basta farli cuocere per circa 15-20 minuti (secondo la grandezza), con altre verdure o aromi, per ottenere un piatto nutriente e invitante. Puoi anche consumare i piselli freschi, che mantengono intatte tutte le proprietà nutritive.

Prepara un decotto diuretico

Con i piselli freschi puoi anche preparare un decotto ricco di minerali dalle proprietà depurative. Lava 200 g di baccelli e falli cuocere in 500 ml di acqua bollente per 10 minuti. Copri il recipiente e attendi 5 minuti, poi fi ltra. Consuma il decotto durante tutta la giornata.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Peas are rich in fiber pulses, which are a great source of energy and purify the blood, giving you the energy that is essential in the spring.

Peas, which in this period abound on the ortolane benches in their tender pods, purify and revitalize the blood. Peas are the seeds of a herbaceous, annual and climbing plant, endowed with long roots, digging deep into the soil.

Rich in copper, zinc, manganese and vitamins A, B1, C and PP, these legumes are a precious source of energy and an antidote against tiredness and asthenia; In addition, peas have anti-anemic properties, purify blood from cholesterol and stimulate regeneration, and play an effective tonic action on the spleen. All legumes are important in the health diet: peas, compared to others, have a lower glycemic index and are more digestible. In addition, thanks to the presence of fibers, they protect the stomach, regulate the intestine and relieve digestive functions.

Peas, ideal food for athletes

As spleen and blood purifiers, peas are a special aid for athletes. With the arrival of the spring season, the urge to move increases. If you have not trained, it happens to have pain in the spleen: to tonic this organ you need  just to prevent that those acute slits appear in the upper part of the abdomen, which oblige you to stop. In addition to strengthening the gland, the peas give a boost to athletes thanks to their energy and remineralizing qualities, and also help alleviate

  • tiredness,
  • nervousness,
  • asthma and
  • immune deficiencies,

common symptoms of spring, which can be combated through a ‘Proper intake of minerals and vitamins.

Choose fresh, nutritious peas

Peas can be cooked in a thousand ways: in wet, with rice, pasta, barley or other cereals, or added to the soups. Peas are also good in velvety, for example with dandelion, nettle and  greek yogurt, or combined with asparagus and eggs. Just cook them for about 15-20 minutes (depending on size), with other vegetables or aromas, to get a nutritious and inviting dish. You can also consume fresh peas, which keep all nutritional properties intact.

Prepare a diuretic decoction

With fresh peas you can also prepare a decoction rich in minerals with purifying properties. Wash 200 g of pods and buns cook in 500 ml of boiling water for 10 minutes. Cover the container and wait for 5 minutes, then filter it. Consume the decoction throughout the day.

SOURCE: Riza

 

Read Full Post »

Il daikon è una radice dalle molteplici proprietà tra cui quella di bruciare i grassi in eccesso, sia quelli dei cibi a cui viene accompagnata sia quelli del corpo

 

Tra i cibi che accelerano il metabolismo e fanno bruciare gli accumuli adiposi c’è il daikon. Il daikon si merita la qualifica di alimento brucia grassi grazie ai suoi nutrienti, che favoriscono l’eliminazione del grasso, ma anche alla sua azione termogenica. Cosa sognifica? Il corpo, per trasformare il contenuto delle cellule adipose in energia (cosa necessaria per dimagrire) ha bisogno di attivare alcuni processi metabolici e nel daikon sono presenti alcuni elementi che favoriscono tali reazioni: una questione chimica, insomma. Inoltre quando viene digerito, il daikon stimola il metabolismo a lavorare di più e questo fa consumare calorie, in particolare nelle ore che seguono i pasti.

 

Il daikon contiene poche calorie

Il daikon è una grossa radice bianca molto diffusa nella cucina orientale, giapponese in particolare, che ormai però si trova facilmente anche nei nostri supermercati. Il suo sapore è piccante, e già questo è indice della presenza di sostanze brucia grassi. Si tratta di un vegetale magrissimo: 100 g hanno solo 18 calorie.

Il daikon brucia i grassi degli altri piatti

Per la sua capacità di “aggredire” i grassi presenti negli altri piatti, il daikon è perfetto da servire in accompagnamento a cibi come il salmone, che è un ottimo alimento ma contiene molti grassi, che saranno neutralizzati da questa preziosa radice. Prepara il daikon grattugiato, o tagliato a julienne, perché agisca contro i grassi presenti nel piatto (in Giappone accompagna sempre le pietanze fritte).

La radice essiccata è ancora più efficace

Il daikon è anche un eccellente diuretico e sgonfiante: per beneficiare di questa sua azione, puoi provarlo sotto forma di radice essiccata (la trovi nei negozi di alimentazione naturale). Ha un’azione più profonda che arriva ad attaccare il grasso che si è addensato su pancia, glutei e cosce. La radice essiccata di daikon va lasciata a bagno per mezz’ora e poi può essere aggiunta alle minestre o ai contorni di verdura.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Daikon is a root with many properties including the one to burn excess of fats, those of the foods to which it is accompanied and those of the body

Among the foods that accelerate metabolism and burn fat accumulations is the daikon. The daikon deserves the qualification of fat burning food thanks to its nutrients, which promote the elimination of fat but also its has a thermogenic action. What do you dream of? The body needs to activate some metabolic processes to transform the content of fat cells into energy (what is needed to lose weight) and in the daikon there are some elements that favor such reactions: a chemical question, in short. Also when digested, the daikon stimulates the metabolism to work harder and this consumes calories, especially in the hours following meals.

The daikon contains few calories

Daikon is a large white root widely used in oriental cuisine, especially in Japan, but it is also easily found in our supermarkets. Its flavor is spicy, and this is already indicative of the presence of fat burning substances. This is a very light vegetable: 100 g have only 18 calories.

The daikon burns the fat of the other dishes

For its ability to “attack” the fats in the other dishes, the daikon is perfect for serving in food such as salmon, which is a great food but contains many fats that will be neutralized by this precious root. Prepare the grated daikon, or cut into julienne, to act against the fats present in the dish (in Japan always accompanies the fried food).

The dried root is even more effective

Daikon is also an excellent diuretic and deflowering: to benefit from this action, you can try it in the form of a dried root (found in natural food stores). It has a deeper action that comes to attack the fat that has thickened on the belly, buttocks and thighs. The dried daikon root is left to bathe for half an hour and then it can be added to the soups or vegetable edges.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Gli edamame sono particolari fagioli di soia ricchi di proteine e isoflavoni, preziosi ormoni vegetali: possono essere consumati cotti al vapore, anche in insalata

 

Gli edamame sono particolari fagioli di soia simili a piccole fave, da sempre presenti nella cucina giapponese, ricchi di antiossidanti e di isoflavoni, i preziosi ormoni vegetali . Il nome edamame trae origine da due antiche parole giapponesi: “eda”, che vuol dire “fronde”, e “mame”, che significa “chicchi”. Si consumano facendoli fuoriuscire al momento dal loro  baccello. Gli edamame hanno un sapore dolce e fresco, che ricorda vagamente quello della mandorla, e sono da scottare appena, per gustarli ancora croccanti. Nei ristoranti orientali gli edamame vengono serviti come snack e aperitivo senza toglierli dal loro baccello.

 

I fitoestrogeni degli edamane sono utili alle donne

Gli edamame sono un’ottima fonte di proteine vegetali, contengono buone quote di vitamine C e E, nonché preziosi agenti antiossidanti. Tra i minerali, potassio, fosforo, ferro e magnesio, indispensabili per un corretto funzionamento di organi e tessuti. In più la presenza di acido folico, di cui gli edamame sono una generosa riserva naturale, favorisce una buona produzione di globuli rossi, mentre gli isoflavoni hanno un’azione riducente sul colesterolo “cattivo”, ma non solo: alcuni fitoestrogeni, come la genisteina e daidzeina, sono molto utili per contrastare il rischio di endometriosi, cisti e, in menopausa, per attenuare i disturbi tipici del climaterio, come vampate, osteoporosi, tensione mammaria e ipercolesterolemia. Gli isoflavoni, quindi, sono dei veri e propri modulatori dell’azione estrogenica, e sono utili anche per migliorare la fissazione del calcio e rinsaldare la struttura ossea.

Non confondere gli edamane con gli azuki

Fanno parte entrambi della cucina orientale, ma sono due prodotti diversi: gli edamame presentano un contenuto proteico nettamente superiore rispetto agli altri fagioli di soia, i cosiddetti azuki. Apportano tutti e nove gli aminoacidi essenziali e, proprio per questo, gli edamame sono un alimento raccomandato ai vegani perché compensano il fabbisogno giornaliero di proteine.

Usa gli edamane per preparare un’insalata proteica

Il modo migliore per cucinare gli edamame è al vapore, ancora nel loro baccello. Non bisogna mai cuocerli troppo: bastano 10 minuti, perché è bene che rimangano croccanti. Una volta sgranati, si possono aggiungere alle zuppe oppure alle insalate. Puoi preparare un’ottima insalata proteica: dopo averli sbollentati, metti gli edamame in un’insalatiera e aggiungi un cipollotto (se gradito) oppure un piccolo porro affettato fine, 7-8 ravanelli a fettine, un battuto di basilico e una fetta di feta sbriciolata. Unisci anche qualche baccello lessato e condisci con olio extravergine d’oliva, succo di limone, sale marino e una spolverata di senape in polvere, digestiva e antiossidante.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

The edamame soybeans are particular rich in protein and isoflavones, natural plant hormones can be eaten steamed, even in salads

The edamame soybeans are special like small beans, always present in Japanese cuisine, rich in antioxidants and isoflavones, the precious plant hormones. The edamame name derives from two ancient Japanese words: “eda”, which means “branches” and “mame”, which means “beans”. They consume them when making them come out from their pod. The edamame have a sweet, fresh flavor, vaguely reminiscent of almond, and are to be hot just to enjoy them still crispy. In the oriental restaurants edamame are served as snacks and drink without removing it from their pod.

Phytoestrogens are useful to women of edamane

The edamame are an excellent source of vegetable protein, contain good odds of vitamins C and E, as well as valuable antioxidants. Among the minerals, potassium, phosphorus, iron and magnesium, which are essential for a proper functioning of organs and tissues. In addition the presence of folic acid, of which the edamame are a generous nature reserve, favors a good production of red blood cells, while the isoflavones have a reducing action on the “bad” cholesterol, but not only: some phytoestrogens, such as genistein and daidzein, are very useful to counteract the risk of endometriosis, cysts and, in menopause, to mitigate the typical climacteric disorders such as hot flushes, osteoporosis, breast tension and hypercholesterolemia. The isoflavones, then, are some real action estrogen modulators, and are also useful for improving the calcium fixing and strengthen the bone structure.

Do not confuse edamane with azuki

They are part of both oriental cuisine, but they are two different products: the edamame had a much higher protein content than other soy beans, so-called azuki. They bring all nine essential amino acids, and because of this, edamame are a food recommended for vegans because they compensate the daily requirement of protein.

Use edamane to prepare a salad protein

The best way to cook edamame is steamed, still in their pods. You do not ever cook them too: it takes 10 minutes, because it is good that they remain crisp. Once shelled, they can be added to soups or salads. You can prepare an excellent protein salad: after being boiled, put the edamame in a bowl and add a spring onion (if desired) or a small leek sliced ​​end, 7-8 radishes into slices, chopped basil and a slice of crumbled feta . Merge even some bean boiled and season with olive oil, lemon juice, sea salt and a sprinkling of mustard powder, digestive and antioxidant.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Alcuni alimenti naturali sono molto importanti per la salute umana. Il consumo di questi alimenti ha benefici diretti sul nostro corpo, e può aiutarci a trattare varie condizioni e a preservare il nostro stato di salute.

 

La barbabietola è uno degli ortaggi con più sostanze nutritive e proprietà benefiche per il nostro organismo.

Originaria del sud Europa (Italia inclusa), la barbabietola veniva usata dagli antichi romani come alimento, ma anche nella medicina tradizionale. Lo sviluppo della coltura della barbabietola ebbe un boom nel 1800, quando si scoprì che da essa si possono estrarre dei cristalli dal sapore dolce, molto simili allo zucchero. Lo zucchero estratto dalle barbabietole oggi soddisfa la quasi totalità del fabbisogno di zucchero di molti paesi dell’Unione Europea.

condizioni trattate con barbabietolaLa barbabietola deve far parte della nostra dieta. Il suo consumo costante ci aiuta in moltissime condizioni:

  1. migliora la vista,
  2. elimina il grasso dal fegato e
  3. previene l’ostruzione del colon.

Di seguito ti elenchiamo maggiori dettagli.

La barbabietola favorisce la circolazione sanguigna, prevenendo malattie connesse all’ipertensione. Inoltre, oltre a dare molta energia al nostro corpo, ha un effetto positivo sul nostro cervello e rilassa la mente (in quanto ricca di betaina e triptofano). Le betalaine contenute in questo ortaggio sono ottimi antiossidanti ed antinfiammatori che proteggono il nostro organismo dai radicali liberi.

Cosa aspetti ad includere la barbabietola nella tua dieta?

E’ importante farla consumare anche ai bambini, affinché possano abituarsi al suo sapore particolare. Condividi questo post in modo da far conoscere le proprietà della barbabietola anche a parenti ed amici.

 

Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l’uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L’intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.
FONTE: rimedio-naturale
(ENGLISH VERSION)

Some natural foods are very important to human health. The consumption of these foods has direct benefits on our body, and can help us to treat various conditions and to preserve our health. The beet is one of the vegetables with more nutrients , substances and beneficial properties for our body.

Native to southern Europe (Italy included), beet was used by the ancient Romans as a food, but also in traditional medicine. The development of beet had a boom in 1800, when it was discovered that it is possible to extract the crystals from the sweet flavor, very similar to sugar. The sugar extracted from beets today meets almost all the sugar needs of many European Union countries.

The beet should be part of our diet. Its constant consumption helps in many conditions:

  1. improves eyesight,
  2. remove the fat from the liver and
  3. prevents colon obstruction.

Below we list more details.

The beet promotes blood circulation, preventing diseases related to hypertension. Moreover, in addition to giving a lot of energy to our body, it has a positive effect on our brain and relaxes the mind (as rich in betalaine and tryptophan). The betalains contained in this vegetable are excellent antioxidant and anti-inflammatory that protect our body from free radicals.

What are you waiting to include beets in your diet?

It is important to also consume it to children, so that they can get used to its special flavor. Share this post so as to know the properties of beetroot also to relatives and friends.

Important: This web site does not give medical advice, and does not advise the use of techniques as a form of treatment for physical problems, for which it is however necessary to consult a doctor. If you decide to apply the information contained in this site, the same can accept no responsibility. The intention of the site is to be illustrative, not hortatory or didactic.

SOURCE: Natural-Remedy

Read Full Post »

Older Posts »