Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘verdure’ Category

Il daikon è una radice dalle molteplici proprietà tra cui quella di bruciare i grassi in eccesso, sia quelli dei cibi a cui viene accompagnata sia quelli del corpo

 

Tra i cibi che accelerano il metabolismo e fanno bruciare gli accumuli adiposi c’è il daikon. Il daikon si merita la qualifica di alimento brucia grassi grazie ai suoi nutrienti, che favoriscono l’eliminazione del grasso, ma anche alla sua azione termogenica. Cosa sognifica? Il corpo, per trasformare il contenuto delle cellule adipose in energia (cosa necessaria per dimagrire) ha bisogno di attivare alcuni processi metabolici e nel daikon sono presenti alcuni elementi che favoriscono tali reazioni: una questione chimica, insomma. Inoltre quando viene digerito, il daikon stimola il metabolismo a lavorare di più e questo fa consumare calorie, in particolare nelle ore che seguono i pasti.

 

Il daikon contiene poche calorie

Il daikon è una grossa radice bianca molto diffusa nella cucina orientale, giapponese in particolare, che ormai però si trova facilmente anche nei nostri supermercati. Il suo sapore è piccante, e già questo è indice della presenza di sostanze brucia grassi. Si tratta di un vegetale magrissimo: 100 g hanno solo 18 calorie.

Il daikon brucia i grassi degli altri piatti

Per la sua capacità di “aggredire” i grassi presenti negli altri piatti, il daikon è perfetto da servire in accompagnamento a cibi come il salmone, che è un ottimo alimento ma contiene molti grassi, che saranno neutralizzati da questa preziosa radice. Prepara il daikon grattugiato, o tagliato a julienne, perché agisca contro i grassi presenti nel piatto (in Giappone accompagna sempre le pietanze fritte).

La radice essiccata è ancora più efficace

Il daikon è anche un eccellente diuretico e sgonfiante: per beneficiare di questa sua azione, puoi provarlo sotto forma di radice essiccata (la trovi nei negozi di alimentazione naturale). Ha un’azione più profonda che arriva ad attaccare il grasso che si è addensato su pancia, glutei e cosce. La radice essiccata di daikon va lasciata a bagno per mezz’ora e poi può essere aggiunta alle minestre o ai contorni di verdura.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Daikon is a root with many properties including the one to burn excess of fats, those of the foods to which it is accompanied and those of the body

Among the foods that accelerate metabolism and burn fat accumulations is the daikon. The daikon deserves the qualification of fat burning food thanks to its nutrients, which promote the elimination of fat but also its has a thermogenic action. What do you dream of? The body needs to activate some metabolic processes to transform the content of fat cells into energy (what is needed to lose weight) and in the daikon there are some elements that favor such reactions: a chemical question, in short. Also when digested, the daikon stimulates the metabolism to work harder and this consumes calories, especially in the hours following meals.

The daikon contains few calories

Daikon is a large white root widely used in oriental cuisine, especially in Japan, but it is also easily found in our supermarkets. Its flavor is spicy, and this is already indicative of the presence of fat burning substances. This is a very light vegetable: 100 g have only 18 calories.

The daikon burns the fat of the other dishes

For its ability to “attack” the fats in the other dishes, the daikon is perfect for serving in food such as salmon, which is a great food but contains many fats that will be neutralized by this precious root. Prepare the grated daikon, or cut into julienne, to act against the fats present in the dish (in Japan always accompanies the fried food).

The dried root is even more effective

Daikon is also an excellent diuretic and deflowering: to benefit from this action, you can try it in the form of a dried root (found in natural food stores). It has a deeper action that comes to attack the fat that has thickened on the belly, buttocks and thighs. The dried daikon root is left to bathe for half an hour and then it can be added to the soups or vegetable edges.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Gli edamame sono particolari fagioli di soia ricchi di proteine e isoflavoni, preziosi ormoni vegetali: possono essere consumati cotti al vapore, anche in insalata

 

Gli edamame sono particolari fagioli di soia simili a piccole fave, da sempre presenti nella cucina giapponese, ricchi di antiossidanti e di isoflavoni, i preziosi ormoni vegetali . Il nome edamame trae origine da due antiche parole giapponesi: “eda”, che vuol dire “fronde”, e “mame”, che significa “chicchi”. Si consumano facendoli fuoriuscire al momento dal loro  baccello. Gli edamame hanno un sapore dolce e fresco, che ricorda vagamente quello della mandorla, e sono da scottare appena, per gustarli ancora croccanti. Nei ristoranti orientali gli edamame vengono serviti come snack e aperitivo senza toglierli dal loro baccello.

 

I fitoestrogeni degli edamane sono utili alle donne

Gli edamame sono un’ottima fonte di proteine vegetali, contengono buone quote di vitamine C e E, nonché preziosi agenti antiossidanti. Tra i minerali, potassio, fosforo, ferro e magnesio, indispensabili per un corretto funzionamento di organi e tessuti. In più la presenza di acido folico, di cui gli edamame sono una generosa riserva naturale, favorisce una buona produzione di globuli rossi, mentre gli isoflavoni hanno un’azione riducente sul colesterolo “cattivo”, ma non solo: alcuni fitoestrogeni, come la genisteina e daidzeina, sono molto utili per contrastare il rischio di endometriosi, cisti e, in menopausa, per attenuare i disturbi tipici del climaterio, come vampate, osteoporosi, tensione mammaria e ipercolesterolemia. Gli isoflavoni, quindi, sono dei veri e propri modulatori dell’azione estrogenica, e sono utili anche per migliorare la fissazione del calcio e rinsaldare la struttura ossea.

Non confondere gli edamane con gli azuki

Fanno parte entrambi della cucina orientale, ma sono due prodotti diversi: gli edamame presentano un contenuto proteico nettamente superiore rispetto agli altri fagioli di soia, i cosiddetti azuki. Apportano tutti e nove gli aminoacidi essenziali e, proprio per questo, gli edamame sono un alimento raccomandato ai vegani perché compensano il fabbisogno giornaliero di proteine.

Usa gli edamane per preparare un’insalata proteica

Il modo migliore per cucinare gli edamame è al vapore, ancora nel loro baccello. Non bisogna mai cuocerli troppo: bastano 10 minuti, perché è bene che rimangano croccanti. Una volta sgranati, si possono aggiungere alle zuppe oppure alle insalate. Puoi preparare un’ottima insalata proteica: dopo averli sbollentati, metti gli edamame in un’insalatiera e aggiungi un cipollotto (se gradito) oppure un piccolo porro affettato fine, 7-8 ravanelli a fettine, un battuto di basilico e una fetta di feta sbriciolata. Unisci anche qualche baccello lessato e condisci con olio extravergine d’oliva, succo di limone, sale marino e una spolverata di senape in polvere, digestiva e antiossidante.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

The edamame soybeans are particular rich in protein and isoflavones, natural plant hormones can be eaten steamed, even in salads

The edamame soybeans are special like small beans, always present in Japanese cuisine, rich in antioxidants and isoflavones, the precious plant hormones. The edamame name derives from two ancient Japanese words: “eda”, which means “branches” and “mame”, which means “beans”. They consume them when making them come out from their pod. The edamame have a sweet, fresh flavor, vaguely reminiscent of almond, and are to be hot just to enjoy them still crispy. In the oriental restaurants edamame are served as snacks and drink without removing it from their pod.

Phytoestrogens are useful to women of edamane

The edamame are an excellent source of vegetable protein, contain good odds of vitamins C and E, as well as valuable antioxidants. Among the minerals, potassium, phosphorus, iron and magnesium, which are essential for a proper functioning of organs and tissues. In addition the presence of folic acid, of which the edamame are a generous nature reserve, favors a good production of red blood cells, while the isoflavones have a reducing action on the “bad” cholesterol, but not only: some phytoestrogens, such as genistein and daidzein, are very useful to counteract the risk of endometriosis, cysts and, in menopause, to mitigate the typical climacteric disorders such as hot flushes, osteoporosis, breast tension and hypercholesterolemia. The isoflavones, then, are some real action estrogen modulators, and are also useful for improving the calcium fixing and strengthen the bone structure.

Do not confuse edamane with azuki

They are part of both oriental cuisine, but they are two different products: the edamame had a much higher protein content than other soy beans, so-called azuki. They bring all nine essential amino acids, and because of this, edamame are a food recommended for vegans because they compensate the daily requirement of protein.

Use edamane to prepare a salad protein

The best way to cook edamame is steamed, still in their pods. You do not ever cook them too: it takes 10 minutes, because it is good that they remain crisp. Once shelled, they can be added to soups or salads. You can prepare an excellent protein salad: after being boiled, put the edamame in a bowl and add a spring onion (if desired) or a small leek sliced ​​end, 7-8 radishes into slices, chopped basil and a slice of crumbled feta . Merge even some bean boiled and season with olive oil, lemon juice, sea salt and a sprinkling of mustard powder, digestive and antioxidant.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Alcuni alimenti naturali sono molto importanti per la salute umana. Il consumo di questi alimenti ha benefici diretti sul nostro corpo, e può aiutarci a trattare varie condizioni e a preservare il nostro stato di salute.

 

La barbabietola è uno degli ortaggi con più sostanze nutritive e proprietà benefiche per il nostro organismo.

Originaria del sud Europa (Italia inclusa), la barbabietola veniva usata dagli antichi romani come alimento, ma anche nella medicina tradizionale. Lo sviluppo della coltura della barbabietola ebbe un boom nel 1800, quando si scoprì che da essa si possono estrarre dei cristalli dal sapore dolce, molto simili allo zucchero. Lo zucchero estratto dalle barbabietole oggi soddisfa la quasi totalità del fabbisogno di zucchero di molti paesi dell’Unione Europea.

condizioni trattate con barbabietolaLa barbabietola deve far parte della nostra dieta. Il suo consumo costante ci aiuta in moltissime condizioni:

  1. migliora la vista,
  2. elimina il grasso dal fegato e
  3. previene l’ostruzione del colon.

Di seguito ti elenchiamo maggiori dettagli.

La barbabietola favorisce la circolazione sanguigna, prevenendo malattie connesse all’ipertensione. Inoltre, oltre a dare molta energia al nostro corpo, ha un effetto positivo sul nostro cervello e rilassa la mente (in quanto ricca di betaina e triptofano). Le betalaine contenute in questo ortaggio sono ottimi antiossidanti ed antinfiammatori che proteggono il nostro organismo dai radicali liberi.

Cosa aspetti ad includere la barbabietola nella tua dieta?

E’ importante farla consumare anche ai bambini, affinché possano abituarsi al suo sapore particolare. Condividi questo post in modo da far conoscere le proprietà della barbabietola anche a parenti ed amici.

 

Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l’uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L’intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.
FONTE: rimedio-naturale
(ENGLISH VERSION)

Some natural foods are very important to human health. The consumption of these foods has direct benefits on our body, and can help us to treat various conditions and to preserve our health. The beet is one of the vegetables with more nutrients , substances and beneficial properties for our body.

Native to southern Europe (Italy included), beet was used by the ancient Romans as a food, but also in traditional medicine. The development of beet had a boom in 1800, when it was discovered that it is possible to extract the crystals from the sweet flavor, very similar to sugar. The sugar extracted from beets today meets almost all the sugar needs of many European Union countries.

The beet should be part of our diet. Its constant consumption helps in many conditions:

  1. improves eyesight,
  2. remove the fat from the liver and
  3. prevents colon obstruction.

Below we list more details.

The beet promotes blood circulation, preventing diseases related to hypertension. Moreover, in addition to giving a lot of energy to our body, it has a positive effect on our brain and relaxes the mind (as rich in betalaine and tryptophan). The betalains contained in this vegetable are excellent antioxidant and anti-inflammatory that protect our body from free radicals.

What are you waiting to include beets in your diet?

It is important to also consume it to children, so that they can get used to its special flavor. Share this post so as to know the properties of beetroot also to relatives and friends.

Important: This web site does not give medical advice, and does not advise the use of techniques as a form of treatment for physical problems, for which it is however necessary to consult a doctor. If you decide to apply the information contained in this site, the same can accept no responsibility. The intention of the site is to be illustrative, not hortatory or didactic.

SOURCE: Natural-Remedy

Read Full Post »

Il rabarbaro (Rehum) è una pianta spontanea, appartenente alla famiglia delle Poligonacee, originaria della Cina e del Tibet.

 

Conosciuta fin dall’antichità per le sue proprietà medicinali è utilizzata oggi in erboristeria, fitoterapia ed omeopatia nella parte del rizoma e in alimentazione nella parte degli steli.  È sconsigliato l’utilizzo delle foglie poiché contengono una gran quantità di acido ossalico che ad alti dosaggi può rivelarsi tossico.
Ci sono diverse varietà di Rabarbaro: quelle maggiormente utilizzate sono il Rehum Palmatum e il Rehum officinale.

Proprietà del rabarbaro

Il rabarbaro è composto principalmente da acqua e fibre e fornisce un buon apporto di vitamina A , vitamine del gruppo Bvitamina C e sali minerali tra cui ferro, magnesio, calcio, potassio, fosforo e selenio. Contiene inoltre polifenoli tra cui flavonoidi e tannini e derivati antracenici, che gli conferiscono interessanti proprietà antiossidanti.

Consigli e indicazioni

La caratteristica principale del rabarbaro è quella di favorire le attività digestive e di alleviare gli stati di stitichezza ed emorroidi poiché in dosi abbondanti ha proprietà lassative. È utile per regolare l’appetito ed è poco calorico. Inoltre, combatte i radicali liberi proteggendo così il sistema cardiovascolare. Ha proprietà astringenti e disinfettanti e può essere utilizzato per alleviare afte e infiammazioni del cavo orale.

Sotto forma di rimedio naturale, di cui si utilizza il rizoma essiccato, oltre alle proprietà digestive, dovute alla capacità di regolare la secrezione dei succhi gastrici, ha proprietà lassative, antinfiammatorie e colagoghe che contribuiscono a migliorare il benessere del fegato.

Lo si può assumere sotto forma di infuso, frutta essiccata, tintura madre o in polvere.

Attenzione: è controindicato in gravidanza, in fase di allattamento, e nei bambini di età inferiore ai 12 anni.

Il rabarbaro in cucina

Il rabarbaro ha un sapore amarognolo, è utile pertanto per bilanciare le ricette troppo dolci o troppo salate. Le coste si puliscono dalle foglie e si tagliano a pezzetti. Può essere unito alle insalate miste oppure si sposa bene con le dolci fragole. Inoltre potete utilizzarlo per preparare marmellate, torte e dolci e budini a base di frutta, succhi e liquori o amari digestivi.

Uno snack gustoso e benefico

Abbiamo provato il rabarbaro essiccato, di qualità, prodotto dall’azienda Forlive, attenta nella scelta di prodotti naturali e biologici. I benefici del rabarbaro possono così essere sfruttati nelle pause di metà giornata come snack, a colazione abbinato ai cereali o ai pasti nell’insalata.

 

FONTE: BenessereCorpoMente

 

(ENGLISH VERSION)

Rhubarb (Rehum) is a wild plant, belonging to the Polygonaceae family, native to China and Tibet. Known since antiquity for its medicinal properties is now used in herbal medicine, natural medicine and homeopathy in the rhizome and power in the stems.

It is not recommended the use of the leaves since they contain a large quantity of oxalic acid, which can be toxic at high doses.
There are different varieties of rhubarb: the most used are the Rehum Palmatum and Rehum officinale.

Rhubarb properties

Rhubarb is mainly composed of water and fiber and provides a good supply of vitamin A, B vitamins, vitamin C and minerals including iron, magnesium, calcium, potassium, phosphorus and selenium. It also contains polyphenols including flavonoids and tannins and anthracene derivatives, which give interesting antioxidant properties.

Advice and guidance

The main feature of the rhubarb is to promote the digestive activities and relieve states of constipation and hemorrhoids because in large doses it has laxative properties. It is useful to adjust the appetite and is low in calories. Moreover, it fights free radicals thus protecting the cardiovascular system. It has astringent and disinfectants and can be used to relieve mouth ulcers and inflammation of the mouth.

As a natural remedy, which you use the dried rhizome, in addition to the digestive properties due to the ability to regulate the secretion of gastric juices, it has laxative properties, anti-inflammatory and cholagogue that contribute to improving the welfare of the liver.

It can take the form of infusion, dried fruit, mother tincture or powder.

CAUTION: it is contraindicated in pregnancy, breast-feeding and in children under 12 years.

Rhubarb in the kitchen

Rhubarb has a bitter taste, it may be useful to balance the recipes are too sweet or too salty. The shores are cleaned from the leaves and cut into pieces. It can be combined with mixed salads or goes well with sweet strawberries. Also you can use it to make jams, pies and cakes and puddings made with fruit, juices and liqueurs or digestive bitters.

A tasty and beneficial snack

We tried the rhubarb dried, quality, produced by FORLIVE, careful in the selection of natural and organic products. The benefits of rhubarb can thus be exploited in the mid-day breaks as snacks, breakfast cereal combined with or in the salad meals.

SOURCE: BenessereCorpoMente

Read Full Post »

L’avocado si crede abbia avuto origine a Puebla, in Messico. La più antica testimonianza dell’ avocado è stata trovata in una grotta a Puebla, Messico e risale a circa 10.000 aC.

 

Originaria del Messico e America Centrale, l’avocado è classificato nella stessa famiglia come la canfora e cannella. Un avocado è botanicamente, una grande bacca che cresce su un albero che può raggiungere 6 piedi di altezza. Proprio come una banana, l’avocado matura 1-2 settimane dopo la raccolta.

L’avocado è spesso indicato come il cibo più sano per il suo impressionante valore nutrizionale .

Un avocado contiene queste vitamine e minerali:

  • La vitamina B1
  • La vitamina B2
  • La vitamina B3
  • La vitamina B5
  • vitamina B6
  • vitamina B9
  • Vitamina C
  • vitamina E
  • La vitamina K
  • Calcio
  • Ferro
  • Magnesio
  • Manganese
  • Fosforo
  • Sodio
  • Zinco

Perché è necessario mangiare un avocado un giorno

  •  Un avocado contiene più potassio di una banana. Gli avocado hanno il 14% e una banana contiene il 10% di potassio.
  •  Il folato per la salute del vostro cuore. Gli avocado hanno il 23% di folati che abbassa l’incidenza di malattie cardiache. La vitamina E, grassi monoinsaturi e il glutatione sono anche buoni per il cuore. Il folato può abbassare il rischio di avere un ictus.
  •  Il folato è essenziale anche nella prevenzione di difetti alla nascita come la spina bifida e difetti del tubo neurale.
  •  Mangiare avocado aiuta il nostro organismo ad assorbire 5 volte la quantità di carotenoidi (licopene e betacarotene).
  •  Salute della vista – Gli avocado contengono più carotenoide e luteina di qualsiasi altro frutto, la protezione contro la degenerazione maculare e la cataratta.
  •  Elevata quantità in beta-sitosterolo, avocado aiuta ad abbassare il colesterolo cattivo del 22%, aumenta il colesterolo buono del 11% e riduce anche i trigliceridi nel sangue del 20%.
  •  Gli studi mostrano un elevata quantità di acido oleico che previene il cancro al seno, inibisce la crescita tumorale nel cancro della prostata e cerca le cellule tumorali precancerose e orali e li distrugge.
  •  Gli avocado sono ricchi di fibre e vi aiuterà a sentirvi pieni di energia più a lungo, che possa contribuire con la perdita di peso. Ricca di fibre aiuta la salute metabolica e stabilizza di zucchero nel sangue.
  •  Estratto di avocado in coppia con olio di soia può ridurre i sintomi di artrite.
  •  Polifenoli e flavonoidi all’interno di avocado hanno proprietà anti-infiammatorie.
  •  Avocado depura l’intestino, alleviando l’alito cattivo.
  •  L’olio di avocado nutre notevolmente la pelle ed è un trattamento che cura la psoriasi e altre irritazioni della pelle.
  •  Gli avocado contengono un antiossidante chiamato glutatione che previene le malattie cardiache, cancro e rallenta i segni dell’invecchiamento.
  •  Il glutatione combatte anche i radicali liberi.

Il nostro sangue e le cellule trasportano l’ossigeno a tutto il nostro corpo. Quando siamo esposti a inquinanti ambientali, queste tossine cambiano l’ossigeno nei nostri mitocondri in radicali liberi, distruggendo le nostre cellule e il DNA. Questo danno crea malattie croniche. I ricercatori della Federazione delle Società Americana per la Biologia Sperimentale hanno trovato che il glutatione contenuto nell’ avocado può essere assorbito nei nostri mitocondri e quindi neutralizzare i radicali liberi.

FONTE: Livingtraditionally

 

 

(ENGLISH VERSION)

The avocado is believed to have originated in Puebla, Mexico. The oldest evidence of the avocado was found in a cave in Puebla, Mexico and dates back to around 10,000 BC.

Native to Mexico and Central America, the avocado is classified in the same family as camphor and cinnamon. An avocado is botanically, a large berry that grows on a tree that can reach 6 feet tall. Just like a banana, the avocado ripens 1-2 weeks after being picked.

Avocados are often referred to as the healthiest food due to its impressive nutritional value.

An avocado contains these vitamins and minerals:

  • Vitamin B1
  • Vitamin B2
  • Vitamin B3
  • Vitamin B5
  • Vitamin B6
  • Vitamin B9
  • Vitamin C
  • Vitamin E
  • Vitamin K
  • Calcium
  • Iron
  • Magnesium
  • Manganese
  • Phosphorus
  • Sodium
  • Zinc

Why You Must Eat One Avocado a Day

•An avocado contains more potassium than a banana. Avocados have 14% and a banana contains 10% potassium.

•Folate for your hearts health. Avocados have 23% folate which lowers incidences of heart disease. Vitamin E, monounsaturated fats and glutathione are also good for the heart. Folate can lower the risks of having a stroke.

•Folate is also essential in the prevention of birth defects such as spina bifida and neural tube defect.

•Eating avocados help our body’s absorb 5 times the amount of carotenoids (lycopene and beta carotene).

•Eye Heath- Avocados contain more carotenoid lutein than any other fruit, protecting against muscular degeneration and cataracts.

•High in beta-sitosterol, avocados lower bad cholesterol by 22%, raises good cholesterol by 11% and also lowers blood triglycerides by 20%.

•Studies show high oleic acid prevents breast cancer, inhibits tumor growth in prostate cancer and seeks out precancerous and oral cancer cells and destroys them.

•Avocados are high in fiber and will help you feel fuller longer, potentially helping with weight loss. High fiber helps metabolic health and steadies blood sugar.

•Avocado extract paired with soybean oil can reduce the symptoms of arthritis.

•Pholyphenols and flavonoids within avocados have anti inflammatory properties.

•Avocados cleanse the intestines, relieving bad breath.

•Avocado oil greatly nourishes the skin and is a beneficial treatment for psoriasis and other skin irritations.

•Avocados contain an antioxidant called glutathione that prevents heart disease, cancer and slows the signs of aging.

•Glutathione also fights free radicals.

Our blood and cells carry oxygen all throughout our bodies. When we are exposed to environmental pollutants, these toxins change the oxygen in our mitochondria into free radicals, destroying our cells and DNA. This damage creates chronic illnesses. Researchers from the Federation of American Society for Experimental Biology have found glutathione in avocados can be absorbed into our mitochondria and then neutralize the free radicals.

 

SOURCE: Livingtraditionally 

Read Full Post »

barbabietola-rossaLa barbabietola nasce nell’epoca greco romana e si diffonde in Ialia ed in Europa a partire dal XV secolo.

E’ un ortaggio che assume varie sfumature di rosso dal più delicato al più intenso grazie al suo colorante naturale chiamato betaina. La pianta della barbabietola è molto alta, può oltrepassare un metro e la forma delle sue foglie assomiglia ad un cuore.

Tipi di barbabietola

Le varie modalità di coltivazione della barbabietola sono: da zucchero, da orto o da foraggio. La barbabietola da zucchero è stata così identificata perchè un agronomo francese, Olivier de Serres, scoprì che, durante la cottura, la barbabietola produceva uno sciroppo dolce. Oggi è coltivata nella valle padana e nelle province di Ferrara e Rovigo, dove si trovano la maggior parte degli zuccherifici per la lavorazione delle barbabietole. A causa del processo di lavorazione industriale per la produzione dello zucchero bianco di uso comune, non lo consigliamo. La barbabietola da orto viene coltivata per utilizzarne sia la radice che può essere lunga, piatta o tonda, sia le foglie che sono ricche di vitamine. Si consiglia, pertanto, di sfruttarne entrambi le parti: radice e foglie. La barbabietola da foraggio viene coltivata solo per il foraggio da bestiame e si distingue per la forma cilindrica e perchè emerge molto dal suolo.

Le proprietà della barbabietola

barbabietola, rosso, depurativo, disintossicaLa barbabietola ha un apporto calorico molto basso poiché è costituita al 90% di acqua ed una delle sue proprietà principali è quella di essere un potente antiossidante.

E’ ricca di minerali: ferro, magnesio, fosforo, calcio e potassio ed è nota per i suoi effetti depurativi e disintossicanti. E’ bene sapere che, se consumata con succo di limone , aumenta l’assimilazione del ferro da parte dell’organismo ed è necessaria per il ripristino dei globuli rossi.

Il suo alto contenuto di ferro la rende molto utile durante i disturbi mestruali, la menopausa ed importante per gli anemici e gli sportivi. Il succo estratto in particolare è in grado di migliorare le prestazioni fisiche.

La barbabietola è in grado di stimolare la produzione dei succhi gastrici pertanto, è da consumare con cautela nei soggetti che soffrono di gastrite ed è da evitare se si soffre di calcoli renali per l’alta presenza di calcio. E’ da assumere con moderazione, invece, per chi soffre di diabete poiché contiene molti zuccheri.

E’ ricca di fibre che aiutano la funzionalità dell’intestino e, grazie al suo apporto vitaminico, è consigliata durante le convalescenze.

I suoi moteplici utilizzi

ortaggi per depurare, depurazione, succo estrattoIn fase di acquisto è consigliabile verificare che le barbabietole siano lisce e sode, senza macchie e non troppo grandi. Sulla nostra tavola è ottima con olio e limone grattuggiata o tagliata sottile se consumata cruda. Qualora si preferisca cotta, è opportuno bollirla per un’ora con la pelle , farla raffreddare, sbucciarla e consumarla a fette oppure tagliata a dadini per arricchire l’insalata. Il suo sapore è prevalentemente dolce quindi è molto gustoso abbinarla a verdure amare come ad esempio il radicchio rosso o l’indiviabelga. Può essere saltata in padella con poco olio extravergine di oliva bio, o cotta al forno per accompagnare i secondi oppure come condimento per i primi.

Le sue foglie possono essere bollite e consumate come le erbette o gli spinaci e sono ottime anche per cucinare un risotto. Sconsigliamo la barbabietola precotta e confezionata perchè è priva delle sue proprietà terapeutiche.

Decotti e succhi estratti

La barbabietola è ottima per fare un decotto digestivo e depurativo ma traiamo massimo beneficio con il suo succo centrifugato, o meglio ancora succo estratto. Consigliamo di fare un bel  succo con barbabietola carota mela e cetriolo per ottenere il massimo dell’apporto vitaminico per l’organismo. Il succo di barbabietola può anche essere diluito con acqua e consumato durante la giornata per ottenere un effetto depurativo e nutriente allo stesso tempo.

 

Con la rossa barbabietola in cucina la salute migliora ogni mattina!

 

FONTE: Benesserecorpomente

 

(ENGLISH VERSION)

The beet was born in the  roman greek  era and spreads Italy and Europe since the fifteenth century. It is a vegetable that takes various shades of red from the most delicate to the most intense thanks to its natural dye called betaine. The sugar beet plant is very high, it can pass a few meters and the shape of its leaves looks like a heart.

Types of beetroot

The various beet cultivation modes are:

  • sugar,
  • vegetable garden or
  • fodder.

The sugar beet has been so identified because a French agronomist Olivier de Serres, discovered that, during cooking, beet produced a sweet syrup. Today it is grown in the Po valley and in the provinces of Ferrara and Rovigo, where are most of the factories for the processing of sugar beet.

Because of the industrial process for the production of white sugar in common use, we do not recommend it.

The table beet is cultivated in order to use both the root that can be long, flat or round, both leaves are rich in vitamins. It is advisable, therefore, to take advantage of both parties: the root and leaves.

The fodder beet is only grown for cattle fodder and stands out for its cylindrical shape and because it emerges from the very ground.

The properties of beetroot

The beetroot, is red, depurative, and detox, the  beet has a very low caloric intake because it consists to 90% of water and one of its principal property is that of being a powerful antioxidant.

And it is rich in minerals: iron, magnesium, phosphorus, calcium epotassio and is known for its cleansing and detoxifying effects. It is good to know that, if eaten with lemon juice, it increases iron absorption by the body and is necessary for the restoration of red blood cells.

Its high iron content makes it very useful during menstrual disorders, menopause and important for anemic and sportsmen. The juice extracted in particular is able to improve physical performance.

The beet is able to stimulate the production of gastric juices, therefore, is to be consumed with caution in patients suffering from gastritis and is to be avoided if you suffer from kidney stones for the high presence of calcium. It is to be taken in moderation, however, for those suffering from diabetes because it contains a lot of sugar.

And it is rich in fibers that help the bowel function and, thanks to its vitamin content, it is recommended during convalescence.

Its uses are in many forms

When you purchase it,  you should make sure that the beets are smooth and firm, without blemishes and not too big. On our table it is delicious with oil and lemon or thinly cut if eaten raw. If you prefer it cooked, you should boil it for one hour with the skin,  cool it, peel it and eat it sliced or diced to enrich the salad. Its flavor is mainly sweet so it’s very tasty combining it with bitter greens such as radicchio or bellina endive. It can be sauteed with a little organic olive oil, or baked in the oven to accompany the main dish or as a condiment for the appetizer dish.

Its leaves can be boiled and eaten like spinach or chard and are excellent for cooking a risotto. We do not recommend pre-cooked beetroot and packed because it is devoid of its therapeutic properties.

Decoctions and extracts juices

The beet is great to make a decoction and digestive cleansing juice but we derive maximum benefit with its centrifuged juice, or better still  extracted juice. We advise you to make a nice carrot apple juice with beet and cucumber for maximum vitamin intake to the body.

The beet juice can also be diluted with water and consumed throughout the day to obtain a cleansing and nourishing effect at the same time.

With beetroot in health food improves every morning!

SOURCE: Benesserecorpomente

Read Full Post »

frutta-verdura-colore-arancio-fanno-bene-alla-saluteUna sostanza presente in arance, peperoni, mandarini e altri frutti e ortaggi dal colore giallo o arancione è un potente protettore delle cellule dei polmoni.

 

Arance, zucca e peperoni rossi non devono mai mancare sulla tavola, specialmente quella dei fumatori e di chi vive in zone inquinate:

  • secondo uno studio effettuato dalla Tufts University, nel Massachusetts, pubblicato sulla rivista Cancer Prevention Research, una sostanza contenuta in questi cibi (un pigmento chiamato beta-criptoxantina e siglato BCX), riduce il rischio di cancro ai polmoni a cui sono esposti in particolar modo i fumatori.

I carotenoidi (e in particolare il BCX, che dona il tipico colore giallo, arancione o rosso ai frutti e agli ortaggi) prevengono proprio la proliferazione delle cellule tumorali.

Il segreto è in un carotenoide preziosissimo 

Lo studio, condotto da Xiang-Dong Wang, è consistito nella somministrazione quotidiana a due gruppi di cavie da laboratorio di un agente cancerogeno derivato dalla nicotina e contemporaneamente, a uno dei due gruppi, alla somministrazione di BCX. Nei roditori che hanno ricevuto il carotenoide si è evidenziata una riduzione del 52-63 per cento nella crescita del tumore del polmone rispetto all’altro gruppo. I risultati sono stati confermati da test su cellule tumorali del polmone umano.

Variare frutta e verdura ci mantiene in salute

La dose giornaliera più efficace per l’effetto sulle cellule, secondo gli esperti, è quella contenuta in un peperone e uno o due mandarini. Il consiglio, che vale in generale per mantenere l’organismo in salute, è quello di portare in tavola ogni giorno degli alimenti freschi dal tipico colore giallo, rosso o arancione, e di variare il più possibile frutta e verdura, che devono essere presenti ad ogni pasto.

Peperoni, mandarini e arance prevervano polmoni 

I cibi che contengono più BCX sono i peperoni, la zucca, i cachi, i mandarini, la papaia, le pesche, le arance dolci e la paprica.

Il menu quotidiano per mantenere in salute i nostri polmoni potrebbe prevedere dei frutti arancioni alla mattina a colazione (due mandarini o un’arancia), un’insalata ricca a pranzo, con peperoni, dei cachi come frutto spezzafame oppure della zucca al forno alla sera, accompagnata da proteine.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

A substance present in oranges, peppers, mandarin oranges and other fruits and vegetables with yellow or orange color is a powerful protector of the lung cells.

Oranges, pumpkin and red peppers should always be in your meals, especially that of smokers and those who live in polluted areas: according to a study by Tufts University in Massachusetts, published in the journal Cancer Prevention Research, a substance contained in these foods ( a pigment called beta-cryptoxanthin and signed BCX), reduces the risk of lung cancer to which they are exposed especially smokers. Carotenoids (and in particular the BCX, which gives the typical yellow, orange or red fruits and vegetables are not) prevent the proliferation of cancer cells.

The secret is a  precious carotenoid

The study, led by Xiang-Dong Wang, consisted in the everyday feeding of two groups of guinea pigs of a carcinogen derived from nicotine and at the same time, to one of two groups, the administration of BCX. In rodents that received the carotenoid it has highlighted a reduction of 52-63 percent in the lung tumor growth than the other group. The results have been confirmed by tests on human lung cancer cells.

 
Vary fruits and vegetables keeps us healthy

The most effective daily dose for the effect on the cells, according to experts, is that contained in a pepper and one or two tangerines. The board, which is generally to maintain the healthy organism, is to bring to the table every day fresh food from the typical yellow, red or orange, and vary as much as possible fruits and vegetables, which must be present to every meal.

Peppers, tangerines and oranges protect lungs

Foods that contain more BCX are peppers, squash, persimmons, tangerines, papaya, peaches, oranges and sweet paprika.

The daily menus to keep our lungs healthy could predict the Orange fruits in the morning at breakfast (an orange or two tangerines), rich salad for lunch, with peppers, persimmons like fruit for a snack or pumpkin baked in the evening , accompanied by proteins.

SOURCE: Riza

 

 

 

 

Read Full Post »

Older Posts »