Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘acido laurico’

olio_di_coccoIn questo studio di laboratorio di recente pubblicazione, l’acido laurico (olio di cocco è circa il 50% di acido laurico) ha ucciso oltre il 93% delle cellule tumorali del colon umano (Caco-2) dopo 48 ore di trattamento.

 

Curiosamente, l’acido laurico avvelena le cellule tumorali  scatenando simultaneamente un profondo stress ossidativo mentre riduce fortemente i livelli di glutatione (che è esattamente ciò che le cellule tumorali necessitano per proteggersi dal aumento dello stress ossidativo).

Mentre stiamo solo ora scoprendo il pieno potenziale anti-cancro dell’olio di cocco, i suoi molti benefici per la salute sono già ben consolidati attraverso la ricerca medica.

Uccide naturalmente

  • virus multipli,
  • batteri,
  • funghi e
  • parassiti.

Aiuta la digestione e il metabolismo epatico, riduce l’infiammazione, e promuove la pelle più sana e più rapida guarigione delle ferite quando applicato localmente. Può anche essere un aiuto efficace per il diabete, come è stato dimostrato di aumentare i livelli di HDL colesterolo benefico nelle donne, migliorare il loro rapporto LDL: HDL, e portato a perdita di peso superiore e addominale lass grassi rispetto all’olio di soia.

L’olio di cocco viene ora utilizzato in studi clinici per migliorare il colesterolo nei pazienti con malattia cardiaca cronica, nella lotta contro Alzheimer di, e per migliorare la pressione sanguigna e livelli di zucchero nel sangue.

 

L’olio di cocco è unico in quanto è l’acido laurico circa il 50%, un mezzo trigliceride a catena corta che è altrimenti molto difficile trovare nella nostra dieta (olio di nocciolo di palma è anche circa il 50% di acido laurico).

È interessante notare, che l’acido laurico costituisce circa il 2% del grasso nel latte vaccino ma 6% del grasso nel latte umano, implicando che gli esseri umani possono avere naturalmente una necessità più elevata di questo acido grasso.
Questi studi non significano necessariamente che l”olio di cocco sia la panacea contro il cancro ma che la natura ha fornito molti modi naturali per combattere le malattie e grazie alla ricerca possiamo trovare più informazioni che possiamo condividere con gli altri e ci dà l’opportunità di trovare eventualmente cure e  misure preventive grazie a Madre Natura, invece di limitarsi a mettere la nostra fdicucia nella comunità medica e il suo singolare approccio alla malattia.

FONTE: Healthy Holistic Living

 

(ENGLISH VERSION)

In this newly published lab study, lauric acid (coconut oil is about 50% lauric acid) killed over 93% of human colon cancer cells (Caco-2) after 48 hours of treatment. Intriguingly, the lauric acid poisoned the cancer cells by simultaneously unleashing profound oxidative stress while strongly reducing their levels of glutathione (which is exactly what the cancer cells needed to protect themselves from the increased oxidative stress).

While we are just now discovering coconut oil’s full anti-cancer potential, its many health benefits have already been well established through medical research. It naturally kills multiple viruses, bacteria, fungi and parasites. It aids digestion and liver metabolism, reduces inflammation, and promotes healthier skin and faster wound healing when applied topically. It may also be an effective aid for diabetes , as it has been shown to raise levels of the beneficial cholesterol HDL in women, improve their LDL:HDL ratio, and resulted in superior weight loss and abdominal fat lass compared to soybean oil.

Coconut oil is now being used in clinical trials for improving cholesterol in patients with chronic heart disease, in fighting Alzheimre’s, and for improving blood pressure and blood sugar levels. Coconut oil is unique in that it is about 50% lauric acid, a medium chained triglyceride that is otherwise very hard to find in our diets (palm kernel oil is also about 50% lauric acid). Interestingly, lauric acid makes up about 2% of the fat in cow’s milk but 6% of the fat in human milk, implying that humans may have a naturally higher need for this fatty acid.
These studies don’t necessarily mean coconut is the panacea of cancer what it means is that nature has provided many natural ways to combat disease and the more research we can do and the more information we can share with others gives us opportunities to possibly find cures and preventive measures using Mother Nature instead of simply putting our faith in the medical communities singular approach to disease.

 

FONTE: Healthy Holistic Living

Read Full Post »

olio_di_coccoAbbiamo già parlato in altri articoli qui e qui di quanto sia benefico l’olio di cocco. Ma ecco una nuova e recente scoperta. 

 

In questa ricerca di laboratorio di recente pubblicazione, l’acido laurico (olio di cocco fatto di circa il 50% di acido laurico) ha ucciso oltre il 93% delle cellule tumorali del colon umano (Caco-2) dopo 48 ore di trattamento.

 

Curiosamente, l’acido laurico ha avvelenato le cellule tumorali simultaneamente scatenando un profondo stress ossidativo mentre nel contempo stava riducendo fortemente i livelli di glutatione (che è esattamente ciò che le cellule tumorali necessitano per proteggersi dal maggiore stress ossidativo).

Mentre stiamo solo ora scoprendo tutto il potenziale anti-cancro di olio di cocco, i suoi molti benefici per la salute sono già state ben dimostrati e consolidati attraverso la ricerca medica.

Uccide naturalmente:

  • virus multipli,
  • batteri,
  • funghi e
  • parassiti.

 

Aiuta la digestione e il metabolismo per il sistema epatico, riduce l’infiammazione, e promuove una pelle più sana e le ferite guariscono più velocemente quando viene applicato localmente.

Può anche essere un aiuto efficace per il diabete, come è stato dimostrato fa aumentare i livelli di HDL il colesterolo benefico nelle donne, migliorare la loro LDL: HDL, e porta a perdita di peso superiore soprattutto la perdita di grasso nella zona addominale rispetto all’olio di soia.
L’olio di cocco è ora usato negli studi clinici per migliorare il colesterolo nei pazienti con malattia cardiaca cronica, nella lotta Alzheimer di, e per migliorare i livelli di pressione arteriosa e di zucchero nel sangue.

 

Olio di cocco è unico in quanto è l’acido laurico circa il 50%, un mezzo trigliceride incatenato che è altrimenti molto difficile da trovare nella nostra dieta (olio di nocciolo di palma è anche circa il 50% di acido laurico).

È interessante notare, che l’acido laurico costituisce circa

  • il 2% del grasso nel latte vaccino
  • ma 6% del grasso nel latte umano,

dimostrando che gli esseri umani possono avere naturalmente bisogno di un più elevato tasso di questo acido grasso.

Questi studi non significano necessariamente che l’olio di cocco sia  la panacea per il cancro al colon ma che  la natura ha fornito molti modi naturali per combattere la malattia e  più facciamo ricerca più possiamo dare  informazioni che possiamo condividere con gli altri dandoci l’opportunità di trovare eventualmente cure e misure preventive con Madre Natura, invece di limitarci a mettere la nostra fede nella comunità medica che ha un approccio singolare alla malattia.

Fonti:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov

http://www.edenprescription.com

FONTE: WorldTruth.tv

(ENGLISH VERSION)

In this newly published lab study, lauric acid (coconut oil is about 50% lauric acid) killed over 93% of human colon cancer cells (Caco-2) after 48 hours of treatment. Intriguingly, the lauric acid poisoned the cancer cells by simultaneously unleashing profound oxidative stress while strongly reducing their levels of glutathione (which is exactly what the cancer cells needed to protect themselves from the increased oxidative stress).

While we are just now discovering coconut oil’s full anti-cancer potential, its many health benefits have already been well established through medical research. It naturally kills multiple viruses, bacteria, fungi and parasites. It aids digestion and liver metabolism, reduces inflammation, and promotes healthier skin and faster wound healing when applied topically. It may also be an effective aid for diabetes , as it has been shown to raise levels of the beneficial cholesterol HDL in women, improve their LDL:HDL ratio, and resulted in superior weight loss and abdominal fat lass compared to soybean oil.

Coconut oil is now being used in clinical trials for improving cholesterol in patients with chronic heart disease, in fighting Alzheimre’s, and for improving blood pressure and blood sugar levels. Coconut oil is unique in that it is about 50% lauric acid, a medium chained triglyceride that is otherwise very hard to find in our diets (palm kernel oil is also about 50% lauric acid). Interestingly, lauric acid makes up about 2% of the fat in cow’s milk but 6% of the fat in human milk, implying that humans may have a naturally higher need for this fatty acid.

These studies don’t necessarily mean coconut is the panacea of cancer what it means is that nature has provided many natural ways to combat disease and the more research we can do and the more information we can share with others gives us opportunities to possibly find cures and preventive measures using Mother Nature instead of simply putting our faith in the medical communities singular approach to disease.

Sources:

www.ncbi.nlm.nih.gov

www.edenprescription.com

SOURCE: WorldTruth.tv

Read Full Post »

LATTE VEGETALEI latti vegetali sono un’ottima alternativa a quello vaccino utilizzata prevalentemente dai vegani.

In realtà, non si tratta di bevande adatte soltanto a chi per scelta non mangia cibi di origine animale, ma anche a chi soffre di colesterolo alto e, in generale, a tutti coloro che hanno necessità di seguire una dieta povera di grassi, anche solo per dimagrire o per controllare meglio il diabete.

Infatti, da un lato sono ricchi di nutrienti come vitamine e minerali, dall’altro sono privi di colesterolo e contengono quantità irrilevanti di grassi saturi.

Inoltre, sono indicati per chi è intollerante al lattosio, per chi è allergico alla caseina e possono essere introdotti nell’alimentazione di chiunque voglia seguire una dieta sana e leggera. Ogni tipo può avere diversi utilizzi, si possono quindi bere caldi o freddi, ma anche usare in cucina al posto di quello vaccino.

1) Il latte di cocco rinforza le ossa:

non va confuso con l’acqua di cocco, cioè il liquido che si trova naturalmente all’interno del frutto. A differenza degli altri latti vegetali ha un alto contenuto di grassi saturi, ma di una qualità migliore rispetto a quelli di origine animale. E’ poco proteico e contiene una discreta quantità di vitamine del gruppo B e C, minerali, come fosforo e potassio, oltre all’acido laurico, una sostanza utile per le ossa.

2) Il latte di mandorle ha tante calorie ma è salutare:

si tratta del latte vegetale più calorico di tutti, perché le mandorle sono molto ricche di grassi polinsaturi. Tuttavia il contenuto di quelli saturi è piuttosto limitato. Inoltre, è ricco di antiossidanti, calcio, fibre e vitamina E. E’ particolarmente indicato per gustare una colazione tradizionale e nella preparazione di torte e dolci al cucchiaio.

3) Il latte di avena è consigliato contro il colesterolo:

è poco calorico e dal limitato contenuto di grassi, soprattutto polinsaturi, mentre è ricco di zuccheri semplici. Contiene, inoltre, fibre, vitamina E e acido folico. Come il latte di soia anche quello di avena è una valida alternativa al latte vaccino, per chi è intollerante, e soprattutto per chi ha problemi di aterosclerosi, perché l’avena aiuta a ridurre il colesterolo Ldl (quello cattivo).

4) Il latte di riso fornisce energia immediata:

è ricco di zuccheri semplici e quindi fornisce energia prontamente disponibile; se consumato in dosi abbondanti non è particolarmente adatto ai diabetici, perché potrebbe alzare l’indice glicemico. E’, invece, il latte vegetale meno grasso e contiene prevalentemente grassi polinsaturi. Fornisce, poi, un buon apporto di fibre, vitamina A, B, D, e minerali, e una quantità di proteine inferiore rispetto al latte di soia.

5) Il latte di soia è il più simile a quello vaccino:

è il latte vegetale meno calorico e il più ricco di proteine, per questo è nutrizionalmente il più simile al latte vaccino, ma con un contenuto di grassi molto inferiore a quello intero e di poco superiore a quello parzialmente scremato. Contiene prevalentemente grassi polinsaturi, compresi gli omega 3, mentre i grassi saturi sono molto ridotti. Inoltre è ricco di vitamine A, E, B e minerali, in particolare il calcio nella variante arricchita.

FONTE: il vero benessere

Read Full Post »