Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘malattie cardiache’

cibo-immaginario-BAR-GRANDE-ITALIA_8Da quando abbiamo iniziato i medici  insegnano  alle persone l’importanza di smettere di fumare, la moderazione nel consumo di alcol, una dieta nutriente a base vegetale per lo più, l’esercizio quotidiano, e il controllo del peso, milioni di persone sono state martellate per via del loro stile di vita malsano.

Malgrado il senso di colpa e la vergogna tutto ciò non ha portato a miglioramenti significativi per la salute della popolazione. Anche se la gente sa cosa sia uno stile di vita “sano”, la maggior parte non lo adotta. Al contrario, i tassi di diabete, obesità, pressione alta, malattie cardiache, e gran parte di altre malattie prevenibili sono in aumento.

Delusione.

Mentre un sacco di gente ama parlare circa l’importanza di cambiare stile di vita sano – e si fanno dei centrifugati verdi, esercizio fisico, non fumano, salute alimentare drogato, sono d’accordo con ‘em – ciò che mi urta è come pochi stanno parlando di altri fattori critici che aiutano a contribuire  alla salute e alla longevità – fattori che sono senza dubbio significativi, anche più di dieta, dell’uso di sigarette, del consumo di alcol, del peso, e dell’esercizio fisico.

Alcune malattie si possono prevenire

Prima di condividere con voi tesi di fattori che potrebbero scioccarvi, vorrei iniziare con un cappello introduttivo alla saggezza medica convenzionale.

Sì, alcune malattie si possono prevenire. Se sei un fumatore di tre pacchetti al giorno ci sono alte probabilità di avere il cancro ai polmoni, ti senti piuttosto in colpa sulla tuo cancro perché sai che se tu non avessi mai fumato, probabilmente non avresti sviluppato quella malattia. Se siete stati a mangiare al McDonalds ogni giorno, non vi sorprenderà se un attacco di cuore bussa alla vostra porta   e vi porta a fare un intervento chirurgico di bypass. Se siete stati spesso con una bella sbronza  per tre decenni è normale sviluppare la cirrosi epatica, beh …

Non per essere duro, ma sapevate che questo poteva accadere, giusto? Se siete molto sovarppeso e poi sviluppate il diabete, ehm … devo dire altro?

Sì, se ci proponiamo di condurre una vita sana in modo ottimale, con una dieta sana, del buon esercizio fisico, il controllo del peso, l’assunzione moderata di alcol, e limitare o eliminare le sigarette, allora qualcosa si ottiene.

Alcune persone che conducono una vita malsana vivono fino a 100 anni

Affrontiamo questa realtà. Alcuni fumatori, grandi bevitori, sovrappeso, mangiatori di cibo spazzatura e  teledipendenti rimangono in buona salute e muoiono di vecchiaia.

In quanto medico, questa gente mi ha sempre stupito.

Come fanno i loro corpi a resistere tanto ai veleni?  E ‘genetica? E ‘solo pura fortuna? Queste persone mi ha sempre dato un gratta capo, fino a quando, stavo facendo le ricerche per il mio libro Mind Over Medicine: Scientific Proof That You Can Heal Yourself (Hay House, 2013).

Chiaramente, ci sono molti fattori che contribuiscono al perché una persona finisce male quando altri soggetti godono di buona salute, nonostante le cattive abitudini e lo stile di vita pessimo. E’ vero anche per chi conduce uno stile di vita sano e salutare ma poi contrae la malattia.

Ma quali sono questi fattori che, probabilmente, il medico non valuta con voi?

Amare la compagnia equivale a stare in buona salute

Vorrei iniziare raccontando una storia.

C’era una volta, una comunità di immigrati italiani che ha attraversato l’Atlantico e si stabilì a Roseto, Pennsylvania, dove non conducevano uno stile di vita che si potesse chiamare “sano”. Mangiavano polpette fritte con la pancetta, fumavano come ciminiere, facevano tardi ogni notte, e mangiavano molta pasta e pizza. Eppure, incredibilmente, avevano la metà del tasso di malattie cardiache e tassi molto più bassi in molte altre malattie rispetto alla media nazionale. Non era diruto all’acqua che bevevano, o all’ospedale che frequentavano, e nemmeno al loro DNA. E ‘chiaro anche che non era la loro dieta a proteggerli. Quindi, cos’è che ha reso la gente di Roseto così resistente alla malattia del cuore?

Un medico, sconcertato dal loro basso tasso di malattie cardiache, ha studiato i cittadini deciso a capire perché erano così protetti e sani?

Gli effetti del senso di solitudine sul corpo

Ciò che i ricercatori hanno trovato è che i legami stretti nelle comunità che vivono in case multi-generazionali e godono di frequenti cene in comune e feste forniscono conforto dalla solitudine di cui soffrono così tante persone. L’amore e il sostegno degli altri nella comunità con stretti legami allevia lo stress e aiuta molte persone che si sentono sole. I ricercatori ipotizzano che la gente sola sente di più lo stress, i livelli di cortisolo aumentano e tutto questo attiva il sistema nervoso simpatico, aumentando la frequenza cardiaca, elevando la pressione sanguigna, abbassando il sistema immunitario, e aumentando il rischio di malattie cardiache,ed è responsabile di gran parte delle malattie di cui le persone che si sentono sole soffrono.

Siccome  il popolo di Roseto non si è mai sentito solo, raramente sono morti di malattie cardiache – La maggior parte morì di “vecchiaia” – Hanno fumato, anche se, mangiavano male e bevevano molto.

Come si è visto, la riduzione della solitudine è di fatto una medicina preventiva, e dei dati scientifici suggeriscono che la solitudine è un fattore di rischio per la malattia perfino più forte del fumo o della mancanza di esercizio.

Perché una persona si ammala e un altro rimane in buona salute

Non è solo la solitudine che contribuisce al fatto che ci si possa ammalare o rimanere in buona salute.

Come ho illustrati nel mio discorso al  TEDx ( TEDx talk), non solo i vostri rapporti riguardano la vostra salute – è lo stress da lavoro, stress finanziario, problemi di salute mentale come la depressione e l’ansia, se sei ottimista o pessimista, e se non ci si lascia coinvolgere  attivamente in modo da ridurre lo stress con attività di tipo creativo, il sesso, e le attività spirituali come la preghiera, assistere a funzioni religiose, o la meditazione.

Ad esempio, prendiamo una persona che mangia male, fuma, e non fa esercizio fisico, ma che gode di anni di matrimonio incredibile meraviglioso, una grande famiglia, amici favolosi, un lavoro economicamente redditizio gratificante e vitale, un senso di scopo di vita, una vita spirituale sana, un fioritura vita creativa, e una vita sessuale gratificante.

A parte la nuvola di fumo che si diffonde nei polmoni con tossine e veleni e che il  corpo di questa persona ingerisce, questo tipo di stile di vita è stato scientificamente dimostrato che può portare a una salute migliore rispetto ad un individuo solitario che vive matrimonio oppressivo, con un lavoro che gli succhia l’anima, con nessuna vita sessuale, nessuna vita spirituale e senza sbocchi creativi.

I dati scientifici suggeriscono che la persona “con uno stile di vita non sano” ma con una vita sana e equilibrata ha più probabilità di vivere una vita lunga e sana di una persona che non fuma, ache ha scelto una alimentazione vegan con un personal trainer che lo segue ma è malsano e infelice in tutti gli aspetti della sua vita.

Ha senso per voi?

Come fare ad avere una vita sana?

Nel mio prossimo libro, andrò più  in dettaglio, dimostrando come ciascuno di questi fattori di vita sana influenzano la fisiologia del corpo, sto puntando in quella direzione, vorrei solo essere sicura che quello che sto suggerendo che sia vero. Io non sto raccomandando di scegliere di fumare, bere o mangiare troppo (e se avete già, potete leggere qui su come penso che dovreste fare per miglioare il vostro stile di vita:read here about how I think you shouldn’t kick the habit until you’re ready).

Il mio obiettivo è di suggerirvi di iniziare a pensare alla vostra salute guardando oltre i confini tradizionali di come la MAGGIOR PARTE delle persone definiscono la salute. (Potete leggere di più su la mia definizione ampliata di salute qui: read more about my expanded definition of health here.)

lissa-signature

 

 

 

Articoli pretendenti di Lissa

Riguardo all’autrice

lissa_rankinLissa Rankin, MD è medico di occupa del rapporto mente-corpo. fondatrice di Whole Health Medicine Institute tiene corsi di aggiornamento per medici sulla salute e come mantenerla , è anche autrice di un libro  Mind Over Medicine: Scientific Proof That You Can Heal Yourself. Si occupa di come migliorare la salute  e il benessere e prendersi cura di sé stessi.

Lissa ha un blog LissaRankin.com e ha anche creato una comunità online – HealHealthCareNow.com e OwningPink.com. E’ anche autrice ai altri due libri, è un artista, ama sciare, e ama le passeggiate in montagna. Vive sulla baia di San Francisco con il marito e la figlia.

(ENGLISH VERSION)

 

Ever since we docs started teaching people the importance of smoking cessation, moderation in alcohol intake, a nutritious, mostly plant-based diet, daily exercise, and weight control, millions of people have been beating themselves up for unhealthy lifestyle habits.  Yet the guilt and shame so many feel hasn’t led to significant improvements in the health of the general public. Even though people know how to live a “healthy” lifestyle, most choose not to. Instead, rates of diabetes, obesity, high blood pressure, heart disease, and other largely preventable diseases are on the rise.

Bummer.

While lots of people rattle off about the importance of healthy lifestyle modifications – and as a green-juicing, exercising, non-smoking, health food junkie, I agree with them – what shocks me is how few are talking about the other critical factors that contribute to health and longevity – the factors that are arguably even more important than diet, cigarette use, alcohol intake, weight, and exercise.

Some Diseases Are Preventable

Before I share with you these factors that may shock you, let me start with a hat tip to conventional medical wisdom. Yes, some diseases are largely preventable. If you’re a 3 pack-a-day smoker who winds up with lung cancer, you’re probably feeling pretty crappy about your cancer because you know that if you had never smoked, you probably wouldn’t have been saddled with that disease. If you’ve been eating at McDonalds every day, it won’t surprise you if a heart attack knocks you flat and you have to get bypass surgery. If you’ve been boozing it up for three decades and you wind up with cirrhosis of the liver, well… not to be harsh, but you knew that might happen, right? If you’re four hundred pounds and you get diabetes, um… need I say more?

Yes, if we aim to lead optimally healthy lives, diet, exercise, weight control, alcohol intake, and cigarette use matter.

Some Unhealthy People Live To Be 100

But let’s face it. Some smoking, boozing, overweight, junk food binging couch potatoes stay healthy and die of old age. As a physician, these people have always blown me away. How are their bodies so resilient to such poisons? Is it genetic? Is it just dumb luck? These people left me scratching my head, until I was doing the research for my book Mind Over Medicine: Scientific Proof That You Can Heal Yourself (Hay House, 2013).

Clearly, there are many factors contributing to why one person winds up sick when another stays healthy, in spite of poor health habits. The same is true for the health nut who is doing everything “right” but still winds up sick.

So what are these factors that your doctor probably isn’t discussing with you?

Loving Community Equals Health

Let me start by telling you a story.

Once upon a time, a tribe of Italian immigrants crossed the Atlantic and settled in Roseto, Pennsylvania, where they didn’t exactly live the most “healthy” lifestyle. They ate meatballs fried in lard, smoked like chimneys, boozed it up every night, and pigged out on pasta and pizza. Yet, shockingly, they had half the rate of heart disease and much lower rates of many other illnesses than the national average. It wasn’t the water they drank, the hospital they went to, or their DNA. And clearly, it wasn’t their stellar diet. So what was it that made the people of Roseto so resistant to heart disease?

One physician, baffled by their low rates of heart disease, studied the townspeople to determine why they were so protected.

The Effects of Loneliness On The Body

What his researchers found is that the tight knit community living in multi-generational homes and enjoying communal dinners and frequent festivities provided solace from the loneliness so many people feel. The love and support of others in the close knit community alleviated the stress and overwhelm many lonely people feel. Researchers posit that the stress lonely people feel, which increases cortisol levels and activates the sympathetic nervous system, raising heart rate, elevating blood pressure, incapacitating the immune system, and increasing the risk of heart disease, is responsible for much of the illness lonely people experience.

Because the people of Roseto never felt alone, they rarely died of heart disease – most died of “old age”- even though they smoked, ate poorly, and drank.  As it turns out, alleviation of loneliness is preventative medicine, and the scientific data suggests that loneliness is a stronger risk factor for illness than smoking or failure to exercise.

Why One Person Gets Sick & Another Stays Healthy

It’s not just loneliness that contributes to whether you get sick or stay healthy. As I discussed in my TEDx talk, it’s not just your relationships that affect your health – it’s work stress, financial stress, mental health issues like depression and anxiety, whether you’re optimistic or pessimistic, and whether or not you’re actively engaging in potentially stress reducing activities like creative expression, sex, and spiritual activities like prayer, attending religious services, or meditation.

For example, let’s take one person who eats poorly, smokes, and never exercises, but who enjoys an incredible marriage, a great family, fabulous friends, a rewarding and financially lucrative job, a sense of life purpose, a healthy spiritual life, a blossoming creative life, and a kickin’ sex life.  Aside from the cloud of smoke infusing the lungs with toxins and the poisons this person’s body is ingesting, this kind of lifestyle has been scientifically proven to result in better health than the lonely individual in an emotionally abusive marriage, with a soul-sucking job, no sex life, an absent spiritual life, and no creative outlets. The scientific data suggests that the “unhealthy” individual with an otherwise healthy, balanced life is more likely to live a long, healthy life than a nonsmoking, abstaining vegan with a personal trainer who is unhealthy and miserable in all other facets of life.

Make sense?

How Healthy Is Your Life?

In my upcoming book, I go into great detail, proving how each of these factors of a healthy life affect the physiology of the body, but until then, let me just assure you that what I’m suggesting is true. I’m not recommending that you pick up smoking, drinking, or overeating (and if you already have, you can read here about how I think you shouldn’t kick the habit until you’re ready). But I am suggesting that you start thinking about your health beyond the traditional confines of how most people define health. (You can read more about my expanded definition of health here.)

Updated November 2014

Previous articles by Lissa

About the author

lissa_rankinLissa Rankin, MD is a mind-body medicine physician, founder of the Whole Health Medicine Institute training program for physicians and health care providers, and the New York Times bestselling author of Mind Over Medicine: Scientific Proof That You Can Heal Yourself. She is on a grass roots mission to heal health care, while empowering you to heal yourself.

Lissa blogs at LissaRankin.com and also created two online communities – HealHealthCareNow.com and OwningPink.com. She is also the author of two other books, a professional artist, an amateur ski bum, and an avid hiker. Lissa lives in the San Francisco Bay area with her husband and daughter.

Read Full Post »

cuoreMangiare sano e svolgere il corretto esercizio fisico sono i primi due passi per vivere meglio. Ma non solo i soli. Esistono diverse cose, decisamente insolite, che possono fare bene alla nostra salute, soprattutto a quella del cuore. Vediamo insieme quali sono:

 

  1. Farsi le coccole. Sembra che farsi coccolare da una persona cara aiuti il rilascio nell’organismo di ossitocina, un ormone di natura proteica che aiuta a ridurre la pressione sanguigna.
  2. RidereSecondo una ricerca condotta dall’Università di Baltimora, ridere fa veramente bene al cuore, perché migliora la circolazione del sangue e previene i disturbi cardiovascolari. Effetti collaterali? Nessuno!
  3. Mangiare cioccolato. Le fave di cacao sono ricche di antiossidanti, sostanze nutritive che stimolano il sistema immunitario e aiutano il corpo a combattere diversi disturbi. Non solo, in base a quanto suggerito dagli scienziati del Top Institute Food and Nutrition e della Wageningen University, il cioccolato fondente aiuta a ripristinare la flessibilità alle arterie e a evitare che i globuli bianchi si attacchino alle pareti dei vasi sanguigni, prevenendo in questo modo l’insorgenza dell’aterosclerosi, di cui rigidità delle arterie e le placche sono il principale sintomo.
  4. Avere un animale domestico. Le  persone che vivono con animali domestici hanno una pressione sanguigna più bassa e un ridotto rischio di malattie cardiache, rispetto a coloro che non hanno amici a quattro zampe. Cosa che potrebbe essere dovuta anche al fatto che chi ha un animale domestico tende anche a fare maggiore attività fisica.
  5. Evitare la carne. Esistono diversi studi secondo cui il consumo di carne rossa potrebbe essere collegato a un aumento di probabilità di aterosclerosi.  Meglio i fagioli, come suggerisce una ricerca canadese… http://ambientebio.it/fagioli-vs-carne-per-proteggere-il-cuore-e-ridurre-il-colesterolo/
  6. Alzarsi. Stare seduti per la maggior parte della giornata, sia al lavoro che davanti alla tv, aumenta significativamente il rischio di malattie cardiache. Prendete l’abitudine di alzarvi, di tanto in tanto, camminare o fare una passeggiata per migliorare la salute del vostro cuore.
  7. Dormire nella giusta misura. Né troppo, né troppo poco. Chi dorme troppo poco rischia maggiormente ictus o malattie cardiache: la privazione del sonno determina infatti un aumento della produzione di ormoni infiammatori e cambiamenti nella funzione dei vasi sanguigni. Anche dormire troppo fa male però: oltre ad aumentare il rischio di demenza senile, incide sulla salute del cuore, predisponendo a malattie cardiache.
  8. Evitare il traffico stradale. Sembra che l’esposizione prolungata al traffico stradale, all’inquinamento e al rumore aumenti i rischi di attacco di cuore del 12%
  9. Sposarsi. Strano a dirsi, ma sembra che i matrimoni felici aiutino a proteggere il cuore e le arterie. Lo rivela uno studio di Carlos Alviar della New York University, Langone Medical Center, secondo cui, a parità di altri fattori che possono influenzare il rischio cardiovascolare di una persona, gli individui di entrambi i sessi sposati avevano un rischio cardiovascolare globalmente ridotto, con minore pericolo di soffrire di problemi vascolari sia periferici sia ai principali vasi che irrorano cervello e cuore, compresi ictus e infarto.

FONTE: Ambientebio

Read Full Post »

Cuore_e_zuccheroLo zucchero fa male al cuore: consumare troppi dolci e bevande zuccherate può triplicare il rischio di morire di malattie cardiache. L’ennesima conferma della pericolosità dello zucchero arriva da alcuni studiosi americani del Centers for disease control and prevention di Atlanta. 

La ricerca, pubblicata su Jama Internal medicine, ha esaminato la relazione tra assunzione di zuccheri aggiunti emortalità cardiovascolare concludendo che è sufficiente anche solo una bevanda zuccherata al giorno per incrementare il rischio di morire di malattie che coinvolgano arterie e cuore.

Secondo gli studiosi, chi assume un quarto del totale delle calorie dallo zucchero triplica il rischio rispetto a chi invece ne assume il 10%, che rappresenta la dose massima raccomandata dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Sul banco degli imputati ci va a finire soprattutto il saccarosio: i ricercatori americani sottolineano che è il saccarosio, ossia lo zucchero bianco aggiunto a cibi e bevande, a dover essere tolto dalla dieta.

Eliminate, quindi, o quanto meno riducete il consumo di dolciumi e bevande zuccherate. Quest’ultima ricerca si aggiunge ad altre che hanno puntato – a ragione – il dito contro questo ingrediente sottolineandone la tossicità.

Lo zucchero è calorico, fa aumentare la pressione, muta il metabolismo, provoca problemi al fegato e fa gli stessi danni del fumo e dell’alcool. Secondo un precedente studio, lo zucchero – se consumato, ovvio, in misure eccessive – è uno dei principali responsabili dei 35 milioni di morti l’anno per malattie come il diabete.

E allora, posto che meno dolci e bevande zuccherate berrete e meno ne diventerete dipendenti, come dire di no allo zucchero senza rinunciare al piacere di un po’ di… “dolcezza”? Semplice, basta optare per i dolcificanti naturali, come la stevia,finalmente legale anche in Europa, o il miele, che a pari quantità hanno un potere dolcificante superiore a quello dello zucchero!

FONTE: Germana Carillo (Greenme)

 

Read Full Post »

antiossidanti-naturaliAbbiamo sentito spesso nominare la parola “antiossidante” quando abbiamo parlato delle proprietà di alcuni alimenti. Abbiamo visto come siano degli elementi molto utili per il nostro corpo, per proteggere le cellule, aiutare il metabolismo e prevenire alcune malattie.

Oggi vedremo più da vicino in cosa consiste l’attività degli antiossidanti naturali e in quali cibi possiamo trovarli.

Sappiamo tutti che l’ossigeno è un elemento essenziale per la nostra vita: senza moriremmo. La stessa cosa avviene a livello cellulare. L’ossidazione, infatti, provoca grossi cambiamenti nel nostro organismo, danneggiando i vasi sanguigni, il funzionamento delle cellule, la nostra pelle e i nostri occhi.

Per proteggersi e combattere lo stress ossidativo e il danneggiamento cellulare causato da radicali liberi e tossine, il nostro organismo utilizza gli antiossidanti. Una cattiva alimentazione o un eccesso di tossine, portano il nostro corpo ad aver bisogno di un numero maggiore di queste sostanze che possono essere introdotte attraverso particolari alimenti.

È importante ricordare che i processi di ossidazione del corpo sono accelerati non solo da una dieta sbagliata, ma anche da:

  • stress,
  • inquinamento,
  • fumo,
  • mancanza eccessiva di sonno e
  • uso cronico di alcuni farmaci.

Gli antiossidanti si trovano soprattutto in frutta e verdura e vengono metabolizzati meglio dal nostro organismo, all’interno di un ambiente alcalino.

Ecco l’elenco degli antiossidanti più importanti per il nostro corpo.

Beta Carotene

Il beta-carotene è un antiossidante che appartiene al gruppo carotenoidi. In molti casi, viene convertito nel nostro corpo in vitamina A. È considerato un importante antiossidante, utile a combattere il cancro e le malattie cardiache. Aiuta ad aumentare i livelli di

  • colesterolo buono,
  • migliora la vista,
  • riabilita le mucose danneggiate nel corpo (soprattutto gastrointestinali) e
  • rafforza il sistema immunitario.

Gli alimenti ricchi di beta-carotene: carote, patate dolci, zucche, zucca, mango, melograno e prezzemolo.

Licopene

Anche il licopene appartiene al gruppo dei carotenoidi ed è noto soprattutto per la protezione contro il cancro alla prostata. Non solo, protegge il cuore, prevenendo l’accumulo di colesterolo cattivo nelle pareti dei vasi sanguigni. Meno nota è, invece, la sua capacità di proteggere la pelle dai danni del sole.

Gli alimenti ricchi di licopene sono: pomodori, anguria, peperone rosso, ravanello e pompelmo rosso.

Luteina

La luteina è presente soprattutto nella verdura a foglie verdi. Questo antiossidante è conosciuto principalmente per il trattamento e la prevenzione dei problemi alla vista e agli occhi, visto che è parte integrante della retina.

È contenuto in: spinaci, cavoli, prezzemolo, broccoli e cicorie.

Vitamina C

Abbiamo nominato la vitamina C innumerevoli volte, parlando delle proprietà degli agrumi, dei broccoli, dei peperoni. È uno dei più potenti antiossidanti: rafforza il sistema immunitario, è utile nel trattamento delle infezioni e dei problemi respiratori. E ancora, protegge contro:

  • il cancro,
  • lo stress cronico,
  • fornisce supporto al cuore,
  • aiuta nei problemi di artrite
  • ritarda l’invecchiamento cellulare mantenendo giovani i tessuti,
  • facilita la guarigione delle ossa fratturate e
  • delle ferite ed
  • è utile nella cura dell’anemia.

Si trova in: ortiche, ravanelli, broccoli, spinaci, bietole, cavolini di Bruxelles, asparagi e fave; ne sono ricchi inoltre tutti gli agrumi, il pomodoro, le fragole, i peperoni verdi, il ribes nero e la papaia.

Bioflavonoidi

I bioflavonoidi si trovano principalmente negli alimenti che contengono anche la vitamina C: insieme formano una struttura di antiossidanti forte e stabile, ottima per:

  • rafforzare il sistema immunitario,
  • curare i problemi respiratori,
  • allergie e
  • infezioni,
  • le malattie infiammatorie,
  • cooperare nella prevenzione del cancro, e
  • prevenire le malattie cardiache.

Gli alimenti ricchi di bioflavonoidi sono: mele, cipolle, agrumi, melograno, tè verde, mirtilli e uva.

FONTE: Ambientebio

Read Full Post »