Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘minerali’

I minerali indispensabili per la nostra salute in inverno sono 9: in compresse o di fonte alimentare, insegnano all’organismo a reagire ai malanni e attivano le risorse di autoguarigione.

 

I minerali: minuscoli aiutanti naturali

In inverno, periodo in cui il clima rigido favorisce i disturbi di origine virale e batterica e l’organismo è naturalmente più vulnerabile, per rafforzare le difese immunitarie possiamo ricorrere ai sali minerali, corpi solidi di origine naturale fondamentali per la salute del nostro corpo, presenti in grandi quantità (macrominerali) o in dosaggi inferiori (minerali traccia).

In caso di febbre e per una buona convalescenza scegliamo i sali di Schussler

Conosciuti anche come sali tissutali, i sali di Schussler sono 12 e possono essere assunti periodicamente per mantenere la giusta quantità di sali minerali nell’organismo scongiurando così il rischio di carenze. Essi infatti stimolano le sostanze già presenti a livello cellulare, ne migliorano l’assorbimento attraverso l’alimentazione, attenuando la stanchezza e i cali di difese. Per l’inverno i sali di Schussler più indicati sono Natrium Sulfuricum, Ferrum phosphoricum, Kalium chloratum e Calcium phosphoricum. Natrium sulfuricum è il sale più indicato in caso di influenza perché, stimolando fegato e reni, svolge un’azione profonda e immediata in caso di sindromi di origine virale e allevia l’irritazione bronchiale, i dolori reumatici, la nausea e il vomito. Perfetto se i disturbi sono aggravati dal clima freddo-umido e dalla stanchezza. La dose da assumere, sotto la lingua, 3 volte al giorno fino alla scomparsa dei sintomi, è 3 pastigliette.

  • Ferrum phosphoricum (assumere 3 pastigliette sotto la lingua, 3 volte al giorno fino alla scomparsa del malanno) è l’antinfiammatorio per eccellenza in caso di stati febbrili lievi, sinusite, bronchite e affezioni dell’apparato respiratorio.
  • Kalium chloratum (assumere fino a 3 pastigliette sotto la lingua, 3 volte al giorno) favorisce l’eliminazione del catarro e del muco in eccesso.
  • Calcium phosphoricum (4-5 pastigliette sotto la lingua, 3 volte al giorno) si rivela prezioso per accelerare la convalescenza.

Lo zinco: il minerale che combatte il raffreddore

Il macrominerale zinco blocca la proliferazione del Rhinovirus, causa della maggior parte dei raffreddori, riducendo la durata di raffreddore e faringite. In ottica preventiva questo sale si può assumere regolarmente in forma di oligoelemento, anche in combinazione con il rame: a digiuno una fiala di zinco da 2ml al giorno, da versare sotto la lingua e lasciare assorbire prima di deglutire. Per favorirne l’assorbimento il consiglio è aumentare il consumo di semi di zucca e diminuire quello dei latticini.

Per le difese immunitarie non può mancare il ferro

Per scongiurare la perdita di tono energetico e il calo delle difese immunitarie, l’organismo deve poter godere di una buona quantità di ferro. Per aumentarne la biodisponibilità è importante introdurre nella dieta i legumi che ne sono ricchi come le lenticchie, le verdure a foglia verde e il topinambur. In caso di anemia si può assumere una bustina di integratore di ferro in polvere sciolto in un bicchiere d’acqua, ricordando che la vitamina C ne favorisce l’assorbimento, mentre tè e caffè lo inibiscono.

Il selenio favorisce l’aumento di anticorpi

Il selenio è l’alleato del sistema immunitario, del fegato e della pelle. Per aumentare la produzione di questo sale grazie all’alimentazione il consiglio è consumare uova fino a 3-4 alla settimana e gustare 3 noci del Brasile come spuntino fino a tre volte alla settimana. Se desideriamo avere una copertura totale per l’intera stagione invernale possiamo assumere una capsula al giorno di selenio organico con un bicchiere d’acqua.

Ossa deboli e dolori? Servono calcio e manganese

In inverno per il benessere delle ossa è fondamentale assicurarsi una buona dose di calcio ogni giorno. E così una zuppa a base di cavolo kale, broccoli e fagioli cannellini, ricchi di calcio e vitamina K, con un cucchiaio di semi di chia è il segreto alimentare.

Se desideriamo recuperare il tono energetico e mantenere un metabolismo sempre attivo possiamo assumere una tavoletta di preparato da sciogliere completamente in bocca, 3 volte al giorno, per cicli di 20 giorni, ripetibili ogni volta che si avverte la necessità.

In caso di dolori osteoarticolari, il manganese è la scelta più indicata per la salute di ossa e cartilagini, in combinazione con calcio e zinco. A tavola l’indicazione è mangiare patate dolci e frutti di mare e di aggiungere ai cereali del mattino un cucchiaio di germe di grano.

Se le giunture sono infiammate, o in caso di artrosi, l’integratore più indicato è a base di manganese e condroitina che, combinati, riducono i sintomi: 2 capsule al giorno per favorire la rigenerazione delle cartilagini.

 

FINTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

There are 9 minerals essential for our health in winter: in tablets or food sources, they teach the body to react to ailments and activate self-healing resources.

Minerals: tiny natural helpers

In winter, a period in which the harsh climate favors viral and bacterial disorders and the body is naturally more vulnerable, to strengthen the immune system we can resort to mineral salts, solid bodies of natural origin essential for the health of our body, present in large quantities (macrominerals) or in lower dosages (trace minerals).

In case of fever and for a good recovery we choose Schussler salts

Also known as tissue salts, there are 12 Schussler salts and they can be taken periodically to maintain the right amount of mineral salts in the body thus avoiding the risk of deficiencies. In fact, they stimulate the substances already present at the cellular level, improve their absorption through nutrition, reducing fatigue and loss of defense. For winter the most suitable Schussler salts are Natrium Sulfuricum, Ferrum phosphoricum, Kalium chloratum and Calcium phosphoricum. Natrium sulfuricum is the most suitable salt in case of flu because, by stimulating liver and kidneys, it performs a deep and immediate action in case of viral syndromes and relieves bronchial irritation, rheumatic pains, nausea and vomiting. Perfect if the ailments are aggravated by the cold-humid climate and tiredness. The dose to be taken, under the tongue, 3 times a day until the symptoms disappear, is 3 tablets. Ferrum phosphoricum (take 3 tablets under the tongue, 3 times a day until the disappearance of the disease) is the anti-inflammatory par excellence in case of mild feverish states, sinusitis, bronchitis and affections of the respiratory system. Kalium chloratum (take up to 3 tablets under the tongue, 3 times a day) promotes the elimination of phlegm and excess mucus. Calcium phosphoricum (4-5 tablets under the tongue, 3 times a day) proves to be precious for accelerating convalescence.

Zinc: the mineral that fights colds

The macro-mineral zinc blocks the proliferation of Rhinovirus, the cause of most colds, reducing the duration of colds and pharyngitis. From a preventive point of view, this salt can be regularly taken in the form of a trace element, also in combination with copper: on an empty stomach, a 2ml zinc vial a day, to be poured under the tongue and left to absorb before swallowing. To encourage absorption, the advice is to increase the consumption of pumpkin seeds and decrease that of dairy products.

For immune defenses, iron cannot be missing

To avert the loss of energy tone and the decrease in immune defenses, the body must be able to enjoy a good amount of iron. To increase its bioavailability it is important to introduce legumes that are rich in their diet such as lentils, green leafy vegetables and Jerusalem artichoke. In case of anemia you can take a sachet of iron supplement powder dissolved in a glass of water, remembering that vitamin C promotes its absorption, while tea and coffee inhibit it.

Selenium promotes the increase of antibodies

Selenium is the ally of the immune system, liver and skin. To increase the production of this salt thanks to food, the advice is to consume eggs up to 3-4 per week and taste 3 Brazil nuts as a snack up to three times a week. If we wish to have total coverage for the entire winter season we can take one capsule of organic selenium per day with a glass of water.

Weak bones and pain? We need calcium and manganese

In winter, bone health is essential to ensure a good dose of calcium every day. And so a soup made of kale cabbage, broccoli and cannellini beans, rich in calcium and vitamin K, with a spoonful of chia seeds is the food secret. If we want to recover the energetic tone and maintain an always active metabolism we can take a tablet of preparation to be completely dissolved in the mouth, 3 times a day, for cycles of 20 days, repeatable whenever the need is felt. In the case of osteoarticular pain, manganese is the most suitable choice for the health of bones and cartilages, in combination with calcium and zinc. At the table, the indication is to eat sweet potatoes and seafood and to add a spoonful of wheat germ to the morning cereals. If the joints are inflamed, or in case of osteoarthritis, the most suitable supplement is based on manganese and chondroitin which, combined, reduce the symptoms: 2 capsules per day to promote cartilage regeneration.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Questi minerali in oligoelemento stimolano la produzione di tessuti nuovi nel corpo e rallentano il decadimento cellulare.

 

Zinco e Rame sono un vero e proprio elisir di eterna giovinezza: per le loro caratteristiche, si potrebbero definire “minerali antiage.” Lo zinco è utilizzato dai globuli bianchi per produrre anticorpi e, più in generale, per rafforzare unghie, capelli e ossa.Il rame, dal canto suo, gioca un ruolo-chiave nella distruzione dei germi che indeboliscono l’organismo, favorendo inoltre la funzionalità cardiaca e il rallentamento della generazione cellulare. La loro azione corale permette quindi al nostro organismo di rimpiazzare le cellule invecchiate con tessuti nuovi e di conseguenza più sani. Nel cuore dell’inverno, la loro assunzione diventa ancora più importante, poiché il fabbisogno di questi minerali aumenta considerevolmente. Vediamo allora come assicurarsene la giusta quantità.

Zinco e Vitamina C: il mix vincente

Per assicurarsi la giusta dose di zinco è innanzitutto opportuno limitare l’uso di alcolici, fumo e cibi conservati che ne diminuiscono l’assorbimento. È ideale consumare pesce, cereali integrali e miglio almeno 2-3 volte a settimana. Ma il miglior alleato dello zinco è la vitamina C, che ne facilita la fissazione nei tessuti. In farmacia è possibile trovare integratori in capsule contenenti zinco e vitamina C insieme: assumine una al mattino prima di colazione per 1-2 mesi, ancor meglio se accompagnandola con una bella spremuta d’arancia.

Frutta secca, culla del rame

Noci, noci pecan, anacardi, pistacchi e nocciole costituiscono la migliore fonte alimentare di rame. Per una merenda gustosa e nutriente, aggiungi questo mix di frutta secca a uno yogurt di soia (altra fonte di rame). Se poi si soffre di allergie, il duo rame-manganese costituisce il perfetto mix rinforzante: prendine una fialetta 3 volte a settimana per cicli di 2 mesi. Abbinandola a una fiala di zolfo, inoltre, si prevengono le infezioni e si potenziano le difese delle vie aeree: quale modo migliore per prepararsi con buon anticipo all’arrivo della primavera?

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

These minerals in the trace element stimulate the production of new tissues in the body and slow down cellular decay.

Zinc and Copper are a true elixir of eternal youth: due to their characteristics, they could be called “anti-aging minerals.” Zinc is used by white blood cells to produce antibodies and, more generally, to strengthen nails, hair and bones. Copper, for its part, plays a key role in the destruction of germs that weaken the body, also favoring functionality heart failure and slowing down cell generation. Their choral action therefore allows our body to replace aged cells with new and consequently healthier tissues. In the heart of winter, their intake becomes even more important, as the need for these minerals increases considerably. So let’s see how to get the right amount.

Zinc and Vitamin C: the winning mix

To ensure the right dose of zinc it is first of all appropriate to limit the use of alcohol, smoke and preserved foods that reduce its absorption. It is ideal to consume fish, whole grains and millet at least 2-3 times a week. But the best ally of zinc is vitamin C, which facilitates fixation in the tissues. In the pharmacy it is possible to find supplements in capsules containing zinc and vitamin C together: take one in the morning before breakfast for 1-2 months, even better if accompanied with a nice orange juice.

Dried fruit, cradle of copper

Nuts, pecans, cashews, pistachios and hazelnuts are the best food source of copper. For a tasty and nutritious snack, add this mix of dried fruit to a soy yogurt (another source of copper). If you suffer from allergies, the copper-manganese duo is the perfect reinforcing mix: take a phial 3 times a week for 2-month cycles. Combining it with a sulfur phial, infections are prevented and the airway defenses are enhanced: what better way to prepare well in advance for the arrival of spring?

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Questi minerali in oligoelemento stimolano la produzione di tessuti nuovi nel corpo e rallentano il decadimento cellulare

 

Zinco e Rame sono un vero e proprio elisir di eterna giovinezza: per le loro caratteristiche, si potrebbero definire “minerali antiage.”

Lo zinco è utilizzato dai globuli bianchi per produrre anticorpi e, più in generale, per rafforzare unghie, capelli e ossa.

Il rame, dal canto suo, gioca un ruolo-chiave nella distruzione dei germi che indeboliscono l’organismo, favorendo inoltre la funzionalità cardiaca e il rallentamento della generazione cellulare. La loro azione corale permette quindi al nostro organismo di rimpiazzare le cellule invecchiate con tessuti nuovi e di conseguenza più sani. Nel cuore dell’inverno, la loro assunzione diventa ancora più importante, poiché il fabbisogno di questi minerali aumenta considerevolmente. Vediamo allora come assicurarsene la giusta quantità.

Zinco e Vitamina C: il mix vincente

Per assicurarsi la giusta dose di zinco è innanzitutto opportuno limitare l’uso di alcolici, fumo e cibi conservati che ne diminuiscono l’assorbimento. È ideale consumare pesce, cereali integrali e miglio almeno 2-3 volte a settimana. Ma il miglior alleato dello zinco è la vitamina C, che ne facilita la fissazione nei tessuti. In farmacia è possibile trovare integratori in capsule contenenti zinco e vitamina C insieme: assumine una al mattino prima di colazione per 1-2 mesi, ancor meglio se accompagnandola con una bella spremuta d’arancia.

Frutta secca, culla del rame

Noci, noci pecan, anacardi, pistacchi e nocciole costituiscono la migliore fonte alimentare di rame. Per una merenda gustosa e nutriente, aggiungi questo mix di frutta secca a uno yogurt di soia (altra fonte di rame).

Se poi si soffre di allergie, il duo rame-manganese costituisce il perfetto mix rinforzante: prendine una fialetta 3 volte a settimana per cicli di 2 mesi. Abbinandola a una fiala di zolfo, inoltre, si prevengono le infezioni e si potenziano le difese delle vie aeree: quale modo migliore per prepararsi con buon anticipo all’arrivo dell’inverno?

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

These minerals in the trace element stimulate the production of new tissues in the body and slow down cellular decay

Zinc and Copper are a true elixir of eternal youth: due to their characteristics, they could be called “anti-aging minerals.” Zinc is used by white blood cells to produce antibodies and, more generally, to strengthen nails, hair and bones. Copper, for its part, plays a key role in the destruction of germs that weaken the body, also favoring functionality heart failure and slowing down cell generation. Their choral action therefore allows our body to replace aged cells with new and consequently healthier tissues. In the heart of winter, their intake becomes even more important, as the need for these minerals increases considerably. So let’s see how to get the right amount.

Zinc and Vitamin C: the winning mix

To ensure the right dose of zinc it is first of all appropriate to limit the use of alcohol, smoke and preserved foods that reduce its absorption. It is ideal to consume fish, whole grains and millet at least 2-3 times a week. But the best ally of zinc is vitamin C, which facilitates fixation in the tissues. In the pharmacy it is possible to find supplements in capsules containing zinc and vitamin C together: take one in the morning before breakfast for 1-2 months, even better if accompanied with a nice orange juice.

Dried fruit, cradle of copper

Nuts, pecans, cashews, pistachios and hazelnuts are the best food source of copper. For a tasty and nutritious snack, add this mix of dried fruit to a soy yogurt (another source of copper). If you suffer from allergies, the copper-manganese duo is the perfect reinforcing mix: take a phial 3 times a week for 2-month cycles. Combining it with a sulfur phial, infections are prevented and the airway defenses are enhanced: what better way to prepare well in advance for the arrival of spring?

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Il  silicio è uno dei minerali fondamentali di cui i nostri corpi ha più bisogno. Mentre noi comunemente sentiamo che il calcio è il minerale che è più utile per la salute delle ossa, in realtà è il silicio che è più critico.

 

La silice è imbattibile per le sue proprietà di ossificazione e protezione ossea. Può migliorare la densità ossea, la flessibilità dell’osso e se si soffre di malattie degenerative dell’osso e condizioni con etichette come osteoporosi, osteopenia, perdita ossea correlata all’età o altri problemi di densità ossea, la silice dovrebbe far parte del protocollo di guarigione. E se hai avuto un infortunio in cui hai

  • rotto o fratturato un osso,
  • dislocato un’articolazione, o
  • tirato un tendine del ginocchio,

la silice è fondamentale per la riparazione e il recupero.

Non sono solo le tue ossa che hanno bisogno di silice. Anche i tuoi denti, così come le tue articolazioni, i tendini, i legamenti e il tessuto connettivo, per essere forti e sani.

Aiuta a rafforzare i tessuti connettivi del cervello, delle cellule nervose e del midollo spinale, migliorando così la memoria e aiutando a prevenire la perdita di memoria. Il silice aiuta anche a stabilizzare il rilascio di insulina dal pancreas!

Se vuoi che le tue unghie, pelle e capelli siano sani, prendi la silice. È un minerale di bellezza essenziale che aiuta a guarire ossa fragili, denti, capelli e unghie.

È anche noto per le sue proprietà anti-invecchiamento, anti-rughe grazie alla sua capacità di aiutare a formare il collagene e riparare la pelle danneggiata o sciolta insieme a una dieta pulita, come quella che descrivo nei miei libri Medical Medium e Life-Changing Foods.

Ci sono molti cibi ad alto contenuto di silice che sono meglio inclusi il più spesso possibile. Questi alimenti includono meloni, cetrioli, carciofi, asparagi, tarassaco e verdure a foglia verde. Ci sono anche erbe meravigliose che offrono ricche fonti di silice tra cui foglie di ortica, equiseto, avena e rosa canina. Delle erbe, la foglia di ortica è una fonte particolarmente potente di silice e può essere gustata come un tè quotidiano o presa come integratore.

Alla ricerca di un supplemento di silice preferito?

Insieme agli alimenti ricchi di silice condivisi sopra, ci sono alcuni supplementi di silice molto utili che possono offrire un supporto aggiuntivo e concentrato. Uno o tutti questi prodotti possono essere utili per la salute.

1. Living Silica
La silice vivente come trovata in Orgono G5 Siliplant è una delle migliori forme di silice supplementare. Può essere utile per ossa, pelle, capelli, denti, tendini, legamenti e problemi connettivi. La silice vivente è facilmente assorbita dal corpo.

2. Megaidrato
Il megaidrato è un potente antiossidante e facilita l’idratazione essenziale in tutto il corpo. Può essere un grande sostegno per il corpo.

3. Tè e capsule di foglie di ortica
La figlia di ortica è ricca di silice per la ricostruzione delle ossa, insieme a più di 40 oligoelementi nei loro stati più bioattivi, biodisponibili e assimilabili. Maggiori informazioni sulle proprietà curative dell’ortica negli alimenti che cambiano la vita.

La foglia di ortica è utile in entrambe le forme di tè, capsule e tintura.

 

FONTE: Medical Medium

 

 

(ENGLISH VERSION)

Silica is one of the foundational minerals our bodies’ need most. While we commonly hear that calcium is the mineral that’s most helpful for bone health, it’s actually silica that’s more critical.

Silica is unbeatable for its bone-building and bone-protecting properties. It can improve bone density, bone flexibility and if you suffer with any bone degeneration diseases and conditions with labels like osteoporosis, osteopenia, age-related bone loss, or other bone density issues, silica should be a part of your healing protocol. And if you’ve had an injury where you’ve broken or fractured a bone, dislocated a joint, or pulled a hamstring, silica is crucial for repair and recovery.

It’s not just your bones that need silica. Your teeth do too, as do your joints, tendons, ligaments, and connective tissue in order to be strong and healthy. It helps to strengthen the connective tissues of the brain, nerve cells, and spinal cord thereby improving memory and helping to prevent memory loss. Silica also helps stabilize the pancreas’s release of insulin!

If you want your nails, skin, and hair to be healthy, turn to silica. It’s an essential beauty mineral that helps heal brittle bones, teeth, hair, and nails. It is also well known for its anti-aging, anti-wrinkle properties due to its ability to help form collagen and repair damaged or loose skin along with a clean diet, like the one I describe in my books Medical Medium and Life-Changing Foods.

There are many foods that are high in silica that are best included as often as possible. These foods include melons, cucumbers, artichokes, asparagus, dandelion, and leafy greens. There are also wonderful herbs that offer rich sources of silica including nettle leaf, horsetail, oatstraw, and rose hips. Of the herbs, nettle leaf is an especially potent source of silica and can be enjoyed as a daily tea or taken as a supplement.

Looking for a preferred silica supplement?

Along with the silica-rich foods shared above, there are some very helpful silica supplements that can offer additional, concentrated support. One or all of these products can be helpful for health.

1. Living Silica
Living silica as found in Orgono G5 Siliplant is one of the best forms of supplemental silica. It can be helpful for bone, skin, hair, teeth, tendon, ligament, and connective issues. Living silica is easily absorbed by the body. 

2. Megahydrate
Megahydrate is a powerful antioxidant and facilitates essential hydration throughout the body. It can be great support for the body. 

3. Nettle Leaf Tea and Capsules
Nettle lead is rich in bone-building and bone-protecting silica, along with more than 40 trace minerals in their most bioactive, bioavailable, and assimilable states. Read more about the healing properties of nettle in Life-Changing Foods.

Nettle leaf is helpful in both tea, capsule, and tincture forms.

 

SOURCE: Medical Medium

Read Full Post »

Attualmente nel mondo ci sono 350 milioni di persone stupefacenti che soffrono di qualche forma di depressione.

 

Questo è il 5% della popolazione mondiale. Poiché questa condizione diventa una diagnosi più popolare, ci devono essere alternative alla prescrizione di antidepressivi comuni.

 

Gli antidepressivi possono fare miracoli ed eseguire miracoli, ma

  • possono ancora rilasciare tossine nel corpo
  • che possono causare dipendenza,
  • problemi di salute peggiori e
  • altre condizioni di salute mentale.

La depressione è spesso causata da uno squilibrio di sostanze chimiche nel cervello. I farmaci per la depressione possono curare questi squilibri ma di solito lasciano alcuni effetti collaterali tra cui

  • nausea,
  • aumento di peso,
  • insonnia,
  • secchezza delle fauci e
  • visione offuscata.

Per alcune persone gli effetti collaterali sono minimi e quasi assenti, ma per gli altri gli effetti collaterali possono essere tanto orribili quanto la depressione. Molte di queste persone stanno cercando un nuovo tipo di trattamento, che possa curarle senza fare un diverso tipo di danno.

Una nuova alternativa agli antidepressivi

Una nuova opzione ha recentemente debuttato nel mondo della medicina. Un farmaco naturale che può aiutare a curare la depressione, se non meglio dei precedenti farmaci per la depressione. Questo nuovo miracolo è il magnesio.

Il magnesio è un minerale che il corpo naturalmente desidera ardentemente e studi recenti hanno dimostrato che 248 mg di magnesio al giorno possono portare a un’incredibile inversione dei sintomi della depressione.

Grazie ad un aumento dei prezzi farmaceutici, i farmaci sono spesso costosi e può essere difficile permettersi i farmaci necessari. I farmaci per la depressione possono costare da $ 30,00 a $ 200,00 al mese. Nel corso di un anno questa quantità può aumentare fino a un certo costo. Purtroppo molte persone non possono permettersi questi aumenti e quindi non possono più permettersi i loro farmaci. Una delle cose più grandi della recente scoperta del magnesio e delle sue proprietà medicinali è che le persone possono prendere il magnesio per pochi centesimi al giorno. Il magnesio è un approccio efficace per il trattamento della depressione e l’eliminazione degli effetti collaterali. È più sicuro ed economico di altre terapie e farmaci da prescrizione.

Come ottenere il magnesio

Ci sono molti alimenti che contengono naturalmente magnesio come spinaci, bietole, semi di zucca, cioccolato fondente e mandorle. Ognuno di questi esempi ha almeno 75 mg di magnesio per porzione, quindi mangiare da 3 a 4 porzioni dovrebbe tenere conto del consumo giornaliero. O se è più facile per te puoi acquistare una pillola supplementare da assumere ogni giorno.

Prendere la tua dose giornaliera di magnesio può davvero aiutare a migliorare la tua salute mentale e la tua salute fisica. Non solo il magnesio è ottimo per aiutare a superare la depressione, ma il magnesio ha una lunga lista di altri meravigliosi benefici. Il magnesio è ottimo per

  • la salute del cervello,
  • la salute dei reni e
  • la salute cardiovascolare.

Passare a rimedi naturali potrebbe farti risparmiare un sacco di soldi in un anno e aiuterà il tuo corpo a guarire senza tutte le sostanze chimiche aggressive e gli effetti collaterali. Naturale è la strada da percorrere, è fantastica per il tuo corpo e ottima per la tua tasca. Se sei curioso, provalo, smettila di domandarti e fai il passaggio. Il tuo corpo ti ringrazierà più tardi.

Nota: prima di interrompere qualsiasi prescrizione di farmaci, è importante che tu parli e lavori a stretto contatto con il tuo medico.

 

(ENGLISH VERSION)

Currently in the world there are an astounding 350 million people who are suffering from some form of depression. That’s 5% of the world population. As this condition becomes a more popular diagnosis, there needs to be alternatives to the common antidepressant prescription. Antidepressants can work wonders and perform miracles, but they can still leak toxins into the body that can cause addiction, worse health problems, and other mental health conditions. Depression is often caused by an imbalance of chemicals in the brain. Depression medications can cure these imbalances but usually leave some side effects including nausea, weight gain, insomnia, dry mouth, and blurred vision. For some people the side effects are minimal and almost absent, but for others the side effects can be as horrible as the depression. Many of those people are searching for a new type of treatment, one that can cure them without doing a different kind of harm.

A New Alternative To Antidepressants

A new option has recently debuted in the medical world. A natural medication that can help treat depression as well, if not better than previous depression medications.This new miracle is magnesium. Magnesium is a mineral that the body naturally craves and recent studies have shown that 248 mg of magnesium per day can lead to an astounding reversal of depression symptoms.

Thanks to a rise in pharmaceutical prices, medication is often pricey and it can be tough to afford necessary medications. Depression medication can cost anywhere from $30.00-$200.00 per month. Over the course of a year this amount can build up to quite an expense. Unfortunately many people can not afford these rises and therefore can no longer afford their medications. One of the greatest things about the recent discovery of magnesium and its medicinal properties is that people can take magnesium for just pennies a day. Magnesium is an effective approach to treating depression and eliminating side effects. It is safer and cheaper than other prescription therapies and drugs.

How to Get Magnesium

There are many foods that naturally contain magnesium like spinach, Swiss chard, pumpkin seeds, dark chocolate, and almonds. Each of these example have at least 75 mg of magnesium per serving so eating 3 to 4 servings would account for your intake for the day. Or if it is easier for you can purchase a supplement pill to take every day instead.

Taking your daily dose of magnesium can really help improve your mental health as well as your physical health. Not only is magnesium great for helping with depression, but magnesium has a whole list of other wonderful benefits. Magnesium is great for brain health, kidney health, and cardiovascular health. Turning to natural remedies could save you a lot of a money in a year and it will help your body to heal without all the harsh chemicals and side effects. Natural is the way to go, it’s great for your body and great for your pocket. If you are curious, give it a try, stop wondering and make the switch. Your body will thank you later.   

 

Note: Before going off any prescription medication, it is important that you speak to and work closely with your physician.

 

SOURCE: healthy-holistic-living. (JENNA BARRINGTON)

Read Full Post »

In polvere o compresse, la zeolite agisce come una spugna assorbendo scarti del metabolismo, residui metallici e radicali liberi: la tua salute e la tua linea ringrazieranno.

 

I mesi di febbraio e marzo sono i più favorevoli per chi desidera depurarsi. Siamo ormai lontani dai bagordi delle feste di fine anno e vicini al cambio di stagione fra l’inverno e la primavera, tradizionalmente il più indicato per iniziare una profonda pulizia di tutto il corpo. In questo periodo, quindi, può essere molto utile la zeolite: un minerale di origine vulcanica simile all’argilla, il cui nome deriva dal greco e significa letteralmente pietra che bolle. La sua formazione è quasi magica, considerando che proviene da un “matrimonio” tra fuoco – la lava vulcanica – e l’acqua di mare.

Depurazione profonda con la zeolite

La scelta migliore da adottare in queste settimane è quindi quella di utilizzare di questo minerale vulcanico come stimolante della depurazione seguendo contemporaneamente una dieta ricca di vegetali. Inoltre, la zeolite possiede grandi proprietà alcalinizzanti, che riducono il livello di acidità dell’organismo e favoriscono l’eliminazione di sostanze di scarto che rallentano il metabolismo. A beneficiare di queste “pulizie” interne sarà sicuramente l’intestino, ma anche il fegato, uno dei nostri filtri più potenti. La zeolite consente di liberarsi anche da pesticidi, micotossine e metalli pesanti presenti nei cibi (è d’aiuto in caso di allergie al nichel), ma anche dai radicali liberi.

Zeolite: una trappola per le tossine

Ciò che rende la zeolite una delle sostanze migliori per liberare l’organismo dalle tossine (compresi i metalli pesanti) è la sua particolare conformazione: i cristalli di cui è costituita possiedono una struttura microporosa con piccolissimi canali nei quali vengono attratte e intrappolate le tossine. Per queste sue caratteristiche strutturali e funzionali è stata anche paragonata alle spugne e alle calamite. Inoltre la zeolite non viene assimilata dal corpo, ma passa attraverso il tubo digerente e viene eliminata con tutto il suo carico di scarti metabolici.

Zeolite: ecco quando è il caso di assumerla

  • Se hai seguito un’alimentazione sregolata
  • Se soffri di cattiva digestione, stitichezza o gonfiori
  • Se ti senti spesso stanca
  • Se senti di frequente il bisogno di mangiare dolci o farinacei
  • Se vivi in una città molto inquinata
  • Se fumi
  • Se fai attività fisica (la zeolite aiuta a eliminare l’acido lattico e migliora i tempi di recupero rendendo l’allenamento più efficace)

Dove trovarla? Farmacia o erboristeria

La zeolite può essere acquistata in farmacia o erboristeria e si trova sia in polvere che in compresse. L’importante è scegliere integratori di questo minerale che abbiano il marchio CE e il numero di registrazione, in modo essere certi della qualità del prodotto. Se scegli di utilizzare un integratore di zeolite in polvere, basta far sciogliere il contenuto della bustina in acqua; se invece scegli le compresse, il dosaggio corretto è di 1-2 capsule al giorno, lontano dai pasti. Si ricorda comunque come le dosi variano in base al tipo di tipo di prodotto acquistato: leggi sempre con attenzione le indicazioni riportate sulla confezione.

Quando prendi la zeolite,  devi bere molta acqua

Sia assumendo l’integratore in polvere, sia prendendo le compresse, è fondamentale bere molto, poiché la zeolite ha un grande potere assorbente e quindi necessita l’ingestione di grandi quantità di acqua (circa un litro e mezzo al giorno). Solo così questa pietra riuscirà a spazzare via le scorie che frenano salute e dimagrimento.

Efficace anche sulla pelle: elimina dermatiti e problemi cutanei

L’uso della zeolite è consigliabile anche a livello estetico, in quanto depura l’epidermide e si trova non a caso fra gli ingredienti di molte creme rigeneranti, cicatrizzanti e antinfiammatorie. Acquistando il minerale in polvere, basta diluirlo con poca acqua o mescolarlo alla propria crema quotidiana: la pelle risulterà in poco tempo purificata e compatta. Inoltre è in grado anche di ridurre vari disturbi cutanei, fra cui dermatiti, psoriasi, eczemi grassi, prurito e persino acne. Infine riduce lo sgradevole odore di sudore migliorando la traspirabilità della pelle ed eliminando i batteri che causano le cattive emanazioni.

Riduce lo stress ed è una ricca fonte di antiossidanti 

Alcuni studi recenti hanno dimostrato come la zeolite sia in grado di ridurre lo stress fisiologico, potenziando le difese del sistema immunitario. A tale scopo va tuttavia detto che sono necessari almeno tre mesi di cura, meglio se associati all’assunzione di magnesio. La clinoptilolite, l’unica forma di zeolite utilizzabile a livello medico/alimentare fra le oltre 100 presenti in natura, sembra essere uno dei più potenti antiossidanti presenti sul mercato, efficace persino per i pazienti affetti da Alzheimer.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

In powder or tablets, the zeolite acts like a sponge absorbing metabolic waste, metal residues and free radicals: your health and your line will thank you.

The months of February and March are the most favorable for those who want to purify themselves. We are now far from the festivities of the end of year and close to the change of season between winter and spring, traditionally the most suitable to start a deep cleansing of the whole body. In this period, therefore, zeolite can be very useful: a mineral of volcanic origin similar to clay, whose name derives from the Greek and literally means stone that boils. Its formation is almost magical, considering that it comes from a “marriage” between fire – volcanic lava – and sea water.

Deep purification with zeolite

The best choice to be adopted in these weeks is therefore to use this volcanic mineral as a purifying stimulant while following a diet rich in vegetables. Furthermore, the zeolite has great alkalizing properties, which reduce the level of acidity of the body and favor the elimination of waste substances that slow down the metabolism. To benefit from these internal “cleanings” will surely be the intestine, but also the liver, one of our most powerful filters. The zeolite allows you to get rid of pesticides, mycotoxins and heavy metals in food (it helps in case of nickel allergies), but also free radicals.

Zeolite: a trap for toxins

What makes the zeolite one of the best substances to free the organism from toxins (including heavy metals) is its particular conformation: the crystals of which it is constituted possess a microporous structure with very small channels in which toxins are attracted and trapped. Because of its structural and functional characteristics it has also been compared to sponges and magnets. Moreover the zeolite is not assimilated by the body, but passes through the digestive tract and is eliminated with all its load of metabolic waste.

Zeolite: here’s when it’s time to hire it

  • If you have followed an unregulated diet
  • If you suffer from poor digestion, constipation or swelling
  • If you often feel tired
  • If you frequently feel the need to eat sweets or flour
  • If you live in a very polluted city
  • If you smoke
  • If you do physical activity (zeolite helps eliminate lactic acid and improves recovery times making the workout more effective)

Where to find it? Pharmacy or herbal medicine

The zeolite can be purchased in pharmacies or herbal medicine and is found in both powder and tablets. The important thing is to choose supplements of this mineral that have the CE mark and the registration number, so be sure of the quality of the product. If you choose to use a zeolite powder supplement, just dissolve the contents of the sachet in water; if instead you choose the tablets, the correct dosage is 1-2 capsules a day, away from meals. However, please note that the doses vary depending on the type of product purchased: always read the instructions on the package carefully.

When you take the zeolite, you have to drink a lot of water

Whether taking the powder supplement, or taking the tablets, it is essential to drink a lot, because the zeolite has a great absorbing power and therefore requires the ingestion of large quantities of water (about one and a half liters a day). Only this way will this stone be able to wipe out the waste that curbs health and weight loss.

Effective even on the skin: eliminates dermatitis and skin problems

The use of zeolite is also advisable at an aesthetic level, as it purifies the epidermis and is found not by chance among the ingredients of many regenerating, cicatrizing and anti-inflammatory creams. By buying the mineral powder, just dilute it with a little water or mix it with your daily cream: the skin will soon be purified and compact. It is also able to reduce various skin disorders, including dermatitis, psoriasis, fat eczema, itching and even acne. Finally it reduces the unpleasant smell of perspiration, improving the breathability of the skin and eliminating the bacteria that cause bad emanations.

It reduces stress and is a rich source of antioxidants

Some recent studies have shown that zeolite is able to reduce physiological stress, enhancing the immune system’s defenses. To this end, however, it must be said that at least three months of treatment are necessary, better if associated with the intake of magnesium. Clinoptilolite, the only form of zeolite that can be used at the medical / food level of over 100 in nature, seems to be one of the most powerful antioxidants on the market, effective even for patients with Alzheimer’s disease.

SOURCE: Riza

 

Read Full Post »

È il minerale giusto per rigenerare le pareti intestinali creando uno scudo contro le tossine che fanno ingrassare: ecco i cibi più ricchi di zinco

 

Lo zinco è un eccellente minerale, che ripara i danni provocati dall’eccesso di tossine nell’intestino e che rinforza il colon. Uno studio dell’INRAN (l’ente pubblico italiano per la ricerca in materia di alimenti e nutrizione) ha dimostrato che una carenza di zinco rende l’intestino ancora più sensibile alle infiammazioni e questo renderà alla lunga difficoltoso il  dimagrimento. Di zinco si ha bisogno soprattutto se, insieme alla difficoltà a perdere peso, si soffre anche di stipsi o sono presenti i sintomi del colon irritabile. Grazie a questo minerale è possibile riparare e rigenerare le pareti intestinali e ripristinare così quella barriera che blocca le molecole che frenano il dimagrimento.

Se assumi poco zinco il metabolismo funziona male

Lo zinco inoltre è coinvolto in numerose funzioni fisiologiche: più di 200 enzimi hanno bisogno dello zinco per agire. Uno studio condotto dai ricercatori della University of Massachusetts, ha riscontrato un rallentamento del metabolismo in chi aveva una dieta povera di zinco ed è bastato aumentare l’assunzione di questo minerale per ottenere un innalzamento del tasso metabolico. Lo zinco infine incrementa i livelli di leptina, l’ormone sintetizzato proprio dalle cellule adipose, che favorisce l’eliminazione del grasso accumulato, controllando anche il senso di fame.

Fai scorta di zinco a tavola

Per ricaricarti di zinco inserisci nella tua alimentazione settimanale i cibi che ne sono più ricchi. Ecco quelli che non devono mancare sulla tavola.

  • Miglio: tra i cereali, è il miglio a fornire una buona quantità di zinco. Mangialo almeno tre volte alla settimana e beneficerai delle sue proprietà depurative. I suoi chicchi alcalinizzanti, infatti, sono capaci di contrastare le tossine acide che favoriscono il sovrappeso. È anche facile da preparare: basta lessarlo in acqua bollente per 15-20 minuti.
  • Ceci: i ceci, oltre a essere di per sé drenanti e ricchi di fibre, costituiscono un’ottima fonte di zinco. Puoi utilizzarli per preparare un piatto unico, affiancandone 30 g a 50 g di miglio (o pasta/riso), o ancora puoi usarli come contorno, un paio di volte alla settimana, ad esempio con del petto di pollo, anch’esso capace di rifornirti di zinco.
  • Noci brasiliane: una quota di zinco arriva anche dalle noci brasiliane, che lo affiancano a fibre utili all’intestino. Ne sono sufficienti tre al giorno, da mangiare come spuntino o a colazione.
  • Germe di grano: il germe di grano è la parte più interna del chicco, dove è presente un’alta concentrazione di minerali e di zinco in particolare. Lo trovi in scaglie nei negozi di alimentazione naturale e puoi aggiungerlo a yogurt, muesli o minestre.
  • Vongole: Le vongole sono tra gli alimenti che vantano il maggior quantitativo di zinco (superate solo dalle molto più costose ostriche). Utilizzale preparando il sugo per la pasta: te ne bastano solamente 30 g per avere già tutto lo zinco quotidiano necessario. In più hanno pochissime calorie.

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

It is the right mineral to regenerate the intestinal walls creating a shield against toxins that make you fat: here are the foods richest in zinc

Zinc is an excellent mineral, which repairs the damage caused by excess of toxins in the intestine and which strengthens the colon. A study by INRAN (the Italian public body for research on food and nutrition) has shown that a zinc deficiency makes the intestine even more sensitive to inflammation and this will make weight loss difficult. Zinc is necessary above all if, together with the difficulty in losing weight, one also suffers from constipation or the symptoms of the irritable bow are present. Thanks to this mineral it is possible to repair and regenerate the intestinal walls and thus restore the barrier that blocks the molecules that stop weight loss.

If you take little zinc the metabolism works badly

Zinc is also involved in numerous physiological functions: more than 200 enzymes need zinc to act. A study conducted by researchers at the University of Massachusetts found a slowing of the metabolism in those with a low zinc diet and it was enough to increase the intake of this mineral to get a rise in the metabolic rate. Finally zinc increases the levels of leptin, the hormone synthesized by the fat cells, which favors the elimination of accumulated fat, also controlling the sense of hunger.

Stock up on zinc at the table

To recharge with zinc, insert the foods that are richer in your weekly diet. Here are those that must not be missing on the table.

  • Millet: among the cereals, it is millet to supply a good quantity of zinc. Eat at least three times a week and benefit from its purifying properties. Its alkalizing grains, in fact, are able to counteract the acidic toxins that favor overweight. It is also easy to prepare: just boil it in boiling water for 15-20 minutes.
  • Chickpeas: Chickpeas, in addition to being draining and rich in fiber, are an excellent source of zinc. You can use them to prepare a single dish, adding 30g to 50g of millet (or pasta / rice), or you can use them as a side dish, a couple of times a week, for example with chicken breast, which is also able to supply you of zinc.
  • Brazilian nuts: a share of zinc also comes from Brazilian nuts, which are flanked by fibers useful for the intestine. Three nuts are enough, to eat as a snack or for breakfast.
  • Wheat germ: the wheat germ is the innermost part of the grain, where there is a high concentration of minerals and zinc in particular. You find it in flakes in natural food stores and you can add it to yogurt, muesli or soups.
  • Clams: Clams are among the foods that boast the largest quantity of zinc (only exceeded by the much more expensive oysters). Use them to prepare the pasta sauce: you need only 30 g to have all the necessary daily zinc. Plus they have very few calories.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Older Posts »