Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘minerali’

cibi_con_magnesioIl magnesio è un minerale usato da ogni organo nel vostro corpo, in particolare il cuore, i muscoli, e i reni. Se si soffre di stanchezza senza motivo o debolezza, anomalie del ritmo cardiaco o addirittura spasmi muscolari e spasmi oculari, la causa potrebbe essere nei  bassi livelli di magnesio.

Se hai recentemente fatto un esame del sangue, si potrebbe supporre che abbia mostrato una carenza di magnesio. Ma solo l’1 per cento del magnesio nel corpo è distribuito nel sangue, facendo un semplice test del magnesio da un esame del sangue non risulta molto indicativo.

La maggior parte del magnesio è immagazzinato nelle ossa e negli organi, dove viene utilizzato per molte funzioni biologiche. Eppure, è abbastanza probabile essere carente e non saperlo, è per questo che la carenza di magnesio è stata soprannominata la “carenza di invisibile.”

Secondo alcune stime, fino al 80 per cento degli americani non hanno abbastanza magnesio e possono essere carenti. Altre ricerche mostrano solo il 25 per cento degli adulti americani assumono sempre la quantità giornaliera raccomandata di 310-320 milligrammi (mg) per le donne e 400 a 420 per gli uomini.

Ancora più preoccupante, è che consumando anche questo importo sembra essere  “appena sufficiente per scongiurare la carenza a titolo definitivo”, secondo il dottor Carolyn Dean, un medico e naturopata.

La carenza di magnesio può scatenare 22 problematiche si salute 

Il magnesio è spesso visto principalmente come minerale per il vostro cuore e le ossa, ma questo è fuorviante. I ricercatori hanno ora individuato 3.751 siti-magnesio con un legame con le  proteine umane, indicando che il suo ruolo nella salute umana e la malattia potrebbe essere stata ampiamente sotto valutata.3

Il magnesio si trova anche in più di 300 differenti enzimi nel vostro corpo e svolge un ruolo nei processi di disintossicazione del corpo, il che lo rende importante per aiutare a prevenire i danni da sostanze chimiche ambientali, metalli pesanti e altre tossine. Inoltre, il magnesio è necessario per:

  • Attivazione muscoli e nervi
  • Creazione di energia nel vostro corpo attivando adenosina trifosfato (ATP)
  • Aiutare digerire proteine, carboidrati e grassi
  • Servire come un blocco di costruzione per l’RNA e DNA sintesi
  • Agendo come un precursore per neurotrasmettitori come la serotonina

Dr. Dean ha studiato e scritto riguardo al magnesio per più di 15 anni. L’ultima aggiunta del suo libro, The Magnesium Miracle,, è uscito nel 2014 e in esso si può imparare circa 22 aree mediche in cui la carenza di magnesio è con causa o causa, tutte scoperte scientificamente provate. Questo comprende:

Ansia e attacchi di panico  Asma Trombi
Problemi intestinali Cistiti Depressione
Disintossicazione Diabete Stanchezza
Problemi cardiaci Ipertensione Ipoglicemia
Insonnia Problemi renali Problemi al fegato
Emicrania Problemi muscolo schelettrici (fibromialgia, crampi, mal di schiena cronico, ecc.) Problemi nervosi
Problemi ginecologici ed ostetrici  (SPM, infertilità, and preeclampsia)  Osteoporosi  sindrome di Raynaud
Decadimento dentale  

 

I primi segni di carenza di magnesio includono la perdita di appetito, mal di testa, nausea, stanchezza e debolezza. Una carenza di magnesio in corso può portare a sintomi più gravi, tra cui:

 

Addormentamento e formicolio  Contrazioni e crampi  Epilessia 
Cambio di umore Aritmia cardiaca eccessiva  Spasmi coronarici 

 

 

Il ruolo di magnesio nel diabete, il cancro, e altre malattie

La maggior parte delle persone non pensano al magnesio quando pensano a come prevenire le malattie croniche, ma esso svolge un ruolo essenziale. Per esempio, ci sono stati diversi studi significativi sul ruolo del magnesio nel mantenere il vostro metabolismo in azione in modo efficiente, in particolare in termini di sensibilità all’insulina, regolazione del glucosio, e la protezione dal diabete di tipo 2.

L’assunzione di magnesio supremo riduce il rischio di glucosio e del metabolismo dell’insulina e rallenta la progressione dal pre-diabete al diabete nelle persone di mezza età.  5 i ricercatori hanno dichiarato:

  • “L’assunzione di magnesio può essere particolarmente utile nel compensare il rischio di sviluppare il diabete, se si è ad alto rischio . “

Molteplici studi hanno anche dimostrato che l’assunzione di magnesio supremo è associata a una maggiore densità minerale ossea negli uomini e nelle donne, 6 e una ricerca dalla Norvegia ha anche trovato un’associazione tra magnesio nell’acqua potabile e un minor rischio di frattura dell’anca. 7

Il magnesio può anche contribuire a ridurre il rischio di cancro, e uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition ha dimostrato che maggiori assunzioni di magnesio nella dieta sono stati associati con un minor rischio di tumore colonrettale.8

I risultati della meta-analisi hanno indicato che per ogni 100 mg di aumento di assunzione di magnesio, il rischio di tumore del colon-retto è diminuito del 13 per cento, mentre il rischio di tumore del colon-retto è stata abbassata del 12 per cento. I ricercatori hanno notato che gli  effetti anti-cancro del magnesio possono essere correlati alla sua capacità di ridurre la resistenza all’insulina, che può influenzare positivamente lo sviluppo di tumori.

 

Fattori sorprendenti che influiscono sui livelli di magnesio

Alghe e verdure a foglia verde come spinaci e bietole possono essere ottime fonti di magnesio, come lo sono alcuni fagioli, noci e semi, come semi di zucca, di girasole, di sesamo. Avocado contiene anche magnesio. Usare l’estrattore con le verdure è una scelta eccellente per assicurarsi che stai assumendo abbastanza magnesio nella vostra dieta.

Tuttavia, la maggior parte degli alimenti coltivati oggi sono carenti in magnesio e altri minerali, un modo per assumere abbastanza magnesio non è semplicemente una questione legata al mangiare cibi ricchi di magnesio (anche se questo è molto importante). Secondo il dottor Dean:

  • “Il magnesio estratto dal terreno molto più del calcio … Un centinaio di anni fa, avremmo avuto forse 500 mg di magnesio in una dieta normale. Ora siamo fortunati se riusciamo ad avere 200 milligrammi.”

Gli erbicidi, come il glifosato agiscono anche come chelanti, bloccando efficacemente l’assorbimento e l’utilizzo di minerali in tanti alimenti coltivati oggi. Come risultato, può essere molto difficile trovare alimenti veramente ricchi di magnesio. Cucinare e gli alimenti industriali hanno come effetto di esaurire il magnesio.

Nel frattempo, alcuni alimenti possono realmente influire sull’assorbimento nel vostro corpo di magnesio. Se si beve alcol in eccesso, per esempio, potrebbe interferire con l’assorbimento del vostro corpo di vitamina D, che a sua volta è utile per l’assorbimento del magnesio. Se si mangia tanto zucchero, questo può portare il vostro corpo ad espellere il magnesio attraverso i reni “, determinando una perdita netta”, secondo il dottor Danine Fruge, direttore medico associato presso il Pritikin Longevity Center in Florida.9

I seguenti fattori sono anche associati a livelli di magnesio inferiori: 10

  • Un consumo eccessivo di sodio o di caffeina
  • menopausa
  • L’età avanzata (gli anziani sono più probabilità di essere carenti di magnesio, perché l’assorbimento si riduce con l’età e gli anziani sono più propensi a prendere i farmaci che possono interferire con l’assorbimento)
  • Alcuni farmaci, inclusi diuretici, alcuni antibiotici (come gentamicina e tobramicina),
  • corticosteroidi (prednisone o Deltasone), antiacidi, e l’insulina
  • Un sistema digestivo malsano, che altera la capacità del corpo di assorbire il magnesio (morbo di Crohn, intestino permeabile, etc.)

 

Calcio, vitamina K2, e vitamina D devono essere bilanciati con Magnesio

Si può pensare che per  porre rimedio ai rischi di livelli di magnesio bassi, fosse semplicemente prendere un supplemento, ma non è così semplice. Quando si sta prendendo il magnesio, è necessario considerare il calcio, vitamina D3 e vitamina K2 e, dal momento che questi lavorano in sinergia tra loro. Quantità eccessive di calcio senza il contrappeso di magnesio può portare a un attacco cardiaco e morte improvvisa, per esempio.

La ricerca sulla dieta paleolitica o cavernicola ha dimostrato che il rapporto calcio magnesio nella dieta che i nostri corpi evoluti nel mangiare era 1-a-1.11

Gli americani in generale tendono ad avere un elevato rapporto calcio rispetto al magnesio e nella loro dieta, hanno una media circa di  3,5 a 1.

Se si dispone di troppo calcio e non abbastanza magnesio, i muscoli tendono ad andare in spasmo, e questo ha conseguenze per il tuo cuore in particolare.

  • “Quello che accade è, la funzione muscolare e nervosa di cui il magnesio è  responsabile è diminuita. Se non avete abbastanza magnesio, i muscoli vanno in spasmo. Il calcio fa sì che il muscolo si contragga. Se si ha un equilibrio, i muscoli avrebbero fatto il loro lavoro, rilassandosi, e contraendosi  facendo la loro attività “, spiega il dottor Dean.

Non solo il bilanciamento di calcio e magnesio è fondamentale ma occorre anche tenere a mente che hanno bisogno di vitamine K2 e D. Questi quattro nutrienti eseguono una danza intricata insieme, supportandosi l’un l’altro. La mancanza di equilibrio tra questi nutrienti è uno dei motivi per cui gli integratori di calcio si sono associati ad un aumentato rischio di attacchi di cuore e ictus, e perché alcune persone sperimentano la tossicità della vitamina D. Parte della spiegazione di questi effetti collaterali è che la vitamina K2 mantiene il calcio nella sua posizione appropriata. Se sei la vitamina K2 è carente, e si aggiunge il calcio questo può causare più problemi di quanti ne risolva, accumulandosi nei posti sbagliati, come il vostro tessuto molle.

Allo stesso modo, se si opta per via orale l’assunzione di vitamina D, è necessario consumare anche nel vostro cibo o prendere supplementi di vitamina K2 e più magnesio. Prendendo mega dosi di supplementi di vitamina D, senza una quantità sufficiente di K2 e magnesio può portare alla tossicità della vitamina D e sintomi di carenza di magnesio, che comprendono la calcificazione non appropriata che può danneggiare il cuore.

 

Suggerimenti per aumentare i livelli di magnesio

Un modo per aumentare davvero il tuo magnesio, così come molti altri importanti nutrienti a base vegetale, è di spremere le vostre verdure con l’uso di un estrattore. Io di solito bevo circa mezzo litro di succo di verdura fresco ogni giorno, e questo è una delle mie principali fonti di magnesio. Gli alimenti biologici possono avere più magnesio se coltivati in terreni ricchi di nutrienti, ma è molto difficile fare tale determinazione. Se si opta per un supplemento, è bene essere consapevoli che c’è una vasta gamma di integratori di magnesio presenti sul mercato, perché il magnesio deve essere legato a un’altra sostanza. Semplicemente non c’è un integratore di magnesio puro al 100 per cento.

La sostanza utilizzata in qualsiasi composto può influenzare l’assorbimento e la biodisponibilità del magnesio, e può fornire benefici leggermente diverse o mirati per la salute. La tabella che segue riassume alcune delle differenze tra le varie forme. Magnesio treonato e citrato sono alcune delle migliori fonti, in quanto sembra penetrare meglio le membrane delle cellule, compreso i vostri mitocondri, che si traduce in livelli di energia più elevati. Inoltre, penetra anche la vostra barriera emato-encefalica e sembra fare miracoli per trattare e prevenire la demenza e migliorare la memoria. Se si prende un supplemento, è possibile utilizzare il “test intestino” per determinare se si sta prendendo troppo magnesio. Dr. Dean spiega: 12

  • “Il modo migliore per capire se stai assumendo abbastanza magnesio è il” test intestino “. Sai quando hai assunto  troppo magnesio quando le feci sono molli. Questo, infatti, può essere una benedizione per le persone con costipazione … [che] è uno dei tanti modi per manifestare carenza di magnesio. “

Oltre a prendere un integratore, un altro modo per migliorare il proprio stato di magnesio è di fare regolari bagni di sale di Epsom o pediluvi. Il sale Epsom è un solfato di magnesio che può assorbire nel vostro corpo attraverso la pelle. L’olio di magnesio può essere utilizzato anche per l’applicazione topica ed assorbimento. Qualunque supplemento si sceglie, è bene essere sicuri di evitare qualsiasi forma di  magnesio stearato un additivo comune, ma potenzialmente pericolosa.

 

Magnesi glicinato è una forma chalet di magnesio che tende a provvedere al livello più alto di assorbimento e biodisponibilità ed è normalmente considerato ideale per cercano di correggere una carenza.   Ossido di Magnesio is è un tipo di magnesio non chelato, legato ad un acido organico oppure un acido grasso. Contiene 60% di magnesio, e ha proprietà ammorbidenti.  
Magnesio cloride/Magnesio lattato contiene solo 12% di magnesio, ma ha un miglior assorbimento rispetto agli altri, come l’ossido di magnesio, che ne contiene fino a 5 volte di più.  Magnesium solfato/Magnesio idrossido (latte di magnesia)sono tipicamente usati come lassativi. Attenti in quanto è facile eccedere, quindi da assumere SOLO dietro prescrizione.  
Magnesio carbonato, which has antacid properties, contains 45 percent magnesium Magnesium taurate contains a combination of magnesium and taurine, an amino acid. Together, they tend to provide a calming effect on your body and mind
Magnesium citrate  è un magnesia con acido citrico, che come tutti gli integratori di magnesio ha proprietà lassative ma è ben assorbito ed è economicamente vantaggioso. Magnesio treonato è un nuovo tipo di magnesio che sembra essere promettente, per via della sua maggiore capacità di penetrazione nella membrana dei mitocondri e potrebbe risultate il migliore sul mercato  

FONTE: Dr Mercola

 

 

 

 

(ENGLISH VERION)

 

Magnesium is a mineral used by every organ in your body, especially your heart, muscles, and kidneys.1 If you suffer from unexplained fatigue or weakness, abnormal heart rhythms or even muscle spasms and eye twitches, low levels of magnesium could be to blame.

If you’ve recently had a blood test, you might assume it would show a magnesium deficiency. But only 1 percent of magnesium in your body is distributed in your blood, making a simple sample of magnesium from a serum magnesium blood test not very useful. 

Most magnesium is stored in your bones and organs, where it is used for many biological functions. Yet, it’s quite possible to be deficient and not know it, which is why magnesium deficiency has been dubbed the “invisible deficiency.” 

By some estimates, up to 80 percent of Americans are not getting enough magnesium and may be deficient. Other research shows only about 25 percent of US adults are getting the recommended daily amount of 310 to 320 milligrams (mg) for women and 400 to 420 for men.2

Even more concerning, consuming even this amount is “just enough to ward off outright deficiency,” according to Dr. Carolyn Dean, a medical and naturopathic doctor. 

Magnesium Deficiency May Trigger 22 Medical Conditions

Download Interview Transcript

Magnesium is often thought of primarily as a mineral for your heart and bones, but this is misleading. Researchers have now detected 3,751 magnesium-binding sites on human proteins, indicating that its role in human health and disease may have been vastly underestimated.3

Magnesium is also found in more than 300 different enzymes in your body and plays a role in your body’s detoxification processes, making it important for helping to prevent damage from environmental chemicals, heavy metals, and other toxins. In addition, magnesium is necessary for:

  • Activating muscles and nerves 
  • Creating energy in your body by activating adenosine triphosphate (ATP) 
  • Helping digest proteins, carbohydrates, and fats 
  • Serving as a building block for RNA and DNA synthesis 
  • Acting as a precursor for neurotransmitters like serotonin 

Dr. Dean has studied and written about magnesium for more than 15 years. The latest addition of her book, The Magnesium Miracle, came out in 2014 and in it you can learn about 22 medical areas that magnesium deficiency triggers or causes, all of which have all been scientifically proven. This includes:4

Anxiety and panic attacks  Asthma Blood clots
Bowel diseases Cystitis Depression
Detoxification Diabetes Fatigue
Heart disease Hypertension Hypoglycemia
Insomnia Kidney disease Liver disease
Migraine Musculoskeletal conditions (fibromyalgia, cramps, chronic back pain, etc.) Nerve problems
Obstetrics and gynecology (PMS, infertility, and preeclampsia)  Osteoporosis Raynaud’s syndrome
Tooth decay     

Early signs of magnesium deficiency include loss of appetite, headache, nausea, fatigue, and weakness. An ongoing magnesium deficiency can lead to more serious symptoms, including:

Numbness and tingling  Muscle contractions and cramps  Seizures 
Personality changes  Abnormal heart rhythms  Coronary spasms 

The Role of Magnesium in Diabetes, Cancer, and More

Most people do not think about magnesium when they think about how to prevent chronic disease, but it plays an essential role. For instance, there have been several significant studies about magnesium’s role in keeping your metabolism running efficiently—specifically in terms of insulin sensitivity, glucose regulation, and protection from type 2 diabetes.

Higher magnesium intake reduces risk of impaired glucose and insulin metabolism and slows progression from pre-diabetes to diabetes in middle-aged Americans.5 Researchers stated, “Magnesium intake may be particularly beneficial in offsetting your risk of developing diabetes, if you are high risk.” 

Multiple studies have also shown that higher magnesium intake is associated with a higher bone mineral density in both men and women,6 and research from Norway has even found an association between magnesium in drinking water and a lower risk of hip fractures.7

Magnesium may even help lower your risk of cancer, and a study published in the American Journal of Clinical Nutrition showed that higher intakes of dietary magnesium were associated with a lower risk of colorectal tumors.8

Results from the meta-analysis indicated that for every 100-mg increase in magnesium intake, the risk of colorectal tumor decreased by 13 percent, while the risk of colorectal cancer was lowered by 12 percent. The researchers noted magnesium’s anti-cancer effects may be related to its ability to reduce insulin resistance, which may positively affect the development of tumors.

Surprising Factors That Influence Your Magnesium Levels

Seaweed and green leafy vegetables like spinach and Swiss chard can be excellent sources of magnesium, as are some beans, nuts, and seeds, like pumpkin, sunflower, and sesame seeds. Avocados also contain magnesium. Juicing your vegetables is an excellent option to ensure you’re getting enough of them in your diet.

However, most foods grown today are deficient in magnesium and other minerals, so getting enough isn’t simply a matter of eating magnesium-rich foods (although this is important too). According to Dr. Dean:

“Magnesium is farmed out of the soil much more than calcium… A hundred years ago, we would get maybe 500 milligrams of magnesium in an ordinary diet. Now we’re lucky to get 200 milligrams.”

Herbicides, like glyphosate also act as chelators, effectively blocking the uptake and utilization of minerals in so many foods grown today. As a result, it can be quite difficult to find truly magnesium-rich foods. Cooking and processing further depletes magnesium. 

Meanwhile, certain foods can actually influence your body’s absorption of magnesium. If you drink alcohol in excess, for instance, it may interfere with your body’s absorption of vitamin D, which in turn is helpful for magnesium absorption. If you eat a lot of sugar, this can also cause your body to excrete magnesium through your kidneys, “resulting in a net loss,” according to Dr. Danine Fruge, associate medical director at the Pritikin Longevity Center in Florida.9 The following factors are also associated with lower magnesium levels:10

  • Excessive intake of soda or caffeine 
  • Menopause
  • Older age (older adults are more likely to be magnesium deficient because absorption decreases with age and the elderly are more likely to take medications that can interfere with absorption)
  • Certain medications, including diuretics, certain antibiotics (such as gentamicin and tobramycin), corticosteroids (prednisone or Deltasone), antacids, and insulin 
  • An unhealthy digestive system, which impairs your body’s ability to absorb magnesium (Crohn’s disease, leaky gut, etc.)

Calcium, Vitamin K2, and Vitamin D Must Be Balanced with Magnesium

It may seem like you could remedy the risks of low magnesium simply by taking a supplement, but it’s not quite that simple. When you’re taking magnesium, you need to consider calcium, vitamin D3 and vitamin K2 as well, since these all work synergistically with one another. Excessive amounts of calcium without the counterbalance of magnesium can lead to a heart attack and sudden death, for instance. Research on the Paleolithic or caveman diet has shown that the ratio of calcium to magnesium in the diet that our bodies evolved to eat is 1-to-1.11Americans in general tend to have a higher calcium-to-magnesium ratio in their diet, averaging about 3.5-to-1.

If you have too much calcium and not enough magnesium, your muscles will tend to go into spasm, and this has consequences for your heart in particular. “What happens is, the muscle and nerve function that magnesium is responsible for is diminished. If you don’t have enough magnesium, your muscles go into spasm. Calcium causes muscle to contract. If you had a balance, the muscles would do their thing. They’d relax, contract, and create their activity,” Dr. Dean explains. 

When balancing calcium and magnesium, also keep in mind that vitamins K2 and D need to be considered. These four nutrients perform an intricate dance together, with one supporting the other. Lack of balance between these nutrients is one of the reasons why calcium supplements have become associated with increased risk of heart attacks and stroke, and why some people experience vitamin D toxicity. Part of the explanation for these adverse side effects is that vitamin K2 keeps calcium in its appropriate place. If you’re K2 deficient, added calcium can cause more problems than it solves, by accumulating in the wrong places, like your soft tissue. 

Similarly, if you opt for oral vitamin D, you need to also consume it in your food or take supplemental vitamin K2 and more magnesium. Taking mega doses of vitamin D supplements without sufficient amounts of K2 and magnesium can lead to vitamin D toxicity and magnesium deficiency symptoms, which include inappropriate calcification that may damage your heart.

Tips for Increasing Your Magnesium Levels

One way to really increase your magnesium, as well as many other important plant-based nutrients, is by juicing your greens. I typically drink one pint to one quart of fresh green vegetable juice every day, and this is one of my primary sources of magnesium. Organic foods may have more magnesium if grown in nutrient-rich soils but it is very difficult to make that determination. If you opt for a supplement, be aware that there are a wide variety of magnesium supplements on the market, because magnesium must be bound to another substance. There’s simply no such thing as a 100 percent magnesium supplement. 

The substance used in any given compound can affect the absorption and bioavailability of the magnesium, and may provide slightly different, or targeted, health benefits. The table that follows summarizes some of the differences between the various forms. Magnesium threonate and citrate are some of the best sources, as it seems to penetrate cell membranes, including your mitochondria, which results in higher energy levels. Additionally, it also penetrates your blood-brain barrier and seems to do wonders to treat and prevent dementia and improve memory. If you take a supplement, you can use the “bowel test” to determine if you’re taking too much magnesium. Dr. Dean explains:12

“The best way to tell if you are getting enough magnesium is the “bowel test”. You know when you have too much magnesium when your stools become loose. This, in fact, may be a blessing for people with constipation… [which] is one of the many ways magnesium deficiency manifests.”

Besides taking a supplement, another way to improve your magnesium status is to take regular Epsom salt baths or foot baths. Epsom salt is a magnesium sulfate that can absorb into your body through your skin. Magnesium oil can also be used for topical application and absorption. Whatever supplement you choose, be sure to avoid any containing magnesium stearate, a common but potentially hazardous additive.

Magnesium glycinate is a chelated form of magnesium that tends to provide the highest levels of absorption and bioavailability and is typically considered ideal for those who are trying to correct a deficiency.  Magnesium oxide is a non-chelated type of magnesium, bound to an organic acid or a fatty acid. Contains 60 percent magnesium, and has stool softening properties
Magnesium chloride/Magnesium lactatecontain only 12 percent magnesium, but has better absorption than others, such as magnesium oxide, which contains five times more magnesium Magnesium sulfate/Magnesium hydroxide(milk of magnesia) are typically used as laxatives. Be aware that it’s easy to overdose on these, so ONLY take as directed
Magnesium carbonate, which has antacid properties, contains 45 percent magnesium Magnesium taurate contains a combination of magnesium and taurine, an amino acid. Together, they tend to provide a calming effect on your body and mind
Magnesium citrate is magnesium with citric acid, which like most magnesium supplements has laxative properties but is well absorbed and cost effective Magnesium threonate is a newer, emerging type of magnesium supplement that appears promising, primarily due to its superior ability to penetrate the mitochondrial membrane, and may be the best magnesium supplement on the market

SOURCE: dr Mercola

Read Full Post »

carenza-di-magnesio-e-ansiaIl magnesio è uno dei minerali essenziali per la nostra salute. Aiuta infatti numerose funzioni del nostro organismo essendo coinvolto in oltre 300 processi metabolici: in particolare è utile per i muscoli e il sistema nervoso, contribuisce a regolare i livelli di calcio nel sangue, aiuta la produzione di energia e tanto altro. Spesso però ne siamo carenti e possiamo avvertire dei sintomi caratteristici.

Quando siamo in carenza di vitamine o sali minerali, il nostro corpo vive una situazione di squilibrio che sarebbe meglio risolvere il prima possibile. Ma come accorgersi di un’eventuale carenza? Spesso c’è bisogno del parere di uno specialista che può riconoscere alcune avvisaglie ma nel caso del magnesio ci sono alcuni sintomi tipici, che possono essere riconosciuti con facilità.

 

SPASMI MUSCOLARI

Un sintomo molto caratteristico della carenza di magnesio sono gli spasmi o crampi muscolari che possono colpire in particolare le gambe sia sotto sforzo, che semplicemente stando in piedi oppure addirittura a riposo e anche la notte mentre si è completamente rilassati.

 

GAMBE SENZA RIPOSO

La sindrome delle gambe senza riposo è stata solo recentemente riconosciuta dalla comunità medica. Questa condizione provoca una sensazione di tensione muscolare nelle gambe, il più delle volte costante, che comporta la necessità di muovere spesso l’arto o gli arti interessati. Di solito peggiora la notte e spesso rende molto difficile dormire.

 

EMICRANIA

Alcuni studi hanno dimostrato un legame tra una carenza di magnesio e un aumentato rischio di emicrania, soprattutto nelle donne che soffrono di questo disturbo in concomitanza con il ciclo mestruale. Il magnesio è noto anche per rilassare i vasi sanguigni, non a caso molti mal di testa, secondo gli esperti, sono causati proprio dalle contrazioni muscolari dei vasi.

 

DEPRESSIONE O ANSIA

Diversi studi, tra cui quello del George Eby Research Institute, hanno visto come una carenza di magnesio possa causare dei disequilibri nel cervello, che come conseguenza in alcuni casi scatenerebbe una depressione curabile appunto con un’assunzione costante di questo minerale. Dato che il magnesio agisce come un calmante sul sistema nervoso, una sua marcata carenza può provocare anche ansia e attacchi di panico.

 

ARITMIE DEL RITMO CARDIACO

Uno scarso apporto di magnesio al nostro organismo può portare anche a sviluppare quella sensazione che ci fa percepire la perdita di un battito cardiaco o al contrario un eccessivo movimento e che può durare per pochi secondi ma anche per un minuto o più.

 

Non sempre questi sintomi sono necessariamente da imputare ad una carenza di questo minerale ma sicuramente provare ad aumentarne l’assunzione attraverso gli alimenti che lo contengono di più o utilizzando un integratore è un tentativo da fare.

Tra i cibi che lo contengono maggiormente ci sono fonti vegetali come noci, cereali integrali e verdure a foglia verde. Nella maggior parte dei casi però, dato che purtroppo l’utilizzo dei fertilizzanti chimici ha impoverito di minerali i nostri suoli, potrebbe essere necessario ricorrere ad un integratore.

 

FONTE: Francesca Biogioli (Greenme)

Read Full Post »

Stanchezza-e-doloriÈ un integratore che depura e attiva gli enzimi che riducono i malesseri d’inizio estate: per questo il magnesio è il minerale giusto per affrontare i primi caldi
Il magnesio è un minerale fondamentale per l’organismo, un elemento nutriente ed essenziale che garantisce il corretto funzionamento corporeo, determinandone il regolare processo fisiologico.

Grazie al magnesio, inoltre, gli altri minerali (fosforo, sodio e potassio) riescono a svolgere al meglio le loro naturali funzioni ricostituenti, “tamponando” la perdita di sali dovuta al sudore.
Perché è importante prenderlo adesso
Giugno è un mese particolare in cui il clima si fa più leggero e l’aria profuma di ferie estive, ma il nostro corpo, prima di concedersi il meritato riposo vacanziero, è costretto a un estenuante sprint finale.

Lo stress a cui ci sottoponiamo in questo periodo, tra l’altro, induce a un consumo di magnesio molto intenso rispetto al normale. L’organismo ne soffre e diventa quindi necessaria un’immediata integrazione del minerale.

Una giusta quantità di magnesio, sotto forma di citrato, comporta molti benefici:

è utile per tenere sotto controllo la stanchezza e l’affaticamento, svolge:

  • un ruolo primario nel processo di trasformazione delleproteine in energia,
  • regola il sistema nervoso e quello cardiovascolare e,

in caso di sudorazione eccessiva, tipica dei giorni afosi, è un ottimo rimineralizzante.

Come assumerlo
Prendi il magnesio in compresse (una al giorno con acqua) o prova la polvere; sciogline un misurino in un bicchiere di succo di mela trasparente senza zucchero e bevi poco prima di colazione: così l’organismo assorbe meglio il minerale. La cura deve durare un mese.
Ti fa bene anche perché…
– È antispasmodicoe quindi mantiene la naturale elasticità delle cellule, limitando la possibilità di crampi e dolori muscolari.
– Regola l’intestino e combatte la stipsi.
È calmante: riduce i disturbi della sindrome premestruale, come cefalea e insonnia.

FONTE: Riza

Read Full Post »

ematite

Le pietre e i minerali emanano ognuno una propria energia, e questa ha un impatto sul nostro corpo e sulla nostra psiche. Andiamo a vedere quelli dell’ematite.

 

Ematite: descrizione
Classe minerale: ossidi.
Formula chimica: Fe2O3 + Mg, Ti + (Al, Cr, Mn, Si, H2O)
L’ematite è un ossido del ferro molto comune la cui formazione è principalmente legata a processi di tipo sedimentario, ma si forma anche in ambiente metamorfico ed in minor quantità nelle vene idrotermali, nelle rocce magmatiche e nelle zone d’ossidazione dei giacimenti di limonite.
Di colore grigio cenere o nero dalla lucentezza metallica, durante la lavorazione produce residui di polvere di tonalità rosso sangue.

 

Ematite: elemento
Fuoco : l’elemento fuoco riguarda la sfera dell’energia e della forza maschile (coraggio, volontà, purificazione, conquista).

 

Ematite: chakra
Primo chakra Muladhara (“Radice”)
Ematite: mitologia
Il nome ematite significa “pietra del sangue”: infatti in greco Haima significa “sangue”. Era già impiegata a fini terapeutici dell’antico Egitto e presso i Babilonesi per stimolare la produzione del sangue e accelerarne la coagulazione, e così anche nel Medioevo.

I cristalli assumono a volte l’aspetto di un fiore metallico, tanto da avere il nome popolare di “rosa di ferro”.

La leggenda narra che l’ematite si chiama così perché si collocava sui feriti di guerra per togliere loro il dolore ed era perciò costantemente macchiata di sangue.

 

Ematite: effetto sul corpo
L’ematite migliora l’assimilazione del ferro da parte dell’intestino tenue e stimola la produzione di globuli rossi. Utile in caso di anemia. Determina una migliore ossigenazione di tutti i tessuti dell’organismo e un miglioramento generale delle condizioni di salute dell’individuo.

Allevia qualsiasi tipo di dolore:

  • mal di testa,
  • dolori muscolari,
  • renali o
  • intestinali.

È indicata per disintossicare l’organismo e assorbire le impurità dei reni, del fegato e della milza.
È consigliata come coadiuvante per i dolori mestruali e durante la gravidanza o l’allattamento.

 

Ematite: effetto sulla psiche
L’ematite rafforza la voglia di vivere dell’individuo e lo induce a migliorare le sue condizioni di vita. Stimola la volontà e la consapevolezza delle proprie aspirazioni. Conferisce dinamismo e vitalità.

Spinge a prendersi cura dei propri bisogni fondamentali e a lottare per il proprio benessere fisico.
Ha un’azione predominante nel nostro corpo fisico: è una pietra di disciplina e concentrazione che organizza le nostre energie come un guerriero che si prepara a combattere.

La nostra forza interiore risulta magnetizzata ed energizzata dalla sua influenza.

Dà una sensazione di forza e calma l’ansia e gli attacchi di panico. Elimina le dispersioni mentali e vince l’eccessiva tendenza a sognare.

 

Ematite: modalità d’impiego
L’ematite può essere scaricata sotto l’acqua corrente.
Si consiglia di portare l’ematite a stretto contatto con la pelle ma per periodi non troppo lunghi, altrimenti potrebbe avere effetti sul piano spirituale come irritabilità ed egoismo, oltre a scaricare a livello energetico a causa del maggior livello di concentrazione mentale.

Per quanto riguarda la terapia a livello fisico, per i migliori risultati si può applicare una sfera di ematite sul corpo sulle zone doloranti, ma il suo uso è sconsigliato in caso di infiammazioni.

Se posizionata in prossimità dei talloni durante il rilassamento scioglie i crampi alle gambe e combatte la stanchezza.

FONTE: Tantasalute

 

Read Full Post »

MAGNESIO TIPIIl magnesio è un minerale fondamentale perchè aiuta a produrre l’energia indispensabile al nostro corpo.

Abbiamo già avuto modo varie volte di parlare dei benefici che questo integratore regala al nostro benessere. I ritmi di vita frenetica e lo stress che è inevitabilmente parte della vita moderna bruciano le riserve di magnesio dandoci segnali di carenza quali:

  • ansia,
  • agitazione,
  • insonnia,
  • stanchezza immotivata,
  • tic nervosi e

molti altri.

Il Cloruro di magnesio rappresenta un valido aiuto, potete approfondire qui tutte le sue proprietà e scoprire come il magnesio possa guarire molte patologie.

Altre tipologie di magnesio oltre a quello del cloruro di magnesio:

Magnesio: differenze fra le varie tipologie

1) Il Magnesio assoluto è un carbonato di magnesio in una formulazione citrata, cioè la soluzione più assimilabile che viene assunta dall’organismo, la presenza del citrato potrebbe essere utile nel caso sia necessario aumentare il pH delle urine, ad esempio in caso di tendenza alla calcolosi di acido urico e/o cistina

2) Il Magnesio Pidolato è noto soprattutto per uno studio che ne ha dimostrato la possibile efficacia nel trattamento della sindrome premestruale. La presenza dell’acido piruglatammico sembra conferire a questo sale effetti neurosedativi.

3) Il Magnesio Orotato è quello indicato con una migliore tollerabilità a livello gastrointestinale e di una assorbibilità comparabile con altre forme organiche; l’EFSA, l’autorità europea che valuta la sicurezza degli alimenti, ha espresso preoccupazioni relative al rischio che l’acido orotico favorisca la formazione di tumori avviata da varie sostanze cancerogene note

 

4) Il Magnesio Ossido è considerato quello più ricco di magnesio elementare, ma quello più difficile da assorbire nell’organismo.

5) Il Magnesio Idrossido viene utilizzato solitamente come antiacido e lassativo, non a caso è presente nei principi attivi del Maalox.

6) Il Magnesio Carbonato è insolubile in acqua e scarsamente assorbibile dall’organismo umano, solitamente non è usato come integratore.

Quale altro Magnesio conoscete?

FONTE: Ambientebio

Read Full Post »

lapislazzuli_1Lapislazzuli: descrizione

Classe minerale: tettosilicati.
Formula chimica: (Na,Ca)8[SO4/S/Cl)2/(AlSiO4)6] + Fe
Il lapislazzuli è un allumosilicato di sodio con zolfo e cloro che si forma nel corso della metamorfosi del calcio in marmo. In pratica è una roccia perché composta da un insieme di minerali (in prevalenzalazurite e calcite) che conferiscono alla pietra un aspetto quasi omogeneo e il caratteristico colore azzurro intenso. La presenza del ferro determina invece la formazione di inclusioni piritiche color oro.

Il lapislazzuli ha una lucentezza vitrea, è opaco o appena traslucido ai bordi. Le qualità più apprezzate a scopo ornamentale sono quelle di colorazione uniforme e densa e i giacimenti più importanti si trovano in Afghanistan, Cina e Cile.
Poiché è una pietra di consistenza porosa, è sensibile

  • alle pressioni,
  • alle alte temperature,
  • alle sostanze chimiche e
  • ai solventi.

Lapislazzuli: elemento

Acqua: l’elemento acqua riguarda la sfera delle emozioni e della femminilità (

  • amore,
  • guarigione,
  • compassione,
  • riconciliazione,
  • intuizione).

Lapislazzuli: chakra

Quinto chakra Vishudda (“Gola”)

Lapislazzuli: mitologia

Il termine lapislazzuli deriva dal latino lapis, “pietra”, e dall’arabo lazhward, “azzurro”.
In Egitto e in Mesopotamia era usata nei rituali.

Insieme all’agata è una delle pietre preziose più antiche, le testimonianze che abbiamo risalgono al V millennio a.C.: è stata rinvenuta sia nelle tombe faraoniche che in quelle sumere.

In India il lapislazzuli è noto per il potere di rafforzare la vista e di salvaguardare la salute.
Nel Buddismo è considerato uno dei sette tesori e simboleggia la coscienza di sé.
Gli antichi Romani credevano che avesse proprietà afrodisiache, mentre nel Medioevo si pensava che allontanasse la paura e l’invidia.

Nel Medioevo, con la polvere di lapislazzuli si creava la qualità di blu più pregiato per gli affreschi, il blu oltremare, estremamente resistente nel tempo.
Per la sua superficie che ricorda un cielo stellato, il lapislazzuli è anche detto “pietra del cielo”.

Lapislazzuli: effetto sul corpo

Il lapislazzuli è indicato nei disturbi e nelle infiammazioni alla gola e alle vie aree superiori, tra cui la laringite, tutte le forme di allergia e l’asma.
Il lapislazzuli è utile per la vista e l’apparato osseo.
Se portato al polso calma la pressione alta, regola il funzionamento della tiroide ed è utile come antinfiammatorio e antipiretico.

Regolarizza il ciclo mestruale.

Lapislazzuli: effetto sulla psiche

Il lapislazzuli promuove saggezza e onestà, aiuta l’autoaffermazione e stimola l’intuizione e la concentrazione. Porta a far chiarezza su di sé e sulle proprie intenzioni. Dà sostegno nelle proprie decisioni e promuove la gentilezza.

Il lapislazzuli ha un forte potere calmante, tiene sotto controllo la collera e invita a razionalizzare le emozioni.
Nota come pietra dell’amicizia, facilita

  • l’espressione dei sentimenti,
  • rende estroversi e
  • migliora le relazioni interpersonali.

Aiuta a padroneggiare i conflitti e spinge ad affermare con sincerità le proprie opinioni.
È la pietra che mette in collegamento l’uomo con l’universo e armonizza il microcosmo con il macrocosmo.

Lapislazzuli: modalità d’impiego

Il lapislazzuli può essere scaricato dopo l’uso sotto l’acqua corrente.
Per l’uso sul piano spirituale si può appoggiare il lapislazzuli sulla fronte durante la meditazione.
Per quanto riguarda la terapia a livello fisico, si può portare con sé come pietra ornamentale attorno al collo anche per lunghi periodi.

FONTE: cure-naturali

Read Full Post »

reishi_mushroom

Ieri abbiamo parlato dei benefici dei funghi in questo articolo, oggi parliamo di uno in particolare: il Ganoderma Lucidum, noto anche come Reishi.

Il Ganoderma lucidum, conosciuto come Reishi, è un fungo che nasce nel legno in decomposizione di alberi di quercia e castagno in Cina e Giappone.

E’ conosciuto da tempo per le sue proprietà terapeutiche tanto da essersi guadagnato il soprannome di fungo dell’immortalità.

Attualmente i benefici di questo fungo sono stati confermati anche da diverse ricerche scientifiche che hanno messo in luce come il Reishi si possa utilizzare a fini terapeutici per diverse problematiche di salute ma soprattutto per rafforzare le difese immunitarie.

Tante le proprietà di questo fungo:

è antiossidante, antinfiammatorio, antibatterico e antivirale, riduce stress, ansia e sensazione di stanchezza, protegge il fegato, regola colesterolo, glicemia e pressione del sangue e diminuisce la reazione dell’organismo di fronte alle allergie.

Quest’ultima caratteristica è dovuta al fatto che in questo fungo sono presenti gli acidi ganoderici (triterpeni) che limitano la produzione di istamina. Ma è sorprendente pensare che il Reishi contenga oltre 150 sostanze bioattive (tra cui aminoacidi, vitamine e minerali), utili a diverse funzioni del nostro organismo.

A fronte di tutte queste proprietà ci si aspetta quanto meno che possa presentare qualche effetto dannoso, sembra invece che il Ganoderma Lucidum sia un rimedio estremamente sicuro dato che, dalle ricerche effettuate, non sono stati mai riscontrati effetti collaterali.

controindicazioni:

Solamente chi è allergico ai funghi o ha subito un trapianto dovrebbe evitare di assumerlo così come chi assume farmaci immunosoppressori (dato che stimola il sistema immunitario) o anticoaugulanti e antipiastrinici (dato fluidifica il sangue e inibisce l’aggregazione piastrinica).

COME ASSUMERLO E DOVE TROVARLO

Nei paesi orientali, il Reishi si consuma come tisana, nel nostro paese dove non c’è questa tradizione il modo più semplice per utilizzarlo è acquistare un integratore in capsule.

Va assunto preferibilmente la mattina a stomaco vuoto, è importante però scegliere un prodotto biologico per evitare contaminazioni di vario genere. In Italia il Ganoderma lucidum non è ancora molto diffuso e si trova solo nelle erboristerie ben fornite o su internet.

FONTE:Francesca Biagioli (Greenme)

Read Full Post »

Older Posts »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 7.973 follower