Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘oli essenziali’

Olio essenziale di pino e l’olio essenziale di neroli, usati per i massaggi o sciolti nell’acqua della vasca da bagno, aiutano il corpo a ritrovare leggerezza e relax, anche nelle giornate più calde.

 

Cos’è l’olio essenziale di neroli e come usarlo

Le vacanze portano con sé un brusco cambio di ambiente, clima, abitudini e orari che non è sempre senza prezzo: spesso lo paghiamo sotto forma di insonnia, nervosismo e stanchezza. Per evitare questi inconvenienti non dimentichiamo di portare con noi un prezioso alleato: l’olio essenziale di neroli. Tra le proprietà terapeutiche dell’olio essenziale di neroli estratto dai fiori dell’arancio, spicca infatti la capacità di agire sulla sfera psichica, in particolare sul sistema nervoso centrale e sull’epifisi, il cui equilibrio garantisce il corretto funzionamento del nostro orologio biologico. Il suo aroma aiuta a recuperare l’equilibrio, sedando tutti gli stati di nervosismo, ansia, palpitazioni, vertigini e disturbi gastroenterici di chiara origine nervosa.

L’olio essenziale di neroli rilassante e riequilibrante, possiede anche un’interessante proprietà afrodisiaca: non a caso un tempo le spose usavano cingersi il capo con una coroncina di fiori di arancio, che aveva la funzione di rilassare la tensione nei confronti della prima notte di nozze.

Per i massaggi: alla mattina, dopo la doccia, massaggiare la base della nuca con una miscela ottenuta versando 5 gocce di olio essenziale di neroli in 50 ml di olio di mandorle.

Nell’acqua della vasca: per un bagno riequilibrante e distensivo, mescolare 4 gocce di olio essenziale di neroli a un cucchiaio di miele d’arancio, versare il tutto nell’acqua del bagno (non troppo calda) badando bene che si sciolga completamente e rimanere immersi per 15 minuti circa.

Cos’è l’olio essenziale di pino mugo e come usarlo

Diffuso nei nostri boschi anche ad altitudini non elevate, il pino mugo è una conifera a cespuglio nota da secoli nelle vallate alpine per le sue proprietà curative, preziose in particolare per il sistema respiratorio. Ancora oggi in montagna, infatti, lo si utilizza per preparare bagni aromatici, cuscini balsamici e fumenti che curano mal di gola, raffreddore, sinusiti e tosse grazie alle virtù espettoranti dell’olio essenziale contenuto nei rametti della pianta. La sua resina, invece, un tempo veniva aggiunta agli unguenti per la cura dei reumatismi e dei dolori articolari in genere.

L’olio essenziale di pino mugo, applicato la sera (e mai prima di esporsi al sole) sulla cute attraverso il massaggio, ha anche la capacità di stimolare la circolazione sanguigna, affaticata dal caldo e dall’afa estiva, grazie alla sua marcata azione rinfrescante e disintossicante, che contribuisce a ridurre la densità del sangue: il risultato è che gli arti si sgonfiano, vene e capillari diventano meno evidenti e le gambe più leggere.

Gli aghi del pino mugo si possono utilizzare anche per preparare dei cuscini aromatici da tenere a letto o – ancora meglio – da posizionare sotto le caviglie prima di coricarsi, per rinfrescare e tonificare le gambe durante il sonno.

Per i massaggi: diluire 2 gocce di olio essenziale di pino mugo in un cucchiaio di olio di jojoba e massaggiare le gambe dal basso verso l’alto, risalendo verso ginocchia e cosce.

Per bagni di vapore: anche se siamo in estate, i bagni di vapore sono ottimi per depurare la pelle e liberarla dalle scorie che vanno ad appesantire l’attività circolatoria. Basta aggiungere 4 gocce di olio essenziale di pino mugo nell’acqua bollente della vasca, sedersi sul bordo ed esporre il corpo ai vapori. Una volta che l’acqua si sarà intiepidita, si potrà fare un vero e proprio bagno.

Contro insonnia e problemi circolatori: olio essenziale di neroli e olio essenziale di pino

Il caldo di agosto, inoltre, causa due disturbi molto frequenti: l’insonnia e il rallentamento circolatorio. Per ovviare a questi problemi l’aromaterapia ci suggerisce proprio un mix di olio essenziale di neroli e olio essenziale di pino mugo, disintossicante e tonico che agisce soprattutto a livello della circolazione.

Questi rimedi naturali mostrano la loro efficacia rilassando e depurando l’organismo, sia quando vengono utilizzati per bagni e massaggi sia per inalazione.

Consiglio: versate su un fazzoletto da tenere sempre in tasca 2 gocce di olio essenziale di neroli o di olio essenziale di pino mugo da annusare ripetutamente quando i malesseri aumentano. In alternativa si può versare qualche goccia d’olio sul cuscino.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Essential pine oil and neroli essential oil, used for massages or dissolved in the bath water, help the body regain lightness and relaxation, even on the hottest days.

What is neroli essential oil and how to use it

The holidays bring with them a sharp change of environment, climate, habits and times that is not always priceless: we often pay it in the form of insomnia, nervousness and tiredness. To avoid these problems, let’s not forget to bring a precious ally with us: the essential oil of neroli. Among the therapeutic properties of the neroli essential oil extracted from the orange flowers, the ability to act on the psychic sphere, in particular on the central nervous system and on the epiphysis, stands out, whose balance guarantees the correct functioning of our biological clock. Its aroma helps to regain balance, sedating all states of nervousness, anxiety, palpitations, dizziness and gastrointestinal disorders of clear nervous origin.

The essential oil of neroli relaxing and rebalancing, also has an interesting aphrodisiac property: it was no coincidence that once the brides used to dress their heads with a wreath of orange blossoms, which had the function of relaxing the tension towards the first night wedding

For massages: in the morning, after a shower, massage the base of the neck with a mixture obtained by pouring 5 drops of neroli essential oil into 50 ml of almond oil. In the tub water: for a balancing and soothing bath, mix 4 drops of neroli essential oil with a tablespoon of orange honey, pour it into the bath water (not too hot) taking care that it melts completely and stay immersed for about 15 minutes.

What is mugo pine essential oil and how to use it

Widespread in our forests even at low altitudes, mugo pine is a bush conifer known for centuries in the Alpine valleys for its healing properties, particularly valuable for the respiratory system. Even today in the mountains, in fact, it is used to prepare aromatic baths, balsamic cushions and fumenti that cure sore throats, colds, sinusitis and cough thanks to the expectorant virtues of the essential oil contained in the twigs of the plant. Its resin, on the other hand, was once added to ointments for the treatment of rheumatism and joint pain in general.

The essential oil of mountain pine, applied in the evening (and never before sun exposure) on the skin through the massage, also has the ability to stimulate blood circulation, fatigued by heat and summer heat, thanks to its marked action refreshing and detoxifying, which helps to reduce the density of the blood: the result is that the limbs deflate, veins and capillaries become less evident and the legs are lighter.

The needles of mountain pine can also be used to prepare aromatic pillows to keep in bed or – even better – to place under the ankles before going to bed, to refresh and tone the legs during sleep.

For massages: dilute 2 drops of essential pine oil in a tablespoon of jojoba oil and massage the legs from the bottom upwards, moving up towards the knees and thighs. For steam baths: even though we are in the summer, steam baths are excellent for purifying the skin and freeing it from the waste that weighs down the circulatory activity. Just add 4 drops of essential pine oil in the boiling water of the tub, sit on the edge and expose the body to the vapors. Once the water has cooled, you can make a real bathroom.

Against insomnia and circulatory problems: neroli essential oil and pine essential oil

Furthermore, the August heat causes two very frequent disorders: insomnia and circulatory slowdown. To overcome these problems, aromatherapy suggests a mix of essential oil of neroli and essential oil of mountain pine, detoxifying and tonic, which mainly acts at the level of circulation.

These natural remedies show their effectiveness by relaxing and purifying the body, both when they are used for baths and massages and by inhalation.

Tip: pour 2 drops of neroli essential oil or mugo pine essential oil over a handkerchief to keep in your pocket, to be smelled repeatedly when the illnesses increase. Alternatively you can pour a few drops of oil on the pillow.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Hai mai sentito un odore che ha istantaneamente riportato ricordi? Hai mai sentito un odore così forte da sentirti completamente rilassato e felice? Il nostro senso dell’olfatto è molto potente ed è l’unico direttamente collegato al sistema limbico, che è la parte del cervello responsabile delle nostre risposte emotive, fisiche e psicologiche.

Gli oli essenziali e il loro profumo sono potenti agenti di guarigione. L’aromaterapia, o terapia con olio essenziale, è una pratica di medicina alternativa che utilizza oli essenziali aromatici derivati ​​da molte diverse piante curative.

L’inalazione delle molecole di profumo di un olio essenziale stimola il sistema olfattivo, la parte del cervello legata all’olfatto. Le molecole che entrano nel naso o nella bocca passano ai polmoni, effettuano uno scambio immediato con il sangue e raggiungono le altre parti del corpo.

Quando raggiungono il cervello, influenzano il sistema limbico, che è legato alla memoria, allo stress, alla pressione sanguigna, alle emozioni, alla frequenza cardiaca, alla respirazione e all’equilibrio ormonale.

Secondo i ricercatori delle università di Vienna e Berlino, i sesquiterpeni, un composto naturale che si trova negli oli essenziali come l’incenso, il sandalo, il legno di cedro, il vetiver e il patchouli, possono aumentare i livelli di ossigeno nel cervello fino al 28%. Questo, a sua volta, aiuta il cervello a trattare vari problemi di salute,

  • rafforza il sistema immunitario,
  • regola gli ormoni,
  • stimola l’apprendimento e la concentrazione e
  • dà energia al corpo.

 

Secondo il Dr. David Stewart:

“Le molecole di sesquiterpene rilasciano molecole di ossigeno alle cellule come fa l’emoglobina nel sangue. I sesquiterpeni possono anche cancellare o deprogrammare i codici errati nel DNA. Si pensa che i sesquiterpeni siano particolarmente efficaci nel combattere il cancro perché il problema alla radice di una cellula cancerosa è che contiene disinformazione e sesquiterpeni possono cancellare quelle informazioni confuse.

Allo stesso tempo, l’ossigeno trasportato dalle molecole di sesquiterpene crea un ambiente in cui le cellule tumorali non possono riprodursi. Quindi, i sesquiterpeni trasmettono alle cellule tumorali un doppio punch-one che disabilita il loro comportamento scorretto in codice e un secondo che ne blocca la crescita …

L’American Medical Association (AMA) ha affermato che se fossero riusciti a trovare un agente che avrebbe superato la barriera emato-encefalica, sarebbero stati in grado di trovare cure per disturbi come la malattia di Lou Gehrig, la sclerosi multipla, il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson.

Tali agenti esistono già e sono disponibili sin dai tempi biblici. Gli agenti, naturalmente, sono oli essenziali, in particolare quelli che contengono le molecole ossigenanti del cervello dei sesquiterpeni.

Gli oli essenziali hanno migliorato la concentrazione degli studenti con ADHD, di età compresa tra 11 e 12 anni, rendendoli più tranquilli e in grado di recuperare rapidamente dai disturbi.

Alla fine degli anni ’80, gli scienziati hanno scoperto che l’amigdala svolge un ruolo nello stoccaggio e nel rilascio di traumi emotivi, e gli oli essenziali possono riparare i traumi senza causare effetti collaterali, a differenza dei prodotti farmaceutici commerciali.

È stato dimostrato che l’olio di incenso aumenta il flusso di ossigeno al cervello, accelerando la guarigione di traumi cranici e lesioni. L’ossigeno extra nel cervello porta a un miglioramento della memoria e dei rilasci emotivi.

L‘olio essenziale di gelsomino è comunemente usato in aromaterapia, in quanto promuove l’ottimismo, lenisce il nervo, tratta la depressione, ripristina l’energia corporea e migliora la memoria.

I seguenti oli essenziali sono eccellenti nel trattamento dell’ansia: incenso, lavanda, salvia sclarea, basilico e ylang-ylang.

In caso di depressione, dovresti usare oli essenziali di gelsomino, limone, bergamotto, salvia sclarea e mandarino, mentre gli oli essenziali di limone, sandalo, geranio e camomilla romana ridurranno significativamente lo stress.

Tuttavia, assicurati di utilizzare sempre oli essenziali di grado terapeutico al 100%, completamente privi di impurità e testati in laboratorio. Tutto quello che devi fare è diffondere alcune gocce dell’olio essenziale scelto in un diffusore freddo e inalare i vapori. Inoltre, puoi applicare una goccia di olio sulle mani e respirare il profumo.

Fonte: http://www.healthyandnaturalworld.com

 

FONTE: Healthy Food House

 

(ENGLISH VERSION)

Have you ever felt a smell that instantly brought back memories? Have you ever enjoyed a smell so much that you felt completely relaxed and happy? Our sense of smell is very powerful, and it is the only one directly linked to the limbic system, which is the brain part in charge of our emotional, physical, and psychological responses.

Essential oils and their scent are powerful healing agents. Aromatherapy, or essential oil therapy, is an alternative medicine practice that utilizes aromatic essential oils derived from many different healing plants.

The inhalation of the scent molecules of an essential oil stimulates the olfactory system, the part of the brain linked to smell. Molecules that enter the nose or mouth pass to the lungs, make an immediate exchange with the blood and reach other body parts.

When they reach the brain, they affect the limbic system, which is related to memory, stress, blood pressure, emotions, heart rate, breathing, and hormone balance.

According to researchers from the universities in Vienna and Berlin, sesquiterpenes, a natural compound found in essential oils such as frankincense, sandalwood, cedarwood, vetiver, and patchouli, can increase oxygen levels in the brain by up to 28 percent. This, in turn, helps the brain treat various health issues, strengthens the immune system, regulates hormones, boosts learning and concentration, and energizes the body.

According to Dr. David Stewart:

“Sesquiterpene molecules deliver oxygen molecules to cells as hemoglobin does in the blood. Sesquiterpenes can also erase or deprogram miswritten codes in the DNA. Sesquiterpenes are thought to be especially effective in fighting cancer because the root problem with a cancer cell is that it contains misinformation, and sesquiterpenes can erase that garbled information.

At the same time, the oxygen carried by sesquiterpene molecules creates an environment where cancer cells can’t reproduce. Hence, sesquiterpenes deliver cancer cells a double punch-one that disables their coded misbehavior and a second that stops their growth…

The American Medical Association (AMA) has said that if they could find an agent that would pass the blood-brain barrier, they would be able to find cures for ailments such as Lou Gehrig’s disease, multiple sclerosis, Alzheimer’s disease, and Parkinson’s disease.

Such agents already exist and have been available since Biblical times. The agents, of course, are essential oils-particularly those containing the brain oxygenating molecules of sesquiterpenes.”

Essential oils improved the concentration of students with ADHD, aged 11-12, making them calmer and able to quickly recover from upsets.

In the late 80s, scientists found that the amygdala plays a role in storing and releasing emotional trauma, and essential oils can repair trauma, without causing any side-effects, unlike commercial pharmaceuticals.

Frankincense oil has been shown to increase the oxygen flow to the brain, accelerating the healing of head trauma and injuries. The extra oxygen in the brain leads to improved memory and emotional releases.

Jasmine essential oil is commonly used in aromatherapy, as it promotes optimism, soothes the nerve, treats depression, restores body energy, and improves memory.

The following essential oils are excellent in the treatment of anxiety: frankincense, lavender, clary sage, basil, and ylang-ylang. In the case of depression, you should use jasmine, lemon, bergamot, clary sage, and mandarin essential oils, while lemon, sandalwood, geranium, and Roman chamomile essential oils will significantly reduce stress.

Yet, make sure you always use 100% Therapeutic grade essential oils, which are completely free from impurities, and laboratory tested. All you have to do is to diffuse a few drops of the chosen essential oil to a cold diffuser and inhale the vapors. Also, you can apply a drop of the oil on the hands, and breathe in the scent.

Source: www.healthyandnaturalworld.com

 

SOURCE: Healthy Food House

Read Full Post »

Gli scienziati hanno recentemente confermato i numerosi benefici per la salute offerti dall‘olio essenziale di pepe nero, incluso il sollievo dal dolore, la disintossicazione del corpo, l’eliminazione dell’eccesso di acido urico e l’aiuto con la dipendenza da sigaretta.

Questo olio essenziale viene estratto attraverso l’estrazione di CO2 o la distillazione a vapore e ha un aroma speziato, caldo, pepato e muschiato. È comunemente usato come rimedio naturale in caso di problemi digestivi e nervosi poiché stimola la circolazione e favorisce l’equilibrio emotivo.

Il pepe nero ha una versatilità unica che è sia energizzante che riscaldante e, nonostante il rinvigorimento dei sensi, aumenta anche la chiarezza mentale ed è comunemente usato dagli atleti e da coloro che hanno uno stile di vita attivo grazie alle sue proprietà riscaldanti ed energizzanti.

È anche un importante alimento per la salute poiché ha potenti proprietà antiossidanti, antimicrobiche e moduli gastro-protettivi. Con la piperina, come ingrediente attivo, il pepe nero contiene una ricca fitochimica che coinvolge oli volatili, oleoresine e alcaloidi.

Inoltre, i suoi componenti principali sono limonene, pinene, mircene, linalolo, pinocarveolo, alfa-termineolo, fellandrene, beta-cariofillene, beta-bisabolene, sabinene, canfene e alfa-terpenene, ed è anche una ricca fonte di manganese, ferro , potassio, calcio, beta-carotene, fosforo, selenio e vitamina K.

  • Lenisce il dolore muscolare – Applicalo localmente sulla zona interessata
  • Migliora la digestione: puoi applicarla localmente sulla zona addominale o prendere 1-2 gocce di olio di pepe nero internamente
  • Abbassa la pressione sanguigna– Aggiungi poche gocce a un bicchiere d’acqua
  • Elimina l’acido urico – Applicare 2-3 gocce sulla zona interessata per lenire l’artrite, la gotta e i reumatismi cronici
  • Detox per il corpo – Prendi 1-2 gocce di questo olio essenziale internamente
  • Riduce il desiderio di sigarette – La dipendenza da droghe e alcol ha pubblicato uno studio che dimostra che riduce il desiderio di sigaretta ei sintomi di ansia nei fumatori che cercano di smettere. Puoi semplicemente inalarlo o aggiungerne qualche goccia in un bicchiere d’acqua.
  • Allevia la congestione: applica alcune gocce sul torace
  • Tratta i problemi respiratori – Prendilo internamente o inspiralo direttamente dalla bottiglia

Inoltre, gli studi hanno dimostrato che questo potente olio essenziale è estremamente utile nel caso di

  • IBS,
  • insulino-resistenza,
  • ansia e depressione,
  • glicemia alta,
  • malattie del cervello e del fegato e
  • infiammazione.

FONTE: Healthy Food House

 

(ENGLISH VERSION)

Scientists have recently confirmed the numerous health benefits offered by black pepper essential oil, including pain relief, body detoxification, elimination of excess uric acid, and help with cigarette cravings.

This essential oil is extracted either through CO2 extraction or steam distillation and has a spicy, warm, peppery and musky aroma. It is commonly used as a natural remedy nth re case with digestive and nervous systems issues since it stimulates circulation and promotes emotional balance.

Black pepper has a unique versatility that’s both energizing and warming, and despite invigorating the senses, it also boosts mental clarity and is commonly used by athletes and those with active lifestyles due to its warming and energizing properties.

It is also an important health food since it has powerful antioxidant, antimicrobial properties, and gastro-protective modules. With piperine, as an active ingredient, black pepper holds rich phytochemistry that involves volatile oils, oleoresins, and alkaloids.

Moreover, its main components are limonene, pinene, myrcene, Linalool, pinocarveol, alpha-termineol, phellandrene, beta-caryophyllene, beta-bisabolene, sabinene, camphene, and alpha-terpenene, and it is also a rich source of manganese, iron, potassium, calcium, beta-carotene, phosphorus,  selenium, and vitamin K.

  • Soothes muscle pain- Apply it topically on the affected area
  • Improves Digestion- you can apply it topically on the abdominal area or take 1–2 drops of black pepper oil internally
  • Lowers blood pressure- Add a few drops to a glass of water
  • Eliminates uric acid- Apply 2-3 drops to the affected area to soothe arthritis, gout, and chronic rheumatism
  • Body detox- Take 1-2 drops of this essential oil internally
  • Reduces cigarette cravings- Drug and Alcohol Dependence published a study that showed that it reduces cigarette cravings and symptoms of anxiety in smokers trying to quit. You can simply inhale it or add a few drops of it to a glass of water.
  • Relieves congestion- Apply a few drops of it to the chest
  • Treats respiratory issues- Take it internally or inhale it directly from the bottle

Moreover, studies have shown that this potent essential oil is highly beneficial in the case of IBS, insulin resistance, anxiety and depression, high blood sugar, brain and liver diseases and inflammation.

 

SOURCE: Healthy Food House

Read Full Post »

Il rosmarino ha avuto la reputazione di essere una pianta miracolosa per migliaia di anni.

 

È stato usato come antisettico, antidepressivo, analgesico, antivirale, antinfiammatorio, disinfettante, afrodisiaco ed espettorante.

 

Il rosmarino ha guadagnato elogi per:

  • alleviare le condizioni relative ai nervi,
  • potenziare il sistema immunitario,
  • combattere le infezioni batteriche e virali,
  • aiutare i disturbi respiratori,
  • rafforzare la digestione e
  • migliorare la circolazione.

Il rosmarino contiene sia acido caffeico che acido rosmarinico che agiscono come un potente antinfiammatorio che lo rende ideale per chi soffre di disturbi autoimmuni come l’artrite reumatoide, la sindrome da stanchezza cronica e la fibromialgia. Contiene inoltre proprietà e oli volatili che funzionano in modo simile agli antistaminici e lo rendono molto utile per il trattamento di condizioni come l’asma e l’emicrania cronica.

È noto che le proprietà diuretiche del rosmarino aiutano ad alleviare la gotta, l’edema e i calcoli renali. Il rosmarino ha la capacità di stimolare la memoria, migliorare la concentrazione e aiutare a superare l’affaticamento mentale aumentando il flusso di sangue alla testa e al cervello.

È anche noto per alleviare la depressione e la tristezza e può ridurre l’ansia causata dallo stress. L’olio di rosmarino viene spesso aggiunto ai prodotti per la cura della pelle e dei capelli grazie alla sua capacità di detergere e nutrire il cuoio capelluto e di guarire e riparare la pelle.

L‘olio essenziale di rosmarino può essere utilizzato anche attraverso un vaporizzatore a vapore per disinfettare l’aria nella vostra casa e / o ufficio, che è particolarmente utile durante la stagione fredda e influenza.

Il rosmarino fresco o essiccato può essere assunto anche come tisana, integratore o semplicemente aggiunto al guacamole fresco, insalate, zuppe o ai pasti cucinati in casa.

È un’erba potente ed efficace che può fornire una miriade di benefici per la salute.

 

FONTE: Medical Medium

 

(ENGLISH VERSION)

Rosemary has had the reputation for miracles for thousands of years. It has been used as an antiseptic, antidepressant, analgesic, antiviral, anti-inflammatory, disinfectant, aphrodisiac, and expectorant. Rosemary has earned praise for alleviating nerve-related conditions, boosting the immune system, fighting off bacterial and viral infections, aiding respiratory ailments, strengthening digestion and improving circulation. 

Rosemary contains both caffeic acid and rosmarinic acid which act as a powerful anti-inflammatory making it ideal for those who suffer with auto-immune disorders such as rheumatoid arthritis, chronic fatigue syndrome, and fibromyalgia. It also contains properties and volatile oils that work similarly to anti-histamines and make it very useful to treat conditions such as asthma and chronic migraines. 

Rosemary’s diuretic properties have been known to help relieve gout, edema, and kidney stones. Rosemary has the ability to stimulate memory, improve concentration, and help overcome mental fatigue by increasing the blood flow to the head and brain. It is also known to alleviate depression and sadness and can decrease anxiety brought on by stress. Rosemary oil is often added to hair and skin care products due to its ability to cleanse and nourish the scalp and heal and repair the skin. 

Essential oil of rosemary can also be used through a steam vaporizer to disinfect the air in your home &/or office which is especially beneficial during cold and flu season. Fresh or dried rosemary can also be taken as a tea, supplement, or simply added to fresh guacamole, salads, soups, or any of your home cooked meals. It is a potent and effective herb that can provide a myriad of health benefits.

 

SOURCE: Medical Medium

Read Full Post »

Quello dell’olio essenziale è un mondo vasto e affascinante, sul quale però l’informazione non è ancora abbastanza strutturata e diffusa. Ecco 10 indicazioni che se utilizzi gli oli essenziali non puoi perderti!

1 – Posso utilizzare gli oli essenziali sulla pelle?

L’uso di oli essenziali in purezza a contatto con la pelle è sconsigliato. Si tratta di materie prime estremamente concentrate (un vero e proprio condensato di principi attivi) che rischiano di essere troppo aggressive per l’epidermide. Miscelale a un olio vegetale o a una crema neutra in una diluizione tra lo 0,5 e il 2% per il viso (prestando attenzione a occhi e mucose) e tra il 3% e il 5% per il corpo: beneficerai delle loro proprietà al meglio. La diluizione in un vettore consente infatti ai principi attivi di penetrare più facilmente attraverso il derma. Un’eccezione: puoi utilizzare la Lavanda in purezza su una puntura di zanzara, una bruciatura, un graffio. Anche il Tea Tree puro può essere applicato per toccature in caso di afte, verruche e micosi dell’unghia.

2 – Gli oli essenziali macchiano i tessuti?

Gli oli essenziali sono oli secchi, privi di untuosità. L’unico rischio di macchia è dovuto alle cere colorate naturalmente presenti in alcune piante: è sufficiente un lavaggio delicato per rimuoverle dal tessuto. Se intendi utilizzare gli oli essenziali sugli abiti, il consiglio è quello di diluirli e nebulizzarli con un contenitore spray: in questo modo non rimarrà nessun alone. Vorresti usarli negli armadi, sul cuscino, tra le lenzuola…insomma, dappertutto?

lenzuola_pulite

3 – Essenza o olio essenziale?

Il termine essenza viene spesso usato impropriamente: in aromaterapia si definisce “essenza” quella contenuta all’interno della pianta, dopo la distillazione le molecole aromatiche prendono invece il nome di olio essenziale. Sotto questa dicitura parzialmente scorretta si celano spesso prodotti di sintesi, che poco hanno a che fare con gli oli essenziali.

4 – Che cos’è l’aromaterapia?

L’aromaterapia è un ramo della fitoterapia che utilizza gli oli essenziali per l’armonia del corpo e lo sviluppo del potenziale umano. Non sono riconosciute proprietà aromaterapiche a nessun tipo di sostanza di sintesi: gli oli essenziali, oltre ai principi attivi, contengono il messaggio e l’energetica della pianta da cui sono stati distillati, i quali interagiscono con l’organismo sia sul piano fisico che su quello psico-emotivo. Se sei curioso, scopri come funziona l’aromaterapia

5 – Oli essenziali per i cani

I nostri amici a quattro zampe beneficiano di un olfatto sopraffine (con circa 200 milioni di recettori), che potrebbe essere turbato da odori troppo forti. Ci sono oli essenziali che i cani prediligono rispetto ad altri, come la Lavanda e la Camomilla: oltre che un ottimo olfatto, essi hanno un istinto fine e sembrano riconoscere gli oli più adatti a loro. Puoi utilizzare l’idrolato di Lavanda per la pulizia del pelo (eccezionale!) e il Tea Tree per allontanare zecche, pulci e parassiti. In ogni caso, prima di utilizzare gli oli essenziali direttamente sull’animale, è consigliabile verificare che l’odore non lo disturbi troppo e chiedere consiglio al veterinario.

cucciolo-di-cane

6 – Dopo quanto tempo scadono gli oli essenziali?

Gli oli essenziali sono per loro natura dei conservanti naturali, vengono utilizzati con questo intento anche nella biocosmesi. Formalmente la scadenza è a 12 mesi dall’apertura, ma, grazie alle loro proprietà antibatteriche e antivirali, gli oli essenziali si preservano anche più a lungo se conservati correttamente. Gli agrumi sono sottoposti a un maggior rischio di ossidazione: in questo caso ti consigliamo di consumarli entro l’anno per avere un prodotto fresco e attivo.

7 – Posso utilizzare gli oli essenziali con i bambini?

I bambini hanno un olfatto estremamente acuto e delicato, che va rispettato. Nella prima infanzia sono consigliati oli essenziali particolarmente gentili, legati alla coccola e al rilassamento: Arancio, Lavanda, Camomilla Blu, Mandarino, Vaniglia. Puoi impiegarli per una diffusione ambientale lieve, sugli abitini o sul cuscino, all’interno di una crema per un massaggio o in un bagnetto aromatico.

8 – Gli oli essenziali sono ingeribili?

Si, gli oli essenziali possono essere assunti per via orale, previa una corretta diluizione (ad esempio nello zucchero o nel miele). Qualora si voglia impiegare gli oli in questo modo, è buona norma consultare un medico specializzato in naturopatia e ricevere indicazioni sul numero di gocce, il vettore e le modalità. Si tratta di grandi alleati del nostro organismo, che, se utilizzati in modo corretto, possono agevolare:

  • il sistema immunitario,
  • la digestione,
  • la respirazione,
  • il sistema circolatorio,
  • il ciclo mestruale e
  • il sistema nervoso.

Prima di assumere un olio essenziale per via orale, verifica che si tratti di un olio essenziale alimentare.

9 – Avete l’olio essenziale di melograno o papavero? e il the verde?

Gli oli essenziali vengono estratti dalle piante aromatiche, mentre altre non lo contengono: solitamente, le piante che non producono olio essenziale se avvicinate al naso non presentano alcun profumo, proprio come il papavero o l’edera. I fiori che possono essere distillati sono pochissimi e hanno solitamente una resa minima, come ad esempio la Rosa, il Neroli e il Gelsomino. Dalla frutta –  a eccezione degli agrumi – non si estrae olio essenziale con tecniche tradizionali. Ecco di seguito alcune piante il cui profumo viene riprodotto esclusivamente in maniera sintetica dall’industria profumiera e di cui non esiste l’olio essenziale: Narciso, Mughetto, Tè Verde, Tè Nero, Papavero, Fico, Edera, Muschio Bianco.

profumo-papavero

10 – Sono allergico al profumo, posso usare gli oli essenziali?

Gli oli essenziali contengono al loro interno alcuni allergeni come il limonene e il geraniolo, i quali vengono anche riprodotti sinteticamente e utilizzati nella produzione industriale di bagnoschiuma, profumi, creme e cosmetici. L’eccesso di prodotti chimici irritanti a contatto con la nostra pelle sta generando un numero sempre crescente di persone che manifestano allergie di vario genere. Purtroppo, i patch test generici che determinano queste “allergie al profumo” vengono attuati con otto mix di molecole di sintesi e non forniscono indicazioni specifiche sugli allergeni che provocano queste reazioni. Per scoprire se un olio essenziale provoca reazioni cutanee o sensibilizzazione, puoi utilizzarne una goccia (in diuizione) nell’incavo del braccio e fare un patch-test casalingo. Se pensi di essere allergico al profumo, puoi provare il Patchouli: questo olio essenziale non contiene allergeni.

 

FONTE: Olfattiva

 

(ENGLISH VERSION)

Essential oil is a vast and fascinating world, on which, however, information is not yet structured and widespread. Here are 10 indications that if you use essential oils you can not miss it!

1 – Can I use essential oils on the skin?

The use of pure essential oils in contact with the skin is not recommended. These are extremely concentrated raw materials (a true condensate of active ingredients) that risk being too aggressive for the epidermis. Mix it with a vegetable oil or a neutral cream in a dilution between 0.5 and 2% for the face (paying attention to eyes and mucous membranes) and between 3% and 5% for the body: you will benefit from their properties at better. The dilution in a vector allows in fact the active ingredients to penetrate more easily through the dermis. An exception: you can use Lavender in purity on a mosquito bite, a burn, a scratch. Even the pure Tea Tree can be applied by touch in case of canker sores, warts and fungal infections.

2 – Do essential oils stain fabrics?

Essential oils are dry oils without greasiness. The only risk of stain is due to the colored waxes naturally present in some plants: a delicate wash is enough to remove them from the fabric. If you intend to use essential oils on clothes, the advice is to dilute and spray them with a spray container: in this way there will be no halo. Would you like to use them in the closets, on the pillow, between the sheets … in short, everywhere? We understand you, that’s why we have created a line of essential spray oils: discover them all here!

3 – Essence or essential oil?

The term “essence” is often used improperly: in aromatherapy it is defined as “essence” that contained within the plant, after distillation the aromatic molecules instead take the name of essential oil. Under this partially incorrect term, synthetic products are often hidden, which have little to do with essential oils.

4 – What is aromatherapy?

Aromatherapy is a branch of herbal medicine that uses essential oils for the harmony of the body and the development of human potential. No aromatherapy properties are recognized for any type of synthetic substance: the essential oils, in addition to the active ingredients, contain the message and the energetics of the plant from which they were distilled, which interact with the body both on the physical plane and on the psycho-emotional one. If you’re curious, find out how aromatherapy works

5 – Essential oils for dogs

Our four-legged friends benefit from an overwhelming sense of smell (with about 200 million receptors), which could be troubled by too strong odors. There are essential oils that dogs prefer over others, such as Lavender and Chamomile: as well as an excellent sense of smell, they have a fine instinct and seem to recognize the most suitable oils for them. You can use Lavender’s hydrolate to clean the fur (exceptional!) And the Tea Tree to remove ticks, fleas and parasites. In any case, before using essential oils directly on the animal, it is advisable to check that the smell does not disturb it too much and ask the vet for advice.

6 – After how much time do essential oils expire?

Essential oils are by their nature “natural preservatives”, they are also used with this intent in biocosmetics. Formally, the expiration date is 12 months after opening, but thanks to their antibacterial and antiviral properties, essential oils are preserved even longer if properly stored. Citrus fruits are subject to a greater risk of oxidation: in this case we advise you to consume them within a year to have a fresh and active product.

7 – Can I use essential oils with children?

Children have an extremely acute and delicate sense of smell, which must be respected. In early childhood, particularly gentle essential oils are recommended, linked to cuddle and relaxation: Orange, Lavender, Blue Chamomile, Mandarin, Vanilla. You can use them for a mild environmental diffusion, on little dresses or on the pillow, inside a cream for a massage or an aromatic bath. Discover Dolci Nanne and Coccola, the Olfactory synergies dedicated to children!

8 – Are essential oils ingestible?

Yes, essential oils can be taken orally, after proper dilution (eg in sugar or honey). If you want to use the oils in this way, it is good practice to consult a doctor specializing in naturopathy and receive information on the number of drops, the carrier and the modalities. These are large allies of our body, which, if used properly, can facilitate the immune system, digestion, breathing, the circulatory system, the menstrual cycle and the nervous system. Before taking an essential oil by mouth, check that it is an essential food oil.

9 – Do you have pomegranate or poppy essential oil? and the green tea?

Essential oils are extracted from aromatic plants, while others do not contain it: usually, plants that do not produce essential oil if they are close to the nose do not show any perfume, just like poppy or ivy. The flowers that can be distilled are very few and usually have a minimum yield, such as La Rosa, Neroli and Jasmine. From the fruit – with the exception of citrus fruits – no essential oil is extracted using traditional techniques. Here are some plants whose perfume is reproduced exclusively in a synthetic way by the perfumery industry and of which there is no essential oil: Narcissus, Lily of the Valley, Green Tea, Black Tea, Poppy, Fig, Ivy, White Musk.

10 – I am allergic to perfume, can I use essential oils?

Essential oils contain within them some allergens such as limonene and geraniol, which are also synthetically reproduced and used in the industrial production of bubble baths, perfumes, creams and cosmetics. The excess of irritating chemicals in contact with our skin is generating an ever-increasing number of people showing allergies of various kinds. Unfortunately, the generic patch tests that determine these “fragrance allergies” are implemented with eight mixes of synthetic molecules and do not provide specific indications on the allergens that cause these reactions. To find out if an essential oil causes skin reactions or sensitization, you can use a drop (in diuition) in the crook of the arm and make a homemade patch-test. If you think you are allergic to perfume, you can try Patchouli: this essential oil does not contain any allergens.

SOURCE: Olfattiva

Read Full Post »

La cefalea o mal di testa è un dolore molto fastidioso; prima di ricorrere agli analgesici, prova questi oli essenziali, ottimi rimedi naturali.

 

Tra i dolori più difficili da sopportare la cefalea è senza dubbio uno dei più frequenti: ne troviamo testimonianza già nei papiri egizi e nei testi assiro-babilonesi, che riportano formule magiche, ricette ed esorcismi contro il “demone della testa” e la storia annovera numerosi personaggi famosi, come Giulio Cesare e Sigmund Freud, che ne hanno sofferto per tutta la vita.

La cefalea peraltro è un disturbo sfuggente e multiforme, che può avere origini diverse e variare per intensità, frequenza, localizzazione e durata nella stessa persona, o presentarsi ciclicamente con le stesse modalità e diventare una tormentosa costante.

Per liberarsene milioni di persone ricorrono ad analgesici, antidolorifici e antinfiammatori, che oltre a non risolvere le cause del disturbo hanno pesanti effetti collaterali sull’organismo e, paradossalmente, possono produrre emicranie da intossicazione.

Per contrastare la cefalea meglio quindi ricorrere al mondo dei rimedi naturali che, oltre a non avere effetti collaterali, possono essere scelti in modo mirato secondo la natura della nostra cefalea. Molto efficaci sono gli oli essenziali, che hanno il vantaggio di poter essere utilizzati per via esterna, evitando il rischio di sovradosaggio e intossicazione.

Scegli l’olio essenziale adatto alla tua cefalea

Ecco gli oli essenziali da usare di volta in volta, da scegliere in base all’origine della cefalea o alle circostanze in cui si presenta più spesso.

Alloro nelle cefalee digestive

Dalle foglie di alloro si distilla un olio essenziale dalle proprietà antiputrefattive capace di contrastare la degenerazione degli alimenti e propiziare la digestione, evitando che gli alimenti fermentino producendo gonfiore, mal di stomaco ed cefalee digestive. Il suo aroma stimolante restituisce energia al corpo e schiarisce la mente, stimolando creatività e forza di decisione. Per riattivare la digestione e recuperare energia e lucidità mentale è sufficiente aspirarne l’aroma, avvicinando al naso la boccetta aperta.

Arancio amaro nelle cefalee metaboliche

Distillato dalla buccia dei frutti di arancio amaro quest’olio essenziale tonifica il sistema neurovegetativo e riattiva il metabolismo. Inoltre è diuretico, antinfiammatorio e stimola il drenaggio linfatico, alleggerendo la compressione dei tessuti locali (spesso coinvolta nelle emicranie), promuovendo la depurazione dell’organismo e contrastando la ritenzione idrica. Versa 5 gocce di olio essenziale di arancio amaro in  50 ml di olio di mandorle e applicane qualche goccia alla base della nuca e sul plesso solare, massaggiando delicatamente per farla assorbire.

Basilico nelle “cefalee da preoccupazioni”

Il suo spiccato tropismo per il Sistema Nervoso era noto già agli antichi Romani, che utilizzavano l’essenza di basilico come riequilibrante nervoso – proprietà confermata dall’aromaterapia moderna, che considera l’olio essenziale di basilico come uno dei migliori tonici dell’umore. Se la cefalea dipende da un accumulo di pensieri, ansie e preoccupazioni, questo è l’olio essenziale più adatto: la sua essenza dall’aroma solare è uno stimolante naturale, capace di sgombrare la mente da ogni “peso” e di alleggerire l’umore. Utile anche nelle cefalee da cattiva digestione, per goderne i benefici basta versare in un diffusore 4 gocce di olio essenziale di basilico, o versarne qualche goccia su un fazzoletto da portare con sé, e aspirarne l’aroma di tanto in tanto.

Camomilla e chiodi di garofano nelle cefalee con nevralgia

Nelle cefalee da colpo d’aria, accompagnate da nevralgia del trigemino, è bene intervenire subito con due oli essenziali analgesici e disinfiammanti: l’olio di camomilla blu e l’olio di chiodi di garofano, dotati entrambi di una specifica azione antinfiammatoria, analgesica, e sedativa. In un cucchiaio di olio di jojoba versa 5 gocce di olio essenziale di camomilla e due gocce di olio di chiodi di garofano. Mescola bene per amalgamarli e massaggia delicatamente la zona dolente tre volte al giorno con questa miscela, fino ad assorbimento completo.

Cipresso nelle cefalee da ciclo

il suo aroma dolce e balsamico era consigliato dai medici antichi per riequilibrare il sistema nervoso e la dottrina delle segnature, che riconosce nella somiglianza tra i coni fruttiferi del cipresso e le ovaie una significativa indicazione, lo raccomanda in tutti i casi di emicrania che si presentano in concomitanza con il ciclo mestruale, per riequilibrare gli sbalzi ormonali. L’olio essenziale di cipresso è molto utile anche se il mal di testa si fa sentire nei momenti di maggior relax, quando apparentemente non siamo stressati. Versa 5 gocce di olio essenziale di cipresso in 50 ml di olio di mandorle e applicane qualche goccia sulla fronte e all’altezza delle ovaie, massaggiando delicatamente per farla assorbire.

Lavanda nelle cefalee nervose

All’olio essenziale di lavanda sono attribuite proprietà sedative, antispasmodiche, antisettiche e antinfiammatorie, oltre ad un’azione antidolorifica paragonabile a quella del tramadolo, un oppiaceo sintetico usato nel trattamento del dolore. Gli studi fitoterapici hanno inoltre dimostrato che la lavanda è in grado di inibire il rilascio d’istamina nelle reazioni allergiche. Versa in una bacinella d’acqua fredda 6 gocce di olio essenziale di lavanda, immergi una pezzuola e applicala sulla fronte, cambiandola ogni volta che questa diventa calda.

Menta piperita nelle cefalee muscolo-tensive e nelle emicranie con aura

Il suo aroma intenso è efficace contro tutti i problemi neurovegetativi su base endocrina, come la cefalea di tipo tensivo e nelle emicranie con aurea caratterizzate da nausea, vomito e intolleranza alla luce e ai rumori. L’olio di menta è ottimo nelle cefalee che esplodono al risveglio e si placano verso la fine della giornata, con perenne sensazione di cerchio alla testa. Il suo effetto è immediato: basta versarne 2 gocce su un fazzolettino di carta, da annusare di quando in quando, oppure massaggiare con due gocce diluite in olio di calendula la fronte e le tempie. – N.B. Non aumentare le dosi e non usare puro sulla pelle.

Usa Niauli nelle cefalee da sinusite

Cefalea, naso chiuso, testa pesante, dolore frontale e lacrimazione, sintomi che segnalano un’infiammazione dei seni paranasali. Per risolvere efficacemente e rapidamente il problema possiamo ricorrere all’olio essenziale di niaouli un albero sempreverde originario dell’Australia che fornisce un olio essenziale dalla composizione simile a quella dell’eucalipto, ma dall’azione più delicata, tanto che può essere usato anche per i problemi respiratori dei bambini. Instillare 2 gocce di una soluzione di niaouli in 30 ml di olio di mandorle dolci o cospargerle sui bordi delle narici.

Rosa nelle emicranie da stress

Capita a molti, nei momenti di stress, di avvertire un senso di tensione e oppressione toracica che si trasforma rapidamente in cefalea, accompagnata da vertigini o senso di sbandamento. In questi casi il rimedio di elezione è l’olio essenziale di rosa centifoglia. Conosciuta da secoli come tonico del sistema vascolare e antidepressivo, contiene calcio e potassio, che tonificano la circolazione e il rame, che oltre ad essere antinfiammatorio coadiuva l’emopoiesi e migliora l’attività delle ghiandole endocrine. Alla sera, prima di coricarti, versa 3 gocce di olio essenziale di rosa centifolia in un cucchiaino scarso di olio di mandorle dolci, mescola con uno stuzzicadenti per amalgamare bene, poi immergi la punta delle dita ed esercita un leggero massaggio circolare sulla fronte: partendo dalle tempie e risalendo lungo la fronte fino alla radice del naso.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Headache or headache is a very annoying pain; before resorting to analgesics, try these essential oils, excellent natural remedies.

Among the most difficult pains to endure the headache is undoubtedly one of the most frequent: we find evidence already in the Egyptian papyri and in Assyrian-Babylonian texts, which report magic formulas, recipes and exorcisms against the “demon of the head” and history includes numerous famous people, such as Julius Caesar and Sigmund Freud, who have suffered all their lives. The headache, however, is an elusive and multiform disorder, which may have different origins and vary in intensity, frequency, location and duration in the same person, or present itself cyclically in the same way and become a constant torment.

To get rid of millions of people resort to analgesics, painkillers and anti-inflammatories, which in addition to not solve the causes of the disorder have heavy side effects on the body and, paradoxically, can produce migraines from intoxication. To counteract the headache better then resort to the world of natural remedies that, in addition to having no side effects, can be chosen in a targeted way according to the nature of our headache. Essential oils are very effective, which have the advantage of being able to be used externally, avoiding the risk of overdose and intoxication.

Choose the essential oil suitable for your headache

Here are the essential oils to use from time to time, to be chosen based on the origin of the headache or the circumstances in which it occurs more often.

Laurel in the digestive headaches

From the bay leaves is distilled an essential oil with anti-depressive properties able to counteract the degeneration of food and promote digestion, preventing foods from fermenting producing swelling, stomach ache and digestive headaches. Its stimulating aroma restores energy to the body and clears the mind, stimulating creativity and decision-making power. To reactivate the digestion and recover energy and mental clarity it is sufficient to inhale the aroma, bringing the open bottle close to the nose.

Bitter orange in metabolic headaches

Distilled from the peel of the fruits of bitter orange this essential oil invigorates the neurovegetative system and reactivates the metabolism. It is also diuretic, anti-inflammatory and stimulates lymphatic drainage, relieving local tissue compression (often involved in migraines), promoting the purification of the body and counteracting water retention. Pour 5 drops of bitter orange essential oil in 50 ml of almond oil and apply a few drops to the base of the nape and on the solar plexus, massaging gently to make it absorb.

Basilico in “headaches from worries”

His marked tropism for the nervous system was already known to the ancient Romans, who used the essence of basil as a balancing nerve – property confirmed by modern aromatherapy, which considers the essential oil of basil as one of the best tonics of mood. If the headache depends on an accumulation of thoughts, anxieties and worries, this is the most appropriate essential oil: its essence from the solar aroma is a natural stimulant, able to clear the mind of every “weight” and to lighten the mood. Also useful in poor digestive headaches, to enjoy the benefits just pour in a diffuser 4 drops of essential oil of basil, or pour a few drops on a handkerchief to take with him, and inhale the aroma from time to time.

Chamomile and cloves in headaches with neuralgia

In air blow headaches, accompanied by trigeminal neuralgia, it is good to intervene immediately with two essential analgesic and inflammatory oils: the blue chamomile oil and the clove oil, both endowed with a specific anti-inflammatory, analgesic action , and sedative. In a tablespoon of jojoba oil pour 5 drops of chamomile essential oil and two drops of clove oil. Stir well to mix them and gently massage the painful area three times a day with this mixture, until completely absorbed.

Cypress in cycle headdresses

its sweet and balsamic aroma was recommended by the ancient doctors to rebalance the nervous system and the doctrine of the signatures, which recognizes in the resemblance between the fruiting cones of the cypress and the ovaries a significant indication, recommends it in all cases of migraine that occur concurrent with the menstrual cycle, to rebalance hormonal changes. The essential oil of cypress is very useful even if the headache is felt in moments of greater relaxation, when apparently we are not stressed. Pour 5 drops of essential oil of cypress into 50 ml of almond oil and apply a few drops on the forehead and height of the ovaries, massaging gently to make it absorb.

Lavender in nerve headaches

Essential oils of lavender are attributed to sedative, antispasmodic, antiseptic and anti-inflammatory properties, as well as a pain-relieving action comparable to that of tramadol, a synthetic opioid used in the treatment of pain. The phytotherapeutic studies have also shown that lavender is able to inhibit the release of histamine in allergic reactions. Pour into a basin of cold water 6 drops of lavender essential oil, dip a cloth and apply it on the forehead, changing it every time it becomes warm.

Peppermint in muscle-tensive headaches and migraines with aura

Its intense aroma is effective against all neurovegetative problems on an endocrine basis, such as tension-type headache and in headaches with aurea characterized by nausea, vomiting and intolerance to light and noise. The mint oil is excellent in the headaches that explode upon waking and settle towards the end of the day, with perennial feeling of circle to the head. Its effect is immediate: just pour 2 drops on a tissue paper, to smell from time to time, or massage with two drops diluted in calendula oil the forehead and temples. – N.B. Do not increase the dose and do not use pure on the skin.

Use Niauli in sinus headaches

Headache, stuffy nose, heavy head, frontal pain and tearing, symptoms that signal an inflammation of the paranasal sinuses. To solve the problem effectively and quickly we can use the essential oil of niaouli an evergreen tree native to Australia that provides an essential oil with a composition similar to that of eucalyptus, but with the most delicate action, so much that it can also be used to respiratory problems of children. Instill 2 drops of a niaouli solution in 30 ml of sweet almond oil or sprinkle over the edges of the nostrils.

Rose in stress headaches

It happens to many, in moments of stress, to feel a sense of tension and chest tightness that quickly turns into a headache, accompanied by dizziness or a sense of heel. In these cases the remedy of choice is the essential oil of rose-leaf. Known for centuries as a tonic of the vascular system and antidepressant, it contains calcium and potassium, which invigorate circulation and copper, which besides being anti-inflammatory helps the hemopoiesis and improves the activity of the endocrine glands. In the evening, before going to bed, pour 3 drops of essential oil of rose centifolia into a small teaspoon of sweet almond oil, mix with a toothpick to mix well, then dip the fingertips and exert a light circular massage on the forehead: starting from the temples and going up along the forehead to the root of the nose.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

L’alloro è un ottimo rimedio naturale dalle proprietà antisettiche, digestive e stimolanti; efficace contro i dolori articolari e muscolo-tensivi, difende dagli sbalzi di temperatura e anche dalle punture d’insetti.

 

Benefici dell’alloro

L’Alloro è una pianta della famiglia Lauraceae diffusa nelle zone a clima mediterraneo e nota soprattutto come pianta aromatica da usare in cucina per insaporire le carni, ma questo bel sempreverde vanta anche notevoli proprietà salutari.

Greci e Romani lo consideravano sacro ad Apollo, padre di Esculapio – dio della medicina –  e ne usavano le fronde per incoronare poeti e condottieri, come simbolo di sapienza e gloria. Ancora oggi gli studenti che raggiungono la laurea, così come i poeti e gli atleti vittoriosi nell’antichità, vengono cinti con una corona di alloro posta sopra la fronte, divenendo così “laureati”.

I principi attivi dell’alloro

Le foglie di alloro sono ricche di principi attivi, tra cui eugenolo e limonene dalle proprietà antisettiche, antiossidanti e digestive, sali minerali (potassio, rame, calcio, manganese, ferro, selenio, zinco e magnesio) e vitamine, in particolare acido folico, provitamina A benefica per la salute di occhi, pelle e mucose e vitamine del gruppo B, utili per il sistema nervoso, la pelle e il metabolismo. Inoltre contiene vitamina C, potente antiossidante, antinfiammatorio e disinfettante naturale, capace di stimolare il sistema immunitario e contrastare le infiammazioni e le degenerazioni cellulari.

La tisana di alloro risolve i disturbi digestivi

Il grande campo di applicazione dell’alloro sono i disturbi digestivi e le intossicazioni alimentari. Quando lo stomaco sembra incapace di digerire anche solo un bicchiere d’acqua e gli alimenti stazionano nell’addome, fermentando e producendo gonfiore, mal di stomaco, intossicazione, emicranie e senso di spossatezza, puoi ricorrere a una tisana preparata versando un cucchiaino di foglie d’alloro seccate in una tazza d’acqua; lascia riposare per qualche minuto, poi filtra e bevi: il suo potere antifermentativo, digestivo e stimolante sgombra lo stomaco, restituisce energia al corpo e schiarisce la mente.

L’infuso di alloro: foglie fresche e bacche contrasta i disturbi respiratori

Benché sia noto principalmente come pianta digestiva, l’alloro possiede anche una notevole proprietà espettorante e diaforetica, utile in tutti i casi di febbre, stati influenzali e congestione delle vie respiratorie per stimolare la sudorazione e favorire l’espulsione del catarro bronchiale. In caso di tosse, febbre e influenza assumi due volte al giorno un infuso di alloro. Per prepararlo poni in una tazza di acqua bollente due o tre foglie fresche d’alloro sminuzzate, lascia riposare 6 minuti, poi filtra e bevi, addolcendolo con un cucchiaino di miele di limone.

Le proprietà dell’olio essenziale di alloro

Le foglie dell’alloro contengono un olio essenziale dalle notevoli proprietà antibiotiche, antiparassitarie, antiputrefattive, digestive, stimolanti, antisettiche, sedative, ipotensive, sudorifere, stomachiche, antireumatiche ed  espettoranti, da tenere sempre a portata di mano. Ecco come usarlo:

  • Per favorire una buona digestione versa 5 gocce di olio essenziale di alloro in un diffusore aromatico per ambienti durante i pasti principali, oppure aspirane l’aroma direttamente dalla boccetta.
  • Contro pesantezza di stomaco, emicrania digestiva o sonnolenza post-prandiale, diluisci 5 gocce di olio essenziale di alloro in un cucchiaio di olio di mandorle dolci e friziona delicatamente, con un movimento circolare in senso orario, la zona del plesso solare e le tempie.
  • Per disinfettare da virus e batteri l’aria della stanza in cui soggiorni versa in un brucia-essenze qualche goccia di olio essenziale di alloro.

L’oleolito di bacche d’alloro

Con le bacche fresche di alloro si prepara un oleolito dall’azione antinfiammatoria, miorilassante e antidolorifica, da applicare localmente per contrastare dolori reumatici o muscolari, traumi di varia natura, ecchimosi e per facilitare la ripresa funzionale delle articolazioni dopo le ingessature. L’oleolito di bacche d’alloro è anche un eccellente rimedio da applicare sulla cute per tenere lontane le zanzare. Applicato sui capelli prima dello shampoo e lasciato in posa venti minuti, rende la chioma più forte e lucente.

Come preparare l’oleolito di bacche d’alloro

Per preparare l’oleolito di alloro pestare in un mortaio 40 gr di bacche fresche, versarle in un contenitore di vetro scuro a chiusura ermetica, aggiungere 300 ml di olio d’oliva fino a ricoprirle, chiudere e posizionare il vaso vicino ad una fonte di calore, lasciandolo riposare per un mese. Successivamente conservare il vaso in luogo fresco e al riparo dalla luce solare, filtrandone una piccola quantità al momento dell’utilizzo.

L’alloro in cucina

L’abitudine di usare foglie di alloro per cucinare arrosti e bolliti è più antica della nostra tradizione culinaria ma la ragione di questa pratica non origina tanto dalla volontà di migliorare il gusto delle carni, quanto dalle qualità medicamentose delle foglie.

Non a caso Greci e Romani le usavano già per la sua capacità di contrastare la degenerazione dei cibi: in un’epoca in cui non esistevano i frigoriferi e le moderne tecniche di conservazione era ovviamente importante assicurarsi che le carni da mettere in tavola non si guastassero e allo scopo si raccomandava di avvolgerle in foglie di alloro fresco prima e durante la cottura.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Laurel is an excellent natural remedy with antiseptic, digestive and stimulating properties; effective against joint and muscle-tension pains, it protects from temperature changes and even insect bites.

Benefits of the laurel

The Laurel is a plant of the Lauraceae family widespread in areas with Mediterranean climate and is known above all as an aromatic plant to be used in cooking to flavor meat, but this beautiful evergreen also boasts significant health properties. Greeks and Romans considered it sacred to Apollo, the father of Aesculapius – god of medicine – and used its foliage to crown poets and leaders, as a symbol of wisdom and glory. Even today, students who reach the degree, as well as poets and athletes victorious in antiquity, are encircled with a laurel wreath placed over the forehead, thus becoming “graduates”.

The active ingredients of laurel

The bay leaves are rich in active ingredients, including eugenol and limonene with antiseptic, antioxidant and digestive properties, mineral salts (potassium, copper, calcium, manganese, iron, selenium, zinc and magnesium) and vitamins, in particular folic acid, provitamin A beneficial for the health of eyes, skin and mucous membranes and B vitamins, useful for the nervous system, skin and metabolism. It also contains vitamin C, a powerful antioxidant, anti-inflammatory and natural disinfectant, capable of stimulating the immune system and counteracting inflammation and cellular degeneration.

The laurel infusion solves digestive disorders

The great field of application of the gold is digestive disorders and food poisoning. When the stomach seems unable to digest even a glass of water and the foodstuffs are stationed in the abdomen, fermenting and producing swelling, stomach ache, intoxication, headaches and exhaustion, you can resort to a herbal tea prepared by pouring a teaspoon of leaves dried laurel in a cup of water; leave for a few minutes, then filter and drink: its anti-fermentation, digestive and stimulating power clears the stomach, restores energy to the body and clears the mind.

The infusion of bay leaves: fresh leaves and berries counteracts respiratory disorders

Although it is mainly known as a digestive plant, laurel also has a remarkable expectorant and diaphoretic properties, useful in all cases of fever, flu states and respiratory congestion to stimulate sweating and promote the expulsion of bronchial catarrh. In case of cough, fever and flu take a laurel infusion twice a day. To prepare it, place in a cup of boiling water two or three fresh chopped bay leaves, let it rest for 6 minutes, then filter and drink, sweetening it with a teaspoon of lemon honey.

The properties of the bay essential oil

The laurel leaves contain an essential oil with remarkable antibiotic, antiparasitic, antiputrefactive, digestive, stimulating, antiseptic, sedative, hypotensive, sudoriferous, stomachic, anti-rheumatic and expectorant properties, to keep close at hand. Here’s how to use it:

  • To encourage a good digestion pour 5 drops of essential oil of laurel in an aromatic diffuser for environments during the main meals, or aspirate the aroma directly from the bottle.
  • Against stomach heaviness, digestive migraine or post-prandial drowsiness, dilute 5 drops of bay essential oil in a tablespoon of sweet almond oil and gently fry, with a circular movement in a clockwise direction, the solar plexus area and the temples.
  • To disinfect from viruses and bacteria the air in the room in which it stays pour a few drops of essential oil of laurel into a burn-essences.

The laurel berry oleolite

With the fresh laurel berries, an anti-inflammatory, muscle-relaxing and pain-relieving oleolite is prepared, to be applied locally to counter rheumatic or muscular pains, traumas of various kinds, bruises and to facilitate functional recovery of joints after casting. The laurel berry oil is also an excellent remedy to be applied on the skin to keep mosquitoes away. Applied to the hair before shampooing and left in place for twenty minutes, it makes the hair stronger and lighter.

How to prepare the laurel berry oil

To prepare the bay laurel oil, crush 40 g of fresh berries in a mortar, pour into a tightly sealed dark glass container, add 300 ml of olive oil to cover them, close and place the vase near a source of heat, leaving it to rest for a month. Then store the jar in a cool place away from sunlight, filtering a small amount at the time of use.

Laurel in the kitchen

The habit of using bay leaves to cook roasts and boiled meat is more ancient than our culinary tradition but the reason for this practice does not originate so much from the desire to improve the taste of meat, but the medicinal qualities of the leaves. It is no coincidence that the Greeks and Romans already used them for its ability to counter the degeneration of food: in an age when there were no refrigerators and modern preservation techniques it was obviously important to make sure that the meat to be put on the table did not spoil. and for this purpose it was recommended to wrap them in fresh bay leaves before and during cooking.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Older Posts »