Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘sistema immunitario’

sensibilita_al_glutineLo sapevate? la Cheratosi pilare (conosciuto anche come ‘pelle d’oca’ sul retro delle braccia), è il risultato di una carenza di acido grasso e carenza di vitamina A secondaria a malassorbimento dei grassi causato da glutine che danneggia il tuo intestino:

La sensibilità al glutine è una malattia autoimmune che crea realtà l’infiammazione in tutto il corpo, porta a molti  problemi e malattie e altro ancora.

 

Se ci si vuole sbarazzare delle malattie si deve andare alla radice delle cause del problema, e qui potrebbe essere solo una intolleranza al glutine.
Sintomi

1. Dolori articolari

2. Malassorbimento di vitamine

3. Eruzioni cutanee

4. Emicrania

5. Problemi gastrointestinali

6. Sbalzi d’umore, ansia, depressione, ADD .

7. Fatica Cronica

8. Fibromialgia

9. Squilibri ormonali infertilità

10. Sintomi neurologici quali vertigini o sensazione di perdita di equilibrio

11. L’acne anche in età adulta

12. Al risveglio sensazione di pigrizia e stanchezza per tutto il giorno.

13. Intolleranza al lattosio

14. Frequenti mal di testa ed emicrania

Il New England Journal of Medicine elenca 55 malattie che possono essere causati dalla assunzione di glutine qui includono

  • l’osteoporosi,
  • malattie infiammatorie intestinali,
  • anemia,
  • cancro,
  • malattie del colon irritabile,
  • l’artrite,
  • il lupus,
  • la sclerosi multipla,
  • e molte altre malattie autoimmuni.

Il Glutine è legato a malattie mentali e disturbi neurologici come

  • l’ansia,
  • la depressione,
  • la schizofrenia,
  • e altri.

Naturalmente, questo non significa OGNUNA di questi casi di malattia mentale o il cancro o qualsiasi di questi problemi siano causati dal glutine l’obiettivo è molto importante per tutti noi di guardare dentro.

Allora, che cosa possiamo fare?

Andate fare il test dal medico e per capire se siete allergici anche voi al glutine e in tal caso rimuovetelo dalla vostra dieta e prestate molta attenzione a come il corpo reagisce.
Per saperne di più:  http://www.viralalternativenews.com/2015/08/10-signs-you-should-stop-eating-gluten.html#sthash.1Ts1RRJ4.dpuf

FONTE: Viralalternativenews

 

(ENGLISHE VERSION)

Did you know? Keratosis Pilaris (also known as ‘chicken skin’ on the back of your arms) is a result of a fatty acid deficiency and vitamin A deficiency secondary to fat-malabsorption caused by gluten damaging your gut: 
   

Gluten sensitivity is actually an autoimmune disease that creates inflammation throughout the body, which then leads to many other problems and diseases. If you want to get rid of the diseases you have to go to the root cause of the problem, which just might be an intolerance to gluten. 

1Joint pain

2. Malabsorption of vitamins
  
3. Skin rashes
  
4. Migraines
  
5. Gastrointestinal problems

6. Mood swings, anxiety, depression, or ADD.  

  
7. Chronic fatigue

8. Fibromyalgia

9.  Hormone Imbalances or infertility 
  
10. Neurological symptoms such as dizziness or feeling of being off balance
  
11. Acne as an adult 
  
12. Wake up feeling sluggish and fatigued all day. 
  
13. Lactose intolerance
  
14. Frequent headaches and migraines

The New England Journal of Medicine listed 55 diseases that can be caused by eating gluten which include osteoporosis, inflammatory bowel disease, anemia, cancer, irritable bowel disease, arthritis, lupus, multiple sclerosis, and many other autoimmune diseases. Gluten is also linked to mental and neurological diseases such as anxiety, depression, schizophrenia, and others.   
Naturally, this doesn’t mean that EVERY case of mental disease or cancer or any of these other problems are caused by gluten but it is very important for all of us to look into it.

So, what’s a person to do?

Go get tested by your doctor and also try removing gluten from your diet and pay close attention to how your body reacts. 
– See more at: http://www.viralalternativenews.com/2015/08/10-signs-you-should-stop-eating-gluten.html#sthash.1Ts1RRJ4.dpuf

 

SOURCE: Viralalternativenews

Annunci

Read Full Post »

20140520130116-tiroide_anatomia-e-fisiologia-della-tiroide_01Mentre quando si hanno problemi di tiroide la maggior parte dei professionisti di solito dice che avete bisogno di iodio, a volte che non è il caso. Sapendo che le erbe possono aumentare la funzione tiroidea può aiutare nel lungo periodo.

 

Oltre duecento milioni di persone soffrono nel mondo da almeno una forma di malattia della tiroide. Le malattie della tiroide hanno diverse forme. I problemi stanno aumentando così drasticamente che è stata chiamata un’epidemia da alcuni. Qui ci sono sedici erbe che possono aiutare a aumentare la funzione tiroidea.

1. Schisandra

Schisandra, è una bacca utilizzata principalmente per uso medico. E’ piena di potenti antiossidanti in grado di proteggerevi dai radicali liberi e altre tossine che causano danni cellulari. La schisandra produce un sacco di enzimi disintossicanti che permette di avere un grande effetto

  • sul sistema nervoso centrale,
  • il sistema immunitario, e
  • il sistema respiratorio.

 

2. Rhodiola

La rhodiola è un adattogeno che può aumentare la resistenza a un sacco di agenti chimici, biologici e fattori di stress fisici. Essa aiuta a bruciare i grassi e aumentare l’energia. Utilizzando la Rhodiola si possono risolvere problemi come

  • stanchezza,
  • mal di testa,
  • aumentare la propria energia in modo esponenziale.

 

3. Ashwagandha

Ashwagandha è una pianta che cresce più comunemente in India e Nord America. Utilizzando le radici di questa pianta può essere efficace nel

  • ridurre l’infiammazione,
  • ridurre lo stress,
  • alleviare artrite meglio di molti farmaci.

Questa erba è stato anche conosciuto ampiamente come un ottimo modo per aumentare la funzione del sistema immunitario.

 

4. Rehmannia

Rehmannia è una pianta incantevole con piuttosto grandi fiori che sono stati cresciuti come piante ornamentali in Europa e Nord America. Questa pianta contiene vitamine A, B, C, e D nonché composti come catalpol e glicoside iridoide che sono efficaci nel ridurre i fattori pro-infiammatori nel corpo. Rehmannia è utilizzato in Asia per il trattamento di squilibri della tiroide e anche la menopausa.

 

5. Liquirizia

la Liquirizia è stata utilizzata per sostenere

  • il sistema digestivo,
  • la funzione polmonare,
  • la funzione respiratoria e
  • anche promuovere una risposta più sana allo stress.

Questa pianta contiene un sacco di flavonoidi e flavoni quali liquiritina e un bel paio di calconi e isoflavoni.

Le persone che soffrono di ipotiroidismo hanno scoperto che piccole dosi di liquirizia può essere notevolmente vantaggioso per la loro salute. Si vede che la gente con ipotiroidismo non produce livelli di cortisolo abbastanza alti  e liquirizia stimola la produzione di questo ormone.

 

6. Bacopa

Il Bacopa è molto potente come la maggior parte dei farmaci stimolanti la tiroide per combattere l’ipotiroidismo.
Il Bacopa può essere utile nel ridurre l’infiammazione, promuovendo antiossidanti trasformati nel corpo, migliorando la memoria, e aiutando nella concentrazione mentale, quindi alleviare alcuni dei sintomi di ipotiroidismo.

 

7. Alga bruna (Fucus Vesiculosus)

L’alga bruna essendo un’alga è contemporaneamente la fonte di iodio. E’ stata scoperta di nuovo nel 1811 ed è stata utilizzata per il trattamento del gozzo che comporta il gonfiore della ghiandola tiroidea. il gozzo è strettamente legato alla carenza di iodio.

Questa pianta contiene beta-carotene, zeaxantina, iodio, bromo e potassio. Utilizzando questa erba le persone sono state in grado di produrre degli ormoni tiroidei di sintesi. Quando si combina con Ashwagandha questa erba può anche stimolare la produzione di ormoni tiroidei in soggetti con problemi di ipotiroidismo! Anche se  è anche incline ad avere elevati livelli di arsenico presenti nelle acque dell’oceano. E’ importante essere  consapevoli di dove la si ottiene.

 

8. Noce nero (Juglans Nigra)

Essendo una specie di albero di fioritura è stato utilizzato come una potenziale cura del cancro. Vedete questa pianta uccide un parassita che è responsabile nel causare alcuni tipi di cancro. Molte culture utilizzano gli scafi della juglans nigra per migliorare la loro funzione intestinale.

La juglans nigra è anche una grande fonte di iodio. Lo iodio è fondamentale per il corretto funzionamento della ghiandola tiroide.

 

9. Echinacea

Questa erba viene utilizzata per migliorare la funzione di sistema immunitario. Insieme con il fatto che è

  • un antiossidante,
  • anti-infiammatori, e
  • analgesico anti-virale.

I fiori contengono un sacco di sostanze chimiche che sostengono un sistema immunitario e lo mantengono sano. Questa erba è nota per aiutare le persone con patologie autoimmuni della tiroide a causa delle sue proprietà di miglioramento del  sistema immunitario.

 

10. Eleutherococco

I pazienti con ipotiroidismo possono prendere questa erba,  aiuterà il corpo di adattarsi alla situazione di stress che viene fornita con tale malattia, contribuisce a rafforzare il loro sistema immunitario  traendo enormi benefici.

 

11. Coleus Forskohlii

La famiglia di questa erba sono state utilizzate per il trattamento di malattie cardiache e anche minzione dolorosa. Utilizzando questa erba nel tè contiene che acido rosemarico e  flavonoidi glucuronidi.

Questa erba ha dimostrato di avere eccellenti proprietà antiossidanti. E ‘stato trovato anche per la produzione di elevate quantità di CAMP (l’enzima adenosina monofosfato ciclico.) Le persone con elevate quantità di CAMP hanno le  cellule che funzionano correttamente. Mentre le persone con basse quantità di CAMP hanno le cellule, che non  funzionano in modo totalmente  corretto.

12. Biancospino foglie e bacche

Solitamente utilizzato per promuovere la salute del sistema circolatorio, curare la pressione alta, insufficienza cardiaca congestizia, e trattare l’angina, e anche rafforzare il cuore.

Gli studi sugli animali di laboratorio hanno dimostrato che questa erba contiene composti attivi che hanno proprietà antiossidanti. Questo è molto buono perché gli antiossidanti puliscono dai radicali liberi. I radicali liberi sono sostanze dannose che alterano le membrane cellulari, manomettendo  il DNA, e possono anche causare la morte di alcune cellule.

 

13. Melissa

E’ un membro della famiglia della menta, la melissa è fantastica perché agisce direttamente sulla ghiandola tiroidea. E ‘stata utilizzata in passato per trattare la malattia di Grave.

Questa erba viene usata per normalizzare l’attività delle ghiandole tiroide iperattiva riducendo la produzione di ormoni tiroidei. Allevia anche i sintomi associati con ipotiroidismo.

 

14. Ajuga

L’ajuga è una grande alternativa ai farmaci antitiroidei. Gli acidi organici di questa erba aiutano ad  abbassare i livelli di TSH nel corpo. TSH è l’ormone stimolante la tiroide che può diventare iperattiva.

 

15. Guggul

Questa pianta produce una linfa nota come gomma guggul, l’estratto di questa gomma è stato utilizzato in medicina per quasi 3.000 anni in India. Questo estratto sembra aumentare la funzione della tiroide senza influenzare il rilascio di ormone TSH, che è buono perché non tutti i problemi alla tiroide sono dovuti a oltre all’attività di TSH.

 

16. Semi di lino

Semi di lino essendo più preventivo che curativo contiene un alto livello di omega-3. Omega-3 essendo un tipo di acido grasso che promuove la produzione di ormoni tiroidei. Incorporando semi di lino nella vostra dieta si può aiutare a prevenire l’ipotiroidismo che si potrebbe sviluppare più avanti nella vostra vita.

FONTE: Organic health

 

(ENGLISH VERSION)

While when you have thyroid problems most practitioners will usually say that you need iodine, sometimes that is not the case. Knowing which herbs can boost thyroid function may help you in the long run.

Over two hundred million people globally suffer from at least one form of thyroid disease. Thyroid disease comes in many forms. Problems are increasing so dramatically that it has been called an epidemic by some. Here are sixteen herbs that can help to boost thyroid function.

1. Schisandra

Schisandra, being a berry used mainly for medical use. It is filled with powerful antioxidants that can protect you from free radicals and other toxins that cause cellular damage. Schisandra produces lots of detoxifying enzymes which allows it to have a great effect on the central nervous system, immune system, and respiratory system.

2. Rhodiola

Rhodiola being an adaptogen can increase the resistance to lots of chemical, biological and physical stressors. It helps to burn fat and enhance energy. Using Rhodiola can fix problems like fatigue, headaches, exhaustion, and boost one’s energy dramatically.

3. Ashwagandha

Ashwagandha is a plant that grows most commonly in India and North America. Using the roots of this plant can be effective in reducing inflammation, reducing stress, and ever relieving arthritis better than most medicines out there now. This herb has also been known widely as a great way to boost immune system function.

4. Rehmannia

Rehmannia is a lovely plant with rather large flowers that have been grown as ornamental plants in Europe and North America. This plant contains Vitamins A, B, C, and D as well as compounds such as catalpol and iridoid glycoside that are effective in reducing pro-inflammatory factors in the body. Rehmannia is used in Asia for treating thyroid imbalances and even menopause.

5. Licorice

Licorice has been used to support a healthy digestion system, lung function, respiratory function and even promote a more healthy response to stress. This plant contains lots of flavonoids and flavones such as liquiritin and quite a few chalcones and isoflavones. People who suffer from hypothyroidism have found that small doses of licorice can be dramatically beneficial to their health. You see people with hypothyroidism don’t produce high enough levels of cortisol and licorice stimulates the production of such.

6. Bacopa

Bacopa being as potent as most thyroid-stimulating drugs to fight hypothyroidism.
Bacopa can be beneficial in reducing inflammation, promoting antioxidant processed in the body, enhancing memory, and aid in mental concentration, therefore alleviating some of the symptoms of hypothyroidism.

7. Bladderwrack

Bladderwrack being a seaweed was at one time the source of iodine. Being discovered back in 1811 it was used to treat goitre that is swelling of the thyroid gland. Goitre is closely related to iodine deficiency. This plant contains beta-carotene, zeaxanthin, iodine, bromine, and potassium. Using this herb people have been able to wean off of synthetic thyroid hormones. When combines with Ashwagandha this herb can even stimulate the production of thyroid hormones in people with hypothyroid problems! While it has, it’s downfall it is also prone to having high levels of arsenic found in ocean water. Be aware of where you get it.

8. Black Walnut

Being a species of flowering tree it has been used as a potential cancer cure. You see this plant kills a parasite that is responsible for causing some cancers. Many cultures use the hulls from the black walnut to improve their intestinal function.
Black walnut is also a great source of iodine. Iodine is imperative in the proper function of the thyroid glands.

9. Echinacea

This herb is used for enhancing the immune systems function. Along with the fact that it is an antioxidant, anti-inflammatory, and anti-viral pain reliever. The flowers contain lots of chemicals that support a healthy immune system. This herb has been known to help people with autoimmune thyroid conditions due to its immune system enhancing properties.

10. Eleuthero

Patients with hypothyroidism can take this herb, and it will help the body to adapt to the stressful situation that comes with having such disease, it will also help boost their immune system nd benefit them greatly.

11. Coleus Forskohlii

Species of this herb have been used to treat heart disease and even painful urination. Using this herb in tea contains rosemaric acid and flavonoid glucuronides. This herb has been shown to have excellent antioxidant properties. It has also been found to produce high amounts of cAMP (the enzyme Cyclic Adenosine Monophosphate.) You see people with high amounts of cAMP have properly functioning cells. While people with low amounts of cAMP have cells, that are not quite functioning properly.

12. Hawthorn Leaf And Berry

Usually used to promote the health of the circulatory system, treat high blood pressure, congestive heart failure, and treat angina, and even strengthen the heart. Animal and laboratory studies have shown that this herb contains active compounds that have antioxidant properties. This is very good because antioxidants scavenge free radicals. Free radicals are damaging compounds that alter cell membranes, tamper with DNA, and even cause the death of some cells.

13. Lemon Balm

Being a member of the mint family, lemon balm is fantastic because it acts directly on the thyroid gland. It has been used in the past to treat Grave’s disease. This herb is used to normalize the activity of overactive thyroid glands by reducing the production of thyroid hormones. It also relieves symptoms associated with hypothyroidism.

14. Bugleweed

Bugleweed is a great alternative to taking antithyroid drugs. The Organic acids in this herb work to lower the levels of TSH in the body. TSH is the thyroid stimulating hormone that can become overactive.

15. Commiphora Mukul

This plant produces a sap known as gum guggul, the extract of this gum has been used in medicine for close to three thousand years in India. This extract appears to boost thyroid function without influencing the release of the hormone TSH, which is good because not all thyroid problems are due to over activity of TSH.

16. Flaxseed

Flaxseed being more preventative than curative contains a high level of omega-3. Omega-3 being a type of fatty acid that promotes the production of thyroid hormones. Incorporating flaxseeds into your diet can help prevent hypothyroidism from developing later in your life.

SOURCE: Organic Health

Read Full Post »

Verbena_officinalis_(7735820620)Massaggia questa essenza sul busto, all’altezza del cuore: previeni e sconfiggi asma, stanchezza e tachicardia perché aiuti il sistema immunitario.

 

La primavera è la stagione della vita, la stagione in cui la natura dà il via a nuovi progetti e anche nell’uomo l’energia torna a scorrere come la linfa degli alberi.

 

Ma la primavera è anche il periodo delle allergie e delle gastriti. Accade quando la pressione alla riprogettazione di sé produce un brusco scompenso energetico che riverbera sul timo – la ghiandola endocrina posta sopra il cuore che governa il sistema immunitario – producendo astenia, caduta dell’umore e alterazione della risposta immunitaria.

 

Riequilibra gli scompensi del ritmo vitale

Per stimolare il timo l’aromaterapia suggerisce di utilizzare l’olio essenziale di verbena, una bella erbacea dai fiori rosa-lilla già nota ai Celti e ai Romani, che le attribuivano virtù magiche.

Gli erboristi medioevali la annoveravano tra le “herbe sacre” e la raccomandavano per curare le alterazioni del campo delle relazioni affettive minando l’autostima e producendo depressione. Digestiva e tonico-sedativa, la verbena pacifica il sistema cuore-timo nei momenti di crisi, riequilibrando la funzione immunitaria.

Usala così

In caso di allergie o calo delle difese immunitarie, diluisci 6 gocce di olio essenziale di verbena in 2 cucchiai d’olio di mandorle dolci e massaggia delicatamente la parte anteriore del busto, partendo dal diaframma e risalendo con un movimento a spirale fino all’altezza del cuore.

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Spring is the season of life, the season in which nature gives way to new projects and also in humans the power comes back on track as the sap of the trees.

But spring is also the time of allergy and gastritis. It happens when the pressure to redesign itself produces an abrupt failure energy that reverberates on the thymus – the endocrine gland located above the heart that governs the immune system – producing fatigue, fall mood and impaired immune response.

 

It balances the imbalances of the vital rhythm

To stimulate the thymus suggests using aromatherapy essential oil of verbena, a beautiful herbaceous flowers pink-lilac already known to the Celts and Romans, who attributed magical powers.

The medieval herbalists numbered among the “sacred herbe” and recommended to treat disorders of the field of affective relationships undermining self-esteem and depression producing.

Digestive and tonic-sedative, verbena peaceful the  heart-thyme system in times of crisis, balancing immune function.

How to use it at best

In case of allergies or drop in immune function, dilute 6 drops of essential oil of verbena in 2 tablespoons of sweet almond oil and gently massage the front torso, starting from the diaphragm and going with a spiral to height of the heart.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

clorofillaQuesto estratto vegetale, simile per composizione al sangue umano, vince infezioni virali e intossicazioni del dopo feste e aiuta nei giorni più freddi.

 

Gli ultimi giorni di dicembre e poi  tutto il mese di gennaio, costituiscono un periodo particolare per la salute: la temperatura in picchiata e il “grigiore” dell’ambiente esterno predispongono il corpo a un continuo e spossante senso di affaticamento.

Questa stanchezza viene poi spesso accentuata da un sistema immunitario indebolito perché costretto a combattere le aggressioni dei virus stagionali. Per congedare dicembre e dare il benvenuto a gennaio con la giusta energia, un buon aiuto  l’estratto liquido di clorofilla.

 

Contrasta l’anemia e rinforza il sistema immunitario

La clorofilla è una sostanza naturale che viene estratta direttamente dalle foglie verdi delle piante e ha una composizione chimica simile a quella dell’emoglobina, dalla quale si differenzia nella molecola centrale (magnesio per la clorofilla e ferro per il sangue).

 

Questa linfa verde svolge un’efficace azione ricostituente e rinforzante in caso di debolezza e anemia, stimolando inoltre tutto il sistema immunitario e fortificando le sue naturali barriere protettive, abili contro virus e batteri tipici del periodo freddo.

Come si assume

La clorofilla si trova in commercio in erboristeria sotto forma di soluzione idroalcolica. Si consiglia di assumerla per tutto il mese di gennaio, nella dose di 30 gocce diluite in poca acqua minerale naturale due volte al giorno, prima di colazione e di pranzo.

Fa bene perché…

1. È purificante: favorisce il drenaggio delle scorie accumulate durante le feste.

2. È antiossidante e immunostimolante: contrasta l’azione dannosa dei radicali liberi.

3. È anticolesterolo: riduce il livello di grassi nel sangue, proteggendo cuore e circolo.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

This plant extract, similar in composition to human blood, wins viral infections and intoxications that happens after parties and helps to afford the coldest days.

The last days of December and the whole month of January, are a special time for health: the temperature dives down and the “grayness” of the external environment predispose the body to a continuous and exhausting fatigue.

This fatigue is then often accentuated by a weakened immune system because it was  forced to fight the aggressions of the seasonal viruses. To dismiss December and welcome  January with the right energy, a good help is the  chlorophyll  liquid  extract .

Sharpen anemia and boosts the immune system

Chlorophyll is a natural substance extracted directly from plants green leaves, and has a chemical composition similar to that of hemoglobin, from which it differs in the central molecule (magnesium for chlorophyll and iron to the blood).

This sap green has an effective tonic and strengthening action  in case of weakness and anemia, it also stimulates the entire immune system and strengthen its natural protective barriers,  and disabilities against viruses and bacteria typical of the cold period.

 
How to assume

Chlorophyll is marketed in herbal stores in the form of a hydroalcoholic solution. It should be taken for the entire month of January, in the dose of 30 drops diluted in mineral water twice a day, before breakfast and lunch.

It’s good because …

1. It is purifying: promotes drainage of waste accumulated during the holidays.

2. It is an antioxidant and immunostimulant: counteracts the harmful action of free radicals.

3. It is anti-cholesterol: reduces the level of fat in the blood, protecting the heart and circulation.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

SchnupfenQuesto minerale in microdosi, anche associato al rame, aiuta l’organismo a migliorare la risposta immunitaria in modo naturale e atossico.

 

Tutti, prima o poi, lo abbiamo sperimentato: nella stagione autunnale, ci si sente più frequentemente stanchi, demotivati, talvolta persino depressi.

Colpa del cambiamento di clima, e soprattutto della riduzione delle ore di sole, due fattori determinanti nell’eziologia di questa sindrome da adattamento. Se questo periodo coincide con un calo delle difese immunitarie, anche a seguito di un banale raffreddore, l’organismo ne viene ulteriormente indebolito e quindi più facilmente cade vittima dei virus influenzali.

Da queste considerazioni si comprende come il sistema immunitario e quello nervoso siano strettamente connessi tra loro: ecco perché, in ottobre, è determinante rinforzare il nostro terreno di base, così da prevenire l’ influenza e “alzare le difese” anche in vista delle nuove sindromi virali, come la temibile influenza suina (A/H1N1).

 

Per tutto il mese di ottobre la dieta andrebbe arricchita con i semi oleosi, in particolare noci, nocciole e pistacchi. Contengono rame e selenio che rinforzano le difese e hanno anche un effetto stimolante a livello cerebrale.

La mattina gusta uno yogurt naturale con un cucchiaino di semi oleosi macinati (2 noci, 6 nocciole, 8 pistacchi): fai scorta di oligoelementi e di acidi grassi utili anche al cuore.

Prima e dopo il contagio, ecco gli oligoelementi per evitare l’antibiotico

Contro l’influenza, compreso il virus A

Per aumentare in modo naturale la reattività del sistema immunitario, sono indicati il rame, dalle proprietà antinfiammatorie e anti-batteriche e lo Zinco, la cui carenza provoca una minor produzione di anticorpi, di immunoglobuline G.

Rame e Zinco aumentano le difese contro le cosiddette “malattie opportuniste” (come l’influenza) che si radicano nel corpo approfittando di un momento di indebolimento generale.

Posologia: una fiala di Rame e una fiala di zinco al giorno, la mattina a digiuno per tutto il mese di ottobre. La cura si può ripetere a dicembre.

Per abbreviare la convalescenza

La stanchezza è tipica di questo mese, e si manifesta sotto forma di astenia psicofisica soprattutto nei convalescenti, che da poco hanno affrontato le prime influenze, o negli anziani. Per ritrovare in fretta le forze è necessaria una miscela di diversi oligoelementi. Ecco quali sono.

– Potassio: rigenera la forza muscolare.

– Zinco: rinforza il sistema immunitario.

– Selenio: antiossidante per eccellenza, inibisce l’aggressione dei radicali liberi ai quali il soggetto convalescente è più esposto.

– Manganese-Cobalto: ritempra l’equilibrio emotivo instabile, spesso associato alla convalescenza o alla terza età.

– Litio: si usa se l’astenia si coniuga a un vero e proprio stato depressivo.

Posologia: una fiala della miscela la mattina e una la sera per tutto il mese, anche quando l’ influenza è stata ormai superata.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

This mineral in minimal doses, also associated with the copper, helps the body to enhance the immune system and respond in a natural and non-toxic.

Everyone, sooner or later,  have experienced it: in the fall season, we feel more frequently tired, unmotivated, sometimes even depressed.

Blame climate change, and especially the reduction of hours of sunshine, two determining factors in the etiology of this syndrome adaptation. If this period coincides with a drop in immune function, is also as a result of a common cold, the organism is further weakened and therefore more easily can fall victim of flu viruses.

For these considerations we understand how the immune system and nervous systems are closely linked to each other, which is why, it is crucial to strengthen our land base, so as to prevent the flu and “raise defenses” in view of the new viral syndromes, such as the dreaded swine flu (A / H1N1).

 

Walnuts and hazelnuts are for help

Throughout the month of October, the diet should be enriched with oilseeds, especially walnuts, hazelnuts and pistachios. Contain copper and selenium that strengthen the defenses and also have a stimulating effect on the brain.

In the morning have a natural yoghurt with a teaspoon of ground oil seeds  (2 nuts, 6 hazelnuts, 8 pistachios): stock up on trace elements and fatty acids also help the heart.

Before and after infection, here is the trace elements to avoid the antibiotic

Against flu, including  A virus

For naturally increase the reactivity of the immune system, are indicated copper, anti-inflammatory properties and anti-bacterial and Zinc, whose deficiency causes a lower production of antibodies, immunoglobulin G.

Copper and Zinc increase defenses against so-called “opportunistic diseases” (like the flu) that are rooted in the body at a moment of general weakening.

Dosage: a vial of Copper and a vial of zinc per day, the morning fasting for the whole month of October. The treatment can be repeated in December.

To shorten the convalescence

Fatigue is typical of this month, and is manifested in the form of physical and mental fatigue, especially in convalescents, who recently tackled the first influences, or the elderly. To recover quickly you need to strengthen your immune system with a mixture of several trace elements. That are.

Potassium: regenerates muscle strength.

Zinc: strengthens the immune system.

Selenium: excellent antioxidant, inhibits the attack of free radicals to which the entity is exposed convalescent.

Manganese-Cobalt: restores emotional balance unstable, often associated with convalescence or the elderly.

Lithium: using if fatigue is combined with a real depression.

Dosage: a vial of the mixture in the morning and once at night for the entire month, even when the ‘influence was now outdated.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

IMG_1523Come sarebbe la bellezza della primavera senza i brividi del gelo dell’inverno? Tutto è necessario, e tutto è collegato. Noi, come esseri umani abbiamo anche noi le nostre stagioni. Come tutti gli esseri lo hanno.

 

Durante i periodi di transizione è importante ricordare queste cose, ed essere presenti con i vostri pensieri e le vostre intenzioni.

 

Con il cambiamento delle stagioni, entriamo in una nuova energia, e siamo fortunati ad avere le transizioni meno rigide di primavera e autunno per confortarci in loro. Ogni stagione è diversa, con scopi diversi e diverse vibrazioni.

 

Sì … ogni stagione ha la sua energia per aiutarci a realizzare esattamente cosa deve essere in questo periodo. La natura ci offre sempre esattamente quello che ci serve e nel momento giusto. Non sei d’accordo?

 

Per sentire la transizione completamente, è importante nutrire e rafforzare il corpo dolcemente in questo nuovo periodo e vibrazioni. Uno dei migliori rinforzanti del sistema immunitario di tutti i tempi e dei miei preferiti  è l’olio per le orecchie ayurvedico, che si può facilmente fare a casa in pochi minuti.

 

La prima volta che ho sentito parlare di olio per le orecchie era durante una lezione di John Douillard, un medico ayurvedico molto bravo, durante la mia formazione presso la scuola Integrative Nutrition. Ed è in una di quelle lezioni mi sento super-fortunata ad aver sentito di questo rimedio, di cui mi ricorderò per sempre!

 

L’utilizzo di olio per le orecchie rafforza il sistema immunitario e mantiene il vostro sistema linfatico e seni nasali umidi e nutriti.

Questo aiuta a prevenire:

  • raffreddori,
  • infezioni
  • allergie

E altrettanto potente come l’olio nutriente, sono alla base del sistema immunitario, i benefici anti-infiammatori, antibatteriche e antivirali dell’ aglio da un aggiunta potente.

È possibile acquistare l’olio per le orecchie nel negozio di alimenti biologici, ma è facilissimo da fare a casa, e vi farà risparmiare un po’ ! E io, naturalmente, vi mostrerò come! Molte persone giurano che questo olio li aiuta a  mantenersi sani tutto l’anno, e anche i loro figli!

Quindi vale la pena sperimentarlo, visto che non ci sono effetti collaterali.

Olio per le orecchie ayurvedico

Di cosa hai bisogno:

  • 1/3 tazza di olio extravergine di oliva biologico
  • 1 spicchio di aglio – tritato

 

Preparazione:

  1. Gettare l’olio e l’aglio tritato in una pentola e portare lentamente a ebollizione.
  2. Lasciate soffriggere l’olio fino alla sua evaporazione. Premere l’aglio con una forchetta per estrarre tutto il suo liquido. Quando l’olio non scoppietta più allora è pronto, il tutto dovrebbe durare 5 minuti.
  3. Una volta che il vostro olio all’aglio è pronto, lasciate raffreddare, e poi filtrare per separarlo dal aglio.
  4. Infine, versate il liquido filtrato in una bottiglia con contagocce o in una vecchia boccetta per tinture.

 

Modo di uso:

  1. Prima di utilizzare olio per le orecchie, mettere a scaldare sempre la bottiglia sotto l’acqua calda per intiepidire l’olio. Questo rende l’esperienza meno fastidiosa.
  2. Inserire olio sufficiente per riempire un orecchio e lasciare riposare per circa 5 minuti. Ora inclinare la testa e lasciare scaricare l’olio fuori, e fare l’altro lato per altri 5 minuti.

E ‘una buona idea per iniziare a fare questo una volta ogni paio di settimane per mantenere le orecchie pulite e il sistema immunitario forte.

Se sei già malato, riempire le orecchie, una volta ogni ora, fino a quando i sintomi scompaiono, vi sentirete meglio in modo più rapido.

Consiglio anche di stare il più possibile all’aria aperta. Sentirsi pienamente l’aria e l’umidità, l’odore della terra.

Assicurati che il tuo corpo sia altrettanto consapevole delle vibrazioni mutevoli  della stagione come te. Questo ci impedisce di ammalarci, cosa che accade quando sperimentando con uno “shock” o confusione  i cambiamenti fisici ed emotivi che possono avvenire con il cambio di stagione.

Articoli precedenti di Morgan:

Sull’autore:

morgan potts  150x150 The Seasons Gentle Welcoming    Ayurvedic Ear Oil RecipeMorgan Potts è un coach sulla salute olistica che lavora con le donne in tutto il mondo e che vorrebbe trasmettere la sacralità della vita e di come vivere in armonia e soddisfatti. La sua passione è di riempire la vita di rituali di connessione, e portare la meraviglia nella vita, in ogni momento. Morgan crede nell’allineamento che si verifica quando ci sentiamo connessi, quando sentiamo la sacralità, e ritroviamo la nostra natura divina femminile, e quando possiamo veramente nutrire i nostri desdieri. Il suo focus è anche la connessione tra il ciclo lunare e la natura femminile.

Morgan lavora con le donne anche online facendo coaching personale, e seguendo programmi, che si trovano anche su gruppi di Facebook  Moonblush Sacred. Sono programmi focalizzati sul flusso femmnile, e sulla comprensione di come vivere una vita più ricca e più nutrita nel nostro corpo. Se siete interessati all’argomento potete connettervi con lei  Facebook group e anche Facebook Page doge trovate diverse discussioni sull’argomento. Morgan dirige anche degli eventi mensili con la luna nuova ogni mese a  Rochester NY.

Potete connettervi con lei online:

Website: www.moonblushsacred.com
Facebook: facebook.com/moonblushsacred
Twitter: @morganepotts
Instagram: @moonblushsacred

FONTE: wakeup world

(ENGLISH VERSION)

Where would the beauty of spring be without the chills of fall and frost of winter? It’s all necessary, and it’s all connected. We, as humans have seasons too. All beings do.

During times of transition it’s important to remember these things, and be present with your thoughts and intentions.

With the change of the seasons, we step into a whole new energy, and we are lucky to have the soft transitions of spring and fall to comfort us into them. Each season is different with different purposes and different vibrations. Yes… each season has it’s own energy to help us accomplish exactly what is meant to be done during these times. Nature always provides us with exactly what we need in just the right moments. Don’t you agree?

To feel the transition fully, it’s important to nourish, strengthen and transition the body gently into this new weather and vibration. One of my all time favorite immune builders is Ayurvedic ear oil, which you can easily make at home in just a few minutes.

The first time I heard about ear oil was in a lecture by John Douillard, an awesome Ayurvedic practitioner, during my time at the Integrative Nutrition school. And it’s one of those lectures I feel super blessed to have heard, and will remember forever!

Using ear oil strengthens the immune system and keeps your lymphs and sinuses moist and nourished. This helps prevent colds, infections and allergies. And just as powerful as the nourishing oil, are the immune building, anti inflammatory, antibacterial and antiviral benefits of garlic give an added punch.

You can buy ear oil in the health food store, but it’s super easy to make at home, and will save you some serious dough! And I, of course, will show you how! Many people swear by this oil for keeping them healthy all year long, and their kids, too! Now THAT’S definitely something worth experimenting with.

Ayurvedic Ear Oil Recipe

What you’ll need:

1/3 cup organic virgin olive oil

1 clove garlic – chopped

Directions:

– Throw the oil and chopped garlic into a pot and bring it to a simmer.

– Let the oil bubble and pop to release all the liquid. Press the garlic with a fork to help it release. It’s done when the oil doesn’t pop anymore, it should take about 5 minutes.

– Once your garlic oil is done cooking, let it cool, and then strain to separate it from the garlic.

– Lastly, pour the strained liquid into an eyedropper bottle or old tincture glass.

Using your ear oil:

– Before using ear oil, always run the bottle under hot water to warm the oil. This makes the experience quite soothing.

– Drop in enough oil to fill one ear and let it sit for about 5 minutes. Now tilt the head and allow the oil to drain out, and do the other side for another 5 minutes.

It’s a good idea to start doing this once every few weeks to keep your ears clear and your immune system strong. If you’re already sick, fill your ears once every hour, until your symptoms go away, you will feel better so quickly.

I also recommend getting your body outside as much as possible. Fully feel the air and the moisture, the smell of the earth. Make sure your body is just as aware of the season’s changing vibes as you are. This prevents us from getting sick, or experiencing “shock” or confusion about the physical and emotional changes that can come with the seasonal transition.

What messages has the change in season sent you so far?

XOXO 
Morgan

Previous articles by Morgan:

About the author:

morgan potts  150x150 The Seasons Gentle Welcoming    Ayurvedic Ear Oil RecipeMorgan Potts is a holistic health coach working with women from around the world who want to live a life more sacred and satisfying. Her passion is to fill life with ritual and connection, bringing wonder, magic and excitement to each moment. Morgan believes when we feel aligned we feel connected, we feel sacred, we are the divine feminine — and we can truly nurture our desires. The relationship between the moon’s phases and women’s natural cycles is a main focus.

Morgan works with women online through her one-on-one coaching programs, and also leads the Facebook group Moonblush Sacred. Both are aimed at reconnecting with the feminine flow, and understanding how to live a life more rich and nourishing to our bodies. If this subject fascinates you, and is something you want to connect with, join her Facebook group and or Facebook Page where all things sacred and feminine are discussed! Morgan also leads monthly women’s gatherings on the evening of the new moon, in Rochester NY.

Connect with Morgan online!

Website: www.moonblushsacred.com
Facebook: facebook.com/moonblushsacred
Twitter: @morganepotts
Instagram: @moonblushsacred

source : wakeup-world

Read Full Post »

autunno_40In fiale o in capsule, grazie ai suoi principi attivi questo ottimo rimedio naturale nutre milza e linfonodi rinforzando il sistema immunitario

Anche a settembre non di rado ci sono giornate in cui le temperature si abbassano notevolmente, e i malanni di inizio autunno sono dietro l’angolo.

Ecco perché è importante arrivare preparati ad affrontare le prime “battaglie”, con un sistema immunitario al top.

Ci aiuta l’astragalo, che nella medicina tradizionale cinese rappresenta la pianta per eccellenza per potenziare il sistema immunitario.

 

L’astragalo è in grado di aumentare la normale attività antivirale delle cellule del nostro organismo, contrastando quindi l’insorgenza di febbre, tosse e raffreddore, tipici dell’arrivo della stagione autunnale. 

Questa particolare azione è dovuta alla presenza di alcune sostanze, i polisaccaridi, capaci di stimolare la milza e i linfonodi, sede dello sviluppo del sistema immunitario.

Ma non è tutto: questa straordinaria pianta possiede anche al suo interno un grande quantitativo di una molecola chiamata saponina: essa è in grado di sollecitare l’attività di una particolare forma di cellule immunitarie, le “natural killer”, particolarmente importanti nella distruzione delle cellule infettate da virus e delle cellule tumorali.

Meno affaticati, più energici

Quando si parla di piante adattogene, ovvero vegetali capaci di produrre un generale miglioramento delle condizioni psicofisiche, non si può trascurare l’astragalo: questa pianta è capace di stimolare il metabolismo e la longevità delle cellule, aumentando quindi la resistenza allo stress.

Ecco perché l’astragalo è indicato particolarmente nei periodi di stanchezza, e affaticamento. Non solo, è molto utile anche dopo un trattamento con antibiotici!

 

Tonifica il fegato e stimola la sintesi di anticorpi

Lo sapevi che l’astragalo è capace di proteggere il fegato?

In un recente studio è stata valutata la capacità delle saponine contenute nella pianta di difendere gli epatociti, ovvero le cellule che compongono il fegato. L’analisi ha dimostrato che le saponine sono in grado di salvaguardare il fegato dai danni indotti da alcune sostanze tossiche. Questo risultato sembra indicare che l’azione epatoprotettiva dell’astragalo dipenda soprattutto dalla sua attività antiossidante.

 

Va assunto ogni giorno per un mese

Il modo migliore di utilizzare l’astragalo è quello che prevede l’assunzione di piccole fiale da 10 millilitri che puoi trovare tranquillamente in erboristeria.

Assumine una, al mattino, diluita in un bicchiere d’acqua, per un mese. In alternativa, ci sono le capsule di estratto secco da 250 mg: assumine 4 distribuite nella giornata.

 

Non va preso in gravidanza

L’unica precauzione è quella di non usare l’astragalo in gravidanza o durante l’allattamento in quanto non ci sono dati disponibili sull’effetto di questa pianta sul feto e sul neonato.

FONTE: Riza

Read Full Post »

Older Posts »