Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘spezie’

Le sue foglie curano intestino, ossa, bronchi e abbassano anche la febbre: l’alloro, sempreverde tipico del mediterraneo, è davvero un elisir di lunga vita.

 

L’alloro è una pianta sempreverde tipica del mediterraneo che resiste anche alle temperature rigide, alle piogge e ai venti del tardo autunno. L’alloro aiuta la digestione, combatte le infreddature e i disturbi respiratori, cura i reumatismi, gli arrossamenti cutanei e il mal di testa. La presenza di acido laurico che contiene, tiene lontani gli insetti. Insomma l’alloro è una pianta dalle mille proprietà e un autentico elisir di lunga vita. Le bacche e le foglie sono ricche di oli essenziali che prevengono acidità e fermentazioni, ma anche di potassio, rame, calcio, ferro, selenio e magnesio oltre che di acido folico, vitamine A, del gruppo B e C. 

Puoi tenerlo anche sul terrazzo di casa

L’alloro si può tenere sul balcone. Novembre è ancora un buon mese per trapiantarlo sul terrazzo, perchè è molto resistente. Il vaso deve essere profondo, e alla base va messa un fondo di argilla espansa, ricoperta da un terriccio leggero. Se le foglie di alloro possono essere raccolte anche in inverno, le bacche vanno prese prima dei geli invernali: si fanno essiccare all’ombra e si conservano in un barattolo di vetro con chiusura ermetica, per poi utilizzarle per arrosti e infusi.

Con l’infuso di alloro previeni l’influenza

Per prevenire l’influenza o i malanni di stagione, ma anche se hai già la febbre, prima di dormire bevi un infuso preparato facendo bollire per 5 minuti in una tazza di acqua 3 piccole foglie di alloro essiccate; dolcifica con un cucchiaino di miele di tiglio, calmante e antinfiammatorio. Gli infusi, con il loro calore, aiutano a sudare e quindi a far abbassare la temperatura corporea.

L’oleolito di alloro contro artrosi e cervicalgie

Le bacche d’alloro si possono usare per preparare un oleolito da applicare in caso di artrosi e cervicalgie: se ne mettono 2 manciate in un barattolo capiente con 300 ml di olio d’oliva, si lascia il contenitore vicino al termosifone e dopo un mese si filtra e si conserva in una bottiglia di vetro scuro. Puoi anche massaggiarlo sul cuoio capelluto dopo lo shampoo: rende le chiome lucide e folte.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Its leaves cure the intestines, bones, bronchi and lower the fever: the laurel, is an evergreen typical of the Mediterranean, is really a long life elixir.

The laurel is an evergreen plant typical of the Mediterranean that resists even in the stormy temperatures, rains and winds of late autumn. Laurel

  • helps digestion,
  • combats colds and respiratory disturbances,
  • cures rheumatisms,
  • skin redness and
  • headaches.

The presence of lauric acid that contains, keeps the insects away. In short, laurel is a plant with a thousand properties and an authentic elixir of long life. Berries and leaves are rich in essential oils that prevent acidity and fermentation, but also potassium, copper, calcium, iron, selenium and magnesium as well as folic acid, vitamins A, B and C.

You can also keep it on the terrace of the house

The laurel can be kept on the balcony. November is still a good month to transplant it on the terrace, because it is very durable. The jar must be deep, and at the base a bottom of expanded clay, covered with light soil, is to be laid. If the laurel leaves can be harvested in winter, the berries must be picked before the winter gels: they are dried in the shade and stored in a hermetically sealed glass jar, then used for roasts and infusions.

With laurel infusion prevent the flu

To prevent flu or seasonal illness, but even if you already have a fever, before you have a cold drink, take a prepared infusion by boiling for 5 minutes in a cup of water 3 small dried bay leaves; sweet with a teaspoon of lime honey, soothing and anti-inflammatory. The infusions, with their heat, help sweat and then lower the body temperature.

Laurel oleolite against osteoarthritis and cervicalgie

Laurel berries can be used to prepare an oleolite to be applied in the case of arthrosis and cervicalgie: put two handfuls in a large jar with 300 ml of olive oil, leave the container near the thermosephon and after one month filtered and stored in a dark glass bottle. You can also massage it on the scalp after the shampoo: it makes the hair shiny and thick.

SOURCE: Riza

Annunci

Read Full Post »

Il curry è una miscela di spezie provenienti dall’oriente, dal grande potere depurativo e drenante: inseriscilo nella tua cucina e ti aiuterà a dimagrire.

 

Il curry è una miscela di spezie da sempre utilizzata nella cucina asiatica ma ormai conosciuta anche in Occidente. Il curry è noto per i suoi benefici sulla circolazione, sullo smaltimento dei grassi nel sangue, sulla digestione e sulla salute intestinale. Ma c’è di più: un pizzico di curry aggiunto alle pietanze aiuta a placare la fame nervosa perché, come dimostrano alcuni studi, più un cibo è gustoso e appagante e più facilmente ci farà sentire sazi. Inoltre le spezie contenute nel curry aiutano a sgonfiare il girovita perché facilitano l’eliminazione delle tossine e dei ristagni adiposi, favorendo la diuresi e accelerando il metabolismo.

Scegli sempre curry biologico

Puoi usare il curry tutte le volte che vuoi, aggiungendolo alle verdure e ai primi, alle carni e ai pesci. Sceglilo sempre naturale e di origine biologica, per avere garanzia su metodi di coltivazione e conservazione delle spezie che lo costituiscono e sul mantenimento di tutte le loro proprietà.

Una per una: ecco le spezie snellenti del curry

Il mix di spezie del curry varia e ne esistono molte varietà, da quelle più semplici, che consistono in un mix di 5-6 spezie, a quelle più elaborate, che prevedono la pestatura al mortaio di decine di droghe diverse. Ecco quali sono le spezie sempre presenti e che hanno un effetto snellente:

  • Curcuma: è il principale componente del curry (costituisce circa il 30% del mix) e ha potere depurativo, soprattutto a vantaggio del fegato, la ghiandola che metabolizza i grassi.
  • Zenzero: combatte le fermentazioni e disinfiamma l’intestino.
  • Pepe nero: contiene una sostanza (la piperina) con funzione termogenica, ovvero che consente lo smaltimento delle calorie.
  • Cumino: insieme a cardamomo e chiodi di garofano combatte il gonfiore addominale.
  • Peperoncino: riduce l’appetito e la concentrazione lipidica nel sangue.
  • Fieno greco: dona energia ed è antistress.

Ricetta vegan: tofu al curry con salsa di peperoni

  1. Taglia a cubetti del tofu e marinalo per 10 minuti in latte di cocco e un cucchiaio di curry.
  2. Impana i cubetti con sesamo e un cucchiaino di curry e cuocili nel soffritto di scalogno, sfumando con vino bianco.
  3. Aggiungi poi il latte di cocco della marinatura al quale avrai unito un cucchiaio di salsa di soia tamari.
  4. Servi con una salsa ottenuta frullando due peperoni cotti al forno e privati della buccia con besciamella di soia e sale.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Curry is a blend of spices coming from the east, with great depurative and draining power: insert it into your dishes and it will help you lose weight.

Curry is a mixture of spices that have always been used in Asian cuisine but now also known in the Western countries. Curry is known for its benefits on circulation, on the disposal of fats in the blood, digestion and intestinal health. But there is more: a pinch of curry added to the dishes helps to appease the hunger because, as some studies show, the more the food is tasty and fulfilling the more it will makes you feel more satisfied. In addition, curry-shaped spices help deflate the waist to facilitate the elimination of toxins and fatigue, promoting diuresis and accelerating metabolism.

Choose always organic curry

You can use the curry any time you want, adding it to the vegetables and to the main dishes, to the meat and fish. Choose it always natural and of organic origin, to guarantee the cultivation and preservation methods of spices that make it maintain all their properties.

One by one: here are the curry curving spices

The mix of curry spices varies and there are many varieties, from the simplest ones, consisting of a mix of 5-6 spices, to the more elaborated ones, which include plastering the mortar of dozens of different drugs. Here are what are the spices always present and that have a slim effect:

  • Curcuma: is the main component of curry (it is about 30% of the mix) and it has depurative power, especially for the benefit of the liver, the gland that metabolizes the fats.
  • Ginger: fights fermentations and disinfects the intestines.
  • Black pepper: contains a substance (the piperine) with thermogenic function, that allows the disposal of calories.
  • Cumin: along with cardamom and cloves fights abdominal swelling.
  • Chili: Reduces appetite and lipid concentration in the blood.
  • Fenugreek: it gives energy and is antistress.

Vegan recipe: tofu curry with pepper sauce

  1. Cut into tofu cubes and marinate for 10 minutes in coconut milk and a tablespoon of curry.
  2. Cook the cubes with sesame and a teaspoon of curry and cook in the shallard sauce, shading with white wine.
  3. Then add the coconut milk of the marinade to which you will have put together a tablespoon of tamari soy sauce.
  4. Serve with a sauce obtained by shaking two peppers baked in the oven and private with peel with soy sauce and salt.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Dried saffron spice and Saffron flower

Gli estratti di stimmi di zafferano, specie se arricchiti con magnesio, taurina e vitamina B6 sono il miglior antidoto contro il calo dell’umore.

Fra tutte le spezie, lo zafferano è certamente la più preziosa, per le numerose e straodinarie sostanze benefiche contenute negli stimmi dei suoi fiori. Se dunque conosci lo zafferano solo per le sue qualità alimentari, è tempo di ricrederti: questa spezia non è solo utile in cucina, ma anche per la salute e il benessere di tutto il corpo.

Zafferano: proprietà e utilizzi inaspettati

Forse non tutti sanno che da quealche anno la ricerca medica sta mettendo in luce come l’estratto degli stimmi di zafferano abbia delle eccellenti proprietà benefiche, in primo luogo antidepressive. Proprio così: nella letteratura scientifica internazionale si trovano diversi studi che dimostrano come il Safranale (ovvero l’estratto di zafferano) favorisca il ripristino del normale tono dell’umore, oltre a ridurre il disagio causato da alcuni sintomi tipici del ciclo mestruale, che provocano tristezza e calo dell’umore in molte donne.

Gli integratori naturali con stimmi di zafferano

Sul mercato inoltre, è possibile trovare degli integratori alimentari che uniscono le qualità dell’estratto di stimmi di zafferano a quello di altre sostaze benefiche, come il magnesio, la taurina, e la vitamina B6.

Il magnesio è un minerale importantissimo per il buon funzionamento dei muscoli e del metabolismo, ma ci sostiene anche a livello psicologico e del sistema nervoso. La sua azione è amplificata dalla taurina, che ha le medesime proprietà ma ha bisogno della vitamina B6 funzionare a dovere. L’azione sinergica di queste sostanze e dell’estratto di zafferano restituisce dunque forza e vitalità quando se ne ha il maggior bisogno, senza i fastidiosi effetti collaterali dei farmaci tradizionali. Con lo zafferano, addio calo dell’umore!!!

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Saffron extracts, especially if enriched with magnesium, taurine and vitamin B6, are the best antidote against low mood.

Of all the spices, saffron is certainly the most precious for the numerous and extraordinary beneficial substances contained in the stems of its flowers. So if you know the saffron only for its food quality, it’s time to chew you up: this spice is not just useful in cooking but also for the health and well-being of the whole body.

Saffron: unexpected properties and uses

Perhaps not everyone knows that from that year medical research is pointing out that the extract of saffron stimuli has excellent beneficial properties, firstly antidepressant. Just so: in the international scientific literature there are several studies that show how Safranale (ie saffron extract) favors the restoration of the normal mood tone, as well as reducing the discomfort caused by some typical symptoms of the menstrual cycle, causing sadness and mood decline in many women.

Natural supplements with saffron buds

On the market, it is also possible to find dietary supplements that combine the qualities of the saffron stem extract with that of other beneficial sludges, such as magnesium, taurine, and vitamin B6.

Magnesium is a very important mineral for the good functioning of muscles and metabolism, but it also supports us in the psychological and nervous system. Its action is amplified by taurine, which has the same properties but needs vitamin B6 to function properly. The synergistic action of these substances and the saffron extract thus gives strength and vitality when it is most needed without the annoying side effects of traditional medicines. With saffron, farewell mood down !!!

SOURCE: Riza

 

Read Full Post »

In questo periodo il metabolismo rallenta: devi quindi fare spazio allo zenzero, l’acceleratore metabolico che elimina i chili su addome e cosce.

 

Lo zenzero si sta imponendo all’attenzione degli scienziati come bruciagrassi naturale, ed è ideale come rimedio autunnale perchè agisce direttamente sul metabolismo. Negli ultimi anni si stanno moltiplicando gli studi che ne mettono alla prova l’efficacia dimagrante, e le conclusioni sono tutte a suo favore. Lo zenzero, per la sua composizione unica, ha la capacità di aiutarti perché agisce direttamente sul tessuto adiposo, favorendo lo scioglimento dei grassi, che vengono utilizzati per produrre energia. Quello che lo zenzero riesce a fare è arrivare ad attaccare anche il grasso viscerale, quello cioè che circonda gli organi presenti nell’addome. È questo il grasso da eliminare per primo, poiché rappresenta un rischio anche per il cuore. Grazie allo zenzero non solo calano i chili, ma si riduce l’indice di massa corporea, altro parametro importante per il benessere cardiovascolare, e diminuisce anche la presenza di grassi nel sangue. Così quello che si ottiene è un dimagrimento globale e profondo. Inoltre ti mette al riparo dall’effetto yo-yo, che vede ritornare in fretta i chili persi: con questa spezia straordinaria questo non accade perché il metabolismo resta attivo e continua a bruciare in modo costante e regolare.

Lo zenzero riduce l’assorbimento degli zuccheri

Gli zuccheri sono una delle principali cause di aumento di peso. E con il progressivo calo delle temperature la voglia di calorie che questi rappresentano potrebbe essere un ostacolo al tuo dimagrimento. Lo zenzero blocca il loro assorbimento a livello intestinale, così ne assimili meno. Sono i polifenoli presenti in questa radice a contrastare l’azione ingrassante degli zuccheri e a mantenere anche la glicemia entro livelli corretti. Questa sua capacità di aiutare il corpo a “gestire” lo zucchero è tale da aver fatto considerare questa radice come un rimedio utile per la prevenzione del diabete e della resistenza insulinica, una condizione che è strettamente collegata all’aumento di peso, perché deriva dall’incapacità delle cellule di utilizzare proprio gli zuccheri come carburante per produrre energia.

Con lo zenzero bruci il grasso in eccesso

Grazie ai suoi principi attivi, lo zenzero aumenta il metabolismo e stimola la termogenesi, quel processo che porta a generare calore bruciando proprio i grassi. Tutto merito della presenza in questa radice del gingerolo (è per la sua presenza che lo zenzero viene anche chiamato ginger). Questo composto davvero unico che si trova esclusivamente nello zenzero agisce direttamente sul tessuto adiposo: consente infatti di utilizzare gli acidi grassi contenuti nelle cellule adipose per produrre energia. Così gli adipociti si “svuotano” dei grassi che contengono e il fisico si fa più magro. L’azione stimolante dello zenzero è particolarmente preziosa adesso perché contrasta la tendenza del corpo, tipica di questo periodo dell’anno, quando il metabolismo rallenta, ad accumulare grasso. La tiroide, infatti, con il ridursi delle ore di luce, subisce un rallentamento che può ripercuotersi sull’intero metabolismo: lo zenzero mantiene attiva la ghiandola tiroidea, favorendo così la perdita di peso.

Lo zenzero snellisce il girovita

Gonfiori e fermentazioni sono il risultato di una digestione rallentata oltre che di una flora intestinale non perfettamente in equilibrio. Lo zenzero risolve entrambi i problemi. Innanzitutto questa radice stimola la secrezione di succhi biliari ed enzimi ed è grazie a queste sostanze che si evita quel gonfiore che compare dopo i pasti. Ma lo zenzero contrasta quelle che sono le cause profonde del gonfiore, favorendo la crescita di una flora intestinale sana e limitando, al tempo stesso, l’azione di quei “batteri cattivi” che sono responsabili di innescare i processi fermentativi. Se la pancia gonfia per te è una costante, sono queste le proprietà dello zenzero di cui hai maggiormente bisogno. Questa radice è anche in grado di “assorbire” l’aria in eccesso che è presente nell’intestino, con un’azione “pancia piatta” che si può avvertire già appena dopo mangiato.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

During this time the metabolism slows down: you must therefore make room for the ginger, the metabolic accelerator that removes the pounds in the abdomen and thighs.

 

Ginger is setting the scientists as natural fat burning, and is ideal as an autumnal remedy because it acts directly on metabolism. Over the last few years, they are multiplying the studies that test their slimming effectiveness, and the conclusions are all in its favor. Ginger, for its unique composition, has the ability to help you because it acts directly on the fatty tissue, favoring fats dissolving, which are used to produce energy. What the ginger is able to do is to attack the visceral fat, that is, surrounding the organs present in the abdomen. This is the fat to be eliminated first, since it is also a risk to the heart. Thanks to the ginger not only the pounds fall, but the body mass index is reduced, another important parameter for cardiovascular well-being, and also the presence of fat in the blood. So what you get is a global and profound slimming. It also keeps you away from the yo-yo effect, which makes regain your  lost kilos quickly. With this extraordinary spice this does not happen because the metabolism remains active and continues to burn steadily and regularly.

Ginger reduces the absorption of sugars

Sugars are one of the main causes of weight gain. And with the progressive fall in temperatures, the urge for calories that they represent can be a hindrance to your weight loss. Ginger blocks their absorption at the intestinal tract, so they get less assimilated. These polyphenols are present in this root to counteract the fattening action of sugars and also keep blood glucose within the correct levels. This ability to help the body “manage” the sugar is such that it has considered this root as a useful remedy for the prevention of diabetes and insulin resistance, a condition that is closely related to weight gain because it derives from the inability of cells to use their own sugars as fuel to produce energy.

With ginger you burn excess fat

Thanks to its active ingredients, ginger improves metabolism and stimulates thermogenesis, the process that leads to heat by burning fat. All thanks to the presence in this root of gingerolo (it is because of its presence that ginger is also called ginger). This unique compound that is exclusively found in ginger acts directly on the fat tissue: it allows the use of fatty acids contained in fat cells to produce energy. So adipocytes are “emptied” of the fats they contain and the physical becomes leaner. The stimulating action of ginger is particularly valuable now because it contrasts the body’s tendency, typical of this time of year, when metabolism slows down, accumulating fat. The thyroid, in fact, with the shrinking of the hours of light, undergoes a slowdown that can affect the entire metabolism: the ginger keeps the thyroid gland active, thus helping to lose weight.

The ginger slits the waistband

Swelling and fermentation are the result of slowed digestion as well as of a bowel flora not perfectly balanced. The ginger solves both problems. First of all, this root stimulates the secretion of bile and enzymes and is thanks to these substances that it avoids the swelling that occurs after meals. But ginger contrasts those that are the deep causes of swelling, promoting the growth of a healthy intestinal flora, and at the same time limiting the action of those “bad bacteria” that are responsible for triggering fermentative processes. If your swollen belly is a constant, these are the ginger properties that you most need. This root is also able to “absorb” the excess air that is present in the intestine, with a “flat tummy” action that you may experience just after eating.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

I semi di cumino aiutano a regolare gli zuccheri nel sangue: scopri tutte le proprietà dimagranti di questi “amici” aromatici di origine orientale…

 

Il cumino è noto soprattutto come spezia; il suo impiego per aromatizzare i cibi è diffuso in tutta l’area del Mediterraneo. Negli ultimi anni, alcune ricerche stanno verificando anche il suo potere dimagrante. Significativo è un recente studio iraniano sul cumino, condotto presso la Kashan University of Medical Sciences e pubblicato su Annals of Nutrition and Metabolism. Gli scienziati coinvolti hanno confrontato gli effetti sul sovrappeso e sulla glicemia dell’uso di estratti di cumino.

Il cumino aiuta a ridurre il sovrappeso

Nello studio sono state coinvolte 78 persone, divise in tre gruppi. Le persone del primo gruppo hanno assunto estratti di cumino, le altre un farmaco contro l’obesità, oppure un placebo. Al termine della ricerca, l’assunzione di cumino per otto settimane si è dimostrata efficace nel ridurre il sovrappeso, ma anche nel migliorare il metabolismo degli zuccheri, che, se non assimilati correttamente si accumulano dopo essere stati trasformati in adipe. Il cumino si può usare sotto forma di semi, che sono piccoli e scuri, oppure in polvere.

Il cumino assorbe i gas intestinali in eccesso

Questa spezia possiede proprietà antimicrobiche e carminative, è in grado cioè di assorbire i gas intestinali riducendo così il gonfiore a livello addominale. Per questo, una tisana preparata con semi di cumino, è l’ideale in caso di pancia che si dilata alla fine di un pasto, ma anche per mantenere in salute l’intestino e snellire il girovita.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Cumin seeds help regulate blood sugar: discover all of the slimming properties of these aromatic “friends” of Eastern origin …

 

Cumin is mainly known as spice; its use for flavoring foods is spread throughout the Mediterranean area. In recent years, some research is also experiencing its slimming power. Significant is a recent Iranian study on cumin, conducted at the Kashan University of Medical Sciences and published on Annals of Nutrition and Metabolism. The scientists involved compared the effects on overweight and glycemic use of cumin extract.

Cumin helps to reduce overweight

In the study, 78 people were involved, divided into three groups. People in the first group have taken extracts of cumin, the other one is a drug against obesity, or a placebo. At the end of the research, cumin intake for eight weeks has been shown to be effective in reducing overweight but also in improving sugar metabolism, which, if not properly assimilated, accumulates after being transformed into an adipose. The cumin can be used in the form of seeds, which are small and dark, or powdered.

Cumin absorbs excess gas in the gut

This spice has antimicrobial and carminative properties, it is able to absorb intestinal gases, thereby reducing abdominal swelling. For this reason, a herbal tea made with cumin seeds is ideal in the event of a belly that expands at the end of a meal, but also to keep the intestine healthy and slim your waist.

 

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Rosmarino dalle mille virtù: un rimedio efficace contro la caduta dei capelli, ma anche un analgesico, anti-infiammatorio, antisettico, digestivo e tonico giusto per citarne alcune. Scopriamo come preparare l’infuso di questa pianta aromatica, come utilizzarlo e tutti i suoi benefici.

Autunno: cadono le foglie e, democraticamente, anche i capelli, ad uomini e donne di ogni età. E poi c’è lo stress, che peggiora questo sintomo e magari – per i maschietti – una predisposizione genetica o qualche leggera disfunzione ormonale per le femminucce. Oltre al pavimento, può aiutare ad arrestare la caduta di capelli anche linfuso di rosmarino: un rimedio facile, economico e naturale.

Tutti i benefici del rosmarino

Se fino ad ora vi siete limitati ad usare il rosmarino per patate arrosto e pollo al forno, da ora in poi vedrete la vostra piantina aromatica sul balcone con altri occhi. Il rosmarino, infatti, vanta notevoli proprietà terapeutiche e benefiche.
Il rosmarino è

  • analgesico;
  • antiossidante;
  • antisettico e
  • antibatterico(utile per raffreddore, tosse e febbre);
  • antidepressivo;
  • anti-infiammatorio (anche sui muscoli doloranti e sulla pelle arrosata o impura per brufoli e punti neri);
  • antispastico e antidolorifico, agendo su mal di testa, mal di denti, nervo sciatico, dolori reumatici e contusioni;
  • antivirale;
  • astringente in casi di diarrea o emorragie;
  • espettorante;
  • disinfettante;
  • digestivo e depurativo del fegato, organo che in generale viene protetto dal rosmarino;
  • rafforza la memoria e
  • deodora le stanze;
  • favorisce la diuresi; è anche
  • afrodisiaco,
  • rilassante e allo stesso tempo energizzante,
  • tonico e ricostituente per corpo e psiche.

A fare tutte queste magie sono gli olii essenziali, l’eucalipotolo in primis (ma ci sono anche pinene, conforene, limonene), che poi sono gli stessi che sfruttiamo per insaporire piatti.

Infuso di rosmarino e capelli

Tutti questi benefici curativi danno i risultati migliori sui capelli. Il rosmarino controlla il sebo prodotto dal cuoio capelluto (ottima notizia per chi ha i capelli grassi), regola la forfora e rende i capelli più lucidi e belli.
Il rosmarino ritarda anche la comparsa dei capelli bianchi (oppure, se applicata come una lozione, copre leggermente i primi che compaiono) e riduce la caduta eccessiva di capelli, stimolando le radici dei bulbi, aumentando l’afflusso di sangue alla cute. In questo modo, da un lato, viene favorita la crescita dei capelli, dall’altro li rafforza, evitando che cadano perché si spezzano.

Come preparare l’infuso di rosmarino

L’infuso di rosmarino può essere degustato – per godere di tutti i benefici elencati – oppure applicato sui capelli, lasciandolo in posa 10-15 minuti, per una terapia d’urto.
Per preparare un infuso di rosmarino riempite d’acqua un pentolino e portatelo ad ebollizione. Spegnete il fuoco e aggiungete un cucchiaino di foglioline di rosmarino per ogni tazza, coprite con un coperchio e lasciate in infusione per 10-15 minuti. Filtrate l’infuso e bevetelo caldo oppure applicatelo, dopo averlo lasciato raffreddare.
L’infuso di rosmarino, se applicato sulla cute, tende a scurire leggermente i capelli. Chi li ha chiari dovrebbe, quindi, preparare un infuso meno concentrato. Chi invece ha i capelli scuri noterà dei magnifici riflessi dopo l’applicazione.

 

FONTE: La Cucina Italiana

 

(ENGLISH VERSION)

Rosemary has a thousand virtues: an effective remedy against hair loss, but also an analgesic, anti-inflammatory, antiseptic, digestive and tonic just to name a few. We learn how to prepare the infusion of this aromatic plant, how to use it and all its benefits.

Autumn: leaves fall and, democratically, also hair, to men and women of all ages. And then there is the stress that worsens this symptom and perhaps – for the men – a genetic predisposition or some slight hormonal dysfunction for the women In addition to the floor, it can help stop hair loss even with rosemary infusion: an easy, economical and natural remedy.

All the benefits of rosemary

If you have been limited to using rosemary for roasted potatoes and baked chicken, you will now see your aromatic planter on the balcony with other eyes. Rosemary, in fact, has remarkable therapeutic and beneficial properties.
Rosemary is

  • analgesic;
  • antioxidant;
  • Antiseptic and antibacterial (useful for colds, cough and fever);
  • antidepressant;
  • Anti-inflammatory (also on sore muscles and on rough or unclean skin for pimples and blackheads);
  • Antispasmodic and painkiller,
  • acting on headache,
  • toothache,
  • sciatic nerve,
  • rheumatic pain and bruising;
  • antiviral;
  • Astringent in cases of diarrhea or haemorrhage;
  • expectorant;
  • disinfectant;
  • Digestive and purifying of the liver, an organ generally protected by rosemary;
  • Strengthens memory and dehydrates the rooms;
  • Promotes diuresis;
  • It is also aphrodisiac,
  • relaxing and at the same time energizing,
  • toning and reconstituting for body and psyche.

 

To make all these spells are the essential oils, the eucalyptus in the first place (but there are also pinene, conforene, limonene), which are the same ones we use to flavor dishes.

Infused with rosemary and hair

All these healing benefits give the best results on hair. Rosemary controls the sebum produced by the scalp (good news for those with greasy hair), regulates dandruff and makes hair more shiny and beautiful.
Rosemary also delays the appearance of white hair (or, if applied as a lotion, slightly covers the first ones that appear) and reduces excessive hair loss by stimulating bulbous roots, increasing blood flow to the skin. In this way, on the one hand, hair growth is promoted, on the other it strengthens them, preventing them from falling because they break.

How to prepare rosemary infusion

The rosemary infusion can be sipped – to enjoy all the benefits listed – or applied on the hair, leaving it in poses for 10-15 minutes, for a shock therapy.
To prepare an infusion of rosemary filled with water a saucepan and bring to a boil. Turn off the fire and add a teaspoon of rosemary leaves for each cup, cover with a lid and leave in the infusion for 10-15 minutes. Filter the infusion and heat it or apply it, after allowing it to cool down.
The rosemary infusion, if applied to the skin, tends to lighten the hair slightly. Those who have them should therefore prepare a less concentrated infusion. Those who have dark hair will notice the magnificent reflections after application.

 

SOURCE: La Cucina Italiana

Read Full Post »

La gastrite è un problema che va affrontato subito con le cure naturali giuste, che sfiammano la mucosa gastrica evitando così patologie più gravi.

 

La gastrite è un problema che assilla moltissime persone. Quando la mucosa gastrica inizia a diventare più sensibile, possono comparire dei sintomi di diversa intensità, che se non curati possono appunto sfociare in gastrite. Non appena senti che qualcosa non va a livello dello stomaco, anche se si tratta solo di un’acidità lieve, intervieni subito con le erbe che tamponano l’infiammazione ed evitano che prenda piede una vera e propria gastrite.

Con il cardamomo previeni la gastrite

Il cardamono è una spezia orientale dalle spiccate proprietà digestive: viene utilizzata dalla medicina ayurvedica per riscaldare e tonificare, oltre che la milza, anche lo stomaco e tutto il tratto digerente. Ai primi sintomi di acidità, quindi, prendi il cardamomo sotto forma di infuso e, se puoi, annusa spesso il suo olio essenziale: sul piano psichico, stempera il nervosismo e lo stress che irritano lo stomaco favorendo l’insorgere della gastrite. Procurati in erboristeria o nei negozi bio i semi di cardamomo e fanne bollire 2-3 in una tazza d’acqua; bevi 3 volte al giorno. Se non trovi i semi, usa la polvere (3 pizzichi per ogni tazza).

La mucillagine di altea normalizza i succhi gastrici

Se dopo un pasto, anche leggero, o dopo aver bevuto qualcosa (soprattutto se si tratta di bevande molto calde o molto fredde), accusi nausea e reflusso, prendi le mucillagini di altea: normalizzano la secrezione di succo gastrico e ripristinano le sostanze presenti nella pellicola (in particolare gli ioni bicarbonato) che proteggono la mucosa dello stomaco, attenuando dolore, reflusso gastroesofageo e senso di peso sullo stomaco. Quindici minuti prima di colazione, pranzo e cena, assumi un cucchiaino di mucillagini di altea sciolto in poca acqua naturale, non fredda.

Se hai già la gastrite prendi il mirtillo nero

La gastrite si presenta con nausea intensa (soprattutto a digiuno), dolore epigastrico, forte acidità e talvolta addirittura vomito. Per disinfiammare lo stomaco quando hai la gastrite, il miglior rimedio naturale è il mirtillo nero. Ricco di antociani e di vitamine antisettiche (soprattutto la vitamina C), il mirtillo nero disinfetta le pareti dello stomaco e riarmonizza i processi digestivi, evitando che l’infiammazione persistente arrivi a danneggiare i tessuti gastrici, dando origine a una vera e propria ulcera. Se soffri spesso di gastrite, assumi il mirtillo nero sotto forma di estratto secco anche per lunghi periodi: 3 compresse al giorno da 300 mg dopo i pasti con poca acqua, per cicli di 1-2 mesi. Se invece devi affrontare un attacco di gastrite acuta, prendilo sotto forma di succo. Dopo i pasti o anche a digiuno, bevi un bicchiere di mirtillo nero bio diluito in poca acqua tiepida; sorseggialo a cucchiaini.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Gastritis is a problem that needs to be tackled right away with the right natural cures, which flatten the gastric mucosa, thus avoiding more severe pathologies.

 

Gastritis is a problem that affects many people. When the gastric mucosa begins to become more sensitive, symptoms of different intensity may appear, which, if not cured, can actually result in gastritis. As soon as you feel that something does not go to the stomach level, even if it is only a mild acidity, immediately intervene with the herbs that buffer the inoculation and avoid taking a real gastritis.

With cardamom you prevent gastritis

Cardamom is an oriental spice with its distinctive digestive properties: it is used by ayurvedic medicine to heat and tone, as well as the spleen, also the stomach and the entire digestive tract. At first symptoms of acidity, therefore, take the cardamom in the form of infusions and, if you can, often sniff its essential oil: on the psychic plane, it stems the nervousness and stress that irritate the stomach, favoring the onset of gastritis. Obtain the cardamom seeds in herbal medicine or organic shops and fry 2-3 in a cup of water; You drink 3 times a day. If you do not find the seeds, use the powder (3 pinch for each cup).

Altea mucilage normalizes gastric juices

If after a meal, even light, or after drinking something (especially if it is very hot or very cold), you are accustomed to nausea and flushing, take altea mucilage: normalize secretion of gastric juice and restore the substances present in the Film (especially bicarbonate ions) that protect the stomach mucosa, attenuating pain, gastroesophageal reflux and weight on the stomach. Fifteen minutes before breakfast, lunch and dinner, take a teaspoon of altea mucilages dissolved in little natural, no cold water.

If you already have gastritis take the black cranberry

Gastritis occurs with intense nausea (especially at fasting), epigastric pain, strong acidity and sometimes even vomiting. To disinfect your stomach when you have gastritis, the best natural remedy is the black cranberry. Rich in anthocyanins and antiseptic vitamins (especially vitamin C), black cranberry disinfects the walls of the stomach and resonates digestive processes, avoiding persistent inflammation to damage the gastric tissues, resulting in a real ulcer. If you often have gastritis, take the black cranberry in the form of dry extract for long periods of time: 3 tablets a day for 300 mg after meals with little water, for 1-2 months cycles. If you have to deal with an acute gastritis attack, take it in the form of juice. After meals or even fasting, drink a glass of black cranberry diluted in lukewarm water; Tease it with teaspoons.

 

SOURCE: Riza

 

Read Full Post »

Older Posts »