Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘VERDURE’

I piselli sono uno dei più nutrienti delle leguminose e sono ricchi di antiossidanti, vitamine A, C, K e complessi B e minerali come zinco, ferro, calcio e manganese.

 

Sono una grande fonte di proteine, fibre e grassi omega-3 sotto forma di acido alfa-linolenico (ALA). Questi acidi grassi essenziali rendono i piselli un alimento ideale per la salute del cervello e cardiovascolare e i loro fitosteroli sono fondamentali per aiutare a ridurre i livelli di colesterolo nel corpo.

Sono anche un fantastico alimento dimagrante poiché hanno la capacità di scongiurare la fame e farti sentire sazio per lunghi periodi di tempo.

I piselli contengono un composto chiamato cumestrolo che ha dimostrato di aiutare a ridurre il rischio di cancro allo stomaco e contengono anche proprietà anti-infiammatorie che li rendono un alimento particolarmente buono per coloro che soffrono di disturbi autoimmuni come artrite, BPCO, malattie cardiache, lupus , fibromialgia e borsite.

È stato anche scoperto che i piselli aiutano a ridurre il rischio di diabete di tipo 2 a causa del loro indice glicemico relativamente basso e delle proprietà di regolazione della glicemia.

I piselli freschi vengono facilmente coltivati ​​in contenitori per terrazze o giardini e spesso si trovano nella sezione dei prodotti del supermercato tutto l’anno. I piselli surgelati sono una buona alternativa quando il fresco non è disponibile in quanto mantengono una grande percentuale del loro colore, sapore e nutrizione.

Prova a schiacciare o mescolare i piselli con un po’ di avocado, aglio ed erbe fresche per un piatto o un contorno deliziosi e soddisfacenti. I piselli sono un alimento versatile e nutriente che può aiutare a contribuire alla buona salute.

FONTE: Medical Medium

 

(ENGLISH VERSION)

Green peas are one of the most nutritious of the leguminous vegetables and are rich in antioxidants, vitamins A, C, K, and B-complex and minerals such as zinc, iron, calcium, and manganese. They are a great source of protein, fiber, and omega-3 fats in the form of alpha-linolenic acid (ALA). These essential fatty acids makes green peas an ideal food for brain and cardiovascular health and their phytosterols are vital for helping to lower cholesterol levels in the body. 

They are also a fantastic weight loss food since they have the ability to ward off hunger and keep you feeling satiated for long periods of time. Green peas contain a compound called coumestrol which has been shown to help lower the risk of stomach cancer and they also contain anti-inflammatory properties making them a particularly good food for those who suffer with autoimmune disorders such as arthritis, COPD, heart disease, lupus, fibromyalgia, and bursitis. 

Green peas have also been found to help lower the risk of type 2 diabetes due to their relatively low glycemic index and blood sugar regulating properties. Fresh green peas are easily grown in patio containers or gardens and can often be found in the produce section of the supermarket year-round. Frozen peas are a good alternative when fresh is unavailable as they retain a large percentage of their color, flavor, and nutrition. 

Try mashing or blending green peas with a little avocado, garlic, and fresh herbs for a delicious and satisfying dip or spread. Green peas are a versatile and nutritious food that can help to increase good health.

 

SOURCE: Medical Medium

Read Full Post »

Le barbabietole sono vegetali solidi poiché hanno proprietà riparatrici rivoluzionarie e offrono sollievo se dovesse verificarsi una vasta gamma di malattie e problemi.

 

Gli antociani che contiene danno loro l’ombreggiatura rossa e sono inoltre un solido nemico delle proprietà maligne.

Inoltre, le barbabietole contengono anche betaina, ottimo per calmare  e supportare il benessere del cuore, insieme a importanti minerali e sostanze nutritive tra cui i nutrienti B1, B2, B12 e C, ferro, rame, magnesio, iodio, fosforo e potassio.

Le barbabietole aiutano

  • il flusso sanguigno,
  • controllano i livelli di colesterolo e
  • rafforzano la capacità del fegato.

Le barbabietole possono combattere la debolezza e disintossicare il corpo. Allo stesso modo rallentano la procedura di invecchiamento e supportano le vene. Sono ricchi di cellulosa, agenti antitumorali e gelatina, un tipo eccezionale di fibra che migliora la lavorazione. Questa verdura estremamente solida assicura anche contro il disturbo del fegato.

Le barbabietole supportano anche la resistenza, la continuità e l’esecuzione durante un esercizio, quindi sono estremamente vantaggiose per gli sportivi.

Puoi mangiare barbabietole crude, spremute, preparate e cotte. Non dovresti scartare le parti, per il fatto che puoi cucinarle poiché sono ricche di potassio (644 mg. Per una grande porzione di una tazza).

Alcuni esami hanno dimostrato che la fine del sodio e l’utilizzo di alimenti ricchi di potassio possono ridurre il rischio di malattie cardiache e ictus anche del 21%

FONTE: I Cook I Eat

 

(ENGLISH VERSION)

Beets are solid vegetable since they have ground-breaking restorative properties and they offer alleviation if there should be an occurrence of a wide range of sicknesses and maladies.

The anthocyanins it contains give them the red shading and they additionally have solid enemy of malignancy properties.

In addition, beets likewise contain betaine, a characteristic calming specialist that supports the heart wellbeing, alongside significant minerals and nutrients including the nutrients B1, B2, B12 and C, iron, copper, magnesium, iodine, phosphorus, andpotassium.

Beets help the blood stream, control the cholesterol levels, and they bolster the solid liver capacity.

Beets can battle weakness and detoxify the body. They likewise decelerate the maturing procedure and secure the veins. They are high in cellulose, cancer prevention agents, and gelatin, an exceptional sort of fiber which lifts processing. Thisextremely solid vegetable ensures against liver ailment also.

Beets likewise support the stamina, continuance, and execution during an exercise, so they are extremely advantageous for competitors.

You can eat beets crude, squeezed, prepared, andcooked. You ought not discard the departs, on the grounds that you can cook them since they are wealthy in potassium (644 mg. per a large portion of a cup).

A few examinations have demonstrated that the end of sodium and the utilization of potassium-rich sustenances can bring down the danger of heart maladies and stroke by even 21%

 

SOURCE: I Cook I Eat

Read Full Post »

Il cavolo è un ortaggio a foglia nutrizionalmente ricco che contiene incredibili proprietà curative e ringiovanenti. Il cavolo è ricco di acidi grassi omega-3, clorofilla, aminoacidi, vitamine A, C, E, K, complesso B e minerali come ferro, magnesio, rame e potassio.

 

Il cavolo è un potente anti-cancro e contiene sostanze fitochimiche come i glucosinolati che aiutano a proteggere il corpo dal cancro al seno, al colon, alla prostata, alle ovaie e alla vescica.

Questi glucosinolati sono anche noti per disintossicare il corpo a livello genetico e hanno la capacità di trasformare letteralmente il corpo e la salute.

Il cavolo contiene anche una quantità eccezionalmente elevata di antiossidanti come carotenoidi e flavonoidi che sono essenziali per proteggere il corpo da malattie degenerative come malattie cardiache, diabete, prostatite, osteoporosi e disturbi neurologici.

Il cavolo contiene uno zolfo organico che ha potenti proprietà antibiotiche, antivirali e antinfiammatorie che agiscono per potenziare il sistema immunitario e forniscono benefici significativi per l’infiammazione cronica e lo stress ossidativo osservati in condizioni come

  • fibromialgia,
  • artrite reumatoide,
  • sinusite cronica,
  • affaticamento cronico sindrome,
  • BPCO e
  • malattia dell’intestino irritabile.

Il cavolo contiene anche isotiocianati che hanno dimostrato di aiutare a proteggere lo stomaco dai batteri H. Pylori.

Il cavolo fa parte della famiglia di ortaggi Brassica che è nota per stimolare lievemente il fegato e altri tessuti e organi a causa del ristagno.

Il cavolo viola è una varietà delicata e più dolce di cavolo che è un’aggiunta deliziosa e bella a qualsiasi pasto. Il cavolo viola è eccellente da aggiungere al tuo succo verde, impacchi, insalata o verdure al vapore.

Prova questa semplice ricetta per un’insalata di cavolo sana:

  • 1 cetriolo a cubetti
  • 3 gambi di sedano, tritati
  • 2 pomodori grandi, tritati
  • 1/2 mazzo di scalogno, tritato
  • 1/2 mazzo di cavolo viola, tritato finemente
  • 1 avocado a cubetti
  • 1-2 arance, spremute sopra l’insalata

Mescolare tutto insieme in una ciotola, mangiare e buon appetito.

FONTE: Medical Medium

 

(ENGLISH VERSION)

Kale is a nutritionally packed leafy vegetable that contains incredible healing and rejuvenating properties. Kale is rich in omega-3 fatty acids, chlorophyll, amino acids, vitamins A, C, E, K, B-complex and minerals such as iron, magnesium, copper, and potassium. Kale is an anti-cancer powerhouse and contains phytochemicals such as glucosinolates that help protect the body from breast, colon, prostate, ovarian, and bladder cancer. 

These glucosinolates are also known to detox the body on genetic level and have the ability to literally transform your body and health. Kale also contains an exceptionally high amount of antioxidants such as carotenoids and flavonoids which are essential for protecting the body from degenerative diseases such as heart disease, diabetes, prostatitis, osteoporosis, and neurological disorders. 

Kale contains an organic sulfur which has potent antibiotic, antiviral, and anti-inflammatory properties that work to boost to the immune system and provide significant benefits for chronic inflammation and oxidative stress seen in conditions such as fibromyalgia, rheumatoid arthritis, chronic sinusitis, chronic fatigue syndrome, COPD, and irritable bowel disease. Kale also contains isothiocyanates which have been shown to help protect the stomach from H. Pylori bacteria. 

Kale is part of the Brassica vegetable family which is known to mildly stimulate the liver and other tissues and organs out of stagnancy. Purple kale is a mild, sweeter variety of kale that is a delicious and beautiful addition to any meal. Purple kale is excellent to add to your green juice, wraps, salad, or steamed vegetables. 

Try this simple recipe for a Healthy Kale Salad:

  • 1 cucumber, cubed 
  • 3 celery stalks, chopped
  • 2 large tomatoes, chopped
  • 1/2 bunch scallions, chopped
  • 1/2 bunch purple kale, finely chopped
  • 1 avocado, cubed
  • 1-2 oranges, squeezed over salad

Mix all together in a bowl, eat, and enjoy 

 

SOURCE: Medical Medium

Read Full Post »

L’erba medica accelera il ricambio cellulare, sostiene il metabolismo e migliora le performance fisiche e mentali: ecco come usarla e abbinarla al meglio.

 

Gli antichi medici arabi aggiungevano i suoi germogli agli infusi e alle minestre, perché già ben conoscevano le straordinarie virtù ricostituenti dell’erba medica (Medicago sativa). Il suo nome arabo alfa-alfa significa “padre di tutti i cibi”, perché in effetti si tratta di una pianta molto nutriente. Contiene minerali, proteine, vitamina A e vitamina E, fondamentale per la salute dei muscoli e per il cuore. Recenti ricerche rivelano che l’erba medica avrebbe anche la capacità di bloccare la formazione dei vasi sanguigni che alimentano le cellule tumorali.

L’erba medica abbassa anche il colesterolo “cattivo”

Ma l’erba medica contiene anche fitoestrogeni (ormoni vegetali), utili per rafforzare la struttura ossea, e sostanze che riducono il colesterolo “cattivo”. L’alto dosaggio di vitamina K presente in questa pianta la rende utile anche per proteggersi da piccole emorragie o mestruazioni abbondanti.

Puoi usarla in tintura madre o in compresse

Se ti senti molto stanca e ti serve un immediato effetto energizzante, utilizza l’erba medica in tintura madre: 40 gocce al dì la mattina per un mese. Se invece vuoi potenziare la massa muscolare e “asciugarti” in vista dell’estate prossima, scegli l’erba medica in compresse: basta una compressa al dì polverizzata nello yogurt, nella spremuta o in un frullato.

Erba medica: con questi abbinamenti la sfrutti al meglio

Le proprietà terapeutiche dell’erba medica vengono ulteriormente enfatizzate dal mix con i latti vegetali, i frutti ricchi di grassi buoni, le radici vitaminiche e le erbe disinfettanti. In questo modo diventa un rimedio adatto per curare disturbi specifici. Ecco gli abbinamenti più salutari.

Erba medica e latte di soia contro ipertensione e osteoporosi

Sei in menopausa e hai le ossa fragili? Bevi una volta al giorno un bicchiere di latte di soia frullato con un cucchiaino di polvere di erba medica. Così fai scorta di ormoni vegetali, migliori la fissazione del calcio e contrasti anche le vampate e gli sbalzi pressori.

Erba medica e avocado: così ripulisci il circolo dagli accumuli di grassi

Un paio di volte alla settimana bevi come spuntino un frullato preparato con mezzo avocado, un cucchiaino di malto di riso, un cucchiaino di erba medica in polvere e latte di avena quanto basta per ottenere un composto cremoso. È un’ottima cura per ripulire il sangue dai grassi in eccesso.

Per il benessere di tendini e cartilagini, abbinala al centrifugato di carota

L’erba medica ha un alto contenuto di potassio, minerale che preserva la funzionalità dei muscoli e di tutto l’apparato osteoarticolare: la mattina sciogline un cucchiaino di polvere in un centrifugato di carota, che ti fornisce betacarotene e rende più elastici sia pelle che connettivo.

Con l’erba limoncina previene l’alitosi

Prepara una tisana di erba medica e di limoncina (il mix di erbe essiccate in parti uguali, 3 pizzichi per tazza), filtrala e usala come collutorio: disinfetta bocca e alito. La stessa bevanda si assume lontano dai pasti per cicli di 1-2 mesi: rinforza unghie e capelli e migliora la digestione.

Prepara in casa i tuoi germogli di erba medica

Se poi vuoi usare i germogli di erba medica in cucina, puoi far crescere i suoi semi in casa su un panno umido o nel germogliatore. Si sciacquano e si aggiungono all’insalata o si saltano in padella, come contorno.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Read Full Post »

L’erba cipollina contiene composti nutrizionali che sono vitali per la salute delle ossa e dei neurologici e possono aiutare a prevenire l’osteoporosi e la malattia di Alzheimer.

 

Hanno anche una quantità eccezionale di vitamina A e altri antiossidanti come i caroteni e la luteina che aiutano a proteggere il corpo da una varietà di tumori.

L’erba cipollina contiene un composto curativo chiamato allicina che ha proprietà antibatteriche, antivirali e antimicotiche.

L’allicina ha anche la capacità di

  • aiutare a ridurre il colesterolo,
  • abbassare la pressione sanguigna e
  • contribuire a ridurre il rischio di malattia coronarica, malattia vascolare periferica e ictus.

L’olio contenente zolfo nell’erba cipollina fornisce potenti capacità antisettiche senza nessuna delle tendenze disturbanti per la digestione che il resto della famiglia delle cipolle può creare.

L’erba cipollina è anche nota per aiutare a

  • costruire il sistema immunitario,
  • combattere la fermentazione intestinale e
  • stimolare la funzionalità dello stomaco e del fegato.

Sono particolarmente utili per coloro che soffrono di infiammazione e disturbi autoimmuni come fibromialgia, borsite, affaticamento cronico, problemi surrenali, fuoco di Sant’Antonio, virus della barretta epstein e vertigini.

L’erba cipollina è anche un’ottima fonte di acido folico che è essenziale per la donna prima e durante la gravidanza.

L’erba cipollina può essere facilmente coltivata in casa o all’esterno e rappresenta un’aggiunta semplice, saporita e salutare a qualsiasi insalata, guacamole, patate, riso, zuppa o piatto di verdure.

 

FONTE: Medical Medium

 

(ENGLISH VERSION)

Chives contain nutritional compounds that are vital for bone and neurological health and can help to prevent osteoporosis and Alzheimer’s disease. They also have an exceptional amount of vitamin A and other antioxidants such as carotenes and lutein which help to protect the body from a variety of cancers. Chives contain a healing compound called allicin which has anti-bacterial, anti-viral, and anti-fungal properties. 

Allicin also has the ability to help reduce cholesterol, lower blood pressure, and help to decrease the risk of coronary artery disease, peripheral vascular disease, and stroke. The sulfur containing oil in chives provides powerful antiseptic abilities without any of the digestion disturbing tendencies that the rest of the onion family can create. Chives are also known to help build the immune system, fight intestinal fermentation, and stimulate both stomach and liver function. 

They are especially beneficial for those suffering from inflammation and autoimmune disorders such as fibromyalgia, bursitis, chronic fatigue, adrenal issues, shingles, epstein barr virus and vertigo. Chives are also an excellent source of folate which is essential for woman before and during pregnancy. Chives can be easily grown indoors or out and are a simple, flavorful, and healthy addition to any salad, guacamole, potato, rice, soup, or vegetable dish.

 

SOURCE: Medical Medium

Read Full Post »

I cavoletti di Bruxelles sono una verdura incredibilmente nutriente ricca di antiossidanti, fitonutrienti, vitamine C, A ed E e minerali alcalinizzanti come calcio, ferro e manganese.

 

Sono anche una buona fonte di acidi grassi omega-3 e vitamina K che sono essenziali per il corretto funzionamento del cervello e dei nervi e sono vitali per aiutare problemi cognitivi come:

 

  • annebbiamento mentale,
  • perdita di memoria,
  • mancanza di concentrazione,
  • ADD,
  • ADHD,
  • demenza e
  • Il morbo di Alzheimer.

I cavolini di Bruxelles sono anche noti per aiutare a stabilizzare il DNA all’interno dei globuli bianchi che crea un sistema immunitario più forte e più resistente.

I cavolini di Bruxelles contengono anche potenti composti anticancro che hanno dimostrato di aiutare in particolare a combattere e prevenire il cancro del colon, del seno, della prostata, del polmone, della vescica, del fegato, dell’endometrio e delle ovaie.

Possono aiutare a stimolare i reni a rilasciare più acqua, il che può ridurre il gonfiore e l’edema e rendere più semplice la rimozione dei rifiuti grassi rimossi dal corpo.

I cavolini di Bruxelles sono anche buoni per stimolare le ghiandole pigre e per promuovere un effetto detergente sulle cellule e sui tessuti adiposi che lo rendono un alimento ideale per perdere peso.

I cavolini di Bruxelles sono l’ingrediente principale di Liver Cleanse nel mio libro Liver Rescue perché sono così incredibili nel purificare il fegato.

Contengono elevate quantità di glucosinolati che possono ridurre significativamente l’infiammazione ed è eccellente per la prevenzione e il sollievo da artrite reumatoide, fibromialgia, lupus, ictus, infarti, arteriosclerosi e borsite.

I cavolini di Bruxelles sono eccellenti per aiutare a

  • ridurre il colesterolo,
  • prevenire la costipazione,
  • smettere di mangiare in eccesso e
  • ridurre H.pylori nel tratto digestivo.

Per ottenere i maggiori benefici per la salute dai cavolini di Bruxelles, prendi in considerazione di mangiarli crudi (possono anche essere spremuti) o al vapore fino a quando diventano morbidi.

Prova a preparare una deliziosa insalata con un gambo di insalata romana tritata, rucola, pomodoro, avocado, cipolla, cavolini di Bruxelles al vapore, succo di limone fresco e aglio tritato. È un piatto nutriente e soddisfacente che nutrirà il tuo corpo, la mente e l’anima.

FONTE: Medical Medium

 

(ENGLISH VERSION)

Brussel sprouts are an incredibly nutritious vegetable that are rich in antioxidants, phytonutrients, vitamins C, A, and E, and alkalizing minerals such as calcium, iron, and manganese. They are also a good source of omega-3 fatty acids and vitamin K which are essential for proper brain and nerve function and are vital for aiding cognitive issues such as brain fog, memory loss, lack of concentration, ADD, ADHD, dementia, and Alzheimer’s disease. 

Brussel sprouts are also known to help stabilize the DNA within white blood cells which creates a stronger, more resilient immune system. Brussel sprouts also contain powerful anti-cancer compounds which are shown to particularly help fight and prevent colon, breast, prostate, lung, bladder, liver, endometrial, and ovarian cancer. 

They can help stimulate the kidneys to release more water, which can reduce bloat and edema and make it easier for dislodged fatty wastes to be flushed out of the body. Brussel sprouts are also good for stimulating sluggish glands and for promoting a cleaning effect on adipose cells and tissues making it an ideal weight loss food. Brussel sprouts are a star ingredient in the Liver Cleanse in my book Liver Rescue because they are so incredible at purifying the liver.

They contain high amounts of glucosinolates which can significantly reduce inflammation and is excellent for prevention and relief from rheumatoid arthritis, fibromyalgia, lupus, strokes, heart attacks, arteriosclerosis, and bursitis. Brussel sprouts are excellent for helping to lower cholesterol, prevent constipation, stop overeating, and decrease H.pylori in the digestive tract. 

To obtain the most health benefits from brussel sprouts, consider eating them raw (they can also be juiced) or steamed until soft. Try making a delicious salad with chopped romaine, arugula, tomato, avocado, onion, steamed brussels sprouts, fresh lemon juice and minced garlic. It is a nutritious and satisfying dish that will nourish your body, mind, and soul.

 

SOURCE: Medical Medium

Read Full Post »

Una molecola presente nelle crucifere riesce a riattivare meccanismi di protezione che nei tessuti tumorali sono bloccati. Come rivela una nuova ricerca, appena pubblicata su Science

 

METTERE a tappeto il cancro risvegliando PTEN, uno dei principali “guardiani” delle cellule che normalmente protegge il corpo dai tumori ma che, in molti casi, può non funzione a dovere, diventando lui stesso il cavallo di Troia per diverse malattie oncologiche. Come? Sfruttando l’azione dell’indolo-3-carbinolo (I3C), un composto naturale che si trova in alcune verdure presenti sulle nostre tavole, come broccoli, cavoli, cavolfiori e cavolini di Bruxelles.

La scoperta, pubblicata su Science, viene dagli Usa ma parla italiano: il primo autore dello studio è infatti Pier Paolo Pandolfi, genetista italiano che dirige il Cancer Center e del Cancer Research Institute del Beth Israel Deaconess Medical Center (Bidmc) della Harvard Medical School di Boston (Usa).

Per arrivare a queste conclusioni il team di ricerca si è servito di diversi campioni di cellule umane e modelli animali – topi – grazie ai quali è riuscito a identificare gli attori in gioco in questo processo molecolare:

“Abbiamo trovato il modo di riattivare PTEN, il Titano della soppressione tumorale, andando a bloccare la molecola WWP1, cioè l’interruttore che tiene PTEN spento, con il composto presente nei broccoli”, spiega Pandolfi.

Un’arma contro più tipi di tumore

Si tratta di una strategia promettente che consentirebbe di ampliare le opzioni preventive e terapeutiche contro il cancro:

“L’inattivazione di PTEN è molto frequente e poter risvegliare farmacologicamente questa molecola è un’arma importantissima a nostro favore”,

aggiunge il genetista. Infatti, anche se lo studio si è focalizzato su campioni di tumore alla prostata, l’approccio proposto dai ricercatori

“dovrebbe funzionare in molti tipi di tumore di grande impatto, incluso quello alla mammella”, e del fegato, perché in questi tipi di tumori l’oncogene WWP1 è molto abbondante. “In sintesi PTEN è il Titano buono, mentre WWP1 è l’oncogene cattivo, anzi direi cattivissimo”,

puntualizza Pandolfi. Si tratta infatti di un enzima, già noto per il suo ruolo nello sviluppo del cancro, e che, come spiega l’esperto, tiene spento il guardiano delle cellule.

La molecola anticancro è green

Durante lo studio, i ricercatori hanno poi condotto delle analisi biochimiche e delle simulazioni al computer grazie alle quali sono riusciti a individuare la molecola presente nelle verdure – l’indolo-3-carbinolo –, quella cioè in grado di risvegliare i sistemi di controllo contro la crescita e la proliferazione incontrollata delle cellule nei quali è coinvolto l’oncosoppressore PTEN, ponendo quindi le basi per la messa a punto di una nuova strategia anti-cancro. Che, come preannuncia questo studio, funziona: il trattamento basato su questa molecola, e testato su alcuni modelli animali, ha consentito la riduzione del tumore sia in termini di peso sia di dimensioni. In poche parole, il composto contenuto nelle verdure potrebbe diventare un buon alleato nella lotta contro il cancro, grazie alla sua capacità di contrastare gli effetti dannosi dell’oncogene WWP1.

Mangiare broccoli potrebbe dunque tenerci lontani dal cancro? Di sicuro, conclude l’esperto,

“questa scoperta enfatizza l’importanza di introdurre nella dieta alimenti vegetali, come le verdure crucifere”,

appunto broccoli, cavoli, cavolfiori.

“E rappresenta un’altra dimostrazione che una dieta ad alto contenuto di vegetali e fibre fa bene”.

Attenzione però a non cedere alla tentazione di tenersi lontano dalla malattia oncologica con un piatto di verdure: per trarne il potenziale beneficio anti-cancro, avremmo bisogno di generose dosi. Affinché il composto naturale sia efficace

“si dovrebbero mangiare chilogrammi di broccoli, circa 7. Per questo – conclude Pandolfi – al momento il composto in purezza è l’unica alternativa se si volessero sviluppare sperimentazioni cliniche”.

 

FONTE: Salute della Repubblica

 

 

 

(ENGLISH VERSION)

A molecule present in cruciferous cells is able to reactivate protective mechanisms that are blocked in tumor tissues. As new research reveals, just published in Science

Read Full Post »

Older Posts »