Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘VERDURE’

L’avocado si crede abbia avuto origine a Puebla, in Messico. La più antica testimonianza dell’ avocado è stata trovata in una grotta a Puebla, Messico e risale a circa 10.000 aC.

 

Originaria del Messico e America Centrale, l’avocado è classificato nella stessa famiglia come la canfora e cannella. Un avocado è botanicamente, una grande bacca che cresce su un albero che può raggiungere 6 piedi di altezza. Proprio come una banana, l’avocado matura 1-2 settimane dopo la raccolta.

L’avocado è spesso indicato come il cibo più sano per il suo impressionante valore nutrizionale .

Un avocado contiene queste vitamine e minerali:

  • La vitamina B1
  • La vitamina B2
  • La vitamina B3
  • La vitamina B5
  • vitamina B6
  • vitamina B9
  • Vitamina C
  • vitamina E
  • La vitamina K
  • Calcio
  • Ferro
  • Magnesio
  • Manganese
  • Fosforo
  • Sodio
  • Zinco

Perché è necessario mangiare un avocado un giorno

  •  Un avocado contiene più potassio di una banana. Gli avocado hanno il 14% e una banana contiene il 10% di potassio.
  •  Il folato per la salute del vostro cuore. Gli avocado hanno il 23% di folati che abbassa l’incidenza di malattie cardiache. La vitamina E, grassi monoinsaturi e il glutatione sono anche buoni per il cuore. Il folato può abbassare il rischio di avere un ictus.
  •  Il folato è essenziale anche nella prevenzione di difetti alla nascita come la spina bifida e difetti del tubo neurale.
  •  Mangiare avocado aiuta il nostro organismo ad assorbire 5 volte la quantità di carotenoidi (licopene e betacarotene).
  •  Salute della vista – Gli avocado contengono più carotenoide e luteina di qualsiasi altro frutto, la protezione contro la degenerazione maculare e la cataratta.
  •  Elevata quantità in beta-sitosterolo, avocado aiuta ad abbassare il colesterolo cattivo del 22%, aumenta il colesterolo buono del 11% e riduce anche i trigliceridi nel sangue del 20%.
  •  Gli studi mostrano un elevata quantità di acido oleico che previene il cancro al seno, inibisce la crescita tumorale nel cancro della prostata e cerca le cellule tumorali precancerose e orali e li distrugge.
  •  Gli avocado sono ricchi di fibre e vi aiuterà a sentirvi pieni di energia più a lungo, che possa contribuire con la perdita di peso. Ricca di fibre aiuta la salute metabolica e stabilizza di zucchero nel sangue.
  •  Estratto di avocado in coppia con olio di soia può ridurre i sintomi di artrite.
  •  Polifenoli e flavonoidi all’interno di avocado hanno proprietà anti-infiammatorie.
  •  Avocado depura l’intestino, alleviando l’alito cattivo.
  •  L’olio di avocado nutre notevolmente la pelle ed è un trattamento che cura la psoriasi e altre irritazioni della pelle.
  •  Gli avocado contengono un antiossidante chiamato glutatione che previene le malattie cardiache, cancro e rallenta i segni dell’invecchiamento.
  •  Il glutatione combatte anche i radicali liberi.

Il nostro sangue e le cellule trasportano l’ossigeno a tutto il nostro corpo. Quando siamo esposti a inquinanti ambientali, queste tossine cambiano l’ossigeno nei nostri mitocondri in radicali liberi, distruggendo le nostre cellule e il DNA. Questo danno crea malattie croniche. I ricercatori della Federazione delle Società Americana per la Biologia Sperimentale hanno trovato che il glutatione contenuto nell’ avocado può essere assorbito nei nostri mitocondri e quindi neutralizzare i radicali liberi.

FONTE: Livingtraditionally

 

 

(ENGLISH VERSION)

The avocado is believed to have originated in Puebla, Mexico. The oldest evidence of the avocado was found in a cave in Puebla, Mexico and dates back to around 10,000 BC.

Native to Mexico and Central America, the avocado is classified in the same family as camphor and cinnamon. An avocado is botanically, a large berry that grows on a tree that can reach 6 feet tall. Just like a banana, the avocado ripens 1-2 weeks after being picked.

Avocados are often referred to as the healthiest food due to its impressive nutritional value.

An avocado contains these vitamins and minerals:

  • Vitamin B1
  • Vitamin B2
  • Vitamin B3
  • Vitamin B5
  • Vitamin B6
  • Vitamin B9
  • Vitamin C
  • Vitamin E
  • Vitamin K
  • Calcium
  • Iron
  • Magnesium
  • Manganese
  • Phosphorus
  • Sodium
  • Zinc

Why You Must Eat One Avocado a Day

•An avocado contains more potassium than a banana. Avocados have 14% and a banana contains 10% potassium.

•Folate for your hearts health. Avocados have 23% folate which lowers incidences of heart disease. Vitamin E, monounsaturated fats and glutathione are also good for the heart. Folate can lower the risks of having a stroke.

•Folate is also essential in the prevention of birth defects such as spina bifida and neural tube defect.

•Eating avocados help our body’s absorb 5 times the amount of carotenoids (lycopene and beta carotene).

•Eye Heath- Avocados contain more carotenoid lutein than any other fruit, protecting against muscular degeneration and cataracts.

•High in beta-sitosterol, avocados lower bad cholesterol by 22%, raises good cholesterol by 11% and also lowers blood triglycerides by 20%.

•Studies show high oleic acid prevents breast cancer, inhibits tumor growth in prostate cancer and seeks out precancerous and oral cancer cells and destroys them.

•Avocados are high in fiber and will help you feel fuller longer, potentially helping with weight loss. High fiber helps metabolic health and steadies blood sugar.

•Avocado extract paired with soybean oil can reduce the symptoms of arthritis.

•Pholyphenols and flavonoids within avocados have anti inflammatory properties.

•Avocados cleanse the intestines, relieving bad breath.

•Avocado oil greatly nourishes the skin and is a beneficial treatment for psoriasis and other skin irritations.

•Avocados contain an antioxidant called glutathione that prevents heart disease, cancer and slows the signs of aging.

•Glutathione also fights free radicals.

Our blood and cells carry oxygen all throughout our bodies. When we are exposed to environmental pollutants, these toxins change the oxygen in our mitochondria into free radicals, destroying our cells and DNA. This damage creates chronic illnesses. Researchers from the Federation of American Society for Experimental Biology have found glutathione in avocados can be absorbed into our mitochondria and then neutralize the free radicals.

 

SOURCE: Livingtraditionally 

Read Full Post »

barbabietola-rossaLa barbabietola nasce nell’epoca greco romana e si diffonde in Ialia ed in Europa a partire dal XV secolo.

E’ un ortaggio che assume varie sfumature di rosso dal più delicato al più intenso grazie al suo colorante naturale chiamato betaina. La pianta della barbabietola è molto alta, può oltrepassare un metro e la forma delle sue foglie assomiglia ad un cuore.

Tipi di barbabietola

Le varie modalità di coltivazione della barbabietola sono: da zucchero, da orto o da foraggio. La barbabietola da zucchero è stata così identificata perchè un agronomo francese, Olivier de Serres, scoprì che, durante la cottura, la barbabietola produceva uno sciroppo dolce. Oggi è coltivata nella valle padana e nelle province di Ferrara e Rovigo, dove si trovano la maggior parte degli zuccherifici per la lavorazione delle barbabietole. A causa del processo di lavorazione industriale per la produzione dello zucchero bianco di uso comune, non lo consigliamo. La barbabietola da orto viene coltivata per utilizzarne sia la radice che può essere lunga, piatta o tonda, sia le foglie che sono ricche di vitamine. Si consiglia, pertanto, di sfruttarne entrambi le parti: radice e foglie. La barbabietola da foraggio viene coltivata solo per il foraggio da bestiame e si distingue per la forma cilindrica e perchè emerge molto dal suolo.

Le proprietà della barbabietola

barbabietola, rosso, depurativo, disintossicaLa barbabietola ha un apporto calorico molto basso poiché è costituita al 90% di acqua ed una delle sue proprietà principali è quella di essere un potente antiossidante.

E’ ricca di minerali: ferro, magnesio, fosforo, calcio e potassio ed è nota per i suoi effetti depurativi e disintossicanti. E’ bene sapere che, se consumata con succo di limone , aumenta l’assimilazione del ferro da parte dell’organismo ed è necessaria per il ripristino dei globuli rossi.

Il suo alto contenuto di ferro la rende molto utile durante i disturbi mestruali, la menopausa ed importante per gli anemici e gli sportivi. Il succo estratto in particolare è in grado di migliorare le prestazioni fisiche.

La barbabietola è in grado di stimolare la produzione dei succhi gastrici pertanto, è da consumare con cautela nei soggetti che soffrono di gastrite ed è da evitare se si soffre di calcoli renali per l’alta presenza di calcio. E’ da assumere con moderazione, invece, per chi soffre di diabete poiché contiene molti zuccheri.

E’ ricca di fibre che aiutano la funzionalità dell’intestino e, grazie al suo apporto vitaminico, è consigliata durante le convalescenze.

I suoi moteplici utilizzi

ortaggi per depurare, depurazione, succo estrattoIn fase di acquisto è consigliabile verificare che le barbabietole siano lisce e sode, senza macchie e non troppo grandi. Sulla nostra tavola è ottima con olio e limone grattuggiata o tagliata sottile se consumata cruda. Qualora si preferisca cotta, è opportuno bollirla per un’ora con la pelle , farla raffreddare, sbucciarla e consumarla a fette oppure tagliata a dadini per arricchire l’insalata. Il suo sapore è prevalentemente dolce quindi è molto gustoso abbinarla a verdure amare come ad esempio il radicchio rosso o l’indiviabelga. Può essere saltata in padella con poco olio extravergine di oliva bio, o cotta al forno per accompagnare i secondi oppure come condimento per i primi.

Le sue foglie possono essere bollite e consumate come le erbette o gli spinaci e sono ottime anche per cucinare un risotto. Sconsigliamo la barbabietola precotta e confezionata perchè è priva delle sue proprietà terapeutiche.

Decotti e succhi estratti

La barbabietola è ottima per fare un decotto digestivo e depurativo ma traiamo massimo beneficio con il suo succo centrifugato, o meglio ancora succo estratto. Consigliamo di fare un bel  succo con barbabietola carota mela e cetriolo per ottenere il massimo dell’apporto vitaminico per l’organismo. Il succo di barbabietola può anche essere diluito con acqua e consumato durante la giornata per ottenere un effetto depurativo e nutriente allo stesso tempo.

 

Con la rossa barbabietola in cucina la salute migliora ogni mattina!

 

FONTE: Benesserecorpomente

 

(ENGLISH VERSION)

The beet was born in the  roman greek  era and spreads Italy and Europe since the fifteenth century. It is a vegetable that takes various shades of red from the most delicate to the most intense thanks to its natural dye called betaine. The sugar beet plant is very high, it can pass a few meters and the shape of its leaves looks like a heart.

Types of beetroot

The various beet cultivation modes are:

  • sugar,
  • vegetable garden or
  • fodder.

The sugar beet has been so identified because a French agronomist Olivier de Serres, discovered that, during cooking, beet produced a sweet syrup. Today it is grown in the Po valley and in the provinces of Ferrara and Rovigo, where are most of the factories for the processing of sugar beet.

Because of the industrial process for the production of white sugar in common use, we do not recommend it.

The table beet is cultivated in order to use both the root that can be long, flat or round, both leaves are rich in vitamins. It is advisable, therefore, to take advantage of both parties: the root and leaves.

The fodder beet is only grown for cattle fodder and stands out for its cylindrical shape and because it emerges from the very ground.

The properties of beetroot

The beetroot, is red, depurative, and detox, the  beet has a very low caloric intake because it consists to 90% of water and one of its principal property is that of being a powerful antioxidant.

And it is rich in minerals: iron, magnesium, phosphorus, calcium epotassio and is known for its cleansing and detoxifying effects. It is good to know that, if eaten with lemon juice, it increases iron absorption by the body and is necessary for the restoration of red blood cells.

Its high iron content makes it very useful during menstrual disorders, menopause and important for anemic and sportsmen. The juice extracted in particular is able to improve physical performance.

The beet is able to stimulate the production of gastric juices, therefore, is to be consumed with caution in patients suffering from gastritis and is to be avoided if you suffer from kidney stones for the high presence of calcium. It is to be taken in moderation, however, for those suffering from diabetes because it contains a lot of sugar.

And it is rich in fibers that help the bowel function and, thanks to its vitamin content, it is recommended during convalescence.

Its uses are in many forms

When you purchase it,  you should make sure that the beets are smooth and firm, without blemishes and not too big. On our table it is delicious with oil and lemon or thinly cut if eaten raw. If you prefer it cooked, you should boil it for one hour with the skin,  cool it, peel it and eat it sliced or diced to enrich the salad. Its flavor is mainly sweet so it’s very tasty combining it with bitter greens such as radicchio or bellina endive. It can be sauteed with a little organic olive oil, or baked in the oven to accompany the main dish or as a condiment for the appetizer dish.

Its leaves can be boiled and eaten like spinach or chard and are excellent for cooking a risotto. We do not recommend pre-cooked beetroot and packed because it is devoid of its therapeutic properties.

Decoctions and extracts juices

The beet is great to make a decoction and digestive cleansing juice but we derive maximum benefit with its centrifuged juice, or better still  extracted juice. We advise you to make a nice carrot apple juice with beet and cucumber for maximum vitamin intake to the body.

The beet juice can also be diluted with water and consumed throughout the day to obtain a cleansing and nourishing effect at the same time.

With beetroot in health food improves every morning!

SOURCE: Benesserecorpomente

Read Full Post »

cavoloIl cavolo è una delle verdure più nutrienti e salutari del mondo. Dovrebbe essere considerato fondamentale per la nostra alimentazione, per via della ricchezza e varietà delle sua proprietà benefiche. 

Nella famiglia dei cavoli troviamo

  • il cavolo riccio,
  • il cavolo nero e rosso,
  • il cavolo verza,
  • il cavolo cappuccio,
  • il cavolo broccolo e
  • i cavolfiori.

1) Antinfiammatorio Naturale

Tra le caratteristiche benefiche dei cavoli spiccano le proprietà antinfiammatorie. L’infiammazione è la causa principale di malattie come

  • artrite,
  • patologie cardiache e
  • autoimmuni,

che possono comparire a causa di un eccessivo consumo di prodotti di origine animale. Il cavolo è un potente antinfiammatorio naturale, in grado di prevenire e di alleviare le patologie infiammatorie.

2) Più ricco di ferro della carne

Il cavolo è ricco di ferro. Contiene più ferro per caloria di una bistecca. L’assimilazione del ferro contenuto negli alimenti di origine vegetale è facilitata dal consumo di cibi ricchi di vitamina C. Inoltre, questo ortaggio contiene più calcio per caloria del latte. Il nostro corpo sarebbe in grado di assimilare il calcio vegetale ancora meglio rispetto al calcio derivato dai latticini.

 

3) Ricco di fibre

Le fibre sono un macronutriente che abbiamo bisogno di assumere ogni giorno. La carenza di fibre nell’alimentazione può causare problemi digestivi e cardiaci, fino a provocare la comparsa di tumori. Gli alimenti molto ricchi di proteine, come la carne, non contengono fibre. Una normale porzione di cavoli fornisce al nostro organismo il5% delle fibre necessarie ogni giorno, insieme a 2 grammi di proteine.

 

4) Ricco di acidi grassi (omega 3 e omega 6)

Gi acidi grassi omega 3 giocano un ruolo importante nel mantenimento della salute. Una porzione di cavoli contiene circa 120 milligrammi di acidi grassi omega 3 e circa 92 milligrammi di acidi grassi omega 6. Gli acidi grassi essenziali devono essere assunti ogni giorno. Altre fonti alimentari che li contengono sono le noci, l’olio e i semi di lino.

 

5) Ricco di calcio

Il cavolo è una delle maggiori fonti vegetali di calcio: 3/4 tazze di cavolo riccio contengono tanto calcio quanto una tazza di latte vaccino. Il cavolo verde crudo, ad esempio contiene 72 mg di calcio per 100 gr.

 

6) Rinforza il sistema immunitario

Il cavolo è una fonte importante di sostanze benefiche che aiutano il sistema immunitario a difendere il nostro organismo dalle malattie e dagli attacchi di germi e batteri.

cavolo

 

7) Antiossidante naturale contro i radicali liberi

E’ ricco di vitamina A vitamina C, ma anche di carotenoidi e flavonoidi dalle spiccate proprietà antiossidanti, che con la loro azione contribuiscono alla prevenzione dei malanni e dell’invecchiamento precoce. I cavoli contengono oltre 45 tipi di flavonoidi, con la quercitina al primo posto. I flavonoidi presenti nei cavoli uniscono benefici antiossidanti e antinfiammatori, che lo rendono un alimento adatto per la prevenzione dello stress ossidativo.

 

8) Disintossicante e Antitumorale

E’ stato provato scientificamente che il consumo di cavoli si rivela efficace per ridurre il rischio di contrarre alcuni tipi di cancro, con particolare riferimento al cancro

  • al seno,
  • alla vescica,
  • alle ovaie,
  • al colon e
  • alla prostata.

Il consumo di cavoli aiuta il nostro organismo a disintossicarsi. Alcuni componenti presenti nel cavolo sarebbero infatti in grado di regolare l’eliminazione delle tossine a livello genetico. Il consumo di crucifere, infatti, contribuisce all’incremento della presenza di glucosinolati, degli enzimi naturaliconsiderati in grado di aiutare l’organismo dalle sostanze cancerogene e il fegato a depurarsi.

 

9) Abbassa la pressione

Il cavolo è un ottimo alleato contro l’ipertensione e la pressione alta grazie alla presenza dell’acido glutammico, un aminoacido che, come è stato dimostrato, contribuisce notevoltmente ad abbassare la pressione sanguigna

 

10) Protegge cuore e arterie

Recenti ricerche hanno messo in evidenza come gli ortaggi della famiglia dellecrucifere, grazie al sulforafano in essi contenuto, riescano a riattivare l’Nrf2, la proteina addetta amantenere i vasi sanguigni sgomberi dagli accumuli di grasso, principali cause delle malattie cardiocircolatorie come angina, infarto, ictus e, appunto, arteriosclerosi.

 

Nutriente come la carne, ma più sostenibile

Da non sottovalutare è l’aspetto della sostenibilità. Ormai conosciamo bene l’impatto ambientale degli allevamenti intensivi sul pianeta. E’ sufficiente fare un rapido confronto per sapere che occorrono soltanto 60 giorni per poter gustare dei nuovi cavoli a partire dalla semina, mentre per l’allevamento dei bovini serviranno dai 18 ai 24 mesi prima di poter avere a disposizione nuova carne.

I cavoli sono molto resistenti, anche ai climi freddi, e possono essere facilmente coltivati nelle aziende agricole o nell’orto, con un minore dispendio di acqua ed energia rispetto a quanto necessario per il mantenimento dei bovini allevati per la macellazione.

Come godere dei benefici del cavolo

La cottura al vapore permette che il cavolo mantenga le sostanze nutritive necessarie ad abbassare il colesterolo. Il vapore permette infatti di non alterare troppo la qualità delle fibre vegetali presenti nei cavoli. Affinché il cavolo mantenga le proprie caratteristiche benefiche, la cottura non dovrà superare i 5 minuti. Potrete condire i cavoli con olio, pinoli e aceto balsamico per renderli ancora più saporiti e gustare unanutriente insalata autunnale.

Per riuscire ad ottenere tutti i benefici per la salute garantiti dai cavoli e dagli ortaggi della famiglia delle crucifere, arricchite la vostra dieta consumandoli almeno due o tre volte alla settimana, in porzioni abbondanti.

FONTE: Greenme (Marta Albè)

 

(ENGLISH VERSION)

Cabbage is one of the most nutritious  and healthy vegetable in the world. It should be considered essential to our food supply, because of the richness and variety of its beneficial properties.

In the cabbage family are collard greens, kale and red, savoy cabbage, cabbage, broccoli, cabbage and cauliflower.

1) Natural Anti-Inflammatory

Among the beneficial characteristics of the cabbage stand the anti-inflammatory properties. The inflammation is the root cause of diseases such as

  • arthritis,
  • heart disease and
  • autoimmune disorders,

which can occur due to excessive consumption of animal products. Cabbage is a powerful natural anti-inflammatory, can prevent and alleviate inflammatory disorders.

2) Contains more iron than the meat

Cabbage is rich in iron. It contains more iron per calorie than a steak. The assimilation of the iron contained in plant foods is facilitated by the consumption of foods rich in vitamin C. In addition, this vegetable contains more calcium per calorie milk. Our body would be able to assimilate the vegetable football even better than the calcium derived from dairy products.

3) Rich in fiber

The fibers are a macronutrient that we need to take each day. The lack of fiber feeding can cause digestive and heart problems, to cause the appearance of tumors. The very protein-rich foods, such as meat, do not contain fiber. A normal portion of cabbage provides the body of 5% of the necessary fiber each day, along with 2 grams of protein.

4) Rich in fatty acids (omega 3 and omega 6)

Gi omega 3 fatty acids play an important role in maintaining health. One serving of kale contains about 120 milligrams of omega 3 fatty acids and about 92 milligrams of omega-6 fatty acids Essential fatty acids must be taken every day. Other food sources that contain them are nuts, olive oil and flax seed.

5) Rich in calcium

Cabbage is one of the largest vegetable sources of calcium: 3/4 cups of kale contain as much calcium as a cup of cow’s milk. The raw green cabbage, for example, contains 72 mg of calcium per 100 grams.

6) It strengthens the immune system

Cabbage is an important source of beneficial substances that help the immune system to defend the body from disease and germs and bacteria attacks.

cavolo

7) natural antioxidant against free radicals

And it is rich in vitamin A and vitamin C, but also of carotenoids and flavonoids with strong antioxidant properties, which by their actions contribute to the prevention of illness and premature aging. Sprouts contain more than 45 types of flavonoids, with quercetin first. The flavonoids present in the cabbage combine antioxidant and anti-inflammatory benefits, which make it a suitable food for the prevention of oxidative stress.

8) Detoxification and Cancer

And it is scientifically proven that consumption of cabbage is effective to reduce the risk of contracting certain types of cancer, particularly

  • breast cancer,
  • bladder,
  • ovarian,
  • colon and
  • prostate.

Consumption of cabbage helps the body to detoxify. Some components present in the cabbage would in fact able to adjust the elimination of toxins at the genetic level. The consumption of cruciferous vegetables, in fact, contributes to the increase of the presence of glucosinolates, and of enzymes that help the body and liver to detox from carcinogens.

9) Lower the pressure

Cabbage is a good ally for hypertension and high blood pressure due to the presence of glutamic acid, an amino acid that, as has been demonstrated, to be  effective  to lower blood pressure

10) Protects the heart and arteries

Recent research has shown that vegetables the cabbage family, thanks to sulforaphane contained in them, are able to re-activate the Nrf2, a protein involved in the evictions and maintain  blood vessels by fatty deposits, the main causes of cardiovascular diseases such as

  • angina,
  • heart attack,
  • stroke, and, in fact,
  • arteriosclerosis.

Nutritious as meat, but more sustainable

Not to be underestimated is the aspect of sustainability. By now we know well the environmental impact of factory farming on the planet. Just do a quick comparison to know that it takes only 60 days to be able to taste the new sprouts from seeds, while for the breeding of cattle it will need 18 to 24 months to be able to have new flesh. Sprouts are very durable, also during  cold climates, and can be easily grown on farms or in the garden, with less waste of water and energy than is needed for the maintenance of cattle raised for slaughter.

How to enjoy the benefits of cabbage

Steaming allows the cabbage retains the nutrients needed to lower cholesterol. The steam makes it possible not to alter too much the quality of vegetable fibers found in cabbage. In order for the cabbage maintains its beneficial characteristics, the baking must not exceed 5 minutes. You can season the cabbage with olive oil, pine nuts and balsamic vinegar to make them even more flavorful and taste in an autumn salad.

To be able to get all the health benefits guaranteed by the cabbage and the family of cruciferous vegetables, enrich your diet, consuming at least two or three times a week, in large portions.

SOURCE: Greenme (Marta Albè)

Read Full Post »

carciofo-img-evidLe origini del carciofo sono arabe, infatti il nome carciofo deriva dall’arabo “al kharshuf” , ma  troviamo sue tracce anche in Egitto nel 200 a.c.  come alimento capace di donare molta forza.

Il carciofo viene citato da Teofrasto filosofo e botanico greco e da Galeno medico greco che lo somministrava ai suoi pazienti come depurativo rilassante e diuretico. Plinio il Vecchio gli riconosce le medesime proprietà e lo scopre anche come potente afrodisiaco.

Si diffonde per tutto il Mediterraneo e probabilmente gli spagnoli lo importano in Italia, dove in Sicilia trova il clima perfetto per la sua maggior coltivazione. E’ grazie a Caterina de’ Medici che, in epoca rinascimentale, il carciofo diventa ingrediente di ottime pietanze ampliando il suo utilizzo anche in cucina.

L’ Italia oggi è uno dei maggiori produttori di carciofi e le varietà coltivate sono moltissime.

Proprietà

Il carciofo deve la sua importanza nella nostra alimentazione e salute alla cinarina, un polifenolo dal sapore un po’ amaro che lo caratterizza e che ha le proprietà di stimolare la produzione ed il deflusso di bile, di protezione del fegato, di rigenerazione delle cellule epatiche.

Grazie a queste proprietà il carciofo è utile in caso di disturbi gastro-intestinali: digestione difficile, stipsi,reflusso gastroesofageo.

Il carciofo è inoltre ricco di minerali tra cui ferro, potassio, sodio, fosforo, zinco e manganese, vitamina A, vitamina C e vitamine del gruppo B. Gli zuccheri che contiene sono la mannite e l’ inulina che possono essere assunti dai diabetici.

Il carciofo ha poche calorie ed è un ottimo depurativo: è infatti consigliato durante diete a regime ipocalorico e per disintossicarsi da sostanze tossiche come l’alcool grazie alla proprietà di stimolare la diuresi.

I flavonoidi contenuti nel carciofo sono potenti antiossidanti e sono utili per mantenere bassi i livelli di colesterolo, portando vantaggio a tutto lapparato cardiovascolare.

E’ utilizzato in fitoterapia per trattare indigestioni, intossicazioni, sindromi del colon irritabile, disturbi della cistifellea e del fegato.

E’ un alleato di bellezza poiché ha la proprietà di rinforzare unghie e capelli.

 

Quale carciofo scegli?

Le varietà di carciofo presenti solo in Italia sono molte, vi indichiamo quelle più conosciute:

  • Violetto di Chioggia: le sue foglie affusolate terminano con delle spine, il suo colore è verde chiaro ed è buono al forno, lesso, soffritto in padella.
  • Violetto di Albenga: ha forma allungata con le foglie chiuse e spinose ma tenere, è verde scuro con sfumature viola ed è ottimo consumato crudo grazie al suo sapore dolce.
  • Romanesco: è grosso, di forma sferica e le foglie non hanno spine, il suo colore è verde viola, è ottimo cucinato “alla giudia” (ricetta laziale che lo frigge nell’olio e lo apre a forma di rosa)
  • Masedu Sardo: ha forma allungata con foglie grandi e spinose di colore verde scuro e viola è ottimo crudo, in pinzimonio e al forno.

La leggenda del carciofo

Nella mitologia greca vi è una leggenda: Zeus si innamorò della bellissima  Cynara, ninfa dai capelli color cenere, occhi verdi con sfumature viola e dal corpo sinuoso ed elegante. Zeus la corteggiò molto ma lei lo rifiutò molte volte. Un giorno in preda all’ira ed alla gelosia per non essere corrisposto Zeus la trasformò in carciofo spinoso e rigido, del colore dei suoi occhi ma con un cuore tenero come il suo animo.

 

FONTE: BenessereCorpoMente

 

(ENGLISH VERSION)

The Artichoke origins are Arab, in fact the artichoke name comes from the Arabic “el kharshuf” but we find its traces in Egypt in 200 a.c. as food able to give a lot of strength.

The artichoke is quoted by the philosopher and greek botanist Theophrastus  and greek doctor Galen  who was administering to his patients as a relaxing and cleansing diuretic. Pliny the Elder gives that person the same properties and it also turns out as a powerful aphrodisiac.

It spreads throughout the Mediterranean and probably the Spaniards also import it to Italy where Sicily is the perfect climate for its most cultivation. And thanks to Catherine de Medici, who, during the Renaissance, the artichoke becomes an ingredient in delicious dishes expanding its use in the kitchen.

Italy is now one of the largest producers of artichokes and varieties are many.

Property

The artichoke owes its importance to our diet and health to cynarin, a polyphenol taste a bit bitter that characterizes it and that has the property to stimulate the production and flow of bile, the liver protection, regeneration of liver cells .

Thanks to these properties, the artichoke is useful in case of gastro-intestinal problems:

  • poor digestion,
  • constipation,
  • gastroesophageal reflux.

The artichoke is also rich in minerals including iron, potassium, sodium, phosphorus, zinc and manganese, vitamin A, vitamin C and B vitamins. The sugars it contains are the mannitol and the inulin that can be taken by diabetics.

The artichoke has few calories and is an excellent cleansing: it is advised during low-calorie diets to speed and to detoxify toxic substances like alcohol thanks to the property to stimulate the diuresis.

Flavonoids are powerful antioxidants contained in the artichoke and are useful to maintain low cholesterol levels, bringing benefit to the whole cardiovascular system.

It is used in herbal medicine to treat

  • indigestion,
  • intoxication,
  • irritable bowel syndrome,
  • gallbladder and
  • liver disorders.

And an ally of beauty as it has the properties to strengthen nails and hair.

Which artichoke to choose?

The varieties of artichoke present only in Italy are many, we show the best known:

  • Violet Chioggia: its slender leaves ending with thorns, its color is light green and is good baked, boiled, fried in a pan.
  • Violet Albenga has an elongated shape with closed leaves and thorny but keep, is dark green with purple hues and it is excellent eaten raw because of its sweet taste.
  • Romanesco is big, spherical in shape and the leaves do not have thorns, its color is purple, is great cooked “to the Jewish style” (Lazio recipe that frying oil and opens it in the shape of pink)
  • Masedu Sardo has an elongated shape with large leaves and spiny dark green and purple is great raw, with vinaigrette and baked.

Artichoke Legend

In Greek mythology there is a legend:

Zeus felt in love with the beautiful Cynara, nymph with ash-colored hair, green eyes with purple shades and by the sinuous and elegant body. Zeus courted her much but she refused him many times. One day in anger and jealousy for not being paid Zeus transformed her into thorny and hard artichoke, the color of her eyes but with a tender heart as her soul.

SOURCE: BenessereCorpoMente

Read Full Post »

chips-cavolo-nero-lifegate-it_Il cavolo nero è di un ortaggio meno conosciuto di altri cibi invernali, ma recentemente riscoperto grazie alle sue tantissime virtù a favore del nostro benessere.

Cavolo nero: apprezzato fin dai tempi antichi

pregi del cavolo nero non si apprezzano soltanto in cucina, dove si possono preparare gustosi piatti e stuzzichini, ma anche per la salute, grazie alle sue numerose proprietà benefiche.

In effetti il cavolo nero era apprezzato non solo dai medici del passato; anche la sapienza popolare infatti conosceva molto bene i suoi incredibili effetti. Le molteplici varietà di Brassica oleracea, di cui fa parte anche il cavolo nero, sono state oggetto di molti studi e sperimentazioni già nei secoli scorsi.

Le proprietà terapeutiche del cavolo nero

Quella dell’utilizzo del cavolo in terapia è infatti un’idea che radici antiche. La storia insegna che anche grandi maestri come GalenoIppocrate e Catone lo usavano, traendone molti vantaggi. Secondo Catone, era uno dei migliori rimedi a uso topico in caso di artrite, ferite, eruzioni cutanee, piaghe e persino la peste. Ma non solo: per centinaia di anni l’utilizzo di vari tipi di cavolo è stato considerato un ottimo rimedio purgante e depurativo. In Italia già apprezzato e valorizzato da anni dalla tradizione culinaria toscana.

Il cavolo nero è un alimento antitumorale, ricchissimo di vitamine A, B1, B2, B3, B6, B12, C e K. Tra i minerali si evidenziano  calcio, ferro, magnesio, potassio, sodio e zinco. Inoltre contribuisce a ridurre il livello di colesterolo, migliora le condizioni dei diabetici, è utile in caso di problemi digestivi, ha proprietà antinfiammatorie, migliora le condizioni di capelli, pelle e ossa.

Le ricerche scientifiche e le proprietà del cavolo nero

Dunque grazie alle sue straordinarie proprietà, avvalorate da accurate e recenti ricerche scientifiche, questo ortaggio dal gusto particolare ma molto gradito a molti, si colloca ai primi posti nella lista degli alimenti più benefici del pianeta.

Esiste una vasta letterature di studi scientifici sul cavolo nero e sulle crucifere in generale. Quasi tutte confermano le varie proprietà salutari di questo ortaggio.

Proprietà antitumorali

Uno studio pubblicato sulla rivista Cancer Prevention Research conferma l’azione benefica del cavolo nero nella prevenzione del cancro. Questa proprietà è da  attribuire ai fitonutrienti glucosinolati presenti nel cavolo nero.

Un pieno di antiossidanti

Il cavolo nero è uno degli alimenti più ricchi di antiossidanti: contiene il doppio di antiossidanti rispetto ad altre verdure a foglia verde e, come detto, è un’eccellente fonte di sali minerali preziosi per l’organismo. In particolare la Vitamina C, il beta-carotene, i polifenoli e i flavonoidi sono alcune delle sostanze antiossidanti presenti. È ormai noto che gli antiossidanti aiutano l’organismo a contrastare l’attività ossidativa dei radicali liberi con conseguenti benefici a livello cellulare ed effetti di prevenzione dell’invecchiamento delle cellule.

Disintossica ed abbassa il colesterolo

Il buon contenuto di fibre fa del cavolo nero un alimento utile a disintossicare l’organismo ed a mantenere bassi i livelli di colesterolo LDL, ovvero il colesterolo cattivo. Recenti studi hanno dimostrato che i diabetici che consumano alimenti ricchi di fibre come il cavolo nero, riescono a controllare meglio i livelli di zucchero nel sangue. Le fibre aiutano anche la digestione e sono utili in caso di stipsi.

Il succo estratto di cavolo nero è ottimo per i soggetti diabetici

Il medico francese Jean Valnet suggeriva il succo estratto di cavolo nero per la cura del diabete. Il consiglio è di uno o due bicchieri di succo estratto di cavolo nero, meglio se associato alla cipolla. Tale proprietà è stata confermata da uno studio pubblicato sul Journal of Ethnopharmacology.

Altri effetti benefici del cavolo nero

Il cavolo nero è consigliato in tantissime altre situazioni, ne citiamo alcune, altri approfondimenti sono disponibili nella bibliografia di riferimento. Può essere usato nelle applicazioni locali nei casi di lombalgia, svolge azione curativa per le coliti ulceroso, è un rimedio naturale per herpes ed herpes zoster “fuoco di Sant’Antonio”, utile per regolarizzare l’intestino, per depurare l’organismo, per curare la gotta.

La farina di cavolo nero

Con questo meraviglioso ortaggio è possibile preparare una “farina” che può essere usata in cucina per preparare molti piatti salutari. Si tratta di una farina ottenuta dalla lavorazione delle foglie essiccate che ha la caratteristica di essere molto versatile. Può essere aggiunta all’impasto del pane in proporzione del 5%, agli Smoothie di frutta e ortaggi preparati con l’estrattore quando non si ha a disposizione l’ortaggio fresco, oppure può essere aggiunta a zuppe e minestre.

Un libro interamente dedicato al cavolo nero

Certo se non avreste mai immaginato che con le proprietà e i suggerimenti d’uso del cavolo nero si potesse addirittura scrivere un libro, vi dovrete ricredere. Quando l’ho scoperto mi sono incuriosito al punto che ho voluto leggere il libro Le mille virtù del cavolo nero, Edizioni il punto di incontro, nato da un lavoro di 2 giornalisti esperti di medicini naturali, Luigi Mondo e Stefania Del Principe. Tra le tante curiosità di questo libro una semplice descrizione di come estrarre la clorofilla dal cavolo nero, diversi metodi per sfruttare al massimo le proprietà del cavolo nero anche a scopo curativo, ad esempio la fermentazione, e tantissime ricette.

 

Le Mille Virtù del Cavolo Nero
Le Mille Virtù del Cavolo Nero

L’indice degli argomenti trattati

  • Il cavolo nero, una miniera di salute
  • Le più recenti scoperte scientifiche
  • La tradizione del cavolo nero nella cucina italiana
  • Depurare l’organismo ed eliminare le tossine
  • Una mano all’intestino: il decotto di cavolo nero
  • Il cavolo nero a tavola: ricette e consigli per sfruttarne le virtù
  • La fermentazione del cavolo nero
  • La bellezza con il cavolo nero
  • La farina di cavolo nero.

Bibliografia di riferimento

Le mille virtù del cavolo neroEdizioni Il Punto d’Incontro

 

FONTE: BenessereCorpoMente

 

(ENGLISH VERSION)

The black kale is a vegetable less known than other winter foods, but recently rediscovered thanks to its many virtues for our health.

kale: appreciated since ancient times

The kale advantages are not only appreciated in the kitchen where you can prepare tasty dishes and snacks, but also to health, thanks to its many beneficial properties.

In fact the kale was appreciated not only by doctors of the past; Also popular wisdom fact knew his incredible effects very well. The many varieties of Brassica oleracea, which is also part of the cabbage, were the subject of many studies and experiments in past centuries.

The therapeutic properties of kale

The use of cabbage in therapy is in fact an idea that ancient roots. History shows that even great masters such as Galen, Hippocrates and Cato used it, drawing from it many advantages. According to Cato, it was one of the best remedies to topical use in case of arthritis, wounds, rashes, sores and even the plague. But not only for hundreds of years the use of various types of kale was considered an excellent  purgative and purifying remedy. In Italy already appreciated and valued for years by the Tuscan culinary tradition.

The black kale is an anticancer food, rich in vitamins A, B1, B2, B3, B6, B12, C, and K. Among the minerals will highlight calcium, iron, magnesium, potassium, sodium and zinc. It also helps reduce the level of cholesterol, improves the condition of diabetics, is useful in case of digestive problems, it has anti-inflammatory properties, it improves the condition of hair, skin and bones.

Scientific research and the properties of cabbage

So thanks to its extraordinary properties, accurate and substantiated by recent scientific research, this vegetable from the particular taste but very pleasing to many, it ranks highly in the benefits of the planet food list.

There is a vast literature of scientific studies on the kale and the cruciferous vegetables in general. Almost all confirm the various healing properties of this vegetable.

Anticancer properties

A study published in the journal Cancer Prevention Research confirms the beneficial effects of the cabbage in cancer prevention. This property is due to glucosinolate phytonutrients found in kale.

Full of antioxidants

The cabbage is one of the most antioxidant-rich foods: it contains twice as much antioxidants than other leafy greens, and, as mentioned, is an excellent source of valuable minerals to the body. In particular, the Vitamin C, beta-carotene, polyphenols and flavonoids are some of these antioxidant substances. It is now known that antioxidants help the body to counteract the oxidative activity of free radicals with consequent benefits to the cellular level and of the prevention of aging effects of the cells.

Detoxifies and reduces cholesterol

The good fiber content makes kale a useful food to detoxify the body and to maintain low levels of LDL, or bad cholesterol. Recent studies have shown that diabetics who consume high fiber foods such as kale, are able to better control sugar levels in the blood. The fibers also help digestion and are useful in case of constipation.

The cabbage juice extracted is great for diabetics

The French doctor Jean Valnet suggested the extracted juice of kale for the treatment of diabetes. The advice is to one or two glasses of red cabbage juice extract, preferably associated with the onion. This property has been confirmed by a study published in the Journal of Ethnopharmacology.

Other health benefits of kale

The cabbage is recommended in lots of situations, we mention a few, other details are available in the bibliography. It can be used in local applications in cases of low back pain, plays curative action for ulcerative colitis, is a natural remedy for herpes and “shingles”, helpful in regularizing the bowel, to purify the body, for treat gout.

The black kale flour

With this wonderful vegetable you can prepare a “flour” that can be used in the kitchen to prepare many healthy dishes. It is a flour obtained from the processing of dried leaves which has the characteristic of being very versatile. It can be added to the dough of the bread in proportion of 5%, with fruit smoothie and prepared vegetables with the extractor when you do not have the fresh vegetable, or it can be added to soups.

A book entirely dedicated to kale

Of course if you have never imagined that with the properties and the user suggestions of kale could even write a book, you’ll have to think again about it. When I found out I was intrigued to the point that I wanted to read the book “The thousand virtues of cabbage”, Editions the meeting point, born from a work by two experienced journalists of natural medicine, Luigi Mondo and Stefania Del Principe. Among the many curiosities of this book, a simple description of how to extract chlorophyll from cabbage, different methods to make the most of the properties of cabbage even for therapeutic purposes, such as fermentation, and many recipes.

Le Mille Virtù del Cavolo Nero

Thousand Virtues of Black Cabbage
Stefania Del Principe, Luigi World
Thousand Virtues of Black Cabbage
Meeting point

The table of contents

  • The cabbage, a health mine
  • The latest scientific discoveries
  • The tradition of cabbage in the Italian cuisine
  • Cleanse the body and eliminate toxins
  • A bowel hand: the cabbage decoction
  • The cabbage at the table: recipes and tips to exploit its virtues
  • The fermentation of the cabbage
  • The beauty with black cabbage
  • The black cabbage flour.

 

bibliography

“The thousand virtues of cabbage”, Editions The Meeting Point

SOURCE: BenessereCorpoMente

 

Read Full Post »

patate-dolci-americane-proprieta-beneficiRicca di vitamine, fibre e antiossidanti, la batata è un vero e proprio alimento miracoloso: si piazza al primo posto nella classifica dei vegetali più salutari per l’uomo.

 

Hanno un nome simile, ma in realtà non sono proprio uguali. La patata è infatti un tubero, mentre la batata è una ‘radice tuberizzante’. Una piccola differenza, ma che in realtà nasconde anche caratteristiche diverse. La cosiddetta patata americana è infatti di forma più allungata, ha dimensioni più grandi ed è più dolciastra. Può essere bianca, gialla o porporina.

Al di là delle caratteristiche ‘tecniche’, però, la batata è una vero e proprio scrigno di proprietà benefiche. Vediamo quali.

Batata: valori nutrizionali

Vediamo innanzitutto i valori nutrizionali di questa ‘patata americana’. 100 grammi di prodotto contengono:

  • Energia: 86 kcal
  • Proteine: 1,6 grammi (2,10% della dose quotidiana raccomandata)
  • Grassi totali: 0,05 grammi
  • Carboidrati: 20,1 grammi
  • Calcio: 30 mg (3% della dose raccomandata)
  • Ferro: 0,6 mg (7,5% della dose raccomandata)
  • Zinco: 0,3 mg (0,3%)
  • Vitamina K: 1,8 µg (1,5%)
  • Magnesio: 25 mg (6,2%)
  • Vitamina E: 0,26 mg (1,7%)
  • Vitamina C: 2,4 mg (2,7%)
  • Vitamina A: 709 µg (78,8% della dose raccomandata)
  • Indice glicemico: 47,8 (cruda) – 46 (bollita)
  • Carico glicemico: 11 (cruda) – 23 (bollita)

Batata: proprietà

Come abbiamo visto, la batata è particolarmente ricca di vitamina A, sostanza essenziale per proteggere la vista, sostenere il sistema immunitario e aiutare nella trascrizione genetica. La presenza di zinco, inoltre, aiuta ad assimilare proprio la vitamina A: chi ne ha bisogno, può ricorrere quindi con serenità alla varietà rossa.

Lo zinco è inoltre un eccellente antiossidante che combatte anche l’infertilità e innalza le difese immunitarie.

La radice contiene inoltre buone dosi di vitamina C (e sappiamo tutti quanto ci serva, soprattutto in questo periodo!) e vitamina K. Quest’ultima è essenziale sia per una buona coagulazione del sangue, che per la salute delle ossa. Presenti, anche se in misura minore, anche vitamine E e del gruppo B.

È infine ricca di fibre: circa 3 grammi oggi 100 di prodotto.

La batata efficace contro il diabete

Dal momento che ha indice e carico glicemici piuttosto bassi, la patata americana risulta molto adatta per i diabetici, nonché nel trattamento di obesità e chili di troppo.

Nella sua buccia (che è commestibile), inoltre, è presente una sostanza, il Cajapo, che oltre a combattere la glicemia, ha effetti positivi sulla riduzione del colesterolo. Uno studio dell’università di Vienna ha infatti dimostrato che questo elemento può ridurre glicemia e insulino resistenza nei pazienti affetti da diabete di tipo 2.

L’assunzione giornaliera di 4 grammi di Cajapo ha dimostrato di avere effetti positivi su entrambi i parametri nel giro di 5 mesi. Si consiglia in ogni caso, di consultare il medico prima di procedere all’assunzione della sostanza in dosi così elevate.

La batata: il tubero anti-età

La pianta americana «ha ottenuto il punteggio più alto in una classifica sui vegetali più salutari grazie alla elevata concentrazione di principi attivi benefici anche nella buccia e può essere consumata anche cruda». Ad affermarlo è Serena Missori, specialista in Nutrizione endocrinologia e diabetologia.

In particolare, Missori ne sottolinea il potere antiossidante e anti-aging, dovuto alla elevata concentrazione di flavonoidi, antociani e altri antiossidanti.

Proprietà anti-tumorali

Secondo alcuni ricercatori giapponesi, un’elevata assunzione della radice tuberizzante avrebbe anche la capacità di abbassare il rischio di sviluppare un tumore al seno, specie nelle donne in pre-menopausa.

Le foglie della pianta – che sono commestibili, così come i germogli – avrebbero inoltre un effetto positivo sul rischio di contrarre il tumore al polmone. Possono essere gustate sia crude che saltate in padella.

La batata in Italia

La batata è stata resa nota al mondo occidentale nel XV secolo, quando Colombo ha cominciato la sua esplorazione delle Americhe. In Italia, però, la coltivazione sarebbe cominciata solo agli inizi del ‘900, quando è stata importata in alcune regioni del nostro Paese dagli emigranti di ritorno dal Brasile. Secondo alcuni, per questo viene chiamata “patata americana”.

La sua produzione è conosciuta soprattutto nella bassa padovana: ad Anguillara Veneta (PD) è coltivata da oltre un secolo. E qui può fregiarsi del marchio di qualità De.C.O., Denominazione Comunale di Origine. Ottime anche le varietà prodotte a Zero Branco (TV) e in Puglia.

Una gustosa ricetta

Volete provarla? Ecco una bella ricetta che vi delizierà.

Ingredienti:

  • Ceci bio: 200 grammi
  • Batata rossa: 1 media
  • Gomasio: 1 cucchiaio
  • Salvia e timo: qualche foglia
  • Olio extravergine di oliva bio: un filo
  • Sale, pepe e pane grattugiato: q.b.

Sciacquate i ceci sotto acqua corrente e metteteli nel frullatore. Prendete la batata, lavatela, pelatela e tagliatela a pezzi. Aggiungete poi al frullatore. Mettete infine sale, pepe e gomasio a piacere.

Frullate tutto per circa 30 secondi. Verificate poi la consistenza e aggiungete pane grattugiato se il composto è troppo liquido.

Assemblate poi con le mani delle polpettine della forma desiderata. Passatele ancora nel pane grattugiato e cuocete con l’olio fino a doratura.

Aggiungete poi salvia e timo a piacere per insaporire.

 

FONTE: Ambientebio

 

(ENGLISH VERSION)

Rich in vitamins, fiber and antioxidants, the yam is a true miracle food: is in first place in the ranking of the healthiest plants to humans.

They have a similar name, but in reality are not exactly equal. In fact, the potato is a tuber, while the yam is a ‘root’. A small difference, but that in reality also hides different characteristics. The so-called American potato is in fact more elongated shape, has larger dimensions and is sweeter. It can be white, yellow or purple.

Beyond the ‘technical’ features, however, the yam is a veritable treasure chest of beneficial properties. Let’s see what.

Batata: nutritional values

First we see the nutritional values of this ‘sweet potato’. 100 grams of product contain:

Energy: 86 kcal
Protein: 1.6 grams (2.10% of the recommended daily dose)
Total fat: 0.05 grams
Carbohydrates: 20.1 grams
Calcium: 30 mg (3% of the recommended dose)
Iron: 0.6 mg (7.5% of the recommended dose)
Zinc: 0.3 mg (0.3%)
Vitamin K: 1.8 micrograms (1.5%)
Magnesium: 25 mg (6.2%)
Vitamin E: 0.26 mg (1.7%)
Vitamin C: 2.4 mg (2.7%)
Vitamin A: 709 micrograms (78.8% of the recommended dose)
Glycemic index: 47.8 (raw) – 46 (boiled)
Glycemic Load: 11 (raw) – 23 (boiled)
Batata: properties

As we have seen, the batata is particularly rich in vitamin A, essential substance to protect your vision, support the immune system and help in genetic transcription. The presence of zinc also helps to assimilate their own vitamin A: those who need it, so can use with confidence to the red variety.

Zinc is also an excellent antioxidant that helps eliminate infertility and raises immunity.

The root also contains good amounts of vitamin C (and we all know what serves us, especially at this time!) And vitamin K. The latter is essential for a good blood clotting, and for bone health. Present, although to a lesser extent, also vitamins E and of group B.

Finally, it is rich in fiber: about 3 grams of product 100 today.

The batata is effective against diabetes

Since it has pretty low glycemic index and load, the sweet potato is very suitable for diabetics, as well as in the treatment of obesity and extra pounds.

In its peel (which is edible), moreover, is present a substance, the Cajapo, that in addition to combating the blood sugar, has positive effects on cholesterol reduction. One study by the University of Vienna has shown that this element can reduce blood glucose and insulin resistance in patients with type 2 diabetes.

The daily intake of 4 grams of Cajapo has been shown to have positive effects on both parameters within 5 months. It is advisable in any case, consult your doctor before taking the substance in such high doses.

The batata: the anti-aging tuber

The American plan has been awarded the highest score in a ranking the healthiest vegetables thanks to the high concentration of active ingredients also benefits in the skin and can also be eaten raw. ” So said Serena Missori, a specialist in endocrinology and diabetology Nutrition.

In particular, Missori underlines its antioxidant and anti-aging, due to the high concentration of flavonoids, anthocyanins and other antioxidants.

Anti-tumor properties

According to Japanese researchers, a high intake of this root would also have the ability to lower the risk of developing breast cancer, especially in women who are pre-menopausal.

The leaves of the plant – that are edible, as well as the shoots – would also have a positive effect on the risk of contracting lung cancer. They can be enjoyed both raw and sautéed.

The batata in Italy

The yam was made known to the Western world in the fifteenth century, when Columbus began his exploration of the Americas. In Italy, however, the cultivation would begin only at the beginning of ‘900, when it was imported in some regions of our country by returning emigrants from Brazil. According to some, this is called “sweet potato”.

Its production is mainly known in the Padua low: in Anguillara Veneta (PD) has been cultivated for over a century. And here you can boast of De.C.O. quality mark, the Municipal Designation of Origin. Also excellent varieties produced in Zero Branco (TV) and in Puglia.

A tasty recipe

Do you want to try it? Here is a nice recipe that will delight you.

ingredients:

Chickpeas bio: 200 grams
red sweet potato: 1 medium
Gomasio: 1 tablespoon
Sage and thyme: a few leaves
extra virgin olive oil bio: a thread
Salt, pepper and bread crumbs: q.s.
Rinse the beans under running water and put them in the blender. Take the batata, wash, pelatela and cut it into pieces. Then add to the blender. finally put salt, pepper and gomasio to taste.

Blend for about 30 seconds. Then check the consistency and add breadcrumbs if the mixture is too liquid.

Then assembled by hand into balls of desired shape. even coat them in the breadcrumbs and cook in oil until golden brown.

Then add sage and thyme to taste for seasoning.

SOURCE: Ambientebio

Read Full Post »

cavoloGrazie al suo contenuto di zolfo e di enzimi protettivi, la verza previene la formazione di cellule tumorali, ma i suoi benefici non finiscono qui…

 

La verza (o cavolo verde), appartiene alla famiglia delle Crucifere, nota per essere una delle varietà vegetali più ricche di antiossidanti. Tipica dei mesi freddi, la verza è la primadonna delle minestre e delle zuppe di fine autunno.

Non disdegna però l’accompagnamento al riso (meglio se integrale) e si presta alla preparazione di ripieni e involtini. Ricca in selenio, ferro e potassio, di vitamina C, K, E, carotenoidi e clorofilla, la verza è uno degli alimenti più efficaci nella lotta allo sviluppo dei radicali liberi. I carotenoidi, precursori della vitamina A, che abbondano nella verza, sono una difesa contro i disturbi stagionali come raffreddori e influenze ma sono anche indispensabili per preservare al meglio la nostra pelle.

La verza è alleata del buon funzionamento cellulare 

La vitamina A di cui è la verza è ricca assicura un perfetto funzionamento del ciclo cellulare prevenendo l’invecchiamento precoce dei fibroblasti (cellule che fanno parte del derma). La verza, così come anche gli altri vegetali appartenenti alla famiglia delle crucifere (broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolfiori, cime di rapa, rapanelli, rafano e rucola) contiene sostanze dette glucosinolati che, oltre a conferire il tipico odore e sapore di zolfo, hanno importanti proprietà anticancro. Quando mastichiamo uno di questi vegetali viene liberato un enzima che trasforma i glucosinolati in isotiocianati, veri scudi contro l’insorgenza di cellule tumorali. Questi “agenti killer” sono in grado di evitare, stimolando il sistema immunitario e attivando l’apoptosi, che le cellule precancerose possano diventare maligne.

Gli isotiocianati hanno anche un’azione riequilibrante sugli estrogeni nel sangue, cosa particolarmente efficace nel bloccare il rischio di sviluppare un tumore al seno. Alcuni studi hanno indicato che le donne che consumano almeno una volta a settimana una buona dose di crucifere presentano un rischio più basso del 17% di soffrire di tumori al seno.

La verza è anche un potente antiage

La verza è inoltre un ottimo disintossicante, utile soprattutto a chi fuma. Consumando con regolarità la verza (soprattutto a crudo) si prevengono i rischi legati al tumore al polmone. Per fare scorta di nutrienti anti age subito assimilabili alterna il consumo di verza cruda e cotta: il modo migliore per assumere le vitamine e i minerali della verza è centrifugarla con una mela e poco zenzero, e bere il succo a digiuno

Se preferisci la verza in versione cotta, cerca almeno di scegliere dei metodi di cottura light come il vapore o il wok. Se invece vuoi bollirla, non superare i 10 minuti. Nelle zuppe e nelle minestre ricordati di aggiungere la verza solo a fine cottura.

 

FONTE: Riza

 

(ENGLISH VERSION)

Thanks to its sulfur content and protective enzymes, the cabbage prevents the formation of cancer cells, but its benefits do not end there …

The cabbage (or kale), belongs to the cruciferous family, known for being one of the richest vegetable in variety of antioxidants. Typical of the cold months, the cabbage is the prima donna of soups late fall. Do not disdain, however, the accompanying of rice (preferably whole) and lends itself to the preparation of fillings and wraps.

Rich in selenium, iron and potassium, vitamin C, K, E, carotenoids and chlorophyll, the cabbage is one of the most effective foods to combat the development of free radicals. Carotenoids, vitamin A precursors, which abound in the cabbage, they are a defense against seasonal ailments like colds and flu but are also necessary to preserve the most of our skin.

The cabbage is an ally of good cell function

Vitamin A of which is the cabbage is rich assures a perfect functioning of the cell cycle by preventing premature aging of fibroblasts (cells that are part of the dermis). The cabbage, as well as the other members of the cruciferous vegetables (broccoli family, Brussels sprouts, cauliflower, broccoli, radishes, horseradish and arugula) contain substances called glucosinolates that, besides giving the typical sulfur smell and taste, they have important anti-cancer properties.

When one of these is chew a plant enzyme is released which converts glucosinolates into isothiocyanates, real shields against the onset of tumor cells. These “killer agents” are able to avoid, stimulating the immune system and activating apoptosis, which precancerous cells can become malignant.

Isothiocyanates also have a balancing action on estrogen in the blood, which is particularly effective in stopping the risk of developing breast cancer. Some studies have shown that women who eat at least once a week a good dose of cruciferous vegetables have a lower risk of 17% to suffer from breast cancer.

The cabbage is also a powerful anti-aging

The cabbage is also a detoxifier, especially useful to those who smoke. Consuming regularly the cabbage (especially raw) is to prevent the risks of lung cancer. To stock up on anti-aging nutrients immediately assimilated alternates the consumption of raw and cooked cabbage: the best way to take vitamins and minerals is  centrifuge cabbage with an apple and a little ginger, and drink the juice on an empty stomach

If you prefer the cabbage in cooked version , at least try to choose some light cooking methods such as steaming or wok. If you want to boil it, do not exceed 10 minutes. In soups and soups remember to add the cabbage only after cooking.

SOURCE: Riza

Read Full Post »

Older Posts »